Laurea in Lettere

Didattica erogata

Stampa guida
Stampa
Anno Codice Insegnamento Docenti Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Curriculum Sede CFU
1 LE0004 ELEMENTI DI LINGUISTICA CASTAGNETO Marina, NAPOLI Maria L-LIN/01 Tutti VERCELLI 12
1 LE0295 ESERCITAZIONI DI LINGUA LATINA 1 BORGNA Alice L-FIL-LET/04 Tutti ALESSANDRIA 3
1 LE0295 ESERCITAZIONI DI LINGUA LATINA 1 BORGNA Alice L-FIL-LET/04 Tutti ALESSANDRIA 3
1 LE0295 ESERCITAZIONI DI LINGUA LATINA 1 BORGNA Alice L-FIL-LET/04 Tutti ALESSANDRIA 3
1 LE0167 INTRODUZIONE ALLE CIVILTÀ LETTERARIE CLASSICHE BATTEZZATO Luigi, TABACCO Raffaella, GIUBLENA BARBERIS Rita L-FIL-LET/04, L-FIL-LET/02 Tutti VERCELLI 12
1 LE0167 INTRODUZIONE ALLE CIVILTÀ LETTERARIE CLASSICHE BATTEZZATO Luigi, TABACCO Raffaella, GIUBLENA BARBERIS Rita L-FIL-LET/04, L-FIL-LET/02 Tutti VERCELLI 12
1 LE0234 INTRODUZIONE ALLE CIVILTÀ LETTERARIE CLASSICHE 1 BATTEZZATO Luigi, BORGNA Alice L-FIL-LET/04 Tutti ALESSANDRIA 12
1 LE0222 LETTERATURA ITALIANA 1+2 GIBELLINI Cecilia L-FIL-LET/10 Tutti ALESSANDRIA 12
1 L0910 LETTERATURA ITALIANA I+II SINI Stefania Irene, GIBELLINI Cecilia L-FIL-LET/10 Tutti VERCELLI 12
1 LE0216 LETTERATURA LATINA E INTRODUZIONE ALLA CIVILTÀ LETTERARIA GRECA TABACCO Raffaella, BATTEZZATO Luigi L-FIL-LET/04, L-FIL-LET/02 Tutti VERCELLI 12
1 LE0231 LETTERATURA LATINA E INTRODUZIONE ALLA CIVILTÀ LETTERARIA GRECA 1 BATTEZZATO Luigi L-FIL-LET/02 Tutti ALESSANDRIA 12
1 LE0228 LETTERATURE CLASSICHE 1 BATTEZZATO Luigi, MANCA Massimo L-FIL-LET/04, L-FIL-LET/02 Tutti ALESSANDRIA 12
1 LE0219 LETTERATURE CLASSICHE A TABACCO Raffaella, BATTEZZATO Luigi L-FIL-LET/04, L-FIL-LET/02 Tutti VERCELLI 12
1 LE0337 OBBLIGO FORMATIVO AGGIUNTIVO MUSAZZO Andrea NN Tutti VERCELLI
1 LE0338 OBBLIGO FORMATIVO AGGIUNTIVO - ALESSANDRIA MUSAZZO Andrea NN Tutti ALESSANDRIA
1 LE0179 STORIA DELL'ARTE CONTEMPORANEA INTEGRATO VANNUGLI Antonio Tutti VERCELLI 12
1 LE0173 STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE INTEGRATO LOMARTIRE Saverio L-ART/01 Tutti VERCELLI 12
1 LE0225 STORIA DELLA LINGUA ITALIANA 1+2 MACONI Ludovica L-FIL-LET/12 Tutti ALESSANDRIA 12
1 LE0002 STORIA DELLA LINGUA ITALIANA C MARAZZINI Claudio L-FIL-LET/12 Tutti VERCELLI 12
1 LE0176 STORIA DELL’ARTE MODERNA INTEGRATO ZAMBRANO Patrizia L-ART/02 Tutti VERCELLI 12
1 L0918 STORIA DEL MONDO ANTICO GRECO E ROMANO GARBARINO Paolo Luciano, VANOTTI Gabriella L-ANT/03, L-ANT/02 Tutti VERCELLI 12
1 L0918 STORIA DEL MONDO ANTICO GRECO E ROMANO GARBARINO Paolo Luciano, VANOTTI Gabriella L-ANT/03, L-ANT/02 Tutti VERCELLI 12
1 LE0237 STORIA DEL MONDO ANTICO GRECO E ROMANO 1 VANOTTI Gabriella Tutti ALESSANDRIA 12
1 LE0237 STORIA DEL MONDO ANTICO GRECO E ROMANO 1 VANOTTI Gabriella L-ANT/02, L-ANT/03 Tutti ALESSANDRIA 12
1 L0973 STORIA MEDIEVALE BARBERO Alessandro M-STO/01 Tutti VERCELLI 12
1 L0973 STORIA MEDIEVALE BARBERO Alessandro M-STO/01 Tutti VERCELLI 12
1 LE0240 STORIA MEDIEVALE E MODERNA 1 BARBERO Alessandro, TIGRINO Vittorio M-STO/01, M-STO/02 Tutti ALESSANDRIA 12
1 L1182 STORIA MODERNA TORTAROLO Edoardo Elio Flaminio M-STO/02 Tutti VERCELLI 12
1 L1182 STORIA MODERNA TORTAROLO Edoardo Elio Flaminio M-STO/02 Tutti VERCELLI 12
1 LE0170 STORIA SOCIALE DEL PATRIMONIO CULTURALE TORRE Angelo, TIGRINO Vittorio M-STO/02 Tutti VERCELLI 12
2 L0109 ANTROPOLOGIA CULTURALE A SCARDUELLI Pietro Giuseppe Tomaso M-DEA/01 Tutti VERCELLI 6
2 L0110 ANTROPOLOGIA CULTURALE B SCARDUELLI Pietro Giuseppe Tomaso M-DEA/01 Tutti VERCELLI 6
2 LE0263 ARCHEOLOGIA E STORIA DELL'ARTE GRECA E ROMANA 1 ZOPPI Carlo L-ANT/07 Tutti ALESSANDRIA 6
2 L0072 ARCHEOLOGIA E STORIA DELL'ARTE GRECA E ROMANA B ZOPPI Carlo L-ANT/07 Tutti VERCELLI 6
2 L0140 ARCHEOLOGIA MEDIEVALE A DESTEFANIS Eleonora L-ANT/08 Tutti VERCELLI 6
2 L0140 ARCHEOLOGIA MEDIEVALE A DESTEFANIS Eleonora L-ANT/08 Tutti VERCELLI 6
2 LE0261 ARCHEOLOGIA POST-CLASSICA 1 DESTEFANIS Eleonora L-ANT/08 Tutti ALESSANDRIA 6
2 L0073 ARCHEOLOGIA TARDOANTICA DESTEFANIS Eleonora L-ANT/08 Tutti VERCELLI 6
2 L0073 ARCHEOLOGIA TARDOANTICA DESTEFANIS Eleonora L-ANT/08 Tutti VERCELLI 6
2 LE0258 BIBLIOTECONOMIA 1 LANA Maurizio M-STO/08 Tutti ALESSANDRIA 6
2 LE0192 DIRITTO DEI BENI CULTURALI GARBARINO Paolo Luciano IUS/09 Tutti VERCELLI 6
2 L0045 ETNOLOGIA A PORPORATO Davide M-DEA/01 Tutti VERCELLI 6
2 LE0255 FILOLOGIA ROMANZA 1 MANTOVANI Dario L-FIL-LET/09 Tutti ALESSANDRIA 6
2 LE0255 FILOLOGIA ROMANZA 1 MANTOVANI Dario L-FIL-LET/09 Tutti ALESSANDRIA 6
2 L0053 FILOLOGIA ROMANZA A MANTOVANI Dario L-FIL-LET/09 Tutti VERCELLI 6
2 L0053 FILOLOGIA ROMANZA A MANTOVANI Dario L-FIL-LET/09 Tutti VERCELLI 6
2 LE0291 FILOSOFIA MORALE 1 POMA Iolanda M-FIL/03 Tutti ALESSANDRIA 6
2 L0207 FILOSOFIA MORALE A POMA Iolanda M-FIL/03 Tutti VERCELLI 6
2 L0271 FILOSOFIA TEORETICA GHISLERI Luca M-FIL/01 Tutti VERCELLI 6
2 L0976 GEOGRAFIA AFFERNI Raffaella M-GGR/01 Tutti VERCELLI 12
2 L0976 GEOGRAFIA AFFERNI Raffaella M-GGR/01 Tutti VERCELLI 12
2 LE0252 GEOGRAFIA 1 AFFERNI Raffaella M-GGR/01 Tutti ALESSANDRIA 6
2 L0005 GEOGRAFIA POLITICA ED ECONOMICA A EMANUEL Cesare M-GGR/02 Tutti VERCELLI 6
2 L0094 GLOTTOLOGIA NAPOLI Maria L-LIN/01 Tutti VERCELLI 6
2 L0499 INTRODUZIONE ALLA CIVILTA' LETTERARIA GRECA BATTEZZATO Luigi L-FIL-LET/02 Tutti VERCELLI 6
2 L0769 ISTITUZIONI DI STORIA DELL'ARTE CONTEMPORANEA VANNUGLI Antonio L-ART/03 Tutti VERCELLI 6
2 L0769 ISTITUZIONI DI STORIA DELL'ARTE CONTEMPORANEA VANNUGLI Antonio L-ART/03 Tutti VERCELLI 6
2 LE0253 LETTERATURA ITALIANA 3 GIBELLINI Cecilia L-FIL-LET/10 Tutti ALESSANDRIA 6
2 LE0254 LETTERATURA ITALIANA 4 GIBELLINI Cecilia L-FIL-LET/10 Tutti ALESSANDRIA 6
2 L0184 LETTERATURA ITALIANA A GIBELLINI Cecilia L-FIL-LET/10 Tutti VERCELLI 6
2 L0185 LETTERATURA ITALIANA B SINI Stefania Irene L-FIL-LET/10 Tutti VERCELLI 6
2 LE0257 LETTERATURA LATINA 2 MANCA Massimo L-FIL-LET/04 Tutti ALESSANDRIA 6
2 L0090 LETTERATURE COMPARATE A SINI Stefania Irene L-FIL-LET/14 Tutti VERCELLI 6
2 LE0283 METODOLOGIA DELLA RICERCA STORICA ROSSO Claudio M-STO/02 Tutti VERCELLI 6
2 L0124 METODOLOGIA DELLA RICERCA STORICA A ROSSO Claudio M-STO/02 Tutti VERCELLI 6
2 L0155 PALEOGRAFIA GANDINO Germana, FASOLIO Marco M-STO/09 Tutti VERCELLI 6
2 L0155 PALEOGRAFIA GANDINO Germana, FASOLIO Marco M-STO/09 Tutti VERCELLI 6
2 LE0276 SCIENZA DELLA BIBLIOTECA E DELL'INFORMAZIONE TRIENNALE LANA Maurizio M-STO/08 Tutti VERCELLI 6
2 LE0289 SCIENZA DELLA BIBLIOTECA E DELL'INFORMAZIONE TRIENNALE 1 LANA Maurizio M-STO/08 Tutti ALESSANDRIA 6
2 LE0262 STORIA CONTEMPORANEA 1 BOVOLO Carlo M-STO/04 Tutti ALESSANDRIA 6
2 L0032 STORIA CONTEMPORANEA A TORTAROLO Edoardo Elio Flaminio M-STO/04 Tutti VERCELLI 6
2 L0032 STORIA CONTEMPORANEA A TORTAROLO Edoardo Elio Flaminio M-STO/04 Tutti VERCELLI 6
2 L0843 STORIA CONTEMPORANEA D FRANZINETTI Guido M-STO/04 Tutti VERCELLI 6
2 L0843 STORIA CONTEMPORANEA D FRANZINETTI Guido M-STO/04 Tutti VERCELLI 6
2 L0689 STORIA D'EUROPA TORTAROLO Edoardo Elio Flaminio M-STO/02 Tutti VERCELLI 6
2 L0689 STORIA D'EUROPA TORTAROLO Edoardo Elio Flaminio M-STO/02 Tutti VERCELLI 6
2 L0359 STORIA DELL'ARTE CONTEMPORANEA VANNUGLI Antonio L-ART/03 Tutti VERCELLI 6
2 L0359 STORIA DELL'ARTE CONTEMPORANEA VANNUGLI Antonio L-ART/03 Tutti VERCELLI 6
2 LE0259 STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE 1 LOMARTIRE Saverio L-ART/01 Tutti ALESSANDRIA 6
2 L0049 STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE A LOMARTIRE Saverio L-ART/01 Tutti VERCELLI 6
2 L0049 STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE A LOMARTIRE Saverio L-ART/01 Tutti VERCELLI 6
2 L0625 STORIA DELL'ARTE MODERNA ZAMBRANO Patrizia L-ART/02 Tutti VERCELLI 6
2 L0625 STORIA DELL'ARTE MODERNA ZAMBRANO Patrizia L-ART/02 Tutti VERCELLI 6
2 LE0032 STORIA DELL'ARTE MODERNA II ZAMBRANO Patrizia L-ART/02 Tutti VERCELLI 6
2 LE0032 STORIA DELL'ARTE MODERNA II ZAMBRANO Patrizia L-ART/02 Tutti VERCELLI 6
2 L0806 STORIA DELLA FILOSOFIA PAGANINI Gianenrico, BENIGNI Fiormichele M-FIL/06 Tutti VERCELLI 6
2 L0904 STORIA DELLA FILOSOFIA ANTICA FAZZO Silvia M-FIL/07 Tutti VERCELLI 6
2 L0906 STORIA DELLA FILOSOFIA MEDIOEVALE COLLI Andrea M-FIL/08 Tutti VERCELLI 6
2 L0019 STORIA DELLA LINGUA ITALIANA A MARAZZINI Claudio L-FIL-LET/12 Tutti VERCELLI 6
2 L0546 STORIA DELLA LINGUA ITALIANA B MARAZZINI Claudio L-FIL-LET/12 Tutti VERCELLI 6
2 LE0131 STORIA ECONOMICA E SOCIALE TORRE Angelo M-STO/02 Tutti VERCELLI 6
2 L0139 STORIA GRECA VANOTTI Gabriella L-ANT/02 Tutti VERCELLI 6
2 L0139 STORIA GRECA VANOTTI Gabriella L-ANT/02 Tutti VERCELLI 6
2 LE0290 STORIA MEDIEVALE 2 BARBERO Alessandro M-STO/01 Tutti ALESSANDRIA 6
2 L0037 STORIA MEDIEVALE A BARBERO Alessandro M-STO/01 Tutti VERCELLI 6
2 L0037 STORIA MEDIEVALE A BARBERO Alessandro M-STO/01 Tutti VERCELLI 6
2 L0038 STORIA MEDIEVALE B BARBERO Alessandro M-STO/01 Tutti VERCELLI 6
2 L0038 STORIA MEDIEVALE B BARBERO Alessandro M-STO/01 Tutti VERCELLI 6
2 L0030 STORIA MODERNA A TORTAROLO Edoardo Elio Flaminio M-STO/02 Tutti VERCELLI 6
2 L0030 STORIA MODERNA A TORTAROLO Edoardo Elio Flaminio M-STO/02 Tutti VERCELLI 6
2 L0736 STORIA ROMANA GARBARINO Paolo Luciano L-ANT/03 Tutti VERCELLI 6
2 L0736 STORIA ROMANA GARBARINO Paolo Luciano L-ANT/03 Tutti VERCELLI 6
3 L0109 ANTROPOLOGIA CULTURALE A SCARDUELLI Pietro Giuseppe Tomaso M-DEA/01 Tutti VERCELLI 6
3 L0109 ANTROPOLOGIA CULTURALE A SCARDUELLI Pietro Giuseppe Tomaso M-DEA/01 Tutti VERCELLI 6
3 L0109 ANTROPOLOGIA CULTURALE A SCARDUELLI Pietro Giuseppe Tomaso M-DEA/01 Tutti VERCELLI 6
3 L0110 ANTROPOLOGIA CULTURALE B SCARDUELLI Pietro Giuseppe Tomaso M-DEA/01 Tutti VERCELLI 6
3 L0110 ANTROPOLOGIA CULTURALE B SCARDUELLI Pietro Giuseppe Tomaso M-DEA/01 Tutti VERCELLI 6
3 L0110 ANTROPOLOGIA CULTURALE B SCARDUELLI Pietro Giuseppe Tomaso M-DEA/01 Tutti VERCELLI 6
3 L0072 ARCHEOLOGIA E STORIA DELL'ARTE GRECA E ROMANA B ZOPPI Carlo L-ANT/07 Tutti VERCELLI 6
3 L0072 ARCHEOLOGIA E STORIA DELL'ARTE GRECA E ROMANA B ZOPPI Carlo L-ANT/07 Tutti VERCELLI 6
3 L0140 ARCHEOLOGIA MEDIEVALE A DESTEFANIS Eleonora L-ANT/08 Tutti VERCELLI 6
3 L0140 ARCHEOLOGIA MEDIEVALE A DESTEFANIS Eleonora L-ANT/08 Tutti VERCELLI 6
3 L0073 ARCHEOLOGIA TARDOANTICA DESTEFANIS Eleonora L-ANT/08 Tutti VERCELLI 6
3 L0073 ARCHEOLOGIA TARDOANTICA DESTEFANIS Eleonora L-ANT/08 Tutti VERCELLI 6
3 L1258 DIDATTICA DEL LATINO TABACCO Raffaella L-FIL-LET/04 Tutti VERCELLI 2
3 LE0004 ELEMENTI DI LINGUISTICA CASTAGNETO Marina Tutti VERCELLI 12
3 L0045 ETNOLOGIA A PORPORATO Davide M-DEA/01 Tutti VERCELLI 6
3 L0045 ETNOLOGIA A PORPORATO Davide M-DEA/01 Tutti VERCELLI 6
3 L0045 ETNOLOGIA A PORPORATO Davide M-DEA/01 Tutti VERCELLI 6
3 L0046 ETNOLOGIA B PORPORATO Davide M-DEA/01 Tutti ALESSANDRIA 6
3 L0207 FILOSOFIA MORALE A POMA Iolanda M-FIL/03 Tutti VERCELLI 6
3 L0207 FILOSOFIA MORALE A POMA Iolanda M-FIL/03 Tutti VERCELLI 6
3 L0207 FILOSOFIA MORALE A POMA Iolanda M-FIL/03 Tutti VERCELLI 6
3 LE0292 FILOSOFIA POLITICA 1 GALEOTTI Anna Elisabetta SPS/01 Tutti ALESSANDRIA 6
3 L0271 FILOSOFIA TEORETICA GHISLERI Luca M-FIL/01 Tutti VERCELLI 6
3 L0271 FILOSOFIA TEORETICA GHISLERI Luca M-FIL/01 Tutti VERCELLI 6
3 L0271 FILOSOFIA TEORETICA GHISLERI Luca M-FIL/01 Tutti VERCELLI 6
3 LE0265 FONDAMENTI DI LINGUISTICA E GLOTTOLOGIA 1 NAPOLI Maria L-LIN/01 Tutti ALESSANDRIA 12
3 L0005 GEOGRAFIA POLITICA ED ECONOMICA A EMANUEL Cesare M-GGR/02 Tutti VERCELLI 6
3 L0005 GEOGRAFIA POLITICA ED ECONOMICA A EMANUEL Cesare M-GGR/02 Tutti VERCELLI 6
3 L0005 GEOGRAFIA POLITICA ED ECONOMICA A EMANUEL Cesare M-GGR/02 Tutti VERCELLI 6
3 LE0264 GEOGRAFIA UMANA 1 AFFERNI Raffaella M-GGR/01 Tutti ALESSANDRIA 6
3 LE0203 INTRODUZIONE ALLA LINGUA E CIVILTÀ LETTERARIA LATINA TABACCO Raffaella, GIUBLENA BARBERIS Rita L-FIL-LET/04 Tutti VERCELLI 6
3 L0769 ISTITUZIONI DI STORIA DELL'ARTE CONTEMPORANEA VANNUGLI Antonio L-ART/03 Tutti VERCELLI 6
3 LE0194 LABORATORIO DI STORIA LOCALE TORRE Angelo, TIGRINO Vittorio M-STO/02 Tutti VERCELLI 3
3 LE0268 LETTERATURE CLASSICHE 3 BATTEZZATO Luigi, MANCA Massimo L-FIL-LET/04 Tutti ALESSANDRIA 12
3 L0090 LETTERATURE COMPARATE A SINI Stefania Irene L-FIL-LET/14 Tutti VERCELLI 6
3 L0090 LETTERATURE COMPARATE A SINI Stefania Irene L-FIL-LET/14 Tutti VERCELLI 6
3 L0090 LETTERATURE COMPARATE A SINI Stefania Irene L-FIL-LET/14 Tutti VERCELLI 6
3 L0560 LINGUA FRANCESE NON SPECIALISTI DAPAVO Roberto, AUDEOUD Laurence, VIALATTE Elsa Huguette Marlene L-LIN/04 Tutti 3
3 L0560 LINGUA FRANCESE NON SPECIALISTI DAPAVO Roberto, AUDEOUD Laurence, VIALATTE Elsa Huguette Marlene L-LIN/04 Tutti 3
3 L0560 LINGUA FRANCESE NON SPECIALISTI DAPAVO Roberto, AUDEOUD Laurence, VIALATTE Elsa Huguette Marlene L-LIN/04 Tutti VERCELLI 3
3 L0552 LINGUA INGLESE NON SPECIALISTI GALLINOTTI Gloria, DELLA CHIARA Sandra, FORMENTELLI Maicol L-LIN/12 Tutti VERCELLI 3
3 L0552 LINGUA INGLESE NON SPECIALISTI GALLINOTTI Gloria, DELLA CHIARA Sandra, FORMENTELLI Maicol L-LIN/12 Tutti 3
3 L0552 LINGUA INGLESE NON SPECIALISTI DELLA CHIARA Sandra, FORMENTELLI Maicol, GALLINOTTI Gloria L-LIN/12 Tutti 3
3 L0565 LINGUA SPAGNOLA NON SPECIALISTI DI VINCENZO Dilia, BALDISSERA Andrea, CAMPOS CABRERO Sonia L-LIN/07 Tutti 3
3 L0565 LINGUA SPAGNOLA NON SPECIALISTI DI VINCENZO Dilia, BALDISSERA Andrea, CAMPOS CABRERO Sonia L-LIN/07 Tutti 3
3 L0565 LINGUA SPAGNOLA NON SPECIALISTI DI VINCENZO Dilia, BALDISSERA Andrea, CAMPOS CABRERO Sonia L-LIN/07 Tutti 3
3 L0570 LINGUA TEDESCA NON SPECIALISTI SARACCO Caterina, PEEMOLLER Tanja Margot, RAVETTO Miriam L-LIN/14 Tutti 3
3 L0570 LINGUA TEDESCA NON SPECIALISTI SARACCO Caterina, PEEMOLLER Tanja Margot, RAVETTO Miriam L-LIN/14 Tutti 3
3 L0570 LINGUA TEDESCA NON SPECIALISTI SARACCO Caterina, PEEMOLLER Tanja Margot, RAVETTO Miriam L-LIN/14 Tutti 3
3 LE0098 METODI E TECNICHE DELLA STORIA MODERNA I TORTAROLO Edoardo Elio Flaminio M-STO/02 Tutti VERCELLI 2
3 L0620 PEDAGOGIA GENERALE PRIMERANO Giorgio M-PED/01 Tutti VERCELLI 6
3 LE0331 PEDAGOGIA GENERALE 1 BASTONE Antonella M-PED/01 Tutti ALESSANDRIA 6
3 L0346 PROVA FINALE PROFIN_S Tutti VERCELLI 12
3 L0346 PROVA FINALE PROFIN_S Tutti VERCELLI 12
3 L0346 PROVA FINALE PROFIN_S Tutti VERCELLI 12
3 L0130 SCUOLA DI SCRITTURA MACONI Ludovica, CANOBBIO Andrea Tullio L-FIL-LET/12 Tutti VERCELLI 3
3 L0032 STORIA CONTEMPORANEA A TORTAROLO Edoardo Elio Flaminio M-STO/04 Tutti VERCELLI 6
3 L0843 STORIA CONTEMPORANEA D FRANZINETTI Guido M-STO/04 Tutti VERCELLI 6
3 L0689 STORIA D'EUROPA TORTAROLO Edoardo Elio Flaminio M-STO/02 Tutti VERCELLI 6
3 L0243 STORIA DEL DIRITTO ROMANO A GARBARINO Paolo Luciano IUS/18 Tutti VERCELLI 6
3 L0243 STORIA DEL DIRITTO ROMANO A GARBARINO Paolo Luciano IUS/18 Tutti VERCELLI 6
3 L0359 STORIA DELL'ARTE CONTEMPORANEA VANNUGLI Antonio L-ART/03 Tutti VERCELLI 6
3 L0359 STORIA DELL'ARTE CONTEMPORANEA VANNUGLI Antonio L-ART/03 Tutti VERCELLI 6
3 L0049 STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE A LOMARTIRE Saverio L-ART/01 Tutti VERCELLI 6
3 L0049 STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE A LOMARTIRE Saverio L-ART/01 Tutti VERCELLI 6
3 L0625 STORIA DELL'ARTE MODERNA ZAMBRANO Patrizia L-ART/02 Tutti VERCELLI 6
3 L0625 STORIA DELL'ARTE MODERNA ZAMBRANO Patrizia L-ART/02 Tutti VERCELLI 6
3 LE0271 STORIA DELL'ARTE MODERNA 1 VANNUGLI Antonio L-ART/02 Tutti ALESSANDRIA 6
3 LE0032 STORIA DELL'ARTE MODERNA II ZAMBRANO Patrizia L-ART/02 Tutti VERCELLI 6
3 LE0032 STORIA DELL'ARTE MODERNA II ZAMBRANO Patrizia L-ART/02 Tutti VERCELLI 6
3 L0806 STORIA DELLA FILOSOFIA PAGANINI Gianenrico, BENIGNI Fiormichele M-FIL/06 Tutti VERCELLI 6
3 L0806 STORIA DELLA FILOSOFIA PAGANINI Gianenrico, BENIGNI Fiormichele M-FIL/06 Tutti VERCELLI 6
3 L0806 STORIA DELLA FILOSOFIA PAGANINI Gianenrico, BENIGNI Fiormichele M-FIL/06 Tutti VERCELLI 6
3 L0904 STORIA DELLA FILOSOFIA ANTICA FAZZO Silvia M-FIL/07 Tutti VERCELLI 6
3 L0904 STORIA DELLA FILOSOFIA ANTICA FAZZO Silvia M-FIL/07 Tutti VERCELLI 6
3 L0904 STORIA DELLA FILOSOFIA ANTICA FAZZO Silvia M-FIL/07 Tutti VERCELLI 6
3 L0906 STORIA DELLA FILOSOFIA MEDIOEVALE COLLI Andrea M-FIL/08 Tutti VERCELLI 6
3 L0906 STORIA DELLA FILOSOFIA MEDIOEVALE COLLI Andrea M-FIL/08 Tutti VERCELLI 6
3 L0906 STORIA DELLA FILOSOFIA MEDIOEVALE COLLI Andrea M-FIL/08 Tutti VERCELLI 6
3 LE0002 STORIA DELLA LINGUA ITALIANA C MARAZZINI Claudio Tutti VERCELLI 12
3 L0349 STORIA DELLE TECNICHE ARTISTICHE LOMARTIRE Saverio L-ART/04 Tutti VERCELLI 6
3 L0349 STORIA DELLE TECNICHE ARTISTICHE LOMARTIRE Saverio L-ART/04 Tutti VERCELLI 6
3 L0139 STORIA GRECA VANOTTI Gabriella L-ANT/02 Tutti VERCELLI 6
3 L0037 STORIA MEDIEVALE A BARBERO Alessandro M-STO/01 Tutti VERCELLI 6
3 L0038 STORIA MEDIEVALE B BARBERO Alessandro M-STO/01 Tutti VERCELLI 6
3 L0030 STORIA MODERNA A TORTAROLO Edoardo Elio Flaminio M-STO/02 Tutti VERCELLI 6
3 L0736 STORIA ROMANA GARBARINO Paolo Luciano L-ANT/03 Tutti VERCELLI 6
3 LE0092 TEMI, FONTI, RISORSE PER LA STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE LOMARTIRE Saverio L-ART/01 Tutti VERCELLI 3
Stampa
InsegnamentoELEMENTI DI LINGUISTICA
CodiceLE0004
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoCASTAGNETO Marina
DocentiNAPOLI Maria
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LP023 GLOTTOLOGIA L-LIN/01 - GLOTTOLOGIA E LINGUISTICA NAPOLI Maria
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoGLOTTOLOGIA
CodiceLP023
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoNAPOLI Maria
DocentiNAPOLI Maria
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/01 - GLOTTOLOGIA E LINGUISTICA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiIntroduzione alla Linguistica Storica
Testi di riferimento(1) Elisabetta Magni, Linguistica Storica, Patron Editore, Bologna, 2014; (2) Franco Fanciullo, Introduzione alla linguistica storica, Il Mulino, Bologna, 2007 (limitatamente ai capitoli 1, 6, 7); (3) Nicola Grandi, Fondamenti di Tipologia Linguistica, Carocci Editore, Roma, 2014 (nuova edizione); (4) Le slides delle lezioni che verranno caricate sul DIR fanno parte integrante del programma d'esame.
Obiettivi formativiL’obiettivo primario è far acquisire allo studente una formazione di base nell’ambito della linguistica storica (che ne includa principi fondamentali, metodi e storia), al fine di analizzare e comprendere i meccanismi più importanti che regolano l'evoluzione diacronica delle lingue, con particolare riferimento alla famiglia indoeuropea. Un secondo obiettivo, più avanzato, è quello di porre lo studente nella condizione di applicare le nozioni e le metodologie apprese al ragionamento su dati empirici relativi a fenomeni di mutamento di varia natura.
PrerequisitiE’ un requisito utile ma non obbligatorio la conoscenza delle nozioni di base della linguistica generale, acquisita attraverso l’esame di “Fondamenti di Linguistica” o di “Linguistica Generale A”.
Metodi didatticiLezioni frontali e didattica in rete (DIR). Nel corso delle lezioni è previsto anche: (i) il coinvolgimento attivo degli studenti attraverso il commento di dati linguistici; (ii) la somministrazione di esercizi, da svolgere individualmente o in gruppo, finalizzati (a) alla applicazione del metodo comparativo e di ricostruzione; (b) all’analisi di diversi tipi di mutamento.
Altre informazioniNessuno.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa prova finale prevede un esame orale della durata di circa 30 minuti. Si intende verificare le conoscenze inserite tra gli obiettivi e i risultati di apprendimento attesi attraverso una strutturazione dell’esame in 4 sezioni: Sez. 1) = domande su nozioni di base, di natura sia teorica sia storica, inclusi gli aspetti metodologici (ad es., origini e peculiarità del metodo comparativo; principi di classificazione genealogica; rami della famiglia indoeuropea; cause del mutamento linguistico); Sez. 2) = almeno 1 domanda sulla tipologia linguistica (ad es., l’ordine delle parole e la distinzione in tipi sintattici); Sez. 3) = somministrazione di un esercizio di ricostruzione di una radice indoeuropea, che attesti la capacità di applicare empiricamente il metodo comparativo; Sez. 4) = analisi di almeno un tipo di mutamento specifico, che lo studente dovrà illustrare anche attraverso esempi a sua scelta da lingue antiche o moderne. Lo studente dovrà rispondere alle domande e argomentare usando l’appropriata terminologia scientifica. L’esame avrà esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18/30. Per raggiungere la sufficienza lo studente dovrà conoscere almeno le nozioni di base e mostrare di aver compreso la natura del metodo comparativo e di ricostruzione. La formulazione del voto complessivo si baserà sui seguenti elementi: uso della terminologia scientifica appropriata = 10% della valutazione; risposte a domande della Sezione 1) = 20% della valutazione; risposte a domande della Sezione 2) = 10% della valutazione; risoluzione di un esercizio della Sezione 3) = 30% della valutazione; discussione di dati del tipo in Sezione 4) = 30% della valutazione. La lode verrà assegnata sulla base di una valutazione dell'accuratezza, approfondimento e capacità di elaborazione della risposta.
Programma estesoIl corso introduce gli studenti alla linguistica storica, con particolare attenzione al metodo comparativo e alla ricostruzione linguistica. I dati linguistici sono tratti soprattutto ma non solo dall’ambito indoeuropeo. I principali temi trattati vertono su: classificazione genealogica e famiglie linguistiche; variazione tipologica; mutamento fonetico-fonologico; mutamento morfologico; mutamento semantico; mutamento sintattico; teorie del mutamento. • Unità didattica 1. Introduzione: la linguistica storica e la nozione di mutamento. • Unità didattica 2. Classificazione genealogica delle lingue: il metodo storico-comparativo. • Unità didattica 3. La famiglia indoeuropea. • Unità didattica 4. Classificazione tipologica delle lingue: la nozione di tipo linguistico e gli universali. • Unità didattica 5. Vari tipi di mutamento fonetico-fonologico. • Unità didattica 6. Ricostruzione del sistema consonantico e vocalico dell'indoeuropeo: leggi fonetiche. • Unità didattica 7. Il mutamento morfologico: analogia e grammaticalizzazione. • Unità didattica 8. Il mutamento sintattico e la ricostruzione. • Unità didattica 9. Il mutamento semantico: cause e meccanismi. • Unità didattica 10. Interlinguistica: il contatto tra lingue come fonte di mutamento. • Unità didattica 11. Aspetti teorici del mutamento linguistico: conclusioni.
Risultati di apprendimento attesiConoscenza e comprensione: - conoscere i principi teorici e i metodi costitutivi della linguistica storica - conoscere la storia della disciplina - conoscere le nozioni di base della tipologia linguistica - conoscere le specificità dei vari tipi di mutamento linguistico Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: - saper applicare il metodo comparativo - saper ricostruire una radice indoeuropea applicando le leggi fonetiche studiate - saper distinguere e descrivere tipologie diverse di mutamento Autonomia di giudizi: - formulare giudizi di valutazione su dati diacronici Abilità comunicative: - sapersi servire in modo coerente e appropriato della specifica terminologia scientifica, da apprendere attraverso i manuali in programma Capacità di apprendimento: - coniugare l’apprendimento di nozioni astratte con l’osservazione diretta di dati empirici tratti da lingue antiche e moderne
Insegnamento mutuante inLETTERE (1722) - L0094 GLOTTOLOGIA - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - LE0122 SOCIOLINGUISTICA - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0094 GLOTTOLOGIA - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0094 GLOTTOLOGIA - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0094 GLOTTOLOGIA - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0094 GLOTTOLOGIA - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0094 GLOTTOLOGIA - VERCELLI
FILOSOFIA (1777) - L0094 GLOTTOLOGIA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoESERCITAZIONI DI LINGUA LATINA 1
CodiceLE0295
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBORGNA Alice
DocentiBORGNA Alice
CFU3
Ore di studio individuale38
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA L-FIL-LET/04
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoF - Stage e altre attività formative
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeALESSANDRIA
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiSintassi latina con lineamenti di filologia classica.
Testi di riferimentoParte di LINGUA: Angelo Diotti – Emanuela Diotti, Plane discere 1, Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori (dalla lezione 30 in poi) Angelo Diotti – Emanuela Diotti, Plane discere 2 Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori. [Si invitano gli studenti a procurarsi questi testi in tempo per la prima lezione] Parte di FILOLOGIA: T. Braccini, La scienza dei testi antichi, Le Monnier Università 2017, limitatamente alle pagine 1-131 I non frequentanti dovranno portare anche le pp. 1-85 tratte da: Elena Malaspina, La comunicazione linguistica in latino. Testimonianze e documenti, Edizioni dell'Orso, Alessandria 2014 (facoltativo per i frequentanti)
Obiettivi formativiObiettivo primario: solido apprendimento della sintassi latina. Obiettivo avanzato: conoscenza delle nozioni base della Filologia Classica
PrerequisitiIl corso è rivolto in particolare agli studenti del II o del III anno di Lettere i quali abbiano frequentato le lezioni di "Introduzione alla civiltà letteraria latina" nel corso degli anni accademici precedenti e che (auspicabilmente) abbiano già superato la parte di lingua, sia tramite le tre prove in itinere, sia come esame. Sono tuttavia assolutamente benvenuti anche quegli studenti che, pur avendo studiato il latino per cinque anni al liceo, sentano comunque il bisogno di un po' di ripasso.
Metodi didatticiLezioni frontali esercitazioni di Lingua. Didattica in Rete
Altre informazioniQuesto modulo NON può essere inserito come corso singolo nel settore L-FIL-LET/04 (Lingua e Letteratura latina) per ottemperare alle richieste ministeriali di crediti nel settore.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame è composto da una prova scritta (70% del voto complessivo) + un'interrogazione orale (30%del voto complessivo) La PROVA SCRITTA, della durata complessiva di 3h, si compone di: 1. Un test di grammatica (SENZA DIZIONARIO), della durata di 1h 2. una versione dal latino all'italiano (CON DIZIONARIO), della durata di 2h. Per superare la prova scritta è necessario aver ottenuto la sufficienza in entrambe le parti. La prova scritta può però essere sostituita dal superamento delle due prove in itinere previste dal corso. Gli studenti che le avranno sostenute entrambe, riportando una media uguale o superiore a 18/30 saranno direttamente ammessi all’orale. Anche chi avesse sostenuto le due prove riportando una media compresa tra il 16 e i 18/30 non dovrà ripetere lo scritto, ma ma porterà un supplemento di grammatica (concordato con la docente) direttamente all’orale. L'orale consisterà in una correzione/discussione della prova scritta e nella verifica dell'apprendimento del volume di Tommaso Braccini. In caso di esami particolarmente brillanti la lode verrà assegnata secondo i seguenti criteri: (i) media degli scritti pari o superiore a 28/30; (ii) costante impegno nello svolgimento degli esercizi assegnati. I non frequentanti dovranno portare anche il supplemento di programma indicato. Per essere considerati frequentanti è richiesta una frequenza pari o superiore al 75%
Programma estesoCongiuntivo Imperativo Infinito Participio Gerundio, Gerundivo e Supino Possum, prosum e gli altri composti di sum Deponenti e semideponenti Volo, nolo, malo Eo, fero fio, facio Il doppio dativo Comparativi e superlativi dell’aggettivo e dell’avverbio Pronomi e aggettivi dimostrativi, interrogativi, indefiniti e relativi indefiniti La proposizione finale La proposizione completiva volitiva La proposizione infinitiva La proposizione consecutiva La proposizione completiva circostanziale La proposizione concessiva La coniugazione perifrastica attiva Cum narrativo L’ablativo assoluto Il periodo ipotetico indipendente Perifrastica passiva costruzione di videor
Risultati di apprendimento attesiApprendimento della sintassi latina. Conoscenza delle nozioni di base della filologia classica
Insegnamento mutuato daLETTERE (1722) - LE0295 ESERCITAZIONI DI LINGUA LATINA 1 - ALESSANDRIA
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoESERCITAZIONI DI LINGUA LATINA 1
CodiceLE0295
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBORGNA Alice
DocentiBORGNA Alice
CFU3
Ore di studio individuale38
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA L-FIL-LET/04
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoF - Stage e altre attività formative
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeALESSANDRIA
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiSintassi latina con lineamenti di filologia classica.
Testi di riferimentoParte di LINGUA: Angelo Diotti – Emanuela Diotti, Plane discere 1, Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori (dalla lezione 30 in poi) Angelo Diotti – Emanuela Diotti, Plane discere 2 Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori. [Si invitano gli studenti a procurarsi questi testi in tempo per la prima lezione] Parte di FILOLOGIA: T. Braccini, La scienza dei testi antichi, Le Monnier Università 2017, limitatamente alle pagine 1-131 I non frequentanti dovranno portare anche le pp. 1-85 tratte da: Elena Malaspina, La comunicazione linguistica in latino. Testimonianze e documenti, Edizioni dell'Orso, Alessandria 2014 (facoltativo per i frequentanti)
Obiettivi formativiObiettivo primario: solido apprendimento della sintassi latina. Obiettivo avanzato: conoscenza delle nozioni base della Filologia Classica
PrerequisitiIl corso è rivolto in particolare agli studenti del II o del III anno di Lettere i quali abbiano frequentato le lezioni di "Introduzione alla civiltà letteraria latina" nel corso degli anni accademici precedenti e che (auspicabilmente) abbiano già superato la parte di lingua, sia tramite le tre prove in itinere, sia come esame. Sono tuttavia assolutamente benvenuti anche quegli studenti che, pur avendo studiato il latino per cinque anni al liceo, sentano comunque il bisogno di un po' di ripasso.
Metodi didatticiLezioni frontali esercitazioni di Lingua. Didattica in Rete
Altre informazioniQuesto modulo NON può essere inserito come corso singolo nel settore L-FIL-LET/04 (Lingua e Letteratura latina) per ottemperare alle richieste ministeriali di crediti nel settore.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame è composto da una prova scritta (70% del voto complessivo) + un'interrogazione orale (30%del voto complessivo) La PROVA SCRITTA, della durata complessiva di 3h, si compone di: 1. Un test di grammatica (SENZA DIZIONARIO), della durata di 1h 2. una versione dal latino all'italiano (CON DIZIONARIO), della durata di 2h. Per superare la prova scritta è necessario aver ottenuto la sufficienza in entrambe le parti. La prova scritta può però essere sostituita dal superamento delle due prove in itinere previste dal corso. Gli studenti che le avranno sostenute entrambe, riportando una media uguale o superiore a 18/30 saranno direttamente ammessi all’orale. Anche chi avesse sostenuto le due prove riportando una media compresa tra il 16 e i 18/30 non dovrà ripetere lo scritto, ma ma porterà un supplemento di grammatica (concordato con la docente) direttamente all’orale. L'orale consisterà in una correzione/discussione della prova scritta e nella verifica dell'apprendimento del volume di Tommaso Braccini. In caso di esami particolarmente brillanti la lode verrà assegnata secondo i seguenti criteri: (i) media degli scritti pari o superiore a 28/30; (ii) costante impegno nello svolgimento degli esercizi assegnati. I non frequentanti dovranno portare anche il supplemento di programma indicato. Per essere considerati frequentanti è richiesta una frequenza pari o superiore al 75%
Programma estesoCongiuntivo Imperativo Infinito Participio Gerundio, Gerundivo e Supino Possum, prosum e gli altri composti di sum Deponenti e semideponenti Volo, nolo, malo Eo, fero fio, facio Il doppio dativo Comparativi e superlativi dell’aggettivo e dell’avverbio Pronomi e aggettivi dimostrativi, interrogativi, indefiniti e relativi indefiniti La proposizione finale La proposizione completiva volitiva La proposizione infinitiva La proposizione consecutiva La proposizione completiva circostanziale La proposizione concessiva La coniugazione perifrastica attiva Cum narrativo L’ablativo assoluto Il periodo ipotetico indipendente Perifrastica passiva costruzione di videor
Risultati di apprendimento attesiApprendimento della sintassi latina. Conoscenza delle nozioni di base della filologia classica
Insegnamento mutuato daLETTERE (1722) - LE0295 ESERCITAZIONI DI LINGUA LATINA 1 - ALESSANDRIA
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoESERCITAZIONI DI LINGUA LATINA 1
CodiceLE0295
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBORGNA Alice
DocentiBORGNA Alice
CFU3
Ore di studio individuale38
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA L-FIL-LET/04
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoF - Stage e altre attività formative
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeALESSANDRIA
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiSintassi latina con lineamenti di filologia classica.
Testi di riferimentoParte di LINGUA: - A. DIOTTI - M.P. CIUFFARELLA, Mirum Iter. Lezioni 1 + Grammatica, Pearson. ISBN 9788869104282 (dalla lezione 25 in poi) - A. DIOTTI - M.P. CIUFFARELLA, Mirum Iter. Lezioni 2 ISBN 9788869102417 [Si invitano gli studenti a procurarsi questi testi in tempo per la prima lezione] Parte di FILOLOGIA: - [obbligatorio per tutti] T. Braccini, La scienza dei testi antichi, Le Monnier Università 2017, limitatamente alle pagine 1-131 - [solo per non frequentanti] Elena Malaspina, La comunicazione linguistica in latino. Testimonianze e documenti, Edizioni dell'Orso, Alessandria 2014, limitatamente alle pagine pp. 1-85
Obiettivi formativiObiettivo A: solido apprendimento della sintassi latina. Obiettivo B: conoscenza delle nozioni base della Filologia Classica
PrerequisitiIl corso è rivolto a due categorie di studenti: 1- studenti del II o del III anno di Lettere che abbiano frequentato le lezioni di "Introduzione alla civiltà letteraria latina" nel corso degli anni accademici precedenti e che abbiano già superato la parte di lingua ( = le tre prove in itinere) con un voto pari o superiore a 25/30. Con questo corso potranno proseguire lo studio del latino e completare la propria preparazione per poter poi accedere (se vorranno) al corso di Letteratura Latina (prof. Manca). 2. studenti che, pur avendo studiato il latino per cinque anni al liceo, sentano comunque il bisogno di un po' di ripasso per poter sostenere con maggiore tranquillità l'esame di Letteratura Latina (prof. Manca)
Metodi didatticiLezioni frontali esercitazioni di Lingua. Didattica in Rete
Altre informazioniQuesto modulo NON può essere inserito come corso singolo nel settore L-FIL-LET/04 (Lingua e Letteratura latina) per ottemperare alle richieste ministeriali di crediti nel settore.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame è composto da una prova scritta (70% del voto complessivo - OBIETTIVO A) + un'interrogazione orale (30%del voto complessivo - OBIETTIVO B) La PROVA SCRITTA, della durata complessiva di 3h, si compone di: 1. Un test di grammatica (SENZA DIZIONARIO), della durata di 1h 2. una versione dal latino all'italiano (CON DIZIONARIO), della durata di 2h. Per superare la prova scritta è necessario aver ottenuto la sufficienza in entrambe le parti. La prova scritta può però essere sostituita dal superamento delle tre prove in itinere previste dal corso. Gli studenti che le avranno sostenute tutte e tre, riportando una media uguale o superiore a 18/30 saranno direttamente ammessi all’orale. Anche chi avesse sostenuto le tre prove riportando una media compresa tra il 16 e i 18/30 non dovrà ripetere lo scritto, ma ma porterà un supplemento di grammatica (concordato con la docente) direttamente all’orale. L'orale consisterà in una correzione/discussione della prova scritta e nella verifica dell'apprendimento del volume di Tommaso Braccini. In caso di esami particolarmente brillanti la lode verrà assegnata secondo i seguenti criteri: (i) media degli scritti pari o superiore a 28/30; (ii) costante impegno nello svolgimento degli esercizi assegnati. I non frequentanti dovranno portare anche il supplemento di programma indicato. Per essere considerati frequentanti è richiesta una frequenza pari o superiore al 75%
Programma estesoCongiuntivo Imperativo Infinito Participio Gerundio, Gerundivo e Supino Possum, prosum e gli altri composti di sum Deponenti e semideponenti Volo, nolo, malo Eo, fero fio, facio Il doppio dativo Comparativi e superlativi dell’aggettivo e dell’avverbio Pronomi e aggettivi dimostrativi, interrogativi, indefiniti e relativi indefiniti La proposizione finale La proposizione completiva volitiva La proposizione infinitiva La proposizione consecutiva La proposizione completiva circostanziale La proposizione concessiva La coniugazione perifrastica attiva Cum narrativo L’ablativo assoluto Il periodo ipotetico indipendente Perifrastica passiva costruzione di videor
Risultati di apprendimento attesiApprendimento della sintassi latina. Conoscenza delle nozioni di base della filologia classica
Insegnamento mutuante inLETTERE (1722) - LE0295 ESERCITAZIONI DI LINGUA LATINA 1 - ALESSANDRIA
LETTERE (1722) - LE0295 ESERCITAZIONI DI LINGUA LATINA 1 - ALESSANDRIA
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoINTRODUZIONE ALLE CIVILTÀ LETTERARIE CLASSICHE
CodiceLE0167
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBATTEZZATO Luigi
DocentiTABACCO Raffaella, GIUBLENA BARBERIS Rita, BATTEZZATO Luigi
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LE0168 INTRODUZIONE ALLA LINGUA E CIVILTÀ LETTERARIA LATINA L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA L-FIL-LET/04 TABACCO Raffaella, GIUBLENA BARBERIS Rita
LE0169 INTRODUZIONE ALLA CIVILTÀ LETTERARIA GRECA L-FIL-LET/02 - LINGUA E LETTERATURA GRECA L-FIL-LET/02 BATTEZZATO Luigi
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoINTRODUZIONE ALLA LINGUA E CIVILTÀ LETTERARIA LATINA
CodiceLE0168
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoTABACCO Raffaella
DocentiTABACCO Raffaella, GIUBLENA BARBERIS Rita
CFU6
Ore di lezione16
Ore di studio individuale84
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA L-FIL-LET/04
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiNozioni di base di grammatica latina. Nozioni essenziali di letteratura latina dalle origini all'età augustea.
Testi di riferimentoGian Biagio Conte, Fondamenti di letteratura latina. Edizione compatta. Vol. 1 Le Monnier scuola
Obiettivi formativiConoscenza degli elementi fondamentali della morfologia della lingua latina con qualche elemento di sintassi; conoscenza essenziale di generi e problemi della letteratura latina e dei suoi autori fino all'età di Augusto.
PrerequisitiNon si richiede conoscenza pregressa della lingua latina. Prerequisiti sono conoscenze informatiche di base (navigazione internet; utilizzo di file inseriti su DIR); buona conoscenza della lingua italiana; conoscenza di nozioni essenziali di storia antica e di geografia del Mediterraneo impartite nella scuola superiore.
Metodi didatticiLezioni frontali; esercitazioni; didattica In Rete
Altre informazioniDestinazione: Il corso è riservato agli studenti che non abbiano avuto il latino tra le materie curricolari nel loro corso di studi superiori. Si integra col modulo di Introduzione alla civiltà letteraria greca a formare l'esame integrato di Introduzione alle civiltà letterarie classiche.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame si svolgerà in forma orale e sarà articolato in due parti: - per quanto attiene all'accertamento della conoscenza della storia letteraria, consisterà in domande sugli autori e sulle opere che sono stati illustrati a lezione. - per quanto attiene al profitto tratto dalle esercitazioni di lingua, si verificherà la comprensione di un breve testo in latino e la consapevolezza dei caratteri morfologici, del lessico e della articolazione sintattica.
Programma estesoConoscenza essenziale di generi e problemi della letteratura latina di età repubblicana e dei suoi autori con lettura di passi antologizzati in lingua italiana. Analisi delle principali strutture morfologiche del latino, con lettura di semplici testi in lingua originale, presentati in una logica comparativa con la lingua italiana. Lo studio linguistico verrà condotto mediante esercitazioni e sarà sviluppato con gradualità e particolare attenzione per gli aspetti di uso della lingua in rapporto alla civiltà latina. Verranno adottate metodologie didattiche che facciano perno sui testi e sull'analisi testuale.
Insegnamento mutuato daLETTERE (1722) - LE0168 INTRODUZIONE ALLA LINGUA E CIVILTÀ LETTERARIA LATINA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoINTRODUZIONE ALLA CIVILTÀ LETTERARIA GRECA
CodiceLE0169
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBATTEZZATO Luigi
DocentiBATTEZZATO Luigi
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/02 - LINGUA E LETTERATURA GRECA L-FIL-LET/02
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiMITO E POESIA NELLA GRECIA ANTICA
Testi di riferimento(1) Omero, Odissea, a cura di F. Ferrari, UTET Libreria; in alternativa Omero, Odissea, a cura di V. Di Benedetto, BUR (2) Il teatro greco. Tragedie. Radici BUR. ISBN 88-17-00971-7; in alternativa I tragici greci. Eschilo, Sofocle, Euripide (a cura di F.M. Pontani e altri), ISBN 978-8854117112 Newton Compton 2010, euro 14. (3) Aristotele, Poetica, a cura di D. Lanza, BUR. (4) A. Capra, F. Conca, G. Lozza, A. Pizzone, G. Zanetto, Alla fonte delle Muse. Introduzione alla civiltà greca, Bollati Boringhieri 2007, ISBN 978-88-339-1737-5 (ora disponibile solo come e-book: http://www.mondadoristore.it/Alla-fonte-delle-muse-Aglae-Pizzone-Andrea-Capra-Fabrizio-Conca-Giuseppe-Lozza-Giuseppe-Zanetto/eai978883397195/) (studiare le pp. 81-142 e due capitoli a scelta della parte terza) o in alternativa Franco Montanari, Prima lezione di letteratura greca, Laterza, ISBN-13: 978-8842068914, euro 12 (per intero) o in alternativa Andrea Rodighiero, La tragedia greca, Il Mulino, Bologna 2013, ISBN-13: 978-8815244659, euro 15, pp. 1-150 o in alternativa Barbara Graziosi, Gli dèi dell’Olimpo: Storia di una sopravvivenza, UTET, ISBN 9788851123611, euro 20 (per intero). Ulteriore testo di riferimento: Aristofane, La festa delle donne, a cura di G. Paduano, BUR (esiste una traduzione senza note disponibile on line: http://www.filosofico.net/aristoffestadem42.htm)
Obiettivi formativi• obiettivi - conoscenze e comprensione: Acquisizione di conoscenza di base dei generi della poesia greca arcaica e classica (epica, lirica, tragedia, commedia), dei principali miti greci, del contesto di performance dei testi, e dell'interpretazione aristotelica dei generi trattati • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Acquisizione della capacità di ideare e sostenere argomentazioni per risolvere problemi nell'interpretazione di un testo della poesia greca arcaica e classica, anche sulla base delle teorizzazioni antiche sulla poetica. • obiettivi - espressione di giudizi: Acquisizione della capacità di esprimere giudizi sulle interpretazioni di testi poetici greci arcaici o classici in traduzione italiana, con particolare attenzione ai miti, al contesto storico, alle modalità di performance. • obiettivi - abilità nella comunicazione: Capacità di esporre in modo ordinato e chiaro i concetti e i dati appresi, con linguaggio appropriato e comprensibile a non specialisti, evitando la ripetizione mnemonica e muovendosi con logica personale tra i temi trattati • obiettivi - capacità di studio: Capacità, sulla base dei testi presi in esame durante il corso, di raccogliere i dati necessari per interpretare (in traduzione) altri testi greci appartenenti agli stessi generi letterari
PrerequisitiConoscenze informatiche di base (navigazione internet; utilizzo di file inseriti su DIR); buona conoscenza della lingua italiana; conoscenza di nozioni essenziali di storia antica e di geografia del Mediterraneo impartite nella scuola superiore.
Metodi didatticiLezione frontale, discussione in classe.
Altre informazioniIl docente ha preparato materiali didattici, disponibili sul servizio informatico interno dell’ateneo (DIR).
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa prova finale consiste in una verifica orale che verterà sui seguenti punti: verifica della conoscenza di dati essenziali relativi alla trattazione del mito in opere appartenenti a diversi generi letterari (domanda tipo: “come viene presentato il mito in una delle opere letterarie in programma?”); verifica della conoscenza di dati essenziali relativi alla storia letteraria (domanda tipo: “in che contesto storico, geografico e di performance fu presentata al pubblico antico una delle opere letterarie in programma?”); verifica della comprensione delle teorie letterarie antiche discusse in classe (domanda tipo: “come definisce Aristotele la tragedia/l’epica/l’arte/la storiografia/l’unità dell’opera d’arte/la catarsi/la pietà e la paura/la colpa tragica?”); verifica della capacità di formulare giudizi sulle opere in programma, sulla base delle teorie letterarie discusse in classe e sui saggi in programma d’esame (domanda tipo: “le sembra che la teoria aristotelica renda conto in maniera soddisfacente dei problemi interpretativi di una delle opere letterarie in programma?”).
Programma estesoIntroduzione alla civiltà letteraria greca tramite la lettura in traduzione italiana e l'interpretazione di alcuni testi fondamentali: Omero, Odissea (canti 8-12), antologia della lirica greca (con riferimento a Saffo e Pindaro), Eschilo (Agamennone, Prometeo), Sofocle (Edipo Re, Antigone), Euripide (Medea, Ippolito, Eracle, Baccanti), Aristofane (La festa delle donne), Aristotele (Poetica). • unità didattica 1: Omero • unità didattica 2: Esiodo, Saffo, Pindaro • unità didattica 3: Introduzione al teatro greco • unità didattica 4: Eschilo: Agamennone, Prometeo • unità didattica 5: Sofocle: Edipo Re, Antigone • unità didattica 6: Euripide: Medea, Ippolito, Eracle, Baccanti • unità didattica 7: Aristofane: La festa delle donne • unità didattica 8: Aristotele: La Poetica
Insegnamento mutuato daLETTERE (1722) - LE0169 INTRODUZIONE ALLA CIVILTÀ LETTERARIA GRECA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoINTRODUZIONE ALLE CIVILTÀ LETTERARIE CLASSICHE
CodiceLE0167
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBATTEZZATO Luigi
DocentiTABACCO Raffaella, GIUBLENA BARBERIS Rita, BATTEZZATO Luigi
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LE0168 INTRODUZIONE ALLA LINGUA E CIVILTÀ LETTERARIA LATINA L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA L-FIL-LET/04 TABACCO Raffaella, GIUBLENA BARBERIS Rita
LE0169 INTRODUZIONE ALLA CIVILTÀ LETTERARIA GRECA L-FIL-LET/02 - LINGUA E LETTERATURA GRECA L-FIL-LET/02 BATTEZZATO Luigi
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoINTRODUZIONE ALLA LINGUA E CIVILTÀ LETTERARIA LATINA
CodiceLE0168
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoTABACCO Raffaella
DocentiTABACCO Raffaella, GIUBLENA BARBERIS Rita
CFU6
Ore di lezione16
Ore di studio individuale84
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA L-FIL-LET/04
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiNozioni di base di grammatica latina. Nozioni essenziali di letteratura latina dalle origini all'età augustea. Riflessioni di carattere didattico sull'insegnamento dell'italiano in riferimento alle origini latine della lingua.
Testi di riferimentoGian Biagio Conte, Fondamenti di letteratura latina. Edizione compatta. Vol. 1 Le Monnier scuola
Obiettivi formativiConoscenza degli elementi fondamentali della morfologia della lingua latina con qualche elemento di sintassi; conoscenza essenziale di generi e problemi della letteratura latina e dei suoi autori fino all'età di Augusto. Consapevolezza delle finalità didattiche dello studio del latino in relazione all'insegnamento dell'italiano nelle scuole secondarie.
PrerequisitiNON si richiede una conoscenza pregressa del latino in quanto questo esame può essere sostenuto SOLO da quanti possano dimostrare di essere in possesso del diploma di una scuola superiore in cui NON si studia il latino o dove sia tra materie curricolari solamente al BIENNIO, oppure di essere diplomati da più di 15 anni. In caso contrario, si dovrà inserire il modulo di Letteratura Latina A. Il medesimo sbarramento vale anche per quanti inseriscano il modulo come corso singolo al fine di acquisire crediti nel settore scientifico disciplinare L-FIL-LET/04 (Lingua e Letteratura Latina) per accedere alle graduatorie per l'insegnamento. Non sono previste eccezioni. Prerequisiti sono conoscenze informatiche di base (navigazione internet; utilizzo di file inseriti su DIR); buona conoscenza della lingua italiana; conoscenza di nozioni essenziali di storia antica e di geografia del Mediterraneo impartite nella scuola superiore.
Metodi didatticiLezioni frontali; esercitazioni; didattica In Rete
Altre informazioniDestinazione: Il corso è riservato agli studenti che non abbiano avuto il latino tra le materie curricolari nel loro corso di studi superiori. Si integra col modulo di Introduzione alla civiltà letteraria greca a formare l'esame integrato di Introduzione alle civiltà letterarie classiche. CORSO PRE-FIT. Ambito D "METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE" valido ai fini pre-FIT per le classi di concorso: A11, A13, A74, A75, A81, A82.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame si svolgerà in forma orale e sarà articolato in tre parti: - per quanto attiene all'accertamento della conoscenza della storia letteraria, consisterà in domande sugli autori e sulle opere che sono stati illustrati a lezione (40% del peso sul voto d’esame). - per quanto attiene al profitto tratto dalle esercitazioni di lingua, si verificherà la comprensione di un breve testo in latino e la consapevolezza dei caratteri morfologici, del lessico e della articolazione sintattica (40% del peso sul voto d’esame). - per quanto attiene alle finalità didattiche si verificherà la conoscenza degli elementi più significativi dell'eredità del latino nella lingua italiana (20% del peso sul voto d’esame). Per superare l'esame occorrerà rispondere in modo almeno sufficiente a tutte e tre le domande.
Programma estesoConoscenza essenziale di generi e problemi della letteratura latina di età repubblicana e dei suoi autori con lettura di passi antologizzati in lingua italiana. Analisi delle principali strutture morfologiche del latino, con lettura di semplici testi in lingua originale, presentati in una logica comparativa con la lingua italiana, in particolare in relazione alle loro finalità didattiche. Lo studio linguistico verrà condotto mediante esercitazioni e sarà sviluppato con gradualità e particolare attenzione per gli aspetti di uso della lingua in rapporto alla civiltà latina. Verranno adottate metodologie didattiche che facciano perno sui testi e sull'analisi testuale.
Risultati di apprendimento attesiConoscenza dei dati essenziali della letteratura latina dalle origini all'età augustea, appartenenti a diversi generi letterari; conoscenza delle fondamentali strutture morfologiche e sintattiche della lingua latina. Capacità di formulare giudizi sulle opere, sulla base delle teorie antiche e moderne sulla letteratura latina discusse in classe; capacità di analizzare alcuni semplici testi letterari in lingua originale.
Insegnamento mutuante inLETTERE (1722) - LE0168 INTRODUZIONE ALLA LINGUA E CIVILTÀ LETTERARIA LATINA - VERCELLI
LETTERE (1722) - LE0203 INTRODUZIONE ALLA LINGUA E CIVILTÀ LETTERARIA LATINA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoINTRODUZIONE ALLA CIVILTÀ LETTERARIA GRECA
CodiceLE0169
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBATTEZZATO Luigi
DocentiBATTEZZATO Luigi
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/02 - LINGUA E LETTERATURA GRECA L-FIL-LET/02
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiMITO E POESIA NELLA GRECIA ANTICA
Testi di riferimento(1) Omero, Odissea, a cura di F. Ferrari, UTET Libreria; in alternativa Omero, Odissea, a cura di V. Di Benedetto, BUR (2) Il teatro greco. Tragedie. Radici BUR. ISBN 88-17-00971-7; in alternativa I tragici greci. Eschilo, Sofocle, Euripide (a cura di F.M. Pontani e altri), ISBN 978-8854117112 Newton Compton 2010, euro 14. (3) Aristotele, Poetica, a cura di D. Lanza, BUR. (4) A. Capra, F. Conca, G. Lozza, A. Pizzone, G. Zanetto, Alla fonte delle Muse. Introduzione alla civiltà greca, Bollati Boringhieri 2007, ISBN 978-88-339-1737-5 (ora disponibile solo come e-book: http://www.mondadoristore.it/Alla-fonte-delle-muse-Aglae-Pizzone-Andrea-Capra-Fabrizio-Conca-Giuseppe-Lozza-Giuseppe-Zanetto/eai978883397195/) (studiare le pp. 81-142 e due capitoli a scelta della parte terza) o in alternativa Franco Montanari, Prima lezione di letteratura greca, Laterza, ISBN-13: 978-8842068914, euro 12 (per intero) o in alternativa Andrea Rodighiero, La tragedia greca, Il Mulino, Bologna 2013, ISBN-13: 978-8815244659, euro 15, pp. 1-150 o in alternativa Barbara Graziosi, Gli dèi dell’Olimpo: Storia di una sopravvivenza, UTET, ISBN 9788851123611, euro 20 (per intero). Ulteriore testo di riferimento: Aristofane, La festa delle donne, a cura di G. Paduano, BUR (esiste una traduzione senza note disponibile on line: http://www.filosofico.net/aristoffestadem42.htm)
Obiettivi formativi• obiettivi - conoscenze e comprensione: Acquisizione di conoscenza di base dei generi della poesia greca arcaica e classica (epica, lirica, tragedia, commedia), dei principali miti greci, del contesto di performance dei testi, e dell'interpretazione aristotelica dei generi trattati • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Acquisizione della capacità di ideare e sostenere argomentazioni per risolvere problemi nell'interpretazione di un testo della poesia greca arcaica e classica, anche sulla base delle teorizzazioni antiche sulla poetica. • obiettivi - espressione di giudizi: Acquisizione della capacità di esprimere giudizi sulle interpretazioni di testi poetici greci arcaici o classici in traduzione italiana, con particolare attenzione ai miti, al contesto storico, alle modalità di performance. • obiettivi - abilità nella comunicazione: Capacità di esporre in modo ordinato e chiaro i concetti e i dati appresi, con linguaggio appropriato e comprensibile a non specialisti, evitando la ripetizione mnemonica e muovendosi con logica personale tra i temi trattati • obiettivi - capacità di studio: Capacità, sulla base dei testi presi in esame durante il corso, di raccogliere i dati necessari per interpretare (in traduzione) altri testi greci appartenenti agli stessi generi letterari
PrerequisitiConoscenze informatiche di base (navigazione internet; utilizzo di file inseriti su DIR); buona conoscenza della lingua italiana; conoscenza di nozioni essenziali di storia antica e di geografia del Mediterraneo impartite nella scuola superiore.
Metodi didatticiLezione frontale, discussione in classe.
Altre informazioniIl docente ha preparato materiali didattici, disponibili sul servizio informatico interno dell’ateneo (DIR).
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa prova finale consiste in una verifica orale che verterà sui seguenti punti: verifica della conoscenza di dati essenziali relativi alla trattazione del mito in opere appartenenti a diversi generi letterari (domanda tipo: “come viene presentato il mito in una delle opere letterarie in programma?”) (40% del peso sul voto d’esame); verifica della conoscenza di dati essenziali relativi alla storia letteraria (domanda tipo: “in che contesto storico, geografico e di performance fu presentata al pubblico antico una delle opere letterarie in programma?”) (20% del peso sul voto d’esame); verifica della comprensione delle teorie letterarie antiche discusse in classe (domanda tipo: “come definisce Aristotele la tragedia/l’epica/l’arte/la storiografia/l’unità dell’opera d’arte/la catarsi/la pietà e la paura/la colpa tragica?”) (20% del peso sul voto d’esame); verifica della capacità di formulare giudizi sulle opere in programma, sulla base delle teorie letterarie discusse in classe e sui saggi in programma d’esame (domanda tipo: “le sembra che la teoria aristotelica renda conto in maniera soddisfacente dei problemi interpretativi di una delle opere letterarie in programma?”) (20% del peso sul voto d’esame). La valutazione si basa sul grado di conoscenze e comprensione dei testi e dei concetti in programma, sulla capacità di applicazione delle conoscenze al testo o al problema interpretativo proposto, e sul grado di capacità espressiva e comunicativa.
