Laurea in Tecniche di laboratorio biomedico (abilitante alla professione sanitaria di tecnico di laboratorio biomedico)

Didattica erogata

Stampa guida
Stampa
Anno Codice Insegnamento Docenti Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Curriculum Sede CFU
1 MS0040 Biochimica e Biologia molecolare clinica MIGLIACCIO Enrica, PELICCI Giuliana BIO/10, BIO/12 Tutti NOVARA 5
1 MS0082 Inglese scientifico DESTRO Anna Maria L-LIN/12 Tutti NOVARA 3
1 MS0129 Le basi molecolari delle malattie CHIOCCHETTI Annalisa, CARINI Rita, AZZIMONTI Barbara MED/04, MED/07 Tutti NOVARA 6
1 MS0131 Metodologie di Laboratorio biomedico ALBANO Emanuele, ROSSATI Mariella, FORNARO Lucia, KRENGLI Marco MED/05, MED/46, FIS/07, MED/36 Tutti NOVARA 5
1 MS0132 Morfologia e Funzioni del corpo umano MOLINARI Claudio Giuseppe, SABBATINI Maurizio, BORSOTTI Chiara, FOLLENZI Antonia BIO/16, BIO/09, BIO/17 Tutti NOVARA 8
1 MS0828 OBBLIGO FORMATIVO AGGIUNTIVO - BIOLOGIA RUSPA Marta NN Tutti NOVARA
1 MS0829 OBBLIGO FORMATIVO AGGIUNTIVO - CHIMICA RUSPA Marta NN Tutti NOVARA
1 MS0434 Propedeutica di laboratorio ARNEODO Michele, FORNARO Lucia MED/46, FIS/07, NN Tutti NOVARA 5
1 MS0138 Scienze Fisiche e Statistiche RUSPA Marta, GUIDO Andrea, ABELLI Gianfranco FIS/07, INF/01, MED/01 Tutti NOVARA 6
1 MS0136 Scienze biomediche D'ALFONSO Sandra, COTELLA Diego, BAGNATI Marco BIO/13, MED/03, BIO/10 Tutti NOVARA 6
1 MS0117 Tirocinio I anno ROSSATI Mariella MED/46 Tutti NOVARA 13
2 MS0428 .Igiene e Medicina del lavoro BARONE ADESI Francesco, GROSSI Roberta, ZANOLI Vittorio MED/42, MED/44, MED/46 Tutti NOVARA 5
2 MS0262 Diagnostica di laboratorio PAVANELLI Maria Cristina, VIDALI Matteo, BARDONE Maria Beatrice, MENGOZZI Andrea BIO/12, MED/05, MED/46, ING-INF/05 Tutti NOVARA 9
2 MS0263 Diagnostica microbiologica RAVANINI Paolo, GOBBATO Elisa, GARAVELLI Pietro Luigi MED/07, NN Tutti NOVARA 7
2 MS0265 Fondamenti di Diagnostica di laboratorio MARZULLO Paolo, GAIDANO Gianluca, ASPESI Anna MED/15, MED/13, MED/04 Tutti NOVARA 7
2 MS0269 Immunologia e Immunoematologia CHIOCCHETTI Annalisa, MASCARO Gennaro MED/04, MED/46 Tutti NOVARA 5
2 MS0118 Tirocinio II anno ROSSATI Mariella MED/46 Tutti NOVARA 26
3 MC117 ADO NN Tutti NOVARA 3
3 MS0092 DIAGNOSTICA ISTOPATOLOGICA BOLDORINI Renzo Luciano, TOSONI Antonella, BOZZOLA Cristina, ERRA Stefania, NICOSIA Gabriella MED/08, NN, MED/46 Tutti NOVARA 11
3 MS0042 Diagnostica Molecolare ROLLA Roberta, CORRADO Lucia, CRUDELINI Marika, GIORDANO Mara MED/46, MED/05, MED/03 Tutti NOVARA 7
3 MS0374 Farmacotossicologia e Galenica farmaceutica FRESU Luigia Grazia, BAGNATI Marco, PISTERNA Alessia, BONI Massimo MED/05, NN, BIO/14, MED/46 Tutti NOVARA 8
3 MS0389 Organizzazione di laboratorio biomedico PORTA Patrizia, FRANCO Maria Vittoria, MELE Liliana, LO NIGRO Cristiana M-FIL/03, SECS-P/07, MED/43, SECS-P/10, MED/46 Tutti NOVARA 7
3 MS0144 PROVA FINALE PROFIN_S Tutti NOVARA 6
3 MS0119 Tirocinio III anno ROSSATI Mariella MED/46 Tutti NOVARA 21
3 MS0120 Ulteriori attività formative NN Tutti NOVARA 1
Stampa
InsegnamentoBiochimica e Biologia molecolare clinica
CodiceMS0040
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoMIGLIACCIO Enrica
DocentiMIGLIACCIO Enrica, PELICCI Giuliana
CFU5
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeNOVARA
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
MS0034 BIOCHIMICA BIO/10 - BIOCHIMICA MIGLIACCIO Enrica
MS0041 Biologia molecolare clinica BIO/12 - BIOCHIMICA CLINICA E BIOLOGIA MOLECOLARE CLINICA PELICCI Giuliana
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoBIOCHIMICA
CodiceMS0034
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoMIGLIACCIO Enrica
DocentiMIGLIACCIO Enrica
CFU3
Ore di lezione30
Ore di studio individuale45
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)BIO/10 - BIOCHIMICA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoitaliano
ContenutiConcetti introduttivi: Il significato della Biochimica Clinica nella diagnostica medica. Gli aminoacidi: Proprietà generali e funzioni degli aminoacidi, classificazione, proprietà acido-basiche, punto isoelettrico. Struttura e funzione delle proteine: Il legame peptidico. Livelli di organizzazione strutturale delle proteine. L’α-elica. I foglietti β. Proteine fibrose, collageno. Struttura terziaria e quaternaria. Ripiegamento e stabilità delle proteine (denaturazione e rinaturazione). I nucleotidi e la struttura covalente degli acidi nucleici: Struttura generale dei nucleotidi. Le purine e le pirimidine. Nucleosidi. Nucleotidi. Acidi nucleici Enzimi: Proprietà generali. Classificazione. Sito attivo. Specificità di substrato. Cofattori e coenzimi. Energia di attivazione. Stato di transizione ed effetti dell’enzima sul substrato. Cenni sui meccanismi di catalisi (catalisi acido-basica, catalisi covalente, catalisi mediata da cofattori metallici). Regolazione dell’attività enzimatica. Regolazione a feedback. Enzimi regolatori: enzimi allosterici, enzimi modificati covalentemente. Il metabolismo: generalità; cenni di energetica e meccanismi di regolazione delle vie metaboliche; reazioni ossido-riduttive; cofattori enzimatici. Metabolismo glucidico. Carboidrati: Monosaccaridi e polisaccaridi. Polisaccaridi di riserva e strutturali. Glicoproteine. Proteoglicani. Metabolismo degli esosi: glicolisi e sua regolazione; fermentazione omolattica e fermentazione alcolica; via del pentosio fosfato; gluconeogenesi e sua regolazione; sintesi del glicogeno e sua regolazione; degradazione del glicogeno e sua regolazione. Energetica del metabolismo degli esosi Metabolismo energetico mitocondriale: i sistemi shuttle; la catena di trasporto degli elettroni; i citocromi; fosforilazione ossidativa; energetica della respirazione. Metabolismo dei lipidi Lipidi: Acidi grassi. Triacilgliceroli. Fosfoglicerolipidi e sfingolipidi. Colesterolo. Doppi strati lipidici. Proteine di membrana. Lipoproteine. Membrane biologiche. Modello del mosaico fluido. Endocitosi. Trasporto attraverso le membrane (passivo ed attivo). Pompe ioniche. Digestione e assorbimento. Catabolismo degli acidi grassi. Biosintesi degli acidi grassi, biosintesi e trasporto del colesterolo. Metabolismo degli aminoacidi. Metabolismo del gruppo amminico. Fissazione dell’azoto. Degradazione delle proteine, transaminazione, deaminazione e ciclo dell’urea. Generalità sulle vie di degradazione degli aminoacidi Metabolismo dei nucleotidi. Metabolismo delle purine: biosintesi ex-novo e vie di recupero. Regolazione della sintesi dei nucleotidi purinici. Degradazione delle purine ad acido urico. Basi biochimiche della gotta (iperuricemia). Cenni sulla sintesi delle pirimidine. Ruolo della ribonucleotide redattasi e della timidilato sintasi. Integrazione delle vie metaboliche nei principali organi e tessuti e controllo della disponibilità di nutrienti. Caratteristiche peculiari del metabolismo dell'epatocita, dell'adipocita, del muscolo scheletrico, del miocardio, del cervello, ovvero quali sono i principali "combustibili" e le principali vie biosintetiche in ciascun tessuto. Il controllo della glicemia: adrenalina, glucagone e insulina: meccanismo d'azione e riassunto degli effetti metabolici. Il metabolismo dopo assunzione di alimenti e in corso di digiuno: analisi dell'integrazione delle diverse vie metaboliche nei principali organi e tessuti. Cenni sul metabolismo nel diabete. Tecnologie per lo studio delle molecole biologiche: Separazione delle proteine mediante tecniche elettroforetiche su gel. Metodi per la rilevazione e quantificazione delle proteine. Separazione delle proteine mediante cromatografia su colonna: Metodi per l’identificazione delle proteine: dosaggio enzimatico, western blot, ELISA, Immunoprecipitazione, sequenziamento.
Testi di riferimentoFerrier Le basi della Biochimica Ed Zanichelli David L Nelson, Michael M Cox Introduzione alla biochimica di Lehninger Ed Zanichelli
Obiettivi formativiCapire le proteine e la relazione struttura/funzione; principi che presiedono alla catalisi enzimatica. Conoscere le principali classi di molecole biologiche ed il loro metabolismo. Conoscere i principi generali del metabolismo bio-energetico e le principali vie metaboliche. Capire i meccanismi di regolazione degli enzimi ed il controllo del metabolismo. Esempi di trasduzione del segnale ormonale per la regolazione cellulare.
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso delle nozioni apprese nei corsi di Chimica, Biologia cellulare e Genetica.
Metodi didatticiLezioni frontali
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame composto di domande a risposta aperta sui diversi argomenti trattati
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoBiologia molecolare clinica
CodiceMS0041
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiPELICCI Giuliana
CFU2
Ore di lezione20
Ore di studio individuale30
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)BIO/12 - BIOCHIMICA CLINICA E BIOLOGIA MOLECOLARE CLINICA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoitaliano
ContenutiIntroduzione generale della genomica applicata allo studio dei tumori. Isolamento degli acidi nucleici. Elettroforesi del DNA. Clonaggio del DNA, vettore plasmidico, enzimi di restrizioni. Reazione a catena della polimerasi (PCR), e sue applicazioni. Elettroforesi delle proteine e western-blotting. Tecnologia dei microarray e RNA sequencing. Metodi di sequenziamento del DNA. Next Generation Sequencing e sue applicazioni cliniche. Immunoprecipitazione della cromatina (CHIP). Citofluorimetria di flusso, principi generali e sue applicazioni (studi di apoptosi e ciclo cellulare).
Testi di riferimentoBiologia molecolare. Principi e tecniche di Michael M. Cox et al Zanichelli Pubblicazioni scientifiche
Obiettivi formativiFornire i principi generali su cui si basano le principali tecniche molecolari utilizzate nella diagnostica clinica e nella ricerca.