Programma estesoIntroduzione alla civiltà letteraria greca tramite la lettura in traduzione italiana e l'interpretazione di alcuni testi fondamentali: Omero, Odissea (canti 8-12), antologia della lirica greca (con riferimento a Saffo e Pindaro), Eschilo (Agamennone, Prometeo), Sofocle (Edipo Re, Antigone), Euripide (Medea, Ippolito, Eracle, Baccanti), Aristofane (La festa delle donne), Aristotele (Poetica). • unità didattica 1: Omero • unità didattica 2: Esiodo, Saffo, Pindaro • unità didattica 3: Introduzione al teatro greco • unità didattica 4: Eschilo: Agamennone, Prometeo • unità didattica 5: Sofocle: Edipo Re, Antigone • unità didattica 6: Euripide: Medea, Ippolito, Eracle, Baccanti • unità didattica 7: Aristofane: La festa delle donne • unità didattica 8: Aristotele: La Poetica
Risultati di apprendimento attesiconoscenza di dati essenziali relativi alla trattazione del mito in opere della civiltà letteraria greca antica appartenenti a diversi generi letterari; conoscenza di dati essenziali relativi alla storia letteraria greca antica; comprensione delle teorie letterarie della Grecia antica discusse in classe; capacità di formulare giudizi sulle opere in programma, sulla base delle teorie letterarie discusse in classe e sui saggi in programma d’esame
Insegnamento mutuante inLETTERE (1722) - LE0169 INTRODUZIONE ALLA CIVILTÀ LETTERARIA GRECA - VERCELLI
LETTERE (1722) - LE0218 INTRODUZIONE ALLA CIVILTA LETTERARIA GRECA - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0499 INTRODUZIONE ALLA CIVILTA' LETTERARIA GRECA - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0499 INTRODUZIONE ALLA CIVILTA' LETTERARIA GRECA - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0499 INTRODUZIONE ALLA CIVILTA' LETTERARIA GRECA - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0499 INTRODUZIONE ALLA CIVILTA' LETTERARIA GRECA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoINTRODUZIONE ALLE CIVILTÀ LETTERARIE CLASSICHE 1
CodiceLE0234
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBATTEZZATO Luigi
DocentiBORGNA Alice
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeALESSANDRIA
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LE0235 INTRODUZIONE ALLA LINGUA E CIVILTÀ LETTERARIA LATINA 1 L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA L-FIL-LET/04 BORGNA Alice
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoINTRODUZIONE ALLA LINGUA E CIVILTÀ LETTERARIA LATINA 1
CodiceLE0235
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBORGNA Alice
DocentiBORGNA Alice
CFU6
Ore di lezione15
Ore di studio individuale85
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA L-FIL-LET/04
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiIntroduzione alla lingua e alla letteratura latina
Testi di riferimento1. Parte di letteratura: - [obbligatori per tutti] G. GUIDORIZZI, E. CANTARELLA, Civitas. L'universo dei Romani. Vol I (L'età arcaica e repubblicana) e Vol II (L'età augustea), Einaudi Scuola. ISBN 9788828616405 (vol I) e 9788828618997 (vol II) - [FACOLTATIVO per i frequentanti, OBBLIGATORIO per i non frequentanti] M. LENTANO, Introduzione (faziosa) alla letteratura latina, Roma, Aracne. 2. 2 2. Parte di lingua: - [obbligatorio per tutti] A. DIOTTI - M.P. CIUFFARELLA, Mirum Iter. Lezioni 1 + Grammatica, Pearson. ISBN 9788869104282 (gli studenti sono caldamente invitati a procurarsi questo testo per la prima lezione)
Obiettivi formativiObiettivo A: solido apprendimento della morfologia latina. Obiettivo B: conoscenza essenziale dei generi e dei problemi della letteratura latina e dei suoi autori fino all'età augustea. Obiettivo C: consapevolezza delle finalità didattiche dello studio del latino in relazione all'insegnamento dell'italiano nelle scuole secondarie.
PrerequisitiNON si richiede una conoscenza pregressa del latino in quanto questo esame può essere sostenuto SOLO da quanti possano dimostrare di essere in possesso del diploma di una scuola superiore in cui NON si studia il latino o dove sia tra materie curricolari solamente al BIENNIO, oppure di essere diplomati da più di 15 anni. In caso contrario, si dovrà inserire il modulo di Letteratura Latina del prof. Manca. Il medesimo sbarramento vale anche per quanti inseriscano il modulo come corso singolo al fine di acquisire crediti nel settore scientifico disciplinare L-FIL-LET/04 (Lingua e Letteratura Latina) per accedere alle graduatorie per l'insegnamento. Non sono previste eccezioni.
Metodi didatticiLezioni frontali di Letteratura Lezioni e esercitazioni di Lingua Didattica in Rete
Altre informazioniSi integra col modulo di INTRODUZIONE ALLA CIVILTÀ LETTERARIA GRECA a formare l'esame integrato di INTRODUZIONE ALLE CIVILTÀ LETTERARIE CLASSICHE. CORSI SINGOLI: AVVERTENZA. Si ricorda che il programma resta esattamente il medesimo (test di grammatica + versione + orale di letteratura), senza alcun tipo di eccezione o modifica, anche per quanti inseriscano il modulo come corso singolo per acquisire crediti nel settore scientifico disciplinare L-FIL-LET/04 (Lingua e Letteratura Latina) per accedere alle graduatorie per l'insegnamento. Anche in questo caso, l'esame può essere sostenuto SOLO da quanti possano dimostrare di essere in possesso di diploma di una scuola superiore in cui non si studia il latino, oppure di essere diplomati da più di 15 anni. In caso contrario, si dovrà inserire il modulo di Letteratura Latina del prof. Manca. CORSO PRE-FIT. Ambito D "METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE" valido ai fini pre-FIT per le classi di concorso: A11, A13, A74, A75, A81, A82.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame è composto da una prova scritta di lingua latina (60% del voto finale - obiettivo A ) e da un orale di letteratura (40% del voto finale - obiettivi B e C). La prova scritta, della durata complessiva di 3h, si compone di: - un test di grammatica (senza dizionario), della durata di 1h - una versione dal latino all'italiano (con dizionario), della durata di 2h. Per superare la prova è necessario aver ottenuto la sufficienza (18/30) in entrambe le parti. Tale prova scritta complessiva, tuttavia, può essere sostituita dalle tre prove in itinere che si terranno durante le ore di lezione. Gli studenti che le avranno sostenute tutte e tre, riportando una media uguale o superiore a 18/30 saranno direttamente ammessi all’orale. Anche chi avesse sostenuto le due prove riportando una media compresa tra il 16 e i 18/30 non dovrà ripetere lo scritto, ma ma porterà un supplemento di grammatica (concordato con la docente) direttamente all’orale. Non è possibile sostenere l'orale di letteratura prima di aver superato lo scritto. In caso di esami particolarmente brillanti la lode verrà assegnata secondo i seguenti criteri: (i) media degli scritti pari o superiore a 28/30; (ii) costante impegno nello svolgimento degli esercizi assegnati; (iii) capacità di muoversi criticamente all'interno del panorama letterario studiato. Saranno considerati frequentanti gli studenti che avranno preso parte ad almeno il 75% delle lezioni. Gli studenti non frequentanti dovranno portare all'esame un supplemento di programma.
Programma estesoConoscenza essenziale di generi e problemi della letteratura latina e dei suoi autori con lettura di passi antologizzati in lingua italiana. PARTE DI LETTERATURA • unità didattica 1: Periodizzazione delle letteratura latina. La trasmissione dei classici. L'età arcaica. Il teatro comico di Plauto e Terenzio. • unità didattica 2: Lucrezio e il De rerum natura • unità didattica 3: La lirica. La poetica callimachea e la poesia dei neoteroi. Catullo e il liber Catullianum. • unità didattica 4: Gli inizi della storiografia romana: dall'annalistica a Catone. Introduzione all'età di Cesare. Cesare e i Commentarii • unità didattica 5: Sallustio e la monografia storica • unità didattica 6: Cicerone e la fine della repubblica • unità didattica 7: Introduzione alla letteratura augustea. Il circolo di Mecenate. Virgilio e Orazio • unità didattica 8: L'elegia a Roma: Tibullo, Properzio, Ovidio. • unità didattica 9: La storiografia nell'era di Augusto: Livio PARTE DI LINGUA - unità 1: I declinazione. Verbo essere e distinzione tra predicato nominale e verbale. Complementi di stato in luogo e moto a luogo. - unità 2: Indicativo presente attivo e passivo. Complementi di agente, causa efficiente, modo e mezzo. - unità 3: Aggettivi femminili della prima classe. Complementi di moto da luogo e moto per luogo. Congiunzioni coordinanti. - unità 4: Indicativo imperfetto attivo e passivo. Complemento di denominazione. Indicativo futuro semplice attivo e passivo. Complementi di causa e di fine. - unità 5: II declinazione. Particolarità dei complementi di luogo. - unità 6: Aggettivi della I classe. Aggettivi possessivi e pronominali. - unità 7: Verbi in -io. Imperativo. Complementi di compagnia, unione e argomento. - unità 8: Indicativo perfetto attivo e passivo. Participio perfetto. Complemento di vantaggio e svantaggio. - unità 9: Dativo di possesso. III declinazione: primo e secondo gruppo. complementi di tempo. - unità 10: III declinazione. terzo gruppo particolarità III declinazione. - unità 11: Aggettivi della II classe. Participio presente. Avverbi. - unità 12: Indicativo piuccheperfetto e futuro anteriore. Proposizione causale con l’indicativo. - unità 13: La IV declinazione. Proposizione temporale con l’indicativo. - unità 14: La V declinazione. Doppio dativo. Nomi e aggettivi indeclinabili. Complemento abbondanza e privazione. - unità 15: Participio futuro e coniugazione perifrastica attiva. - unità 16: Pronomi personali. Complemento di allontanamento e origine. - unità 17: Pronomi aggettivi determinativi e dimostrativi. - unità 18: Pronomi relativi e la proposizione relativa.
Risultati di apprendimento attesiPARTE DI LETTERATURA: Capacità di orientarsi nello sviluppo storico della letteratura latina e di cogliere gli aspetti salienti degli autori illustrati, inserendola opportunamente nel contesto storico-culturale e all’interno del genere letterario di appartenenza. PARTE DI LINGUA: Apprendimento della morfologia latina. Capacità di comprendere, tradurre e interpretare semplici testi latini. Per quanto attiene alle finalità DIDATTICHE si verificherà la conoscenza degli elementi più significativi dell'eredità del latino nella lingua italiana.
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLETTERATURA ITALIANA 1+2
CodiceLE0222
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoGIBELLINI Cecilia
DocentiGIBELLINI Cecilia
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
SedeALESSANDRIA
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiLetteratura italiana 1: Menzogna e reticenza nella letteratura italiana del Settecento. Letteratura italiana 2: L’ultimo vate: Gabriele d’Annunzio.
Testi di riferimentoLetteratura italiana 1: (1.1) Per la parte generale: una Storia e antologia della Letteratura italiana, per il periodo dell’Arcadia e dell’Illuminismo (fino ad Alfieri compreso). Nel caso che gli studenti non ne abbiano una a disposizione, consiglio una di queste: Vivo, scrivo (La Scuola Editrice); Leggere il mondo (Bruno Mondadori); Storia e testi della letteratura italiana (Mondadori Education); Il filo rosso (Laterza); Al cuore della letteratura (Giunti TVP); Dal testo alla storia dalla storia al testo (Paravia). (1.2) Per la parte monografica: la docente preparerà una dispensa con i testi che verranno commentati a lezione, che sarà depositata entro la metà di settembre presso la Biblioteca del DIGSPES. Gli studenti sono invitati a procurarsi una copia della dispensa per tempo, di modo da esserne provvisti già per la prima lezione. (1.3) Altri testi di riferimento, per eventuali approfondimenti: Giovanni Macchia, Vita avventura e morte di Don Giovanni, Bari, Laterza, 1966 (o edizioni successive); Mario Lavagetto, La cicatrice di Montaigne: sulla bugia in letteratura, Torino, Einaudi, 1992; Maria Bettetini, Breve storia della bugia, Milano, Raffaello Cortina, 2001; Francesca Serra, Praga, 29 ottobre 1789. Casanova e il romanzo vivente, in Atlante della letteratura italiana, a cura di Sergio Luzzatto e Gabriele Pedullà, vol. II, Dalla Controriforma alla Restaurazione, a cura di Erminia Irace, Torino, Einaudi, 2011, pp. 810-816; Giambattista Casti, Novelle libertine inedite e disperse, a cura di Cecilia Gibellini, Massa, Lu:Ce, 2016; Alessandro Zaniol, L’ombra di Don Giovanni: un modello culturale per la riforma goldoniana, in Carlo Goldoni, Teatro. Il bugiardo. La locandiera. Il servitore di due padroni, Milano, Feltrinelli, 2018, pp. 5-36. (1.4) Gli studenti non frequentanti dovranno contattare la docente per avere le indicazioni necessarie sulle letture integrative per la preparazione dell’esame. Letteratura italiana 2: (2.1) La docente preparerà una dispensa con i testi che verranno commentati a lezione, che sarà depositata entro la metà di settembre presso la Biblioteca del DIGSPES. Gli studenti sono invitati a procurarsi una copia della dispensa per tempo, di modo da esserne provvisti già per la prima lezione. (2.2) Per la prova finale, gli studenti dovranno inoltre leggere integralmente un’opera dannunziana, in edizione commentata e con introduzione, a scelta tra le seguenti: Il piacere (consiglio l’edizione Garzanti Grandi Libri a cura di Ilvano Caliaro; oppure quella Rizzoli BUR a cura di Enrica Gambin); Alcyone (consiglio l’edizione Garzanti Grandi Libri a cura di Maria Belponer; oppure quella Mondadori a cura di Federico Roncoroni); La figlia di Iorio (consiglio l’edizione Oscar Mondadori a cura di Milva Maria Cappellini; oppure quella Garzanti Grandi Libri a cura di Raffaella Bertazzoli); Notturno (consiglio l’edizione Garzanti Grandi Libri a cura di Elena Ledda); Cento e cento e cento e cento pagine del libro segreto di Gabriele d’Annunzio tentato di morire (consiglio l’edizione Rizzoli BUR a cura di Pietro Gibellini).
Obiettivi formativiLetteratura italiana 1: Conoscenze e comprensione: Acquisizione della conoscenza di base della storia e dei principali autori della letteratura italiana del XVIII secolo, anche in rapporto al contesto europeo, delle maggiori correnti ideologiche e delle tendenze poetiche, dei generi della poesia e della prosa. Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Acquisizione della capacità di esaminare i testi letterari settecenteschi, con una particolare attenzione al tema del corso –menzogna e reticenza –, formulando ipotesi e risolvendo i problemi di interpretazione, e di coglierne gli elementi distintivi, collocandoli adeguatamente nel contesto storico e culturale e inquadrandoli all’interno dei generi e delle poetiche. Espressione di giudizi: Acquisizione della capacità di esprimere giudizi sui testi e sulle loro interpretazioni critiche, discutendone criticamente ragioni e limiti, con particolare attenzione alla prospettiva storica. Abilità nella comunicazione: Capacità di esporre in modo ordinato e chiaro i concetti e i dati appresi, usando un linguaggio appropriato, evitando la ripetizione mnemonica e muovendosi con autonomia tra i temi trattati. Capacità di studio: Capacità di applicarsi, grazie agli strumenti e alle metodologie acquisite, all’analisi di un testo letterario e all’approfondimento di temi e questioni specifiche. Letteratura italiana 2: Conoscenze e comprensione: Acquisizione della conoscenza della vita, della poetica e delle opere di Gabriele d’Annunzio, anche in rapporto al contesto culturale europeo tra Otto e Novecento. Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Acquisizione della capacità di esaminare i testi letterari dannunziani, collegando gli elementi biografici e ideologici a quelli più strettamente letterari, collocandoli adeguatamente nel contesto storico e culturale, inquadrandoli all’interno dei generi, mettendoli in relazione con le fonti e risolvendo i problemi di interpretazione. Espressione di giudizi: Acquisizione della capacità di esprimere giudizi sui testi e sulle loro interpretazioni critiche, discutendone criticamente ragioni e limiti, con particolare attenzione alla prospettiva storica. Abilità nella comunicazione: Capacità di esporre in modo ordinato e chiaro i concetti e i dati appresi, usando un linguaggio appropriato, evitando la ripetizione mnemonica e muovendosi con autonomia tra i temi trattati. Capacità di studio: Capacità di applicarsi, grazie agli strumenti e alle metodologie acquisite, all’analisi di un testo letterario e all’approfondimento di temi e questioni specifiche.
PrerequisitiConoscenza della storia della letteratura italiana nelle sue linee essenziali di sviluppo (a livello di scuola secondaria superiore). Conoscenze informatiche di base, per poter scaricare e utilizzare i file inseriti dalla docente sulla piattaforma DIR.
Metodi didatticiLezioni frontali con discussione; lettura e commento dei testi in aula, con domande e discussione; didattica in rete (DIR).
Altre informazioniLa docente metterà a disposizione degli studenti materiali didattici attraverso il servizio informatico di ateneo (DIR). Gli studenti non frequentanti sono pregati di contattare la docente (cecilia.gibellini@uniupo.it) per avere qualche indicazione di massima per la preparazione dell’esame e per concordare alcune letture integrative.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLetteratura italiana 1: La prova finale consiste in una verifica orale, che verterà sui seguenti punti: Verifica della conoscenza di base della letteratura italiana del XVIII secolo: una domanda su un movimento, un autore, un problema, un’opera (esempi: Poetica, generi e autori della letteratura d’Arcadia; Caratteri e protagonisti dell’Illuminismo milanese; La riforma teatrale di Goldoni; Il Giorno di Parini: composizione, struttura, temi e stile, ecc.) – 30% del peso sul voto d’esame; Verifica della capacità di esaminare ed interpretare i testi, con una particolare attenzione al tema della menzogna e della reticenza, e insieme delle abilità comunicative e della capacità di esprimere giudizi: una domanda su un personaggio, un’opera o un suo passaggio, un tema o un problema all’interno di un testo specifico o di un genere (esempi: La reticenza nella Mirra di Alfieri; Menzogna e seduzione nel Don Giovanni di Da Ponte-Mozart; Verità e menzogna nelle autobiografie settecentesche) – 35 % del peso sul voto d’esame; Verifica della capacità di esaminare e interpretare i testi, di esprimere giudizi, e di applicarsi all’analisi del testo letterario: una domanda consistente nella parafrasi, analisi e commento di un brano tra quelli antologizzati nella dispensa – 35 % del peso sul voto d’esame. Per superare l’esame occorrerà rispondere in modo almeno sufficiente a ciascuna delle domande. Letteratura italiana 2: La prova finale consiste in una verifica orale, che verterà sui seguenti punti: Verifica della conoscenza della vita, della poetica e dell’opera di D’Annunzio: una domanda su un periodo biografico, un’opera, un problema, anche in riferimento al contesto e agli altri autori (esempi: Il piacere nel contesto del Decadentismo europeo; Genesi, caratteri e fortuna della prosa ‘notturna’; Il rapporto tra D’Annunzio e Pascoli, ecc.) – 50% del peso sul voto d’esame; Verifica della capacità di esaminare ed interpretare i testi, delle abilità comunicative e della capacità di esprimere giudizi: una domanda che parte dalla lettura e dalla parafrasi di un brano dell’autore, per poi passare alla sua contestualizzazione, analisi e commento – 50 % del peso sul voto d’esame. Per superare l’esame occorrerà rispondere in modo almeno sufficiente a ciascuna delle domande. La valutazione si basa sul grado di conoscenze e comprensione dei testi e dell’autore, sulla capacità di applicazione delle conoscenze al testo o al problema interpretativo proposto, e sul grado di capacità espressiva e comunicativa.
Programma estesoLetteratura italiana 1: (1) Parte generale: la letteratura italiana nelle età dell’Arcadia e dell’Illuminismo. L’Arcadia: nascita e storia dell’Accademia; la poetica (la linea di Crescimbeni e quella del Gravina); gli autori e i generi; il melodramma nel Settecento; Pietro Metastasio: vita e opere. Giambattista Vico: vita, opere, pensiero. L’Illuminismo: L’età dei Lumi in Europa; l’Illuminismo milanese, «Il Caffè», i fratelli Verri, Cesare Beccaria. Giuseppe Parini: vita, poetica, opere (le Odi e passi del Giorno). Carlo Goldoni: vita, poetica, opere. Vittorio Alfieri: vita, poetica, opere (la Vita; le Rime; le tragedie). Il libertinismo, dalle origini alle figure degli scrittori libertini settecenteschi (Lorenzo Da Ponte, Giacomo Casanova, Giambattista Casti). (2) Parte monografica: Menzogna e reticenza nella letteratura italiana del Settecento. La menzogna come gioco: Il bugiardo di Goldoni. Colpa e reticenza: la Mirra di Alfieri. Menzogna e seduzione nella letteratura libertina: Il Don Giovanni di Da Ponte-Mozart, l’Histoire de ma vie di Casanova, le Novelle di Casti. Letteratura italiana 2: Il contesto culturale e ideologico dell’Italia di fine Ottocento e inizio Novecento: Realismo e Decadentismo; Scapigliatura, Simbolismo, Estetismo. Gabriele d’Annunzio: le vicende biografiche, la poetica, il rapporto con gli altri autori; le opere principali, esaminate in rapporto al contesto europeo, al canone dei generi letterari, alla biografia e all’ideologia dell’autore, con analisi e commento di un’ampia scelta di passi; la fortuna e la sfortuna critica.
Risultati di apprendimento attesiLetteratura italiana 1: Conoscenza della storia e dei principali autori della letteratura italiana del XVIII secolo, anche in rapporto al contesto europeo; capacità di esaminare e interpretare i testi letterari settecenteschi, con una particolare attenzione al tema trattato; capacità di esprimere giudizi sui testi e sulle loro interpretazioni critiche; capacità di applicarsi all’analisi del testo letterario; capacità di esporre in modo chiaro e con linguaggio appropriato i concetti e i dati appresi. Letteratura italiana 2: Conoscenza della vita, della poetica e delle opere di Gabriele d’Annunzio, anche in rapporto al contesto culturale europeo tra Otto e Novecento; capacità di esaminare e interpretare i testi letterari dannunziani, collegando gli elementi biografici e ideologici a quelli più strettamente letterari; capacità di esprimere giudizi sui testi e sulle loro interpretazioni critiche; capacità di applicarsi all’analisi del testo letterario; capacità di esporre in modo chiaro e con linguaggio appropriato i concetti e i dati appresi.
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LE0223 LETTERATURA ITALIANA 1 L-FIL-LET/10 - LETTERATURA ITALIANA L-FIL-LET/10 GIBELLINI Cecilia
LE0224 LETTERATURA ITALIANA 2 L-FIL-LET/10 - LETTERATURA ITALIANA L-FIL-LET/10 GIBELLINI Cecilia
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLETTERATURA ITALIANA 1
CodiceLE0223
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoGIBELLINI Cecilia
DocentiGIBELLINI Cecilia
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/10 - LETTERATURA ITALIANA L-FIL-LET/10
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiMenzogna e reticenza nella letteratura italiana del Settecento
Testi di riferimento(1) Per la parte generale: una Storia e antologia della Letteratura italiana, per il periodo dell’Arcadia e dell’Illuminismo (fino ad Alfieri compreso). Nel caso che gli studenti non ne abbiano una a disposizione, consiglio una di queste: Vivo, scrivo (La Scuola Editrice); Leggere il mondo (Bruno Mondadori); Storia e testi della letteratura italiana (Mondadori Education); Il filo rosso (Laterza); Al cuore della letteratura (Giunti TVP); Dal testo alla storia dalla storia al testo (Paravia). (2) Per la parte monografica: la docente preparerà una dispensa con i testi che verranno commentati a lezione, che sarà depositata entro la metà di settembre presso la Biblioteca del DIGSPES. Gli studenti sono invitati a procurarsi una copia della dispensa per tempo, di modo da esserne provvisti già per la prima lezione. (3) Altri testi di riferimento, per eventuali approfondimenti: Giovanni Macchia, Vita avventura e morte di Don Giovanni, Bari, Laterza, 1966 (o edizioni successive); Mario Lavagetto, La cicatrice di Montaigne: sulla bugia in letteratura, Torino, Einaudi, 1992; Maria Bettetini, Breve storia della bugia, Milano, Raffaello Cortina, 2001; Francesca Serra, Praga, 29 ottobre 1789. Casanova e il romanzo vivente, in Atlante della letteratura italiana, a cura di Sergio Luzzatto e Gabriele Pedullà, vol. II, Dalla Controriforma alla Restaurazione, a cura di Erminia Irace, Torino, Einaudi, 2011, pp. 810-816; Giambattista Casti, Novelle libertine inedite e disperse, a cura di Cecilia Gibellini, Massa, Lu:Ce, 2016; Alessandro Zaniol, L’ombra di Don Giovanni: un modello culturale per la riforma goldoniana, in Carlo Goldoni, Teatro. Il bugiardo. La locandiera. Il servitore di due padroni, Milano, Feltrinelli, 2018, pp. 5-36. (4) Gli studenti non frequentanti dovranno contattare la docente per avere le indicazioni necessarie sulle letture integrative per la preparazione dell'esame.
Obiettivi formativiConoscenze e comprensione: Acquisizione della conoscenza di base della storia e dei principali autori della letteratura italiana del XVIII secolo, anche in rapporto al contesto europeo, delle maggiori correnti ideologiche e delle tendenze poetiche, dei generi della poesia e della prosa. Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Acquisizione della capacità di esaminare i testi letterari settecenteschi, con una particolare attenzione al tema del corso –menzogna e reticenza –, formulando ipotesi e risolvendo i problemi di interpretazione, e di coglierne gli elementi distintivi, collocandoli adeguatamente nel contesto storico e culturale e inquadrandoli all’interno dei generi e delle poetiche. Espressione di giudizi: Acquisizione della capacità di esprimere giudizi sui testi e sulle loro interpretazioni critiche, discutendone criticamente ragioni e limiti, con particolare attenzione alla prospettiva storica. Abilità nella comunicazione: Capacità di esporre in modo ordinato e chiaro i concetti e i dati appresi, usando un linguaggio appropriato, evitando la ripetizione mnemonica e muovendosi con autonomia tra i temi trattati. Capacità di studio: Capacità di applicarsi, grazie agli strumenti e alle metodologie acquisite, all’analisi di un testo letterario e all’approfondimento di temi e questioni specifiche.
PrerequisitiConoscenza della storia della letteratura italiana nelle sue linee essenziali di sviluppo (a livello di scuola secondaria superiore). Conoscenze informatiche di base, per poter scaricare e utilizzare i file inseriti dalla docente sulla piattaforma DIR.
Metodi didatticiLezioni frontali con discussione; lettura e commento dei testi in aula, con domande e discussione; didattica in rete (DIR).
Altre informazioniLa docente metterà a disposizione degli studenti materiali didattici attraverso il servizio informatico di ateneo (DIR). Gli studenti non frequentanti sono pregati di contattare la docente (cecilia.gibellini@uniupo.it) per avere qualche indicazione di massima per la preparazione dell’esame e per concordare alcune letture integrative.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa prova finale consiste in una verifica orale, che verterà sui seguenti punti: Verifica della conoscenza di base della letteratura italiana del XVIII secolo: una domanda su un movimento, un autore, un problema, un’opera (esempi: Poetica, generi e autori della letteratura d’Arcadia; Caratteri e protagonisti dell’Illuminismo milanese; La riforma teatrale di Goldoni; Il Giorno di Parini: composizione, struttura, temi e stile, ecc.) – 30% del peso sul voto d’esame; Verifica della capacità di esaminare ed interpretare i testi, con una particolare attenzione al tema della menzogna e della reticenza, e insieme delle abilità comunicative e della capacità di esprimere giudizi: una domanda su un personaggio, un’opera o un suo passaggio, un tema o un problema all’interno di un testo specifico o di un genere (esempi: La reticenza nella Mirra di Alfieri; Menzogna e seduzione nel Don Giovanni di Da Ponte-Mozart; Verità e menzogna nelle autobiografie settecentesche) – 35 % del peso sul voto d’esame; Verifica della capacità di esaminare e interpretare i testi, di esprimere giudizi, e di applicarsi all’analisi del testo letterario: una domanda consistente nella parafrasi, analisi e commento di un brano tra quelli antologizzati nella dispensa – 35 % del peso sul voto d’esame. Per superare l’esame occorrerà rispondere in modo almeno sufficiente a ciascuna delle domande. La valutazione si basa sul grado di conoscenze e comprensione dei testi e degli autori in programma, sulla capacità di applicazione delle conoscenze al testo o al problema interpretativo proposto, e sul grado di capacità espressiva e comunicativa.
Programma esteso(1) Parte generale: la letteratura italiana nelle età dell’Arcadia e dell’Illuminismo. L’Arcadia: nascita e storia dell’Accademia; la poetica (la linea di Crescimbeni e quella del Gravina); gli autori e i generi; il melodramma nel Settecento; Pietro Metastasio: vita e opere. Giambattista Vico: vita, opere, pensiero. L’Illuminismo: L’età dei Lumi in Europa; l’Illuminismo milanese, «Il Caffè», i fratelli Verri, Cesare Beccaria. Giuseppe Parini: vita, poetica, opere (le Odi e passi del Giorno). Carlo Goldoni: vita, poetica, opere. Vittorio Alfieri: vita, poetica, opere (la Vita; le Rime; le tragedie). Il libertinismo, dalle origini alle figure degli scrittori libertini settecenteschi (Lorenzo Da Ponte, Giacomo Casanova, Giambattista Casti). (2) Parte monografica: Menzogna e reticenza nella letteratura italiana del Settecento. La menzogna come gioco: Il bugiardo di Goldoni. Colpa e reticenza: la Mirra di Alfieri. Menzogna e seduzione nella letteratura libertina: Il Don Giovanni di Da Ponte-Mozart, l’Histoire de ma vie di Casanova, le Novelle di Casti. Unità didattica 1: L’Arcadia; Pietro Metastasio; il melodramma. Unità didattica 2: L’Illuminismo milanese; Giuseppe Parini: vita, poetica, opere. Unità didattica 3: Carlo Goldoni, vita, poetica, opere. Analisi della commedia Il bugiardo. Unità didattica 4: Vittorio Alfieri: vita, poetica, opere. Analisi della tragedia Mirra. Unità didattica 5: Il libertinismo e il mito di Don Giovanni. Unità didattica 6: Don Giovanni da Tirso de Molina attraverso Molière a Lorenzo Da Ponte. Unità didattica 7: L’Histoire de ma vie di Giacomo Casanova. Unità didattica 8: Le Novelle galanti di Giambattista Casti.
Risultati di apprendimento attesiConoscenza della storia e dei principali autori della letteratura italiana del XVIII secolo, anche in rapporto al contesto europeo; capacità di esaminare e interpretare i testi letterari settecenteschi, con una particolare attenzione al tema trattato; capacità di esprimere giudizi sui testi e sulle loro interpretazioni critiche; capacità di applicarsi all’analisi del testo letterario; capacità di esporre in modo chiaro e con linguaggio appropriato i concetti e i dati appresi.
Insegnamento mutuante inLETTERE (1722) - LE0253 LETTERATURA ITALIANA 3 - ALESSANDRIA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLETTERATURA ITALIANA 2
CodiceLE0224
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoGIBELLINI Cecilia
DocentiGIBELLINI Cecilia
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/10 - LETTERATURA ITALIANA L-FIL-LET/10
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiL’ultimo vate: Gabriele d’Annunzio
Testi di riferimento(1) La docente preparerà una dispensa con i testi che verranno commentati a lezione, che sarà depositata entro la metà di settembre presso la Biblioteca del DIGSPES. Gli studenti sono invitati a procurarsi una copia della dispensa per tempo, di modo da esserne provvisti già per la prima lezione. (2) Per la prova finale, gli studenti dovranno inoltre leggere integralmente un’opera dannunziana, in edizione commentata e con introduzione, a scelta tra le seguenti: Il piacere (consiglio l’edizione Garzanti Grandi Libri a cura di Ilvano Caliaro; oppure quella Rizzoli BUR a cura di Enrica Gambin); Alcyone (consiglio l’edizione Garzanti Grandi Libri a cura di Maria Belponer; oppure quella Mondadori a cura di Federico Roncoroni); La figlia di Iorio (consiglio l’edizione Oscar Mondadori a cura di Milva Maria Cappellini; oppure quella Garzanti Grandi Libri a cura di Raffaella Bertazzoli); Notturno (consiglio l’edizione Garzanti Grandi Libri a cura di Elena Ledda); Cento e cento e cento e cento pagine del libro segreto di Gabriele d’Annunzio tentato di morire (consiglio l’edizione Rizzoli BUR a cura di Pietro Gibellini).
Obiettivi formativiConoscenze e comprensione: Acquisizione della conoscenza della vita, della poetica e delle opere di Gabriele d’Annunzio, anche in rapporto al contesto culturale europeo tra Otto e Novecento. Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Acquisizione della capacità di esaminare i testi letterari dannunziani, collegando gli elementi biografici e ideologici a quelli più strettamente letterari, collocandoli adeguatamente nel contesto storico e culturale, inquadrandoli all’interno dei generi, mettendoli in relazione con le fonti e risolvendo i problemi di interpretazione. Espressione di giudizi: Acquisizione della capacità di esprimere giudizi sui testi e sulle loro interpretazioni critiche, discutendone criticamente ragioni e limiti, con particolare attenzione alla prospettiva storica. Abilità nella comunicazione: Capacità di esporre in modo ordinato e chiaro i concetti e i dati appresi, usando un linguaggio appropriato, evitando la ripetizione mnemonica e muovendosi con autonomia tra i temi trattati. Capacità di studio: Capacità di applicarsi, grazie agli strumenti e alle metodologie acquisite, all’analisi di un testo letterario e all’approfondimento di temi e questioni specifiche.
PrerequisitiConoscenza della storia della letteratura italiana nelle sue linee essenziali di sviluppo (a livello di scuola secondaria superiore). Conoscenze informatiche di base, per poter scaricare e utilizzare i file inseriti dalla docente sulla piattaforma DIR.
Metodi didatticiLezioni frontali con discussione; lettura e commento dei testi in aula, con domande e discussione; didattica in rete (DIR).
Altre informazioniLa docente metterà a disposizione degli studenti materiali didattici attraverso il servizio informatico di ateneo (DIR).
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa prova finale consiste in una verifica orale, che verterà sui seguenti punti: Verifica della conoscenza della vita, della poetica e dell’opera di D’Annunzio: una domanda su un periodo biografico, un’opera, un problema, anche in riferimento al contesto e agli altri autori (esempi: Il piacere nel contesto del Decadentismo europeo; Genesi, caratteri e fortuna della prosa ‘notturna’; Il rapporto tra D’Annunzio e Pascoli, ecc.) – 50% del peso sul voto d’esame; Verifica della capacità di esaminare ed interpretare i testi, delle abilità comunicative e della capacità di esprimere giudizi: una domanda che parte dalla lettura e dalla parafrasi di un brano dell’autore, per poi passare alla sua contestualizzazione, analisi e commento – 50 % del peso sul voto d’esame. Per superare l’esame occorrerà rispondere in modo almeno sufficiente a ciascuna delle domande. La valutazione si basa sul grado di conoscenze e comprensione dei testi e dell’autore, sulla capacità di applicazione delle conoscenze al testo o al problema interpretativo proposto, e sul grado di capacità espressiva e comunicativa.
Programma estesoIl contesto culturale e ideologico dell’Italia di fine Ottocento e inizio Novecento: Realismo e Decadentismo; Scapigliatura, Simbolismo, Estetismo. Gabriele d’Annunzio: le vicende biografiche, la poetica, il rapporto con gli altri autori; le opere principali, esaminate in rapporto al contesto europeo, al canone dei generi letterari, alla biografia e all’ideologia dell’autore, con analisi e commento di un’ampia scelta di passi; la fortuna e la sfortuna critica.
Risultati di apprendimento attesiConoscenza della vita, della poetica e delle opere di Gabriele d’Annunzio, anche in rapporto al contesto culturale europeo tra Otto e Novecento; capacità di esaminare e interpretare i testi letterari dannunziani, collegando gli elementi biografici e ideologici a quelli più strettamente letterari; capacità di esprimere giudizi sui testi e sulle loro interpretazioni critiche; capacità di applicarsi all’analisi del testo letterario; capacità di esporre in modo chiaro e con linguaggio appropriato i concetti e i dati appresi.
Insegnamento mutuante inLETTERE (1722) - LE0254 LETTERATURA ITALIANA 4 - ALESSANDRIA
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLETTERATURA ITALIANA I+II
CodiceL0910
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoSINI Stefania Irene
DocentiGIBELLINI Cecilia, SINI Stefania Irene
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
ContenutiIl Corso di Letteratura italiana I + II (12 cfu) è composto dal il Corso di Letteratura italiana I (6 cfu) (titolare del corso prof.ssa Cecilia Gibellini) e dal corso di Letteratura italiana II (6 cfu) (titolare del corso prof.ssa Stefania Irene Sini). Gli studenti possono sostenere queste due parti nell'ordine che preferiscono, ma quando si iscrivono all'ultima delle due parti dovranno iscriversi anche all'esame complessivo affinché si possa verbalizzare il voto. E' comunque SEMPRE necessario che si iscrivano all'appello 'parziale'.
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
L0931 LETTERATURA ITALIANA I L-FIL-LET/10 - LETTERATURA ITALIANA L-FIL-LET/10 GIBELLINI Cecilia
L0932 LETTERATURA ITALIANA II L-FIL-LET/10 - LETTERATURA ITALIANA L-FIL-LET/10 SINI Stefania Irene
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLETTERATURA ITALIANA I
CodiceL0931
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoGIBELLINI Cecilia
DocentiGIBELLINI Cecilia
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/10 - LETTERATURA ITALIANA L-FIL-LET/10
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiMenzogna e reticenza nella letteratura italiana del Settecento
Testi di riferimento(1) Per la parte generale: una Storia e antologia della Letteratura italiana, per il periodo dell’Arcadia e dell’Illuminismo (fino ad Alfieri compreso). Nel caso che gli studenti non ne abbiano una a disposizione, consiglio una di queste: Vivo, scrivo (La Scuola Editrice); Leggere il mondo (Bruno Mondadori); Storia e testi della letteratura italiana (Mondadori Education); Il filo rosso (Laterza); Al cuore della letteratura (Giunti TVP); Dal testo alla storia dalla storia al testo (Paravia). (2) Per la parte monografica: la docente preparerà una dispensa con i testi che verranno commentati a lezione, che sarà depositata entro la metà di settembre alla copisteria “Lisa” di via Galileo Ferraris. Gli studenti sono invitati a procurarsi una copia della dispensa per tempo, di modo da esserne provvisti già per la prima lezione. (3) Altri testi di riferimento, per eventuali approfondimenti: Giovanni Macchia, Vita avventura e morte di Don Giovanni, Bari, Laterza, 1966 (o edizioni successive); Mario Lavagetto, La cicatrice di Montaigne: sulla bugia in letteratura, Torino, Einaudi, 1992; Maria Bettetini, Breve storia della bugia, Milano, Raffaello Cortina, 2001; Francesca Serra, Praga, 29 ottobre 1789. Casanova e il romanzo vivente, in Atlante della letteratura italiana, a cura di Sergio Luzzatto e Gabriele Pedullà, vol. II, Dalla Controriforma alla Restaurazione, a cura di Erminia Irace, Torino, Einaudi, 2011, pp. 810-816; Giambattista Casti, Novelle libertine inedite e disperse, a cura di Cecilia Gibellini, Massa, Lu:Ce, 2016; Alessandro Zaniol, L’ombra di Don Giovanni: un modello culturale per la riforma goldoniana, in Carlo Goldoni, Teatro. Il bugiardo. La locandiera. Il servitore di due padroni, Milano, Feltrinelli, 2018, pp. 5-36. (4) Gli studenti non frequentanti dovranno contattare la docente per avere le indicazioni necessarie sulle letture integrative per la preparazione dell'esame.
Obiettivi formativiConoscenze e comprensione: Acquisizione della conoscenza di base della storia e dei principali autori della letteratura italiana del XVIII secolo, anche in rapporto al contesto europeo, delle maggiori correnti ideologiche e delle tendenze poetiche, dei generi della poesia e della prosa. Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Acquisizione della capacità di esaminare i testi letterari settecenteschi, con una particolare attenzione al tema del corso –menzogna e reticenza –, formulando ipotesi e risolvendo i problemi di interpretazione, e di coglierne gli elementi distintivi, collocandoli adeguatamente nel contesto storico e culturale e inquadrandoli all’interno dei generi e delle poetiche. Espressione di giudizi: Acquisizione della capacità di esprimere giudizi sui testi e sulle loro interpretazioni critiche, discutendone criticamente ragioni e limiti, con particolare attenzione alla prospettiva storica. Abilità nella comunicazione: Capacità di esporre in modo ordinato e chiaro i concetti e i dati appresi, usando un linguaggio appropriato, evitando la ripetizione mnemonica e muovendosi con autonomia tra i temi trattati. Capacità di studio: Capacità di applicarsi, grazie agli strumenti e alle metodologie acquisite, all’analisi di un testo letterario e all’approfondimento di temi e questioni specifiche.
PrerequisitiConoscenza della storia della letteratura italiana nelle sue linee essenziali di sviluppo (a livello di scuola secondaria superiore). Conoscenze informatiche di base, per poter scaricare e utilizzare i file inseriti dalla docente sulla piattaforma DIR.
Metodi didatticiLezioni frontali con discussione; lettura e commento dei testi in aula, con domande e discussione; didattica in rete (DIR).
Altre informazioniLa docente metterà a disposizione degli studenti materiali didattici attraverso il servizio informatico di ateneo (DIR). Gli studenti non frequentanti sono pregati di contattare la docente (cecilia.gibellini@uniupo.it) per avere qualche indicazione di massima per la preparazione dell’esame e per concordare alcune letture integrative.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa prova finale consiste in una verifica, orale o scritta a discrezione degli studenti, che verterà sui seguenti punti: Verifica della conoscenza di base della letteratura italiana del XVIII secolo: una domanda su un movimento, un autore, un problema, un’opera (esempi: Poetica, generi e autori della letteratura d’Arcadia; Caratteri e protagonisti dell’Illuminismo milanese; La riforma teatrale di Goldoni; Il Giorno di Parini: composizione, struttura, temi e stile, ecc.) – 30% del peso sul voto d’esame; Verifica della capacità di esaminare ed interpretare i testi, con una particolare attenzione al tema della menzogna e della reticenza, e insieme delle abilità comunicative e della capacità di esprimere giudizi: una domanda su un personaggio, un’opera o un suo passaggio, un tema o un problema all’interno di un testo specifico o di un genere (esempi: La reticenza nella Mirra di Alfieri; Menzogna e seduzione nel Don Giovanni di Da Ponte-Mozart; Verità e menzogna nelle autobiografie settecentesche) – 35 % del peso sul voto d’esame; Verifica della capacità di esaminare e interpretare i testi, di esprimere giudizi, e di applicarsi all’analisi del testo letterario: una domanda consistente nella parafrasi, analisi e commento di un brano tra quelli antologizzati nella dispensa – 35 % del peso sul voto d’esame. Per superare l’esame occorrerà rispondere in modo almeno sufficiente a ciascuna delle domande. La valutazione si basa sul grado di conoscenze e comprensione dei testi e degli autori in programma, sulla capacità di applicazione delle conoscenze al testo o al problema interpretativo proposto, e sul grado di capacità espressiva e comunicativa.
Programma esteso(1) Parte generale: la letteratura italiana nelle età dell’Arcadia e dell’Illuminismo. L’Arcadia: nascita e storia dell’Accademia; la poetica (la linea di Crescimbeni e quella del Gravina); gli autori e i generi; il melodramma nel Settecento; Pietro Metastasio: vita e opere. Giambattista Vico: vita, opere, pensiero. L’Illuminismo: L’età dei Lumi in Europa; l’Illuminismo milanese, «Il Caffè», i fratelli Verri, Cesare Beccaria. Giuseppe Parini: vita, poetica, opere (le Odi e passi del Giorno). Carlo Goldoni: vita, poetica, opere. Vittorio Alfieri: vita, poetica, opere (la Vita; le Rime; le tragedie). Il libertinismo, dalle origini alle figure degli scrittori libertini settecenteschi (Lorenzo Da Ponte, Giacomo Casanova, Giambattista Casti). (2) Parte monografica: Menzogna e reticenza nella letteratura italiana del Settecento. La menzogna come gioco: Il bugiardo di Goldoni. Colpa e reticenza: la Mirra di Alfieri. Menzogna e seduzione nella letteratura libertina: Il Don Giovanni di Da Ponte-Mozart, l’Histoire de ma vie di Casanova, le Novelle di Casti. Unità didattica 1: L’Arcadia; Pietro Metastasio; il melodramma. Unità didattica 2: L’Illuminismo milanese; Giuseppe Parini: vita, poetica, opere. Unità didattica 3: Carlo Goldoni, vita, poetica, opere. Analisi della commedia Il bugiardo. Unità didattica 4: Vittorio Alfieri: vita, poetica, opere. Analisi della tragedia Mirra. Unità didattica 5: Il libertinismo e il mito di Don Giovanni. Unità didattica 6: Don Giovanni da Tirso de Molina attraverso Molière a Lorenzo Da Ponte. Unità didattica 7: L’Histoire de ma vie di Giacomo Casanova. Unità didattica 8: Le Novelle galanti di Giambattista Casti.
Risultati di apprendimento attesiConoscenza della storia e dei principali autori della letteratura italiana del XVIII secolo, anche in rapporto al contesto europeo; capacità di esaminare e interpretare i testi letterari settecenteschi, con una particolare attenzione al tema trattato; capacità di esprimere giudizi sui testi e sulle loro interpretazioni critiche; capacità di applicarsi all’analisi del testo letterario; capacità di esporre in modo chiaro e con linguaggio appropriato i concetti e i dati appresi.
Insegnamento mutuante inLETTERE (1722) - L0184 LETTERATURA ITALIANA A - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - LP005 LETTERATURA ITALIANA PER LINGUE I - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0744 LETTERATURA ITALIANA I - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0744 LETTERATURA ITALIANA I - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0744 LETTERATURA ITALIANA I - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0744 LETTERATURA ITALIANA I - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLETTERATURA ITALIANA II
CodiceL0932
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoSINI Stefania Irene
DocentiSINI Stefania Irene
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/10 - LETTERATURA ITALIANA L-FIL-LET/10
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiUMBERTO ECO NARRATORE E TEORICO DELLA NARRAZIONE
Testi di riferimento- Umberto Eco, Il nome della rosa, Milano, Bompiani. - Umberto Eco, Il pendolo di Foucault, Milano, Bompiani. Umberto Eco, Sei passeggiate nei boschi narrativi, Milano, Bompiani. Altri materiali verranno indicati durante il corso. N.B. Per gli studenti frequentanti i materiali presentati sulla piattaforma DIR costituiscono parte obbligatoria da preparare per l'esame. Integrazioni per studenti non frequentanti: - Umberto Eco, Numero zero, Milano, Bompiani. - Bruno Pischedda, Eco, Guida al Nome della rosa, Roma, Carocci.
Obiettivi formativi• obiettivi - conoscenze e comprensione: Conoscenza dell'opera narrativa maggiore di Umberto Eco e della sua riflessione sulle forme e l'esperienza della narrazione. Acquisizione degli strumenti di analisi del testo narrativo, in particolare di metodi e prospettive indicate dalla riflessione di Umberto Eco. • obiettivi - espressione di giudizi: Valutazione dell’opera nel suo contesto d’origine, nei suoi principali elementi strutturali e compositivi e nella sua vitalità storica. • obiettivi - abilità nella comunicazione: Saper presentare con chiarezza ed efficacia argomentativa, avvalendosi della terminologia adeguata, i risultati delle letture svolte a un interlocutore singolo o in pubblico. • obiettivi - capacità di studio: Saper leggere e analizzare un’opera narrativa, riconoscendone l’appartenenza storica, il genere, le strategie espressive e le tecniche caratterizzanti.
PrerequisitiElementi di base di storia della Letteratura italiana
Metodi didatticiLezioni frontali, letture e analisi dei testi, discussioni. Gli studenti che lo desiderino possono presentare alla classe durante il corso, singolarmente o in gruppo, uno o più testi in programma. Si farà uso della piattaforma web Dir.
Altre informazioniSi richiede Pc e videoproiettore
Modalità di verifica dell'apprendimentoScritto o orale a scelta. Sia nella forma orale sia nella forma scritta l'esame si articola in due parti: 1) Una domanda che verte sull'analisi, l'interpretazione il commento di un brano tratto da uno dei romanzi di Umberto Eco alla luce delle questioni metodologiche e teoriche affrontate durante il corso, con particolare riferimento alla teoria narrativa proposta da Umberto Eco. 2) Domande sugli strumenti teorici e metodologici proposti da Umberto Eco per l'analisi di un testo narrativo, alla luce delle questioni metodologiche e teoriche affrontate durante il corso. Allo studente si chiede dunque di dimostrare: 1. CONOSCENZE Conoscenza delle opere narrative di Umberto Eco in programma e della sua riflessione sulle forme e l'esperienza della narrazione. 2. COMPETENZE Acquisizione degli strumenti di analisi del testo narrativo, in particolare di metodi e prospettive indicate dalla riflessione di Umberto Eco. 3. ABILITÀ TRASVERSALI Saper presentare con chiarezza ed efficacia argomentativa, avvalendosi della terminologia adeguata, i risultati delle letture svolte . In particolare verrà dato il seguente peso alla verifica del predetti raggiungimento degli obiettivi formativi: 1. 40%; 2. 40%; 3. 20%; N.B. La valutazione dell'esame scritto comprenderà la correttezza grammaticale (ortografia, morfologia, sintassi).
Programma esteso• unità didattica 1: Introduzione al corso. La biografia Umberto Eco e il contesto storico della sua formazione e affermazione. Dall’estetica medievale alla semiotica. Teoria e critica militante. Opera aperta, Diario Minimo, Apocalittici e integrati. La comunicazione di massa. • unità didattica 2: Dallo strutturalismo alla teoria della ricezione: La struttura assente, il Trattato di semiotica generale, Lector in fabula. I limiti dell’interpretazione. • unità didattica 3: Sei passeggiate nei boschi narrativi (Entrare nel bosco). Il nome della rosa. Introduzione. • unità didattica 4: Il nome della rosa: lettura, analisi e commento. • unità didattica 5: Sei passeggiate nei boschi narrativi (I boschi di Loisy). Il nome della rosa: lettura, analisi e commento. • unità didattica 6: Il nome della rosa. Lettura, analisi e commento. • unità didattica 7: Sei passeggiate nei boschi narrativi (Indugiare nel bosco). Il nome della rosa. Lettura, analisi e commento. • unità didattica 8: Gli scritti politici di Umberto Eco intorno alla metà degli anni Settanta • unità didattica 9: Sei passeggiate nei boschi narrativi (I boschi possibili). Il pendolo di Foucault. Introduzione. Lettura, analisi e commento. • unità didattica 10: Il pendolo di Foucault. Lettura, analisi e commento. • unità didattica 11: Sei passeggiate nei boschi narrativi (Lo strano caso di via Servandoni). Il pendolo di Foucault. Lettura, analisi e commento. • unità didattica 12: Il pendolo di Foucault. Lettura, analisi e commento. • unità didattica 13: Sei passeggiate nei boschi narrativi (Protocolli fittizi). Il pendolo di Foucault. Lettura, analisi e commento. • unità didattica 14: L’ultimo romanzo: Numero Zero. • unità didattica 15: Conclusione del corso, discussione.
Risultati di apprendimento attesiAl fine di raggiungere le conoscenze e le competenze corrispondenti al livello minimo di sufficienza, allo studente si chiede di dimostrare: 1. CONOSCENZE Conoscenza delle opere narrative di Umberto Eco in programma e della sua riflessione sulle forme e l'esperienza della narrazione. 2. COMPETENZE Acquisizione degli strumenti di analisi del testo narrativo, in particolare di metodi e prospettive indicate dalla riflessione di Umberto Eco. 3. ABILITÀ TRASVERSALI Saper presentare con chiarezza ed efficacia argomentativa, avvalendosi della terminologia adeguata, i risultati delle letture svolte . Per il conseguimento di un livello avanzato, lo studente deve dimostrare: - una visione organica dei temi affrontati a lezione, unita ad articolate capacità di sintesi e di analisi; - la capacità di elaborazione personale e critica delle tematiche trattate, unita a un'ottima padronanza espressiva; - la capacità di approfondire autonomamente particolari argomenti, anche oltre le indicazioni fornite e lezione e nel programma d'esame
Insegnamento mutuante inFILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0909 LETTERATURA ITALIANA II - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0909 LETTERATURA ITALIANA II - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLETTERATURA LATINA E INTRODUZIONE ALLA CIVILTÀ LETTERARIA GRECA
CodiceLE0216
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoTABACCO Raffaella
DocentiTABACCO Raffaella, BATTEZZATO Luigi
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LE0217 LETTERATURA LATINA A L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA L-FIL-LET/04 TABACCO Raffaella
LE0218 INTRODUZIONE ALLA CIVILTA LETTERARIA GRECA L-FIL-LET/02 - LINGUA E LETTERATURA GRECA L-FIL-LET/02 BATTEZZATO Luigi
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLETTERATURA LATINA A
CodiceLE0217
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoTABACCO Raffaella
DocentiTABACCO Raffaella
CFU6
Ore di lezione36
Ore di studio individuale114
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA L-FIL-LET/04
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiIl genere della biografia nella letteratura latina: da Cornelio Nepote a Svetonio. Metodi didattici per l'insegnamento del latino nelle scuole secondarie.
Testi di riferimentoLa prosa latina, a cura di F. Montanari, Carocci Editore; Cornelio Nepote, Vite dei massimi condottieri. Introduzione e note di Emanuele Narducci, testo latino a fronte, Biblioteca Universale Rizzoli; Svetonio, Le vite dei Cesari, a cura di Italo Lana, UTET (Classici latini).
Obiettivi formativiAcquisizione di una buona conoscenza dei caratteri e dello sviluppo storico del genere biografico in Roma antica, con attenzione particolare a Cornelio Nepote e Sveronio; approfondimento delle conoscenza della lingua latina nelle sue strutture morfologiche e sintattiche. Conoscenza dei metodi didattici per la trasmissione di queste conoscenze nell'insegnamento secondario superiore.
PrerequisitiPadronanza della morfologia e della sintassi della lingua latina a livello di scuola secondaria superiore. Conoscenza dello sviluppo storico della letteratura latina con particolare attenzione alla produzione in prosa.
Metodi didatticiLezioni frontali; didattica in rete.
Altre informazioniIl modulo di Didattica del latino (2 cfu) è mutuato da Letteratura latina A con programma ridotto e in parte diverso, da controllare sulla D.I.R. CORSO PRE-FIT. Ambito D "METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE" valido ai fini pre-FIT per le classi di concorso: A11, A13, A74, A75, A81, A82.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame si svolgerà in forma orale. La traduzione e l'analisi grammaticale-sintattica di un passo in lingua originale consentiranno di accertare le competenze morfologiche e sintattiche della lingua latina (50% del peso sul voto d’esame). L'inquadramento del passo all'interno delle tematiche illustrate a lezione e l'approfondimento di qualche aspetto della storia della poesia in Roma consentiranno di accertare le conoscenze storico letterarie richieste e la capacità di esporle in modo adatto all'insegnamento nelle scuole secondarie superiori (50% del peso sul voto d’esame). Per superare l'esame occorrerà rispondere in modo almeno sufficiente a ciascuna delle domande. La valutazione si basa sul grado di conoscenze e comprensione dei testi e dei concetti linguistici, letterari, filologici e di applicazione didattica, sulla capacità di applicazione delle conoscenze al testo o al problema interpretativo proposto, e sul grado di capacità espressiva e comunicativa.
Programma estesoNel corso delle lezioni sarà seguito lo sviluppo storico dei generi prosastici della latinità classica con particolare attenzione alla biografia. Saranno letti passi significativi in lingua originale. Saranno indicate le principali metodologie didattiche per l'insegnamento di questi temi nella scuola secondaria superiore.
Risultati di apprendimento attesiAcquisizione di una buona competenza linguistica e letteraria della prosa latina, attraverso la lettura in originale di ampie sezioni di testi appartenenti al genere biografico (Cornelio Nepote e Svetonio). La lettura critica di passi di tali autori deve condurre a una conoscenza di problemi relativi alla storia e alla storia letteraria di Roma antica. Acquisizione dei metodi didattici che possono essere usati nell’insegnamento scolastico per trasmettere gli elementi essenziali di queste conoscenze e competenze.
Insegnamento mutuante inLETTERE (1722) - LE0220 LETTERATURA LATINA A - VERCELLI
LETTERE (1722) - L1258 DIDATTICA DEL LATINO - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0061 LETTERATURA LATINA A - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0061 LETTERATURA LATINA A - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0061 LETTERATURA LATINA A - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoINTRODUZIONE ALLA CIVILTA LETTERARIA GRECA
CodiceLE0218
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBATTEZZATO Luigi
DocentiBATTEZZATO Luigi
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/02 - LINGUA E LETTERATURA GRECA L-FIL-LET/02
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiMITO E POESIA NELLA GRECIA ANTICA
Testi di riferimento(1) Omero, Odissea, a cura di F. Ferrari, UTET Libreria; in alternativa Omero, Odissea, a cura di V. Di Benedetto, BUR (2) Il teatro greco. Tragedie. Radici BUR. ISBN 88-17-00971-7; in alternativa I tragici greci. Eschilo, Sofocle, Euripide (a cura di F.M. Pontani e altri), ISBN 978-8854117112 Newton Compton 2010, euro 14. (3) Aristotele, Poetica, a cura di D. Lanza, BUR. (4) A. Capra, F. Conca, G. Lozza, A. Pizzone, G. Zanetto, Alla fonte delle Muse. Introduzione alla civiltà greca, Bollati Boringhieri 2007, ISBN 978-88-339-1737-5 (ora disponibile solo come e-book: http://www.mondadoristore.it/Alla-fonte-delle-muse-Aglae-Pizzone-Andrea-Capra-Fabrizio-Conca-Giuseppe-Lozza-Giuseppe-Zanetto/eai978883397195/) (studiare le pp. 81-142 e due capitoli a scelta della parte terza) o in alternativa Franco Montanari, Prima lezione di letteratura greca, Laterza, ISBN-13: 978-8842068914, euro 12 (per intero) o in alternativa Andrea Rodighiero, La tragedia greca, Il Mulino, Bologna 2013, ISBN-13: 978-8815244659, euro 15, pp. 1-150 o in alternativa Barbara Graziosi, Gli dèi dell’Olimpo: Storia di una sopravvivenza, UTET, ISBN 9788851123611, euro 20 (per intero). Ulteriore testo di riferimento: Aristofane, La festa delle donne, a cura di G. Paduano, BUR (esiste una traduzione senza note disponibile on line: http://www.filosofico.net/aristoffestadem42.htm)
Obiettivi formativi• obiettivi - conoscenze e comprensione: Acquisizione di conoscenza di base dei generi della poesia greca arcaica e classica (epica, lirica, tragedia, commedia), dei principali miti greci, del contesto di performance dei testi, e dell'interpretazione aristotelica dei generi trattati • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Acquisizione della capacità di ideare e sostenere argomentazioni per risolvere problemi nell'interpretazione di un testo della poesia greca arcaica e classica, anche sulla base delle teorizzazioni antiche sulla poetica. • obiettivi - espressione di giudizi: Acquisizione della capacità di esprimere giudizi sulle interpretazioni di testi poetici greci arcaici o classici in traduzione italiana, con particolare attenzione ai miti, al contesto storico, alle modalità di performance. • obiettivi - abilità nella comunicazione: Capacità di esporre in modo ordinato e chiaro i concetti e i dati appresi, con linguaggio appropriato e comprensibile a non specialisti, evitando la ripetizione mnemonica e muovendosi con logica personale tra i temi trattati • obiettivi - capacità di studio: Capacità, sulla base dei testi presi in esame durante il corso, di raccogliere i dati necessari per interpretare (in traduzione) altri testi greci appartenenti agli stessi generi letterari
PrerequisitiConoscenze informatiche di base (navigazione internet; utilizzo di file inseriti su DIR); buona conoscenza della lingua italiana; conoscenza di nozioni essenziali di storia antica e di geografia del Mediterraneo impartite nella scuola superiore.
Metodi didatticiLezione frontale, discussione in classe.
Altre informazioniIl docente ha preparato materiali didattici, disponibili sul servizio informatico interno dell’ateneo (DIR).
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa prova finale consiste in una verifica orale che verterà sui seguenti punti: verifica della conoscenza di dati essenziali relativi alla trattazione del mito in opere appartenenti a diversi generi letterari (domanda tipo: “come viene presentato il mito in una delle opere letterarie in programma?”) (40% del peso sul voto d’esame); verifica della conoscenza di dati essenziali relativi alla storia letteraria (domanda tipo: “in che contesto storico, geografico e di performance fu presentata al pubblico antico una delle opere letterarie in programma?”) (20% del peso sul voto d’esame); verifica della comprensione delle teorie letterarie antiche discusse in classe (domanda tipo: “come definisce Aristotele la tragedia/l’epica/l’arte/la storiografia/l’unità dell’opera d’arte/la catarsi/la pietà e la paura/la colpa tragica?”) (20% del peso sul voto d’esame); verifica della capacità di formulare giudizi sulle opere in programma, sulla base delle teorie letterarie discusse in classe e sui saggi in programma d’esame (domanda tipo: “le sembra che la teoria aristotelica renda conto in maniera soddisfacente dei problemi interpretativi di una delle opere letterarie in programma?”) (20% del peso sul voto d’esame). La valutazione si basa sul grado di conoscenze e comprensione dei testi e dei concetti in programma, sulla capacità di applicazione delle conoscenze al testo o al problema interpretativo proposto, e sul grado di capacità espressiva e comunicativa.
Programma estesoIntroduzione alla civiltà letteraria greca tramite la lettura in traduzione italiana e l'interpretazione di alcuni testi fondamentali: Omero, Odissea (canti 8-12), antologia della lirica greca (con riferimento a Saffo e Pindaro), Eschilo (Agamennone, Prometeo), Sofocle (Edipo Re, Antigone), Euripide (Medea, Ippolito, Eracle, Baccanti), Aristofane (La festa delle donne), Aristotele (Poetica). • unità didattica 1: Omero • unità didattica 2: Esiodo, Saffo, Pindaro • unità didattica 3: Introduzione al teatro greco • unità didattica 4: Eschilo: Agamennone, Prometeo • unità didattica 5: Sofocle: Edipo Re, Antigone • unità didattica 6: Euripide: Medea, Ippolito, Eracle, Baccanti • unità didattica 7: Aristofane: La festa delle donne • unità didattica 8: Aristotele: La Poetica
Risultati di apprendimento attesiconoscenza di dati essenziali relativi alla trattazione del mito in opere della civiltà letteraria greca antica appartenenti a diversi generi letterari; conoscenza di dati essenziali relativi alla storia letteraria greca antica; comprensione delle teorie letterarie della Grecia antica discusse in classe; capacità di formulare giudizi sulle opere in programma, sulla base delle teorie letterarie discusse in classe e sui saggi in programma d’esame
Insegnamento mutuato daLETTERE (1722) - LE0169 INTRODUZIONE ALLA CIVILTÀ LETTERARIA GRECA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLETTERATURA LATINA E INTRODUZIONE ALLA CIVILTÀ LETTERARIA GRECA 1
CodiceLE0231
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBATTEZZATO Luigi
DocentiBATTEZZATO Luigi
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeALESSANDRIA
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LE0233 INTRODUZIONE ALLA CIVILTÀ LETTERARIA GRECA 1 L-FIL-LET/02 - LINGUA E LETTERATURA GRECA L-FIL-LET/02 BATTEZZATO Luigi
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoINTRODUZIONE ALLA CIVILTÀ LETTERARIA GRECA 1
CodiceLE0233
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBATTEZZATO Luigi
DocentiBATTEZZATO Luigi
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/02 - LINGUA E LETTERATURA GRECA L-FIL-LET/02
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiMITO E POESIA NELLA GRECIA ANTICA
Testi di riferimento(1) Omero, Odissea, a cura di F. Ferrari, UTET Libreria; in alternativa Omero, Odissea, a cura di V. Di Benedetto, BUR (2) Il teatro greco. Tragedie. Radici BUR. ISBN 88-17-00971-7; in alternativa I tragici greci. Eschilo, Sofocle, Euripide (a cura di F.M. Pontani e altri), ISBN 978-8854117112 Newton Compton 2010, euro 14. (3) Aristotele, Poetica, a cura di D. Lanza, BUR. (4) A. Capra, F. Conca, G. Lozza, A. Pizzone, G. Zanetto, Alla fonte delle Muse. Introduzione alla civiltà greca, Bollati Boringhieri 2007, ISBN 978-88-339-1737-5 (ora disponibile solo come e-book: http://www.mondadoristore.it/Alla-fonte-delle-muse-Aglae-Pizzone-Andrea-Capra-Fabrizio-Conca-Giuseppe-Lozza-Giuseppe-Zanetto/eai978883397195/) (studiare le pp. 81-142 e due capitoli a scelta della parte terza) o in alternativa Franco Montanari, Prima lezione di letteratura greca, Laterza, ISBN-13: 978-8842068914, euro 12 (per intero) o in alternativa Andrea Rodighiero, La tragedia greca, Il Mulino, Bologna 2013, ISBN-13: 978-8815244659, euro 15, pp. 1-150 o in alternativa Barbara Graziosi, Gli dèi dell’Olimpo: Storia di una sopravvivenza, UTET, ISBN 9788851123611, euro 20 (per intero). Ulteriore testo di riferimento: Aristofane, La festa delle donne, a cura di G. Paduano, BUR (esiste una traduzione senza note disponibile on line: http://www.filosofico.net/aristoffestadem42.htm)
Obiettivi formativi• obiettivi - conoscenze e comprensione: Acquisizione di conoscenza di base dei generi della poesia greca arcaica e classica (epica, lirica, tragedia, commedia), dei principali miti greci, del contesto di performance dei testi, e dell'interpretazione aristotelica dei generi trattati • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Acquisizione della capacità di ideare e sostenere argomentazioni per risolvere problemi nell'interpretazione di un testo della poesia greca arcaica e classica, anche sulla base delle teorizzazioni antiche sulla poetica. • obiettivi - espressione di giudizi: Acquisizione della capacità di esprimere giudizi sulle interpretazioni di testi poetici greci arcaici o classici in traduzione italiana, con particolare attenzione ai miti, al contesto storico, alle modalità di performance. • obiettivi - abilità nella comunicazione: Capacità di esporre in modo ordinato e chiaro i concetti e i dati appresi, con linguaggio appropriato e comprensibile a non specialisti, evitando la ripetizione mnemonica e muovendosi con logica personale tra i temi trattati • obiettivi - capacità di studio: Capacità, sulla base dei testi presi in esame durante il corso, di raccogliere i dati necessari per interpretare (in traduzione) altri testi greci appartenenti agli stessi generi letterari.