PrerequisitiConoscenze di base della biologia molecolare principalmente negli organismi eucarioti
Metodi didatticiVideoproiettore e computer con collegamento Internet in dotazione all'aula. Presentazioni in formato MS-Power Point, CD-ROM interattivi, dispense e siti internet didattici.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame scritto composto di domande a risposta multipla e domante a risposta aperta sugli argomenti trattati
Programma estesoIntroduzione generale della genomica applicata allo studio dei tumori. Isolamento degli acidi nucleici. Elettroforesi del DNA. Clonaggio del DNA, vettore plasmidico, enzimi di restrizioni. Reazione a catena della polimerasi (PCR), e sue applicazioni. Elettroforesi delle proteine e western-blotting. Tecnologia dei microarray e RNA sequencing. Metodi di sequenziamento del DNA. Next Generation Sequencing e sue applicazioni cliniche. Immunoprecipitazione della cromatina (CHIP). Citofluorimetria di flusso, principi generali e sue applicazioni (studi di apoptosi e ciclo cellulare).
Risultati di apprendimento attesiLo studente deve conoscere i principi generali di biologia molecolare e delle tecniche di biologia molecolare utilizzate nella ricerca e nella clinica
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoInglese scientifico
CodiceMS0082
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoDESTRO Anna Maria
DocentiDESTRO Anna Maria
CFU3
Ore di lezione30
Ore di studio individuale45
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/12 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA INGLESE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoE - Prova finale e lingua straniera
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeNOVARA
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoitaliano
ContenutiI testi presi in esame durante il corso sono i seguenti: • The Body Systems • The Nervous System • The Cardiovascular System • The Blood • The Respiratory System • The Digestive System • The Endocrine System • The Ear, the Eye and Speech • The Urinary System • The Sensory System and the Integumentary System • Midwifery • The Reproductive System • Rehabilitation Therapy • The Muscoskeletal System (tratti da L. Massari – M.J. Teriaca, English on Duty, Scienza Medica)
Testi di riferimentoLibro di testo (L. Massari – M.J. Teriaca, English on Duty, Scienza Medica) E’ consigliato lo studio individuale su un manuale di grammatica inglese con esercizi.
Obiettivi formativiIl corso ha l’obiettivo di fornire agli studenti strumenti e strategie linguistiche utili ai fini della comprensione di testi specialistici di carattere medico-scientifico in lingua inglese.
PrerequisitiCi si propone di sviluppare e potenziare principalmente le abilità di comprensione della lingua scritta.
Metodi didatticiVideoproiettore e computer con collegamento internet in dotazione all’aula. Presentazioni in formato Power –Point.
Altre informazioniAttività a scelta dello studente Ulteriori attività opzionali tratte dal libro di testo o da altre fonti saranno comunicate durante il corso.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame è costituito da una prova di comprensione scritta con domande a risposta aperta. Si considera superato il test se viene fornita una risposta corretta ad almeno il 60% delle domande.
Insegnamento mutuato daTECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI RADIOLOGIA MEDICA) (1848) - MS0082 Inglese scientifico - NOVARA
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLe basi molecolari delle malattie
CodiceMS0129
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoCHIOCCHETTI Annalisa
DocentiCHIOCCHETTI Annalisa, CARINI Rita, AZZIMONTI Barbara
CFU6
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeNOVARA
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
MS0070 Fondamenti di immunologia MED/04 - PATOLOGIA GENERALE CHIOCCHETTI Annalisa
BT044 PATOLOGIA GENERALE MED/04 - PATOLOGIA GENERALE CARINI Rita
MS0093 Microbiologia generale MED/07 - MICROBIOLOGIA E MICROBIOLOGIA CLINICA AZZIMONTI Barbara
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoFondamenti di immunologia
CodiceMS0070
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoCHIOCCHETTI Annalisa
DocentiCHIOCCHETTI Annalisa
CFU1
Ore di lezione10
Ore di studio individuale15
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/04 - PATOLOGIA GENERALE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoitaliano
ContenutiIl sistema immunitario: immunità innata e acquisita; componenti cellulari e umorali; organi linfatici primari e secondari. I linfociti B e le immunoglobuline: struttura, ricombinazione genica, switch isotipico. I linfociti T e il loro recettore: struttura e ricombinazione genica; maturazione e selezione timica. Il complesso maggiore di istocompatibilità: processazione e presentazione dell’antigene. Immunopatologia: le ipersensibilità di I, II, III e IV tipo; le malattie autoimmuni; le immunodeficienze; il rigetto dei trapianti.