PrerequisitiConoscenze informatiche di base (navigazione internet; utilizzo di file inseriti su DIR); buona conoscenza della lingua italiana; conoscenza di nozioni essenziali di storia antica e di geografia del Mediterraneo impartite nella scuola superiore.
Metodi didatticiLezione frontale, discussione in classe.
Altre informazioniIl docente ha preparato materiali didattici, disponibili sul servizio informatico interno dell’ateneo (DIR).
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa prova finale consiste in una verifica orale che verterà sui seguenti punti: verifica della conoscenza di dati essenziali relativi alla trattazione del mito in opere appartenenti a diversi generi letterari (domanda tipo: “come viene presentato il mito in una delle opere letterarie in programma?”) (40% del peso sul voto d’esame); verifica della conoscenza di dati essenziali relativi alla storia letteraria (domanda tipo: “in che contesto storico, geografico e di performance fu presentata al pubblico antico una delle opere letterarie in programma?”) (20% del peso sul voto d’esame); verifica della comprensione delle teorie letterarie antiche discusse in classe (domanda tipo: “come definisce Aristotele la tragedia/l’epica/l’arte/la storiografia/l’unità dell’opera d’arte/la catarsi/la pietà e la paura/la colpa tragica?”) (20% del peso sul voto d’esame); verifica della capacità di formulare giudizi sulle opere in programma, sulla base delle teorie letterarie discusse in classe e sui saggi in programma d’esame (domanda tipo: “le sembra che la teoria aristotelica renda conto in maniera soddisfacente dei problemi interpretativi di una delle opere letterarie in programma?”) (20% del peso sul voto d’esame). La valutazione si basa sul grado di conoscenze e comprensione dei testi e dei concetti in programma, sulla capacità di applicazione delle conoscenze al testo o al problema interpretativo proposto, e sul grado di capacità espressiva e comunicativa.
Programma estesoIntroduzione alla civiltà letteraria greca tramite la lettura in traduzione italiana e l'interpretazione di alcuni testi fondamentali: Omero, Odissea (canti 8-12), antologia della lirica greca (con riferimento a Saffo e Pindaro), Eschilo (Agamennone, Prometeo), Sofocle (Edipo Re, Antigone), Euripide (Medea, Ippolito, Eracle, Baccanti), Aristofane (La festa delle donne), Aristotele (Poetica). • unità didattica 1: Omero • unità didattica 2: Esiodo, Saffo, Pindaro • unità didattica 3: Introduzione generale al teatro greco • unità didattica 4: Eschilo: Agamennone, Prometeo • unità didattica 5: Sofocle: Edipo Re, Antigone • unità didattica 6: Euripide: Medea, Ippolito, Eracle, Baccanti • unità didattica 7: Aristofane: La festa delle donne • unità didattica 8: Aristotele: La Poetica
Risultati di apprendimento attesiconoscenza di dati essenziali relativi alla trattazione del mito in opere della civiltà letteraria greca antica appartenenti a diversi generi letterari; conoscenza di dati essenziali relativi alla storia letteraria greca antica; comprensione delle teorie letterarie della Grecia antica discusse in classe; capacità di formulare giudizi sulle opere in programma, sulla base delle teorie letterarie discusse in classe e sui saggi in programma d’esame
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLETTERATURE CLASSICHE 1
CodiceLE0228
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBATTEZZATO Luigi
DocentiMANCA Massimo, BATTEZZATO Luigi
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
SedeALESSANDRIA
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LE0229 LETTERATURA LATINA 1 L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA L-FIL-LET/04 MANCA Massimo
LE0230 LETTERATURA GRECA 1 L-FIL-LET/02 - LINGUA E LETTERATURA GRECA L-FIL-LET/02 BATTEZZATO Luigi
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLETTERATURA LATINA 1
CodiceLE0229
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoMANCA Massimo
DocentiMANCA Massimo
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA L-FIL-LET/04
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
Contenuti"Storia d'amore e morte". Lettura del IV libro dell'Eneide
Testi di riferimentoParte di letteratura: G. Garbarino, Vivamus. Autori e storia della letteratura latina, Pearson Paravia 2016. Gli altri testi saranno forniti a lezione.
Obiettivi formativiconoscenze e comprensione dei caratteri dell'epica romana. Acquisizione di una buona conoscenza dei caratteri e dello sviluppo storico del genere epico e della letteratura eroica. Approfondimento delle conoscenza della lingua latina nelle sue strutture morfologiche e sintattiche. Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Capacità di analizzare i caratteri contenutistici e stilistici di un testo epico e di porli in relazione con le caratteristiche del genere letterario a cui appartengono. Capacità di individuare le strutture linguistiche di un testo in latino e le principali figure retoriche in esso presenti e di porle in relazione con le caratteristiche del genere letterario a cui appartengono. espressione di giudizi: Capacità di individuare in un testo i caratteri tipici del genere letterario e di valutarne gli elementi di originalità. Capacità di operare confronti tra testi diversi. Capacità di riconoscere e apprezzare in un testo le finalità connesse alle scelte formali dell'autore. abilità nella comunicazione: Capacità di esporre in modo chiaro e ordinato i concetti e i dati appresi, dimostrando la padronanza di una terminologia specifica nell’affrontare questioni di storia letteraria, di linguistica e stilistica. Capacità di tradurre con scioltezza i testi presi in esame, dimostrando di sapersi orientare nelle strutture linguistiche, evitando ripetizioni mnemoniche. capacità di studio: Capacità di studiare autonomamente e di usare gli strumenti bibliografici indicati.
PrerequisitiPadronanza della morfologia e della sintassi della lingua latina a livello di scuola secondaria superiore. Conoscenza dello sviluppo storico della letteratura latina con particolare attenzione alla produzione filosofica.
Metodi didatticiLezioni frontali
Modalità di verifica dell'apprendimentol'esame si compone di una prova scritta di traduzione e di una parte orale. Scritto e orale non sono a sbarramento reciproco, possono essere sostenuti indipendentemente e i loro voti rifiutati indipendentemente. Il voto finale è una media fra scritto (50%) e orale (50%). E' possibile arrivare a un voto anche in presenza di una prova negativa (se la media è positiva), ma sarà applicata una penalizzazione (voto finale= (media+18)/2 ). La PROVA SCRITTA, della durata complessiva di 3h, consiste in una versione di argomento eroico (prosa o poesia). La valutazione della prova tiene conto della comprensione del testo (45%), delle competenze linguistiche dimostrate (45%) e della resa in italiano (10%) e conta per il 50% nella formazione del voto finale. L'esame orale si svolgerà con questa struttura di massima. 1) lettura metrica, traduzione e analisi grammaticale-sintattica di due dei testi latini da portare all'esame, con inquadramento del passo all'interno delle tematiche illustrate a lezione e approfondimento di qualche aspetto grammaticale o letterario; il raggiungimento degli obiettivi nelle competenze di traduzione conta per il 50%, il raggiungimento degli obiettivi relativi alla capacità di commentare dal punto di vista linguistico, stilistico, culturale, il passo per il 40% e gli obbiettivi relativi alle capacità espressive del candidato per il 10% ; gli studenti non frequentanti devono preparare autonomamente traduzione e commento di Virgilio, libro IV. La valutazione di questa parte concorre per il 50% al voto dell'orale (25% complessivo) 2) una domanda relativa alla parte istituzionale sull'epica in Roma. Gli autori da studiare sono: Livio Andronico, Nevio, Ennio, Pacuvio, Accio, Lucrezio, Cicerone, Cesare, Virgilio, Orazio, Livio, Manilio, Seneca, Lucano, Petronio, Silio Italico, Valerio Flacco, Stazio, Tacito. Questa parte vale il 50% dell'orale (25%) del voto complessivo. Nella valutazione di questa domanda gli obiettivi di conoscenza contano per il 60%, gli obiettivi relativi alla capacità di istituire collegamenti e riflessioni personali fopndate scientificamente il 30% e il raggiungimento degli obiettivi di espressione, anche relativo alla microlingua del settore antichistico, per il 10%. A seconda della discussione, il colloquio d'esame potrà naturalmente prendere strade diverse, per consentire al docente di esprimere una valutazione a ragion veduta. In entrambe le prove, scritta e orale, si valuterà il raggiungimento da parte dello studente degli obiettivi formativi sopra indicati.
Risultati di apprendimento attesiCi si attende in uscita una significativa competenza di base sul genere epico, affrontato in lingua originale (50%) e un miglioramento sostanziale delle abilità relative al latino (50%).
Insegnamento mutuante inLETTERE (1722) - LE0257 LETTERATURA LATINA 2 - ALESSANDRIA
LETTERE (1722) - LE0269 LETTERATURA LATINA 3 - ALESSANDRIA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLETTERATURA GRECA 1
CodiceLE0230
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBATTEZZATO Luigi
DocentiBATTEZZATO Luigi
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/02 - LINGUA E LETTERATURA GRECA L-FIL-LET/02
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiRafforzamento delle conoscenze di lingua, letteratura e metrica greca tramite la lettura di alcuni testi della lirica greca arcaica. Introduzione allo studio dell’evoluzione storica della lingua greca antica; introduzione alla filologia greca. Metodi didattici per l’insegnamento della lingua e letteratura greca antica nelle scuole.
Testi di riferimento(1) Gennaro Perrotta, B. Gentili, C. Catenacci, Polinnia. Poesia greca arcaica, Messina-Firenze, D'Anna; 3 edizione (19 marzo 2007), ISBN-10: 8881048450, ISBN-13: 978-8881048458 (euro 26) (2) Bruno Snell, La cultura greca e le origini del pensiero europeo, Torino, Einaudi, 2002 (capitoli 1-7, 9, 14, 16), ISBN-10: 8806153544, ISBN-13: 978-8806153540 (euro 22) oppure F. Condello, La scuola giusta. In difesa del liceo classico, Milano, Mondadori 2018, ISBN-10: 8804685999, ISBN-13: 978-8804685999, Euro 18 (3) A. C. Cassio, Storia delle lingue letterarie greche, Firenze, Le Monnier Università, seconda edizione 2016, ISBN 9788800745796 (euro 32) (sezioni indicate a lezione: introduzione e lirica greca) (4) A. Porro, W. Lapini, C. Bevegni, Letteratura greca, Bologna, Il Mulino, ISBN-10: 8815271600, ISBN-13: 978-8815271600 (euro 29,75). Oppure F. Montanari, F. Montana, Storia della letteratura greca. Dalle origini all'età imperiale, Bari, Laterza, ISBN-10: 8842093076, ISBN-13: 978-8842093077 (euro 25) Oppure Un manuale di letteratura greca liceale, da concordare con il docente (sezioni da studiare: per Letteratura greca 1: dalle origini ad Erodoto (escluso); per Letteratura greca 2: da Erodoto alla fine dell’età classica; per Letteratura greca 3: età ellenistica e imperiale). Altri libri di riferimento: C. Neri, Lirici greci. Età arcaica e classica, Carocci, Roma, 2011, Euro 30 ISBN 978-8843055951; M. L. West (ed.), Delectus ex Iambis et Elegis Graecis, Oxford University Press, ISBN-10: 0198145896; Denys Page (ed.), Lyrica Graeca Selecta, Oxford University Press, ISBN-10: 0198145675; G. O. Hutchinson, Greek Lyric Poetry: A Commentary on Selected Larger Pieces, Oxford University Press, Oxford 2003, ISBN 978-0199265824
Obiettivi formativiAcquisizione di una buona conoscenza dei caratteri della lirica greca arcaica e degli elementi di lingua, di storia e di storia letteraria necessari per la sua comprensione; approfondimento delle conoscenze della lingua greca nelle sue strutture fonetiche, morfologiche e sintattiche, nella loro evoluzione storica. Conoscenza dei metodi didattici per la trasmissione di queste conoscenze nell'insegnamento secondario superiore. Acquisizione di nozioni di filologia e di metrica necessarie per la comprensione delle edizioni critiche dei testi greci in programma.
PrerequisitiConoscenza liceale della lingua greca antica. Sono richieste conoscenze informatiche di base (navigazione internet; utilizzo di file inseriti su DIR); buona conoscenza della lingua italiana; conoscenza di nozioni essenziali di storia antica e di geografia del Mediterraneo impartite nella scuola superiore.
Metodi didatticiLezione frontale; discussione in classe; presentazione in classe di un breve progetto didattico.
Altre informazioniIl docente ha preparato materiali didattici, disponibili sul servizio informatico interno dell’ateneo (DIR) CORSO PRE-FIT. Ambito D "METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE" valido ai fini pre-FIT per le classi di concorso: A13, A75, A82.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame si svolgerà in forma orale diviso in tre sezioni. La corretta traduzione e analisi fonetica, morfologica, e sintattica di un passo scelto tra i testi in programma d’esame consentiranno di accertare le competenze di lingua greca e sull’evoluzione storica della lingua greca stessa (60% del voto). L'inquadramento del passo all'interno delle tematiche del corso, l’illustrazione di possibili applicazioni didattiche e l'approfondimento di qualche aspetto di interpretazione storica e letteraria consentiranno di accertare le conoscenze storiche e letterarie richieste (25% del voto). La conoscenza delle nozioni di filologia e di metrica sarà esaminata attraverso la spiegazione dell’apparato critico delle edizioni scelte e tramite la lettura e l’analisi metrica e prosodica (15% del voto). Per superare l'esame occorrerà rispondere in modo almeno sufficiente a ciascuna delle domande. La valutazione si basa sul grado di conoscenze e comprensione dei testi e dei concetti linguistici, letterari, filologici e di applicazione didattica, sulla capacità di applicazione delle conoscenze al testo o al problema interpretativo proposto, e sul grado di capacità espressiva e comunicativa.
Programma estesoLettura antologica di testi della lirica greca. Analisi linguistica, metrica, storica, filologica e letteraria dei testi. Studio dell’evoluzione storica della lingua greca antica. Esame delle principali metodologie didattiche per l'insegnamento di questi temi nella scuola secondaria superiore
Risultati di apprendimento attesiAcquisizione di una buona competenza nell’interpretazione linguistica, metrica e letteraria della lirica greca arcaica, attraverso la lettura in originale di una selezione di testi. La lettura critica di passi della lirica greca arcaica deve condurre a una conoscenza di problemi relativi alla lingua greca antica e alla storia letteraria della Grecia antica. Acquisizione dei metodi didattici che possono essere usati nell’insegnamento scolastico per trasmettere gli elementi essenziali di queste conoscenze e competenze.
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLETTERATURE CLASSICHE A
CodiceLE0219
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoTABACCO Raffaella
DocentiTABACCO Raffaella, BATTEZZATO Luigi
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LE0220 LETTERATURA LATINA A L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA L-FIL-LET/04 TABACCO Raffaella
LE0221 LETTERATURA GRECA A L-FIL-LET/02 - LINGUA E LETTERATURA GRECA L-FIL-LET/02 BATTEZZATO Luigi
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLETTERATURA LATINA A
CodiceLE0220
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoTABACCO Raffaella
DocentiTABACCO Raffaella
CFU6
Ore di lezione36
Ore di studio individuale114
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/04 - LINGUA E LETTERATURA LATINA L-FIL-LET/04
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiIl genere della biografia nella letteratura latina: da Cornelio Nepote a Svetonio. Metodi didattici per l'insegnamento del latino nelle scuole secondarie.
Testi di riferimentoLa prosa latina, a cura di F. Montanari, Carocci Editore; Cornelio Nepote, Vite dei massimi condottieri. Introduzione e note di Emanuele Narducci, testo latino a fronte, Biblioteca Universale Rizzoli; Svetonio, Le vite dei Cesari, a cura di Italo Lana, UTET (Classici latini).
Obiettivi formativiAcquisizione di una buona conoscenza dei caratteri e dello sviluppo storico del genere biografico in Roma antica, con attenzione particolare a Cornelio Nepote e Sveronio; approfondimento delle conoscenza della lingua latina nelle sue strutture morfologiche e sintattiche. Conoscenza dei metodi didattici per la trasmissione di queste conoscenze nell'insegnamento secondario superiore.
PrerequisitiPadronanza della morfologia e della sintassi della lingua latina a livello di scuola secondaria superiore. Conoscenza dello sviluppo storico della letteratura latina con particolare attenzione alla produzione in prosa.
Metodi didatticiLezioni frontali; didattica in rete.
Altre informazioniIl modulo di Didattica del latino (2 cfu) è mutuato da Letteratura latina A con programma ridotto e in parte diverso, da controllare sulla D.I.R. CORSO PRE-FIT. Ambito D "METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE" valido ai fini pre-FIT per le classi di concorso: A11, A13, A74, A75, A81, A82.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame si svolgerà in forma orale. La traduzione e l'analisi grammaticale-sintattica di un passo in lingua originale consentiranno di accertare le competenze morfologiche e sintattiche della lingua latina (50% del peso sul voto d’esame). L'inquadramento del passo all'interno delle tematiche illustrate a lezione e l'approfondimento di qualche aspetto della storia della poesia in Roma consentiranno di accertare le conoscenze storico letterarie richieste e la capacità di esporle in modo adatto all'insegnamento nelle scuole secondarie superiori (50% del peso sul voto d’esame). Per superare l'esame occorrerà rispondere in modo almeno sufficiente a ciascuna delle domande. La valutazione si basa sul grado di conoscenze e comprensione dei testi e dei concetti linguistici, letterari, filologici e di applicazione didattica, sulla capacità di applicazione delle conoscenze al testo o al problema interpretativo proposto, e sul grado di capacità espressiva e comunicativa.
Programma estesoNel corso delle lezioni sarà seguito lo sviluppo storico dei generi prosastici della latinità classica con particolare attenzione alla biografia. Saranno letti passi significativi in lingua originale. Saranno indicate le principali metodologie didattiche per l'insegnamento di questi temi nella scuola secondaria superiore.
Risultati di apprendimento attesiAcquisizione di una buona competenza linguistica e letteraria della prosa latina, attraverso la lettura in originale di ampie sezioni di testi appartenenti al genere biografico (Cornelio Nepote e Svetonio). La lettura critica di passi di tali autori deve condurre a una conoscenza di problemi relativi alla storia e alla storia letteraria di Roma antica. Acquisizione dei metodi didattici che possono essere usati nell’insegnamento scolastico per trasmettere gli elementi essenziali di queste conoscenze e competenze.
Insegnamento mutuato daLETTERE (1722) - LE0217 LETTERATURA LATINA A - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLETTERATURA GRECA A
CodiceLE0221
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBATTEZZATO Luigi
DocentiBATTEZZATO Luigi
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/02 - LINGUA E LETTERATURA GRECA L-FIL-LET/02
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiRafforzamento delle conoscenze di lingua, letteratura e metrica greca tramite la lettura di alcuni testi della lirica greca arcaica. Introduzione allo studio dell’evoluzione storica della lingua greca antica; introduzione alla filologia greca. Metodi didattici per l’insegnamento della lingua e letteratura greca antica nelle scuole.
Testi di riferimento(1) Gennaro Perrotta, B. Gentili, C. Catenacci, Polinnia. Poesia greca arcaica, Messina-Firenze, D'Anna; 3 edizione (19 marzo 2007), ISBN-10: 8881048450, ISBN-13: 978-8881048458 (euro 26) (2) Bruno Snell, La cultura greca e le origini del pensiero europeo, Torino, Einaudi, 2002 (capitoli 1-7, 9, 14, 16), ISBN-10: 8806153544, ISBN-13: 978-8806153540 (euro 22) oppure F. Condello, La scuola giusta. In difesa del liceo classico, Milano, Mondadori 2018, ISBN-10: 8804685999, ISBN-13: 978-8804685999, Euro 18 (3) A. C. Cassio, Storia delle lingue letterarie greche, Firenze, Le Monnier Università, seconda edizione 2016, ISBN 9788800745796 (euro 32) (sezioni indicate a lezione: introduzione e lirica greca) (4) A. Porro, W. Lapini, C. Bevegni, Letteratura greca, Bologna, Il Mulino, ISBN-10: 8815271600, ISBN-13: 978-8815271600 (euro 29,75). Oppure F. Montanari, F. Montana, Storia della letteratura greca. Dalle origini all'età imperiale, Bari, Laterza, ISBN-10: 8842093076, ISBN-13: 978-8842093077 (euro 25) Oppure Un manuale di letteratura greca liceale, da concordare con il docente (sezioni da studiare: per Letteratura greca A: dalle origini ad Erodoto (escluso); per Letteratura greca B: da Erodoto alla fine dell’età classica; per Letteratura greca C: età ellenistica e imperiale). Altri libri di riferimento: C. Neri, Lirici greci. Età arcaica e classica, Carocci, Roma, 2011, Euro 30 ISBN 978-8843055951; M. L. West (ed.), Delectus ex Iambis et Elegis Graecis, Oxford University Press, ISBN-10: 0198145896; Denys Page (ed.), Lyrica Graeca Selecta, Oxford University Press, ISBN-10: 0198145675; G. O. Hutchinson, Greek Lyric Poetry: A Commentary on Selected Larger Pieces, Oxford University Press, Oxford 2003, ISBN 978-0199265824
Obiettivi formativiAcquisizione di una buona conoscenza dei caratteri della lirica greca arcaica e degli elementi di lingua, di storia e di storia letteraria necessari per la sua comprensione; approfondimento delle conoscenze della lingua greca nelle sue strutture fonetiche, morfologiche e sintattiche, nella loro evoluzione storica. Conoscenza dei metodi didattici per la trasmissione di queste conoscenze nell'insegnamento secondario superiore. Acquisizione di nozioni di filologia e di metrica necessarie per la comprensione delle edizioni critiche dei testi greci in programma.
PrerequisitiConoscenza liceale della lingua greca antica. Sono richieste conoscenze informatiche di base (navigazione internet; utilizzo di file inseriti su DIR); buona conoscenza della lingua italiana; conoscenza di nozioni essenziali di storia antica e di geografia del Mediterraneo impartite nella scuola superiore.
Metodi didatticiLezione frontale; discussione in classe; presentazione in classe di un breve progetto didattico.
Altre informazioniIl docente ha preparato materiali didattici, disponibili sul servizio informatico interno dell’ateneo (DIR) CORSO PRE-FIT. Ambito D "METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE" valido ai fini pre-FIT per le classi di concorso: A13, A75, A82.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame si svolgerà in forma orale diviso in tre sezioni. La corretta traduzione e analisi fonetica, morfologica, e sintattica di un passo scelto tra i testi in programma d’esame consentiranno di accertare le competenze di lingua greca e sull’evoluzione storica della lingua greca stessa (60% del voto). L'inquadramento del passo all'interno delle tematiche del corso, l’illustrazione di possibili applicazioni didattiche e l'approfondimento di qualche aspetto di interpretazione storica e letteraria consentiranno di accertare le conoscenze storiche e letterarie richieste (25% del voto). La conoscenza delle nozioni di filologia e di metrica sarà esaminata attraverso la spiegazione dell’apparato critico delle edizioni scelte e tramite la lettura e l’analisi metrica e prosodica (15% del voto). Per superare l'esame occorrerà rispondere in modo almeno sufficiente a ciascuna delle domande. La valutazione si basa sul grado di conoscenze e comprensione dei testi e dei concetti linguistici, letterari, filologici e di applicazione didattica, sulla capacità di applicazione delle conoscenze al testo o al problema interpretativo proposto, e sul grado di capacità espressiva e comunicativa.
Programma estesoLettura antologica di testi della lirica greca. Analisi linguistica, metrica, storica, filologica e letteraria dei testi. Studio dell’evoluzione storica della lingua greca antica. Esame delle principali metodologie didattiche per l'insegnamento di questi temi nella scuola secondaria superiore
Risultati di apprendimento attesiAcquisizione di una buona competenza nell’interpretazione linguistica, metrica e letteraria della lirica greca arcaica, attraverso la lettura in originale di una selezione di testi. La lettura critica di passi della lirica greca arcaica deve condurre a una conoscenza di problemi relativi alla lingua greca antica e alla storia letteraria della Grecia antica. Acquisizione dei metodi didattici che possono essere usati nell’insegnamento scolastico per trasmettere gli elementi essenziali di queste conoscenze e competenze.
Insegnamento mutuante inFILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0133 LETTERATURA GRECA A - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0133 LETTERATURA GRECA A - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0710 LETTERATURA GRECA C - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0710 LETTERATURA GRECA C - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoOBBLIGO FORMATIVO AGGIUNTIVO
CodiceLE0337
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoMUSAZZO Andrea
DocentiMUSAZZO Andrea
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoD - A scelta dallo studente
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiNozioni di grammatica italiana e analisi logica; analisi e comprensione del testo; esercizi di comprensione lessicale e uso del vocabolario; corretto uso della punteggiatura.
Testi di riferimento- L. Serianni, "Italiano", con la collaborazione di A. Castelvecchi, Glossario di G. Patota, Milano, Garzanti, 1997 e ss. - F. Bruni et alii, "Manuale di scrittura e comunicazione. Per la cultura personale, per la scuola, per l'università", Bologna, Zanichelli, 1997 e ss. Solo i capitoli 9 ("A proposito di alcuni dubbi di ortografia e grammatica"); 12 ("Le parole nella frase"); 13 ("Problemi di italiano avanzato"). - R. Cella et alii, "LIMINA. Lingua italiana minima d'accesso alla facoltà di Lingue e Letterature straniere", Pisa, Plus-Pisa university press, 2010. Si raccomanda a tutti gli studenti di consultare il materiale su DIR. Durante il corso verranno date indicazioni sull'utilizzo dei libri sopra elencati.
Obiettivi formativiIl corso mira a fornire conoscenze di base di grammatica italiana e strumenti di analisi linguistica finalizzati al recupero delle lacune emerse dagli esiti del test di valutazione delle competenze in ingresso.
PrerequisitiNozioni basilari di grammatica italiana.
Metodi didatticiLezioni frontali, proiezione di materiale didattico (PPT), esercitazioni, didattica in rete (DIR).
Altre informazioniNessuna
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame consiste in una prova scritta della durata di 45 minuti, secondo le stesse modalità del test di valutazione delle competenze in ingresso. Non è previsto un voto e la prova è superata se si risponde correttamente al 60% delle domande.
Programma esteso- Analisi grammaticale e analisi logica. - Cenni sulla sintassi del periodo. - Lessico e uso del vocabolario. - Uso della punteggiatura. - Errori e dubbi ortografici più frequenti. - Esercizi di analisi e comprensione del testo.
Risultati di apprendimento attesiAttraverso il consolidamento delle competenze linguistiche, gli studenti dovranno essere in grado di analizzare e comprendere testi scritti.
Insegnamento mutuante inLINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - LE0337 OBBLIGO FORMATIVO AGGIUNTIVO - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - LE0337 OBBLIGO FORMATIVO AGGIUNTIVO - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoOBBLIGO FORMATIVO AGGIUNTIVO - ALESSANDRIA
CodiceLE0338
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoMUSAZZO Andrea
DocentiMUSAZZO Andrea
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoD - A scelta dallo studente
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeALESSANDRIA
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiNozioni di grammatica italiana e analisi logica; analisi e comprensione del testo; esercizi di comprensione lessicale e uso del vocabolario; corretto uso della punteggiatura.
Testi di riferimento- L. Serianni, "Italiano", con la collaborazione di A. Castelvecchi, Glossario di G. Patota, Milano, Garzanti, 1997 e ss. - F. Bruni et alii, "Manuale di scrittura e comunicazione. Per la cultura personale, per la scuola, per l'università", Bologna, Zanichelli, 1997 e ss. Solo i capitoli 9 ("A proposito di alcuni dubbi di ortografia e grammatica"); 12 ("Le parole nella frase"); 13 ("Problemi di italiano avanzato"). - R. Cella et alii, "LIMINA. Lingua italiana minima d'accesso alla facoltà di Lingue e Letterature straniere", Pisa, Plus-Pisa university press, 2010. Si raccomanda a tutti gli studenti di consultare il materiale su DIR. Durante il corso verranno date indicazioni sull'utilizzo dei libri sopra elencati.
Obiettivi formativiIl corso mira a fornire conoscenze di base di grammatica italiana e strumenti di analisi linguistica finalizzati al recupero delle lacune emerse dagli esiti del test di valutazione delle competenze in ingresso.
PrerequisitiNozioni basilari di grammatica italiana.
Metodi didatticiLezioni frontali, proiezione di materiale didattico (PPT), esercitazioni, didattica in rete (DIR).
Altre informazioniNessuna
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame consiste in una prova scritta della durata di 45 minuti, secondo le stesse modalità del test di valutazione delle competenze in ingresso. Non è previsto un voto e la prova è superata se si risponde correttamente al 60% delle domande.
Programma esteso- Analisi grammaticale e analisi logica. - Cenni sulla sintassi del periodo. - Lessico e uso del vocabolario. - Uso della punteggiatura. - Errori e dubbi ortografici più frequenti. - Esercizi di analisi e comprensione del testo.
Risultati di apprendimento attesiAttraverso il consolidamento delle competenze linguistiche, gli studenti dovranno essere in grado di analizzare e comprendere testi scritti.
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoSTORIA DELL'ARTE CONTEMPORANEA INTEGRATO
CodiceLE0179
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoVANNUGLI Antonio
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiParte A L’ARTE IN ITALIA E IN EUROPA DAL NEOCLASSICISMO AL NOVECENTO Parte B L’ARTE DEL ROMANTICISMO IN ITALIA E IN EUROPA
Testi di riferimentoParte A Un esauriente manuale relativo al periodo storico trattato nel corso, preferibilmente Giulio Carlo Argan, L’arte moderna 1770-1970, Firenze 1970, o in alternativa Pierluigi De Vecchi ed Elda Cerchiari, Arte nel Tempo, volume 3, tomi I e II, Milano 1991, da integrarsi con Corrado Maltese, Storia dell’arte in Italia 1785-1943, Torino 1960, oppure con Anty Pansera e Maurizio Vitta, Guida all'arte contemporanea, Casale Monferrato 1986. Per ulteriore consultazione, le monografie sugli artisti dei secoli XIX e XX della serie dei Classici dell’arte Rizzoli, Milano 1966-1981. Altri testi verranno indicati nel corso delle lezioni. Parte B Hugh Honour, Il Romanticismo, Torino 2007; Eugénie de Keyser, L'Occidente romantico 1789-1850, Ginevra e Milano 1965; Robert Rosenblum, Trasformazioni nell'arte. Iconografia e stile tra Neoclassicismo e Romanticismo, Roma 2002; Kenneth Clark, The Romantic Rebellion, London and New York 1973; Francis Haskell, Riscoperte nell'arte. Aspetti del gusto, della moda e del collezionismo, Milano 1982; Giuliano Briganti, I pittori dell'immaginario. Arte e rivoluzione psicologica, Milano 1977; da integrare con Storia dell'arte italiana. Dal Medioevo al Novecento. Settecento e Ottocento, Torino 1982; La pittura in Italia. L’Ottocento, a cura di Enrico Castelnuovo, Milano 1990; Storia moderna dell'arte in Italia. Dai neoclassici ai puristi 1780-1861, a cura di Paola Barocchi, Torino 1998; Keith Andrews, I Nazareni, Milano 1965; I Nazareni a Roma, catalogo della mostra a cura di Gianna Piantoni, Roma 1981; Maestà di Roma. Da Napoleone all'Unità d'Italia. Universale ed Eterna Capitale delle Arti, catalogo della mostra a cura di Liliana Barroero, Fernando Mazzocca e Sandra Pinto, Milano 2003; La pittura di storia in Italia 1785-1870. Ricerche, quesiti, proposte, a cura di Giovanna Capitelli e Carla Mazzarelli, Cinisello Balsamo 2008; Francesco Hayez, catalogo della mostra a cura di Fernando Mazzocca, Milano 2015; El siglo XIX en el Prado, catalogo della mostra a cura di José Luis Díez e Javier Barón, Madrid 2007; e le seguenti monografie dai Classici dell'arte Rizzoli: Ingres, Hayez, Delacroix, Goya, Friedrich, Füssli, Constable, Turner. Ulteriore bibliografia verrà indicata nel corso delle lezioni.
Obiettivi formativiParte A • Conoscenze e comprensione: conoscere i principali artisti e movimenti artistici del periodo trattato e le principali tematiche oggetto delle rappresentazioni artistiche, nonché i fondamentali rapporti tra le arti figurative e la cultura generale contemporanea e le motivazioni sottese alla creazione artistica. • Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: saper collocare nel tempo e ricondurre nel contesto di un movimento artistico-culturale le singole opere d’arte. • Espressione di giudizi: saper valutare il ruolo e l’importanza, all’interno della cultura europea dell’Ottocento e del Novecento, di una singola opera d’arte, dell’opera di un dato artista complessivamente e di un movimento artistico nel suo insieme. • Abilità nella comunicazione: saper descrivere la personalità di un dato artista in generale e le caratteristiche di un’opera d’arte con proprietà di linguaggio, distinguendo i vari livelli di lettura e interpretazione tra formale o preiconografica, iconografica e iconologica, operando in autonomia collegamenti con il contesto geografico e culturale di appartenenza. • Capacità di studio: saper elaborare criticamente le nozioni e i concetti essenziali appresi in modo da poter affrontare lo studio e l’approfondimento di ulteriori personalità e fenomeni artistici connotanti gli ultimi due secoli. Parte B • Conoscenze e comprensione: conoscere i principali artisti e movimenti artistici del Romanticismo italiano ed europeo e le tematiche letterarie, storiche e religiose predilette durante il periodo tra la fine del Settecento e la metà dell'Ottocento, nonché i fondamentali rapporti tra le arti figurative e la politica la cultura generale contemporanea, specie letteraria e musicale. • Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: saper collocare con buona precisione nel tempo e ricondurre nel contesto di una nazione e di un movimento artistico-culturale le singole opere d’arte. • Espressione di giudizi: saper valutare il ruolo e l’importanza, all’interno della cultura europea del Romanticismo, di una specifica opera d’arte, dell’opera di un dato artista nel suo complesso e di una corrente artistica nel suo insieme. • Abilità nella comunicazione: saper descrivere la personalità di un dato artista in generale e le caratteristiche di un’opera d’arte con proprietà di linguaggio, distinguendo i vari livelli di lettura e interpretazione tra formale o preiconografica, iconografica e iconologica, operando in autonomia collegamenti con il contesto geografico e culturale di appartenenza. • Capacità di studio: saper elaborare criticamente le nozioni e i concetti essenziali appresi in modo da poter affrontare lo studio e l’approfondimento di ulteriori personalità e fenomeni artistici connotanti l'età del Romanticismo.
PrerequisitiParte A Una conoscenza di base della storia política e culturale europea tra la Rivoluzione Francese e il periodo successive alla fine della Seconda Guerra Mondiale. Parte B Buona conoscenza della storia política e culturale europea tra lo scoppio della Rivoluzione Francese e il 1848.
Metodi didatticiLezioni frontali, con eventuali sopralluoghi a musei e mostre temporanee.
Altre informazioniGli studenti impossibilitati a frequentare sono invitati a contattare il docente almeno un mese prima dell’esame per concordare i testi di studio e per ricevere eventuali materiali su supporto elettronico. In caso di mancata iscrizione agli appelli d’esame per via telematica, saranno ammessi a sostenere la prova SOLO coloro che avranno, con almeno tre giorni di anticipo, contattato il docente di persona oppure inviato un sms al telefono cellulare 349/8395631 oppure inviato un messaggio al suo indirizzo di posta elettronica. Non saranno ammesse eccezioni.
Modalità di verifica dell'apprendimentoParte A Esame orale, di durata compresa tra i venti e i trenta minuti e costituito da quattro domande, almeno una delle quali di carattere generale sui contenuti del corso e almeno due riguardanti l’analisi e il commento di opere d’arte attraverso l’osservazione di immagini digitali sul computer. Si valuteranno in particolare: 1. la conoscenza di base dei più importanti artisti e movimenti italiani ed europei dei secoli XIX e XX, anche in rapporto alle coeve espressioni letterarie, teatrali e musicali e più in generale al pensiero del tempo (a tale punto verrà attribuito il peso del 40% nella valutazione complessiva);2. la capacità di riconoscere, riferendole correttamente a un dato periodo e ambito culturale, alcune opere d’arte proposte attraverso fotografie mostrate sul computer (30% della valutazione complessiva); 3. la capacità di analizzare criticamente lo stile, l’iconografia e le finalità di alcune opere d’arte del periodo studiato usando una terminologia chiara e corretta (30% della valutazione complessiva). Parte B Esame orale, di durata compresa tra i venti e i trenta minuti e costituito da quattro domande, almeno una delle quali di carattere generale sui contenuti del corso e almeno due riguardanti l’analisi e il commento di opere d’arte attraverso l’osservazione di immagini digitali sul computer. In particolare, si valuteranno: 1. la conoscenza di base dei più importanti artisti e movimenti italiani ed europei del Romanticismo, anche in rapporto alle coeve espressioni letterarie, teatrali e musicali e più in generale al pensiero del tempo (a tale aspetto verrà attribuito il 40% della valutazione complessiva); 2. la capacità di riconoscere e riferire a un dato ambito culturale alcune opere d’arte proposte attraverso fotografie mostrate sul computer (30% della valutazione complessiva); 3. la capacità di analizzare criticamente lo stile e l’iconografia delle opere d’arte del periodo studiato usando una terminologia chiara e corretta (30% della valutazione complessiva).
Programma estesoParte A Fondamenti della storia dell’arte europea tra la fine del Settecento e i movimenti novecenteschi, attraverso l’analisi delle opere. Protagonisti e correnti, moventi e tematiche. • unità didattica 1: Neoclassicismo e Romanticismo • unità didattica 2: il Realismo e i Macchiaioli • unità didattica 3: Impressionismo e Postimpressionismo • unità didattica 4: il Simbolismo e l’Art Noveau • unità didattica 5: le avanguardie storiche del Novecento e il Ritorno all’Ordine. Parte B • unità didattica 1: Le forme del Preromanticismo e la dialettica tra Neoclassicismo e Romanticismo. Piranesi e il rovinismo • unità didattica 2: il Romanticismo in Germania, nei Paesi nordici e in Inghilterra: Friedrich e Runge, Fuseli, il paesaggio romantico da Constable e Turner • unità didattica 3: il Romanticismo in Francia: la Scuola di Barbizon e Corot, Géricault e Delacroix, la scuola di David, la posizione di Ingres. • unità didattica 4: il Romanticismo cristiano in Italia: i Nazareni e il Purismo. • unità didattica 5: il Romanticismo storico in Italia e in Spagna: Hayez, Palagi, i Toscani, Morelli. Il paesaggio romantico in Italia.
Risultati di apprendimento attesiParte A Conoscere i principali artisti e movimenti artistici del periodo trattato e le principali tematiche oggetto delle rappresentazioni artistiche. Orientarsi nei rapporti tra le arti figurative e la cultura generale contemporanea e le motivazioni sottese alla creazione artistica. Collocare nel tempo e ricondurre nel contesto di un movimento artistico-culturale le singole opere d’arte. Acquisire una più profonda consapevolezza critica della storia e della cultura europea dall’inizio dell’Ottocento. Distinguere i concetti essenziali degli argomenti d’esame ed elaborarli criticamente, alla luce della posizione degli autori e del tempo in cui sono stati espressi, in modo da cogliere la continua evoluzione dell’interpretazione delle opere e dei fatti artistici del passato nell’avanzare del tempo. Parte B Conoscere i principali artisti e movimenti artistici del Romanticismo e le principali tematiche oggetto delle rappresentazioni artistiche del tempo. Orientarsi nei rapporti tra le arti figurative e la cultura generale contemporanea e le componenti filosofiche, politiche, letterarie, sociali e religiose sottese alla creazione artistica. Collocare nel tempo e ricondurre nel contesto di un preciso ambito artistico-culturale le singole opere d’arte. Acquisire una più profonda consapevolezza critica della storia e della cultura europea della cosiddetta Età delle Rivoluzioni. Distinguere i concetti essenziali degli argomenti d’esame ed elaborarli criticamente, alla luce della nazionalità degli autori e dell'epoca in cui sono stati espressi, in modo da cogliere le sfumature interpretative di opere e fatti artistici del Romanticismo.
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoSTORIA DELL'ARTE MEDIEVALE INTEGRATO
CodiceLE0173
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoLOMARTIRE Saverio
DocentiLOMARTIRE Saverio
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiModulo A: LINEAMENTI DI STORIA DELL'ARTE ITALIANA ED EUROPEA DAL VII AL XIV SECOLO Modulo B: ARCHITETTURA E ARTI NELL'ITALIA NORD-OCCIDENTALE TRA IX E XI SECOLO: IL RUOLO DELLA COMMITTENZA VESCOVILE
Testi di riferimentoModulo A: Un manuale, a scelta dello studente, riferito al periodo trattato. Lo studente potrà avvalersi di qualunque manuale, purché sufficientemente aggiornato. Testo consigliato: A. Pinelli, Le ragioni della bellezza. 2. Dalla Tarda Antichità a Giotto, Torino, Loescher 2012 (ATTENZIONE: "EDIZIONE ROSSA", con DVD). Altri testi utili: E. Cerchiari – P. L. De Vecchi, Arte nel tempo, Milano. Bompiani, 1999 (e succ. edd.): vol. I, tomo 1: Dalla preistoria alla tarda Antichità, pp. 272-299; vol. I tomo II: Il Medioevo, tutto il volume E. Bairati – A. Finocchi, Arte in Italia, vol. I, Torino, Loescher, 1984 e succ. edd. [solo le parti corrispondenti al programma]. M. Becchis - L. Galli - G. Valenzano, Il medioevo (vol. 1B de L’arte e la Storia dell’Arte, a cura di Rita Scrimieri, Milano, Minerva Italica, 2002; G. Bora, G. Fiaccadori, A. Negri, A. Nova, I luoghi dell'Arte. Storia, opere, percorsi, Vol. 2, Milano, Electa Scuola, 2009. Altra bibliografia di riferimento (facoltativa) verrà indicata nel corso delle lezioni. Si consiglia inoltre di ricorrere, per chiarimenti e approfondimenti su taluni temi generali e su singoli contesti o monumenti, all'"Enciclopedia dell'Arte Medievale", Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 12 voll., posseduto dalla Biblioteca di Dipartimento. Modulo B: Bibliografia completa (in vista dell'esame saranno indicati i testi obbligatori e quelli tra i quali scegliere): Testo di riferimento (facoltativo) con estratti antologici: G. Binding, Der früh- und hochmittelalterliche Bauherr als sapiens architectes, Darmstadt, Wissenschaftliche Buchgesellschaft, 1998. Ansperto da Biassono, a cura Martina Basile Weatherill, Manuela Beretta e Miriam Rita Tessera, Milano, Scalpendi Editore, 2018 (pubblicazione prevista per l'autunno 2018); L’Altare d’Oro di Sant’Ambrogio, a cura di C. Capponi, Cinisello Balsamo 1996; A. Peroni, Il ruolo della committenza vescovile alle soglie del Mille: il caso di Warmondo di Ivrea, in Committenti e produzione artistico-letteraria nell’alto medioevo occidentale, XXXIX Settimana di studio del Centro Italiano di Studi sull’Alto Medioevo (Spoleto, 4-10 aprile 1991), Spoleto 1992, pp. 243-271; C. Maritano, Warmondo d’Ivrea vescovo e committente, “Bollettino storico-bibliografico subalpino”, XCVIII (2000) 1, pp. 77-104; C. Maritano, I miniatori del vescovo Warmondo d’Ivrea, “Atti della Accademia delle Scienze di Torino”, 137 (2003), pp. 43 – 73; P. A. Margaux, Warmond d’Ivrée et ses images. Politique et création iconographique autour de l’an mil, Bern, 2002; G. Gandino, Orizzonti politici ed esperienze culturali dei vescovi di Vercelli tra i secoli IX e XI, in Ead., Contemplare l’ordine: intellettuali e potenti dell’alto medioevo, Napoli 2004, pp. 65-81: 74-81; C. Bertelli, Sant’Ambrogio da Angilberto II a Gotofredo, in Il millennio ambrosiano. La città del vescovo dai Carolinigi al Barbarossa, a cura di C. Bertelli, Milano 1988, p. 72-75; C. Tosco, Architetti e committenti nel Romanico lombardo, Roma 1992; C. Tosco, la committente vescovile nell'ix secolo nel romanico lombardo, in Bischöfliches Bauen im 11. Jahrhunderts, a cura di J. Jarnut et al., Paderborn, Fink, 2009, pp. 25-54; C. Tosco, Architettura e scultura landolfiana, in Il rifugio del Vescovo. Testona e Moncalieri nella diocesi medievale di Torino, a cura di G. Casiraghi, Torino 1997, pp. 161-205; B. Brenk, La committenza di Ariberto d’Intimiano, in Il millennio ambrosiano. La città del vescovo dai Carolinigi al Barbarossa, a cura di C. Bertelli, Milano 1988, pp. 124-155; E. Lampugnani, Ariberto, custos a Galliano e arcivescovo a Milano. La personalità storica di un committente artistico attraverso i suoi “ritratti”, “Archivio storico lombardo”, 129 (2003), pp. 11-48; C. Maritano, Warmondo d’Ivrea vescovo e committente, “Bollettino storico-bibliografico subalpino”, 98/1 (2000), pp. 77-104; Ariberto da Intimiano, fede potere e cultura a Milano nel secolo XI, a cura di E. Bianchi, Cinisello Balsamo, Silvana Editoriale, 2007 (in part. S. Lomartire, "Ut aula Domini resplendeat. Ariberto di intimano arcivescovo e committente", ivi, pp. 41-69); Il Crocifisso di Ariberto. Un mistero millenario intorno al simbolo della cristianità, catalogo della mostra a cura di E. Brivio, Ed. Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo, Milano 1997; L'Evangeliario di Ariberto. Un capolavoro dell'oreficeria medievale lombarda, a cura di Alessandro Tomei, Ed. Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo-Milano 1999.
Obiettivi formativiModulo A: • obiettivi - conoscenze e comprensione: Conoscere l'evoluzione del linguaggio artistico dalla tarda antichità all'inizio del Rinascimento. Comprendere i codici rappresentativi e iconografici. • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Saper riconoscere l'ambito regionale, cronologico di un manufatto storico artistico o di un'architettura medievale. Capacità di comprensione del codice iconografico di un'immagine o dei dati tipologico strutturali di un'architettura del Medioevo. • obiettivi - espressione di giudizi: Saper dedurre il ruolo storico-culturale di un manufatto e saperlo correlare al contesto coevo in ambito europeo. • obiettivi - abilità nella comunicazione: Saper illustrare i caratteri e i contenuti salienti di un manufatto storico artistico o architettonico del Medioevo. • obiettivi - capacità di studio: Saper affrontare, sulle basi delle conoscenze acquisite nel corso delle lezioni, la valutazione (lettura e decodifica) di un contesto artistico o architettonico di età medievale. Modulo B: • obiettivi - conoscenze e comprensione: Avere una buona conoscenza dei principali complessi architettonici e artistici del periodo preso in considerazione e delle fonti relative alla committenza. • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Saper ricondurre le caratteristiche dei manufatti e dei monumenti esaminati a specifiche esigenze della committenza. • obiettivi - espressione di giudizi: Saper valutare la corrispondenza di quanto trasmesso dalle fonti riguardo alla comittenza con gli elementi formali caratterizzanti dei complessi edilizi e dei manufatti di pittura, scultura, miniatura e oreficeria. • obiettivi - abilità nella comunicazione: Saper illustrare le dinamiche della committenza vescovile nel periodo esaminato in rapporto alla produzione architettonica e artistica. • obiettivi - capacità di studio: Saper mettere in relazione i dati forniti dalle fonti e quelli forniti dalla letteratura specialistica.
PrerequisitiModulo A: Nozioni (livello scolastico) di Storia, di Letteratura e di Filosofia del Medioevo Modulo B: Aver seguito il modulo di Storia dell'Arte Medievale A.
Metodi didatticiLezioni, seminari ed esercitazioni, visite di studio a musei e a contesti monumentali e artistici.
Altre informazioniOltre alla visita di studio programmata (Museo del Tesoro del Duomo di Vercelli) potranno essere concordate visite ad altri contesti monumentali (Milano, Galliano, Ivrea) sulla base del numero delle adesioni.
Modalità di verifica dell'apprendimentoAl termine del corso è prevista una prova di valutazione sotto forma di esame orale, della durata minima totale di quaranta minuti, che procederà complessivamente ovvero in due diverse sessioni (a scelta dello studente) facendo precedere tassativamente la verifica relativa al modulo A e solo in seguito quella relativa al modulo B. L'esame tenderà, nel complesso, a verificare il raggiungimento degli obiettivi formativi tramite: Modulo A: 1. riconoscimento delle immagini del manuale prescelto; 2. capacità descrittiva delle stesse; 3. capacità di mettere in relazione le opere con i contesti culturali / artistici / architettonici del periodo di riferimento; 4. conoscenza dei codici figurativi e rappresentativi; 5. possesso della terminologia specifica della disciplina. In particolare verrà dato il seguente peso alla verifica del predetti raggiungimento degli obiettivi formativi: 1. 20%; 2. 20%; 3. 40%; 4 10%; 5. 10%. Modulo B: 1. conoscenza del ruolo del committente nella formazione dell'opera d'arte medievale e delle fonti relative a tale ruolo; 2. capacità di collegare le opere a momenti significativi dell'attività dei singoli committenti; 3. capacità di mettere in relazione le opere con i contesti culturali / artistici / architettonici del periodo di riferimento; 4. possesso della terminologia specifica della disciplina. In particolare verrà dato il seguente peso alla verifica del predetti raggiungimento degli obiettivi formativi: 1. 30%; 2. 30%; 3. 20%; 4. 20%.
Programma estesoModulo A: Il corso intende fornire agli studenti la conoscenza delle principali problematiche relative alla lettura dell’immagine medievale e all’evoluzione del linguaggio artistico e architettonico nel Medioevo, con attenzione ai connotati iconografici, rappresentativi, cronologici. • unità didattica 1: Propedeutica: il concetto storiografico di Medioevo applicato alla storia dell'arte e dell'architettura. • unità didattica 2: Concetti di base: tradizione figurativa, iconografia, codici rappresentativi. • unità didattica 3: Esemplificazioni attraverso lo studio di materiale illustrativo proiettato a lezione ed eventuali visite a muse e monumenti. • unità didattica 4: Il problema delle tecniche dell'architettura e dell'arte nel Medioevo: cantieri e laboratori artistici. I trattati: Mappae Clavicula, Teofilo, Cennino Cennini. Modulo B: Verrà esaminata una serie di architetture e opere riconducibile a committenze ecclesiastiche, e in particolare vescovili, databili tra IX e XI secolo nell'Italia nordoccidentale. Dopo una parte propedeutica, lo studio procederà in ordine cronologico e ripercorrerà inizialmente le vicende biografiche di alcuni dei maggiori committenti del periodo nell'area geografica indicata. Successivamente verranno esaminate approfonditamente le maggiori opere attribuibili ai quei committenti, sulla base delle ricerche più aggiornate. Unità didattica 1: Il concetto moderno di committenti e differenze con il concetto medievale. Il committente come "primus auctor" e come "sapiens architectus". Testimonianze di vescovi committenti dalla tarda antichità al primo medioevo in ambito europeo sulla base delle fonti: 8 ore. Unità didattica 2: la situazione politico-religiosa nell'Italia settentrionale dall'età carolingia fino all'XI secolo e il ruolo dei vescovi: 4 ore. Unità 3: Milano: Angilberto II, Ansperto, Gotofredo, Arderico, Arnolfo, Ariberto di Intimiano: 6 ore Unità 3: il Piemonte medievale: Brunimmo di Asti, Pietro III di Novara, Warmondo di Ivrea, Leone di Vercelli: 4 ore. Unità 4: Esame delle opere, con riferimento alle fonti e alla letteratura aggiornata. Visita ad alcuni contesti (Vercelli, Milano, Galliano, Novara): 14 ore.
Risultati di apprendimento attesi1 - Saper riconoscere l'ambito regionale, cronologico di un manufatto storico artistico o di un'architettura medievale. Capacità di comprensione del codice iconografico di un'immagine o dei dati tipologico strutturali di un'architettura del Medioevo (30% della valutazione globale). 2 - Saper illustrare in modo sintetico ma esauriente i caratteri e i contenuti salienti di un manufatto storico artistico o architettonico del Medioevo (20% della valutazione globale). 3. Conoscenza delle dinamiche della committenza artistica nel Medioevo e delle fonti relative alla committente vescovile, con particolare riferimento ai personaggi e alle opere trattate nel corso (25% della valutazione globale). 4. Capacità di descrivere le opere, collocandole nella corretta sequenza cronologica, assoluta e relativa, e nel rapporto con altre opere di architettura e arte del periodo preso in esame (25% della valutazione globale).
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LE0174 STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE A L-ART/01 - STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE LOMARTIRE Saverio
LE0175 STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE B L-ART/01 - STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE LOMARTIRE Saverio
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA DELL'ARTE MEDIEVALE A
CodiceLE0174
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoLOMARTIRE Saverio
DocentiLOMARTIRE Saverio
CFU6
Ore di lezione36
Ore di studio individuale114
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-ART/01 - STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiLINEAMENTI DI STORIA DELL'ARTE ITALIANA ED EUROPEA DAL VII AL XIV SECOLO
Testi di riferimentoUn manuale, a scelta dello studente, riferito al periodo trattato. Lo studente potrà avvalersi di qualunque manuale, purché sufficientemente aggiornato. Testo consigliato: A. Pinelli, Le ragioni della bellezza. 2. Dalla Tarda Antichità a Giotto, Torino, Loescher 2012 (ATTENZIONE: "EDIZIONE ROSSA", con DVD). Altri testi utili: E. Cerchiari – P. L. De Vecchi, Arte nel tempo, Milano. Bompiani, 1999 (e succ. edd.): vol. I, tomo 1: Dalla preistoria alla tarda Antichità, pp. 272-299; vol. I tomo II: Il Medioevo, tutto il volume E. Bairati – A. Finocchi, Arte in Italia, vol. I, Torino, Loescher, 1984 e succ. edd. [solo le parti corrispondenti al programma]. M. Becchis - L. Galli - G. Valenzano, Il medioevo (vol. 1B de L’arte e la Storia dell’Arte, a cura di Rita Scrimieri, Milano, Minerva Italica, 2002; G. Bora, G. Fiaccadori, A. Negri, A. Nova, I luoghi dell'Arte. Storia, opere, percorsi, Vol. 2, Milano, Electa Scuola, 2009. Altra bibliografia di riferimento (facoltativa) verrà indicata nel corso delle lezioni. Si consiglia inoltre di ricorrere, per chiarimenti e approfondimenti su taluni temi generali e su singoli contesti o monumenti, all'"Enciclopedia dell'Arte Medievale", Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 12 voll., posseduto dalla Biblioteca di Dipartimento.
Obiettivi formativi• obiettivi - conoscenze e comprensione: Conoscere l'evoluzione del linguaggio artistico dalla tarda antichità all'inizio del Rinascimento. Comprendere i codici rappresentativi e iconografici. • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Saper riconoscere l'ambito regionale, cronologico di un manufatto storico artistico o di un'architettura medievale. Capacità di comprensione del codice iconografico di un'immagine o dei dati tipologico strutturali di un'architettura del Medioevo. • obiettivi - espressione di giudizi: Saper dedurre il ruolo storico-culturale di un manufatto e saperlo correlare al contesto coevo in ambito europeo. • obiettivi - abilità nella comunicazione: Saper illustrare i caratteri e i contenuti salienti di un manufatto storico artistico o architettonico del Medioevo. • obiettivi - capacità di studio: Saper affrontare, sulle basi delle conoscenze acquisite nel corso delle lezioni, la valutazione (lettura e decodifica) di un contesto artistico o architettonico di età medievale.
PrerequisitiNozioni (livello scolastico) di Storia, di Letteratura e di Filosofia del Medioevo
Metodi didatticiLezioni frontali; esercitazioni e seminari visite a monumenti, musei e mostre.
Altre informazioniSono previste visite di studio.
Modalità di verifica dell'apprendimentoAl termine del corso è prevista una prova di valutazione sotto forma di esame orale, della durata minima di venti minuti, tendente a verificare il raggiungimento degli obiettivi formativi tramite: 1. riconoscimento delle immagini del manuale prescelto; 2. capacità descrittiva delle stesse; 3. capacità di mettere in relazione le opere con i contesti culturali / artistici / architettonici del periodo di riferimento; 4. conoscenza dei codici figurativi e rappresentativi; 5. possesso della terminologia specifica della disciplina. In particolare verrà dato il seguente peso alla verifica del raggiungimento dei predetti obiettivi formativi: 1. 20%; 2. 20%; 3. 40%; 4 10%; 5. 10%.
Programma estesoIl corso intende fornire agli studenti la conoscenza delle principali problematiche relative alla lettura dell’immagine medievale e all’evoluzione del linguaggio artistico e architettonico nel Medioevo, con attenzione ai connotati iconografici, rappresentativi, cronologici. • unità didattica 1: Propedeutica: il concetto storiografico di Medioevo applicato alla storia dell'arte e dell'architettura. • unità didattica 2: Concetti di base: tradizione figurativa, iconografia, codici rappresentativi. • unità didattica 3: Esemplificazioni attraverso lo studio di materiale illustrativo proiettato a lezione ed eventuali visite a muse e monumenti. • unità didattica 4: Il problema delle tecniche dell'architettura e dell'arte nel Medioevo: cantieri e laboratori artistici. I trattati: Mappae Clavicula, Teofilo, Cennino Cennini.
Risultati di apprendimento attesi1 - Saper riconoscere l'ambito regionale, cronologico di un manufatto storico artistico o di un'architettura medievale. Capacità di comprensione del codice iconografico di un'immagine o dei dati tipologico strutturali di un'architettura del Medioevo (60% della valutazione). 2 - Saper illustrare in modo sintetico ma esauriente i caratteri e i contenuti salienti di un manufatto storico artistico o architettonico del Medioevo (40% della valutazione).
Insegnamento mutuante inLETTERE (1722) - L0049 STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE A - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0049 STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE A - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0049 STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE A - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0049 STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE A - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0349 STORIA DELLE TECNICHE ARTISTICHE - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0349 STORIA DELLE TECNICHE ARTISTICHE - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0049 STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE A - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0049 STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE A - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0049 STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE A - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA DELL'ARTE MEDIEVALE B
CodiceLE0175
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoLOMARTIRE Saverio
DocentiLOMARTIRE Saverio
CFU6
Ore di lezione36
Ore di studio individuale114
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-ART/01 - STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiArchitettura e arti nell'Italia nord-occidentale tra IX e XI secolo: il ruolo della committenza vescovile.
Testi di riferimentoBibliografia completa (in vista dell'esame saranno indicati i testi obbligatori e quelli tra i quali scegliere): Testo di riferimento (facoltativo) con estratti antologici: G. Binding, Der früh- und hochmittelalterliche Bauherr als sapiens architectes, Darmstadt, Wissenschaftliche Buchgesellschaft, 1998. Ansperto da Biassono, a cura Martina Basile Weatherill, Manuela Beretta e Miriam Rita Tessera, Milano, Scalpendi Editore, 2018 (pubblicazione prevista per l'autunno 2018); L’Altare d’Oro di Sant’Ambrogio, a cura di C. Capponi, Cinisello Balsamo 1996; A. Peroni, Il ruolo della committenza vescovile alle soglie del Mille: il caso di Warmondo di Ivrea, in Committenti e produzione artistico-letteraria nell’alto medioevo occidentale, XXXIX Settimana di studio del Centro Italiano di Studi sull’Alto Medioevo (Spoleto, 4-10 aprile 1991), Spoleto 1992, pp. 243-271; C. Maritano, Warmondo d’Ivrea vescovo e committente, “Bollettino storico-bibliografico subalpino”, XCVIII (2000) 1, pp. 77-104; C. Maritano, I miniatori del vescovo Warmondo d’Ivrea, “Atti della Accademia delle Scienze di Torino”, 137 (2003), pp. 43 – 73; P. A. Margaux, Warmond d’Ivrée et ses images. Politique et création iconographique autour de l’an mil, Bern, 2002; G. Gandino, Orizzonti politici ed esperienze culturali dei vescovi di Vercelli tra i secoli IX e XI, in Ead., Contemplare l’ordine: intellettuali e potenti dell’alto medioevo, Napoli 2004, pp. 65-81: 74-81; C. Bertelli, Sant’Ambrogio da Angilberto II a Gotofredo, in Il millennio ambrosiano. La città del vescovo dai Carolinigi al Barbarossa, a cura di C. Bertelli, Milano 1988, p. 72-75; C. Tosco, Architetti e committenti nel Romanico lombardo, Roma 1992; C. Tosco, la committente vescovile nell'ix secolo nel romanico lombardo, in Bischöfliches Bauen im 11. Jahrhunderts, a cura di J. Jarnut et al., Paderborn, Fink, 2009, pp. 25-54; C. Tosco, Architettura e scultura landolfiana, in Il rifugio del Vescovo. Testona e Moncalieri nella diocesi medievale di Torino, a cura di G. Casiraghi, Torino 1997, pp. 161-205; B. Brenk, La committenza di Ariberto d’Intimiano, in Il millennio ambrosiano. La città del vescovo dai Carolinigi al Barbarossa, a cura di C. Bertelli, Milano 1988, pp. 124-155; E. Lampugnani, Ariberto, custos a Galliano e arcivescovo a Milano. La personalità storica di un committente artistico attraverso i suoi “ritratti”, “Archivio storico lombardo”, 129 (2003), pp. 11-48; C. Maritano, Warmondo d’Ivrea vescovo e committente, “Bollettino storico-bibliografico subalpino”, 98/1 (2000), pp. 77-104; Ariberto da Intimiano, fede potere e cultura a Milano nel secolo XI, a cura di E. Bianchi, Cinisello Balsamo, Silvana Editoriale, 2007 (in part. S. Lomartire, "Ut aula Domini resplendeat. Ariberto di intimano arcivescovo e committente", ivi, pp. 41-69); Il Crocifisso di Ariberto. Un mistero millenario intorno al simbolo della cristianità, catalogo della mostra a cura di E. Brivio, Ed. Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo, Milano 1997; L'Evangeliario di Ariberto. Un capolavoro dell'oreficeria medievale lombarda, a cura di Alessandro Tomei, Ed. Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo-Milano 1999.
Obiettivi formativi• obiettivi - conoscenze e comprensione: Avere una buona conoscenza dei principali complessi architettonici e artistici del periodo preso in considerazione e delle fonti relative alla committenza. • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Saper ricondurre le caratteristiche dei manufatti e dei monumenti esaminati a specifiche esigenze della committenza. • obiettivi - espressione di giudizi: Saper valutare la corrispondenza di quanto trasmesso dalle fonti riguardo alla comittenza con gli elementi formali caratterizzanti dei complessi edilizi e dei manufatti di pittura, scultura, miniatura e oreficeria. • obiettivi - abilità nella comunicazione: Saper illustrare le dinamiche della committenza vescovile nel periodo esaminato in rapporto alla produzione architettonica e artistica. • obiettivi - capacità di studio: Saper mettere in relazione i dati forniti dalle fonti e quelli forniti dalla letteratura specialistica.
PrerequisitiAver seguito il corso di Storia dell'Arte Medievale A.
Metodi didatticiLezioni, seminari ed esercitazioni, visite di studio a musei e a contesti monumentali e artistici.
Altre informazioniOltre alla visita di studio programmata potranno essere concordate visite ad altri contesti monumentali (Milano, Galliano, Ivrea) sulla base del numero delle adesioni.
Modalità di verifica dell'apprendimentoAl termine del corso è prevista una prova di valutazione sotto forma di esame orale, della durata minima di venti minuti, tendente a verificare il raggiungimento degli obiettivi formativi tramite: 1. conoscenza del ruolo del committente nella formazione dell'opera d'arte medievale e delle fonti relative a tale ruolo; 2. capacità di collegare le opere a momenti significativi dell'attività dei singoli committenti; 3. capacità di mettere in relazione le opere con i contesti culturali / artistici / architettonici del periodo di riferimento; 4. possesso della terminologia specifica della disciplina. In particolare verrà dato il seguente peso alla verifica del raggiungimento dei predetti obiettivi formativi: 1. 30%; 2. 30%; 3. 20%; 4. 20%.
Programma estesoVerrà esaminata una serie di architetture e opere riconducibile a committenze ecclesiastiche, e in particolare vescovili, databili tra IX e XI secolo nell'Italia nordoccidentale. Dopo una parte propedeutica, lo studio procederà in ordine cronologico e ripercorrerà inizialmente le vicende biografiche di alcuni dei maggiori committenti del periodo nell'area geografica indicata. Successivamente verranno esaminate approfonditamente le maggiori opere attribuibili ai quei committenti, sulla base delle ricerche più aggiornate. Unità didattica 1: Il concetto moderno di committenti e differenze con il concetto medievale. Il committente come "primus auctor" e come "sapiens architectus". Testimonianze di vescovi committenti dalla tarda antichità al primo medioevo in ambito europeo sulla base delle fonti: 8 ore. Unità didattica 2: la situazione politico-religiosa nell'Italia settentrionale dall'età carolingia fino all'XI secolo e il ruolo dei vescovi: 4 ore. Unità 3: Milano: Angilberto II, Ansperto, Gotofredo, Arderico, Arnolfo, Ariberto di Intimiano: 6 ore Unità 3: il Piemonte medievale: Brunimmo di Asti, Pietro III di Novara, Warmondo di Ivrea, Leone di Vercelli: 4 ore. Unità 4: Esame delle opere, con riferimento alle fonti e alla letteratura aggiornata. Visita ad alcuni contesti (Vercelli, Milano, Galliano, Novara): 14 ore.
Risultati di apprendimento attesi1. Conoscenza delle dinamiche della committenza artistica nel Medioevo e delle fonti relative alla committente vescovile, con particolare riferimento ai personaggi e alle opere trattate nel corso (50% della valutazione). 2. Capacità di descrivere le opere, collocandole nella corretta sequenza cronologica, assoluta e relativa, e nel rapporto con altre opere di architettura e arte del periodo preso in esame (50% della valutazione).
Insegnamento mutuante inLINGUE, CULTURE, TURISMO (A002) - L1046 STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE I M - VERCELLI
LINGUE, CULTURE, TURISMO (A002) - L1046 STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE I M - VERCELLI
FILOSOFIA (1777) - L1051 STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE I M - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L1051 STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE I M - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L1051 STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE I M - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoSTORIA DELLA LINGUA ITALIANA 1+2
CodiceLE0225
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiMACONI Ludovica
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeALESSANDRIA
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LE0226 STORIA DELLA LINGUA ITALIANA 1 L-FIL-LET/12 - LINGUISTICA ITALIANA L-FIL-LET/12 MACONI Ludovica
LE0227 STORIA DELLA LINGUA ITALIANA 2 L-FIL-LET/12 - LINGUISTICA ITALIANA L-FIL-LET/12 MACONI Ludovica
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA DELLA LINGUA ITALIANA 1
CodiceLE0226
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoMACONI Ludovica
DocentiMACONI Ludovica
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/12 - LINGUISTICA ITALIANA L-FIL-LET/12
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiCorso base di STORIA DELLA LINGUA ITALIANA, con lineamenti di grammatica storica.
Testi di riferimento- C. MARAZZINI, La lingua italiana. Storia, testi, strumenti, seconda edizione, con la collaborazione di L. Maconi, Bologna, il Mulino, 2015; - G. PATOTA, Nuovi lineamenti di grammatica storica dell'italiano, con esercizi a cura di G. Lauta, Bologna, il Mulino, 2007.
Obiettivi formativi• Obiettivo A: possedere conoscenze di base sulla grammatica storica e sulla storia della lingua italiana dalle Origini al Novecento. • Obiettivo B: possedere la capacità di avvicinarsi a testi italiani antichi e moderni riconoscendone i caratteri specifici più evidenti. • Obiettivo C: sviluppare abilità nella comunicazione. • Obiettivo D: conoscere e usare gli strumenti della disciplina più noti e diffusi (dizionari, grammatiche, atlanti linguistici, risorse della Rete).
PrerequisitiNozioni di storia della letteratura e della cultura italiana, così come sono impartite secondo i programmi ("linee guida") delle scuole superiori.
Metodi didatticiLezioni orali in aula e in biblioteca. Esercitazioni. Proiezione di materiale PPT.
Altre informazioniVerranno impartite nozioni utili, sul piano didattico e sul piano metodologico, per l'insegnamento dell'italiano nelle scuole, per superare una visione riduttiva della norma grammaticale, e sostituirla con una visione problematica e aperta della didattica dell'italiano. CORSO PRE-FIT. Ambito D "METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE" valido ai fini pre-FIT per le classi di concorso: A11, A12, A13, A22, A23, A70, A72, A78, A79, A83
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame orale sul corso e sui manuali indicati in bibliografia. L'esame ha una durata media di 20 minuti. Quanto agli obiettivi sopra descritti, la verifica in sede di esame avverrà così: • Obiettivo A: tre domande saranno di preciso contenuto ma di largo respiro, adatte a verificare le conoscenze complessive raggiunte, e riguarderanno argomenti cronologicamente diversi, per verificare l'estensione diacronica delle conoscenze dello studente. Saranno possibili domande su argomenti di grammatica storica. Valore: 40%. • Obiettivo B: le domande porteranno alla richiesta di illustrare due esempi attinti nel repertorio dei testi proposti dal manuale adottato. Lo studente dovrà commentare e spiegare il testo mediante categorie linguistiche e tecniche apprese durante il corso. Valore 30% • Obiettivo C: saranno valutate l'esposizione orale e la conversazione dialettica con il docente. Valore 15% • Obiettivo D: una domanda sarà riservata agli argomenti trattati nei capitoli sugli strumenti della disciplina e sulla varietà dello spazio linguistico italiano. Valore 15%.
Programma estesoStoria della lingua italiana dalla trasformazione del tardo-latino. Grammatica storica. Primi documenti dell'italiano. Nascita della letteratura italiana. Le Tre Corone. Cultura umanistica volgare. Il Rinascimento. La norma grammaticale. Bembo. Il Vocabolario della Crusca. Il Seicento. Linguistica del Settecento. L'Ottocento. Storia della lingua nell'Italia unita. Lingua contemporanea.
Risultati di apprendimento attesi1. Possedere conoscenze di base riguardanti la storia della lingua italiana e la grammatica storica. 2. Saper commentare testi antichi e moderni.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA DELLA LINGUA ITALIANA 2
CodiceLE0227
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoMACONI Ludovica
DocentiMACONI Ludovica
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/12 - LINGUISTICA ITALIANA L-FIL-LET/12
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiSTORIA DI VOCABOLARI E STORIA DI PAROLE. Il corso è dedicato alla storia della lessicografia italiana e alla presentazione di progetti lessicografici in corso presso l'Accademia della Crusca. Saranno esaminate alcune date di prima attestazione di parole della scienza e forestierismi. Saranno inoltre presentati e discussi possibili impieghi didattici di dizionari e di risorse della Rete.
Testi di riferimentoPer gli studenti frequentanti che sosterranno le prove in itinere e consegneranno un’esercitazione scritta: - C. MARAZZINI, La lingua italiana. Storia, testi, strumenti, seconda edizione, con la collaborazione di L. Maconi, Bologna, il Mulino, 2015 (solo i capitoli sui dizionari): capitolo III, pp. 72-81; capitolo XIV, pp. 231-235; capitolo XV, pp. 245-254; capitolo XVIII, pp. 285-291; cap. XIX, pp. 301-321; cap. XX, pp. 328-331; cap. XXI, pp. 355-358. - V. DELLA VALLE, Dizionari italiani: storia, tipi, struttura, Roma, Carocci, 2005. Per gli studenti che non svolgeranno l’esercitazione scritta: - C. MARAZZINI, La lingua italiana. Storia, testi, strumenti, seconda edizione, con la collaborazione di L. Maconi, Bologna, il Mulino, 2015 (solo i capitoli sui dizionari): capitolo III, pp. 72-81; capitolo XIV, pp. 231-235; capitolo XV, pp. 245-254; capitolo XVIII, pp. 285-291; cap. XIX, pp. 301-321; cap. XX, pp. 328-331; cap. XXI, pp. 355-358. - M. APRILE, Dalle parole ai dizionari, III ed., Bologna, il Mulino, 2015. - V. DELLA VALLE, Dizionari italiani: storia, tipi, struttura, Roma, Carocci, 2005.
Obiettivi formativi1. Possedere conoscenze di base sulla storia della lessicografia italiana. 2. Saper consultare i principali repertori lessicografici di riferimento (cartacei ed elettronici) per la lingua italiana. 3. Conoscere e usare risorse della Rete per studi di linguistica e letteratura italiana.
PrerequisitiNessuno.
Metodi didatticiLezioni in classe, in biblioteca e in aula informatica. Proiezioni di materiale didattico. Nel corso delle lezioni è previsto il coinvolgimento attivo degli studenti attraverso la somministrazione di esercizi.
Altre informazioniSaranno presentati e discussi possibili impieghi didattici di dizionari e di risorse della Rete. CORSO PRE-FIT. Ambito D "METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE" valido ai fini pre-FIT per le classi di concorso: A11, A12, A13, A22, A23, A70, A72, A78, A79, A83
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame orale sul corso e sui materiali indicati in bibliografia. L’esame ha una durata media di 15 minuti. La verifica in sede di esame avverrà così: - Due domande sulla storia della lessicografia italiana o sugli strumenti lessicografici descritti e usati a lezione. Valore 25%. - Una domanda sulle risorse lessicografiche disponibili in Rete o sui progetti lessicografici avviati dalla Crusca. Valore 25%. - Commento delle prove in itinere. Valore 50%. Per gli studenti non frequentanti: quattro o cinque domande sui testi elencati in bibliografia.
Programma estesoLa Crusca e la lessicografia del sec. XVII. Continuità e innovazione nella lessicografia del Settecento: Alberti di Villanova. L’Ottocento, secolo d’oro della lessicografia: il monopolio della Crusca e la quinta edizione del Vocabolario; la Crusca veronese del Cesari; la “Proposta” di Monti; il Tramater; il Tommaseo-Bellini; il Giorgini-Broglio. Dizionari dei sinonimi nell’Ottocento e dizionari dei sinonimi oggi: come cambia uno strumento. Il Novecento: vocabolari dell’Accademia d’Italia; il DOP; il Battaglia; il TLIO; VOLIT e GRADIT; piccoli vocabolari dell’uso; dizionari etimologici (DEI, DELI, LEI). Dizionari elettronici e dizionari online. Risorse della Rete per studi di linguistica e letteratura italiana. Metodi per la raccolta di retrodatazioni. Nuovi progetti lessicografici in corso presso l’Accademia della Crusca.
Risultati di apprendimento attesi- Possedere nozioni di base di storia della lessicografia italiana. - Sapersi servire in modo coerente e appropriato della terminologia linguistica. - Saper usare in modo appropriato gli strumenti elencati nel programma d’esame. - Saper svolgere gli esercizi lessicografici proposti a lezione.
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoSTORIA DELLA LINGUA ITALIANA C
CodiceLE0002
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoMARAZZINI Claudio
DocentiMARAZZINI Claudio
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LP047 STORIA DELLA LINGUA ITALIANA A L-FIL-LET/12 - LINGUISTICA ITALIANA L-FIL-LET/12 MARAZZINI Claudio
LP037 STORIA DELLA LINGUA ITALIANA B L-FIL-LET/12 - LINGUISTICA ITALIANA L-FIL-LET/12 MARAZZINI Claudio
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA DELLA LINGUA ITALIANA A
CodiceLP047
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoMARAZZINI Claudio
DocentiMARAZZINI Claudio
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/12 - LINGUISTICA ITALIANA L-FIL-LET/12
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiNOZIONI DI BASE DI STORIA DELLA LINGUA ITALIANA DALLE ORIGINI AL RINASCIMENTO. Nozioni di linguistica italiana e metodologia didattica utili per l'insegnamento di lingua itallana nelle scuole.
Testi di riferimento- C. Marazzini, La lingua italiana. Storia, testi, strumenti. Seconda edizione, Bologna, il Mulino, 2010. - Dante, De vulgari eloquentia, ed. Oscar Mondadori (1990 o 2000), oppure ed. Garzanti a cura di V. Coletti (1991 e ss., ultima ristampa 2008). O ancora, per i più volenterosi: Nuova edizione commentata delle opere di Dante. Vol. 3: De vulgari eloquentia, Roma, Salerno ed., 2012.
Obiettivi formativi• Obiettivo a) conoscenze: Raggiungere e possedere conoscenze di base di Storia della lingua italiana fino al Rinascimento. • Obiettivo b): Formare nello studente la capacità di avvicinarsi a un testo italiano antico riconoscendone i caratteri specifici più evidenti. • Obiettivo c) sviluppo dell'abilità nella comunicazione: mettere lo studente della condizione di saper descrivere lo sviluppo della storia dell'italiano fino al Rinascimento. • obiettivo d) - capacità di studio: mettere lo studente nella condizione di conoscere e usare gli strumenti della disciplina più noti e diffusi (dizionari, grammatiche ecc.).
PrerequisitiNozioni di storia della letteratura e della cultura italiana, così come sono impartite secondo i programmi ("linee guida") delle scuole superiori.
Metodi didatticiLezioni orali. Studio del manuale. Proiezioni di materiale didattico in aula (PPT).
Altre informazioniE' importante sottolineare, come già si è detto, che verranno impartite nozioni utili, sul piano didattico e sul piano medotodologico, per l'insegnamento dell'italiano nelle scuole, per superare una visione riduttiva della norma grammaticale, e sostituirla con una visione problematica e aperta della didattica dell'italiano CORSO PRE-FIT. Ambito D "METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE" valido ai fini pre-FIT per le classi di concorso: A11, A12, A13, A22, A23, A70, A72, A78, A79, A83.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame orale sul corso e sui manuali indicati in bibliografia. Esame orale sul corso e sui manuali indicati in bibliografia. L'esame ha una durata media di 20 minuti e prevede un massimo di tre domande, salvo casi eccezionali. La constatazione che esistono gravissime lacune può arrestare l'esame anche alla prima domanda. Sarà indicata una lista di 100 domande possibili per il modulo A + B, dalle quali prendere le mosse per mettere lo studente a suo agio. Quanto agli obiettivi sopra descritti, la verifica in sede di esame avverrà così: • Obiettivo a) conoscenze: la prima domanda sarà di preciso contenuto ma di largo respiro, adatta a verificare le conoscenze complessive raggiunte; seguirà una domanda analoga, ma su di un argomento cronologicamente diverso, per verificare l'estensione diacronica delle conoscenze dello studente. Valore: 30% • Obiettivo b): capacità di avvicinarsi a un testo italiano antico. Le domande porteranno alla richiesta di illustrare un esempio, attinto nel repertorio dei testi proposti dal manuale adottato. Questa sarà la verifica concreta della capacità di avvicinarsi a un testo da parte dell'allievo, il quale dovrà commentare e spiegare il testo mediante categorie linguistiche e tecniche apprese nel corso. Valore 30% • Obiettivo c) abilità nella comunicazione: l'esposizione orale e la conversazione dialettica con il docente saranno gli strumenti di verifica e di valutazione. E' richiesta un'esposizione fluida e matura, unita a una pronta capacità di replica basata su dati e fatti, non su artifici retorici. Valore 20% • obiettivo d) - capacità di studio: gli strumenti della disciplina. Una domanda sarà riservata a questi strumenti tecnici, illustrati nel corso e in una parte specifica del manuale. Valore 20%
Programma estesoStoria della lingua italiana dalla trasformazione del tardo-latino in poi. Primi documenti dell'italiano. Nascita della letteratura italiana. Le Tre Corone. Cultura umanistica volgare. Il Rinascimento. La norma grammaticale. Bembo.
Risultati di apprendimento attesiConoscenza della storia della lingua italiana antica e capacità di accostarsi ad essa in maniera cosciente.
Insegnamento mutuante inLETTERE (1722) - L0019 STORIA DELLA LINGUA ITALIANA A - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0088 GRAMMATICA ITALIANA A - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0088 GRAMMATICA ITALIANA A - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA DELLA LINGUA ITALIANA B
CodiceLP037
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoMARAZZINI Claudio
DocentiMARAZZINI Claudio
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/12 - LINGUISTICA ITALIANA L-FIL-LET/12
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiNOZIONI DI BASE DI STORIA DELLA LINGUA ITALIANA DAL RINASCIMENTO A OGGI. Nozioni di linguistica italiana utili per l'insegnamento di lingua italiana nelle scuole.
Testi di riferimento- C. Marazzini, La lingua italiana. Storia, testi, strumenti. Seconda edizione, Bologna, il Mulino, 2010. - T. De Mauro, Storia linguistica dell'Italia repubblicana dal 1946 ai nostri giorni, Bari, Laterza, 2014. -L. Renzi, Come cambia la lingua. L'italiano in movimento, Bologna, il Mulino, 2012.
Obiettivi formativi• Obiettivo a) conoscenze: Raggiungere e possedere conoscenze di base di Storia della lingua italiana dal Rinascimento ad oggi. • Obiettivo b): Formare nello studente la capacità di avvicinarsi a un testo italiano del passato riconoscendone i caratteri specifici più evidenti. • Obiettivo c) sviluppo dell'abilità nella comunicazione: mettere lo studente della condizione di saper descrivere lo sviluppo della storia dell'italiano dal Rinascimento in poi. • obiettivo d) - capacità di studio: mettere lo studente nella condizione di conoscere e usare gli strumenti della disciplina più noti e diffusi (dizionari, grammatiche ecc.).
PrerequisitiNozioni di storia della letteratura e della cultura italiana come sono impartite nelle scuole superiori
Metodi didatticiLezioni orali. Studio del manuale. Proiezioni di materiale didattico in aula (PPT).
Altre informazioniE' importante sottolineare, come già si è detto, che verranno impartite nozioni utili, sul piano didattico e sul piano medotodologico, per l'insegnamento dell'italiano nelle scuole, per superare una visione riduttiva della norma grammaticale, e sostituirla con una visione problematica e aperta della didattica dell'italiano CORSO PRE-FIT. Ambito D "METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE" valido ai fini pre-FIT per le classi di concorso: A11, A12, A13, A22, A23, A70, A72, A78, A79, A83
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame orale sul corso e sui manuali indicati in bibliografia. L'esame ha una durata media di 20 minuti e prevede un massimo di tre domande, salvo casi eccezionali. La constatazione che esistono gravissime lacune può arrestare l'esame anche alla prima domanda. Sarà indicata una lista di 100 domande possibili per il modulo A + B, dalle quali prendere le mosse per mettere lo studente a suo agio. Quanto agli obiettivi sopra descritti, la verifica in sede di esame avverrà così: • Obiettivo a) conoscenze: la prima domanda sarà di specifico contenuto ma di largo respiro, adatta a verificare le conoscenze reali e culturali; seguirà una domanda con analoga funzione, ma su argomento cronologicamente diverso, per verificare l'estensione diacronica dei saperi dello studente. Valore: 30% • Obiettivo b): capacità di avvicinarsi a un testo italiano del passato. Le domande porteranno alla richiesta di illustrare un esempio, attinto dal repertorio dei testi proposti nel manuale adottato. Questa sarà la verifica concreta della capacità di avvicinarsi a un testo da parte dell'allievo, che dovrà spiegare il significato e la lingua del testo in questione utilizzando categorie linguistiche e tecniche apprese nel corso. Valore 30% • Obiettivo c) abilità nella comunicazione: l'esposizione orale e la conversazione dialettica con il docente saranno gli strumenti di verifica e di valutazione. E' richiesta un'esposizione fluida e matura. Valore 20% • obiettivo d) - capacità di studio: gli strumenti della disciplina. Una domanda sarà riservata a questi strumenti tecnici, illustrati nel corso e in una parte specifica del manuale. Valore 20%
Programma estesoDal Rinascimento bembiano al Vocabolario della Crusca. Il Seicento. Linguistica del Settecento. L'Ottocento. Storia della lingua nell'Italia unita. Lingua contemporanea.
Risultati di apprendimento attesiCapacità di accostarsi alla lingua italiana moderna e contemporanea con coscienza dei fenomeni linguistici. Capacità di utilizzare questi strumenti nella futura eventuale professione di insegnante.
Insegnamento mutuante inLETTERE (1722) - L0546 STORIA DELLA LINGUA ITALIANA B - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoSTORIA DELL’ARTE MODERNA INTEGRATO
CodiceLE0176
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoZAMBRANO Patrizia
DocentiZAMBRANO Patrizia
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LE0177 STORIA DELL'ARTE MODERNA L-ART/02 - STORIA DELL'ARTE MODERNA ZAMBRANO Patrizia
LE0178 STORIA DELL'ARTE MODERNA II L-ART/02 - STORIA DELL'ARTE MODERNA ZAMBRANO Patrizia
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA DELL'ARTE MODERNA
CodiceLE0177
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoZAMBRANO Patrizia
DocentiZAMBRANO Patrizia
CFU6
Ore di lezione36
Ore di studio individuale114
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-ART/02 - STORIA DELL'ARTE MODERNA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiFONDAMENTI DI STORIA DELL'ARTE MODERNA
Testi di riferimentoStudenti frequentanti: E. Cerchiari – P. L. De Vecchi, Arte nel tempo, Milano (Bompiani), 1999 (e successive edizioni): vol. 2, tomo I. Lo Studente potrà eventualmente utilizzare altri manuali già in suo possesso, prendendo accordi con la Docente. Ulteriori indicazioni di bibliografia di inquadramento generale verranno date all'inizio del corso. ATTENZIONE: ulteriori materiali di studio su singoli temi affrontati a lezione verranno eventualmente indicati (e resi disponibili) durante il corso. Bibliografia per Studenti NON FREQUENTANTI: E. Cerchiari − P.L. De Vecchi, Arte nel tempo, Milano (Bompiani), 1999 (e successive edizioni): volume 2, tomo I; un testo a scelta tra: Alessandro Conti, “L’evoluzione dell’artista”, in Storia dell’arte italiana. Questioni e metodi, a cura di Giovanni Previtali, parte prima Materiali e problemi, vol. II, L’artista e il pubblico, Torino (Giulio Einaudi Editore) 1979, pp. 115-263 (Biblioteca DISUM); Gaudenzio Ferrari. La Crocifissione del Sacro Monte di Varallo, a cura di Elena De Filippis, Torino (Umberto Allemandi & C.) 2006, pp. 1-120 (Biblioteca DISUM = 700.D.759.51.GAUF.1).
Obiettivi formativiL’insegnamento si propone, attraverso un percorso che segua gli svolgimenti indicati dalla manualistica, di condurre lo studente a conoscere i principali artisti, le opere e l'evoluzione del linguaggio artistico nelle sue forme moderne dal XV al XVI secolo in modo da sapere identificare ambiti culturali e cronologie, iconografie, generi della storia dell’arte nella prima età moderna. Nello svolgimento delle lezioni non potrà essere trascurato il contesto storico e sociale italiano ed europeo in cui l’opera d’arte originò. Il corso intende inoltre dotare gli studenti di un lessico di base per la storia dell’arte (tecniche artistiche, restauro, fonti), utile a comunicare in modo appropriato quanto acquisito.
PrerequisitiÈ utile la conoscenza almeno manualistica delle principali vicende della Storia dell'Arte Medievale e Moderna (secoli XIV-XVIII), della Storia Moderna e della Storia della Letteratura italiana.
Metodi didatticiLezioni frontali, seminari, visite a musei e monumenti. Il corso prevede una serie di visite a siti e monumenti, musei ed edifici di culto che sono da considerarsi parte integrante del corso stesso. Date ed orari delle visite verranno concordati a lezione o tramite forum D.I.R.
Altre informazioniL'indirizzo di posta elettronica di Patrizia Zambrano è: patrizia.zambrano@uniupo.it. Lo studio di Patrizia Zambrano si trova presso il Dipartimento di Studi Umanistici, San Giuseppe, Piazza Sant'Eusebio 5, III piano, studio 19. Tutti gli Studenti interessati a ricevere informazioni e aggiornamenti sono invitati ad iscriversi al corso su D.I.R. ed a partecipare al forum.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa verifica dell’apprendimento avviene mediante un esame orale della durata di circa trenta minuti. L’esame mira a valutare le capacità dello studente di applicare le conoscenze acquisite durante il corso, di verificare l’autonomia di giudizio, la capacità di impiegare il lessico disciplinare e l’abilità comunicativa. Consiste in un colloquio, articolato in 4-5 domande e verte sui temi trattati in classe e sulla bibliografia assegnata*. Le visite svolte durante il corso sono parte integrante del programma e sono argomento di esame. Nel corso dell’esame è consigliabile avere con sé le immagini del corso. Le domande hanno come tema le principali figure degli artisti, le loro opere ed i fenomeni storico-artistici di riferimento (e.g. cultura prospettica, le botteghe degli artisti, lo ‘Stile internazionale’), la storia ed i contesti di riferimento. La valutazione della prova d’esame, espressa in trentesimi, avviene sulla base dei seguenti parametri: 1) conoscenza delle nozioni fondamentali presentate a lezione e nei testi indicati nella bibliografia* (18 punti su 30); 2) capacità di ragionamento critico e di operare associazioni e collegamenti (6 punti su 30); 3) capacità di organizzare in modo discorsivo la conoscenza e di esprimerla, in maniera efficace e lineare, impiegando il lessico disciplinare, ove opportuno (6 punti su 30). *(Per gli Studenti non frequentanti, solo sulla bibliografia assegnata).
Programma estesoIl corso è volto a creare una base di conoscenza disciplinare della Storia dell’Arte Moderna. Le lezioni seguiranno perciò le linee del manuale di Storia dell'Arte Moderna individuandone i nodi tematici, biografici e cronologici di maggior rilievo, con particolare attenzione al Rinascimento italiano. Lezioni 1-4: introduzione alla materia tramite breve excursus sulle principali tecniche della pittura nei secoli XV e XVI. Lezione 5: le strutture narrative della storiografia storico artistica. Lezioni 6-8: lo “Stile internazionale” in Europa e in Italia come campione di studio (metodo e analisi delle opere). Lezioni 9-13: la primavera del Rinascimento. Analisi delle figure dei principali artisti del primo Rinascimento e lettura delle opere. Lezione 14-18: artisti e sviluppi della Storia dell'Arte Moderna nella seconda metà del XV secolo. Verso la Maniera Moderna.
Risultati di apprendimento attesiConoscenze: conoscere i contenuti del manuale di Storia dell’Arte Moderna per i secoli XV e XVI, ovvero conoscere le figure dei principali artisti, delle opere e dell'evoluzione del linguaggio artistico nelle sue forme moderne dal XV al XVI secolo; conoscere, anche se a livello di base, il lessico disciplinare utile alla lettura delle fonti e dei documenti relativi alle opere d’arte ed agli artisti. Competenze: sapere conoscere e riconoscere artisti ed opere d’arte, saperne qualificarne storicamente i contesti di origine, sapere riconoscere tecnica e stile delle opere. Sapere analizzare, leggere e comprendere l’opera d’arte all’interno del sistema storico che la ha prodotta. Sapere utilizzare le conoscenze acquisite al fine di trasmettere e divulgare, in ambiti non specialistici, i fondamentali lineamenti delle opere d’arte e dei contesti storico-artistici studiati. Abilità trasversali: - saper dedurre il ruolo storico-culturale di un’opera d’arte e saperlo correlare al contesto coevo in ambito italiano ed europeo per i secoli XV e XVI. - saper illustrare ad un gruppo ascoltatori non specialisti, utilizzando linguaggio e lessico disciplinare, i caratteri e i contenuti salienti di un'opera d'arte. - saper affrontare, sulle basi delle conoscenze acquisite nel corso delle lezioni e attraverso lo studio della bibliografia, la lettura e la decodifica di una rappresentazione figurativa o di un contesto storico-artistico di età moderna.
Insegnamento mutuante inLETTERE (1722) - L0625 STORIA DELL'ARTE MODERNA - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0625 STORIA DELL'ARTE MODERNA - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0625 STORIA DELL'ARTE MODERNA - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0625 STORIA DELL'ARTE MODERNA - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0625 STORIA DELL'ARTE MODERNA - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0625 STORIA DELL'ARTE MODERNA - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0625 STORIA DELL'ARTE MODERNA - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0625 STORIA DELL'ARTE MODERNA - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0625 STORIA DELL'ARTE MODERNA - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0625 STORIA DELL'ARTE MODERNA - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0625 STORIA DELL'ARTE MODERNA - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0625 STORIA DELL'ARTE MODERNA - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0625 STORIA DELL'ARTE MODERNA - VERCELLI
FILOSOFIA (1777) - L0625 STORIA DELL'ARTE MODERNA - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L0625 STORIA DELL'ARTE MODERNA - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L0625 STORIA DELL'ARTE MODERNA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA DELL'ARTE MODERNA II
CodiceLE0178
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoZAMBRANO Patrizia
DocentiZAMBRANO Patrizia
CFU6
Ore di lezione36
Ore di studio individuale114
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-ART/02 - STORIA DELL'ARTE MODERNA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiPrima di Vasari. Fonti per la storia dell'arte moderna da Petrarca alle 'Vite' del Vasari.
Testi di riferimentoJulius Schlosser Magnino, La Letteratura Artistica, La Nuova Italia, Firenze 1996 ed edizioni seguenti, le parti indicate a lezione; Donata Levi, Il discorso sull'arte. Dalla tarda antichità a Ghiberti, Bruno Mondadori, Milano-Torino 2010, capitolo 6; Maurizio Bettini, Francesco Petrarca sulle arti figurative. Tra Plinio e Sant'Agostino, Sillabe, Firenze 2002 (parti indicate a lezione); Michael Baxandall, Pittura ed esperienze sociali nell’Italia del Quattrocento, Einaudi, Torino 1978 e successive edizioni, capitolo III “Dipinti e categorie”, pp. 104-148 (fotocopie); Cennino Cennini, Il libro dell’arte, Vicenza 2003 ed edizioni successive (parti indicate a lezione); Barbara Agosti, Giorgio Vasari. Luoghi e tempi della Vite, Officina Libraria, Milano 2013 (ed edizioni successive). Lo Studente leggerà i proemi delle Vite di Giorgio Vasari: G. Vasari, Le Vite, consultabile in una edizione a scelta dello Studente (almeno l’edizione Giuntina del 1568). L’edizione consigliata per questa opera è la seguente: Giorgio Vasari, Le Vite de’ più eccellenti pittori scultori e architettori nelle redazioni del 1550 e 1568, testo a cura di Rosanna Bettarini, commento secolare a cura di Paola Barocchi, Sansoni Editore, Firenze 1966-1987. Un’ottima edizione della edizione del 1550 della Vite del Vasari è quella a cura di Aldo Galli e Luciano Bellosi, 2 volumi, Einaudi Tascabili (entrambe Biblioteca DSU). Ulteriori letture verranno indicate nel corso delle lezioni. Per chi non avesse una buona conoscenza di base, almeno a livello scolastico, si consiglia la lettura del seguente manuale: P.L. De Vecchi − E. Cerchiari (a cura di), I tempi dell’Arte, Bompiani, Milano 1999 ed edizioni successive, volume 2, tomo I. Gli Studenti che, per fondati motivi, non potranno frequentare potranno concordare uno specifico programma.
Obiettivi formativiL’insegnamento si propone di fornire allo studente la conoscenza di una serie di strumenti critici da acquisire attraverso lettura e analisi di alcune delle fondamentali fonti della Letteratura artistica del XIV, XV e XVI secolo così da metterlo in grado di utilizzare lessici storici disciplinari e di impadronirsi di griglie metodologiche e categorie critiche necessarie a leggere, comprendere, interpretare e divulgare ‒ a diversi livelli ‒ l’opera d’arte nel suo manifestarsi e sussistere nei contesti storici e sociali. Il corso mira inoltre a sviluppare nello studente la capacità di applicare le conoscenze acquisite dimostrando di potere analizzare l'opera d'arte o la figura di un artista utilizzando in modo appropriato le fonti della Letteratura Artistica.
PrerequisitiAdeguata conoscenza dei fondamenti della Storia dell'Arte Moderna. Conoscenza almeno manualistica di Storia Moderna e della Storia della Letteratura Italiana. E' consigliato e preferibile che lo Studente abbia già seguito il corso di Storia dell'Arte Moderna.
Metodi didatticiLezioni frontali. Il corso prevede visite a siti e monumenti, musei ed edifici di culto che sono da considerarsi parte integrante del corso stesso. Date ed orari delle visite verranno concordati a lezione o tramite forum D.I.R.
Altre informazioniL'indirizzo di posta elettronica di Patrizia Zambrano è: patrizia.zambrano@uniupo.it. Lo studio di Patrizia Zambrano si trova presso il Dipartimento di Studi Umanistici, San Giuseppe, Piazza Sant'Eusebio 5, III piano, studio 19. Tutti gli Studenti interessati a ricevere informazioni e aggiornamenti sono invitati ad iscriversi al corso su D.I.R. ed a partecipare al forum.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa verifica dell’apprendimento avviene mediante un esame orale della durata di circa trenta minuti. L’esame mira a valutare le capacità dello studente di applicare le conoscenze acquisite durante il corso, di verificare l’autonomia di giudizio, la capacità di impiegare il lessico disciplinare e l’abilità comunicativa. Consiste in un colloquio, articolato in 4-5 domande e verte sui temi trattati in classe e sulla bibliografia assegnata*. Le visite svolte durante il corso sono parte integrante del programma e sono argomento di esame. Nel corso dell’esame è consigliabile avere con sé i testi delle fonti e le immagini del corso. Le domande hanno come tema i testi, gli snodi concettuali, i lessici analizzati nel corso delle lezioni, la storia ed i contesti di riferimento (e.g. Rapporto tra Petrarca e Plinio; l'autobiografia di Lorenzo Ghiberti, disegno e colore nel Libro dell’Arte di Cennino Cennini, concetto di progresso nelle 'Vite' di Giorgio Vasari, i generi della Letteratura delle fonti). La valutazione della prova d’esame, espressa in trentesimi, avviene sulla base dei seguenti parametri: 1) conoscenza delle nozioni fondamentali presentate a lezione e nei testi indicati nella bibliografia* (18 punti su 30); 2) capacità di ragionamento critico e di operare associazioni e collegamenti (6 punti su 30); 3) capacità di organizzare in modo discorsivo la conoscenza e di esprimerla, in maniera efficace e lineare, impiegando il lessico specialistico, ove opportuno (6 punti su 30). *(Per gli Studenti non frequentanti, solo sulla bibliografia assegnata).
Programma estesoIl corso ha come prerequisito una buona conoscenza manualistica della Storia dell'Arte Moderna (specie quella del Rinascimento italiano) e prevede che lo Studente ne approfondisca la conoscenza attraverso lo studio di alcune delle principali fonti della Letteratura Artistica. Lo svolgimento del corso ha perciò un andamento di tipo saggistico e si articola attraverso la lettura, l’analisi e lo studio di una serie di testi, approfondendo in particolare il lessico impiegato dai principali autori della Letteratura artistica del Rinascimento, da Francesco Petrarca a Giorgio Vasari nelle loro trattazioni dell’arte e degli artisti del Rinascimento. Lezioni 1-2: Introduzione al corso e alla Letteratura artistica. Le matrici antiche dei generi. Lezioni 3-5: Dante, Petrarca. Lezioni 6-11: Le fonti del Quattrocento. Lezioni 12-18: Giorgio Vasari. Le parole delle Vite degli artisti.
Risultati di apprendimento attesiConoscenze: conoscere i principali temi, autori e testi della Letteratura Artistica dei secoli XIV, XV e XVI e acquisire il lessico storico utile alla consultazione delle fonti della Storia dell’Arte Moderna. Competenze: saper leggere un'opera d'arte in relazione a fonti e documenti della Letteratura Artistica, utilizzando le fonti e i documenti per reperire informazioni di carattere saliente quali autografia, datazioni, contesti, dati di provenienza e collezionismo, gusto e fruizione antica di un’opera d’arte. Abilità trasversali: - saper leggere e comprendere, anche attraverso la conoscenza del lessico storico, testi, documenti ed opere d’arte dell’età moderna legati ai contesti storico artistici. - saper dedurre il ruolo storico-culturale di un manufatto e saperlo correlare al contesto coevo in ambito italiano. - sapere, con competenza e scioltezza, illustrare ad un gruppo di ascoltatori non specialisti, utilizzando linguaggio e lessico disciplinare, i caratteri e i contenuti salienti di un'opera d'arte e del contesto culturale in cui essa sussiste.
Insegnamento mutuante inLETTERE (1722) - LE0032 STORIA DELL'ARTE MODERNA II - VERCELLI
LETTERE (1722) - LE0032 STORIA DELL'ARTE MODERNA II - VERCELLI
LETTERE (1722) - LE0032 STORIA DELL'ARTE MODERNA II - VERCELLI
LETTERE (1722) - LE0032 STORIA DELL'ARTE MODERNA II - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - LE0032 STORIA DELL'ARTE MODERNA II - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - LE0032 STORIA DELL'ARTE MODERNA II - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoSTORIA DEL MONDO ANTICO GRECO E ROMANO
CodiceL0918
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoGARBARINO Paolo Luciano
DocentiGARBARINO Paolo Luciano, VANOTTI Gabriella
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoStoria greca: italiano. Storia romana: italiano.
ContenutiStoria greca: Storia dei Greci. Storia romana: Storia di Roma antica
Testi di riferimentoStoria greca: E' indispensabile lo studio di un manuale a scelta fra i seguenti: -M. Bettalli A. D'Agata L. Magnetto, Storia greca, Carocci, Roma -A. Momigliano, Manuale di storia greca, UTET Università, Torino -L. Breglia, F. Guizzi, F. Raviola, Storia greca, Edises, Napoli -C. Bearzot, Manuale di storia greca, Il Mulino, Bologna -D. Musti, Introduzione alla storia greca, Laterza, Bari- Roma. Per i non frequentanti è obbligatoria anche la preparazione del testo di G. Poma, Le istituzioni politiche della Grecia in età classica, il Mulino, Bologna. Eventuali altre indicazioni bibliografiche, o altro materiale saranno forniti durante le lezioni. Storia romana: ' necessario lo studio del seguente manuale: A. Momigliano, Manuale di Storia romana (a cura di A. Mastrocinque),2a ed., UTET Università, Torino 2016 Per i non frequentanti lo studio del manuale va integrato con la lettura del volume di G. Alfoeldy, Storia sociale dell'antica Roma, nuova ediz., Il Mulino Bologna 2013. Altre eventuali indicazioni bibliografiche e altro materiale utile alla preparazione dell'esame potranno essere forniti durante le lezioni, anche tramite pubblicazione sul DIR.
Obiettivi formativiStoria greca: • Il modulo intende fornire una conoscenza di base dei principali eventi della storia greca, delle istituzioni delle principali poleis e delle loro dinamiche sociali e politiche. L’approfondimento di alcune tematiche, condotto attraverso l’analisi delle fonti documentarie antiche, consentirà di preparare gli studenti a comprendere anche questioni di metodo storiografico • Il modulo intende rendere gli studenti capaci di esprimere giudizi in modo autonomo sui fatti storici, di giudicare la tendenza ideologica sottesa al racconto degli eventi nelle fonti storiografiche antiche e moderne • Il modulo intende fornire le capacità di raccontare, anche in un contesto didattico, un fatto storico, di comunicarne le ricadute politiche, sociali, economiche, utilizzando un linguaggio appropriato. • Attraverso lo studio del manuale e l'ascolto delle lezioni lo studente dovrà dimostrare di avere compreso un fatto storico, saperne valutare il significato politico, sociale, economico, inquadrandolo in un contesto di riferimento appropriato. Storia romana: • obiettivi - conoscenze e comprensione: l modulo intende fornire una conoscenza di base dei principali eventi della storia romana, delle istituzioni di Roma, delle sue dinamiche sociali e politiche. L’approfondimento di alcune tematiche, condotto attraverso l’analisi delle fonti documentarie antiche, intende avviare all’analisi di questioni di metodo storiografico. • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Conoscere i fatti storici relativi a Roma antica e saperli collocare all’interno di un corretto contesto cronologico, politico e sociale, facendo riferimento alle principali fonti storiografiche. • obiettivi - espressione di giudizi: Saper valutare in modo autonomo i fatti storici antichi, saper giudicare la tendenza ideologica sottesa al racconto dei fatti nelle fonti storiografiche antiche. • obiettivi - abilità nella comunicazione: Saper riferire in modo chiaro un fatto storico, saperne comunicare le ricadute politiche, sociali, economiche, utilizzando un linguaggio appropriato. • obiettivi - capacità di studio: Saper approfondire le tematiche relative ai fatti storici attraverso lo studio di manuali e di altri testi di riferimento, acquisendo capacità di apprendimento utili per intraprendere studi successivi.
PrerequisitiStoria greca: nessuno. Storia romana: nessuno.
Metodi didatticiStoria greca: Le strategie didattiche adottate includono soprattutto lezioni frontali e studio individuale di manuali e altro materiale segnalato dalla docente, nonché la frequenza di eventuali lezioni pertinenti al modulo, tenute da docenti esterni di chiara fama, ospiti del dipartimento. Storia romana: Le strategie didattiche adottate includono soprattutto lezioni frontali e studio individuale del manuale e altro materiale segnalato dal docente. Sarà attivo un tutorato on line.
Altre informazioniStoria greca: La frequenza alle lezioni è vivamente consigliata. Storia romana: E' consigliata la frequenza alle lezioni.
Modalità di verifica dell'apprendimentoStoria greca: L'esame, della durata di circa 25 minuti, solitamente si svolge in forma orale; ai frequentanti saranno rivolte, in linea di massima, tre domande, che accerteranno la conoscenza del periodo arcaico fino al VI secolo a.C., del periodo classico, fino alla fine del V secolo, del IV secolo e della nascita degli stati ellenistici. Sarà data particolare rilevanza agli argomenti approfonditi a lezione. Agli studenti non frequentanti, oltre alle domande sopra elencate, sarà riservata anche una domanda sul testo di G. Poma, Le istituzioni politiche della Grecia in età classica, il Mulino, Bologna. A richiesta di studenti frequentanti e non frequentanti, l'esame si potrà svolgere anche in forma scritta, attraverso la somministrazione di tre domande a risposta aperta, che andranno ad accertare la conoscenza completa della disciplina e la capacità dello studente di descriverne in forma critica i contenuti, usando un linguaggio appropriato, che sia adatto anche in un contesto scolastico. Per arrivare a una votazione piena, pari a 30/30, gli studenti dovranno conoscere e comprendere i fatti storici e le relative fonti, saperli collocare nel giusto contesto ed esporre le loro conoscenze con un linguaggio appropriato. Storia romana: Esame orale. Studenti frequentanti: saranno proposte, in linea di massima, tre domande: la prima sull'età monarchica e quella repubblicana sino alle guerre puniche comprese, la seconda sul periodo compreso dalla fine delle guerre puniche sino alla crisi del terzo secolo, la terza sull'età tardoantica, da Diocleziano a Giustiniano. Sarà data particolare rilevanza agli argomenti approfonditi a lezione, la cui documentazione (in particolare quella attinente alle fonti commentate) sarà messa a disposizione sul DIR. Studenti non frequentanti: una delle tre domande verterà sui contenuti del libro di G. Alfoeldy; la distribuzione temporale delle tre domande sarà analoga a quella degli studenti frequentanti. Per raggiungere la sufficienza (18/30) lo studente dovrà conoscere almeno le nozioni di base. La formulazione del voto complessivo si baserà sui seguenti elementi: uso della terminologia appropriata 10% della valutazione; 20% della valutazione per la risposta a ciascuna delle tre doamande.
Programma estesoStoria greca: Storia dei Greci dalle origini alla formazione dei regni ellenistici (per conoscere la storia degli eventi, delle istituzioni e delle trasformazioni sociali della Grecia antica, metropolitana e coloniale, dalla nascita della polis al suo dissolvimento dopo le conquiste di Alessandro Magno). Storia romana: Durante il corso saranno esaminati, attraverso l’analisi delle fonti letterarie antiche e del dibattito storiografico moderno, i fatti salienti della Storia di Roma dalle origini al VI secolo d.C. Particolare attenzione sarà riservata alla storia delle origini della città, al passaggio dalla monarchia alla repubblica, all’espansione di Roma in Italia e in Oriente, alle guerre civili, all'avvio del principato, alle successive dinastie imperiali (in particolare quelle giulio-claudia, flavia e antonina), alle riforme di Diocleziano, di Costantino e di Giustiniano.
Risultati di apprendimento attesiStoria greca: Si attende che gli studenti 1) Conoscano e comprendano i fatti storici; conoscere e comprendere le principali fonti storiografiche inerenti ai fatti storici esaminati; 2) sappiano giudicare il significato politico, sociale, economico, inquadrandolo in un contesto di riferimento appropriato; 3) sappiano ricostruire e raccontare un fatto storico, usando un linguaggio appropriato, adatto anche a un eventuale contesto didattico. Per arrivare a una votazione piena, pari a 30/30, gli studenti dovranno conoscere e comprendere i fatti storici e le relative fonti, saperli collocare nel giusto contesto ed esporre le loro conoscenze con un linguaggio appropriato. Il raggiungimento dei 3 obiettivi consentirà allo studente di raggiungere la piena votazione di 30/30; le abilità indicate ai punti 2 e 3 peseranno per il 10% ciascuna sulla votazione finale Storia romana: onoscenze e comprensione: conoscenza di base dei principali eventi della storia romana, delle istituzioni di Roma, delle sue dinamiche sociali e politiche; l’approfondimento di alcune tematiche, condotto attraverso l’analisi delle fonti documentarie antiche, intende avviare all’analisi di questioni di metodo storiografico. Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: conoscere i fatti storici relativi a Roma antica e saperli collocare all’interno di un corretto contesto cronologico, politico e sociale, facendo riferimento alle principali fonti storiografiche. espressione di giudizi: saper valutare in modo autonomo i fatti storici antichi, saper giudicare la tendenza ideologica sottesa al racconto dei fatti nelle fonti storiografiche antiche. Abilità nella comunicazione: saper riferire in modo chiaro un fatto storico, saperne comunicare le ricadute politiche, sociali, economiche, utilizzando un linguaggio appropriato. Capacità di studio: saper approfondire le tematiche relative ai fatti storici attraverso lo studio di manuali e di altri testi di riferimento, acquisendo capacità di apprendimento utili per intraprendere studi successivi.
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
L1256 STORIA ROMANA L-ANT/03 - STORIA ROMANA GARBARINO Paolo Luciano
L0971 STORIA GRECA L-ANT/02 - STORIA GRECA VANOTTI Gabriella
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA ROMANA
CodiceL1256
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoGARBARINO Paolo Luciano
DocentiGARBARINO Paolo Luciano
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-ANT/03 - STORIA ROMANA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiSTORIA DI ROMA ANTICA
Testi di riferimentoE' necessario lo studio del seguente manuale: A. Momigliano, Manuale di Storia romana (a cura di A. Mastrocinque),2a ed., UTET Università, Torino 2016 Per i non frequentanti lo studio del manuale va integrato con la lettura del volume di G. Alfoeldy, Storia sociale dell'antica Roma, nuova ediz., Il Mulino Bologna 2013. Altre eventuali indicazioni bibliografiche e altro materiale utile alla preparazione dell'esame potranno essere forniti durante le lezioni, anche tramite pubblicazione sul DIR.
Obiettivi formativi• obiettivi - conoscenze e comprensione: l modulo intende fornire una conoscenza di base dei principali eventi della storia romana, delle istituzioni di Roma, delle sue dinamiche sociali e politiche. L’approfondimento di alcune tematiche, condotto attraverso l’analisi delle fonti documentarie antiche, intende avviare all’analisi di questioni di metodo storiografico. • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Conoscere i fatti storici relativi a Roma antica e saperli collocare all’interno di un corretto contesto cronologico, politico e sociale, facendo riferimento alle principali fonti storiografiche. • obiettivi - espressione di giudizi: Saper valutare in modo autonomo i fatti storici antichi, saper giudicare la tendenza ideologica sottesa al racconto dei fatti nelle fonti storiografiche antiche. • obiettivi - abilità nella comunicazione: Saper riferire in modo chiaro un fatto storico, saperne comunicare le ricadute politiche, sociali, economiche, utilizzando un linguaggio appropriato. • obiettivi - capacità di studio: Saper approfondire le tematiche relative ai fatti storici attraverso lo studio di manuali e di altri testi di riferimento, acquisendo capacità di apprendimento utili per intraprendere studi successivi.
PrerequisitiNessuno
Metodi didatticiLe strategie didattiche adottate includono soprattutto lezioni frontali e studio individuale del manuale e altro materiale segnalato dal docente. Sarà attivo un tutorato on line.
Altre informazioniLectures, seminars, online tutorials.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame orale. Studenti frequentanti: saranno proposte, in linea di massima, tre domande: la prima sull'età monarchica e quella repubblicana sino alle guerre puniche comprese, la seconda sul periodo compreso dalla fine delle guerre puniche sino alla crisi del terzo secolo, la terza sull'età tardoantica, da Diocleziano a Giustiniano. Sarà data particolare rilevanza agli argomenti approfonditi a lezione, la cui documentazione (in particolare quella attinente alle fonti commentate) sarà messa a disposizione sul DIR. Studenti non frequentanti: una delle tre domande verterà sui contenuti del libro di G. Alfoeldy; la distribuzione temporale delle tre domande sarà analoga a quella degli studenti frequentanti. Per raggiungere la sufficienza (18/30) lo studente dovrà conoscere almeno le nozioni di base. La formulazione del voto complessivo si baserà sui seguenti elementi: uso della terminologia appropriata 10% della valutazione; 20% della valutazione per la risposta a ciascuna delle tre doamande.
Programma estesoDurante il corso saranno esaminati, attraverso l’analisi delle fonti letterarie antiche e del dibattito storiografico moderno, i fatti salienti della Storia di Roma dalle origini al VI secolo d.C. Particolare attenzione sarà riservata alla storia delle origini della città, al passaggio dalla monarchia alla repubblica, all’espansione di Roma in Italia e in Oriente, alle guerre civili, all'avvio del principato, alle successive dinastie imperiali (in particolare quelle giulio-claudia, flavia e antonina), alle riforme di Diocleziano, di Costantino e di Giustiniano.
Risultati di apprendimento attesiConoscenze e comprensione: conoscenza di base dei principali eventi della storia romana, delle istituzioni di Roma, delle sue dinamiche sociali e politiche; l’approfondimento di alcune tematiche, condotto attraverso l’analisi delle fonti documentarie antiche, intende avviare all’analisi di questioni di metodo storiografico. Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: conoscere i fatti storici relativi a Roma antica e saperli collocare all’interno di un corretto contesto cronologico, politico e sociale, facendo riferimento alle principali fonti storiografiche. espressione di giudizi: saper valutare in modo autonomo i fatti storici antichi, saper giudicare la tendenza ideologica sottesa al racconto dei fatti nelle fonti storiografiche antiche. Abilità nella comunicazione: saper riferire in modo chiaro un fatto storico, saperne comunicare le ricadute politiche, sociali, economiche, utilizzando un linguaggio appropriato. Capacità di studio: saper approfondire le tematiche relative ai fatti storici attraverso lo studio di manuali e di altri testi di riferimento, acquisendo capacità di apprendimento utili per intraprendere studi successivi.
Insegnamento mutuato daLETTERE (1722) - L1256 STORIA ROMANA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA GRECA
CodiceL0971
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoVANOTTI Gabriella
DocentiVANOTTI Gabriella
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-ANT/02 - STORIA GRECA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiSTORIA DEI GRECI
Testi di riferimentoE' indispensabile lo studio di un manuale a scelta fra i seguenti: -M. Bettalli A. D'Agata L. Magnetto, Storia greca, Carocci, Roma -A. Momigliano, Manuale di storia greca, UTET Università, Torino -L. Breglia, F. Guizzi, F. Raviola, Storia greca, Edises, Napoli -C. Bearzot, Manuale di storia greca, Il Mulino, Bologna -D. Musti, Introduzione alla storia greca, Laterza, Bari- Roma. Per i non frequentanti è obbligatoria anche la preparazione del testo di G. Poma, Le istituzioni politiche della Grecia in età classica, il Mulino, Bologna. Eventuali altre indicazioni bibliografiche, o altro materiale saranno forniti durante le lezioni
Obiettivi formativi• Il modulo intende fornire una conoscenza di base dei principali eventi della storia greca, delle istituzioni delle principali poleis e delle loro dinamiche sociali e politiche. L’approfondimento di alcune tematiche, condotto attraverso l’analisi delle fonti documentarie antiche, consentirà di preparare gli studenti a comprendere anche questioni di metodo storiografico • Il modulo intende rendere gli studenti capaci di esprimere giudizi in modo autonomo sui fatti storici, di giudicare la tendenza ideologica sottesa al racconto degli eventi nelle fonti storiografiche antiche e moderne • Il modulo intende fornire le capacità di raccontare, anche in un contesto didattico, un fatto storico, di comunicarne le ricadute politiche, sociali, economiche, utilizzando un linguaggio appropriato. • Attraverso lo studio del manuale e l'ascolto delle lezioni lo studente dovrà dimostrare di avere compreso un fatto storico, saperne valutare il significato politico, sociale, economico, inquadrandolo in un contesto di riferimento appropriato
PrerequisitiNessuno
Metodi didatticiLe strategie didattiche adottate includono soprattutto lezioni frontali e studio individuale di manuali e altro materiale segnalato dalla docente, nonché la frequenza di eventuali lezioni pertinenti al modulo, tenute da docenti esterni di chiara fama, ospiti del dipartimento
Altre informazioniLa frequenza alle lezioni è vivamente consigliata CORSO PRE-FIT. Ambito D "METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE" valido ai fini pre-FIT per le classi di concorso: A11, A12, A13, A19, A22, A70, A71, A72, A73, A74, A75, A78, A77, A79, A80, A81, A82, A83, A84, A85.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame, della durata di circa 25 minuti, solitamente si svolge in forma orale; ai frequentanti saranno rivolte, in linea di massima, tre domande, che accerteranno rispettivamente la conoscenza del periodo arcaico fino al VI secolo a.C., del periodo classico, fino alla fine del V secolo, del IV secolo e della nascita degli stati ellenistici. Sarà data particolare rilevanza agli argomenti approfonditi a lezione. Agli studenti non frequentanti, oltre alle domande sopra elencate, sarà riservata anche una domanda sul testo di G. Poma, Le istituzioni politiche della Grecia in età classica, il Mulino, Bologna. A richiesta di studenti frequentanti e non frequentanti, l'esame si potrà svolgere anche in forma scritta, attraverso la somministrazione di tre domande a risposta aperta, che andranno ad accertare la conoscenza completa della disciplina e la capacità dello studente di descriverne in forma critica i fatti storici, usando un linguaggio appropriato, che sia adatto anche in un contesto scolastico. Per arrivare a una votazione piena, pari a 30/30, gli studenti dovranno conoscere e comprendere i fatti storici e le relative fonti, saperli collocare nel giusto contesto ed esporre le loro conoscenze con un linguaggio appropriato.
Programma estesoStoria dei Greci dalle origini alla formazione dei regni ellenistici (per conoscere la storia degli eventi, delle istituzioni e delle trasformazioni sociali della Grecia antica, metropolitana e coloniale, dalla nascita della polis al suo dissolvimento dopo le conquiste di Alessandro Magno)
Risultati di apprendimento attesiSi attende che gli studenti siano in grado di: 1)Conoscere e comprendere i fatti storici; conoscere e comprendere le principali fonti storiografiche inerenti ai fatti storici esaminati 2) saperne giudicare il significato politico, sociale, economico, inquadrandolo in un contesto di riferimento appropriato 3) sapere ricostruire e raccontare un fatto storico, usando un linguaggio appropriato, adatto anche a un eventuale contesto didattico. Il raggiungimento dei 3 obbiettivi consentirà allo studente di raggiungere la piena votazione di 30/30; le abilità indicate ai punti 2 e 3 peseranno per il 10% ciascuna sulla votazione finale.
Insegnamento mutuato daLETTERE (1722) - L0971 STORIA GRECA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoSTORIA DEL MONDO ANTICO GRECO E ROMANO
CodiceL0918
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoGARBARINO Paolo Luciano
DocentiGARBARINO Paolo Luciano, VANOTTI Gabriella
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
L1256 STORIA ROMANA L-ANT/03 - STORIA ROMANA GARBARINO Paolo Luciano
L0971 STORIA GRECA L-ANT/02 - STORIA GRECA VANOTTI Gabriella
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA ROMANA
CodiceL1256
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoGARBARINO Paolo Luciano
DocentiGARBARINO Paolo Luciano
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-ANT/03 - STORIA ROMANA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiSTORIA DI ROMA ANTICA
Testi di riferimentoE' necessario lo studio del seguente manuale: A. Momigliano, Manuale di Storia romana (a cura di A. Mastrocinque),2a ed., UTET Università, Torino 2016 Per i non frequentanti lo studio del manuale va integrato con la lettura del volume di G. Alfoeldy, Storia sociale dell'antica Roma, nuova ediz., Il Mulino Bologna 2013. Altre eventuali indicazioni bibliografiche e altro materiale utile alla preparazione dell'esame potranno essere forniti durante le lezioni, anche tramite pubblicazione sul DIR.
Obiettivi formativi• obiettivi - conoscenze e comprensione: l modulo intende fornire una conoscenza di base dei principali eventi della storia romana, delle istituzioni di Roma, delle sue dinamiche sociali e politiche. L’approfondimento di alcune tematiche, condotto attraverso l’analisi delle fonti documentarie antiche, intende avviare all’analisi di questioni di metodo storiografico. • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Conoscere i fatti storici relativi a Roma antica e saperli collocare all’interno di un corretto contesto cronologico, politico e sociale, facendo riferimento alle principali fonti storiografiche. • obiettivi - espressione di giudizi: Saper valutare in modo autonomo i fatti storici antichi, saper giudicare la tendenza ideologica sottesa al racconto dei fatti nelle fonti storiografiche antiche. • obiettivi - abilità nella comunicazione: Saper riferire in modo chiaro un fatto storico, saperne comunicare le ricadute politiche, sociali, economiche, utilizzando un linguaggio appropriato. • obiettivi - capacità di studio: Saper approfondire le tematiche relative ai fatti storici attraverso lo studio di manuali e di altri testi di riferimento, acquisendo capacità di apprendimento utili per intraprendere studi successivi.
PrerequisitiNessuno
Metodi didatticiLe strategie didattiche adottate includono soprattutto lezioni frontali e studio individuale del manuale e altro materiale segnalato dal docente. Sarà attivo un tutorato on line.
Altre informazioniLectures, seminars, online tutorials.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame orale. Studenti frequentanti: saranno proposte, in linea di massima, tre domande: la prima sull'età monarchica e quella repubblicana sino alle guerre puniche comprese, la seconda sul periodo compreso dalla fine delle guerre puniche sino alla crisi del terzo secolo, la terza sull'età tardoantica, da Diocleziano a Giustiniano. Sarà data particolare rilevanza agli argomenti approfonditi a lezione, la cui documentazione (in particolare quella attinente alle fonti commentate) sarà messa a disposizione sul DIR. Studenti non frequentanti: una delle tre domande verterà sui contenuti del libro di G. Alfoeldy; la distribuzione temporale delle tre domande sarà analoga a quella degli studenti frequentanti. Per raggiungere la sufficienza (18/30) lo studente dovrà conoscere almeno le nozioni di base. La formulazione del voto complessivo si baserà sui seguenti elementi: uso della terminologia appropriata 10% della valutazione; 20% della valutazione per la risposta a ciascuna delle tre doamande.
Programma estesoDurante il corso saranno esaminati, attraverso l’analisi delle fonti letterarie antiche e del dibattito storiografico moderno, i fatti salienti della Storia di Roma dalle origini al VI secolo d.C. Particolare attenzione sarà riservata alla storia delle origini della città, al passaggio dalla monarchia alla repubblica, all’espansione di Roma in Italia e in Oriente, alle guerre civili, all'avvio del principato, alle successive dinastie imperiali (in particolare quelle giulio-claudia, flavia e antonina), alle riforme di Diocleziano, di Costantino e di Giustiniano.
Risultati di apprendimento attesiConoscenze e comprensione: conoscenza di base dei principali eventi della storia romana, delle istituzioni di Roma, delle sue dinamiche sociali e politiche; l’approfondimento di alcune tematiche, condotto attraverso l’analisi delle fonti documentarie antiche, intende avviare all’analisi di questioni di metodo storiografico. Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: conoscere i fatti storici relativi a Roma antica e saperli collocare all’interno di un corretto contesto cronologico, politico e sociale, facendo riferimento alle principali fonti storiografiche. espressione di giudizi: saper valutare in modo autonomo i fatti storici antichi, saper giudicare la tendenza ideologica sottesa al racconto dei fatti nelle fonti storiografiche antiche. Abilità nella comunicazione: saper riferire in modo chiaro un fatto storico, saperne comunicare le ricadute politiche, sociali, economiche, utilizzando un linguaggio appropriato. Capacità di studio: saper approfondire le tematiche relative ai fatti storici attraverso lo studio di manuali e di altri testi di riferimento, acquisendo capacità di apprendimento utili per intraprendere studi successivi.
Insegnamento mutuante inLETTERE (1722) - L0736 STORIA ROMANA - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0736 STORIA ROMANA - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0736 STORIA ROMANA - VERCELLI
LETTERE (1722) - L1256 STORIA ROMANA - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0736 STORIA ROMANA - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0736 STORIA ROMANA - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0736 STORIA ROMANA - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0736 STORIA ROMANA - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0736 STORIA ROMANA - VERCELLI
FILOSOFIA (1777) - L0736 STORIA ROMANA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA GRECA
CodiceL0971
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoVANOTTI Gabriella
DocentiVANOTTI Gabriella
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-ANT/02 - STORIA GRECA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiSTORIA DEI GRECI
Testi di riferimentoE' indispensabile lo studio di un manuale a scelta fra i seguenti: -M. Bettalli A. D'Agata L. Magnetto, Storia greca, Carocci, Roma -A. Momigliano, Manuale di storia greca, UTET Università, Torino -L. Breglia, F. Guizzi, F. Raviola, Storia greca, Edises, Napoli -C. Bearzot, Manuale di storia greca, Il Mulino, Bologna -D. Musti, Introduzione alla storia greca, Laterza, Bari- Roma. Per i non frequentanti è obbligatoria anche la preparazione del testo di G. Poma, Le istituzioni politiche della Grecia in età classica, il Mulino, Bologna. Eventuali altre indicazioni bibliografiche, o altro materiale saranno forniti durante le lezioni
Obiettivi formativi• Il modulo intende fornire una conoscenza di base dei principali eventi della storia greca, delle istituzioni delle principali poleis e delle loro dinamiche sociali e politiche. L’approfondimento di alcune tematiche, condotto attraverso l’analisi delle fonti documentarie antiche, consentirà di preparare gli studenti a comprendere anche questioni di metodo storiografico • Il modulo intende rendere gli studenti capaci di esprimere giudizi in modo autonomo sui fatti storici, di giudicare la tendenza ideologica sottesa al racconto degli eventi nelle fonti storiografiche antiche e moderne • Il modulo intende fornire le capacità di raccontare, anche in un contesto didattico, un fatto storico, di comunicarne le ricadute politiche, sociali, economiche, utilizzando un linguaggio appropriato. • Attraverso lo studio del manuale e l'ascolto delle lezioni lo studente dovrà dimostrare di avere compreso un fatto storico, saperne valutare il significato politico, sociale, economico, inquadrandolo in un contesto di riferimento appropriato
PrerequisitiNessuno
Metodi didatticiLe strategie didattiche adottate includono soprattutto lezioni frontali e studio individuale di manuali e altro materiale segnalato dalla docente, nonché la frequenza di eventuali lezioni pertinenti al modulo, tenute da docenti esterni di chiara fama, ospiti del dipartimento
Altre informazioniLa frequenza alle lezioni è vivamente consigliata CORSO PRE-FIT. Ambito D "METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE" valido ai fini pre-FIT per le classi di concorso: A11, A12, A13, A19, A22, A70, A71, A72, A73, A74, A75, A78, A77, A79, A80, A81, A82, A83, A84, A85.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame, della durata di circa 25 minuti, solitamente si svolge in forma orale; ai frequentanti saranno rivolte, in linea di massima, tre domande, che accerteranno rispettivamente la conoscenza del periodo arcaico fino al VI secolo a.C., del periodo classico, fino alla fine del V secolo, del IV secolo e della nascita degli stati ellenistici. Sarà data particolare rilevanza agli argomenti approfonditi a lezione. Agli studenti non frequentanti, oltre alle domande sopra elencate, sarà riservata anche una domanda sul testo di G. Poma, Le istituzioni politiche della Grecia in età classica, il Mulino, Bologna. A richiesta di studenti frequentanti e non frequentanti, l'esame si potrà svolgere anche in forma scritta, attraverso la somministrazione di tre domande a risposta aperta, che andranno ad accertare la conoscenza completa della disciplina e la capacità dello studente di descriverne in forma critica i fatti storici, usando un linguaggio appropriato, che sia adatto anche in un contesto scolastico. Per arrivare a una votazione piena, pari a 30/30, gli studenti dovranno conoscere e comprendere i fatti storici e le relative fonti, saperli collocare nel giusto contesto ed esporre le loro conoscenze con un linguaggio appropriato.
Programma estesoStoria dei Greci dalle origini alla formazione dei regni ellenistici (per conoscere la storia degli eventi, delle istituzioni e delle trasformazioni sociali della Grecia antica, metropolitana e coloniale, dalla nascita della polis al suo dissolvimento dopo le conquiste di Alessandro Magno)
Risultati di apprendimento attesiSi attende che gli studenti siano in grado di: 1)Conoscere e comprendere i fatti storici; conoscere e comprendere le principali fonti storiografiche inerenti ai fatti storici esaminati 2) saperne giudicare il significato politico, sociale, economico, inquadrandolo in un contesto di riferimento appropriato 3) sapere ricostruire e raccontare un fatto storico, usando un linguaggio appropriato, adatto anche a un eventuale contesto didattico. Il raggiungimento dei 3 obbiettivi consentirà allo studente di raggiungere la piena votazione di 30/30; le abilità indicate ai punti 2 e 3 peseranno per il 10% ciascuna sulla votazione finale.
Insegnamento mutuante inLETTERE (1722) - L0139 STORIA GRECA - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0139 STORIA GRECA - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0139 STORIA GRECA - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0971 STORIA GRECA - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0139 STORIA GRECA - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0139 STORIA GRECA - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0139 STORIA GRECA - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0139 STORIA GRECA - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0139 STORIA GRECA - VERCELLI
FILOSOFIA (1777) - L0139 STORIA GRECA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoSTORIA DEL MONDO ANTICO GRECO E ROMANO 1
CodiceLE0237
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoVANOTTI Gabriella
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeALESSANDRIA
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiSTORIA DEI GRECI STORIA DI ROMA ANTICA
Testi di riferimentoE' indispensabile lo studio di un manuale a scelta fra i seguenti: -M. Bettalli A. D'Agata L. Magnetto, Storia greca, Carocci, Roma -A. Momigliano, Manuale di storia greca, UTET Università, Torino -L. Breglia, F. Guizzi, F. Raviola, Storia greca, Edises, Napoli -C. Bearzot, Manuale di storia greca, Il Mulino, Bologna -D. Musti, Introduzione alla storia greca, Laterza, Bari- Roma. Per i non frequentanti è obbligatoria anche la preparazione del testo di G. Poma, Le istituzioni politiche della Grecia in età classica, il Mulino, Bologna. Eventuali altre indicazioni bibliografiche, o altro materiale saranno forniti durante le lezioni E' necessario lo studio di un manuale a scelta fra i seguenti: -A.Momigliano, Manuale di Storia romana (a cura di A. Mastrocinque), UTET Università, Torino -S. Roda, S. Giorcelli, A. Pellizzari, Storia romana, Roma, dallo stato-città all'impero senza fine, Edises, Napoli -G: Cresci Marrone, L. Calvelli, F. Rohr, Roma antica, Il Mulino Bologna -G. Geraci A. Marcone, Storia romana editio maior, Le Monnier Firenze. Per i non frequentanti lo studio del manuale va integrato con la lettura del volume di G. Poma, Le istituzioni politiche del mondo romano, Il Mulino Bologna 2006; o, in alternativa, del volume di P. Arena A. Marcone, Augusto e la creazione del principato La questione dinastica, Le Monnier 2018 Altre indicazioni bibliografiche e altro materiale utile alla preparazione dell'esame saranno forniti durante le lezioni.