Testi di riferimentoDel Gobbo, Immunologia e Immunopatologia, Piccin Kuby, Immunologia, UTET
Obiettivi formativiIl corso ha l'obiettivo di fornire i principi fondamentali che regolano il sistema immunitario. Si compone sostanzialmente di due parti: una prima che descrive l’immunologia di base e permette quindi allo studente di apprendere quali sono le cellule e gli organi che compongono il sistema immunitario, nonché i processi di base del riconoscimento dei patogeni; una seconda parte di immunopatologia in cui vengono descritte le principali malattie che originano da difetti del sistema immunitario.
PrerequisitiLo studente deve conoscere la struttura della cellula eucariotica nonché alcuni processi di base di biologia cellulare quali la duplicazione del DNA, il processo di splicing, la sintesi e la degradazione delle proteine.
Metodi didatticiPresentazioni in formato MS-Power Point. Dispensa di approfondimento degli argomenti trattati durante le lezioni frontali scritta dalla docente. Videoproiettore e computer con collegamento internet e videoconferenza in dotazione all'aula. Agli studenti viene consegnata al termine delle lezioni una copia cartacea delle immagini proiettate, e una copia della dispensa. Entrambi vengono anche pubblicati sul sito web dell’Univeristà del Piemonte Orientale, nelle pagine dedicate agli studenti.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame si compone di una prova scritta con domande a scelta multipla, distribuite sull’intero programma svolto.
Insegnamento mutuante inFISIOTERAPIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI FISIOTERAPISTA) (1846) - MS0070 Fondamenti di immunologia
TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI RADIOLOGIA MEDICA) (1848) - MS0070 Fondamenti di immunologia - NOVARA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoPATOLOGIA GENERALE
CodiceBT044
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiCARINI Rita
CFU3
Ore di lezione30
Ore di studio individuale45
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/04 - PATOLOGIA GENERALE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoitaliano
Contenuti1) INTRODUZIONE ALLA PATOLOGIA GENERALE; lo stato di salute, il concetto di eziologia, il concetto di patogenesi, lo stato di malattia.LE BASI GENETICHE DI MALATTIA Generalità sulle mutazioni genetiche e loro cause. Esempi di malattie genetiche: l’anemia falciforme e le alterazioni del trasporto o metabolismo di aminoacidi: malattia di Hartnup, fenilalaninemie, albinismo.AGENTI FISICI COME CAUSA DI MALATTIA: generalità sulle patologie da trasferimento di energia meccanica, termica, elettrica. Effetti delle radiazioni ionizzanti (a livello molecolare, cellulare e sovracellulare) ed effetti delle radiazioni eccitanti.AGENTI CHIMICI COME CAUSA DI MALATTIA: le vie di assorbimento e di eliminazione (le reazioni di biotrasformazione: di fase 1, dipendenti dal sistema del citocromo P450 e di fase 2; effetti lesivi di metaboliti reattivi prodotti durante al biotrasformazione), tossicità da agenti chimici. Il danno indotto dai radicali liberi: meccanismi di produzione, fattori protettivi e danno cellulare.AGENTI BIOLOGICI COME CAUSA DI MALATTIA: Generalità sui meccanismi di danno e di difesa dalle infezioni virali e batteriche. 