Obiettivi formativi• Il modulo intende fornire una conoscenza di base dei principali eventi della storia greca, delle istituzioni delle principali poleis e delle loro dinamiche sociali e politiche. L’approfondimento di alcune tematiche, condotto attraverso l’analisi delle fonti documentarie antiche, consentirà di preparare gli studenti a comprendere anche questioni di metodo storiografico • Il modulo intende rendere gli studenti capaci di esprimere giudizi in modo autonomo sui fatti storici, di giudicare la tendenza ideologica sottesa al racconto degli eventi nelle fonti storiografiche antiche e moderne • Il modulo intende fornire le capacità di raccontare, anche in un contesto didattico, un fatto storico, di comunicarne le ricadute politiche, sociali, economiche, utilizzando un linguaggio appropriato. • Attraverso lo studio del manuale e l'ascolto delle lezioni lo studente dovrà dimostrare di avere compreso un fatto storico, saperne valutare il significato politico, sociale, economico, inquadrandolo in un contesto di riferimento appropriato • Il modulo intende fornire una conoscenza di base dei principali eventi della storia romana, delle sue istituzioni e delle loro dinamiche sociali e politiche; inoltre intende avviarli alla comprensione dei fatti, rendendoli capaci di collocarli all’interno di un corretto contesto cronologico, politico e sociale. L’approfondimento di alcune tematiche, condotto attraverso l’analisi delle fonti documentarie antiche, consentirà di avviare gli studenti alla comprensione di questioni di metodo storiografico, fornendo loro la capacità di saperli comprendere, • Il modulo intende rendere gli studenti capaci di esprimere giudizi in modo autonomo sui fatti storici esaminati; di giudicare la tendenza ideologica sottesa al racconto degli eventi nelle fonti storiografiche antiche di riferimento • Il modulo intende fornire le capacità di raccontare un fatto storico, di comunicarne le ricadute politiche, sociali, economiche, utilizzando un linguaggio appropriato anche in un contesto didattico. • Attraverso lo studio del manuale e l'ascolto delle lezioni lo studente deve mostrare di conoscere e di avere compreso un fatto storico,
PrerequisitiNESSUNO
Metodi didatticiLe strategie didattiche adottate includono soprattutto lezioni frontali e studio individuale di manuali e altro materiale segnalato dalla docente, nonché la frequenza di eventuali lezioni pertinenti al modulo, tenute da docenti esterni di chiara fama, ospiti del dipartimento
Altre informazioniLa frequenza alle lezioni è vivamente consigliata
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame, della durata di circa 25 minuti, solitamente si svolge in forma orale; ai frequentanti saranno rivolte, in linea di massima, tre domande, che accerteranno la conoscenza del periodo arcaico fino al VI secolo a.C., del periodo classico, fino alla fine del V secolo, del IV secolo e della nascita degli stati ellenistici. Sarà data particolare rilevanza agli argomenti approfonditi a lezione. Agli studenti non frequentanti, oltre alle domande sopra elencate, sarà riservata anche una domanda sul testo di G. Poma, Le istituzioni politiche della Grecia in età classica, il Mulino, Bologna. A richiesta di studenti frequentanti e non frequentanti, l'esame si potrà svolgere anche in forma scritta, attraverso la somministrazione di tre domande a risposta aperta, che andranno ad accertare la conoscenza completa della disciplina e la capacità dello studente di descriverne in forma critica i contenuti, usando un linguaggio appropriato, che sia adatto anche in un contesto scolastico. Per arrivare a una votazione piena, pari a 30/30, gli studenti dovranno conoscere e comprendere i fatti storici e le relative fonti, saperli collocare nel giusto contestualizzare ed esporre le loro conoscenze con un linguaggio appropriato L'esame, della durata di circa 25 minuti, solitamente si svolge in forma orale; ai frequentanti saranno proposte, in linea di massima, tre domande: la prima sulla fase arcaica e proto-repubblicana sino alle guerre puniche, la seconda sul periodo compreso fra la fine delle guerre puniche e la morte di Nerone, la terza sul periodo compreso fra l'età dei Flavi e Teodosio. Sarà data particolare rilevanza agli argomenti approfonditi a lezione. Agli studenti non frequentanti, oltre alle domande sopra elencate, sarà riservata anche una domanda sul testo di G. Poma, Le istituzioni politiche del mondo romano, Il Mulino Bologna 2006; o, in alternativa, del volume di P. Arena A. Marcone, Augusto e la creazione del principato La questione dinastica, Le Monnier 2018. A richiesta di studenti frequentanti e non frequentanti, l'esame si potrà svolgere anche in forma scritta, attraverso la somministrazione di tre domande a risposta aperta, che andranno ad accertare la conoscenza completa della disciplina e la capacità dello studente di descriverne in forma critica i contenuti, usando un linguaggio appropriato, che sia adatto anche in un contesto didattico Per arrivare a una votazione piena, pari a 30/30, gli studenti dovranno conoscere e comprendere i fatti storici e le relative fonti, saperli collocare nel giusto contesto ed esporre le loro conoscenze con un linguaggio appropriato.
Programma estesoStoria dei Greci dalle origini alla formazione dei regni ellenistici (per conoscere la storia degli eventi, delle istituzioni e delle trasformazioni sociali della Grecia antica, metropolitana e coloniale, dalla nascita della polis al suo dissolvimento dopo le conquiste di Alessandro Magno) Durante il corso saranno esaminati, attraverso l’analisi delle fonti letterarie antiche e del dibattito storiografico moderno, i fatti salienti della Storia di Roma dalle origini al IV secolo d.C. Particolare attenzione sarà riservata alla storia delle origini della città, al passaggio dalla monarchia alla repubblica, all’espansione di Roma in Italia e in Oriente, alle guerre civili, all'avvio del principato, alle successive dinastie imperiali (in particolare quelle giulio-claudia, flavia e antonina), alle riforme di Diocleziano, di Costantino e di Teodosio.
Risultati di apprendimento attesiSi attende che gli studenti 1)Conoscano e comprendano i fatti storici; conoscere e comprendere le principali fonti storiografiche inerenti ai fatti storici esaminati; 2) sappiano giudicare il significato politico, sociale, economico, inquadrandolo in un contesto di riferimento appropriato; 3) sappiano ricostruire e raccontare un fatto storico, usando un linguaggio appropriato, adatto anche a un eventuale contesto didattico. Per arrivare a una votazione piena, pari a 30/30, gli studenti dovranno conoscere e comprendere i fatti storici e le relative fonti, saperli collocare nel giusto contesto ed esporre le loro conoscenze con un linguaggio appropriato. Il raggiungimento dei 3 obiettivi consentirà allo studente di raggiungere la piena votazione di 30/30; le abilità indicate ai punti 2 e 3 peseranno per il 10% ciascuna sulla votazione finale.
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoSTORIA DEL MONDO ANTICO GRECO E ROMANO 1
CodiceLE0237
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoVANOTTI Gabriella
DocentiVANOTTI Gabriella
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeALESSANDRIA
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LE0238 STORIA GRECA 1 L-ANT/02 - STORIA GRECA VANOTTI Gabriella
LE0239 STORIA ROMANA 1 L-ANT/03 - STORIA ROMANA VANOTTI Gabriella
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA GRECA 1
CodiceLE0238
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoVANOTTI Gabriella
DocentiVANOTTI Gabriella
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-ANT/02 - STORIA GRECA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiSTORIA DEI GRECI
Testi di riferimentoE' indispensabile lo studio di un manuale a scelta fra i seguenti: -M. Bettalli A. D'Agata L. Magnetto, Storia greca, Carocci, Roma -C. Bearzot, Manuale di storia greca, Il Mulino, Bologna -L. Breglia, F. Guizzi, F. Raviola, Storia greca, Edises, Napoli -A. Momigliano, Manuale di storia greca, UTET Università, Torino -D. Musti, Introduzione alla storia greca, Laterza, Bari- Roma. Per i non frequentanti è obbligatoria anche la preparazione del testo di G. Poma, Le istituzioni politiche della Grecia in età classica, il Mulino, Bologna. Eventuali altre indicazioni bibliografiche o altro materiale saranno forniti durante le lezioni.
Obiettivi formativi•Il modulo intende fornire una conoscenza di base dei principali eventi della storia greca, delle istituzioni delle principali poleis e delle loro dinamiche sociali e politiche. L’approfondimento di alcune tematiche, condotto attraverso l’analisi delle fonti documentarie antiche, consentirà di preparare gli studenti a conoscere questioni di metodo storico e storiografico • Il modulo intende condurre gli studenti alla comprensione dei fatti storici, alla loro collocazione all’interno di un corretto contesto cronologico, politico e sociale; • Il modulo intende rendere gli studenti capaci di esprimere giudizi in modo autonomo sui fatti storici, di giudicare la tendenza ideologica sottesa al racconto degli eventi nelle fonti storiografiche antiche • Il modulo intende fornire le capacità di raccontare, soprattutto in un contesto didattico, un fatto storico, di comunicarne le ricadute politiche, sociali, economiche, utilizzando un linguaggio appropriato. • Attraverso lo studio del manuale e l'ascolto delle lezioni lo studente deve mostrare di conoscere un fatto storico, di saperne comprendere evalutare il significato politico, sociale, economico, inquadrandolo in un contesto di riferimento appropriato
PrerequisitiNessuno
Metodi didatticiLe strategie didattiche adottate includono soprattutto lezioni frontali e studio individuale di manuali e altro materiale segnalato dalla docente, nonché la frequenza di eventuali lezioni pertinenti al modulo, tenute da docenti esterni di chiara fama, ospiti del dipartimento
Altre informazioniLa frequenza alle lezioni è vivamente consigliata CORSO PRE-FIT. Ambito D "METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE" valido ai fini pre-FIT per le classi di concorso: A11, A12, A13, A19, A22, A70, A71, A72, A73, A74, A75, A78, A77, A79, A80, A81, A82, A83, A84, A85.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame, della durata di circa 25 minuti, solitamente si svolge in forma orale; ai frequentanti saranno rivolte, in linea di massima, tre domande, che accerteranno la conoscenza del periodo arcaico fino al VI secolo a.C., del periodo classico, fino alla fine del V secolo, del IV secolo e della nascita degli stati ellenistici. Sarà data particolare rilevanza agli argomenti approfonditi a lezione. Agli studenti non frequentanti, oltre alle domande sopra elencate, sarà riservata anche una domanda sul testo di G. Poma, Le istituzioni politiche della Grecia in età classica, il Mulino, Bologna. A richiesta di studenti frequentanti e non frequentanti, l'esame si potrà svolgere anche in forma scritta, attraverso la somministrazione di tre domande a risposta aperta, che andranno ad accertare la conoscenza completa della disciplina e la capacità dello studente di descriverne in forma critica i contenuti, usando un linguaggio appropriato, che sia adatto anche in un contesto scolastico. Per arrivare a una votazione piena, pari a 30/30, gli studenti dovranno conoscere e comprendere i fatti storici e le relative fonti, saperli collocare nel giusto contesto ed esporre le loro conoscenze con un linguaggio appropriato.
Programma estesoStoria dei Greci dalle origini alla formazione dei regni ellenistici (per conoscere la storia degli eventi, delle istituzioni e delle trasformazioni sociali della Grecia antica, metropolitana e coloniale, dalla nascita della polis al suo dissolvimento dopo le conquiste di Alessandro Magno)
Risultati di apprendimento attesiSi attende che gli studenti 1)conoscano e comprendano i fatti storici esaminati; conoscano e comprendano le principali fonti storiografiche inerenti ai fatti storici esaminati; 2) sappiano giudicare il significato politico, sociale, economico degli eventi, inquadrandoli in un contesto di riferimento appropriato; 3) sappiano ricostruire e raccontare un fatto storico, usando un linguaggio appropriato, che sia adatto anche a un contesto didattico. Il raggiungimento dei 3 obiettivi consentirà allo studente di raggiungere la piena votazione di 30/30; le abilità indicate ai punti 2 e 3 peseranno per il 10% ciascuna sulla votazione finale.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA ROMANA 1
CodiceLE0239
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoVANOTTI Gabriella
DocentiVANOTTI Gabriella
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-ANT/03 - STORIA ROMANA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiSTORIA DI ROMA ANTICA
Testi di riferimentoE' necessario lo studio di un manuale a scelta fra i seguenti: -A.Momigliano, Manuale di Storia romana (a cura di A. Mastrocinque), UTET Università, Torino -S. Roda, S. Giorcelli, A. Pellizzari, Storia romana, Roma, dallo stato-città all'impero senza fine, Edises, Napoli -G: Cresci Marrone, L. Calvelli, F. Rohr, Roma antica, Il Mulino Bologna -G. Geraci A. Marcone, Storia romana editio maior, Le Monnier Firenze. Per i non frequentanti lo studio del manuale va integrato con la lettura del volume di G. Poma, Le istituzioni politiche del mondo romano, Il Mulino Bologna 2006; o, in alternativa, del volume di P. Arena A. Marcone, Augusto e la creazione del principato La questione dinastica, Le Monnier 2018 Altre indicazioni bibliografiche e altro materiale utile alla preparazione dell'esame saranno forniti durante le lezioni.
Obiettivi formativi• Il modulo intende fornire una conoscenza di base dei principali eventi della storia romana, delle sue istituzioni e delle loro dinamiche sociali e politiche; inoltre intende avviarli alla comprensione dei fatti, rendendoli capaci di collocarli all’interno di un corretto contesto cronologico, politico e sociale. L’approfondimento di alcune tematiche, condotto attraverso l’analisi delle fonti documentarie antiche, consentirà di avviare gli studenti alla comprensione di questioni di metodo storiografico, fornendo loro la capacità di saperli comprendere, • Il modulo intende rendere gli studenti capaci di esprimere giudizi in modo autonomo sui fatti storici esaminati; di giudicare la tendenza ideologica sottesa al racconto degli eventi nelle fonti storiografiche antiche di riferimento • Il modulo intende fornire le capacità di raccontare un fatto storico, di comunicarne le ricadute politiche, sociali, economiche, utilizzando un linguaggio appropriato anche in un contesto didattico. • Attraverso lo studio del manuale e l'ascolto delle lezioni lo studente deve mostrare di conoscere e di avere compreso un fatto storico,
PrerequisitiNessuno
Metodi didatticiLe strategie didattiche adottate includono soprattutto lezioni frontali, accompagnato dallo studio individuale di manuali e di altro materiale segnalato dalla docente, nonché la frequenza di lezioni tenute da docenti esterni, esperti della disciplina
Altre informazioniLa frequenza alle lezioni è vivamente consigliata CORSO PRE-FIT. Ambito D "METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE" valido ai fini pre-FIT per le classi di concorso: A11, A12, A13, A19, A22, A70, A71, A72, A73, A74, A75, A78, A77, A79, A80, A81, A82, A83, A84, A85.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame, della durata di circa 25 minuti, solitamente si svolge in forma orale; ai frequentanti saranno proposte, in linea di massima, tre domande: la prima sulla fase arcaica e proto-repubblicana sino alle guerre puniche, la seconda sul periodo compreso fra la fine delle guerre puniche e la morte di Nerone, la terza sul periodo compreso fra l'età dei Flavi e Teodosio. Sarà data particolare rilevanza agli argomenti approfonditi a lezione. Agli studenti non frequentanti, oltre alle domande sopra elencate, sarà riservata anche una domanda sul testo di G. Poma, Le istituzioni politiche del mondo romano, Il Mulino Bologna 2006; o, in alternativa, del volume di P. Arena A. Marcone, Augusto e la creazione del principato La questione dinastica, Le Monnier 2018. A richiesta di studenti frequentanti e non frequentanti, l'esame si potrà svolgere anche in forma scritta, attraverso la somministrazione di tre domande a risposta aperta, che andranno ad accertare la conoscenza completa della disciplina e la capacità dello studente di descriverne in forma critica i contenuti, usando un linguaggio appropriato, che sia adatto anche in un contesto didattico Per arrivare a una votazione piena, pari a 30/30, gli studenti dovranno conoscere e comprendere i fatti storici e le relative fonti, saperli collocare nel giusto contesto ed esporre le loro conoscenze con un linguaggio appropriato.
Programma estesoDurante il corso saranno esaminati, attraverso l’analisi delle fonti letterarie antiche e del dibattito storiografico moderno, i fatti salienti della Storia di Roma dalle origini al IV secolo d.C. Particolare attenzione sarà riservata alla storia delle origini della città, al passaggio dalla monarchia alla repubblica, all’espansione di Roma in Italia e in Oriente, alle guerre civili, all'avvio del principato, alle successive dinastie imperiali (in particolare quelle giulio-claudia, flavia e antonina), alle riforme di Diocleziano, di Costantino e di Teodosio.
Risultati di apprendimento attesiSi attende che gli studenti 1)conoscano e comprendano i fatti storicii; conoscano e comprendano le principali fonti storiografiche inerenti ai fatti storici esaminati 2) )sappiano giudicare il significato politico, sociale, economico degli eventi, inquadrandoli in un contesto di riferimento appropriato 3) sappiano ricostruire e raccontare un fatto storico, usando un linguaggio appropriato, che sia adatto anche a un contesto didattico. Il raggiungimento dei 3 obiettivi consentirà allo studente di raggiungere la piena votazione di 30/30; le abilità indicate ai punti 2 e 3 peseranno per il 10% ciascuna sulla votazione finale.
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoSTORIA MEDIEVALE
CodiceL0973
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBARBERO Alessandro
DocentiBARBERO Alessandro
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiI principali problemi del periodo medievale
Testi di riferimentoIl programma d'esame è costituito dalle dispense pubblicate sul DIR.
Obiettivi formativiL’obiettivo primario è far acquisire allo studente una formazione di base nell’ambito della storia medievale (compresa l'analisi delle fonti), al fine di analizzare e comprendere i problemi più importanti della storia d'Europa nel millennio medievale. Un ulreriore obiettivo è quello di porre lo studente nella condizione di applicare le nozioni e le metodologie apprese all'analisi delle fonti finalizzata alla ricerca storica.
PrerequisitiNon sono previsti prerequisiti.
Metodi didatticiLezioni frontali. Nel corso delle lezioni è previsto anche il coinvolgimento attivo degli studenti attraverso la lettura e commento di fonti scritte.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa prova finale prevede un esame orale della durata di circa 30 minuti. Si intende verificare le conoscenze inserite tra gli obiettivi e i risultati di apprendimento attesi attraverso un esame che prevede domande sui principali problemi trattati nel corso, al fine di verificare: 1. l'apprendimento delle nozioni di base, 2. l'acquisizione di una capacità critica nell'analisi dei problemi 3. l'acquisizione di una capacità critica nell'impiego delle fonti, 4. l'uso della terminologia scientifica appropriata, 5. la capacità di istituire collegamenti fra gli argomenti. In particolare verrà dato il seguente peso alla verifica del predetti raggiungimento degli obiettivi formativi: 1. 30%; 2. 30%; 3. 20%; 4 10%; 5. 10%. La lode verrà assegnata sulla base di una valutazione dell'accuratezza, approfondimento e capacità di elaborazione della risposta.
Programma estesoUnità didattica I. Il concetto di medioevo; la sua formazione storica. Fonti e metodologia. TESTO 1 A. Barbero, Età di mezzo e secoli bui, in Lo spazio letterario del Medioevo, 2. Il Medioevo volgare, III: La ricezione del testo, Roma 2003, pp. 505-526 Unità didattica II. Il Cristianesimo e la sua evoluzione da Costantino a Teodosio; le controversie teologiche; la formazione dell’episcopato e il monachesimo TESTO 2 A. Barbero, La cristianizzazione TESTO 3 A. Barbero, Vescovi e monaci Unità didattica III. Invasioni barbariche ed etnogenesi; i meccanismi di conversione delle gentes; organizzazione dei regni romano-barbarici, leges, fusione etnica. TESTO 4 A. Barbero, I regni romano-barbarici, in Storia d’Europa e del Mediterraneo, diretta da A. Barbero, IV. Il Medioevo (secoli V-XV), a cura di S. Carocci, VIII: Popoli, poteri, dinamiche, Roma 2006, pp. 167-212 TESTO 5 A.A. Settia, Longobardi in Italia: necropoli altomedievali e ricerca storica, in Id., Barbari e infedeli nell'Alto Medioevo italiano. Storia e miti storiografici, Spoleto 2011 (ed. or. 1993) Unità didattica IV. La transizione economica dall’Antichità al medioevo. TESTO 6 G. Petralia, A proposito dell'immortalità di "Maometto e Carlomagno" (o di Costantino), in "Storica", 1 (1995), pp. 37-87 TESTO 7 C. Wickham, Sul mutamento sociale ed economico di lungo periodo in Occidente (400-800), in “Storica”, 23 (2002), pp. 7-27 Unità didattica V. Stratificazione sociale, economia rurale e sistema curtense TESTO 8 A. Barbero, Il mondo rurale e il sistema curtense Unità didattica VI. Bisanzio TESTO 9 A. Barbero, L'impero bizantino Unità didattica VII. L’Islam TESTO 10 A. Barbero, La nascita dell'Islam e le conquiste arabe Unità didattica VIII. L’impero di Carlo Magno TESTO 11 A. Barbero, La rinascita dell’impero, da Carlo Magno. Un padre dell’Europa, Roma-Bari, Laterza, 2000, pp. 82-112 Unità didattica IX. Il feudalesimo e la dissoluzione dell’impero carolingio TESTO 12 A. Barbero, Vassallaggio e beneficio Unità didattica X. Il Basso Medioevo: questioni metodologiche TESTO B1 C. Wickham, Fonti archeologiche – fonti storiche: un dialogo complesso, in Storia d’Europa e del Mediterraneo, diretta da A. Barbero, IV. Il Medioevo (secoli V-XV), a cura di S. Carocci, IX: Strutture, preminenze, lessici comuni, Roma 2007, pp. 15-49 Unità didattica XI Mutazione feudale e incastellamento TESTO B2, A. Barbero, La mutazione feudale Unità didattica XII Il decollo economico e demografico TESTO B3, A. Barbero, Il decollo dell’Occidente TESTO B4, G. Petralia, Crescita ed espansione, in Storia Medievale, Roma 1998 (Manuali Donzelli), pp. 291-317 Unità didattica XIII Riforma della Chiesa e lotta tra papato e impero TESTO B5, A. Barbero, La riforma della Chiesa TESTO B6, A. Paravicini Bagliani, Il papato da Leone IX a Bonifacio VIII. Centralità e universalità, in Storia d’Europa e del Mediterraneo, diretta da A. Barbero, IV. Il Medioevo (secoli V-XV), a cura di S. Carocci, VIII: Popoli, poteri, dinamiche, Roma 2006, pp. 553-584 Unità didattica XIV L’origine dei Comuni TESTO B7, A. Barbero, L’origine del Comuni Unità didattica XV Le Crociate TESTO B8, A. Barbero, Le crociate Unità didattica XVI Il regime feudale-signorile, la società feudale e la condizione contadina TESTO B9, A. Barbero, Feudo e signoria di banno Unità didattica XVII Dal comune alla Signoria TESTO B10, A. Barbero, Dal comune alla signoria cittadina Unità didattica XVIII Religiosità popolare, ordini mendicanti, movimenti ereticali TESTO B11, A. Barbero, La vita religiosa Unità didattica XIX La nascita dell’Università TESTO B12, A. Esch, Le origini dell’università. Il nuovo interesse per l'antico, in Storia d’Europa e del Mediterraneo, diretta da A. Barbero, IV. Il Medioevo (secoli V-XV), a cura di S. Carocci, VIII: Popoli, poteri, dinamiche, Roma 2006, pp. 709-728 Unità didattica XX La crisi del Trecento Testo B13, A. Barbero, La crisi del Trecento Unità didattica XXI Lo stato del XIV e XV secolo Testo B14, A. Barbero, La rinascita dello stato
Risultati di apprendimento attesiConoscenza e comprensione: - conoscere le nozioni di base della storia d'Europa durante il millennio medievale - conoscere e comprendere i principali nodi problematici della storia medievale Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: - saper applicare il metodo appreso all'analisi delle fonti Autonomia di giudizi: - riconoscere collegamenti e influenze reciproche tra gli eventi Abilità comunicative: - sapersi servire in modo coerente e appropriato della specifica terminologia scientifica
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
L0974 STORIA MEDIEVALE A M-STO/01 - STORIA MEDIEVALE BARBERO Alessandro
L0975 STORIA MEDIEVALE B M-STO/01 - STORIA MEDIEVALE BARBERO Alessandro
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA MEDIEVALE A
CodiceL0974
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBARBERO Alessandro
DocentiBARBERO Alessandro
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-STO/01 - STORIA MEDIEVALE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiI principali problemi del periodo altomedievale
Testi di riferimentoIl programma d'esame è costituito dalle dispense pubblicate sul DIR, integrate da alcuni articoli scientifici egualmente indicati sul DIR.
Obiettivi formativiL’obiettivo primario è far acquisire allo studente una formazione di base nell’ambito della storia altomedievale (compresa l'analisi delle fonti), al fine di analizzare e comprendere i problemi più importanti della storia d'Europa nel periodo considerato. Un ulteriore obiettivo è quello di porre lo studente nella condizione di applicare le nozioni e le metodologie apprese all'analisi delle fonti finalizzata alla ricerca storica.
PrerequisitiNon sono previsti prerequisiti.
Metodi didatticiLezioni frontali. Nel corso delle lezioni è previsto anche il coinvolgimento attivo degli studenti attraverso la lettura e commento di fonti scritte.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa prova finale prevede un esame orale della durata di circa 30 minuti. Si intende verificare le conoscenze inserite tra gli obiettivi e i risultati di apprendimento attesi attraverso un esame che prevede domande sui principali problemi trattati nel corso, al fine di verificare l'apprendimento delle nozioni di base, e soprattutto l'acquisizione di una capacità critica nell'analisi dei problemi e nell'impiego delle fonti. L’esame avrà esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18/30. Per raggiungere la sufficienza lo studente dovrà conoscere almeno le nozioni di base e mostrare di aver compreso la natura del metodo analitico. La formulazione del voto complessivo terrà in conto l'uso della terminologia scientifica appropriata e la capacità di istituire collegamenti fra gli argomenti. La lode verrà assegnata sulla base di una valutazione dell'accuratezza, approfondimento e capacità di elaborazione della risposta.
Programma estesoUnità didattica I. Il concetto di medioevo; la sua formazione storica. Fonti e metodologia. TESTO 1 (in rete) A. Barbero, Età di mezzo e secoli bui, in Lo spazio letterario del Medioevo, 2. Il Medioevo volgare, III: La ricezione del testo, Roma 2003, pp. 505-526 TESTO 2 S. Gasparri, Tardoantico e alto Medioevo: metodologie di ricerca e modelli interpretativi, in Storia d’Europa e del Mediterraneo, diretta da A. Barbero, IV. Il Medioevo (secoli V-XV), a cura di S. Carocci, VIII: Popoli, poteri, dinamiche, Roma 2006, pp. 27-56 Unità didattica II. Il Cristianesimo e la sua evoluzione da Costantino a Teodosio; le controversie teologiche; la formazione dell’episcopato e il monachesimo TESTI 3 e 4 (dispense in rete) A. Barbero, La cristianizzazione; Id., Vescovi e monaci Unità didattica III. Invasioni barbariche ed etnogenesi; i meccanismi di conversione delle gentes; organizzazione dei regni romano-barbarici, leges, fusione etnica. TESTO 5 (in rete) A. Barbero, I regni romano-barbarici, in Storia d’Europa e del Mediterraneo, diretta da A. Barbero, IV. Il Medioevo (secoli V-XV), a cura di S. Carocci, VIII: Popoli, poteri, dinamiche, Roma 2006, pp. 167-212 Unità didattica IV. La transizione economica dall’Antichità al medioevo. TESTO 6 G. Petralia, A proposito dell'immortalità di "Maometto e Carlomagno" (o di Costantino), in "Storica", 1 (1995), pp. 37-87 TESTO 7 C. Wickham, Sul mutamento sociale ed economico di lungo periodo in Occidente (400-800), in “Storica”, 23 (2002), pp. 7-27 Unità didattica V. Stratificazione sociale, economia rurale e sistema curtense TESTO 8 D. Vera, Le forme del lavoro rurale: aspetti della trasformazione dell’Europa romana fra Tarda Antichità e Alto Medioevo, in Morfologie sociali e culturali in Europa fra Tarda Antichità e Alto Medioevo, Spoleto 1998 (Settimane, XLV), pp. 293-338 TESTO 9 (dispensa in rete) A. Barbero, Il mondo rurale e il sistema curtense Unità didattica VI. Bisanzio TESTO 10 (dispensa in rete) A. Barbero, L'impero bizantino Unità didattica VII. L’Islam TESTO 11 (dispensa in rete) A. Barbero, La nascita dell'Islam e le conquiste arabe Unità didattica VIII. L’impero di Carlo Magno TESTO 12 (in rete) A. Barbero, La rinascita dell’impero, da Carlo Magno. Un padre dell’Europa, Roma-Bari, Laterza, 2000, pp. 82-112 Unità didattica IX. Il feudalesimo e la dissoluzione dell’impero carolingio TESTO 13 (dispensa in rete) A. Barbero, Vassallaggio e beneficio
Risultati di apprendimento attesiConoscenza e comprensione: - conoscere le nozioni di base della storia d'Europa durante il periodo altomedievale - conoscere e comprendere i principali nodi problematici della storia altomedievale Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: - saper applicare il metodo appreso all'analisi delle fonti Autonomia di giudizi: - riconoscere collegamenti e influenze reciproche tra gli eventi Abilità comunicative: - sapersi servire in modo coerente e appropriato della specifica terminologia scientifica
Insegnamento mutuato daLETTERE (1722) - L0974 STORIA MEDIEVALE A - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA MEDIEVALE B
CodiceL0975
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBARBERO Alessandro
DocentiBARBERO Alessandro
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-STO/01 - STORIA MEDIEVALE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiI principali problemi del periodo bassomedievale
Testi di riferimentoIl programma d'esame è costituito dalle dispense pubblicate sul DIR, integrate da alcuni articoli scientifici egualmente indicati sul DIR.
Obiettivi formativiL’obiettivo primario è far acquisire allo studente una formazione di base nell’ambito della storia bassomedievale (compresa l'analisi delle fonti), al fine di analizzare e comprendere i problemi più importanti della storia d'Europa nel periodo considerato. Un ulteriore obiettivo è quello di porre lo studente nella condizione di applicare le nozioni e le metodologie apprese all'analisi delle fonti finalizzata alla ricerca storica.
PrerequisitiNon sono previsti prerequisiti.
Metodi didatticiLezioni frontali. Nel corso delle lezioni è previsto anche il coinvolgimento attivo degli studenti attraverso la lettura e commento di fonti scritte.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa prova finale prevede un esame orale della durata di circa 30 minuti. Si intende verificare le conoscenze inserite tra gli obiettivi e i risultati di apprendimento attesi attraverso un esame che prevede domande sui principali problemi trattati nel corso, al fine di verificare l'apprendimento delle nozioni di base, e soprattutto l'acquisizione di una capacità critica nell'analisi dei problemi e nell'impiego delle fonti. L’esame avrà esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18/30. Per raggiungere la sufficienza lo studente dovrà conoscere almeno le nozioni di base e mostrare di aver compreso la natura del metodo analitico. La formulazione del voto complessivo terrà in conto l'uso della terminologia scientifica appropriata e la capacità di istituire collegamenti fra gli argomenti. La lode verrà assegnata sulla base di una valutazione dell'accuratezza, approfondimento e capacità di elaborazione della risposta.
Programma estesoUnità didattica I. Il Basso Medioevo: questioni metodologiche TESTO B1 C. Wickham, Fonti archeologiche – fonti storiche: un dialogo complesso, in Storia d’Europa e del Mediterraneo, diretta da A. Barbero, IV. Il Medioevo (secoli V-XV), a cura di S. Carocci, IX: Strutture, preminenze, lessici comuni, Roma 2007, pp. 15-49, 35 pp. TESTO B2 P. Corrao, Pieno e basso Medioevo: metodologie della ricerca e modelli interpretativi, in Storia d’Europa e del Mediterraneo, diretta da A. Barbero, IV. Il Medioevo (secoli V-XV), a cura di S. Carocci, VIII: Popoli, poteri, dinamiche, Roma 2006, pp. 361-406, 46 pp. Unità didattica II Mutazione feudale e incastellamento TESTO B3 (Dispensa in rete), A. Barbero, La mutazione feudale, 13 pp. Unità didattica III Il decollo economico e demografico TESTO B4, (Dispensa in rete), A. Barbero, Il decollo dell’Occidente, 12 pp. TESTO B5, G. Petralia, Crescita ed espansione, in Storia Medievale, Roma 1998 (Manuali Donzelli), pp. 291-317 27 pp. Unità didattica IV Riforma della Chiesa e lotta tra papato e impero TESTO B6, (Dispensa in rete), A. Barbero, La riforma della Chiesa, 22 pp. TESTO B7, A. Paravicini Bagliani, Il papato da Leone IX a Bonifacio VIII. Centralità e universalità, in Storia d’Europa e del Mediterraneo, diretta da A. Barbero, IV. Il Medioevo (secoli V-XV), a cura di S. Carocci, VIII: Popoli, poteri, dinamiche, Roma 2006, pp. 553-584 31 pp. TESTO B8, L. Baietto, L’impero romano-germanico, ivi, pp. 587-623 36 pp. Unità didattica V L’origine dei Comuni TESTO B9, (Dispensa in rete), A. Barbero, L’origine del Comuni,15 pp. Unità didattica VI Le Crociate TESTO B10, (Dispensa in rete), A. Barbero, Le crociate, 13 pp. Unità didattica VII Il regime feudale-signorile, la società feudale e la condizione contadina TESTO B11, (Dispensa in rete), A. Barbero, Feudo e signoria, 16 pp. Unità didattica VIII Dal comune alla Signoria TESTO B12, (Dispensa in rete), A. Barbero, Dal comune alla signoria, 17 pp. Unità didattica IX Religiosità popolare, ordini mendicanti, movimenti ereticali TESTO B13, (Dispensa in rete), A. Barbero, La vita religiosa, 15 pp. Unità didattica X La nascita dell’Università TESTO B14, A. Esch, Elementi di una nuova dinamica: Le origini dell’università, in Storia d’Europa e del Mediterraneo, diretta da A. Barbero, IV. Il Medioevo (secoli V-XV), a cura di S. Carocci, VIII: Popoli, poteri, dinamiche, Roma 2006, pp. 709-728, 20 pp. Unità didattica XI La crisi del Trecento Testo B15, (Dispensa in rete), A. Barbero, La crisi del Trecento,14 pp. Unità didattica XII Lo stato del XIV e XV secolo Testo B16, (Dispensa in rete), A. Barbero, La rinascita dello stato, 15 pp.
Risultati di apprendimento attesiConoscenza e comprensione: - conoscere le nozioni di base della storia d'Europa durante il periodo bassomedievale - conoscere e comprendere i principali nodi problematici della storia bassomedievale Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: - saper applicare il metodo appreso all'analisi delle fonti Autonomia di giudizi: - riconoscere collegamenti e influenze reciproche tra gli eventi Abilità comunicative: - sapersi servire in modo coerente e appropriato della specifica terminologia scientifica
Insegnamento mutuato daLETTERE (1722) - L0975 STORIA MEDIEVALE B - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoSTORIA MEDIEVALE
CodiceL0973
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBARBERO Alessandro
DocentiBARBERO Alessandro
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
L0974 STORIA MEDIEVALE A M-STO/01 - STORIA MEDIEVALE BARBERO Alessandro
L0975 STORIA MEDIEVALE B M-STO/01 - STORIA MEDIEVALE BARBERO Alessandro
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA MEDIEVALE A
CodiceL0974
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBARBERO Alessandro
DocentiBARBERO Alessandro
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-STO/01 - STORIA MEDIEVALE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiI principali problemi del periodo altomedievale
Testi di riferimentoIl programma d'esame è costituito dalle dispense pubblicate sul DIR.
Obiettivi formativiL’obiettivo primario è far acquisire allo studente una formazione di base nell’ambito della storia altomedievale (compresa l'analisi delle fonti), al fine di analizzare e comprendere i problemi più importanti della storia d'Europa nel periodo considerato. Un ulteriore obiettivo è quello di porre lo studente nella condizione di applicare le nozioni e le metodologie apprese all'analisi delle fonti finalizzata alla ricerca storica.
PrerequisitiNessuno
Metodi didatticiLezioni frontali. Nel corso delle lezioni è previsto anche il coinvolgimento attivo degli studenti attraverso la lettura e commento di fonti scritte.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa prova finale prevede un esame orale della durata di circa 30 minuti. Si intende verificare le conoscenze inserite tra gli obiettivi e i risultati di apprendimento attesi attraverso un esame che prevede domande sui principali problemi trattati nel corso, al fine di verificare: 1. l'apprendimento delle nozioni di base, 2. l'acquisizione di una capacità critica nell'analisi dei problemi 3. l'acquisizione di una capacità critica nell'impiego delle fonti, 4. l'uso della terminologia scientifica appropriata, 5. la capacità di istituire collegamenti fra gli argomenti. In particolare verrà dato il seguente peso alla verifica del predetti raggiungimento degli obiettivi formativi: 1. 30%; 2. 30%; 3. 20%; 4 10%; 5. 10%. La lode verrà assegnata sulla base di una valutazione dell'accuratezza, approfondimento e capacità di elaborazione della risposta.
Programma estesoUnità didattica I. Il concetto di medioevo; la sua formazione storica. Fonti e metodologia. TESTO 1 A. Barbero, Età di mezzo e secoli bui, in Lo spazio letterario del Medioevo, 2. Il Medioevo volgare, III: La ricezione del testo, Roma 2003, pp. 505-526 Unità didattica II. Il Cristianesimo e la sua evoluzione da Costantino a Teodosio; le controversie teologiche; la formazione dell’episcopato e il monachesimo TESTO 2 A. Barbero, La cristianizzazione TESTO 3 A. Barbero, Vescovi e monaci Unità didattica III. Invasioni barbariche ed etnogenesi; i meccanismi di conversione delle gentes; organizzazione dei regni romano-barbarici, leges, fusione etnica. TESTO 4 A. Barbero, I regni romano-barbarici, in Storia d’Europa e del Mediterraneo, diretta da A. Barbero, IV. Il Medioevo (secoli V-XV), a cura di S. Carocci, VIII: Popoli, poteri, dinamiche, Roma 2006, pp. 167-212 TESTO 5 A.A. Settia, Longobardi in Italia: necropoli altomedievali e ricerca storica, in Id., Barbari e infedeli nell'Alto Medioevo italiano. Storia e miti storiografici, Spoleto 2011 (ed. or. 1993) Unità didattica IV. La transizione economica dall’Antichità al medioevo. TESTO 6 G. Petralia, A proposito dell'immortalità di "Maometto e Carlomagno" (o di Costantino), in "Storica", 1 (1995), pp. 37-87 TESTO 7 C. Wickham, Sul mutamento sociale ed economico di lungo periodo in Occidente (400-800), in “Storica”, 23 (2002), pp. 7-27 Unità didattica V. Stratificazione sociale, economia rurale e sistema curtense TESTO 8 A. Barbero, Il mondo rurale e il sistema curtense Unità didattica VI. Bisanzio TESTO 9 A. Barbero, L'impero bizantino Unità didattica VII. L’Islam TESTO 10 A. Barbero, La nascita dell'Islam e le conquiste arabe Unità didattica VIII. L’impero di Carlo Magno TESTO 11 A. Barbero, La rinascita dell’impero, da Carlo Magno. Un padre dell’Europa, Roma-Bari, Laterza, 2000, pp. 82-112 Unità didattica IX. Il feudalesimo e la dissoluzione dell’impero carolingio TESTO 12 A. Barbero, Vassallaggio e beneficio
Risultati di apprendimento attesiConoscenza e comprensione: - conoscere le nozioni di base della storia d'Europa durante il periodo trattato - conoscere e comprendere i principali nodi problematici della storia del periodo trattato Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: - saper applicare il metodo appreso all'analisi delle fonti Autonomia di giudizi: - riconoscere collegamenti e influenze reciproche tra gli eventi Abilità comunicative: - sapersi servire in modo coerente e appropriato della specifica terminologia scientifica
Insegnamento mutuante inLETTERE (1722) - L0037 STORIA MEDIEVALE A - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0037 STORIA MEDIEVALE A - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0037 STORIA MEDIEVALE A - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0974 STORIA MEDIEVALE A - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0037 STORIA MEDIEVALE A - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0037 STORIA MEDIEVALE A - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0037 STORIA MEDIEVALE A - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0122 STORIA MEDIEVALE C - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0122 STORIA MEDIEVALE C - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0122 STORIA MEDIEVALE C - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA MEDIEVALE B
CodiceL0975
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBARBERO Alessandro
DocentiBARBERO Alessandro
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-STO/01 - STORIA MEDIEVALE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiI principali problemi del periodo bsssomedievale
Testi di riferimentoIl programma d'esame è costituito dalle dispense pubblicate sul DIR.
Obiettivi formativiL’obiettivo primario è far acquisire allo studente una formazione di base nell’ambito della storia medievale (compresa l'analisi delle fonti), al fine di analizzare e comprendere i problemi più importanti della storia d'Europa nel periodo considerato. Un ulteriore obiettivo è quello di porre lo studente nella condizione di applicare le nozioni e le metodologie apprese all'analisi delle fonti finalizzata alla ricerca storica.
PrerequisitiNessuno
Metodi didatticiLezioni frontali. Nel corso delle lezioni è previsto anche il coinvolgimento attivo degli studenti attraverso la lettura e commento di fonti scritte.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa prova finale prevede un esame orale della durata di circa 30 minuti. Si intende verificare le conoscenze inserite tra gli obiettivi e i risultati di apprendimento attesi attraverso un esame che prevede domande sui principali problemi trattati nel corso, al fine di verificare: 1. l'apprendimento delle nozioni di base, 2. l'acquisizione di una capacità critica nell'analisi dei problemi 3. l'acquisizione di una capacità critica nell'impiego delle fonti, 4. l'uso della terminologia scientifica appropriata, 5. la capacità di istituire collegamenti fra gli argomenti. In particolare verrà dato il seguente peso alla verifica del predetti raggiungimento degli obiettivi formativi: 1. 30%; 2. 30%; 3. 20%; 4 10%; 5. 10%. La lode verrà assegnata sulla base di una valutazione dell'accuratezza, approfondimento e capacità di elaborazione della risposta.
Programma estesoUnità didattica I. Il Basso Medioevo: questioni metodologiche TESTO B1 C. Wickham, Fonti archeologiche – fonti storiche: un dialogo complesso, in Storia d’Europa e del Mediterraneo, diretta da A. Barbero, IV. Il Medioevo (secoli V-XV), a cura di S. Carocci, IX: Strutture, preminenze, lessici comuni, Roma 2007, pp. 15-49, 35 pp. Unità didattica II Mutazione feudale e incastellamento TESTO B2, A. Barbero, La mutazione feudale Unità didattica III Il decollo economico e demografico TESTO B3, A. Barbero, Il decollo dell’Occidente TESTO B4, G. Petralia, Crescita ed espansione, in Storia Medievale, Roma 1998 (Manuali Donzelli), pp. 291-317 Unità didattica IV Riforma della Chiesa e lotta tra papato e impero TESTO B5, A. Barbero, La riforma della Chiesa TESTO B6, A. Paravicini Bagliani, Il papato da Leone IX a Bonifacio VIII. Centralità e universalità, in Storia d’Europa e del Mediterraneo, diretta da A. Barbero, IV. Il Medioevo (secoli V-XV), a cura di S. Carocci, VIII: Popoli, poteri, dinamiche, Roma 2006, pp. 553-584 Unità didattica V L’origine dei Comuni TESTO B7, A. Barbero, L’origine del Comuni Unità didattica VI Le Crociate TESTO B8, A. Barbero, Le crociate Unità didattica VII Il regime feudale-signorile, la società feudale e la condizione contadina TESTO B9, A. Barbero, Feudo e signoria di banno Unità didattica VIII Dal comune alla Signoria TESTO B10, A. Barbero, Dal comune alla signoria cittadina Unità didattica IX Religiosità popolare, ordini mendicanti, movimenti ereticali TESTO B11, A. Barbero, La vita religiosa Unità didattica X La nascita dell’Università TESTO B12, A. Esch, Le origini dell’università. Il nuovo interesse per l'antico, in Storia d’Europa e del Mediterraneo, diretta da A. Barbero, IV. Il Medioevo (secoli V-XV), a cura di S. Carocci, VIII: Popoli, poteri, dinamiche, Roma 2006, pp. 709-728 Unità didattica XI La crisi del Trecento Testo B13, A. Barbero, La crisi del Trecento Unità didattica XII Lo stato del XIV e XV secolo Testo B14, A. Barbero, La rinascita dello stato
Risultati di apprendimento attesiConoscenza e comprensione: - conoscere le nozioni di base della storia d'Europa durante il periodo trattato - conoscere e comprendere i principali nodi problematici della storia del periodo trattato Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: - saper applicare il metodo appreso all'analisi delle fonti Autonomia di giudizi: - riconoscere collegamenti e influenze reciproche tra gli eventi Abilità comunicative: - sapersi servire in modo coerente e appropriato della specifica terminologia scientifica
Insegnamento mutuante inLETTERE (1722) - L0038 STORIA MEDIEVALE B - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0038 STORIA MEDIEVALE B - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0038 STORIA MEDIEVALE B - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0975 STORIA MEDIEVALE B - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0038 STORIA MEDIEVALE B - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0038 STORIA MEDIEVALE B - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0123 STORIA MEDIEVALE D - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0123 STORIA MEDIEVALE D - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0123 STORIA MEDIEVALE D - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoSTORIA MEDIEVALE E MODERNA 1
CodiceLE0240
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBARBERO Alessandro
DocentiBARBERO Alessandro, TIGRINO Vittorio
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeALESSANDRIA
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LE0241 STORIA MEDIEVALE 1 M-STO/01 - STORIA MEDIEVALE BARBERO Alessandro
LE0242 STORIA MODERNA 1 M-STO/02 - STORIA MODERNA TIGRINO Vittorio
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA MEDIEVALE 1
CodiceLE0241
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBARBERO Alessandro
DocentiBARBERO Alessandro
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-STO/01 - STORIA MEDIEVALE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiI principali problemi del periodo bassomedievale
Testi di riferimentoIl programma d'esame è costituito dalle dispense pubblicate sul DIR.
Obiettivi formativiL’obiettivo primario è far acquisire allo studente una formazione di base nell’ambito della storia medievale (compresa l'analisi delle fonti), al fine di analizzare e comprendere i problemi più importanti della storia d'Europa nel periodo considerato. Un ulteriore obiettivo è quello di porre lo studente nella condizione di applicare le nozioni e le metodologie apprese all'analisi delle fonti finalizzata alla ricerca storica.
PrerequisitiNessuno
Metodi didatticiLezioni frontali. Nel corso delle lezioni è previsto anche il coinvolgimento attivo degli studenti attraverso la lettura e commento di fonti scritte.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa prova finale prevede un esame orale della durata di circa 30 minuti. Si intende verificare le conoscenze inserite tra gli obiettivi e i risultati di apprendimento attesi attraverso un esame che prevede domande sui principali problemi trattati nel corso, al fine di verificare: 1. l'apprendimento delle nozioni di base, 2. l'acquisizione di una capacità critica nell'analisi dei problemi 3. l'acquisizione di una capacità critica nell'impiego delle fonti, 4. l'uso della terminologia scientifica appropriata, 5. la capacità di istituire collegamenti fra gli argomenti. In particolare verrà dato il seguente peso alla verifica del predetti raggiungimento degli obiettivi formativi: 1. 30%; 2. 30%; 3. 20%; 4 10%; 5. 10%. La lode verrà assegnata sulla base di una valutazione dell'accuratezza, approfondimento e capacità di elaborazione della risposta.
Programma estesoUnità didattica I. Il Basso Medioevo: questioni metodologiche TESTO B1 C. Wickham, Fonti archeologiche – fonti storiche: un dialogo complesso, in Storia d’Europa e del Mediterraneo, diretta da A. Barbero, IV. Il Medioevo (secoli V-XV), a cura di S. Carocci, IX: Strutture, preminenze, lessici comuni, Roma 2007, pp. 15-49, 35 pp. Unità didattica II Mutazione feudale e incastellamento TESTO B2, A. Barbero, La mutazione feudale Unità didattica III Il decollo economico e demografico TESTO B3, A. Barbero, Il decollo dell’Occidente TESTO B4, G. Petralia, Crescita ed espansione, in Storia Medievale, Roma 1998 (Manuali Donzelli), pp. 291-317 Unità didattica IV Riforma della Chiesa e lotta tra papato e impero TESTO B5, A. Barbero, La riforma della Chiesa TESTO B6, A. Paravicini Bagliani, Il papato da Leone IX a Bonifacio VIII. Centralità e universalità, in Storia d’Europa e del Mediterraneo, diretta da A. Barbero, IV. Il Medioevo (secoli V-XV), a cura di S. Carocci, VIII: Popoli, poteri, dinamiche, Roma 2006, pp. 553-584 Unità didattica V L’origine dei Comuni TESTO B7, A. Barbero, L’origine del Comuni Unità didattica VI Le Crociate TESTO B8, A. Barbero, Le crociate Unità didattica VII Il regime feudale-signorile, la società feudale e la condizione contadina TESTO B9, A. Barbero, Feudo e signoria di banno Unità didattica VIII Dal comune alla Signoria TESTO B10, A. Barbero, Dal comune alla signoria cittadina Unità didattica IX Religiosità popolare, ordini mendicanti, movimenti ereticali TESTO B11, A. Barbero, La vita religiosa Unità didattica X La nascita dell’Università TESTO B12, A. Esch, Le origini dell’università. Il nuovo interesse per l'antico, in Storia d’Europa e del Mediterraneo, diretta da A. Barbero, IV. Il Medioevo (secoli V-XV), a cura di S. Carocci, VIII: Popoli, poteri, dinamiche, Roma 2006, pp. 709-728 Unità didattica XI La crisi del Trecento Testo B13, A. Barbero, La crisi del Trecento Unità didattica XII Lo stato del XIV e XV secolo Testo B14, A. Barbero, La rinascita dello stato
Risultati di apprendimento attesiConoscenza e comprensione: - conoscere le nozioni di base della storia d'Europa durante il periodo trattato - conoscere e comprendere i principali nodi problematici della storia del periodo trattato Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: - saper applicare il metodo appreso all'analisi delle fonti Autonomia di giudizi: - riconoscere collegamenti e influenze reciproche tra gli eventi Abilità comunicative: - sapersi servire in modo coerente e appropriato della specifica terminologia scientifica
Insegnamento mutuante inLETTERE (1722) - LE0290 STORIA MEDIEVALE 2 - ALESSANDRIA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA MODERNA 1
CodiceLE0242
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoTIGRINO Vittorio
DocentiTIGRINO Vittorio
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-STO/02 - STORIA MODERNA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiLineamenti di storia moderna
Testi di riferimentoPer i frequentanti: -G. Dall'Olio, Storia moderna. I temi e le fonti, Carocci, Roma (qualsiasi edizione); + S. Mosley, Storia globale dell'ambiente, Il Mulino, Bologna, 2013. Per i non frequentanti, oltre ai libri sopra indicati: -R. Bizzocchi, Guida allo studio della storia moderna, Laterza, Roma-Bari (qualsiasi edizione).
Obiettivi formativi• obiettivi - conoscenze e comprensione: Acquisizione e comprensione dei temi e dei problemi della storia dell'Europa moderna e del suo rapporto con il mondo non europeo. • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Saper interpretare criticamente la le fonti e la letteratura sul tema. • obiettivi - espressione di giudizi: Saper valutare ed argomentare le problematiche relative alla storia dell'età moderna, in ambito europeo ed extraeuropeo. • obiettivi - abilità nella comunicazione: Comprendere e trasmettere anche in maniera divulgativa i temi ed i problemi propri del periodo storico analizzato. • obiettivi - capacità di studio: Saper individuare testi e fonti idonee alla ricostruzione storica e alla valutazione dei problemi relativi al periodo storico studiato.
PrerequisitiConoscenze storiche di base fornite dalla scuola superiore
Metodi didatticiLezioni frontali in aula; lettura ed esercitazioni su fonti storiche e lavoro su materiali on-line attraverso il servizio DIR – Didattica In Rete; discussione critica della bibliografia.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame orale, della durata di circa 30 minuti. L’esame avrà esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18/30. Le domande verteranno su temi trattati nella bibliografia, e, per i frequentanti, sugli argomenti discussi durante le lezioni. Si verificherà la capacità dei candidati di integrare le tematiche generali della disciplina, e la capacità di argomentare usando una terminologia appropriata. L'esame è articolato in 4-5 domande e verte sulla bibliografia assegnata, oltre che, per gli studenti frequentanti, sui temi trattati durante le lezioni. Le domande hanno come tema: le principali tematiche della storia moderna, attraverso l'analisi di alcune fonti storiche contenute nella bibliografia (volume di Dall'Olio; per non frequentanti anche volume di Bizzocchi), e della storia ambientale (volume di Mosley). La valutazione della prova d’esame, espressa in trentesimi, avviene sulla base dei seguenti parametri: 1) conoscenza delle nozioni fondamentali dei testi indicati nella bibliografia e, per i frequentanti, degli argomenti affrontati a lezione (20 punti su 30); 2) capacità di ragionamento critico (5 punti su 30) ; 3) capacità di espressione e di utilizzo di un lessico disciplinare corretto (5 punti su 30).
Programma estesoIl corso sarà dedicato ai principali temi della storia politica, culturale, sociale e istituzionale per il periodo che va dalla fine del medioevo alla prima metà dell'Ottocento. Una parte del corso si concentrerà sulla storia dell'ambiente e del paesaggio, mettendo a confronto prospettive di analisi globali e locali. • unità didattica 1: Introduzione al concetto di storia moderna: cronologia, temi e protagonisti. Questionario agli studenti. • unità didattica 2: I quadri generali: demografia, famiglia e società in Antico Regime. • unità didattica 3: I quadri generali: economia, guerre e politica in Antico Regime. • unità didattica 4: L'Antico Regime e il sistema cetuale. Gli emarginati in età moderna.L'occidente non cristiano: ebrei e musulmani nella storia europea di età moderna. • unità didattica 5: Il sistema politico di Antico Regime e le fonti: linguaggi, soggetti e categorie. • unità didattica 6: L'età moderna, le esplorazioni e la mondializzazione della storia. L'espansione europea e la scoperta dell'altro. • unità didattica 7: Politica e istituzioni in Antico Regime. Il dibattito nella dottrina politica e le dinamiche istituzionali. • unità didattica 8: La religione nell'età moderna: dibattiti confessionali e pratica sociale. • unità didattica 9: Le discontinuità della storia moderna: la crisi del Seicento, l'Illuminismo. • unità didattica 10: Le discontinuità della storia moderna: rivoluzioni politiche e tecniche. • unità didattica 11: L'ambiente come oggetto storico: introduzione alla storia ambientale. • unità didattica 12: La caccia e l'uomo: biodiversità e estinzione degli animali in età moderna. • unità didattica 13: La silvicoltura e la sua gestione tra vecchio e nuovo mondo • unità didattica 14: Gli usi del suolo e la storia dell'ambiente globale. • unità didattica 15: Ambiente e città: la grande trasformazione.
Risultati di apprendimento attesiIl corso si propone di fornire le conoscenze sui principali temi della storia politica, culturale, sociale e istituzionale per il periodo che va dalla fine del medioevo alla prima metà dell'Ottocento, e di approfondire poi in particolare il tema della storia dell'ambiente e del paesaggio. Conoscenze: approfondire la conoscenza della cronologia, dei temi e delle categorie proprie del periodo storico dell'età moderna. Inquadrare i problemi generali che riguardano tale epoca (demografici, sociali, culturali, economici, politici). Conoscere l'articolazione e la stratificazione politica del periodo storico analizzato, le differenze religiose, e le dinamiche di espansione europea, così come il processo di mondializzazione della storia. Analizzare le principali congiunture dell'Antico Regime. Conoscere e ragionare il tema della vita materiale e dei suoi aspetti sociali, e quello dell'evoluzione dell'ambiente, anche ad una scala globale. Competenze: Saper analizzare le tematiche generali e più specifiche della storia dell'età moderna, e saperle comunicare correttamente, anche con la padronanza di un lessico scientifico disciplinare corretto. Abilità trasversali: -capacità di sintesi e analisi critica dei temi affrontati dal corso -Capacità di illustrare a specialisti e non specialisti, con corretto utilizzo della terminologia disciplinare, le tematiche storiche trattate e acquisite -capacità di inquadrare ed approfondire autonomamente le tematiche trattate dal corso
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoSTORIA MODERNA
CodiceL1182
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoTORTAROLO Edoardo Elio Flaminio
DocentiTORTAROLO Edoardo Elio Flaminio
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LP041 STORIA MODERNA A M-STO/02 - STORIA MODERNA TORTAROLO Edoardo Elio Flaminio
LP042 STORIA D'EUROPA M-STO/02 - STORIA MODERNA TORTAROLO Edoardo Elio Flaminio
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA MODERNA A
CodiceLP041
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoTORTAROLO Edoardo Elio Flaminio
DocentiTORTAROLO Edoardo Elio Flaminio
CFU6
Ore di lezione36
Ore di studio individuale114
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-STO/02 - STORIA MODERNA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiLa storia moderna dal 1453 al 1815
Testi di riferimentoTesto di riferimento generale: MARCO BELLABARBA, VINCENZO LAVENIA (a cura di), Introduzione alla storia moderna il mulino, 2018; una monografia a scelta tra le seguenti: Davis N. Z., La doppia vita di Leone l'Africano, Laterza 2008; Gerardo Tocchini, Arte e politica nella cultura dei lumi. diderot, Rousseau e la critica dell'antico regime artistico, Carocci, 2016; Garcia-Arenal M., Wingers A., L’uomo dei tre mondi. Storia di Samuel Pallache, ebreo marocchino nell’Europa del Seicento, Viella 2013; Morelli F., Il mondo atlantico. Una storia senza confini secoli XV-XIX, Carocci 2013; Po-Chia Hsia R., Un gesuita nella città proibita Matteo Ricci 1552-1610, il Mulino 2013; Tackett T., In nome del popolo sovrano. Alle origini della rivoluzione francese Carocci 2006; Subrahmanyam S., Mondi connessi. La storia oltre l'eurocentrismo secoli XVI-XVIII, Carocci 2014; Wachtel N., La logica dei roghi, UTET, Torino 2010; Capra C., Gli italiani prima dell'Italia. Un lungo Settecento, dalla fine della Controriforma a Napoleone, Carocci, Roma 2014; Tortarolo E.-Gaddo I., Secolarizzazione e modernità. Un quadro storico, Carocci, Roma 2017; Marco Bellabarba, La giustizia nell’Italia moderna secoli XVI-XVIII, Bari, Laterza 2008; Lucia felici, La Riforma protestante nell'Europa del Cinquecento, Carocci 2016.
Obiettivi formativiConseguire nel corso delle lezioni e attraverso l'apprendimento individuale la capacità di orientarsi nello spazio-tempo della storia moderna individuando gli snodi tematici fondamentali • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Acquisire la capacità di leggere testi e documenti della storia moderna interpretandoli nel loro contesto culturale, sociale e istituzionale • obiettivi - espressione di giudizi: Acquisire la capacità di interpretare temi e problemi della storia moderna con la consapevolezza della storicità dell'interpretazione storica • obiettivi - abilità nella comunicazione: Saper presentare in un breve testo scritto temi e problemi fondamentali della storia moderna con proprietà di linguaggio storiografico e saper rispondere a quesiti specifici sia per iscritto sia oralmente • obiettivi - capacità di studio: Sapere leggere e assimilare criticamente un manuale di storia moderna di livello universitario e avvicinarsi alla letteratura specialistica di testi monografici
PrerequisitiNessuno
Metodi didatticilezioni orali
Altre informazionidiscussione dei metodi per l'insegnamento della storia nella scuola secondaria. CORSO PRE-FIT. Ambito D "METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE" valido ai fini pre-FIT per le classi di concorso: A11, A12, A13, A19, A22, A70, A71, A72, A73, A74, A75, A77, A78, A79, A80, A81, A82, A83, A84, A85
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa verifica consiste 1. in una prova scritta su due domande a risposta aperta (a scelta su tre) da svolgere in classe, in una domanda obbligata a risposta aperta. Ciascuna risposta aperta è valutata sino a 5 punti su 30. Questa parte della prova mira a valutare la preparazione argomentativa dei candidati 2. 10 quesiti a risposta chiusa; per ogni risposta esatta 1/2 su 30. Scopo di questa prova è valutare la capacità di orientamente cronologico dei candidati. 3. Per completare la prova è richiesta una relazione da svolgere a casa di 10.000 caratteri riassuntiva e valutativa di una monografia a scelta tra quelle indicate nella lista della bibliografia. Questa relazione è valutata sino a 10 punti su 30, con la possibilità di assegnare la lode in caso di punteggio pieno ed eccellente relazione sulla monografia. Scopo di questa parte è valutare la capciità di sviluppare un pensiero critico e analitico.
Programma estesoIl corso tratterà dei principali temi della storia moderna politica, economica, sociale e istituzionale dalla fine del medioevo alla rivoluzione francese. • unità didattica 1: introduzione: ordine concettuale in processi convulsi, temporalità intrecciate, ambiti spaziali • unità didattica 2: Cambiamenti e percezione dei cambiamenti in Europa XV-XVI secolo • unità didattica 3: Cultura e istituzioni politico-religiose in Europa • unità didattica 4: Le Indie: le forme imperiali nel XVI secolo • unità didattica 5: La crisi religiosa e Lutero • unità didattica 6: Calvinismo in religione e in politica • unità didattica 7: Controriforma, confessionalizzazione, disciplinamento • unità didattica 8: L'Italia nella prima età moderna • unità didattica 9: Le isole britanniche tra insularità e proiezione all'esterno • unità didattica 10: La Francia nei secoli XVI e XVII • unità didattica 11: La civiltà olandese del Seicento • unità didattica 12: Dallo stato militare-fiscale all'assolutismo e dalla repubblica all'oligarchia in età moderna • unità didattica 13: La crisi del Seicento in Europa e nel mondo • unità didattica 14: Imperi atlantici e schiavismo mondiale • unità didattica 15: Idee e socialità nel Settecento dell'illuminismo • unità didattica 16: La crisi del sistema europeo nella seconda metà del Settecento • unità didattica 17: La rivoluzione francese • unità didattica 18: La prima rivoluzione industriale e la grande divergenza
Risultati di apprendimento attesiFornire una preparazione basata sul pensiero critico e analitico e mettere in condizione di dare giudizi informati sul passato come base per un giudizio sul presente.
Insegnamento mutuato daLETTERE (1722) - LP041 STORIA MODERNA A - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA D'EUROPA
CodiceLP042
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoTORTAROLO Edoardo Elio Flaminio
DocentiTORTAROLO Edoardo Elio Flaminio
CFU6
Ore di lezione36
Ore di studio individuale114
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-STO/02 - STORIA MODERNA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiLA STORIA EUROPEA DELL'800 NEL CONTESTO MONDIALE
Testi di riferimento1. Alberto Mario Banti, L’età contemporanea. Dalle rivoluzioni settecentesche all’imperialismo, Laterza 2012 ed edizioni seguenti 2. Karl Marx - Friedrich Engels, Il Manifesto del Partito Comunista, qualunque edizione, consigliata quella Torino, Einaudi 1998 (con un saggio di Bruno Bongiovanni) 3. Un testo a scelta tra i seguenti: Un testo a scelta tra i seguenti: Baily C., La nascita del mondo moderno 1780-1914, Torino, Einaudi 2007 ed edizioni seguenti, Riall L., Garibaldi. L'invenzione di un eroe, Laterza 2007; Riall L., La rivolta. Bronte 1860, Laterza 2012, Isabella M., Il Risorgimento in esilio, Laterza 2011; Viarengo A., Cavour, Salerno 2011; Burstin H., Antropologia della rivoluzione francese, Laterza 2015; Landes D., Prometeo liberato. Trasformazioni tecnologiche e sviluppo industriale nell'Europa occidentale dal 1750 ai giorni nostri, Einaudi 1978 (ed edizioni successive); Enrico Francia, 1848. La rivoluzione del Risorgimento, il MUlino 2012; Marco Bellabarba, L'impero asburgico, il mulino, Bologna 2014; Rudolf Schloegl, Fede e mondo moderno. La trasformazione del Cristianesimo europeo tra 1750 e 1850, New Digital Press, Palermo 2017.