6) MODIFICAZIONI TESSUTALI IN RISPOSTA A STIMOLI PATOLOGICI CRONICI ED ACUTI: ipertrofia, iperplasia, ipotrofia, atrofia, metaplasia; danno cellulare reversibile. Il danno cellulare irreversibile: la morte cellulare per necrosi e per apoptosi.IL PROCESSO INFIAMMATORIO: cellule coinvolte nell’ infiammazione e loro funzioni (monociti, macrofagi, granulociti neutrofili, basofili, mastociti, cellule endoteliali, piastrine) i mediatori solubili dell’ infiammazione (istamina, serotonina, metaboliti acido arachidonico, proteasi plasmatiche, citochine: interleuchina 1,6 [IL-1 e IL-6], fattore di necrosi tumorale alfa [TNFalfa], fattore di crescita trasformante-beta [TGFbeta], metaboliti batterici); alterazione del tono e della permeabilità vascolare durante l’ infiammazione (formazione essudato); attività delle cellule fagocitarie nell’ infiammazione (adesione, diapedesi, chemiotassi, fagocitosi, meccanismi di uccisione dei batteri); istoflogosi; effetti sistemici dell’ infiammazione.IL PROCESSO DI RIPARAZIONE: la rigenerazione (potenzialità proliferative tessuto, fattori di crescita: fattore di crescita epidermico [EGF], trasformante [TGFbeta], simil-insulinico [IGF], di derivazione piastrinica [PDGF], dei fibroblasti [FGF], interazioni con matrice ed altre cellule) la sostituzione con tessuto connettivo e l’ angiogenesi. La riparazione delle ferite.LA CRESCITA NEOPLASTICA : caratteristiche generali delle neoplasie (cenni sull’ incidenza, mortalità e sopravvivenza; classificazione dei tumori e nomenclatura); concetti di iperplasia, neoplasia, anaplasia e displasia. Oncogeni virali e cellulari, geni oncosoppressori. Il fenotipo neoplastico: eterogeneità fenotipica e instabilità genomica. Iniziazione, promozione del processo neoplastico (cancerogenesi a tappe o cancerogenesi come processo continuo). La progressione del processo neoplastico (latenza neoplastica, invasività neoplastica, le metastasi.
Testi di riferimentoPatologia Generale per Corsi di Diploma Unversitario G.Pontieri (Ed. Piccin) Istituzioni di Patologia Generale. M.U. Dianzani (ed. UTET) La Professione del Medico vol.3, (ed UTET)
Obiettivi formativiIl modulo di PATOLOGIA GENERALE fa parte del Corso Integrato di BASI MOLECOLARI DELLE MALATTIE (Biochimica, Patologia Generale ed Immunologia) di cui la prof. Carini è Coordinatrice. Il Corso Integrato prevede l’acquisizione degli elementi fondamentali di Chimica e Biochimica cellulare che, unendosi alle conoscenze di Biologia, Genetica e Microbiologia acquisite nel primo semestre, costituisce la base per l’apprendimento degli effetti, a livello cellulare e tessutale, di agenti esogeni ed endogeni di malattia (danno cellulare e trasformazione neoplastica) e delle reazioni di difesa aspecifica (infiammazione) e specifica (sistema immunitario). L’ obbiettivo specifico del corso di PATOLOGIA GENERALE è la comprensione delle cause (eziologia) e dei meccanismi (patogenesi) fondamentali, responsabili della alterazione dello stato di salute. A tal fine verranno esaminati gli effetti, a livello molecolare, cellulare e sovracellulare, di agenti patogeni endogeni (malattie genetiche e tumori) ed esogeni (cause fisiche, chimiche e biologiche di malattia). Verranno poi studiate, a livello cellulare e tessutale, le conseguenze lesive della stimolazione cronica ed acuta con agenti patogeni (degenerazioni, danno cellulare reversibile e irreversibile, morte cellulare per necrosi od apoptosi). Verrà quindi descritta la reazione locale e sistemica al danno tessutale tramite l’ esame approfondito del processo infiammatorio e della conseguente riparazione tessutale. Il corso di PATOLOGIA GENERALE svolto per le LAUREE BREVI DI AREA TECNICA , all’interno del Programma Generale sotto riportato, privilegia l’approfondimento dei meccanismi molecolari delle diverse condizioni patologiche esaminate.
PrerequisitiLo studente deve dimostrare l’apprendimento dei fondamentali meccanismi e cause di malattie descritte nel corso, oltre a dimostrare la conoscenza degli aspetti fondamentali dell’attivazione e sviluppo del processo infiammatorio e della produzione del danno cellulare.
Metodi didatticiVideoproiettore e computer con collegamento in Tele-Didattica in dotazione all'aula. Possibilità di interazione continua voce/video con gli studenti delle aule collegate sia in sede (Palazzo Bellini a Novara) sia nelle sedi distaccate (Verbania). Presentazioni in formato MS-Power Point, Sito internet didattico da cui è possibile scaricare tutte le presentazioni delle diverse lezioni. Stampa e produzione delle copie cartacee dei compiti e delle risposte utilizzate nelle sessioni di esame (circa 1000 pagine per ognuna delle 4 sessioni).
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame prevede una prova scritta con domande a risposta multipla su argomenti di BIOCHIMICA, PATOLOGIA GENERALE ED IMMUNOLOGIA. Nel caso specifico della PATOLOGIA GENERALE sono previste domande su tutti gli aspetti fondamentali delle singole parti del Programma sopra esposto. L’esame si intende superato solo se sono risposte esattamente almeno il 50% delle domande di ciascuna delle tre Discipline del Corso Integrato. Il numero delle domande è proporzionale al numero di ore (e quindi all’estensione del programma) di ciascuna disciplina del Corso Integrato. Il voto finale è unico.
Insegnamento mutuato daIGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI IGIENISTA DENTALE) (1847) - BT044 PATOLOGIA GENERALE - NOVARA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoMicrobiologia generale
CodiceMS0093
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiAZZIMONTI Barbara
CFU2
Ore di lezione20
Ore di studio individuale30
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/07 - MICROBIOLOGIA E MICROBIOLOGIA CLINICA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoIl corso è tenuto in lingua italiana. Le slides in formato power point possono essere sia in lingua italiana che inglese.
Contenuti1) BATTERIOLOGIA GENERALE. La cellula batterica: organizzazione, struttura e funzioni essenziali. Gram negativi e Gram positivi. Divisione, crescita (metodi di coltivazione). Il metabolismo batterico. Flora microbica residente: il microbiota. Principi di virulenza batterica: Le tossine batteriche: esotossine ed endotossine; la spora; la capsula; i pili ed i flagelli; gli enzimi; i siderofori; il biofilm batterico. Elementi di genetica batterica: mutazioni e meccanismi di trasferimento genico: coniugazione, trasformazione, trasduzione, trasposizione. Modalità d’azione dei principali farmaci antibatterici. Resistenza ai chemioterapici ed agli antibiotici. Principi di diagnostica batterica 3) VIROLOGIA GENERALE. Natura, metodi di studio e classificazione dei virus. Composizione ed architettura della particella virale. Coltivazione e titolazione dei virus. Rapporti virus - cellula. Moltiplicazione dei virus: strategie di replicazione. Rapporti virus-ospite: infezioni acute, persistenti, latenti, lente. Trasformazione cellulare da virus: virus oncogeni. Meccanismi patogenetici nelle infezioni virali. Cenni di immunoprofilassi e chemioterapia antivirale. Principi di diagnostica virologica. 5) MICETI e PROTOZOI. Generalità sui miceti e protozori di importanza medica. La risposta immune antimicrobica: cenni Infezioni microbiche ed apparati: cenni
Testi di riferimentoTesti consigliati: 1. Eudes Lanciotti, Microbiologia ckinica - Quarta Edizione, CEA. 2. Pearson, Microbiologia e Microbiologia clinica, Seconda Edizione 3. Quick Review, Microbiologia per le Professioni Sanitarie - D. Lembo, M. Donalisio, S. Landolfo - EdiSES.