Obiettivi formativiobiettivi - conoscenze e comprensione: Conseguire nel corso delle lezioni e attraverso l'apprendimento individuale la capacità di orientarsi nello spazio-tempo della storia dell'800 individuando gli snodi tematici fondamentali • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Acquisire la capacità di leggere testi e documenti della storia dell'800 interpretandoli nel loro contesto culturale, sociale e istituzionale • obiettivi - espressione di giudizi: Acquisire la capacità di interpretare temi e problemi della storia moderna con la consapevolezza della storicità dell'interpretazione storica • obiettivi - abilità nella comunicazione: Saper presentare in un breve testo scritto temi e problemi fondamentali della storia moderna con proprietà di linguaggio storiografico e saper rispondere a quesiti specifici sia per iscritto sia oralmente • obiettivi - capacità di studio: Sapere leggere e assimilare criticamente un manuale di storia moderna di livello universitario e avvicinarsi alla letteratura specialistica di testi monografici anche attraverso la mediazione del docente
PrerequisitiNessuno
Metodi didatticiLezioni
Altre informazioniDiscussione sui metodi didattici adatti alla scuola secondaria. CORSO PRE-FIT. Ambito D "METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE" valido ai fini pre-FIT per le classi di concorso: A11, A12, A13, A19, A22, A70, A71, A72, A73, A74, A75, A77, A78, A79, A80, A81, A82, A83, A84, A85.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame consiste 1. in una prova scritta su due domande a risposta aperta (a scelta su tre) da svolgere in classe, in una domanda obbligata a risposta aperta. Ciascuna risposta aperta è valutata sino a 5 punti su 30. 2. 10 quesiti a risposta chiusa; per ogni risposta esatta 1/2 su 30. 3. Per completare la prova è richiesta una relazione da svolgere a casa di 10.000 caratteri riassuntiva e valutativa di una monografia a scelta tra quelle indicate nella lista della bibliografia. Questa relazione è valutata sino a 10 punti su 30, con la possibilità di assegnare la lode in caso di punteggio pieno ed eccellente relazione sulla monografia
Programma estesoUn'ampia panoramica dello svolgimento dei principali problemi ed eventi nel periodo tra 1815 e 1870. • unità didattica 1: presentazione e rivoluzione industriale (Banti, 3-28) • unità didattica 2: rivoluzione francese e l’Europa: la modernità politica della rivoluzione e della controrivoluzione (Banti, 49-101) • unità didattica 3: Napoleone: impero e resistenze (Banti 102-124) • unità didattica 4: l’Europa dopo il 1815 e la Restaurazione (Banti 125-146) • unità didattica 5: le rivoluzione del 1820-31 in Europa e America (Banti 147-164) • unità didattica 6: La questione nazionale in Italia e la diaspora politica (Banti 165-180) • unità didattica 7: La questione sociale. Cartismo e socialismo in Europa (Banti 251-266) • unità didattica 8: Marx il Manifesto • unità didattica 9: il 1848-49 in Europa : aspetti costituzionali e diplomatico-militari • unità didattica 10: il 1848 in Italia • unità didattica 11: il decennio di preparazione in Italia • unità didattica 12: L'unificazione italiana 1859-1870 • unità didattica 13: La Francia nel seconda impero e l'unificazione della Germania • unità didattica 14: La costruzione della democrazia in America • unità didattica 15: Colonialismo e imperialismo nel secondo Ottocento • unità didattica 16: I problemi dell'Italia unita • unità didattica 17: La società di massa della seconda metà dell’800 (Banti, 376-400) • unità didattica 18: La politica europea della modernità: movimento socialista e i partiti politici e sindacali (Banti, 400-433)
Risultati di apprendimento attesiFornire una preparazione basata sul pensiero critico e analitico e mettere in condizione di dare giudizi informati sul passato come base per un giudizio sul presente.
Insegnamento mutuato daLETTERE (1722) - LP042 STORIA D'EUROPA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoSTORIA MODERNA
CodiceL1182
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoTORTAROLO Edoardo Elio Flaminio
DocentiTORTAROLO Edoardo Elio Flaminio
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LP041 STORIA MODERNA A M-STO/02 - STORIA MODERNA TORTAROLO Edoardo Elio Flaminio
LP042 STORIA D'EUROPA M-STO/02 - STORIA MODERNA TORTAROLO Edoardo Elio Flaminio
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA MODERNA A
CodiceLP041
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoTORTAROLO Edoardo Elio Flaminio
DocentiTORTAROLO Edoardo Elio Flaminio
CFU6
Ore di lezione36
Ore di studio individuale114
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-STO/02 - STORIA MODERNA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiLa storia moderna dal 1453 al 1815
Testi di riferimentoTesto di riferimento generale: MARCO BELLABARBA, VINCENZO LAVENIA (a cura di), Introduzione alla storia moderna il mulino, 2018; una monografia a scelta tra le seguenti: Davis N. Z., La doppia vita di Leone l'Africano, Laterza 2008; Gerardo Tocchini, Arte e politica nella cultura dei lumi. diderot, Rousseau e la critica dell'antico regime artistico, Carocci, 2016; Garcia-Arenal M., Wingers A., L’uomo dei tre mondi. Storia di Samuel Pallache, ebreo marocchino nell’Europa del Seicento, Viella 2013; Morelli F., Il mondo atlantico. Una storia senza confini secoli XV-XIX, Carocci 2013; Po-Chia Hsia R., Un gesuita nella città proibita Matteo Ricci 1552-1610, il Mulino 2013; Tackett T., In nome del popolo sovrano. Alle origini della rivoluzione francese Carocci 2006; Subrahmanyam S., Mondi connessi. La storia oltre l'eurocentrismo secoli XVI-XVIII, Carocci 2014; Wachtel N., La logica dei roghi, UTET, Torino 2010; Capra C., Gli italiani prima dell'Italia. Un lungo Settecento, dalla fine della Controriforma a Napoleone, Carocci, Roma 2014; Tortarolo E.-Gaddo I., Secolarizzazione e modernità. Un quadro storico, Carocci, Roma 2017; Marco Bellabarba, La giustizia nell’Italia moderna secoli XVI-XVIII, Bari, Laterza 2008; Lucia felici, La Riforma protestante nell'Europa del Cinquecento, Carocci 2016.
Obiettivi formativiConseguire nel corso delle lezioni e attraverso l'apprendimento individuale la capacità di orientarsi nello spazio-tempo della storia moderna individuando gli snodi tematici fondamentali • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Acquisire la capacità di leggere testi e documenti della storia moderna interpretandoli nel loro contesto culturale, sociale e istituzionale • obiettivi - espressione di giudizi: Acquisire la capacità di interpretare temi e problemi della storia moderna con la consapevolezza della storicità dell'interpretazione storica • obiettivi - abilità nella comunicazione: Saper presentare in un breve testo scritto temi e problemi fondamentali della storia moderna con proprietà di linguaggio storiografico e saper rispondere a quesiti specifici sia per iscritto sia oralmente • obiettivi - capacità di studio: Sapere leggere e assimilare criticamente un manuale di storia moderna di livello universitario e avvicinarsi alla letteratura specialistica di testi monografici
PrerequisitiNessuno
Metodi didatticilezioni orali
Altre informazionidiscussione dei metodi per l'insegnamento della storia nella scuola secondaria. CORSO PRE-FIT. Ambito D "METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE" valido ai fini pre-FIT per le classi di concorso: A11, A12, A13, A19, A22, A70, A71, A72, A73, A74, A75, A77, A78, A79, A80, A81, A82, A83, A84, A85
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa verifica consiste 1. in una prova scritta su due domande a risposta aperta (a scelta su tre) da svolgere in classe, in una domanda obbligata a risposta aperta. Ciascuna risposta aperta è valutata sino a 5 punti su 30. Questa parte della prova mira a valutare la preparazione argomentativa dei candidati 2. 10 quesiti a risposta chiusa; per ogni risposta esatta 1/2 su 30. Scopo di questa prova è valutare la capacità di orientamente cronologico dei candidati. 3. Per completare la prova è richiesta una relazione da svolgere a casa di 10.000 caratteri riassuntiva e valutativa di una monografia a scelta tra quelle indicate nella lista della bibliografia. Questa relazione è valutata sino a 10 punti su 30, con la possibilità di assegnare la lode in caso di punteggio pieno ed eccellente relazione sulla monografia. Scopo di questa parte è valutare la capciità di sviluppare un pensiero critico e analitico.
Programma estesoIl corso tratterà dei principali temi della storia moderna politica, economica, sociale e istituzionale dalla fine del medioevo alla rivoluzione francese. • unità didattica 1: introduzione: ordine concettuale in processi convulsi, temporalità intrecciate, ambiti spaziali • unità didattica 2: Cambiamenti e percezione dei cambiamenti in Europa XV-XVI secolo • unità didattica 3: Cultura e istituzioni politico-religiose in Europa • unità didattica 4: Le Indie: le forme imperiali nel XVI secolo • unità didattica 5: La crisi religiosa e Lutero • unità didattica 6: Calvinismo in religione e in politica • unità didattica 7: Controriforma, confessionalizzazione, disciplinamento • unità didattica 8: L'Italia nella prima età moderna • unità didattica 9: Le isole britanniche tra insularità e proiezione all'esterno • unità didattica 10: La Francia nei secoli XVI e XVII • unità didattica 11: La civiltà olandese del Seicento • unità didattica 12: Dallo stato militare-fiscale all'assolutismo e dalla repubblica all'oligarchia in età moderna • unità didattica 13: La crisi del Seicento in Europa e nel mondo • unità didattica 14: Imperi atlantici e schiavismo mondiale • unità didattica 15: Idee e socialità nel Settecento dell'illuminismo • unità didattica 16: La crisi del sistema europeo nella seconda metà del Settecento • unità didattica 17: La rivoluzione francese • unità didattica 18: La prima rivoluzione industriale e la grande divergenza
Risultati di apprendimento attesiFornire una preparazione basata sul pensiero critico e analitico e mettere in condizione di dare giudizi informati sul passato come base per un giudizio sul presente.
Insegnamento mutuante inLETTERE (1722) - LP041 STORIA MODERNA A - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0030 STORIA MODERNA A - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0030 STORIA MODERNA A - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0030 STORIA MODERNA A - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0030 STORIA MODERNA A - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0030 STORIA MODERNA A - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0030 STORIA MODERNA A - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0030 STORIA MODERNA A - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0030 STORIA MODERNA A - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0030 STORIA MODERNA A - VERCELLI
FILOSOFIA (1777) - L0030 STORIA MODERNA A - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA D'EUROPA
CodiceLP042
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoTORTAROLO Edoardo Elio Flaminio
DocentiTORTAROLO Edoardo Elio Flaminio
CFU6
Ore di lezione36
Ore di studio individuale114
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-STO/02 - STORIA MODERNA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiLA STORIA EUROPEA DELL'800 NEL CONTESTO MONDIALE
Testi di riferimento1. Alberto Mario Banti, L’età contemporanea. Dalle rivoluzioni settecentesche all’imperialismo, Laterza 2012 ed edizioni seguenti 2. Karl Marx - Friedrich Engels, Il Manifesto del Partito Comunista, qualunque edizione, consigliata quella Torino, Einaudi 1998 (con un saggio di Bruno Bongiovanni) 3. Un testo a scelta tra i seguenti: Un testo a scelta tra i seguenti: Baily C., La nascita del mondo moderno 1780-1914, Torino, Einaudi 2007 ed edizioni seguenti, Riall L., Garibaldi. L'invenzione di un eroe, Laterza 2007; Riall L., La rivolta. Bronte 1860, Laterza 2012, Isabella M., Il Risorgimento in esilio, Laterza 2011; Viarengo A., Cavour, Salerno 2011; Burstin H., Antropologia della rivoluzione francese, Laterza 2015; Landes D., Prometeo liberato. Trasformazioni tecnologiche e sviluppo industriale nell'Europa occidentale dal 1750 ai giorni nostri, Einaudi 1978 (ed edizioni successive); Enrico Francia, 1848. La rivoluzione del Risorgimento, il MUlino 2012; Marco Bellabarba, L'impero asburgico, il mulino, Bologna 2014; Rudolf Schloegl, Fede e mondo moderno. La trasformazione del Cristianesimo europeo tra 1750 e 1850, New Digital Press, Palermo 2017.
Obiettivi formativiobiettivi - conoscenze e comprensione: Conseguire nel corso delle lezioni e attraverso l'apprendimento individuale la capacità di orientarsi nello spazio-tempo della storia dell'800 individuando gli snodi tematici fondamentali • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Acquisire la capacità di leggere testi e documenti della storia dell'800 interpretandoli nel loro contesto culturale, sociale e istituzionale • obiettivi - espressione di giudizi: Acquisire la capacità di interpretare temi e problemi della storia moderna con la consapevolezza della storicità dell'interpretazione storica • obiettivi - abilità nella comunicazione: Saper presentare in un breve testo scritto temi e problemi fondamentali della storia moderna con proprietà di linguaggio storiografico e saper rispondere a quesiti specifici sia per iscritto sia oralmente • obiettivi - capacità di studio: Sapere leggere e assimilare criticamente un manuale di storia moderna di livello universitario e avvicinarsi alla letteratura specialistica di testi monografici anche attraverso la mediazione del docente
PrerequisitiNessuno
Metodi didatticiLezioni
Altre informazioniDiscussione sui metodi didattici adatti alla scuola secondaria. CORSO PRE-FIT. Ambito D "METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE" valido ai fini pre-FIT per le classi di concorso: A11, A12, A13, A19, A22, A70, A71, A72, A73, A74, A75, A77, A78, A79, A80, A81, A82, A83, A84, A85.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame consiste 1. in una prova scritta su due domande a risposta aperta (a scelta su tre) da svolgere in classe, in una domanda obbligata a risposta aperta. Ciascuna risposta aperta è valutata sino a 5 punti su 30. 2. 10 quesiti a risposta chiusa; per ogni risposta esatta 1/2 su 30. 3. Per completare la prova è richiesta una relazione da svolgere a casa di 10.000 caratteri riassuntiva e valutativa di una monografia a scelta tra quelle indicate nella lista della bibliografia. Questa relazione è valutata sino a 10 punti su 30, con la possibilità di assegnare la lode in caso di punteggio pieno ed eccellente relazione sulla monografia
Programma estesoUn'ampia panoramica dello svolgimento dei principali problemi ed eventi nel periodo tra 1815 e 1870. • unità didattica 1: presentazione e rivoluzione industriale (Banti, 3-28) • unità didattica 2: rivoluzione francese e l’Europa: la modernità politica della rivoluzione e della controrivoluzione (Banti, 49-101) • unità didattica 3: Napoleone: impero e resistenze (Banti 102-124) • unità didattica 4: l’Europa dopo il 1815 e la Restaurazione (Banti 125-146) • unità didattica 5: le rivoluzione del 1820-31 in Europa e America (Banti 147-164) • unità didattica 6: La questione nazionale in Italia e la diaspora politica (Banti 165-180) • unità didattica 7: La questione sociale. Cartismo e socialismo in Europa (Banti 251-266) • unità didattica 8: Marx il Manifesto • unità didattica 9: il 1848-49 in Europa : aspetti costituzionali e diplomatico-militari • unità didattica 10: il 1848 in Italia • unità didattica 11: il decennio di preparazione in Italia • unità didattica 12: L'unificazione italiana 1859-1870 • unità didattica 13: La Francia nel seconda impero e l'unificazione della Germania • unità didattica 14: La costruzione della democrazia in America • unità didattica 15: Colonialismo e imperialismo nel secondo Ottocento • unità didattica 16: I problemi dell'Italia unita • unità didattica 17: La società di massa della seconda metà dell’800 (Banti, 376-400) • unità didattica 18: La politica europea della modernità: movimento socialista e i partiti politici e sindacali (Banti, 400-433)
Risultati di apprendimento attesiFornire una preparazione basata sul pensiero critico e analitico e mettere in condizione di dare giudizi informati sul passato come base per un giudizio sul presente.
Insegnamento mutuante inLETTERE (1722) - LP042 STORIA D'EUROPA - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0689 STORIA D'EUROPA - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0689 STORIA D'EUROPA - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0689 STORIA D'EUROPA - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0689 STORIA D'EUROPA - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0689 STORIA D'EUROPA - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0689 STORIA D'EUROPA - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0689 STORIA D'EUROPA - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0689 STORIA D'EUROPA - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0689 STORIA D'EUROPA - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0689 STORIA D'EUROPA - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0689 STORIA D'EUROPA - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0689 STORIA D'EUROPA - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0689 STORIA D'EUROPA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoSTORIA SOCIALE DEL PATRIMONIO CULTURALE
CodiceLE0170
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoTORRE Angelo
DocentiTORRE Angelo, TIGRINO Vittorio
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LE0171 STORIA DELLA SOCIETÀ MODERNA M-STO/02 - STORIA MODERNA TORRE Angelo
LE0172 STORIA DEL PATRIMONIO CULTURALE M-STO/02 - STORIA MODERNA TIGRINO Vittorio
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA DELLA SOCIETÀ MODERNA
CodiceLE0171
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoTORRE Angelo
DocentiTORRE Angelo
CFU6
Ore di lezione36
Ore di studio individuale114
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-STO/02 - STORIA MODERNA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiIl corso intende leggere le caratteristiche specifiche della società moderna attraverso il concetto di cultura material. A questo fine prende in esame le diverse metodologie attraverso le quail gli storici, ma anche gli scienziati sociali, si sono accostati a questo concetto, e principalmente: il concetto di civiltà material, gli oggetti comeoccasione per leggere la stratificazione sociale nell’età moderna; il ruolo dei consumi come meccanismo propulsore delle trasformazioni sociali degli ultimo secoli dell’antico regime; la cultura materiale come oggetto specifico di analisi storica
Testi di riferimentoBibliografia di riferimento: A) Cultura materiale e civiltà F. Braudel, Capitalismo e civiltà materiale (secoli XV-XVIII), Torino, Einaudi, 1977(Paris, 1967), pp.127-249; A. Pardailhé - Galabrun, La naissance de l’intime. 3000 foyers parisiens, XVIIe-XVIIIe siècles, Paris, PUF, 1988; R. Sarti, Vita di casa. Abitare, mangiare, vestire nell’Europa moderna, Bari, Laterza, 1999; B) Civiltà materiale e stratificazione sociale D. Roche, Il popolo di Parigi. Cultura popolare e civiltà materiale alla vigilia della rivoluzione, Bologna, Il Mulino 2000 (1981); D. Roche, Il linguaggio della moda, Torino, Einaudi, 1991 (Paris, 1989); D. Roche, Storia delle cose banali, Roma, Editori Riuniti, 2002 (Paris, 1997); C) Civiltà materiale e consumo R. Goldthwaite, Ricchezza e domanda nel mercato dell’arte in Italia dal Trecento al Seicento. La cultura materiale e le origini del consumismo, Miilano, Unicopli, 1995; M. Douglas, Il mondo delle cose: oggetti, valori, consumo, Bologna, Il Mulino, 1998; P. Bourdieu, La distinzione: critica sociale del gusto, Bologna, Il Mulino, 1983; D. Miller, Teoria dello shopping, Roma, Editori Riuniti, 1998. D) Consumo e globalizzazione S. Mintz, Storia dello zucchero: tra politica e cultura, Torino, Einaudi, 1990; R. N. Salaman, Storia sociale della patata, Milano, Garzanti, 1989; J. De Vries, The industrious revolution: consumer behavior and the household economy, 1650 to the present, Cambridge, Cambridge University Press, 2008; M. Carmagnani, Le isole del lusso. Prodotti esotici, nuovi consumi e cultura economica europea, Torino, Utet, 2010; E) Cultura materiale R. Ago, Il gusto delle cose, Una storia degli oggetti nella Roma del Seicento, Roma, Donzelli, 2006; A. Appadurai (a cura di), The social life of things. Commodities in cultural perspective, Cambridge, Cambridge University Press, 1985; T. Mannoni e E. Giannichedda, Archeologia della produzione, Torino, Einaudi, 1996; O. Raggio, Storia di una passione: cultura aristocratica e collezionismo alla fine dell’ancien régime, Venezia, Marsilio, 2000; PROGRAMMA D'ESAME PER STUDENTI NON FREQUENTANTI 1 testo a scelta tra i gruppi A) o B) 1 testo a scelta tra i gruppi C) o D) 1 testo a scelta del gruppo E)
Obiettivi formativiObiettivi –conoscenze e comprensione: Acquisizione e comprensione della possibilità di una analisi storica dei patrimoni culturali. Obiettivi – capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Saper interpretare criticamente la composizione e la genesi storica del patrimonio culturale, anche con applicazione al suo insegnamento Obiettivi – espressione di giudizi: Saper valutare ed argomentare la composizione e le problematiche connesse all'attuale patrimonio culturale Obiettivi – abilità nella comunicazione: Comprendere e trasmettere anche in maniera divulgativa la complessità del patrimonio culturale e della sua storia, e saperla applicare all'insegnamento didattico. obiettivi - capacità di studio: Saper individuare testi e fonti idonee alla ricostruzione storica e alla valutazione del patrimonio culturale.
PrerequisitiConoscenze storiche di base fornite dalla scuola superiore (età moderna e contemporanea)
Metodi didatticilezioni orali; discussione della bibliografia critica; analisi delle metodologie della ricerca storica e delle modalità didattiche di insegnamento della disciplina. Avvio di un lavoro archivistico su determinati aspetti del patrimonio culturale
Altre informazioniGli studenti del corso di laurea magistrale che hanno già sostenuto il corso nel triennio e che intendono reiterarlo sono tenuti a contattare il docente per definire il programma. Il corso è attivato su DIR
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame orale, della durata di circa 30 minuti. L’esame avrà esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18/30. Le domande verteranno su temi trattati nella bibliografia, e, per i frequentanti, sugli argomenti discussi durante le lezioni. Si verificherà la capacità dei candidati di integrare le tematiche generali della disciplina e di argomentare usando una terminologia appropriata. Verrà verificata inoltre la capacità di orientarsi nelle metodologie della ricerca storica e nelle modalità didattiche di insegnamento della disciplina. L'esame è articolato in 4-5 domande e verte sulla bibliografia assegnata, oltre che, per gli studenti frequentanti, sui temi trattati durante le lezioni e l’esercitazione su materiale d’archivio. Le domande hanno come tema: il concetto di civiltà material in età moderna e/o l’importanza della famiglia come dimensione di analisi per la comprensione della cultura material; il ruolo degli oggetti nello studio della stratificazione sociale delle società di antico regime; I principali modelli di analisi sociale della cultura material; il mondo delle cose, la distinzione, il sacrificio; il ruolo del consumo nello studio della cultura material, con particolare riferimento ai nuovi consumi di lusso e alla cosiddetta rivoluzione industriosa; il concetto di “vita sociale delle cose” e di singolarizzazione degli oggetti nello studio della cultura material. La valutazione della prova d’esame, espressa in trentesimi, avviene sulla base dei seguenti parametri: 1) conoscenza delle nozioni fondamentali dei testi indicati nella bibliografia e, per i frequentanti, degli argomenti affrontati a lezione; (20 punti su 30); 2) capacità di ragionamento critico (5 punti su 30) ; 3) capacità di espressione e di utilizzo di un lessico disciplinare corretto (5 punti su 30).
Programma estesoIL corso si concentrerà sui problemi metodologici legati alla analisi della cultura materiale e del mondo degli oggetti nella società moderna. Si approfondiranno in particolare I legami che tale dimensione di analisi ha conconcetti derivati sia dalla cultura storiografica, sia dalle scienze sociali. I temi del corso verranno analizzati costantemente alla luce delle attuali applicazioni nella ricerca e nella metodologia didattica della storia, anche attraverso l'esemplificazione e lo sviluppo di esercizi didattici su material d’archivio fornito dal docente. Il corso si articola nelle seguenti unità didattiche: -1: il concetto di civiltà materiale in Fernand Braudel e nella storiografia economico-sociale degli anni settanta del Novecento -2: Alimentazione e abitazione come fuochi dell’analisi economico-sociale. -3: il concetto di household e le sue implicazioni per l’analisi della cultura materiale (R: Sarti) - I -4: la storia dell’abitazione in r. Sarti – II -5: la storia dell’alimentazione in R. Sarti – III -6: inventari post-mortem conme documenti privilegiati dello studio della cultura materiale: analisi di materiale d’archivio fornitio dal docente -7: Inventari post-mortem e analisi della stratificazione sociale nell’opera di D. Roche -8: dagli inventari post-mortem alla storia della moda, ancora D. Roche -9: I modelli di analisi sociale della cultura materiale: P. Bourdieu e gli oggetti come capitale simbolico -10: ancora I modelli di analisi sociale: frequenza e stratificazione in M. Douglas -11: Il sacrificio e il mondo degli oggetti in D. Miller -12: Il consumo e la rivoluzione dei consumi come chiave interpretativa del mondo degli oggetti: Mc Kendrick -13: consumo e potere: lo zucchero di S.Mintz e la patata di R.Salaman -14: il concetto di singolarizzazione e le analisi culturali del mondo degli oggetti: la collezione. -15: la vita cultural delle cose in Appadurai e Kopitoff -16: il gusto delle cose nella Roma del Seicento, in R. Ago: I beni del corpo e I beni dello spirito - I -17: analisi per genere del mondo degli oggetti in R. Ago - II -18: analisi spaziale del mondo degli oggetti - III
Risultati di apprendimento attesiIl corso si propone di approfondire il concetto di cultura materiale, e le sue variazioni in tempi e in contesti diversi (con una particolare attenzione al caso italiano), ed approfondisce il legame che le collezioni di oggetti hanno con la storia della civiltà materiale, derlla struttura familiare, delle dinamiche di consumo e delle dinamiche di singolarizzazione degli oggetti che sono alla base delle attuali interpretazione della collezione come fenomeno culturale e sociale . E' finalizzato inoltre ad approfondire applicazioni nella ricerca e nella metodologia didattica della storia dei temi trattati, anche attraverso lo sviluppo di esercizi didattici. Conoscenze: Inquadrare in maniera generale la cronologia, i temi e le categorie proprie della storia della cultura materiale in età moderna e contemporanea. Inquadrare i problemi generali che riguardano la discussione sulla nozione di cultura materiale. Conoscere la storia della cultura materiale e il suo ruolo nel dibattito contemporaneo. Competenze: Saper analizzare le tematiche generali e più specifiche della storia del patrimonio culturale, e saperle comunicare correttamente, con la padronanza di un lessico scientifico disciplinare corretto, anche con applicazione all'insegnamento della storia. Abilità trasversali: -capacità di sintesi e analisi critica dei temi affrontati dal corso -Capacità di illustrare a specialisti e non specialisti, con corretto utilizzo della terminologia disciplinare, le tematiche storiche trattate e acquisite -capacità di inquadrare ed approfondire autonomamente le tematiche trattate dal corso -capacità di approfondire le conoscenze teoriche e metodologiche nell’ambito delle discipline storiche in generale, e sui temi della cultura materiale in particolare.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA DEL PATRIMONIO CULTURALE
CodiceLE0172
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoTIGRINO Vittorio
DocentiTIGRINO Vittorio
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-STO/02 - STORIA MODERNA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiLA STORIA DEL PATRIMONIO CULTURALE: LA STORIA DEGLI OGGETTI E LA DISCUSSIONE SCIENTIFICA INTORNO AL CONCETTO DI PATRIMONIO, DALLA SCALA LOCALE A QUELLA GLOBALE
Testi di riferimentoFrequentanti: -Carlo Tosco, I beni culturali. Storia, tutela e valorizzazione, Il Mulino, Bologna, 2014. -K. Pomian, Collezione, in Enciclopedia Einaudi, Torino 1978, vol. III (Città-Cosmologie), pp. 330-364. -K. Pomian, Collezioni: una tipologia storica, in Id., Dalle sacre reliquie all’arte moderna. Venezia-Chicago dal XIII al XX secolo, Milano, il Saggiatore, 2004, pp. 295-317. -Consumi culturali nell'Italia moderna, a cura di R. Ago, O. Raggio (numero monografico della rivista “Quaderni Storici”, 115, n. 1, a. 2004): Premessa, pp. 3-10; R. Ago, "Così si volta questa ruota di parole": biblioteche e lettori nella Roma del Seicento, pp. 119-138; il saggio di O. Raggio, Variazioni sul gusto francese. Consumi di cultura a Genova nel Settecento, pp. 161-194. -Forum: Restituzione resti umani, in «Museologia scientifca», nuova serie, 5/1-2 (2011), pp. 8-52 (premessa e 3 articoli). -J. Clifford, I frutti puri impazziscono. Etnografia, letteratura e arte nel XX secolo, Bollati Boringhieri, Torino, 1993: il saggio “Storie del tribale e del moderno”, pp. 221-248 -J. Clifford, Strade. Viaggio e traduzione alla fine del secolo XX, Bollati Boringhieri, Torino, 1999, il saggio “Quattro musei della costa nord-occidentale: riflessioni di viaggio”. -L. Piccioni, La natura come mestiere. Tre generazioni di guardiaparco in Abruzzo, in «Quaderni storici», n. 157 (2018). Per gli studenti non frequentanti - oltre ai testi sopra indicati: S. Mosley, Storia globale dell'ambiente, Il Mulino, Bologna, 2013, pp. 7-86 e 173-177 (ovvero capitoli I, II, III e VI).
Obiettivi formativiIl corso si propone di approfondire il concetto di patrimonio culturale, e le sue variazioni in tempi e in contesti diversi, ed approfondisce il legame che le collezioni di oggetti hanno con la storia del patrimonio culturale, e con molte discipline (storia, storia dell'arte, scienze naturali, antropologia); introduce inoltre alle tematiche dei “consumi culturali”, del rapporto tra “culture” e patrimonializzazione e della definizione dell’ambiente come elemento del patrimonio culturale globale. - conoscenze e comprensione: Essere in grado di comprendere la genesi storica del patrimonio culturale. - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: essere in grado di leggere criticamente la storiografia relativa al patrimonio culturale. - espressione di giudizi: essere in grado di valutare ed argomentare le dinamiche connesse alla genesi del patrimonio culturale, e a quella degli oggetti che oggi lo compongono (ad es. le collezioni; le culture; la natura;.). - abilità nella comunicazione: essere in grado di trasmettere, anche in maniera divulgativa ma con una terminologia scientifica appropriata, la specificità del patrimonio culturale come un oggetto storico. - capacità di studio: essere in grado di valutare e utilizzare testi e fonti idonee alla analisi storica del patrimonio culturale.
PrerequisitiConoscenze storiche di base fornite dalla scuola superiore (età moderna e contemporanea)
Metodi didatticiLezioni orali frontali e lettura in forma seminariale, sotto la guida del docente, della bibliografia, delle metodologie della ricerca storica, e delle fonti utilizzate nei testi.
Altre informazioniIl corso è attivato su DIR CORSO PRE-FIT. Ambito D "METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE" valido ai fini pre-FIT per le classi di concorso: A11, A12, A13, A19, A22, A70, A71, A72, A73, A74, A75, A77, A78, A79, A80, A81, A82, A83, A84, A85.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame orale, della durata di circa 30 minuti. Le domande mirano a valutare la capacità dello studente di contestualizzare i temi appresi nel tempo e nello spazio, l’acquisizione di una visione organica dei temi affrontati e la capacità di tradurli in una esposizione coerente e corretta, anche dal punto di vista della padronanza del linguaggio scientifico, e la capacità di elaborazione critica personale delle tematiche trattate, e di orientamento all’interno delle metodologie della ricerca storica. L'esame è articolato in 4-5 domande e verte sulla bibliografia assegnata, oltre che, per gli studenti frequentanti, sui temi approfonditi durante le lezioni. Le domande hanno come tema: le principali tematiche della storia del patrimonio (volume di Tosco), e gli approfondimenti che riguardano la storia dei consumi culturali, il dibattito sul concetto di cultura rispetto alla gestione degli oggetti del patrimonio, e il tema dell’ambiente come elemento del patrimonio (si vedano gli altri testi della bibliografia, che per i non frequentanti prevede anche le parti indicate del volume di Mosley). La valutazione della prova d’esame, espressa in trentesimi, avviene sulla base dei seguenti parametri: 1) conoscenza delle nozioni fondamentali dei testi indicati nella bibliografia e, per i frequentanti, degli argomenti affrontati a lezione (20 punti su 30); 2) capacità di ragionamento critico sui temi trattati (5 punti su 30) ; 3) capacità di espressione e di utilizzo di un lessico disciplinare corretto (5 punti su 30). L’esame avrà esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18/30. Sarà valutata come eccellente una prova che dimostri: una conoscenza puntuale e organica dei temi affrontati, articolate capacità di sintesi e di critica; ottima padronanza espressiva. Sarà valutata come discreta una prova che dimostri: una conoscenza non del tutto organica e non puntualmente critica delle tematiche trattate, e l’utilizzo di un linguaggio corretto ma non completamente appropriato. Sarà valutata come sufficiente una prova che dimostri: conoscenze di base del programma che non vada oltre la sintetica presentazione dei temi, l’incapacità di formulare osservazioni critiche personali, e l’uso di un linguaggio non del tutto corretto e appropriato. Sarà valutata come insufficiente una prova che dimostri: evidenti lacune nello studio, incapacità di orientarsi all'interno delle tematiche trattate dal programma e uso di un linguaggio scorretto e inappropriato.
Programma estesoIl corso si concentrerà sulla definizione del termine "patrimonio culturale", e sulle sue variazioni in tempi e in contesti diversi (una parte sarà dedicata alla discussione attuale in Italia). Sarà approfondito in particolare il legame che le collezioni di oggetti hanno con la storia del patrimonio culturale, e con molte discipline (storia, storia dell'arte, scienze naturali, antropologia). Una parte del corso si concentrerà sulla storia dell'ambiente e del paesaggio. I temi del corso verranno analizzati costantemente alla luce delle attuali applicazioni nella ricerca e nella metodologia didattica della storia, anche attraverso l'esemplificazione e lo sviluppo di esercizi didattici. • unità didattica 1: Il concetto di Patrimonio culturale. • unità didattica 2: Il concetto di collezione e quello di patrimonio: un approccio storico - prima parte • unità didattica 3: Il concetto di collezione e quello di patrimonio: un approccio storico - seconda parte • unità didattica 4: La storia del patrimonio e della tutela: I. Dalla dimensione del sacro ai primi interventi di tutela nella civiltà romana. • unità didattica 5: La storia del patrimonio e della tutela: II. Dal Medioevo alla Rivoluzione francese. • unità didattica 6: La storia del patrimonio e della tutela: III. L'Ottocento. • unità didattica 7: La storia del patrimonio e della tutela: IV. Il Novecento: dal concetto di monumento a quello di patrimonio culturale. • unità didattica 8: La tutela e i suoi strumenti. • unità didattica 9: Il dibattito sul concetto di valorizzazione. • unità didattica 10: I “consumi culturali” nel passato: prima parte. • unità didattica 11: I “consumi culturali” nel passato: prima parte. • unità didattica 12: Il concetto di cultura e la sua patrimonializzazione: prima parte. • unità didattica 13: Il concetto di cultura e la sua patrimonializzazione: prima parte. • unità didattica 14: La natura come patrimonio: dal paesaggio all'ambiente (prima parte). • unità didattica 15: La natura come patrimonio: dal paesaggio all'ambiente (seconda parte).
Risultati di apprendimento attesiAl fine di raggiungere le conoscenze e le competenze corrispondenti al livello minimo di sufficienza, allo studente si chiede di dimostrare: CONOSCENZE: -Conoscere la cronologia, i temi e le categorie proprie della storia del patrimonio culturale in età moderna e contemporanea, e le sue implicazioni interdisciplinari. -Conoscere i problemi generali che riguardano la discussione sulla nozione di patrimonio culturale, e le dinamiche della tutela e della valorizzazione. -Conoscere i tratti generali delle discussioni storiografiche sui temi dei “consumi culturali”, del rapporto tra “culture” e patrimonializzazione e della definizione dell’ambiente come elemento del patrimonio culturale globale. COMPETENZE: Saper analizzare le tematiche generali e più specifiche della storia del patrimonio culturale in modo critico. ABILITA’ TRASVERSALI: -saper presentare in modo chiaro ed efficace conoscenze ed opinioni sui temi trattati dal corso, ed utilizzare forme di comunicazione corretta con la padronanza di un lessico scientifico disciplinare corretto. Per il conseguimento di un livello avanzato, lo studente deve dimostrare inoltre di possedere: -Una visione organica e chiara dei temi affrontati dal corso; -capacità di inquadrare ed approfondire autonomamente le tematiche trattate dal corso; -capacità di approfondire le conoscenze teoriche e metodologiche nell’ambito delle discipline storiche in generale, e sui temi del patrimonio in particolare.
Insegnamento mutuato daFILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - LE0115 STORIA DEL PATRIMONIO CULTURALE - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoANTROPOLOGIA CULTURALE A
CodiceL0109
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoSCARDUELLI Pietro Giuseppe Tomaso
DocentiSCARDUELLI Pietro Giuseppe Tomaso
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-DEA/01 - DISCIPLINE DEMOETNOANTROPOLOGICHE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoC - Affine o integrativo
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiIl corso introduce agli sviluppi dell'antropologia negli ultimi decenni e alle nuove tematiche affrontate: globalizzazione, glocal, migrazioni e flussi umani, multietnicità urbana, etnonazionalismi, deterritorializzazione culturale, turismo di massa, neo-tribalismo urbano, mercificazione e conumo dell'esotico.
Testi di riferimentoP.Scarduelli, Antropologia del nazionalismo, Mimesis P.Scarduelli, Per un'antropologia del XXI secolo, Squilibri u scelta in una lista di libri che verrà comunicata
Obiettivi formativiAcquisire conoscenze di base attinenti alla disciplina, in particolare in relazione ai suoi sviluppi teorici degli ultimi decenni, Acquisire la capacità di esporre dati e teorie in modo adeguato, appropriato e fluido utilizzando il lessico della disciplina.
PrerequisitiNon richiesti.
Metodi didatticiEsposizione dei temi attraverso lezioni frontali.
Altre informazioniSi raccomanda vivamente la presenza alle lezioni CORSO PRE-FIT. Ambito C "ANTROPOLOGIA" valido ai fini pre-FIT per tutte le classi di concorso.
Modalità di verifica dell'apprendimentoProve finali orali
Programma estesoAlcune lezioni introduttive alla disciplina. Presentazione dei temi trattati nel corso. Trattazione teorica dell'etnicità Trattazione teorica del nazionalismo. Migrazioni e flussi umani Città multietniche Neotribalismo Consumo dell'esotico
Risultati di apprendimento attesiAcquisizione degli obiettivi precedentemente indicati.
Insegnamento mutuato daFILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0109 ANTROPOLOGIA CULTURALE A - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoANTROPOLOGIA CULTURALE B
CodiceL0110
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoSCARDUELLI Pietro Giuseppe Tomaso
DocentiSCARDUELLI Pietro Giuseppe Tomaso
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-DEA/01 - DISCIPLINE DEMOETNOANTROPOLOGICHE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoC - Affine o integrativo
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiUn aspetto specifico delle pratiche religiose è costituito dal ruolo svolto dagli oggetti considerati sacri: corpi, sostanze, statue, feticci, immagini. La dimensione materiale del culto, a lungo sottovalutata, è invece importante per uno studio antropologico delle pratiche religiose perché gli oggetti venerati orientano e plasmano i comportamenti dei credenti nel corso dei rituali e suscitano stati d'animo ed emozioni. Nel corso verranno presi in esame le basi neurologiche delle credenze che attribuiscono vita e capacità di agire a questi oggetti, le principali teorie antropologiche sul ruolo degli oggetti sacri e, attraverso esempi etnografici, le specifiche caratteristiche di oggetti e spazi sacri.
Testi di riferimento1) Fabietti, Materia sacra, Cortina, Milano. 2) due a scelta fra: Scarduelli, I riti del potere, Carocci, Roma; Severi, L'oggetto-persona, Einaudi, Torino; Boyer, E l'uomo creò gli dei, Odoya, Bologna; Scheid, Quando fare è credere. I riti sacrificali dei Romani, Einaudi, Torino; Ehrenreich, Riti di sangue, Feltrinelli, Milano; Favole, Resti di umanità, Laterza,Roma; Brivio, Il vodu in Africa, Viella, Roma; Vernant, Mito e religione nella Grecia antica, Donzelli, Roma.
Obiettivi formativiAcquisire competenze in un settore specifico dell'antropologia sia a livello di materiale etnografico che di teorie esplicative. Acquisire la capacità di esporre le diverse teorie in modo fluido e articolato, con un linguaggio appropriato e preciso, utilizzando il lessico tecnico della disciplina. Comprendere la specificità dell'approccio antropologico e l'importanza dell'antropologia in un campo di studi interdisciplinare come quello delle religioni.
PrerequisitiNot requested
Metodi didatticiLezioni frontali.
Altre informazioniFrequenza richiesta CORSO PRE-FIT. Ambito C "ANTROPOLOGIA" valido ai fini pre-FIT per tutte le classi di concorso.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame finale orale
Programma estesoLa nozione di agency: caratteristiche e applicazioni nei campi dell'antropologia economica, dell'arte e religiosa. La teoria di A. Gell sul 'potere' degli oggetti estetici. La teoria di Boyer sulle origini evolutive e neurologiche delle credenze nell'animismo e dell'antropomorfismo. Il ruolo dell'autorità nella religione. Il ruolo della violenza nella religione. Il sacrificio. Esempi etnografici di culto di oggetti sacri e immagini. Analisi delle visioni religiose.
Risultati di apprendimento attesiIl raggiungimento di un livello di competenze teoriche, tecniche ed etnografiche tale da consentire allo studente di svolgere autonomamente ricerche bibliografiche attinenti alla stesura di una tesi triennale
Insegnamento mutuato daFILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0110 ANTROPOLOGIA CULTURALE B - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoARCHEOLOGIA E STORIA DELL'ARTE GRECA E ROMANA 1
CodiceLE0263
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoZOPPI Carlo
DocentiZOPPI Carlo
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-ANT/07 - ARCHEOLOGIA CLASSICA
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
SedeALESSANDRIA
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiFONDAMENTI DI ARCHEOLOGIA E STORIA DELL'ARTE GRECA E ROMANA
Testi di riferimento- J. Boardman (a cura di), Storia Oxford dell’arte classica, Roma-Bari, Laterza, 2014, pp. 1-295. Gli studenti non frequentanti dovranno integrare il programma di esame con uno dei seguenti volumi: - G.F. La Torre, Sicilia e Magna Grecia. Archeologia della colonizzazione greca d’Occidente, Roma-Bari 2011; - A.M. Riccomini, La scultura, Roma, Carocci, 2014; - A.M. Riccomini, Il ritratto, Roma, Carocci, 2015.
Obiettivi formativiL’insegnamento intende fornire le conoscenze di base relative alla storia dell’architettura e dell’arte greca e romana nonché permettere l’acquisizione delle capacità di comprensione e contestualizzazione dei documenti archeologici.
PrerequisitiConoscenza di base della storia greca e romana.
Metodi didatticiLezioni frontali.
Altre informazioniE' consigliata la frequenza.
Modalità di verifica dell'apprendimentoAl termine del corso è prevista una prova di valutazione sotto forma di esame orale, della durata minima di venti minuti, tendente a verificare il raggiungimento degli obiettivi formativi tramite: 1. Riconoscimento delle immagini del manuale prescelto; 2. Capacità descrittiva delle stesse; 3. Capacità di mettere in relazione le opere con i contesti culturali, artistici e architettonici del periodo di riferimento; 4. Conoscenza dei codici figurativi e rappresentativi; 5. Possesso della terminologia specifica della disciplina. In particolare verrà dato il seguente peso alla verifica del raggiungimento degli obiettivi formativi: 1. 20%; 2. 20%; 3. 40%; 4. 10%; 5. 10 %.
Programma estesoFondamenti di architettura e arte greca e romana. Templi, santuari, scultura e ceramica.
Risultati di apprendimento attesi1. Conoscenza e comprensione: conoscere le nozioni fondamentali affrontate nel corso; comprendere la terminologia propria della storia dell’arte greca e romana. 2. Capacità di applicare conoscenza e comprensione: saper individuare i diversi stili propri dell’arte greca e romana; saper valutare il perché dell’impiego di un particolare stile, immagine e planimetria nei diversi periodi e nelle diverse aree geografiche in cui si articolano l’arte greca e romana. 3. Autonomia di giudizio: saper approfondire tematiche di storia dell’arte greca e romana partendo dalle basi teoriche acquisite durante le lezioni. 4. Abilità comunicative: saper esprimere le proprie conoscenze utilizzando una terminologia appropriata. 5. Capacità di apprendimento: capacità di comprendere e valutare testi riguardanti la cultura architettonica e figurativa del mondo greco e romano.
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoARCHEOLOGIA E STORIA DELL'ARTE GRECA E ROMANA B
CodiceL0072
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoZOPPI Carlo
DocentiZOPPI Carlo
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-ANT/07 - ARCHEOLOGIA CLASSICA
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiSELINUNTE. UNA POLIS DELLA SICILIA GRECA
Testi di riferimentoS. Tusa (a cura di), Selinunte, Roma, L'Erma, 2010; F.G. La Torre, Sicilia e Magna Grecia. Archeologia della colonizzazionegreca d'Occidente, Roma-Bari, Laterza, 2011. Gli studenti non frequentanti dovranno integrare il programma di esame con uno dei seguenti volumi: - M. Torelli, Dei e artigiani. Archeologia delle colonie greche di Occidente, Roma-Bari, Laterza, 2011; - M. Congiu, Gela. Topografia e sviluppo urbano, Caltanissetta, Sciascia Editore, 2015; - T. Ismaelli, Archeologia del culto a Gela. Il santuario del Predio Sola, Bari, Edipuglia, 2011.
Obiettivi formativiL’insegnamento intende fornire le conoscenze di base relative alla storia dell’architettura e dell’arte greca di Occidente nonché permettere l’acquisizione delle capacità di comprensione e contestualizzazione dei documenti archeologici.
PrerequisitiConoscenza di base della storia greca.
Metodi didatticiLezioni frontali.
Altre informazioniE' consigliata la frequenza.
Modalità di verifica dell'apprendimentoAl termine del corso è prevista una prova di valutazione sotto forma di esame orale, della durata minima di venti minuti, tendente a verificare il raggiungimento degli obiettivi formativi tramite: 1. Riconoscimento delle immagini del manuale prescelto; 2. Capacità descrittiva delle stesse; 3. Capacità di mettere in relazione le opere con i contesti culturali, artistici e architettonici del periodo di riferimento; 4. Conoscenza dei codici figurativi e rappresentativi; 5. Possesso della terminologia specifica della disciplina. In particolare verrà dato il seguente peso alla verifica del raggiungimento degli obiettivi formativi: 1. 20%; 2. 20%; 3. 40%; 4. 10%; 5. 10 %.
Programma estesoFondamenti di architettura e arte della Magna Grecia e della Sicilia. Templi, santuari, scultura e ceramica.
Risultati di apprendimento attesi1. Conoscenza e comprensione: conoscere le nozioni fondamentali affrontate nel corso; comprendere la terminologia propria della storia dell’arte greca. 2. Capacità di applicare conoscenza e comprensione: saper individuare i diversi stili propri dell’arte della Grecia di Occidente; saper valutare il perché dell’impiego di un particolare stile, immagine e planimetria nei diversi periodi e nelle diverse aree geografiche in cui si articola l’arte greca. 3. Autonomia di giudizio: saper approfondire tematiche di storia dell’arte greca in Occidente partendo dalle basi teoriche acquisite durante le lezioni. 4. Abilità comunicative: saper esprimere le proprie conoscenze utilizzando una terminologia appropriata. 5. Capacità di apprendimento: capacità di comprendere e valutare testi riguardanti la cultura architettonica e figurativa del mondo magnogreco e siceliota.
Insegnamento mutuante inLETTERE (1722) - L0072 ARCHEOLOGIA E STORIA DELL'ARTE GRECA E ROMANA B - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0072 ARCHEOLOGIA E STORIA DELL'ARTE GRECA E ROMANA B - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L1064 ARCHEOLOGIA E STORIA DELL'ARTE GRECA E ROMANA I M - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L1064 ARCHEOLOGIA E STORIA DELL'ARTE GRECA E ROMANA I M - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoARCHEOLOGIA MEDIEVALE A
CodiceL0140
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2014/2015
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoDESTEFANIS Eleonora
DocentiDESTEFANIS Eleonora
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-ANT/08 - ARCHEOLOGIA CRISTIANA E MEDIEVALE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiFONDAMENTI DI ARCHEOLOGIA MEDIEVALE
Testi di riferimento1. Appunti del corso e cartelle di immagini (su DIR) 2. E. DESTEFANIS, Archeologia dei monasteri altomedievali tra acquisizioni raggiunte e nuove prospettive di ricerca, in "Post-Classical Archaeologies", 1, 2011, pp. 349-382. 3. A. AUGENTI, Archeologia dell’Italia medievale, Roma-Bari 2016. 4. E. GIANNICHEDDA, Archeologia della produzione, in “Archeologia Medievale”, numero speciale (2014), Quarant’anni di archeologia medievale in Italia. La Rivista, i temi, la teoria, i metodi, pp. 75-94. 5. G. BIANCHI, Archeologia della signoria di castello (X-XIII secolo), in “Archeologia Medievale”, numero speciale (2014), Quarant’anni di archeologia medievale in Italia. La Rivista, i temi, la teoria, i metodi, pp. 157-172. Per non frequentanti, in aggiunta ai testi sopracitati: 6. R. SANTANGELI VALENZANI, Edilizia residenziale in Italia nell’altomedioevo, Roma 2011, pp. 33-89; 129-137.
Obiettivi formativiconoscenze e comprensione: acquisizione delle conoscenze di base relative alla storia e alle metodologie della disciplina, ai principali problemi circa lo sviluppo e le trasformazioni in ambito urbano e rurale, le dinamiche nell’organizzazione insediativa, i riti e le pratiche funerarie, le produzioni e i commerci in età altomedievale, con uno sguardo consapevole al dibattito contemporaneo su tali temi. capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: acquisizione della capacità di inquadrare in modo corretto i principali fenomeni trattati durante il corso, tanto in termini cronologici quanto in un più ampio contesto storico, religioso, culturale, nonché di identificare correttamente siti e manufatti. espressione di giudizi: acquisizione della capacità di esprimere giudizi critici sui temi discussi, di vagliare la bibliografia proposta e di discutere, attraverso argomentazioni scientificamente valide, le diverse posizioni storiografiche presentate a lezione e illustrate nelle dispense/saggi previsti nel programma di esame. abilità nella comunicazione: acquisizione della capacità di sintetizzare puntualmente lo stato delle conoscenze su un argomento dato; della capacità di organizzare un ragionamento coerente e di esprimerlo attraverso una presentazione chiara ed argomentata, con consequenzialità logica ed uso della terminologia specifica di base capacità di studio: acquisizione della capacità di organizzare lo studio in maniera coerente, in particolare nel rapporto lezioni/lavoro personale, nel quadro di una rielaborazione dei concetti appresi in aula e della bibliografia di supporto; capacità di individuare i nuclei tematici fondamentali e gestirne così l'assimilazione in modo approfondito e duraturo.
PrerequisitiSi richiede, ai fini della piena comprensione del corso e del superamento dell’esame, una conoscenza di base della storia medievale, sulla scorta di quanto appreso alla scuola superiore, per una corretta contestualizzazione, in primis cronologica, degli argomenti specifici trattati durante il corso.
Metodi didatticiLezioni frontali, visite di studio a Musei e siti, studio individuale. Le visite di studio sono funzionali all’applicazione delle conoscenze acquisite, mediante il contatto diretto con siti e manufatti. Materiali di supporto predisposti dalla docente (dispense) e tutte le immagini di siti e manufatti su cui verte il corso sono disponibili sulla piattaforma DIR. A tale materiale didattico devono far riferimento anche i non frequentanti. Durante le lezioni sono previsti momenti di discussione collettiva sugli argomenti trattati, per agevolare, mediante il coinvolgimento diretto degli studenti, il riconoscimento delle principali tematiche, la riflessione critica e l’acquisizione di adeguate modalità espositive.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame si terrà in forma orale e sarà incentrato sui seguenti punti: 1) verifica delle conoscenze acquisite in merito ai temi affrontati durante il corso, in relazione a specifici fenomeni che caratterizzano la cultura materiale in età medievale (domanda tipo: "quali sono le principali produzioni di età altomedievale?"); 2) verifica della capacità di applicare le conoscenze acquisite e della loro comprensione, mediante la capacità di inquadrare, nello spazio, nel tempo e con riferimento alle adeguate categorie storiche, i principali fenomeni analizzati (domanda tipo: "in cosa consiste il fenomeno delle sepolture urbane, in quale arco cronologico si colloca e perché appare fortemente innovativo rispetto all'età classica?" oppure: "quando si colloca l'incastellamento e qual è l'apporto fornito dall'archeologia medievale alla conoscenza delle cause che conducono allo sviluppo dei castelli?"); 3) verifica della capacità di esprimere giudizi sugli argomenti trattati, attraverso una valutazione critica delle posizioni storiografiche analizzate e della bibliografia prevista nel programma (domanda tipo: "lei ritiene che nel saggio X il problema del cambiamento dei rituali funerari sia analizzato in termini esaustivi?"); 4) verifica della capacità di comunicare efficacemente le nozioni e le argomentazioni apprese e di sintetizzare problemi complessi, andando ai nodi tematici essenziali (domanda tipo: "quali sono, in sintesi, i tratti connotanti della trasformazione urbana nel passaggio all'età medievale?"). Le risposte del candidato, tanto nei contenuti quanto nella formulazione, permetteranno altresì di valutare l'efficacia dello studio messo in atto e la corretta organizzazione del lavoro, soprattutto individuale. La prova consiste in almeno 3 domande (a seconda del tipo di risposta del candidato, più o meno esaustivo ai fini della corretta e completa verifica delle conoscenze e capacità acquisite). Nell'ambito della discussione è previsto il riconoscimento con commento critico di immagini relative a siti/contesti/manufatti analizzati durante il corso. Il voto è espresso in trentesimi e la valutazione avviene secondo i seguenti parametri: 1) Conoscenza e comprensione dei principali concetti e contesti trattati e chiarezza espositiva: 18 punti su 30; 2) capacità di riconoscimento e commento delle immagini proposte, con adeguata contestualizzazione storico-archeologica e storiografica: 6 punti su 30; 3) capacità di istituire autonomamente raccordi tematici e/o metodologici e di impiegare la terminologia propria dell’ambito disciplinare: 6 punti su 30.
Programma estesoIl corso è finalizzato all'apprendimento dei principali temi e metodi della disciplina (trasformazione delle città e delle campagne, dinamiche insediative, architettura e tecniche costruttive, produzioni e commerci, ritualità funeraria e storia della mentalità attraverso la cultura materiale), dalla formazione dei regni romano-germanici ai secoli centrali del medioevo. • unità didattica 1: Introduzione all'archeologia medievale • unità didattica 2: Le città e le loro trasformazioni fino all'età carolingia • unità didattica 3: Le campagne fino all'età carolingia • unità didattica 4: Le città dall'età carolingia ai secoli centrali del medioevo • unità didattica 5: Le campagne dall'età carolingia ai secoli centrali del medioevo; l'incastellamento • unità didattica 6: Produzioni e commerci • unità didattica 7: Ritualità funeraria
Risultati di apprendimento attesiAver acquisito le conoscenze di base relative alla storia e alla metodologia della disciplina, ai principali problemi sulle trasformazioni che riguardano le città e le campagne in età medievale, e in generale a tutti i contenuti del corso; saper riconoscere, attraverso le immagini mostrate in sede di esame, il sito/manufatto e di saperne identificare il contesto di produzione (manufatto) o di costituzione e sviluppo (sito), applicando le conoscenze acquisite; saper presentare, con terminologia appropriata e nel quadro di un discorso corretto e organicamente strutturato, considerazioni pertinenti su manufatti, siti e problematiche attinenti le principali tematiche dell’archeologia medievale, utilizzando gli strumenti metodologici forniti a lezione (per i frequentanti) e avvalendosi delle dispense presenti su DIR e dei saggi previsti nella bibliografia d’esame (per tutti).
Insegnamento mutuato daLETTERE (1722) - L0140 ARCHEOLOGIA MEDIEVALE A - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoARCHEOLOGIA MEDIEVALE A
CodiceL0140
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoDESTEFANIS Eleonora
DocentiDESTEFANIS Eleonora
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-ANT/08 - ARCHEOLOGIA CRISTIANA E MEDIEVALE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiFONDAMENTI DI ARCHEOLOGIA MEDIEVALE
Testi di riferimento1. Appunti del corso e cartelle di immagini (su DIR) 2. E. DESTEFANIS, Archeologia dei monasteri altomedievali tra acquisizioni raggiunte e nuove prospettive di ricerca, in "Post-Classical Archaeologies", 1, 2011, pp. 349-382. 3. A. AUGENTI, Archeologia dell’Italia medievale, Roma-Bari 2016. 4. E. GIANNICHEDDA, Archeologia della produzione, in “Archeologia Medievale”, numero speciale (2014), Quarant’anni di archeologia medievale in Italia. La Rivista, i temi, la teoria, i metodi, pp. 75-94. 5. G. BIANCHI, Archeologia della signoria di castello (X-XIII secolo), in “Archeologia Medievale”, numero speciale (2014), Quarant’anni di archeologia medievale in Italia. La Rivista, i temi, la teoria, i metodi, pp. 157-172. Per non frequentanti, in aggiunta ai testi sopracitati: 6. R. SANTANGELI VALENZANI, Edilizia residenziale in Italia nell’altomedioevo, Roma 2011, pp. 33-89; 129-137.
Obiettivi formativiconoscenze e comprensione: acquisizione delle conoscenze di base relative alla storia e alle metodologie della disciplina, ai principali problemi circa lo sviluppo e le trasformazioni in ambito urbano e rurale, le dinamiche nell’organizzazione insediativa, i riti e le pratiche funerarie, le produzioni e i commerci in età altomedievale, con uno sguardo consapevole al dibattito contemporaneo su tali temi. capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: acquisizione della capacità di inquadrare in modo corretto i principali fenomeni trattati durante il corso, tanto in termini cronologici quanto in un più ampio contesto storico, religioso, culturale, nonché di identificare correttamente siti e manufatti. espressione di giudizi: acquisizione della capacità di esprimere giudizi critici sui temi discussi, di vagliare la bibliografia proposta e di discutere, attraverso argomentazioni scientificamente valide, le diverse posizioni storiografiche presentate a lezione e illustrate nelle dispense/saggi previsti nel programma di esame. abilità nella comunicazione: acquisizione della capacità di sintetizzare puntualmente lo stato delle conoscenze su un argomento dato; della capacità di organizzare un ragionamento coerente e di esprimerlo attraverso una presentazione chiara ed argomentata, con consequenzialità logica ed uso della terminologia specifica di base capacità di studio: acquisizione della capacità di organizzare lo studio in maniera coerente, in particolare nel rapporto lezioni/lavoro personale, nel quadro di una rielaborazione dei concetti appresi in aula e della bibliografia di supporto; capacità di individuare i nuclei tematici fondamentali e gestirne così l'assimilazione in modo approfondito e duraturo.
PrerequisitiSi richiede, ai fini della piena comprensione del corso e del superamento dell’esame, una conoscenza di base della storia medievale, sulla scorta di quanto appreso alla scuola superiore, per una corretta contestualizzazione, in primis cronologica, degli argomenti specifici trattati durante il corso.
Metodi didatticiLezioni frontali, visite di studio a Musei e siti, studio individuale. Le visite di studio sono funzionali all’applicazione delle conoscenze acquisite, mediante il contatto diretto con siti e manufatti. Materiali di supporto predisposti dalla docente (dispense) e tutte le immagini di siti e manufatti su cui verte il corso sono disponibili sulla piattaforma DIR. A tale materiale didattico devono far riferimento anche i non frequentanti. Durante le lezioni sono previsti momenti di discussione collettiva sugli argomenti trattati, per agevolare, mediante il coinvolgimento diretto degli studenti, il riconoscimento delle principali tematiche, la riflessione critica e l’acquisizione di adeguate modalità espositive.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame si terrà in forma orale e sarà incentrato sui seguenti punti: 1) verifica delle conoscenze acquisite in merito ai temi affrontati durante il corso, in relazione a specifici fenomeni che caratterizzano la cultura materiale in età medievale (domanda tipo: "quali sono le principali produzioni di età altomedievale?"); 2) verifica della capacità di applicare le conoscenze acquisite e della loro comprensione, mediante la capacità di inquadrare, nello spazio, nel tempo e con riferimento alle adeguate categorie storiche, i principali fenomeni analizzati (domanda tipo: "in cosa consiste il fenomeno delle sepolture urbane, in quale arco cronologico si colloca e perché appare fortemente innovativo rispetto all'età classica?" oppure: "quando si colloca l'incastellamento e qual è l'apporto fornito dall'archeologia medievale alla conoscenza delle cause che conducono allo sviluppo dei castelli?"); 3) verifica della capacità di esprimere giudizi sugli argomenti trattati, attraverso una valutazione critica delle posizioni storiografiche analizzate e della bibliografia prevista nel programma (domanda tipo: "lei ritiene che nel saggio X il problema del cambiamento dei rituali funerari sia analizzato in termini esaustivi?"); 4) verifica della capacità di comunicare efficacemente le nozioni e le argomentazioni apprese e di sintetizzare problemi complessi, andando ai nodi tematici essenziali (domanda tipo: "quali sono, in sintesi, i tratti connotanti della trasformazione urbana nel passaggio all'età medievale?"). Le risposte del candidato, tanto nei contenuti quanto nella formulazione, permetteranno altresì di valutare l'efficacia dello studio messo in atto e la corretta organizzazione del lavoro, soprattutto individuale. La prova consiste in almeno 3 domande (a seconda del tipo di risposta del candidato, più o meno esaustivo ai fini della corretta e completa verifica delle conoscenze e capacità acquisite). Nell'ambito della discussione è previsto il riconoscimento con commento critico di immagini relative a siti/contesti/manufatti analizzati durante il corso. Il voto è espresso in trentesimi e la valutazione avviene secondo i seguenti parametri: 1) Conoscenza e comprensione dei principali concetti e contesti trattati e chiarezza espositiva: 18 punti su 30; 2) capacità di riconoscimento e commento delle immagini proposte, con adeguata contestualizzazione storico-archeologica e storiografica: 6 punti su 30; 3) capacità di istituire autonomamente raccordi tematici e/o metodologici e di impiegare la terminologia propria dell’ambito disciplinare: 6 punti su 30.
Programma estesoIl corso è finalizzato all'apprendimento dei principali temi e metodi della disciplina (trasformazione delle città e delle campagne, dinamiche insediative, architettura e tecniche costruttive, produzioni e commerci, ritualità funeraria e storia della mentalità attraverso la cultura materiale), dalla formazione dei regni romano-germanici ai secoli centrali del medioevo. • unità didattica 1: Introduzione all'archeologia medievale • unità didattica 2: Le città e le loro trasformazioni fino all'età carolingia • unità didattica 3: Le campagne fino all'età carolingia • unità didattica 4: Le città dall'età carolingia ai secoli centrali del medioevo • unità didattica 5: Le campagne dall'età carolingia ai secoli centrali del medioevo; l'incastellamento • unità didattica 6: Produzioni e commerci • unità didattica 7: Ritualità funeraria
Risultati di apprendimento attesiAver acquisito le conoscenze di base relative alla storia e alla metodologia della disciplina, ai principali problemi sulle trasformazioni che riguardano le città e le campagne in età medievale, e in generale a tutti i contenuti del corso; saper riconoscere, attraverso le immagini mostrate in sede di esame, il sito/manufatto e di saperne identificare il contesto di produzione (manufatto) o di costituzione e sviluppo (sito), applicando le conoscenze acquisite; saper presentare, con terminologia appropriata e nel quadro di un discorso corretto e organicamente strutturato, considerazioni pertinenti su manufatti, siti e problematiche attinenti le principali tematiche dell’archeologia medievale, utilizzando gli strumenti metodologici forniti a lezione (per i frequentanti) e avvalendosi delle dispense presenti su DIR e dei saggi previsti nella bibliografia d’esame (per tutti).
Insegnamento mutuante inLETTERE (1722) - L0140 ARCHEOLOGIA MEDIEVALE A - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0140 ARCHEOLOGIA MEDIEVALE A - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0140 ARCHEOLOGIA MEDIEVALE A - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L1063 ARCHEOLOGIA MEDIEVALE I M - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L1063 ARCHEOLOGIA MEDIEVALE I M - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoARCHEOLOGIA POST-CLASSICA 1
CodiceLE0261
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoDESTEFANIS Eleonora
DocentiDESTEFANIS Eleonora
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-ANT/08 - ARCHEOLOGIA CRISTIANA E MEDIEVALE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
SedeALESSANDRIA
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiFondamenti di archeologia post-classica
Testi di riferimento1) Appunti del corso e cartelle di immagini (su DIR) 2) A. AUGENTI, Archeologia dell’Italia medievale, Roma-Bari 2016. 3) G. BARONE, Cristianesimo e identità europea, in Storia d’Europa e del Mediterraneo, II. Dal medioevo all’età della globalizzazione, dir. A. Barbero, sez. IV, Il medioevo (secoli V-XV), a cura di S. Carocci, vol. VIII, Popoli, poteri e dinamiche, Roma 2006, pp. 63-91. 4) R. SANTANGELI VALENZANI, Edilizia residenziale in Italia nell’altomedioevo, Roma 2011, pp. 15-32. Studenti non frequentanti: 1) Appunti del corso e cartelle di immagini (su DIR) 2) A. AUGENTI, Archeologia dell’Italia medievale, Roma-Bari 2016. 3) F. MARAZZI, Città, territorio ed economia nella tarda antichità, in Storia d’Europa e del Mediterraneo, I. Il mondo tardoantico, dir. A. Barbero, sez. III, L’ecumene romana, a cura di G. Traina, vol. VII, L’impero tardoantico, Roma 2010, pp. 651-696. 4) G. BARONE, Cristianesimo e identità europea, in Storia d’Europa e del Mediterraneo, II. Dal medioevo all’età della globalizzazione, dir. A. Barbero, sez. IV, Il medioevo (secoli V-XV), a cura di S. Carocci, vol. VIII, Popoli, poteri e dinamiche, Roma 2006, pp. 63-91. 4) 5) R. SANTANGELI VALENZANI, Edilizia residenziale in Italia nell’altomedioevo, Roma 2011, pp. 15-32.
Obiettivi formativiconoscenze e comprensione: acquisizione delle conoscenze di base relative alla storia e alle metodologie della disciplina, alle tematiche fondamentali dell’archeologia post-classica, in riferimento alle trasformazioni delle città e delle campagne, allo sviluppo dei poli cultuali, alle produzioni e ai commerci, con uno sguardo consapevole al dibattito contemporaneo su tali temi. capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: acquisizione della capacità di inquadrare in modo corretto i principali fenomeni trattati durante il corso, tanto in termini cronologici quanto in un più ampio contesto storico, religioso, culturale, nonché di identificare correttamente siti e manufatti. espressione di giudizi: acquisizione della capacità di esprimere giudizi critici sui temi discussi, di vagliare la bibliografia proposta e di discutere, attraverso argomentazioni scientificamente valide, le diverse posizioni storiografiche presentate a lezione e illustrate nelle dispense/saggi previsti nel programma di esame. abilità nella comunicazione: acquisizione della capacità di sintetizzare puntualmente lo stato delle conoscenze su un argomento dato; della capacità di organizzare un ragionamento coerente e di esprimerlo attraverso una presentazione chiara ed argomentata, con consequenzialità logica ed uso della terminologia specifica di base capacità di studio: acquisizione della capacità di organizzare lo studio in maniera coerente, in particolare nel rapporto lezioni/lavoro personale, nel quadro di una rielaborazione dei concetti appresi in aula e della bibliografia di supporto; capacità di individuare i nuclei tematici fondamentali e gestirne così l'assimilazione in modo approfondito e duraturo.
PrerequisitiSi richiede, ai fini della piena comprensione del corso e del superamento dell’esame, una conoscenza di base della storia romana, tardoantica e dell’altomedioevo, sulla scorta di quanto appreso alla scuola superiore, per una corretta contestualizzazione, in primis cronologica, degli argomenti specifici trattati durante il corso.
Metodi didatticiLezioni frontali, visite di studio a Musei e siti, studio individuale. Le visite di studio sono funzionali all’applicazione delle conoscenze acquisite, mediante il contatto diretto con siti e manufatti. Materiali di supporto predisposti dalla docente (dispense) e tutte le immagini di siti e manufatti su cui verte il corso sono disponibili sulla piattaforma DIR. A tale materiale didattico devono far riferimento anche i non frequentanti. Durante le lezioni sono previsti momenti di discussione collettiva sugli argomenti trattati, per agevolare, mediante il coinvolgimento diretto degli studenti, il riconoscimento delle principali tematiche, la riflessione critica e l’acquisizione di adeguate modalità espositive.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa prova finale consiste in un esame orale che sarà incentrato sui seguenti punti: 1) verifica delle conoscenze acquisite in merito ai temi affrontati durante il corso, in relazione a specifici fenomeni o contesti che caratterizzano la cultura materiale in età post-classica (domanda tipo: “quali sono le principali caratteristiche dell’edilizia abitativa in età tardoantica?”; “descrivere e commentare il castrum di Montebarro”); 2) verifica della capacità di applicare le conoscenze acquisite e della loro comprensione, mediante la capacità di inquadrare, nello spazio, nel tempo e con riferimento alle adeguate categorie storiche, i principali fenomeni analizzati (domanda tipo: "in quale contesto storico e temporale si colloca la fine delle ville?”); 3) verifica della capacità di esprimere giudizi sugli argomenti trattati, attraverso una valutazione critica delle posizioni storiografiche analizzate e della bibliografia prevista nel programma (domanda tipo: "lei ritiene che nel saggio X il problema delle trasformazioni delle città sia analizzato in termini esaustivi?"); 4) verifica della capacità di comunicare efficacemente le nozioni e le argomentazioni apprese e di sintetizzare problemi complessi, andando ai nodi tematici essenziali (domanda tipo: "quali sono, in sintesi, le funzioni della pieve?"). Le risposte del candidato, tanto nei contenuti quanto nella formulazione, permetteranno altresì di valutare l'efficacia dello studio messo in atto e la corretta organizzazione del lavoro, soprattutto individuale. La prova consiste in almeno 3 domande (a seconda del tipo di risposta del candidato, più o meno esaustivo ai fini della corretta e completa verifica delle conoscenze e capacità acquisite). Nell'ambito della discussione è previsto il riconoscimento con commento critico di immagini relative a siti/contesti/manufatti analizzati durante il corso. Il voto è espresso in trentesimi e la valutazione avviene secondo i seguenti parametri: 1) Conoscenza e comprensione dei principali concetti e contesti trattati e chiarezza espositiva: 18 punti su 30; 2) capacità di riconoscimento e commento delle immagini proposte, con adeguata contestualizzazione storico-archeologica e storiografica: 6 punti su 30; 3) capacità di istituire autonomamente raccordi tematici e/o metodologici e di impiegare la terminologia propria dell’ambito disciplinare: 6 punti su 30.
Programma estesoIl corso è finalizzato a offrire una panoramica generale sui problemi della ricerca archeologica nel periodo post-classico, tra tarda antichità e altomedioevo, con particolare riguardo alla metodologia della ricerca archeologica in tali ambiti e ai principali temi di ricerca: insediamento urbano e rurale, complessi cultuali, produzioni e commerci • unità didattica 1: Introduzione ai problemi dell'archeologia post-classica • unità didattica 2: Metodologia della ricerca archeologica in ambito post-classico • unità didattica 3: Insediamento urbano: problemi generali e casi studio • unità didattica 4: Insediamento rurale: problemi generali e casi studio • unità didattica 5: Complessi cultuali • unità didattica 6: Produzioni e commerci
Risultati di apprendimento attesiAver acquisito le conoscenze di base relative alla storia e alla metodologia della disciplina, ai principali problemi sulle trasformazioni che riguardano le città e le campagne in età post-classica, e in generale a tutti i contenuti del corso; saper riconoscere, attraverso le immagini mostrate in sede di esame, il sito/manufatto e di saperne identificare il contesto di produzione (manufatto) o di costituzione e sviluppo (sito), applicando le conoscenze acquisite; saper presentare, con terminologia appropriata e nel quadro di un discorso corretto e organicamente strutturato, considerazioni pertinenti su manufatti, siti e problematiche attinenti le principali tematiche dell’archeologia dell’età post-classica, utilizzando gli strumenti metodologici forniti a lezione (per i frequentanti) e avvalendosi delle dispense presenti su DIR e dei saggi previsti nella bibliografia d’esame (per tutti).
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoARCHEOLOGIA TARDOANTICA
CodiceL0073
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2014/2015
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoDESTEFANIS Eleonora
DocentiDESTEFANIS Eleonora
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-ANT/08 - ARCHEOLOGIA CRISTIANA E MEDIEVALE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiFondamenti di archeologia tardoantica
Testi di riferimento1) "Appunti del corso" e cartelle di immagini (su DIR) 2) V. FIOCCHI NICOLAI, Le catacombe cristiane: origini e sviluppo, in Aurea Roma. Dalla città pagana alla città cristiana, Catalogo della mostra (Roma 22 dicembre 2000-20 aprile 2001), a cura di E. Ensoli e E. La Rocca, Roma 2000, pp. 301-308. 3) R. SANTANGELI VALENZANI, Edilizia residenziale in Italia nell’altomedioevo, Roma 2011, pp. 15-32. 4) F. GUIDOBALDI, Architettura paleocristiana, in Lezioni di Archeologia Cristiana, a cura di F. Bisconti e O. Brandt, Città del Vaticano 2014, pp. 361-443. 5) G. CANTINO WATAGHIN, La città nell’Occidente tardoantico: riflessione sui modelli di lettura della documentazione archeologica, in Trent’anni di studi sulla tarda antichità: bilanci e prospettive, Atti del convegno internazionale (Napoli, 21-23 novembre 2007), a cura di U. Criscuolo e L. De Giovanni, Napoli 2009, pp. 61-76. Studenti non frequentanti: 1) "Appunti del corso" e cartelle di immagini (su DIR) 2) V. FIOCCHI NICOLAI, Le catacombe cristiane: origini e sviluppo, in Aurea Roma. Dalla città pagana alla città cristiana, Catalogo della mostra (Roma 22 dicembre 2000-20 aprile 2001), a cura di E. Ensoli e E. La Rocca, Roma 2000, pp. 301-308. 3) R. SANTANGELI VALENZANI, Edilizia residenziale in Italia nell’altomedioevo, Roma 2011, pp. 15-32. 4) F. GUIDOBALDI, Architettura paleocristiana, in Lezioni di Archeologia Cristiana, a cura di F. Bisconti e O. Brandt, Città del Vaticano 2014, pp. 361-443. 5) A. CHAVARRIA ARNAU, Archeologia delle chiese. Dalle origini all’anno Mille, Roma 2009, pp. 23-38; 47-98.
Obiettivi formativiconoscenze e comprensione: acquisizione delle conoscenze di base relative alla storia e alle metodologie della disciplina, alle tematiche fondamentali dell’archeologia tardoantica, in riferimento alle trasformazioni delle città e delle campagne, alla cristianizzazione e alle evidenze materiali connesse a tale processo, all’iconografia, con uno sguardo consapevole al dibattito contemporaneo su tali temi. capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: acquisizione della capacità di inquadrare in modo corretto i principali fenomeni trattati durante il corso, tanto in termini cronologici quanto in un più ampio contesto storico, religioso, culturale, nonché di identificare correttamente siti e manufatti. espressione di giudizi: acquisizione della capacità di esprimere giudizi critici sui temi discussi, di vagliare la bibliografia proposta e di discutere, attraverso argomentazioni scientificamente valide, le diverse posizioni storiografiche presentate a lezione e illustrate nelle dispense/saggi previsti nel programma di esame. abilità nella comunicazione: acquisizione della capacità di sintetizzare puntualmente lo stato delle conoscenze su un argomento dato; della capacità di organizzare un ragionamento coerente e di esprimerlo attraverso una presentazione chiara ed argomentata, con consequenzialità logica ed uso della terminologia specifica di base capacità di studio: acquisizione della capacità di organizzare lo studio in maniera coerente, in particolare nel rapporto lezioni/lavoro personale, nel quadro di una rielaborazione dei concetti appresi in aula e della bibliografia di supporto; capacità di individuare i nuclei tematici fondamentali e gestirne così l'assimilazione in modo approfondito e duraturo.
PrerequisitiSi richiede, ai fini della piena comprensione del corso e del superamento dell’esame, una conoscenza di base della storia romana e tardoantica, sulla scorta di quanto appreso alla scuola superiore, per una corretta contestualizzazione, in primis cronologica, degli argomenti specifici trattati durante il corso.
Metodi didatticiLezioni frontali, visite di studio a Musei e siti, studio individuale. Le visite di studio sono funzionali all’applicazione delle conoscenze acquisite, mediante il contatto diretto con siti e manufatti. Materiali di supporto predisposti dalla docente (dispense) e tutte le immagini di siti e manufatti su cui verte il corso sono disponibili sulla piattaforma DIR. A tale materiale didattico devono far riferimento anche i non frequentanti. Durante le lezioni sono previsti momenti di discussione collettiva sugli argomenti trattati, per agevolare, mediante il coinvolgimento diretto degli studenti, il riconoscimento delle principali tematiche, la riflessione critica e l’acquisizione di adeguate modalità espositive.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame si terrà in forma orale e sarà incentrato sui seguenti punti: 1) verifica delle conoscenze acquisite in merito ai temi affrontati durante il corso, in relazione a specifici fenomeni o contesti che caratterizzano la cultura materiale in età tardoantica (domanda tipo: “quali sono le principali caratteristiche dell’edilizia abitativa in età tardoantica?”; “descrivere e commentare l’arco di Costantino”); 2) verifica della capacità di applicare le conoscenze acquisite e della loro comprensione, mediante la capacità di inquadrare, nello spazio, nel tempo e con riferimento alle adeguate categorie storiche, i principali fenomeni analizzati (domanda tipo: "inquadrare il problema della genesi della basilica cristiana"); 3) verifica della capacità di esprimere giudizi sugli argomenti trattati, attraverso una valutazione critica delle posizioni storiografiche analizzate e della bibliografia prevista nel programma (domanda tipo: "lei ritiene che nel saggio X il problema delle trasformazioni delle città sia analizzato in termini esaustivi?"); 4) verifica della capacità di comunicare efficacemente le nozioni e le argomentazioni apprese e di sintetizzare problemi complessi, andando ai nodi tematici essenziali (domanda tipo: "quali sono, in sintesi, i tratti connotanti della ritrattistica tardoantica?"). Le risposte del candidato, tanto nei contenuti quanto nella formulazione, permetteranno altresì di valutare l'efficacia dello studio messo in atto e la corretta organizzazione del lavoro, soprattutto individuale. La prova consiste in almeno 3 domande (a seconda del tipo di risposta del candidato, più o meno esaustivo ai fini della corretta e completa verifica delle conoscenze e capacità acquisite). Nell'ambito della discussione è previsto il riconoscimento con commento critico di immagini relative a siti/contesti/manufatti analizzati durante il corso. Il voto è espresso in trentesimi e la valutazione avviene secondo i seguenti parametri: 1) Conoscenza e comprensione dei principali concetti e contesti trattati e chiarezza espositiva: 18 punti su 30; 2) capacità di riconoscimento e commento delle immagini proposte, con adeguata contestualizzazione storico-archeologica e storiografica: 6 punti su 30; 3) capacità di istituire autonomamente raccordi tematici e/o metodologici e di impiegare la terminologia propria dell’ambito disciplinare: 6 punti su 30.
Programma estesoIl corso è finalizzato all'apprendimento dei principali temi e metodi della disciplina (trasformazione delle città e delle campagne, dinamiche insediative, architettura e tecniche costruttive, problemi di urbanistica, topografia cristiana, lineamenti di iconografia), tra IV e VI secolo. • unità didattica 1: Storia della disciplina • unità didattica 2: Urbanistica • unità didattica 3: Architettura pubblica • unità didattica 4: Architettura residenziale • unità didattica 5: Trasformazioni delle campagne • unità didattica 6: Topografia cristiana • unità didattica 7: Architettura cristiana • unità didattica 8: Iconografia cristiana e profana
Risultati di apprendimento attesiAver acquisito le conoscenze di base relative alla storia e alla metodologia della disciplina, ai principali problemi sulle trasformazioni che riguardano le città e le campagne in età tardoantica, e in generale a tutti i contenuti del corso; saper riconoscere, attraverso le immagini mostrate in sede di esame, il sito/manufatto e di saperne identificare il contesto di produzione (manufatto) o di costituzione e sviluppo (sito), applicando le conoscenze acquisite; saper presentare, con terminologia appropriata e nel quadro di un discorso corretto e organicamente strutturato, considerazioni pertinenti su manufatti, siti e problematiche attinenti le principali tematiche dell’archeologia tardoantica, utilizzando gli strumenti metodologici forniti a lezione (per i frequentanti) e avvalendosi delle dispense presenti su DIR e dei saggi previsti nella bibliografia d’esame (per tutti).
Insegnamento mutuato daLETTERE (1722) - L0073 ARCHEOLOGIA TARDOANTICA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoARCHEOLOGIA TARDOANTICA
CodiceL0073
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoDESTEFANIS Eleonora
DocentiDESTEFANIS Eleonora
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-ANT/08 - ARCHEOLOGIA CRISTIANA E MEDIEVALE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiFondamenti di archeologia tardoantica
Testi di riferimento1) "Appunti del corso" e cartelle di immagini (su DIR) 2) V. FIOCCHI NICOLAI, Le catacombe cristiane: origini e sviluppo, in Aurea Roma. Dalla città pagana alla città cristiana, Catalogo della mostra (Roma 22 dicembre 2000-20 aprile 2001), a cura di E. Ensoli e E. La Rocca, Roma 2000, pp. 301-308. 3) R. SANTANGELI VALENZANI, Edilizia residenziale in Italia nell’altomedioevo, Roma 2011, pp. 15-32. 4) F. GUIDOBALDI, Architettura paleocristiana, in Lezioni di Archeologia Cristiana, a cura di F. Bisconti e O. Brandt, Città del Vaticano 2014, pp. 361-443. 5) G. CANTINO WATAGHIN, La città nell’Occidente tardoantico: riflessione sui modelli di lettura della documentazione archeologica, in Trent’anni di studi sulla tarda antichità: bilanci e prospettive, Atti del convegno internazionale (Napoli, 21-23 novembre 2007), a cura di U. Criscuolo e L. De Giovanni, Napoli 2009, pp. 61-76. Studenti non frequentanti: 1) "Appunti del corso" e cartelle di immagini (su DIR) 2) V. FIOCCHI NICOLAI, Le catacombe cristiane: origini e sviluppo, in Aurea Roma. Dalla città pagana alla città cristiana, Catalogo della mostra (Roma 22 dicembre 2000-20 aprile 2001), a cura di E. Ensoli e E. La Rocca, Roma 2000, pp. 301-308. 3) R. SANTANGELI VALENZANI, Edilizia residenziale in Italia nell’altomedioevo, Roma 2011, pp. 15-32. 4) F. GUIDOBALDI, Architettura paleocristiana, in Lezioni di Archeologia Cristiana, a cura di F. Bisconti e O. Brandt, Città del Vaticano 2014, pp. 361-443. 5) A. CHAVARRIA ARNAU, Archeologia delle chiese. Dalle origini all’anno Mille, Roma 2009, pp. 23-38; 47-98.
Obiettivi formativiconoscenze e comprensione: acquisizione delle conoscenze di base relative alla storia e alle metodologie della disciplina, alle tematiche fondamentali dell’archeologia tardoantica, in riferimento alle trasformazioni delle città e delle campagne, alla cristianizzazione e alle evidenze materiali connesse a tale processo, all’iconografia, con uno sguardo consapevole al dibattito contemporaneo su tali temi. capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: acquisizione della capacità di inquadrare in modo corretto i principali fenomeni trattati durante il corso, tanto in termini cronologici quanto in un più ampio contesto storico, religioso, culturale, nonché di identificare correttamente siti e manufatti. espressione di giudizi: acquisizione della capacità di esprimere giudizi critici sui temi discussi, di vagliare la bibliografia proposta e di discutere, attraverso argomentazioni scientificamente valide, le diverse posizioni storiografiche presentate a lezione e illustrate nelle dispense/saggi previsti nel programma di esame. abilità nella comunicazione: acquisizione della capacità di sintetizzare puntualmente lo stato delle conoscenze su un argomento dato; della capacità di organizzare un ragionamento coerente e di esprimerlo attraverso una presentazione chiara ed argomentata, con consequenzialità logica ed uso della terminologia specifica di base capacità di studio: acquisizione della capacità di organizzare lo studio in maniera coerente, in particolare nel rapporto lezioni/lavoro personale, nel quadro di una rielaborazione dei concetti appresi in aula e della bibliografia di supporto; capacità di individuare i nuclei tematici fondamentali e gestirne così l'assimilazione in modo approfondito e duraturo.
PrerequisitiSi richiede, ai fini della piena comprensione del corso e del superamento dell’esame, una conoscenza di base della storia romana e tardoantica, sulla scorta di quanto appreso alla scuola superiore, per una corretta contestualizzazione, in primis cronologica, degli argomenti specifici trattati durante il corso.
Metodi didatticiLezioni frontali, visite di studio a Musei e siti, studio individuale. Le visite di studio sono funzionali all’applicazione delle conoscenze acquisite, mediante il contatto diretto con siti e manufatti. Materiali di supporto predisposti dalla docente (dispense) e tutte le immagini di siti e manufatti su cui verte il corso sono disponibili sulla piattaforma DIR. A tale materiale didattico devono far riferimento anche i non frequentanti. Durante le lezioni sono previsti momenti di discussione collettiva sugli argomenti trattati, per agevolare, mediante il coinvolgimento diretto degli studenti, il riconoscimento delle principali tematiche, la riflessione critica e l’acquisizione di adeguate modalità espositive.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame si terrà in forma orale e sarà incentrato sui seguenti punti: 1) verifica delle conoscenze acquisite in merito ai temi affrontati durante il corso, in relazione a specifici fenomeni o contesti che caratterizzano la cultura materiale in età tardoantica (domanda tipo: “quali sono le principali caratteristiche dell’edilizia abitativa in età tardoantica?”; “descrivere e commentare l’arco di Costantino”); 2) verifica della capacità di applicare le conoscenze acquisite e della loro comprensione, mediante la capacità di inquadrare, nello spazio, nel tempo e con riferimento alle adeguate categorie storiche, i principali fenomeni analizzati (domanda tipo: "inquadrare il problema della genesi della basilica cristiana"); 3) verifica della capacità di esprimere giudizi sugli argomenti trattati, attraverso una valutazione critica delle posizioni storiografiche analizzate e della bibliografia prevista nel programma (domanda tipo: "lei ritiene che nel saggio X il problema delle trasformazioni delle città sia analizzato in termini esaustivi?"); 4) verifica della capacità di comunicare efficacemente le nozioni e le argomentazioni apprese e di sintetizzare problemi complessi, andando ai nodi tematici essenziali (domanda tipo: "quali sono, in sintesi, i tratti connotanti della ritrattistica tardoantica?"). Le risposte del candidato, tanto nei contenuti quanto nella formulazione, permetteranno altresì di valutare l'efficacia dello studio messo in atto e la corretta organizzazione del lavoro, soprattutto individuale. La prova consiste in almeno 3 domande (a seconda del tipo di risposta del candidato, più o meno esaustivo ai fini della corretta e completa verifica delle conoscenze e capacità acquisite). Nell'ambito della discussione è previsto il riconoscimento con commento critico di immagini relative a siti/contesti/manufatti analizzati durante il corso. Il voto è espresso in trentesimi e la valutazione avviene secondo i seguenti parametri: 1) Conoscenza e comprensione dei principali concetti e contesti trattati e chiarezza espositiva: 18 punti su 30; 2) capacità di riconoscimento e commento delle immagini proposte, con adeguata contestualizzazione storico-archeologica e storiografica: 6 punti su 30; 3) capacità di istituire autonomamente raccordi tematici e/o metodologici e di impiegare la terminologia propria dell’ambito disciplinare: 6 punti su 30.
Programma estesoIl corso è finalizzato all'apprendimento dei principali temi e metodi della disciplina (trasformazione delle città e delle campagne, dinamiche insediative, architettura e tecniche costruttive, problemi di urbanistica, topografia cristiana, lineamenti di iconografia), tra IV e VI secolo. • unità didattica 1: Storia della disciplina • unità didattica 2: Urbanistica • unità didattica 3: Architettura pubblica • unità didattica 4: Architettura residenziale • unità didattica 5: Trasformazioni delle campagne • unità didattica 6: Topografia cristiana • unità didattica 7: Architettura cristiana • unità didattica 8: Iconografia cristiana e profana
Risultati di apprendimento attesiAver acquisito le conoscenze di base relative alla storia e alla metodologia della disciplina, ai principali problemi sulle trasformazioni che riguardano le città e le campagne in età tardoantica, e in generale a tutti i contenuti del corso; saper riconoscere, attraverso le immagini mostrate in sede di esame, il sito/manufatto e di saperne identificare il contesto di produzione (manufatto) o di costituzione e sviluppo (sito), applicando le conoscenze acquisite; saper presentare, con terminologia appropriata e nel quadro di un discorso corretto e organicamente strutturato, considerazioni pertinenti su manufatti, siti e problematiche attinenti le principali tematiche dell’archeologia tardoantica, utilizzando gli strumenti metodologici forniti a lezione (per i frequentanti) e avvalendosi delle dispense presenti su DIR e dei saggi previsti nella bibliografia d’esame (per tutti).
Insegnamento mutuante inLETTERE (1722) - L0073 ARCHEOLOGIA TARDOANTICA - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0073 ARCHEOLOGIA TARDOANTICA - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0073 ARCHEOLOGIA TARDOANTICA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoBIBLIOTECONOMIA 1
CodiceLE0258
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoLANA Maurizio
DocentiLANA Maurizio
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-STO/08 - ARCHIVISTICA, BIBLIOGRAFIA E BIBLIOTECONOMIA
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
SedeALESSANDRIA
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiCOMPETENZA INFORMATIVA: IDENTIFICARE, INDIVIDUARE, VALUTARE, ORGANIZZARE, UTILIZZARE E COMUNICARE LE INFORMAZIONI
Testi di riferimentoSherry Turkle, la conversazione necessaria, 2016, Einaudi, pp. 456, ISBN 9788806230456 Paolo Pagliaro, Punto. Fermiamo il declino dell'informazione, 2017, Il Mulino, pp. 127, ISBN 9788815270498 David R. Lankes, L' atlante della biblioteconomia moderna, 2014, Editrice Bibliografica, pp. 189, ISBN 9788870757262
Obiettivi formativi• obiettivi - conoscenze e comprensione: capire come e dove trovare le informazioni • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: saper gestire e usare le informazioni reperite • obiettivi - abilità nella comunicazione: saper comunicare le informazioni in modo corretto ed efficace
Prerequisitinessuno
Metodi didatticilezione frontale con analisi collaborativa di siti web
Altre informazioninessuna
Modalità di verifica dell'apprendimentoscritto, 10 domande a risposta aperta. ogni risposta riceve un punteggio da 0 a 3 punti: mira a individuare se gli studenti hanno appreso come e dove trovare le informazioni (33%); a saper gestire e usare le informazioni reperite (33%); a saper comunicare le informazioni in modo corretto ed efficace (33%)
Programma estesothe information literacy theme will be examined in the wider realm of librarianship/library & information science; and taking into account the misalignment of literacy to the print and the the digital world
Risultati di apprendimento attesicorrispondenti agli obiettivi formativi
Insegnamento mutuato daLETTERE (1722) - LE0289 SCIENZA DELLA BIBLIOTECA E DELL'INFORMAZIONE TRIENNALE 1 - ALESSANDRIA
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoDIRITTO DEI BENI CULTURALI
CodiceLE0192
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoGARBARINO Paolo Luciano
DocentiGARBARINO Paolo Luciano
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)IUS/09 - ISTITUZIONI DI DIRITTO PUBBLICO
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoC - Affine o integrativo
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiDIRITTO DEI BENI CULTURALI
Testi di riferimentoC. BARBATI, M. CAMMELLI, L. CASINI, G. PIPERATA, G. SCIULLO, Diritto del patrimonio culturale, Il Mulino, Bologna, 2017; inoltre testo aggiornato del Decreto Legislativo 22 gennaio 2004 n. 42, recante Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio. Il materiale legislativo sarà reso disponibile sul DIR.
Obiettivi formativi• obiettivi - conoscenze e comprensione: Conoscenza della disciplina dei beni e delle attività culturali nel diritto italiano vigente: le forme di tutela del patrimonio culturale. Analisi dei testi normativi in materia di beni culturali. La giurisprudenza in materia di beni culturali • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Capacità di orientarsi nella legislazione vigente in tema di beni culturali e di individuare profili applicativi e aspetti critici. • obiettivi - espressione di giudizi: Saper valutare in modo autonomo i problemi concreti relativi ai beni culturali, collegandoli alla normativa vigente • obiettivi - abilità nella comunicazione: Saper riferire in modo chiaro il contenuto della legislazione vigente in tema di beni culturali e saperne comunicare la ricaduta sulle concrete fattispecie relative ai beni culturali. • obiettivi - capacità di studio: Saper approfondire le tematiche relative alla regolamentazione normativa dei beni culturali attraverso lo studio di manuali e dei testi legislativi e giurisprudenziali di riferimento.
PrerequisitiNon sono richiesti particolari prerequisiti.
Metodi didatticiLe strategie didattiche adottate includono soprattutto lezioni frontali e studio individuale del manuale e altro materiale segnalato dal docente. Sarà attivato un tutorato on line.
Altre informazioniE' consigliata la frequenza. Si ricorda che la materia è prevista nei concorsi pubblici per accedere ai ruoli delle Sovraintendenze e dei Musei statali; inoltre è materia prevista anche negli esami di abilitazione per guida turistica.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame orale. Verranno proposte, in linea di massima, tre domande vertenti, rispettivamente, sui beni, sulle funzioni, sui soggetti oppure sulla tutela penale. E' richiesta la conoscenza puntuale del Codice dei beni culturali, il cui testo verrà messo a disposizione degli studenti sul DIR. Per raggiungere la sufficienza (18/30) lo studente dovrà conoscere almeno le nozioni di base. La formulazione del voto complessivo si baserà sui seguenti elementi: uso della terminologia scientifica appropriata: 10% della valutazione; risposte alle domande, 30% ciascuna.
Programma estesoPromozione e libertà della cultura nella Costituzione italiana. La libertà dell’arte. La tutela del patrimonio storico ed artistico. La nozione di “bene culturale” Il trattamento dei beni culturali. Le attività culturali. Città d’arte e musei.
Risultati di apprendimento attesiConoscenza della disciplina dei beni e delle attività culturali nel diritto italiano vigente. Capacità di orientarsi nella legislazione vigente in tema di beni culturali e di individuare profili applicativi e aspetti critici. Saper valutare in modo autonomo i problemi concreti relativi ai beni culturali, collegandoli alla normativa vigente. Saper riferire in modo chiaro il contenuto della legislazione vigente in tema di beni culturali. Saper approfondire le tematiche relative alla regolamentazione normativa dei beni culturali attraverso lo studio di manuali e dei testi legislativi e giurisprudenziali di riferimento.
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoETNOLOGIA A
CodiceL0045
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoPORPORATO Davide
DocentiPORPORATO Davide
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-DEA/01 - DISCIPLINE DEMOETNOANTROPOLOGICHE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoC - Affine o integrativo
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiLINEAMENTI DI ETNOLOGIA
Testi di riferimentoA) Pompeo Francesco (2016), Elementi di antropologia critica, 3a edizione, Torino, Meti. B) Bravo Gian Luigi (2013), Italiani all’alba del nuovo millennio, Milano, FrancoAngeli (esclusi i capitoli 1 e 2). C) Marc Augé (2014), L'antropologo e il mondo globale, Milano, Cortina Raffaello D) Slide proiettate durante le lezioni e disponibili nell’area DIR del corso - www.dir.uniupo.it.
Obiettivi formativi• Obiettivi - conoscenze e comprensione: acquisire la conoscenza delle nozioni di base della disciplina: concetti teorici, metodologie e campi d’indagine. Acquisire capacità di pensiero critico necessario per decostruire gli stereotipi più diffusi. Comprendere le molteplicità, le pluralità delle visioni del mondo. Contestualizzare il cambiamento antropologico, avvenuto in Italia a partire dalla metà del Novecento, attraverso alcune nozioni quali: tradizione, modernità, globalizzazione, migrazioni. • Obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: saper individuare, interpretare e collocare criticamente alcuni tratti di cultura etnoantropologica e acquisire la capacità di leggere criticamente testi e documenti. • Obiettivi - espressione di giudizi: acquisire la capacità di analizzare e formulare giudizi sulle nozioni apprese e di comparare dati etnografici. • Obiettivi - abilità nella comunicazione: saper comunicare oralmente o in un breve elaborato scritto le tematiche etnologiche affrontate con una terminologia appropriata. • Obiettivi - capacità di studio: saper condurre, sulle basi delle conoscenze acquisite nel modulo, approfondimenti bibliografici. Saper coniugare i concetti teorici e metodologici con l’osservazione di dati etnografici.
PrerequisitiI prerequisiti richiesti sono quelli accertati attraverso i test di valutazione delle competenze in ingresso dei corsi di laurea.
Metodi didatticiLezioni frontali con l’ausilio di slides e di video etnografici. Gli studenti saranno coinvolti in discussioni guidate su specifici temi trattati nel modulo didattico.
Altre informazioniIn riferimento a quanto stabilito dal Decreto Legislativo del 13 aprile 2017 n. 59 (si veda in particolare l'articolo 5), riguardante i requisiti di accesso al concorso per il percorso FIT, si informano gli studenti che il superamento dell'esame di Etnologia A/Etnologia Magistrale consente di acquisire 6 CFU per per l’ambito antropologico (SSD M-DEA/01 Discipline Demoetnoantropologiche). Il modulo di Etnologia magistrale è mutuato da Etnologia A. Mail del docente: davide.porporato@uniupo.it. Studio: Dipartimento di Studi Umanistici, pian terreno di Palazzo Tartara, via Galileo Ferraris n. 109, Vercelli. Ricevimento: mercoledì 9.00-10.30. Tutti gli studenti sono invitati ad iscriversi all'area DIR del corso (www.dir.uniupo.it). CORSO PRE-FIT. Ambito C "ANTROPOLOGIA" valido ai fini pre-FIT per tutte le classi di concorso.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa prova d’esame, volta ad accertare il raggiungimento degli obiettivi formativi, si struttura in due parti che possono essere sostenute in un’unica data d’esame oppure in due appelli anche non consecutivi.Prima parte La conoscenza dei volumi: A) Pompeo Francesco (2016), Elementi di antropologia critica, 3a edizione, Torino, Meti, B) Bravo Gian Luigi (2013), Italiani all’alba del nuovo millennio, Milano, FrancoAngeli (esclusi i capitoli 1 e 2); sarà valutata mediante un test informatizzato composto da trenta domande a risposta multipla. Il tempo concesso per completare la prova è di trenta minuti. Ogni risposta esatta corrisponde a 1 punto e l’esame avrà esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18 risposte corrette.Seconda parte La conoscenza del volume: C) Marc Augé (2014), L'antropologo e il mondo globale, Milano, Cortina Raffaello e delle slide (II parte) sarà valutata con prova scritta o orale a scelta dello studente. Nel corso dell’esame il candidato dovrà esporre le sue conoscenze su due argomenti definiti dal docente. Le risposte consentiranno anche di verificare l’abilità comunicativa. Il tempo concesso per completare la prova scritta è di 60 minuti mentre la prova orale ha durata di circa 25 minuti. Anche la valutazione della seconda parte viene espressa in trentesimi: è superata se non inferiore a 18/30. La valutazione finale, sempre espressa in trentesimi, si ottiene dalla media dei voti delle due prove. Il voto finale viene espresso sulla base dei seguenti criteri: - Da 18 a 21/30. Sufficiente conoscenza e comprensione dei concetti fondamentali dell’insegnamento e degli ambiti d’indagine della ricerca etnografica. Sufficiente capacità di comprendere e contestualizzare il cambiamento antropologico dell’Italia nel corso del Novecento. Minima capacità di applicare autonomamente le conoscenze acquisite e di comunicarle con una terminologia appropriata. Minima capacità di acquisire nuove competenze. - Da 22 a 25/30. Discreta conoscenza e comprensione dei concetti fondamentali dell’insegnamento e degli ambiti d’indagine della ricerca etnografica. Discreta capacità di comprendere e contestualizzare il cambiamento antropologico dell’Italia nel corso del Novecento. Discreta capacità di applicare autonomamente le conoscenze acquisite e di comunicarle con una terminologia appropriata. Discreta capacità di acquisire nuove competenze. - Da 26 a 28/30. Buona conoscenza e comprensione dei concetti fondamentali dell’insegnamento e degli ambiti d’indagine della ricerca etnografica accompagnate da consapevolezza critica. Buona capacità di comprendere e contestualizzare il cambiamento antropologico dell’Italia nel corso del Novecento. Buona capacità di applicare autonomamente le conoscenze acquisite e di comunicarle con una terminologia appropriata. Buona capacità di acquisire nuove competenze. - Da 29 a 30/30 con lode. Ottima conoscenza e comprensione dei concetti fondamentali dell’insegnamento e degli ambiti d’indagine della ricerca etnografica accompagnate da una elevate consapevolezza critica. Eccellente capacità di comprendere e contestualizzare il cambiamento antropologico dell’Italia nel corso del Novecento. Elevata capacità di applicare autonomamente le conoscenze acquisite e di comunicarle con una terminologia appropriata. Elevata capacità di acquisire nuove competenze. Comunicazione delle valutazioni. I risultati della prima parte dell’esame saranno pubblicati nell’area DIR del corso nella forma Matricola-Valutazione, mentre il voto finale sarà trasmesso tramite la piattaforma informatica “Esse3 – Servizi informatici”. Durante gli orari di ricevimento del docente lo studente potrà visionare le prove d’esame.
Programma estesoIl corso è così articolato: origini della disciplina; la nozione di cultura in senso antropologico; cultura e simboli; cultura e natura; il processo di inculturazione; livelli di cultura; la diversità culturale; dinamicità della cultura e creatività; relativismo culturale ed etnocentrismo; sesso, genere e le relazioni sociali; etnia e razza; gli esiti della globalizzazione; migrazioni, integrazione e coesione sociale; chi sono gli italiani?; forme del recupero identitario; strategie della memoria; l'approccio comparativo; l'etnografia come risorsa per una didattica riflessiva.
Risultati di apprendimento attesiConoscenza e comprensione: conoscenza di alcuni concetti teorici fondamentali della disciplina. Conoscenza degli ambiti d’indagine della ricerca etnografica. Capacità di comprendere e contestualizzare il cambiamento antropologico dell’Italia nel corso del Novecento. Capacità di applicare conoscenza e comprensione: capacità di individuare, interpretare e collocare criticamente alcuni tratti di cultura etnoantropologica. Capacità di leggere criticamente un testo. Autonomia di giudizio: capacità di analizzare e formulare giudizi sulle nozioni apprese; capacità di comparare dati etnografici. Abilità comunicative: capacità di comunicare criticamente le conoscenze acquisite utilizzando una terminologia appropriata. Capacità di apprendimento/studio: capacità di attingere a fonti bibliografiche al fine di acquisire nuove competenze. Capacità di coniugare i concetti teorici e metodologici con l’osservazione diretta di dati etnografici.
Insegnamento mutuato daLINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0045 ETNOLOGIA A - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoFILOLOGIA ROMANZA 1
CodiceLE0255
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoMANTOVANI Dario
DocentiMANTOVANI Dario
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/09 - FILOLOGIA E LINGUISTICA ROMANZA L-FIL-LET/09
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
SedeALESSANDRIA
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiL’alba del Medioevo romanzo: i testi delle origini
Testi di riferimentoStefano Asperti, Origini romanze. Lingue, testi antichi, letterature, Roma, Viella, 2015 Pietro G. Beltrami, La filologia romanza, Bologna, Il Mulino, 2016 Alfonso D'Agostino, Capitoli di filologia testuale, Milano, CUEM, 2006 Maria Luisa Meneghetti, Le origini delle letterature medievali romanze, Roma-Bari, Laterza, 1997 Maurizio Perugi, Dal latino alle lingue romanze. Diglossia e bilinguismo nei testi letterari delle origini, in Lo spazio letterario del Medioevo. 1. Il Medioevo Latino, t. II, La circolazione del testo, Roma, Salerno, 1994, pp. 63-111
Obiettivi formativi• obiettivi - conoscenze e comprensione: conoscere lo sviluppo delle lingue e, progressivamente, delle letterature romanze, dalla tarda antichità fino ai primi secoli del Medioevo; studiare le fasi di questo sviluppo, dal latino volgare alla fissazione delle lingue romanze nei primi testi scritti, a carattere pratico e documentale, fino ai primi testi romanzi a carattere compiutamente letterario; fissare, in questa diacronia, i momenti salienti della storia della cultura e del pensiero; lettura, traduzione e commento di testi delle origini, provenienti dalle principali aree linguistiche della Romània. • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: capacità di leggere, tradurre, commentare, comprendere e analizzare approfonditamente i testi analizzati durante il corso, individuando e discutendo in maniera problematica le loro peculiarità al fine di collocarli correttamente nella diacronia; chiarirne, inoltre, la natura linguistica. • obiettivi - abilità nella comunicazione: nell’esposizione orale, capacità di esprimersi con chiarezza e rigore, impiegando il linguaggio specifico della disciplina. • obiettivi - capacità di studio: utilizzo opportuno e autonomo della bibliografia di supporto, saper individuare i principali strumenti della disciplina e saperli utilizzare; compiere ricerche letterarie, grammaticali, lessicografiche e storiche in biblioteca e in rete.
PrerequisitiConoscenze di base fornite dalla scuola superiore. Se non si è studiato latino alle superiori, è consigliabile aver già frequentato o frequentare in contemporanea il corso di lingua latina di base.
Metodi didatticiLezioni frontali, studio individuale; eventuali lezioni seminariali e conferenze.
Altre informazioniUtile, per facilitare la preparazione dei materiali di esercitazione seminariale, comunicare in anticipo per e-mail al docente l’intenzione di iscriversi al modulo. Si raccomanda, come già segnalato supra, di contattare per e-mail il docente per eventuali dubbi relativi al reperimento o all’acquisto del materiale bibliografico.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa prova finale prevede un esame orale della durata di circa 30 minuti. Si intende verificare le conoscenze inserite tra gli obiettivi e i risultati di apprendimento attesi attraverso una strutturazione dell’esame in 3 sezioni: Sez. 1) = traduzione e commento filologico e linguistico di uno dei brani letti a lezione; Sez. 2) = una domanda riguardante il contesto storico-letterario nel quale si collocano i brani letti a lezione, con riferimento al problema delle origini romanze a partire dall’epoca tardo-antica, attraverso la rinascenza carolingia e fino a tutto l’Alto Medioevo; Sez. 3) = una domanda riguardante la letteratura del Medioevo romanzo, con particolare attenzione ad autori, generi letterari, a questioni di carattere metodologico (es. oralità e scrittura, trasmissione dei testi, etc.) e di storia della cultura. Lo studente dovrà rispondere a tutte le domande e argomentare usando un’appropriata terminologia scientifica. L’esame avrà esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18/30. Per raggiungere la sufficienza lo studente dovrà mostrare una conoscenza adeguata dei testi presentati a lezione, e dovrà saperli collocare nel contesto storico e letterario del Medioevo romanzo. La formulazione del voto complessivo si baserà sui seguenti elementi: uso della terminologia scientifica appropriata = 10% della valutazione; risposte a domande della Sezione 1) = 30% della valutazione; risposte a domande della Sezione 2) = 30% della valutazione; risposte a domande della Sezione 3) = 30% della valutazione. La lode verrà assegnata sulla base di una valutazione dell’accuratezza delle risposte e delle capacità di approfondimento e di elaborazione della risposta dello studente.
Programma estesoIl modulo, a carattere seminariale, si svolgerà nella prima parte del II semestre, il giovedì e il venerdì dalle ore 16 alle ore 18; il calendario delle lezioni sarà comunicato all’inizio del modulo o contattando il docente all’indirizzo dario.mantovani@uniupo.it. La bibliografia di riferimento del corso sarà messa a disposizione degli studenti presso la biblioteca del Dipartimento o, ove possibile, attraverso gli strumenti di Didattica In Rete (DIR). Ulteriori indicazioni operative e altri materiali relativi al corso saranno forniti a lezione o attraverso la DIR. Per qualsiasi dubbio relativo al reperimento o all’acquisto dei materiali, nonché relativo all’organizzazione del corso, è sempre possibile contattare il docente al suo indirizzo elettronico. Il corso seguirà tutte le fasi dello sviluppo delle lingue romanze, fino alla loro fissazione nei primi testi scritti a carattere documentale e pratico. Il percorso storico comprende quella fase di ibridismo linguistico che ha caratterizzato i primi secoli dell'epoca medievale, nei quali il latino rimane l'unico veicolo della comunicazione scritta, ma nel cui utilizzo affiorano le prime tracce di mutamento in direzione delle lingue romanze. Si analizzeranno, inoltre, i principali momenti di storia della cultura alto-medievale, fissando attraverso i testi le tappe che hanno condotto alla formazione delle letterature in lingua romanza. Gli studenti triennalisti di Lettere e Lingue, frequentanti e non frequentanti, studieranno: Pietro G. Beltrami, La filologia romanza, Bologna, Il Mulino, 2016 (segnatamente, i capp. dall'1 al 6 della parte III del volume, alle pp. 199-285). Stefano Asperti, Origini romanze. Lingue, testi antichi, letterature, Roma, Viella, 2015 (i capp. 2, 3 e 5, rispettivamente alle pp. 63-81, 83-105 e 131-140). Maria Luisa Meneghetti, Le origini delle letterature medievali romanze, Roma-Bari, Laterza, 1997 (il cap. 3, alle pp. 77-124). Gli studenti della laurea magistrale, frequentanti e non frequentanti, studieranno invece: Alfonso D'Agostino, Capitoli di filologia testuale, Milano, CUEM, 2006 (le pp. 71-267, di cui si studieranno le sole definizioni, senza la discussione analitica degli esempi). Maria Luisa Meneghetti, Le origini delle letterature medievali romanze, Roma-Bari, Laterza, 1997 (il cap. 3, alle pp. 77-124). Maurizio Perugi, Dal latino alle lingue romanze. Diglossia e bilinguismo nei testi letterari delle origini, in Lo spazio letterario del Medioevo. 1. Il Medioevo Latino, t. II, La circolazione del testo, Roma, Salerno, 1994, pp. 63-111. A lezione saranno letti e commentati, filologicamente e linguisticamente, i più rappresentativi tra i testi delle origini; l'antologia di testi sarà raccolta in una dispensa che sarà pubblicata sulla DIR, nella pagina dedicata al corso di Filologia romanza. Gli studenti non frequentanti di qualsiasi corso di laurea, triennale o magistrale, integreranno il programma con la preparazione dei seguenti materiali: Stefano Asperti, Origini romanze. Lingue, testi antichi, letterature, Roma, Viella, 2015, capp. 6.1, 6.3 e 6.4 (rispettivamente dedicati ai glossari, ai Giuramenti di Strasburgo e alla Sequenza di Sant’Eulalia), pp. 142-153 e pp. 167-188. Maria Luisa Meneghetti, Le origini delle letterature medievali romanze, Roma-Bari, Laterza, 1997, capp. 4, 5 e 6, pp. 125-233 [con l’eccezione delle pp. 129-132 (§ 4.2), 149-152 (§4.5) e 215-225 (§§ 6.4.1.iii e 6.4.2)]. N.B.: agli studenti non frequentanti sarà analogamente richiesta la capacità di leggere, tradurre e commentare i testi indicati, nonché la capacità di inquadrarli dal punto di vista storico-letterario: in caso di dubbi o di difficoltà di comprensione linguistica, o per richiedere eventuali approfondimenti, è caldamente consigliato contattare il docente al suo indirizzo elettronico.
Risultati di apprendimento attesiConoscenze e comprensione: conoscere lo sviluppo delle lingue e, progressivamente, delle letterature romanze, dalla tarda antichità fino ai primi secoli del Medioevo; studiare le fasi di questo sviluppo, dal latino volgare alla fissazione delle lingue romanze nei primi testi scritti, a carattere pratico e documentale, fino ai primi testi romanzi a carattere compiutamente letterario; fissare, in questa diacronia, i momenti salienti della storia della cultura e del pensiero; lettura, traduzione e commento di testi delle origini, provenienti dalle principali aree linguistiche della Romània. Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: capacità di leggere, tradurre, commentare, comprendere e analizzare approfonditamente i testi analizzati durante il corso, individuando e discutendo in maniera problematica le loro peculiarità al fine di collocarli nel panorama storico-letterario; chiarirne, inoltre, la natura linguistica. Abilità nella comunicazione: nell’esposizione orale, capacità di esprimersi con chiarezza e rigore, impiegando il linguaggio specifico della disciplina. Capacità di studio: utilizzo opportuno e autonomo della bibliografia di supporto, saper individuare i principali strumenti della disciplina e saperli utilizzare; compiere ricerche letterarie, grammaticali, lessicografiche e storiche in biblioteca e in rete.
Insegnamento mutuato daLETTERE (1722) - LE0255 FILOLOGIA ROMANZA 1 - ALESSANDRIA
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoFILOLOGIA ROMANZA 1
CodiceLE0255
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoMANTOVANI Dario
DocentiMANTOVANI Dario
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/09 - FILOLOGIA E LINGUISTICA ROMANZA L-FIL-LET/09
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
SedeALESSANDRIA
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiL’alba del Medioevo romanzo: i testi delle origini
Testi di riferimentoStefano Asperti, Origini romanze. Lingue, testi antichi, letterature, Roma, Viella, 2015 Pietro G. Beltrami, La filologia romanza, Bologna, Il Mulino, 2016 Alfonso D'Agostino, Capitoli di filologia testuale, Milano, CUEM, 2006 Maria Luisa Meneghetti, Le origini delle letterature medievali romanze, Roma-Bari, Laterza, 1997 Maurizio Perugi, Dal latino alle lingue romanze. Diglossia e bilinguismo nei testi letterari delle origini, in Lo spazio letterario del Medioevo. 1. Il Medioevo Latino, t. II, La circolazione del testo, Roma, Salerno, 1994, pp. 63-111
Obiettivi formativi• obiettivi - conoscenze e comprensione: conoscere lo sviluppo delle lingue e, progressivamente, delle letterature romanze, dalla tarda antichità fino ai primi secoli del Medioevo; studiare le fasi di questo sviluppo, dal latino volgare alla fissazione delle lingue romanze nei primi testi scritti, a carattere pratico e documentale, fino ai primi testi romanzi a carattere compiutamente letterario; fissare, in questa diacronia, i momenti salienti della storia della cultura e del pensiero; lettura, traduzione e commento di testi delle origini, provenienti dalle principali aree linguistiche della Romània. • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: capacità di leggere, tradurre, commentare, comprendere e analizzare approfonditamente i testi analizzati durante il corso, individuando e discutendo in maniera problematica le loro peculiarità al fine di collocarli correttamente nella diacronia; chiarirne, inoltre, la natura linguistica. • obiettivi - abilità nella comunicazione: nell’esposizione orale, capacità di esprimersi con chiarezza e rigore, impiegando il linguaggio specifico della disciplina. • obiettivi - capacità di studio: utilizzo opportuno e autonomo della bibliografia di supporto, saper individuare i principali strumenti della disciplina e saperli utilizzare; compiere ricerche letterarie, grammaticali, lessicografiche e storiche in biblioteca e in rete.
PrerequisitiConoscenze di base fornite dalla scuola superiore. Se non si è studiato latino alle superiori, è consigliabile aver già frequentato o frequentare in contemporanea il corso di lingua latina di base.
Metodi didatticiLezioni frontali, studio individuale; eventuali lezioni seminariali e conferenze.
Altre informazioniUtile, per facilitare la preparazione dei materiali di esercitazione seminariale, comunicare in anticipo per e-mail al docente l’intenzione di iscriversi al modulo. Si raccomanda, come già segnalato supra, di contattare per e-mail il docente per eventuali dubbi relativi al reperimento o all’acquisto del materiale bibliografico.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa prova finale prevede un esame orale della durata di circa 30 minuti. Si intende verificare le conoscenze inserite tra gli obiettivi e i risultati di apprendimento attesi attraverso una strutturazione dell’esame in 3 sezioni: Sez. 1) = traduzione e commento filologico e linguistico di uno dei brani letti a lezione; Sez. 2) = una domanda riguardante il contesto storico-letterario nel quale si collocano i brani letti a lezione, con riferimento al problema delle origini romanze a partire dall’epoca tardo-antica, attraverso la rinascenza carolingia e fino a tutto l’Alto Medioevo; Sez. 3) = una domanda riguardante la letteratura del Medioevo romanzo, con particolare attenzione ad autori, generi letterari, a questioni di carattere metodologico (es. oralità e scrittura, trasmissione dei testi, etc.) e di storia della cultura. Lo studente dovrà rispondere a tutte le domande e argomentare usando un’appropriata terminologia scientifica. L’esame avrà esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18/30. Per raggiungere la sufficienza lo studente dovrà mostrare una conoscenza adeguata dei testi presentati a lezione, e dovrà saperli collocare nel contesto storico e letterario del Medioevo romanzo. La formulazione del voto complessivo si baserà sui seguenti elementi: uso della terminologia scientifica appropriata = 10% della valutazione; risposte a domande della Sezione 1) = 30% della valutazione; risposte a domande della Sezione 2) = 30% della valutazione; risposte a domande della Sezione 3) = 30% della valutazione. La lode verrà assegnata sulla base di una valutazione dell’accuratezza delle risposte e delle capacità di approfondimento e di elaborazione della risposta dello studente.
Programma estesoIl modulo, a carattere seminariale, si svolgerà nella prima parte del II semestre, il giovedì e il venerdì dalle ore 16 alle ore 18; il calendario delle lezioni sarà comunicato all’inizio del modulo o contattando il docente all’indirizzo dario.mantovani@uniupo.it. La bibliografia di riferimento del corso sarà messa a disposizione degli studenti presso la biblioteca del Dipartimento o, ove possibile, attraverso gli strumenti di Didattica In Rete (DIR). Ulteriori indicazioni operative e altri materiali relativi al corso saranno forniti a lezione o attraverso la DIR. Per qualsiasi dubbio relativo al reperimento o all’acquisto dei materiali, nonché relativo all’organizzazione del corso, è sempre possibile contattare il docente al suo indirizzo elettronico. Il corso seguirà tutte le fasi dello sviluppo delle lingue romanze, fino alla loro fissazione nei primi testi scritti a carattere documentale e pratico. Il percorso storico comprende quella fase di ibridismo linguistico che ha caratterizzato i primi secoli dell'epoca medievale, nei quali il latino rimane l'unico veicolo della comunicazione scritta, ma nel cui utilizzo affiorano le prime tracce di mutamento in direzione delle lingue romanze. Si analizzeranno, inoltre, i principali momenti di storia della cultura alto-medievale, fissando attraverso i testi le tappe che hanno condotto alla formazione delle letterature in lingua romanza. Gli studenti triennalisti di Lettere e Lingue, frequentanti e non frequentanti, studieranno: Pietro G. Beltrami, La filologia romanza, Bologna, Il Mulino, 2016 (segnatamente, i capp. dall'1 al 6 della parte III del volume, alle pp. 199-285). Stefano Asperti, Origini romanze. Lingue, testi antichi, letterature, Roma, Viella, 2015 (i capp. 2, 3 e 5, rispettivamente alle pp. 63-81, 83-105 e 131-140). Maria Luisa Meneghetti, Le origini delle letterature medievali romanze, Roma-Bari, Laterza, 1997 (il cap. 3, alle pp. 77-124). Gli studenti della laurea magistrale, frequentanti e non frequentanti, studieranno invece: Alfonso D'Agostino, Capitoli di filologia testuale, Milano, CUEM, 2006 (le pp. 71-267, di cui si studieranno le sole definizioni, senza la discussione analitica degli esempi). Maria Luisa Meneghetti, Le origini delle letterature medievali romanze, Roma-Bari, Laterza, 1997 (il cap. 3, alle pp. 77-124). Maurizio Perugi, Dal latino alle lingue romanze. Diglossia e bilinguismo nei testi letterari delle origini, in Lo spazio letterario del Medioevo. 1. Il Medioevo Latino, t. II, La circolazione del testo, Roma, Salerno, 1994, pp. 63-111. A lezione saranno letti e commentati, filologicamente e linguisticamente, i più rappresentativi tra i testi delle origini; l'antologia di testi sarà raccolta in una dispensa che sarà pubblicata sulla DIR, nella pagina dedicata al corso di Filologia romanza. Gli studenti non frequentanti di qualsiasi corso di laurea, triennale o magistrale, integreranno il programma con la preparazione dei seguenti materiali: Stefano Asperti, Origini romanze. Lingue, testi antichi, letterature, Roma, Viella, 2015, capp. 6.1, 6.3 e 6.4 (rispettivamente dedicati ai glossari, ai Giuramenti di Strasburgo e alla Sequenza di Sant’Eulalia), pp. 142-153 e pp. 167-188. Maria Luisa Meneghetti, Le origini delle letterature medievali romanze, Roma-Bari, Laterza, 1997, capp. 4, 5 e 6, pp. 125-233 [con l’eccezione delle pp. 129-132 (§ 4.2), 149-152 (§4.5) e 215-225 (§§ 6.4.1.iii e 6.4.2)]. N.B.: agli studenti non frequentanti sarà analogamente richiesta la capacità di leggere, tradurre e commentare i testi indicati, nonché la capacità di inquadrarli dal punto di vista storico-letterario: in caso di dubbi o di difficoltà di comprensione linguistica, o per richiedere eventuali approfondimenti, è caldamente consigliato contattare il docente al suo indirizzo elettronico.
Risultati di apprendimento attesiConoscenze e comprensione: conoscere lo sviluppo delle lingue e, progressivamente, delle letterature romanze, dalla tarda antichità fino ai primi secoli del Medioevo; studiare le fasi di questo sviluppo, dal latino volgare alla fissazione delle lingue romanze nei primi testi scritti, a carattere pratico e documentale, fino ai primi testi romanzi a carattere compiutamente letterario; fissare, in questa diacronia, i momenti salienti della storia della cultura e del pensiero; lettura, traduzione e commento di testi delle origini, provenienti dalle principali aree linguistiche della Romània. Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: capacità di leggere, tradurre, commentare, comprendere e analizzare approfonditamente i testi analizzati durante il corso, individuando e discutendo in maniera problematica le loro peculiarità al fine di collocarli nel panorama storico-letterario; chiarirne, inoltre, la natura linguistica. Abilità nella comunicazione: nell’esposizione orale, capacità di esprimersi con chiarezza e rigore, impiegando il linguaggio specifico della disciplina. Capacità di studio: utilizzo opportuno e autonomo della bibliografia di supporto, saper individuare i principali strumenti della disciplina e saperli utilizzare; compiere ricerche letterarie, grammaticali, lessicografiche e storiche in biblioteca e in rete.
Insegnamento mutuante inLETTERE (1722) - LE0255 FILOLOGIA ROMANZA 1 - ALESSANDRIA
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoFILOLOGIA ROMANZA A
CodiceL0053
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoMANTOVANI Dario
DocentiMANTOVANI Dario
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/09 - FILOLOGIA E LINGUISTICA ROMANZA L-FIL-LET/09
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiL’alba del Medioevo romanzo: i testi delle origini
Testi di riferimentoStefano Asperti, Origini romanze. Lingue, testi antichi, letterature, Roma, Viella, 2015 Pietro G. Beltrami, La filologia romanza, Bologna, Il Mulino, 2016 Alfonso D'Agostino, Capitoli di filologia testuale, Milano, CUEM, 2006 Maria Luisa Meneghetti, Le origini delle letterature medievali romanze, Roma-Bari, Laterza, 1997 Maurizio Perugi, Dal latino alle lingue romanze. Diglossia e bilinguismo nei testi letterari delle origini, in Lo spazio letterario del Medioevo. 1. Il Medioevo Latino, t. II, La circolazione del testo, Roma, Salerno, 1994, pp. 63-111
Obiettivi formativi• obiettivi - conoscenze e comprensione: conoscere lo sviluppo delle lingue e, progressivamente, delle letterature romanze, dalla tarda antichità fino ai primi secoli del Medioevo; studiare le fasi di questo sviluppo, dal latino volgare alla fissazione delle lingue romanze nei primi testi scritti, a carattere pratico e documentale, fino ai primi testi romanzi a carattere compiutamente letterario; fissare, in questa diacronia, i momenti salienti della storia della cultura e del pensiero; lettura, traduzione e commento di testi delle origini, provenienti dalle principali aree linguistiche della Romània. • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: capacità di leggere, tradurre, commentare, comprendere e analizzare approfonditamente i testi analizzati durante il corso, individuando e discutendo in maniera problematica le loro peculiarità al fine di collocarli correttamente nella diacronia; chiarirne, inoltre, la natura linguistica. • obiettivi - abilità nella comunicazione: nell’esposizione orale, capacità di esprimersi con chiarezza e rigore, impiegando il linguaggio specifico della disciplina. • obiettivi - capacità di studio: utilizzo opportuno e autonomo della bibliografia di supporto, saper individuare i principali strumenti della disciplina e saperli utilizzare; compiere ricerche letterarie, grammaticali, lessicografiche e storiche in biblioteca e in rete.
PrerequisitiConoscenze di base fornite dalla scuola superiore. Se non si è studiato latino alle superiori, è consigliabile aver già frequentato o frequentare in contemporanea il corso di lingua latina di base.
Metodi didatticiLezioni frontali, studio individuale; eventuali lezioni seminariali e conferenze.
Altre informazioniUtile, per facilitare la preparazione dei materiali di esercitazione seminariale, comunicare in anticipo per e-mail al docente l’intenzione di iscriversi al modulo. Si raccomanda, come già segnalato supra, di contattare per e-mail il docente per eventuali dubbi relativi al reperimento o all’acquisto del materiale bibliografico.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa prova finale prevede un esame orale della durata di circa 30 minuti. Si intende verificare le conoscenze inserite tra gli obiettivi e i risultati di apprendimento attesi attraverso una strutturazione dell’esame in 3 sezioni: Sez. 1) = traduzione e commento filologico e linguistico di uno dei brani letti a lezione; Sez. 2) = una domanda riguardante il contesto storico-letterario nel quale si collocano i brani letti a lezione, con riferimento al problema delle origini romanze a partire dall’epoca tardo-antica, attraverso la rinascenza carolingia e fino a tutto l’Alto Medioevo; Sez. 3) = una domanda riguardante la letteratura del Medioevo romanzo, con particolare attenzione ad autori, generi letterari, a questioni di carattere metodologico (es. oralità e scrittura, trasmissione dei testi, etc.) e di storia della cultura (sez. 3 per gli studenti della Laurea Magistrale: una domanda sulla critica testuale). Lo studente dovrà rispondere a tutte le domande e argomentare usando un’appropriata terminologia scientifica. L’esame avrà esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18/30. Per raggiungere la sufficienza lo studente dovrà mostrare una conoscenza adeguata dei testi presentati a lezione, e dovrà saperli collocare nel contesto storico e letterario del Medioevo romanzo. La formulazione del voto complessivo si baserà sui seguenti elementi: uso della terminologia scientifica appropriata = 10% della valutazione; risposte a domande della Sezione 1) = 30% della valutazione; risposte a domande della Sezione 2) = 30% della valutazione; risposte a domande della Sezione 3) = 30% della valutazione. La lode verrà assegnata sulla base di una valutazione dell’accuratezza delle risposte e delle capacità di approfondimento e di elaborazione della risposta dello studente.
Programma estesoIl modulo, a carattere seminariale, si svolgerà nella prima parte del II semestre, il giovedì e il venerdì dalle ore 16 alle ore 18; il calendario delle lezioni sarà comunicato all’inizio del modulo o contattando il docente all’indirizzo dario.mantovani@uniupo.it. La bibliografia di riferimento del corso sarà messa a disposizione degli studenti presso la biblioteca del Dipartimento o, ove possibile, attraverso gli strumenti di Didattica In Rete (DIR). Ulteriori indicazioni operative e altri materiali relativi al corso saranno forniti a lezione o attraverso la DIR. Per qualsiasi dubbio relativo al reperimento o all’acquisto dei materiali, nonché relativo all’organizzazione del corso, è sempre possibile contattare il docente al suo indirizzo elettronico. Il corso seguirà tutte le fasi dello sviluppo delle lingue romanze, fino alla loro fissazione nei primi testi scritti a carattere documentale e pratico. Il percorso storico comprende quella fase di ibridismo linguistico che ha caratterizzato i primi secoli dell'epoca medievale, nei quali il latino rimane l'unico veicolo della comunicazione scritta, ma nel cui utilizzo affiorano le prime tracce di mutamento in direzione delle lingue romanze. Si analizzeranno, inoltre, i principali momenti di storia della cultura alto-medievale, fissando attraverso i testi le tappe che hanno condotto alla formazione delle letterature in lingua romanza. Gli studenti triennalisti di Lettere e Lingue, frequentanti e non frequentanti, studieranno: Pietro G. Beltrami, La filologia romanza, Bologna, Il Mulino, 2016 (segnatamente, i capp. dall'1 al 6 della parte III del volume, alle pp. 199-285). Stefano Asperti, Origini romanze. Lingue, testi antichi, letterature, Roma, Viella, 2015 (i capp. 2, 3 e 5, rispettivamente alle pp. 63-81, 83-105 e 131-140). Maria Luisa Meneghetti, Le origini delle letterature medievali romanze, Roma-Bari, Laterza, 1997 (il cap. 3, alle pp. 77-124). Gli studenti della laurea magistrale, frequentanti e non frequentanti, studieranno invece: Alfonso D'Agostino, Capitoli di filologia testuale, Milano, CUEM, 2006 (le pp. 71-267, di cui si studieranno le sole definizioni, senza la discussione analitica degli esempi). Maria Luisa Meneghetti, Le origini delle letterature medievali romanze, Roma-Bari, Laterza, 1997 (il cap. 3, alle pp. 77-124). Maurizio Perugi, Dal latino alle lingue romanze. Diglossia e bilinguismo nei testi letterari delle origini, in Lo spazio letterario del Medioevo. 1. Il Medioevo Latino, t. II, La circolazione del testo, Roma, Salerno, 1994, pp. 63-111. A lezione saranno letti e commentati, filologicamente e linguisticamente, i più rappresentativi tra i testi delle origini; l'antologia di testi sarà raccolta in una dispensa che sarà pubblicata sulla DIR, nella pagina dedicata al corso di Filologia romanza. Gli studenti non frequentanti di qualsiasi corso di laurea, triennale o magistrale, integreranno il programma con la preparazione dei seguenti materiali: Stefano Asperti, Origini romanze. Lingue, testi antichi, letterature, Roma, Viella, 2015, capp. 6.1, 6.3 e 6.4 (rispettivamente dedicati ai glossari, ai Giuramenti di Strasburgo e alla Sequenza di Sant’Eulalia), pp. 142-153 e pp. 167-188. Maria Luisa Meneghetti, Le origini delle letterature medievali romanze, Roma-Bari, Laterza, 1997, capp. 4, 5 e 6, pp. 125-233 [con l’eccezione delle pp. 129-132 (§ 4.2), 149-152 (§4.5) e 215-225 (§§ 6.4.1.iii e 6.4.2)]. N.B.: agli studenti non frequentanti sarà analogamente richiesta la capacità di leggere, tradurre e commentare i testi indicati, nonché la capacità di inquadrarli dal punto di vista storico-letterario: in caso di dubbi o di difficoltà di comprensione linguistica, o per richiedere eventuali approfondimenti, è caldamente consigliato contattare il docente al suo indirizzo elettronico.
Risultati di apprendimento attesiConoscenze e comprensione: conoscere lo sviluppo delle lingue e, progressivamente, delle letterature romanze, dalla tarda antichità fino ai primi secoli del Medioevo; studiare le fasi di questo sviluppo, dal latino volgare alla fissazione delle lingue romanze nei primi testi scritti, a carattere pratico e documentale, fino ai primi testi romanzi a carattere compiutamente letterario; fissare, in questa diacronia, i momenti salienti della storia della cultura e del pensiero; lettura, traduzione e commento di testi delle origini, provenienti dalle principali aree linguistiche della Romània. Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: capacità di leggere, tradurre, commentare, comprendere e analizzare approfonditamente i testi analizzati durante il corso, individuando e discutendo in maniera problematica le loro peculiarità al fine di collocarli nel panorama storico-letterario; chiarirne, inoltre, la natura linguistica. Abilità nella comunicazione: nell’esposizione orale, capacità di esprimersi con chiarezza e rigore, impiegando il linguaggio specifico della disciplina. Capacità di studio: utilizzo opportuno e autonomo della bibliografia di supporto, saper individuare i principali strumenti della disciplina e saperli utilizzare; compiere ricerche letterarie, grammaticali, lessicografiche e storiche in biblioteca e in rete.
Insegnamento mutuato daLETTERE (1722) - L0053 FILOLOGIA ROMANZA A - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoFILOLOGIA ROMANZA A
CodiceL0053
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoMANTOVANI Dario
DocentiMANTOVANI Dario
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/09 - FILOLOGIA E LINGUISTICA ROMANZA L-FIL-LET/09
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiL’alba del Medioevo romanzo: i testi delle origini
Testi di riferimentoStefano Asperti, Origini romanze. Lingue, testi antichi, letterature, Roma, Viella, 2015 Pietro G. Beltrami, La filologia romanza, Bologna, Il Mulino, 2016 Alfonso D'Agostino, Capitoli di filologia testuale, Milano, CUEM, 2006 Maria Luisa Meneghetti, Le origini delle letterature medievali romanze, Roma-Bari, Laterza, 1997 Maurizio Perugi, Dal latino alle lingue romanze. Diglossia e bilinguismo nei testi letterari delle origini, in Lo spazio letterario del Medioevo. 1. Il Medioevo Latino, t. II, La circolazione del testo, Roma, Salerno, 1994, pp. 63-111
Obiettivi formativi• obiettivi - conoscenze e comprensione: conoscere lo sviluppo delle lingue e, progressivamente, delle letterature romanze, dalla tarda antichità fino ai primi secoli del Medioevo; studiare le fasi di questo sviluppo, dal latino volgare alla fissazione delle lingue romanze nei primi testi scritti, a carattere pratico e documentale, fino ai primi testi romanzi a carattere compiutamente letterario; fissare, in questa diacronia, i momenti salienti della storia della cultura e del pensiero; lettura, traduzione e commento di testi delle origini, provenienti dalle principali aree linguistiche della Romània. • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: capacità di leggere, tradurre, commentare, comprendere e analizzare approfonditamente i testi analizzati durante il corso, individuando e discutendo in maniera problematica le loro peculiarità al fine di collocarli correttamente nella diacronia; chiarirne, inoltre, la natura linguistica. • obiettivi - abilità nella comunicazione: nell’esposizione orale, capacità di esprimersi con chiarezza e rigore, impiegando il linguaggio specifico della disciplina. • obiettivi - capacità di studio: utilizzo opportuno e autonomo della bibliografia di supporto, saper individuare i principali strumenti della disciplina e saperli utilizzare; compiere ricerche letterarie, grammaticali, lessicografiche e storiche in biblioteca e in rete.
PrerequisitiConoscenze di base fornite dalla scuola superiore. Se non si è studiato latino alle superiori, è consigliabile aver già frequentato o frequentare in contemporanea il corso di lingua latina di base.
Metodi didatticiLezioni frontali, studio individuale; eventuali lezioni seminariali e conferenze.
Altre informazioniUtile, per facilitare la preparazione dei materiali di esercitazione seminariale, comunicare in anticipo per e-mail al docente l’intenzione di iscriversi al modulo. Si raccomanda, come già segnalato supra, di contattare per e-mail il docente per eventuali dubbi relativi al reperimento o all’acquisto del materiale bibliografico.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa prova finale prevede un esame orale della durata di circa 30 minuti. Si intende verificare le conoscenze inserite tra gli obiettivi e i risultati di apprendimento attesi attraverso una strutturazione dell’esame in 3 sezioni: Sez. 1) = traduzione e commento filologico e linguistico di uno dei brani letti a lezione; Sez. 2) = una domanda riguardante il contesto storico-letterario nel quale si collocano i brani letti a lezione, con riferimento al problema delle origini romanze a partire dall’epoca tardo-antica, attraverso la rinascenza carolingia e fino a tutto l’Alto Medioevo; Sez. 3) = una domanda riguardante la letteratura del Medioevo romanzo, con particolare attenzione ad autori, generi letterari, a questioni di carattere metodologico (es. oralità e scrittura, trasmissione dei testi, etc.) e di storia della cultura (sez. 3 per gli studenti della Laurea Magistrale: una domanda sulla critica testuale). Lo studente dovrà rispondere a tutte le domande e argomentare usando un’appropriata terminologia scientifica. L’esame avrà esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18/30. Per raggiungere la sufficienza lo studente dovrà mostrare una conoscenza adeguata dei testi presentati a lezione, e dovrà saperli collocare nel contesto storico e letterario del Medioevo romanzo. La formulazione del voto complessivo si baserà sui seguenti elementi: uso della terminologia scientifica appropriata = 10% della valutazione; risposte a domande della Sezione 1) = 30% della valutazione; risposte a domande della Sezione 2) = 30% della valutazione; risposte a domande della Sezione 3) = 30% della valutazione. La lode verrà assegnata sulla base di una valutazione dell’accuratezza delle risposte e delle capacità di approfondimento e di elaborazione della risposta dello studente.
Programma estesoIl modulo, a carattere seminariale, si svolgerà nella prima parte del II semestre, il giovedì e il venerdì dalle ore 16 alle ore 18; il calendario delle lezioni sarà comunicato all’inizio del modulo o contattando il docente all’indirizzo dario.mantovani@uniupo.it. La bibliografia di riferimento del corso sarà messa a disposizione degli studenti presso la biblioteca del Dipartimento o, ove possibile, attraverso gli strumenti di Didattica In Rete (DIR). Ulteriori indicazioni operative e altri materiali relativi al corso saranno forniti a lezione o attraverso la DIR. Per qualsiasi dubbio relativo al reperimento o all’acquisto dei materiali, nonché relativo all’organizzazione del corso, è sempre possibile contattare il docente al suo indirizzo elettronico. Il corso seguirà tutte le fasi dello sviluppo delle lingue romanze, fino alla loro fissazione nei primi testi scritti a carattere documentale e pratico. Il percorso storico comprende quella fase di ibridismo linguistico che ha caratterizzato i primi secoli dell'epoca medievale, nei quali il latino rimane l'unico veicolo della comunicazione scritta, ma nel cui utilizzo affiorano le prime tracce di mutamento in direzione delle lingue romanze. Si analizzeranno, inoltre, i principali momenti di storia della cultura alto-medievale, fissando attraverso i testi le tappe che hanno condotto alla formazione delle letterature in lingua romanza. Gli studenti triennalisti di Lettere e Lingue, frequentanti e non frequentanti, studieranno: Pietro G. Beltrami, La filologia romanza, Bologna, Il Mulino, 2016 (segnatamente, i capp. dall'1 al 6 della parte III del volume, alle pp. 199-285). Stefano Asperti, Origini romanze. Lingue, testi antichi, letterature, Roma, Viella, 2015 (i capp. 2, 3 e 5, rispettivamente alle pp. 63-81, 83-105 e 131-140). Maria Luisa Meneghetti, Le origini delle letterature medievali romanze, Roma-Bari, Laterza, 1997 (il cap. 3, alle pp. 77-124). Gli studenti della laurea magistrale, frequentanti e non frequentanti, studieranno invece: Alfonso D'Agostino, Capitoli di filologia testuale, Milano, CUEM, 2006 (le pp. 71-267, di cui si studieranno le sole definizioni, senza la discussione analitica degli esempi). Maria Luisa Meneghetti, Le origini delle letterature medievali romanze, Roma-Bari, Laterza, 1997 (il cap. 3, alle pp. 77-124). Maurizio Perugi, Dal latino alle lingue romanze. Diglossia e bilinguismo nei testi letterari delle origini, in Lo spazio letterario del Medioevo. 1. Il Medioevo Latino, t. II, La circolazione del testo, Roma, Salerno, 1994, pp. 63-111. A lezione saranno letti e commentati, filologicamente e linguisticamente, i più rappresentativi tra i testi delle origini; l'antologia di testi sarà raccolta in una dispensa che sarà pubblicata sulla DIR, nella pagina dedicata al corso di Filologia romanza. Gli studenti non frequentanti di qualsiasi corso di laurea, triennale o magistrale, integreranno il programma con la preparazione dei seguenti materiali: Stefano Asperti, Origini romanze. Lingue, testi antichi, letterature, Roma, Viella, 2015, capp. 6.1, 6.3 e 6.4 (rispettivamente dedicati ai glossari, ai Giuramenti di Strasburgo e alla Sequenza di Sant’Eulalia), pp. 142-153 e pp. 167-188. Maria Luisa Meneghetti, Le origini delle letterature medievali romanze, Roma-Bari, Laterza, 1997, capp. 4, 5 e 6, pp. 125-233 [con l’eccezione delle pp. 129-132 (§ 4.2), 149-152 (§4.5) e 215-225 (§§ 6.4.1.iii e 6.4.2)]. N.B.: agli studenti non frequentanti sarà analogamente richiesta la capacità di leggere, tradurre e commentare i testi indicati, nonché la capacità di inquadrarli dal punto di vista storico-letterario: in caso di dubbi o di difficoltà di comprensione linguistica, o per richiedere eventuali approfondimenti, è caldamente consigliato contattare il docente al suo indirizzo elettronico.
Risultati di apprendimento attesiConoscenze e comprensione: conoscere lo sviluppo delle lingue e, progressivamente, delle letterature romanze, dalla tarda antichità fino ai primi secoli del Medioevo; studiare le fasi di questo sviluppo, dal latino volgare alla fissazione delle lingue romanze nei primi testi scritti, a carattere pratico e documentale, fino ai primi testi romanzi a carattere compiutamente letterario; fissare, in questa diacronia, i momenti salienti della storia della cultura e del pensiero; lettura, traduzione e commento di testi delle origini, provenienti dalle principali aree linguistiche della Romània. Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: capacità di leggere, tradurre, commentare, comprendere e analizzare approfonditamente i testi analizzati durante il corso, individuando e discutendo in maniera problematica le loro peculiarità al fine di collocarli nel panorama storico-letterario; chiarirne, inoltre, la natura linguistica. Abilità nella comunicazione: nell’esposizione orale, capacità di esprimersi con chiarezza e rigore, impiegando il linguaggio specifico della disciplina. Capacità di studio: utilizzo opportuno e autonomo della bibliografia di supporto, saper individuare i principali strumenti della disciplina e saperli utilizzare; compiere ricerche letterarie, grammaticali, lessicografiche e storiche in biblioteca e in rete.
Insegnamento mutuante inLINGUE, CULTURE, TURISMO (A002) - L1004 FILOLOGIA ROMANZA MAGISTRALE - VERCELLI
LINGUE, CULTURE, TURISMO (A002) - L1004 FILOLOGIA ROMANZA MAGISTRALE - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0053 FILOLOGIA ROMANZA A - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0053 FILOLOGIA ROMANZA A - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0053 FILOLOGIA ROMANZA A - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0053 FILOLOGIA ROMANZA A - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0053 FILOLOGIA ROMANZA A - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - LP034 FILOLOGIA ROMANZA MAGISTRALE - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - LP034 FILOLOGIA ROMANZA MAGISTRALE - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L1004 FILOLOGIA ROMANZA MAGISTRALE - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L1004 FILOLOGIA ROMANZA MAGISTRALE - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L1036 FILOLOGIA ROMANZA MAGISTRALE - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L1036 FILOLOGIA ROMANZA MAGISTRALE - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoFILOSOFIA MORALE 1
CodiceLE0291
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoPOMA Iolanda
DocentiPOMA Iolanda
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-FIL/03 - FILOSOFIA MORALE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoC - Affine o integrativo
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
SedeALESSANDRIA
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiSOGGETTIVITA' MORALE E VINCOLO INTERSOGGETTIVO
Testi di riferimentoE. Husserl, Meditazioni cartesiane, Bompiani, Milano 1989. Un’antologia di testi di P. Ricoeur e di B. Waldenfels sarà fornita all’inizio del corso.
Obiettivi formativi• obiettivi - conoscenze e comprensione: Acquisizione di nozioni di base della filosofia morale, con attenzione ai problemi e alle tematiche fondamentali, ai metodi e alla storia del pensiero. • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Capacità di orientarsi nell'interpretazione di testi filosofici del pensiero contemporaneo, e di connetterli al percorso teorico-concettuale della disciplina.
PrerequisitiNon sono richiesti prerequisiti
Metodi didatticiLezioni frontali, analisi e commento dei testi, discussioni di gruppo, seminari.
Altre informazioniIl corso si terrà il lunedì (11-13/14-16). CORSO PRE-FIT. Ambito C "ANTROPOLOGIA" valido ai fini pre-FIT per tutte le classi di concorso. Ambito D "METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE" valido ai fini pre-FIT per le classi di concorso: A18, A19.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa prova finale prevede un esame orale di circa 20/25 minuti, con il quale verificare le conoscenze inserite tra gli obiettivi e i risultati di apprendimento attesi. Il colloquio si struttura in 4 sezioni: 1) almeno una domanda sulla parte introduttiva della disciplina; 2) almeno una domanda sulla parte di programma vertente la fenomenologia husserliana e la V delle Meditazioni cartesiane di Husserl; 3) almeno una domanda sulla parte riguardante la filosofia di Paul Ricoeur; 4) almeno una domanda sul pensiero di Bernhard Waldenfels. L'esame avrà esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18/30. La formulazione del voto complessivo si baserà sui seguenti elementi: risposte a domande della Sezione 1: 20% della valutazione; risposte a domande della Sezione 2: 20% della valutazione; risposte a domande della Sezione 3: 20% della valutazione; risposte a domande della Sezione 4: 20% della valutazione. Esposizione attenta alla precisione della terminologia e alla correttezza argomentativa: 20%. La lode verrà assegnata sulla base della valutazione dell'accuratezza, approfondimento e capacità di elaborazione della risposta.
Programma estesoDopo una parte introduttiva alla disciplina e ai temi che informano l'agire pratico-morale, il corso si sofferma sul pensiero di Paul Ricoeur e di Bernhard Waldenfels, nel loro confronto critico con la fenomenologia di Husserl, per ciò che riguarda il nucleo tematico centrale della filosofia morale che è il soggetto, nella sua costitutiva apertura all'altro. Un soggetto intimamente abitato dall'alterità è in grado di contestare le istanze di un soggetto autocentrato e assoluto e di rimettere in gioco i temi delle differenze, delle disuguaglianze e delle relazioni sociali, in una prospettiva di dialogo e di integrazione.
Risultati di apprendimento attesiConoscenza e comprensione: - conoscere i problemi e i principi della filosofia morale; - conoscere testi classici, individuandone i nodi tematici fondamentali nelle loro peculiari declinazioni. Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: - capacità di affrontare testi filosofici e di connetterli al percorso teorico-concettuale della disciplina; - capacità di esporre e di discutere la posizione degli Autori, utilizzando in modo appropriato i concetti fondamentali della disciplina. Autonomia di giudizi e abilità comunicative: - capacità di affrontare in modo appropriato la materia, articolando gli interventi, interagendo nella discussione e apprendendo i metodi di trasmissione anche in prospettiva didattica. Capacità di apprendimento: - capacità di analisi, sintesi e comprensione interpretativa dei testi, anche in relazione a un'applicazione didattica della conoscenza filosofica nell'ambito dell'insegnamento.
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoFILOSOFIA MORALE A
CodiceL0207
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoPOMA Iolanda
DocentiPOMA Iolanda
CFU6
Ore di lezione36
Ore di studio individuale114
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-FIL/03 - FILOSOFIA MORALE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoC - Affine o integrativo
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoitaliano
ContenutiSOGGETTIVITA' MORALE E VINCOLO INTERSOGGETTIVO
Testi di riferimentoE. Husserl, Meditazioni cartesiane, Bompiani, Milano 1989. Un’antologia di testi di P. Ricoeur e di B. Waldenfels sarà fornita all’inizio del corso. Per la parte seminariale: I. Poma, Le eresie della fenomenologia. Itinerario tra Merleau-Ponty, Ricoeur, Levinas, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli 1996; P. Ricoeur, Etica e morale, Morcelliana, Brescia 2007; B. Waldenfels, Estraneo, straniero, straordinario. Saggi di fenomenologia responsiva, Rosenberg & Sellier, Torino 2011. Eventuali altri testi saranno proposti all’inizio del corso.
Obiettivi formativi• obiettivi - conoscenze e comprensione: Acquisizione di nozioni di base della filosofia morale, con attenzione ai problemi e alle tematiche fondamentali, ai metodi e alla storia del pensiero. • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Capacità di orientarsi nell'interpretazione di testi filosofici del pensiero contemporaneo, e di connetterli al percorso teorico-concettuale della disciplina.
PrerequisitiNon sono richiesti prerequisiti
Metodi didatticiLezioni frontali, analisi e commento dei testi, discussioni di gruppo, seminari.
Altre informazioniIl corso si terrà nei giorni di lunedì-giovedì-venerdì dalle 16 alle 18. CORSO PRE-FIT. Ambito C "ANTROPOLOGIA" valido ai fini pre-FIT per tutte le classi di concorso. Ambito D "METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE" valido ai fini pre-FIT per le classi di concorso: A18, A19.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa prova finale prevede un esame orale di circa 20/25 minuti, con il quale verificare le conoscenze inserite tra gli obiettivi e i risultati di apprendimento attesi. Il colloquio si struttura in 5 sezioni: 1) almeno una domanda sulla parte introduttiva della disciplina; 2) almeno una domanda sulla parte di programma vertente la fenomenologia husserliana e la V delle Meditazioni cartesiane di Husserl; 3) almeno una domanda sulla parte riguardante la filosofia di Paul Ricoeur; 4) almeno una domanda sul pensiero di Bernhard Waldenfels; 5) almeno una domanda sulla parte seminariale. L'esame avrà esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18/30. La formulazione del voto complessivo si baserà sui seguenti elementi: risposte a domande della Sezione 1: 20% della valutazione; risposte a domande della Sezione 2: 20% della valutazione; risposte a domande della Sezione 3: 20% della valutazione; risposte a domande della Sezione 4: 20% della valutazione; risposte a domande della Sezione 5: 10% della valutazione. Esposizione attenta alla precisione della terminologia e alla correttezza argomentativa: 10%. La lode verrà assegnata sulla base della valutazione dell'accuratezza, approfondimento e capacità di elaborazione della risposta.
Programma estesoDopo una parte introduttiva alla disciplina e ai temi che informano l'agire pratico-morale, il corso si sofferma sul pensiero di Paul Ricoeur e di Bernhard Waldenfels, nel loro confronto critico con la fenomenologia di Husserl, per ciò che riguarda il nucleo tematico centrale della filosofia morale che è il soggetto, nella sua costitutiva apertura all'altro. Un soggetto intimamente abitato dall'alterità è in grado di contestare le istanze di un soggetto autocentrato e assoluto e di rimettere in gioco i temi delle differenze, delle disuguaglianze e delle relazioni sociali, in una prospettiva di dialogo e di integrazione.
Risultati di apprendimento attesiConoscenza e comprensione: - conoscere i problemi e i principi della filosofia morale; - conoscere testi classici, individuandone i nodi tematici fondamentali nelle loro peculiari declinazioni. Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: - capacità di affrontare testi filosofici e di connetterli al percorso teorico-concettuale della disciplina; - capacità di esporre e di discutere la posizione degli Autori, utilizzando in modo appropriato i concetti fondamentali della disciplina. Autonomia di giudizi e abilità comunicative: - capacità di affrontare in modo appropriato la materia, articolando gli interventi, interagendo nella discussione e apprendendo i metodi di trasmissione anche in prospettiva didattica. Capacità di apprendimento: - capacità di analisi, sintesi e comprensione interpretativa dei testi, anche in relazione a un'applicazione didattica della conoscenza filosofica nell'ambito dell'insegnamento.
Insegnamento mutuato daFILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0207 FILOSOFIA MORALE A - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoFILOSOFIA TEORETICA
CodiceL0271
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoGHISLERI Luca
DocentiGHISLERI Luca
CFU6
Ore di lezione36
Ore di studio individuale114
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-FIL/01 - FILOSOFIA TEORETICA
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoC - Affine o integrativo
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiInterpretazione e verità
Testi di riferimentoIl pensiero ermeneutico, a cura di M. Ravera, Marietti, Genova 1986, pp. VII-X, 3-19, 113-136, 173-198 M. Heidegger, tr. it. Essere e tempo, Longanesi, Milano 1976, parr. 7, 31-34, 44 P. Ricoeur, tr. it. Il conflitto delle interpretazioni, Jaka Book, Milano 1986, pp. 7-37, 331-348 L. Pareyson, Verità e interpretazione, Mursia, Milano 1971, pp. 7-31, 53-90 H.-G. Gadamer, tr. it. Verità e metodo, Bompiani, Milano 1989, pp. I-XLVIII, 5-22, 132-153, 2020-207, 312-465, 502-559 D. Di Cesare, Gadamer, Il Mulino, Bologna 2007 E. Ruffaldi, Insegnare filosofia, La Nuova Italia 1999, pp. 101-130
Obiettivi formativiIl corso intende, anzitutto, introdurre gli studenti alla conoscenza e alla comprensione di alcuni tra i principali temi e autori dell’ermeneutica moderna e contemporanea e intende poi presentare, più nel dettaglio, i principali nuclei teorici dell’opera di Gadamer “Verità e metodo”, considerata come importante strumento per una lettura critica e formativa di ogni relazione dell’uomo con il mondo. Il corso intende anche offrire agli studenti gli strumenti per comprendere in modo autonomo un testo di filosofia teoretica e per esprimere un giudizio critico intorno ad esso.
PrerequisitiSono richieste le conoscenze di base necessarie per un agevole accesso ai corsi del Dipartimento
Metodi didatticiLezioni frontali e seminari.
Altre informazioniGli studenti non frequentanti devono contattare il docente per ricevere indicazioni riguardo alla bibliografia integrativa. CORSO PRE-FIT. Ambito D "METODOLOGIE E TECNOLOGIE DIDATTICHE" valido ai fini pre-FIT per le classi di concorso: A18, A19.
Modalità di verifica dell'apprendimentoDurante l’esame, che si terrà in forma orale, si verificherà anzitutto la conoscenza dei principali aspetti di un argomento relativamente ampio e la sua relativa contestualizzazione storica (40%); si accerterà poi la comprensione analitica e sintetica di un argomento più circoscritto facendo particolare attenzione alla correttezza dell’esposizione (30%); si chiederà infine il commento di un brano tratto da uno dei testi presentati durante il corso insieme al giudizio critico e autonomo intorno ad esso (30%).
Programma estesoNel primo modulo (36 ore), dopo un breve excursus storico-teorico in cui si presenteranno lo statuto dell’ermeneutica e alcune tra le principali linee del suo sviluppo storico, si analizzeranno soprattutto, anche attraverso la lettura e il commento dei testi, le figure di Schleiermacher, Dilthey, Heidegger, Ricoeur e Pareyson. Nel secondo modulo (18 ore) si analizzeranno in modo seminariale le parti salienti dell’opera di Gadamer “Verità e metodo”. I contenuti e gli obiettivi previsti saranno presentati e raggiunti anche fornendo adeguate indicazioni metodologiche riguardanti la didattica della filosofia con particolare riferimento al ruolo specifico dell’insegnante e alle modalità di progettazione dell’attività di insegnamento.
Risultati di apprendimento attesiCi si attende che gli studenti si sappiano orientare adeguatamente nella conoscenza e nella comprensione dei contenuti proposti e che acquisiscano alcuni essenziali strumenti critici per esprimere in modo autonomo un giudizio personale riguardo ad essi.
Insegnamento mutuato daFILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0271 FILOSOFIA TEORETICA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoGEOGRAFIA
CodiceL0976
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoAFFERNI Raffaella
DocentiAFFERNI Raffaella
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
L0919 GEOGRAFIA A M-GGR/01 - GEOGRAFIA AFFERNI Raffaella
L0977 GEOGRAFIA UMANA M-GGR/01 - GEOGRAFIA AFFERNI Raffaella
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoGEOGRAFIA A
CodiceL0919
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoAFFERNI Raffaella
DocentiAFFERNI Raffaella
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-GGR/01 - GEOGRAFIA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno2
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiLE COMPONENTI AMBIENTALI, CULTURALI, ECONOMICO-SOCIALI E STORICHE DELL’ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE.
Testi di riferimentoDAGRADI P., CENCINI C., Compendio di Geografia umana, Bologna, Patron, ultima edizione FRÉMONT A., Vi piace la geografia?, Roma, Carocci, ultima edizione (trad. a cura di D. Gavinelli).
Obiettivi formativiConoscenze e comprensione: essere in grado di cogliere i caratteri dell’organizzazione sociale ed economica della superficie terrestre. Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: essere in grado di comprendere i principali caratteri e dinamiche del territorio dalla scala locale a quella globale. Espressione di giudizi: saper esprimere giudizi sullo sviluppo sostenibile in base ai principi di integrità ecosistemica, efficienza economica e integrità sociale. Abilità nella comunicazione: introduzione al linguaggio della "geograficità". Capacità di studio: capacità di accostarsi alla letteratura geografico-antropica.
PrerequisitiConoscenze geografiche di base fornite dalla scuola superiore
Metodi didatticiLezioni frontali in aula e lezioni itineranti nello spazio urbano vercellese; lettura delle carte geografiche; materiali on-line attraverso il servizio DIR – Didattica In Rete
Altre informazioniGli studenti acquisiscono 12 crediti nel settore M-GGR/01 frequentando anche il corso di Geografia umana (previsto per il II anno a tempo pieno). Tali crediti sono indispensabili per l’accesso all’insegnamento nella scuola secondaria di primo e secondo grado per le classi A-11 (Discipline letterarie e latino), A-12 (Discipline letterarie negli istituti di istruzione secondaria di II grado), A-22 (Italiano, storia, geografia nella scuola secondaria di I grado).
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame scritto della durata variabile (orientativamente di un’ora) con domande aperte sui temi trattati a lezione e sui contenuti dei testi proposti in bibliografia. L’esame avrà esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18/30. L’esame consisterà nell’accertamento della conoscenza degli argomenti/testi in programma (dall’evoluzione del pensiero geografico alle principali modalità di organizzazione del territorio), usando la terminologia appropriata e dimostrando capacità di argomentazione, con particolare attenzione all’acquisizione di contenuti, metodi e bibliografia geografica. Sarà valutata come eccellente una prova che dimostri una visione organica dei temi affrontati a lezione e sui testi proposti in bibliografia, articolate capacità di sintesi e di analisi, ottima padronanza espressiva, buona capacità di elaborazione personale. Sarà valutata come discreta una prova che dimostri conoscenza della materia e linguaggio corretto ma limitata capacità di elaborazione personale. Sarà valutata come sufficiente una prova che dimostri solo conoscenze minimali del programma d’esame, limitata padronanza espressiva e scarsa capacità di elaborazione personale. Sarà inoltre valutata positivamente la partecipazione attiva alle lezioni.
Programma estesoPartendo dallo sviluppo del pensiero geografico internazionale dell'Ottocento e da quello della prima metà del Novecento, si esaminerà il rapporto uomo-ambiente con i connessi problemi di degrado ambientale. Si passerà poi ad analizzare l'influenza nell'organizzazione del territorio dei fattori culturali, di quelli storico-sociali e di quelli economico-politici.
Risultati di apprendimento attesiIl corso si propone di fornire gli strumenti analitici essenziali per comprendere l’evoluzione del pensiero geografico e le principali modalità di organizzazione del territorio. Per raggiungere conoscenze e competenze sufficienti, allo studente si chiede di dimostrare: CONOSCENZE - Conoscere lo sviluppo del pensiero geografico internazionale dell'Ottocento; - Conoscere lo sviluppo del pensiero geografico internazionale della prima metà del Novecento; - Conoscere il rapporto uomo-ambiente con i connessi problemi di degrado ambientale; - Conoscere l'influenza nell'organizzazione del territorio dei fattori culturali, storico-sociali ed economico-politici. COMPETENZE - Saper analizzare le tematiche proposte in modo critico. ABILITÀ TRASVERSALI - Saper presentare in modo chiaro ed efficace conoscenze, informazioni e opinioni sulle tematiche trattate, utilizzando un linguaggio e una terminologia appropriati. Per il conseguimento di un livello avanzato, lo studente deve inoltre dimostrare di possedere: - Una visione organica dei temi affrontati a lezione, capacità di sintesi e di analisi; - Capacità di elaborazione personale e critica delle tematiche trattate, con ottima padronanza espressiva; - Capacità di approfondire autonomamente particolari argomenti.
Insegnamento mutuato daLETTERE (1722) - L0919 GEOGRAFIA A - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoGEOGRAFIA UMANA
CodiceL0977
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoAFFERNI Raffaella
DocentiAFFERNI Raffaella
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-GGR/01 - GEOGRAFIA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiLA GEOGRAFIA UMANA PER LO STUDIO DEI PROBLEMI DEL MONDO ATTUALE
Testi di riferimentoMINCA C., COLOMBINO A., Breve manuale di geografia umana, Padova, Cedam, 2013. AIME M., PAPOTTI D. (a cura di), Piccolo lessico della diversità, Treviso, Fondazione Benetton Studi Ricerche, 2018
Obiettivi formativiConoscenze e comprensione: acquisire mappe cognitive che consentano di comprendere il ruolo dell’uomo nell’organizzazione del territorio dal “vicino” e dai luoghi dell’esperienza quotidiana al “lontano”. Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: saper "leggere" il ruolo della dimensione spaziale in ciò che si vive e si osserva (il peso della distanza su fatti ed eventi). Espressione di giudizi: saper esprimere giudizi circa le dinamiche naturali e antropiche che causano le differenze territoriali. Abilità nella comunicazione: approfondimenti del linguaggio della "geograficità". Capacità di studio: capacità di accostarsi alla letteratura geografico-antropica.
PrerequisitiConoscenze geografiche di base fornite dalla scuola superiore
Metodi didatticiLezioni frontali in aula e lezioni itineranti nello spazio urbano vercellese; lettura delle carte geografiche; materiali on-line attraverso il servizio DIR – Didattica In Rete.
Altre informazioniGli studenti acquisiscono 12 crediti nel settore M-GGR/01 frequentando anche il corso di Geografia A (previsto per il II anno a tempo pieno). Tali crediti sono indispensabili per l’accesso all’insegnamento nella scuola secondaria di primo e secondo grado per le classi A-11 (Discipline letterarie e latino), A-12 (Discipline letterarie negli istituti di istruzione secondaria di II grado), A-22 (Italiano, storia, geografia nella scuola secondaria di I grado).
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame scritto della durata variabile (orientativamente di un’ora) con domande aperte sui temi trattati a lezione e sui contenuti dei testi proposti in bibliografia. L’esame avrà esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18/30. L’esame consisterà nell’accertamento della conoscenza degli argomenti/testi in programma e la capacità di applicare mappe cognitive che consentano di comprendere il ruolo dell’uomo nell’organizzazione del territorio, usando la terminologia appropriata e dimostrando capacità di argomentazione, con particolare attenzione all’acquisizione di contenuti, metodi e bibliografia geografico-antropica. Sarà valutata come eccellente una prova che dimostri una visione organica dei temi affrontati a lezione e sui testi proposti in bibliografia, articolate capacità di sintesi e di analisi, ottima padronanza espressiva, buona capacità di elaborazione personale. Sarà valutata come discreta una prova che dimostri conoscenza della materia e linguaggio corretto ma limitata capacità di elaborazione personale. Sarà valutata come sufficiente una prova che dimostri solo conoscenze minimali del programma d’esame, limitata padronanza espressiva e scarsa capacità di elaborazione personale. Sarà inoltre valutata positivamente la partecipazione attiva alle lezioni.
Programma estesoLa geografia umana nel mondo d’oggi. Paesaggi, spazio vissuto e spazio alienato. La geografia sociale e la geografia culturale. Territori, "geografie", cittadinanza. La città e la campagna ieri e oggi. L’altro e l’altrove. Turismo e autenticità.
Risultati di apprendimento attesiIl corso si propone di fornire gli strumenti analitici essenziali per comprendere la geografia del mondo contemporaneo e le principali differenze tra città e campagna di ieri e di oggi. Per raggiungere conoscenze e competenze sufficienti, allo studente si chiede di dimostrare: CONOSCENZE - Conoscere i principali paesaggi, lo spazio vissuto e lo spazio alienato; - Conoscere la geografia sociale e la geografia culturale; - Conoscere le principali differenze tra territori, "geografie", cittadinanza; - Conoscere la città e la campagna ieri e oggi; - Conoscere l’altro e l’altrove, il turismo e l’autenticità. COMPETENZE - Saper analizzare le tematiche proposte in modo critico. ABILITÀ TRASVERSALI - Saper presentare in modo chiaro ed efficace conoscenze, informazioni e opinioni sulle tematiche trattate, utilizzando un linguaggio e una terminologia appropriati. Per il conseguimento di un livello avanzato, lo studente deve inoltre dimostrare di possedere: - Una visione organica dei temi affrontati a lezione, capacità di sintesi e di analisi; - Capacità di elaborazione personale e critica delle tematiche trattate, con ottima padronanza espressiva; - Capacità di approfondire autonomamente particolari argomenti.
Insegnamento mutuato daLINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0004 GEOGRAFIA UMANA ( MOD.B ) - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoGEOGRAFIA
CodiceL0976
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoAFFERNI Raffaella
DocentiAFFERNI Raffaella
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno2
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
L0919 GEOGRAFIA A M-GGR/01 - GEOGRAFIA AFFERNI Raffaella
L0977 GEOGRAFIA UMANA M-GGR/01 - GEOGRAFIA AFFERNI Raffaella
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoGEOGRAFIA A
CodiceL0919
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoAFFERNI Raffaella
DocentiAFFERNI Raffaella
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-GGR/01 - GEOGRAFIA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiLE COMPONENTI AMBIENTALI, CULTURALI, ECONOMICO-SOCIALI E STORICHE DELL’ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE.
Testi di riferimentoDAGRADI P., CENCINI C., Compendio di Geografia umana, Bologna, Patron, ultima edizione FRÉMONT A., Vi piace la geografia?, Roma, Carocci, ultima edizione (trad. a cura di D. Gavinelli).
Obiettivi formativiConoscenze e comprensione: essere in grado di cogliere i caratteri dell’organizzazione sociale ed economica della superficie terrestre. Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: essere in grado di comprendere i principali caratteri e dinamiche del territorio dalla scala locale a quella globale. Espressione di giudizi: saper esprimere giudizi sullo sviluppo sostenibile in base ai principi di integrità ecosistemica, efficienza economica e integrità sociale. Abilità nella comunicazione: introduzione al linguaggio della "geograficità". Capacità di studio: capacità di accostarsi alla letteratura geografico-antropica.
PrerequisitiConoscenze geografiche di base fornite dalla scuola superiore
Metodi didatticiLezioni frontali in aula e lezioni itineranti nello spazio urbano vercellese; lettura delle carte geografiche; materiali on-line attraverso il servizio DIR – Didattica In Rete
Altre informazioniGli studenti acquisiscono 12 crediti nel settore M-GGR/01 frequentando anche il corso di Geografia umana (previsto per il II anno a tempo pieno). Tali crediti sono indispensabili per l’accesso all’insegnamento nella scuola secondaria di primo e secondo grado per le classi A-11 (Discipline letterarie e latino), A-12 (Discipline letterarie negli istituti di istruzione secondaria di II grado), A-22 (Italiano, storia, geografia nella scuola secondaria di I grado).
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame scritto della durata variabile (orientativamente di un’ora) con domande aperte sui temi trattati a lezione e sui contenuti dei testi proposti in bibliografia. L’esame avrà esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18/30. L’esame consisterà nell’accertamento della conoscenza degli argomenti/testi in programma (dall’evoluzione del pensiero geografico alle principali modalità di organizzazione del territorio), usando la terminologia appropriata e dimostrando capacità di argomentazione, con particolare attenzione all’acquisizione di contenuti, metodi e bibliografia geografica. Sarà valutata come eccellente una prova che dimostri una visione organica dei temi affrontati a lezione e sui testi proposti in bibliografia, articolate capacità di sintesi e di analisi, ottima padronanza espressiva, buona capacità di elaborazione personale. Sarà valutata come discreta una prova che dimostri conoscenza della materia e linguaggio corretto ma limitata capacità di elaborazione personale. Sarà valutata come sufficiente una prova che dimostri solo conoscenze minimali del programma d’esame, limitata padronanza espressiva e scarsa capacità di elaborazione personale. Sarà inoltre valutata positivamente la partecipazione attiva alle lezioni.
Programma estesoPartendo dallo sviluppo del pensiero geografico internazionale dell'Ottocento e da quello della prima metà del Novecento, si esaminerà il rapporto uomo-ambiente con i connessi problemi di degrado ambientale. Si passerà poi ad analizzare l'influenza nell'organizzazione del territorio dei fattori culturali, di quelli storico-sociali e di quelli economico-politici.
Risultati di apprendimento attesiIl corso si propone di fornire gli strumenti analitici essenziali per comprendere l’evoluzione del pensiero geografico e le principali modalità di organizzazione del territorio. Per raggiungere conoscenze e competenze sufficienti, allo studente si chiede di dimostrare: CONOSCENZE - Conoscere lo sviluppo del pensiero geografico internazionale dell'Ottocento; - Conoscere lo sviluppo del pensiero geografico internazionale della prima metà del Novecento; - Conoscere il rapporto uomo-ambiente con i connessi problemi di degrado ambientale; - Conoscere l'influenza nell'organizzazione del territorio dei fattori culturali, storico-sociali ed economico-politici. COMPETENZE - Saper analizzare le tematiche proposte in modo critico. ABILITÀ TRASVERSALI - Saper presentare in modo chiaro ed efficace conoscenze, informazioni e opinioni sulle tematiche trattate, utilizzando un linguaggio e una terminologia appropriati. Per il conseguimento di un livello avanzato, lo studente deve inoltre dimostrare di possedere: - Una visione organica dei temi affrontati a lezione, capacità di sintesi e di analisi; - Capacità di elaborazione personale e critica delle tematiche trattate, con ottima padronanza espressiva; - Capacità di approfondire autonomamente particolari argomenti.
Insegnamento mutuante inLETTERE (1722) - L0919 GEOGRAFIA A - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoGEOGRAFIA UMANA
CodiceL0977
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoAFFERNI Raffaella
DocentiAFFERNI Raffaella
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-GGR/01 - GEOGRAFIA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiLA GEOGRAFIA UMANA PER LO STUDIO DEI PROBLEMI DEL MONDO ATTUALE
Testi di riferimentoMINCA C., COLOMBINO A., Breve manuale di geografia umana, Padova, Cedam, 2013. AIME M., PAPOTTI D. (a cura di), Piccolo lessico della diversità, Treviso, Fondazione Benetton Studi Ricerche, 2018
Obiettivi formativiConoscenze e comprensione: acquisire mappe cognitive che consentano di comprendere il ruolo dell’uomo nell’organizzazione del territorio dal “vicino” e dai luoghi dell’esperienza quotidiana al “lontano”. Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: saper "leggere" il ruolo della dimensione spaziale in ciò che si vive e si osserva (il peso della distanza su fatti ed eventi). Espressione di giudizi: saper esprimere giudizi circa le dinamiche naturali e antropiche che causano le differenze territoriali. Abilità nella comunicazione: approfondimenti del linguaggio della "geograficità". Capacità di studio: capacità di accostarsi alla letteratura geografico-antropica.
PrerequisitiConoscenze geografiche di base fornite dalla scuola superiore
Metodi didatticiLezioni frontali in aula e lezioni itineranti nello spazio urbano vercellese; lettura delle carte geografiche; materiali on-line attraverso il servizio DIR – Didattica In Rete.
Altre informazioniGli studenti acquisiscono 12 crediti nel settore M-GGR/01 frequentando anche il corso di Geografia A (previsto per il II anno a tempo pieno). Tali crediti sono indispensabili per l’accesso all’insegnamento nella scuola secondaria di primo e secondo grado per le classi A-11 (Discipline letterarie e latino), A-12 (Discipline letterarie negli istituti di istruzione secondaria di II grado), A-22 (Italiano, storia, geografia nella scuola secondaria di I grado).
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame scritto della durata variabile (orientativamente di un’ora) con domande aperte sui temi trattati a lezione e sui contenuti dei testi proposti in bibliografia. L’esame avrà esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18/30. L’esame consisterà nell’accertamento della conoscenza degli argomenti/testi in programma e la capacità di applicare mappe cognitive che consentano di comprendere il ruolo dell’uomo nell’organizzazione del territorio, usando la terminologia appropriata e dimostrando capacità di argomentazione, con particolare attenzione all’acquisizione di contenuti, metodi e bibliografia geografico-antropica. Sarà valutata come eccellente una prova che dimostri una visione organica dei temi affrontati a lezione e sui testi proposti in bibliografia, articolate capacità di sintesi e di analisi, ottima padronanza espressiva, buona capacità di elaborazione personale. Sarà valutata come discreta una prova che dimostri conoscenza della materia e linguaggio corretto ma limitata capacità di elaborazione personale. Sarà valutata come sufficiente una prova che dimostri solo conoscenze minimali del programma d’esame, limitata padronanza espressiva e scarsa capacità di elaborazione personale. Sarà inoltre valutata positivamente la partecipazione attiva alle lezioni.
Programma estesoLa geografia umana nel mondo d’oggi. Paesaggi, spazio vissuto e spazio alienato. La geografia sociale e la geografia culturale. Territori, "geografie", cittadinanza. La città e la campagna ieri e oggi. L’altro e l’altrove. Turismo e autenticità.
Risultati di apprendimento attesiIl corso si propone di fornire gli strumenti analitici essenziali per comprendere la geografia del mondo contemporaneo e le principali differenze tra città e campagna di ieri e di oggi. Per raggiungere conoscenze e competenze sufficienti, allo studente si chiede di dimostrare: CONOSCENZE - Conoscere i principali paesaggi, lo spazio vissuto e lo spazio alienato; - Conoscere la geografia sociale e la geografia culturale; - Conoscere le principali differenze tra territori, "geografie", cittadinanza; - Conoscere la città e la campagna ieri e oggi; - Conoscere l’altro e l’altrove, il turismo e l’autenticità. COMPETENZE - Saper analizzare le tematiche proposte in modo critico. ABILITÀ TRASVERSALI - Saper presentare in modo chiaro ed efficace conoscenze, informazioni e opinioni sulle tematiche trattate, utilizzando un linguaggio e una terminologia appropriati. Per il conseguimento di un livello avanzato, lo studente deve inoltre dimostrare di possedere: - Una visione organica dei temi affrontati a lezione, capacità di sintesi e di analisi; - Capacità di elaborazione personale e critica delle tematiche trattate, con ottima padronanza espressiva; - Capacità di approfondire autonomamente particolari argomenti.
Insegnamento mutuato daLINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0004 GEOGRAFIA UMANA ( MOD.B ) - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoGEOGRAFIA 1
CodiceLE0252
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoAFFERNI Raffaella
DocentiAFFERNI Raffaella
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-GGR/01 - GEOGRAFIA
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoA - Base
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
SedeALESSANDRIA
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiLE COMPONENTI AMBIENTALI, CULTURALI, ECONOMICO-SOCIALI E STORICHE DELL’ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE.
Testi di riferimentoDAGRADI P., CENCINI C., Compendio di Geografia umana, Bologna, Patron, ultima edizione FRÉMONT A., Vi piace la geografia?, Roma, Carocci, ultima edizione (trad. a cura di D. Gavinelli).
Obiettivi formativiConoscenze e comprensione: essere in grado di cogliere i caratteri dell’organizzazione sociale ed economica della superficie terrestre. Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: essere in grado di comprendere i principali caratteri e dinamiche del territorio dalla scala locale a quella globale. Espressione di giudizi: saper esprimere giudizi sullo sviluppo sostenibile in base ai principi di integrità ecosistemica, efficienza economica e integrità sociale. Abilità nella comunicazione: introduzione al linguaggio della "geograficità". Capacità di studio: capacità di accostarsi alla letteratura geografico-antropica.
PrerequisitiConoscenze geografiche di base fornite dalla scuola superiore
Metodi didatticiLezioni frontali in aula e lezioni itineranti nello spazio urbano vercellese; lettura delle carte geografiche; materiali on-line attraverso il servizio DIR – Didattica In Rete
Altre informazioniGli studenti acquisiscono 12 crediti nel settore M-GGR/01 frequentando anche il corso di Geografia umana 1. Tali crediti sono indispensabili per l’accesso all’insegnamento nella scuola secondaria di primo e secondo grado per le classi A-11 (Discipline letterarie e latino), A-12 (Discipline letterarie negli istituti di istruzione secondaria di II grado), A-22 (Italiano, storia, geografia nella scuola secondaria di I grado).
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame scritto della durata variabile (orientativamente di un’ora) con domande aperte sui temi trattati a lezione e sui contenuti dei testi proposti in bibliografia. L’esame avrà esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18/30. L’esame consisterà nell’accertamento della conoscenza degli argomenti/testi in programma (dall’evoluzione del pensiero geografico alle principali modalità di organizzazione del territorio), usando la terminologia appropriata e dimostrando capacità di argomentazione, con particolare attenzione all’acquisizione di contenuti, metodi e bibliografia geografica. Sarà valutata come eccellente una prova che dimostri una visione organica dei temi affrontati a lezione e sui testi proposti in bibliografia, articolate capacità di sintesi e di analisi, ottima padronanza espressiva, buona capacità di elaborazione personale. Sarà valutata come discreta una prova che dimostri conoscenza della materia e linguaggio corretto ma limitata capacità di elaborazione personale. Sarà valutata come sufficiente una prova che dimostri solo conoscenze minimali del programma d’esame, limitata padronanza espressiva e scarsa capacità di elaborazione personale. Sarà inoltre valutata positivamente la partecipazione attiva alle lezioni.
Programma estesoPartendo dallo sviluppo del pensiero geografico internazionale dell'Ottocento e da quello della prima metà del Novecento, si esaminerà il rapporto uomo-ambiente con i connessi problemi di degrado ambientale. Si passerà poi ad analizzare l'influenza nell'organizzazione del territorio dei fattori culturali, di quelli storico-sociali e di quelli economico-politici.
Risultati di apprendimento attesiIl corso si propone di fornire gli strumenti analitici essenziali per comprendere l’evoluzione del pensiero geografico e le principali modalità di organizzazione del territorio. Per raggiungere conoscenze e competenze sufficienti, allo studente si chiede di dimostrare: CONOSCENZE - Conoscere lo sviluppo del pensiero geografico internazionale dell'Ottocento; - Conoscere lo sviluppo del pensiero geografico internazionale della prima metà del Novecento; - Conoscere il rapporto uomo-ambiente con i connessi problemi di degrado ambientale; - Conoscere l'influenza nell'organizzazione del territorio dei fattori culturali, storico-sociali ed economico-politici. COMPETENZE - Saper analizzare le tematiche proposte in modo critico. ABILITÀ TRASVERSALI - Saper presentare in modo chiaro ed efficace conoscenze, informazioni e opinioni sulle tematiche trattate, utilizzando un linguaggio e una terminologia appropriati. Per il conseguimento di un livello avanzato, lo studente deve inoltre dimostrare di possedere: - Una visione organica dei temi affrontati a lezione, capacità di sintesi e di analisi; - Capacità di elaborazione personale e critica delle tematiche trattate, con ottima padronanza espressiva; - Capacità di approfondire autonomamente particolari argomenti.
Insegnamento mutuante inLETTERE (1722) - LE0264 GEOGRAFIA UMANA 1 - ALESSANDRIA
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoGEOGRAFIA POLITICA ED ECONOMICA A
CodiceL0005
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoEMANUEL Cesare
DocentiEMANUEL Cesare
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-GGR/02 - GEOGRAFIA ECONOMICO-POLITICA
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoC - Affine o integrativo
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
ContenutiGEOGRAFIA ECONOMICA. UNA PROSPETTIVA GLOBALE Il corso è finalizzato a fornire una introduzione alla geografia economica con riferimento a prospettive e approcci della ricerca contemporanea. Il corso utilizzerà il linguaggio e gli strumenti di un sapere che, di fronte alle nuove sfide conoscitive, si caratterizza per apertura concettuale e pluralismo teorico
Testi di riferimentoVanolo Alberto, Bignante Elisa, Celata Filippo, Geografie dello sviluppo. Una prospettiva critica e globale, UTET, Novara, 2014. Gli studenti che seguono il corso da 5 crediti sono esentati dal preparare il capitolo 8.
Obiettivi formativi• obiettivi - conoscenze e comprensione: capacità di interpretare i caratteri e i segni della globalizzazione alle diverse scale • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: capacità di cogliere le caratteristiche delle relazioni economiche, sociali e politiche presenti sul territorio • obiettivi - espressione di giudizi: saper esprimere giudizi circa le dinamiche economiche, sociali e politiche che condizionano l’organizzazione del territorio • obiettivi - abilità nella comunicazione: capacità di analizzare il linguaggio della comunicazione geo-cartografica • obiettivi - capacità di studio: capacità di accostarsi alla letteratura geografico-economica e geopolitica
PrerequisitiConoscenze geografiche di base fornite dalla scuola superiore
Metodi didatticiLezioni frontali in aula e lezioni itineranti nello spazio urbano vercellese; lettura delle carte geografiche; materiali on-line attraverso il servizio DIR – Didattica In Rete
Altre informazioniCorso consigliato agli studenti che hanno già conseguito crediti in una disciplina dei settori M-GGR/01 (Geografia) o M-GGR/02 (Geografia economico-politica).
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame scritto della durata variabile (orientativamente di un’ora) con domande aperte (eventualmente integrato da un colloquio) sui temi trattati a lezione e sui contenuti dei testi proposti in bibliografia.
Programma estesoIntroduzione alla geografia economica e principali concetti e significati (2 ore). Il sistema mondo. La crescita, lo sviluppo e i divari regionali. C’era una volta la Triade. L’emergere dei BRICS (6 ore). Lo sviluppo sostenibile, il degrado ambientale e la geografia dello sviluppo (4 ore). Le dinamiche demografiche e lo sviluppo economico (2 ore). La mobilità delle popolazioni: le migrazioni e il mercato del lavoro; il turismo come forma di mobilità temporanea (4 ore). L’organizzazione territoriale degli spazi produttivi: il primario, il secondario e il terziario parte (4 ore). Le logiche localizzative delle attività economiche (2 ore). Le reti economiche transnazionali: la globalizzazione e l’internazionalizzazione (4 ore). La governance globale dell’economia (2 ore).
Insegnamento mutuante inLETTERE (1722) - L0005 GEOGRAFIA POLITICA ED ECONOMICA A - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0005 GEOGRAFIA POLITICA ED ECONOMICA A - VERCELLI
LETTERE (1722) - L0005 GEOGRAFIA POLITICA ED ECONOMICA A - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoGLOTTOLOGIA
CodiceL0094
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoNAPOLI Maria
DocentiNAPOLI Maria
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/01 - GLOTTOLOGIA E LINGUISTICA
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiIntroduzione alla Linguistica Storica
Testi di riferimento(1) Elisabetta Magni, Linguistica Storica, Patron Editore, Bologna, 2014; (2) Franco Fanciullo, Introduzione alla linguistica storica, Il Mulino, Bologna, 2007 (limitatamente ai capitoli 1, 6, 7); (3) Nicola Grandi, Fondamenti di Tipologia Linguistica, Carocci Editore, Roma, 2014 (nuova edizione); (4) Le slides delle lezioni che verranno caricate sul DIR fanno parte integrante del programma d'esame.
Obiettivi formativiL’obiettivo primario è far acquisire allo studente una formazione di base nell’ambito della linguistica storica (che ne includa principi fondamentali, metodi e storia), al fine di analizzare e comprendere i meccanismi più importanti che regolano l'evoluzione diacronica delle lingue, con particolare riferimento alla famiglia indoeuropea. Un secondo obiettivo, più avanzato, è quello di porre lo studente nella condizione di applicare le nozioni e le metodologie apprese al ragionamento su dati empirici relativi a fenomeni di mutamento di varia natura.
PrerequisitiE’ un requisito utile ma non obbligatorio la conoscenza delle nozioni di base della linguistica generale, acquisita attraverso l’esame di “Fondamenti di Linguistica” o di “Linguistica Generale A”.
Metodi didatticiLezioni frontali e didattica in rete (DIR). Nel corso delle lezioni è previsto anche: (i) il coinvolgimento attivo degli studenti attraverso il commento di dati linguistici; (ii) la somministrazione di esercizi, da svolgere individualmente o in gruppo, finalizzati (a) alla applicazione del metodo comparativo e di ricostruzione; (b) all’analisi di diversi tipi di mutamento.
Altre informazioniNessuno.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa prova finale prevede un esame orale della durata di circa 30 minuti. Si intende verificare le conoscenze inserite tra gli obiettivi e i risultati di apprendimento attesi attraverso una strutturazione dell’esame in 4 sezioni: Sez. 1) = domande su nozioni di base, di natura sia teorica sia storica, inclusi gli aspetti metodologici (ad es., origini e peculiarità del metodo comparativo; principi di classificazione genealogica; rami della famiglia indoeuropea; cause del mutamento linguistico); Sez. 2) = almeno 1 domanda sulla tipologia linguistica (ad es., l’ordine delle parole e la distinzione in tipi sintattici); Sez. 3) = somministrazione di un esercizio di ricostruzione di una radice indoeuropea, che attesti la capacità di applicare empiricamente il metodo comparativo; Sez. 4) = analisi di almeno un tipo di mutamento specifico, che lo studente dovrà illustrare anche attraverso esempi a sua scelta da lingue antiche o moderne. Lo studente dovrà rispondere alle domande e argomentare usando l’appropriata terminologia scientifica. L’esame avrà esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18/30. Per raggiungere la sufficienza lo studente dovrà conoscere almeno le nozioni di base e mostrare di aver compreso la natura del metodo comparativo e di ricostruzione. La formulazione del voto complessivo si baserà sui seguenti elementi: uso della terminologia scientifica appropriata = 10% della valutazione; risposte a domande della Sezione 1) = 20% della valutazione; risposte a domande della Sezione 2) = 10% della valutazione; risoluzione di un esercizio della Sezione 3) = 30% della valutazione; discussione di dati del tipo in Sezione 4) = 30% della valutazione. La lode verrà assegnata sulla base di una valutazione dell'accuratezza, approfondimento e capacità di elaborazione della risposta.
Programma estesoIl corso introduce gli studenti alla linguistica storica, con particolare attenzione al metodo comparativo e alla ricostruzione linguistica. I dati linguistici sono tratti soprattutto ma non solo dall’ambito indoeuropeo. I principali temi trattati vertono su: classificazione genealogica e famiglie linguistiche; variazione tipologica; mutamento fonetico-fonologico; mutamento morfologico; mutamento semantico; mutamento sintattico; teorie del mutamento. • Unità didattica 1. Introduzione: la linguistica storica e la nozione di mutamento. • Unità didattica 2. Classificazione genealogica delle lingue: il metodo storico-comparativo. • Unità didattica 3. La famiglia indoeuropea. • Unità didattica 4. Classificazione tipologica delle lingue: la nozione di tipo linguistico e gli universali. • Unità didattica 5. Vari tipi di mutamento fonetico-fonologico. • Unità didattica 6. Ricostruzione del sistema consonantico e vocalico dell'indoeuropeo: leggi fonetiche. • Unità didattica 7. Il mutamento morfologico: analogia e grammaticalizzazione. • Unità didattica 8. Il mutamento sintattico e la ricostruzione. • Unità didattica 9. Il mutamento semantico: cause e meccanismi. • Unità didattica 10. Interlinguistica: il contatto tra lingue come fonte di mutamento. • Unità didattica 11. Aspetti teorici del mutamento linguistico: conclusioni.
Risultati di apprendimento attesiConoscenza e comprensione: - conoscere i principi teorici e i metodi costitutivi della linguistica storica - conoscere la storia della disciplina - conoscere le nozioni di base della tipologia linguistica - conoscere le specificità dei vari tipi di mutamento linguistico Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: - saper applicare il metodo comparativo - saper ricostruire una radice indoeuropea applicando le leggi fonetiche studiate - saper distinguere e descrivere tipologie diverse di mutamento Autonomia di giudizi: - formulare giudizi di valutazione su dati diacronici Abilità comunicative: - sapersi servire in modo coerente e appropriato della specifica terminologia scientifica, da apprendere attraverso i manuali in programma Capacità di apprendimento: - coniugare l’apprendimento di nozioni astratte con l’osservazione diretta di dati empirici tratti da lingue antiche e moderne
Insegnamento mutuato daLETTERE (1722) - LP023 GLOTTOLOGIA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoINTRODUZIONE ALLA CIVILTA' LETTERARIA GRECA
CodiceL0499
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBATTEZZATO Luigi
DocentiBATTEZZATO Luigi
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/02 - LINGUA E LETTERATURA GRECA L-FIL-LET/02
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiMITO E POESIA NELLA GRECIA ANTICA
Testi di riferimento(1) Omero, Odissea, a cura di F. Ferrari, UTET Libreria; in alternativa Omero, Odissea, a cura di V. Di Benedetto, BUR (2) Il teatro greco. Tragedie. Radici BUR. ISBN 88-17-00971-7; in alternativa I tragici greci. Eschilo, Sofocle, Euripide (a cura di F.M. Pontani e altri), ISBN 978-8854117112 Newton Compton 2010, euro 14. (3) Aristotele, Poetica, a cura di D. Lanza, BUR. (4) A. Capra, F. Conca, G. Lozza, A. Pizzone, G. Zanetto, Alla fonte delle Muse. Introduzione alla civiltà greca, Bollati Boringhieri 2007, ISBN 978-88-339-1737-5 (ora disponibile solo come e-book: http://www.mondadoristore.it/Alla-fonte-delle-muse-Aglae-Pizzone-Andrea-Capra-Fabrizio-Conca-Giuseppe-Lozza-Giuseppe-Zanetto/eai978883397195/) (studiare le pp. 81-142 e due capitoli a scelta della parte terza) o in alternativa Franco Montanari, Prima lezione di letteratura greca, Laterza, ISBN-13: 978-8842068914, euro 12 (per intero) o in alternativa Andrea Rodighiero, La tragedia greca, Il Mulino, Bologna 2013, ISBN-13: 978-8815244659, euro 15, pp. 1-150 o in alternativa Barbara Graziosi, Gli dèi dell’Olimpo: Storia di una sopravvivenza, UTET, ISBN 9788851123611, euro 20 (per intero). Ulteriore testo di riferimento: Aristofane, La festa delle donne, a cura di G. Paduano, BUR (esiste una traduzione senza note disponibile on line: http://www.filosofico.net/aristoffestadem42.htm)
Obiettivi formativi• obiettivi - conoscenze e comprensione: Acquisizione di conoscenza di base dei generi della poesia greca arcaica e classica (epica, lirica, tragedia, commedia), dei principali miti greci, del contesto di performance dei testi, e dell'interpretazione aristotelica dei generi trattati • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Acquisizione della capacità di ideare e sostenere argomentazioni per risolvere problemi nell'interpretazione di un testo della poesia greca arcaica e classica, anche sulla base delle teorizzazioni antiche sulla poetica. • obiettivi - espressione di giudizi: Acquisizione della capacità di esprimere giudizi sulle interpretazioni di testi poetici greci arcaici o classici in traduzione italiana, con particolare attenzione ai miti, al contesto storico, alle modalità di performance. • obiettivi - abilità nella comunicazione: Capacità di esporre in modo ordinato e chiaro i concetti e i dati appresi, con linguaggio appropriato e comprensibile a non specialisti, evitando la ripetizione mnemonica e muovendosi con logica personale tra i temi trattati • obiettivi - capacità di studio: Capacità, sulla base dei testi presi in esame durante il corso, di raccogliere i dati necessari per interpretare (in traduzione) altri testi greci appartenenti agli stessi generi letterari
PrerequisitiConoscenze informatiche di base (navigazione internet; utilizzo di file inseriti su DIR); buona conoscenza della lingua italiana; conoscenza di nozioni essenziali di storia antica e di geografia del Mediterraneo impartite nella scuola superiore.
Metodi didatticiLezione frontale, discussione in classe.
Altre informazioniIl docente ha preparato materiali didattici, disponibili sul servizio informatico interno dell’ateneo (DIR).
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa prova finale consiste in una verifica orale che verterà sui seguenti punti: verifica della conoscenza di dati essenziali relativi alla trattazione del mito in opere appartenenti a diversi generi letterari (domanda tipo: “come viene presentato il mito in una delle opere letterarie in programma?”) (40% del peso sul voto d’esame); verifica della conoscenza di dati essenziali relativi alla storia letteraria (domanda tipo: “in che contesto storico, geografico e di performance fu presentata al pubblico antico una delle opere letterarie in programma?”) (20% del peso sul voto d’esame); verifica della comprensione delle teorie letterarie antiche discusse in classe (domanda tipo: “come definisce Aristotele la tragedia/l’epica/l’arte/la storiografia/l’unità dell’opera d’arte/la catarsi/la pietà e la paura/la colpa tragica?”) (20% del peso sul voto d’esame); verifica della capacità di formulare giudizi sulle opere in programma, sulla base delle teorie letterarie discusse in classe e sui saggi in programma d’esame (domanda tipo: “le sembra che la teoria aristotelica renda conto in maniera soddisfacente dei problemi interpretativi di una delle opere letterarie in programma?”) (20% del peso sul voto d’esame). La valutazione si basa sul grado di conoscenze e comprensione dei testi e dei concetti in programma, sulla capacità di applicazione delle conoscenze al testo o al problema interpretativo proposto, e sul grado di capacità espressiva e comunicativa.
Programma estesoIntroduzione alla civiltà letteraria greca tramite la lettura in traduzione italiana e l'interpretazione di alcuni testi fondamentali: Omero, Odissea (canti 8-12), antologia della lirica greca (con riferimento a Saffo e Pindaro), Eschilo (Agamennone, Prometeo), Sofocle (Edipo Re, Antigone), Euripide (Medea, Ippolito, Eracle, Baccanti), Aristofane (La festa delle donne), Aristotele (Poetica). • unità didattica 1: Omero • unità didattica 2: Esiodo, Saffo, Pindaro • unità didattica 3: Introduzione al teatro greco • unità didattica 4: Eschilo: Agamennone, Prometeo • unità didattica 5: Sofocle: Edipo Re, Antigone • unità didattica 6: Euripide: Medea, Ippolito, Eracle, Baccanti • unità didattica 7: Aristofane: La festa delle donne • unità didattica 8: Aristotele: La Poetica
Risultati di apprendimento attesiconoscenza di dati essenziali relativi alla trattazione del mito in opere della civiltà letteraria greca antica appartenenti a diversi generi letterari; conoscenza di dati essenziali relativi alla storia letteraria greca antica; comprensione delle teorie letterarie della Grecia antica discusse in classe; capacità di formulare giudizi sulle opere in programma, sulla base delle teorie letterarie discusse in classe e sui saggi in programma d’esame
Insegnamento mutuato daLETTERE (1722) - LE0169 INTRODUZIONE ALLA CIVILTÀ LETTERARIA GRECA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoISTITUZIONI DI STORIA DELL'ARTE CONTEMPORANEA
CodiceL0769
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2014/2015
Corso di studio1722 - LETTERE
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoVANNUGLI Antonio
DocentiVANNUGLI Antonio
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-ART/03 - STORIA DELL'ARTE CONTEMPORANEA
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiL’ARTE IN ITALIA E IN EUROPA DAL NEOCLASSICISMO AL NOVECENTO
Testi di riferimentoUn esauriente manuale relativo al periodo storico trattato nel corso, preferibilmente Giulio Carlo Argan, L’arte moderna 1770-1970, Firenze 1970, o in alternativa Pierluigi De Vecchi ed Elda Cerchiari, Arte nel Tempo, volume 3, tomi I e II, Milano 1991, da integrarsi con Corrado Maltese, Storia dell’arte in Italia 1785-1943, Torino 1960, oppure con Anty Pansera e Maurizio Vitta, Guida all'arte contemporanea, Casale Monferrato 1986. Per ulteriore consultazione, le monografie sugli artisti dei secoli XIX e XX della serie dei Classici dell’arte Rizzoli, Milano 1966-1981. Altri testi verranno indicati nel corso delle lezioni.
Obiettivi formativi• Conoscenze e comprensione: conoscere i principali artisti e movimenti artistici del periodo trattato e le principali tematiche oggetto delle rappresentazioni artistiche, nonché i fondamentali rapporti tra le arti figurative e la cultura generale contemporanea e le motivazioni sottese alla creazione artistica. • Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: saper collocare nel tempo e ricondurre nel contesto di un movimento artistico-culturale le singole opere d’arte. • Espressione di giudizi: saper valutare il ruolo e l’importanza, all’interno della cultura europea dell’Ottocento e del Novecento, di una singola opera d’arte, dell’opera di un dato artista complessivamente e di un movimento artistico nel suo insieme. • Abilità nella comunicazione: saper descrivere la personalità di un dato artista in generale e le caratteristiche di un’opera d’arte con proprietà di linguaggio, distinguendo i vari livelli di lettura e interpretazione tra formale o preiconografica, iconografica e iconologica, operando in autonomia collegamenti con il contesto geografico e culturale di appartenenza. • Capacità di studio: saper elaborare criticamente le nozioni e i concetti essenziali appresi in modo da poter affrontare lo studio e l’approfondimento di ulteriori personalità e fenomeni artistici connotanti gli ultimi due secoli.
PrerequisitiUna conoscenza di base della storia política e culturale europea tra la Rivoluzione Francese e il periodo successive alla fine della Seconda Guerra Mondiale.
Metodi didatticiLezioni frontali, con eventuali sopralluoghi a musei e mostre temporanee.
Altre informazioniGli studenti impossibilitati a frequentare sono invitati a contattare il docente almeno un mese prima dell’esame per concordare i testi di studio e per ricevere eventuali materiali su supporto elettronico. In caso di mancata iscrizione agli appelli d’esame per via telematica, saranno ammessi a sostenere la prova SOLO coloro che avranno, con almeno tre giorni di anticipo, contattato il docente di persona oppure inviato un sms al telefono cellulare 349/8395631 oppure inviato un messaggio al suo indirizzo di posta elettronica. Non saranno ammesse eccezioni.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame orale, di durata compresa tra i venti e i trenta minuti e costituito da quattro domande, almeno una delle quali di carattere generale sui contenuti del corso e almeno due riguardanti l’analisi e il commento di opere d’arte attraverso l’osservazione di immagini digitali sul computer. Si valuteranno in particolare: 1. la conoscenza di base dei più importanti artisti e movimenti italiani ed europei dei secoli XIX e XX, anche in rapporto alle coeve espressioni letterarie, teatrali e musicali e più in generale al pensiero del tempo (a tale punto verrà attribuito il peso del 40% nella valutazione complessiva);2. la capacità di riconoscere, riferendole correttamente a un dato periodo e ambito culturale, alcune opere d’arte proposte attraverso fotografie mostrate sul computer (30% della valutazione complessiva); 3. la capacità di analizzare criticamente lo stile, l’iconografia e le finalità di alcune opere d’arte del periodo studiato usando una terminologia chiara e corretta (30% della valutazione complessiva).
Programma estesoFondamenti della storia dell’arte europea tra la fine del Settecento e i movimenti novecenteschi, attraverso l’analisi delle opere. Protagonisti