Obiettivi formativiCostruire un modello mentale che permetta di acquisire per tutti i microrganismi di interesse medico le principali caratteristiche morfologiche, strutturali, biochimiche e di patogenicità necessarie per comprendere il meccanismo dell’azione patogena e le tecniche di identificazione a scopo diagnostico più correntemente impiegate nel laboratorio di microbiologia.
PrerequisitiPer la comprensione del corso gli studenti iscritti devono essere in possesso di un corredo minimo dei principi fondamentali di biologia cellulare, chimica, genetica, immunologia e microbiologia (saperi minimi). Non sono previste propedeuticità specifiche.
Metodi didatticiTutto il materiale didattico è caricato sul sito https://www.dir.uniupo.it/ I metodi didattici di cui si avvale il corso sono rappresentati da: - Presentazioni in formato MS-Power Point - Utilizzo della piattaforma di apprendimento "Kahoot"veloce e divertente utile alla verifica in itinere dell'apprendimento Il corso è di 2 CFU complessivi (20 h) è organizzato in lezioni teoriche frontali, svolte in aula mediante l’utilizzo di diapositive in power-point, lavagna classica e piattaforma Kahoot, su tutti gli argomenti del corso. Tali lezioni includono una verifica diretta continua in aula del livello di comprensione dei vari argomenti trattati attraverso il dialogo, le domande e kahoot in modo da stimolare la motivazione, la curiosità, lo spirito critico, l'autonomia e il coinvolgimento nei processi di apprendimento degli studenti. Le lezioni si svolgono in aula collegata in teledidattica alle sedi distaccate
Altre informazioniEmail docente: barbara.azzimonti@med.uniupo.it Il docente, al termine delle lezioni o previo contatto email, è disponibile a discutere eventuali dubbi inerenti le tematiche del corso. Il docente riceve gli studenti, previo appuntamento, nel suo studio c/o Palazzo Bellini, Dipartimento di Scienze della Salute, Via Solaroli 17, 28100 Novara. Al termine del corso verrà simulata la prova d'esame
Modalità di verifica dell'apprendimentoData la numerosità degli studenti la prova di valutazione finale consiste in un esame scritto, in modo integrato con le altre discipline e gli altri docenti del corso nelle date prestabilite degli appelli, composto da: - quindici domande a risposta multipla (una opzione di risposta corretta) su un totale di 45. L'esame si intende superato con il 50% di risposte esatte per ciascun modulo. Il voto finale non deve essere inferiore a 18; il punteggio massimo raggiungibile è 30 e Lode. Le domande vertono su tutti gli argomenti svolti durante le lezioni in aula. L’obiettivo della prova d’esame consiste nel verificare il livello di raggiungimento degli obiettivi formativi precedentemente indicati. Sarà dedicato un momento alla correzione dei compiti scritti durante il quale ogni studente sarà messo nelle condizioni di riconoscere gli errori commessi ed individuare le risposte corrette L’esame comprende una prova scritta con domande a scelta multipla inerenti gli argomenti di Microbiologia trattati a lezione.
Programma esteso1) BATTERIOLOGIA GENERALE. La cellula batterica: organizzazione, struttura e funzioni essenziali. Gram negativi e Gram positivi. Divisione, crescita (metodi di coltivazione). Il metabolismo batterico. Flora microbica residente: il microbiota. Principi di virulenza batterica: Le tossine batteriche: esotossine ed endotossine; la spora; la capsula; i pili ed i flagelli; gli enzimi; i siderofori; il biofilm batterico. Elementi di genetica batterica: mutazioni e meccanismi di trasferimento genico: coniugazione, trasformazione, trasduzione, trasposizione. Modalità d’azione dei principali farmaci antibatterici. Resistenza ai chemioterapici ed agli antibiotici. Principi di diagnostica batterica 3) VIROLOGIA GENERALE. Natura, metodi di studio e classificazione dei virus. Composizione ed architettura della particella virale. Coltivazione e titolazione dei virus. Rapporti virus - cellula. Moltiplicazione dei virus: strategie di replicazione. Rapporti virus-ospite: infezioni acute, persistenti, latenti, lente. Trasformazione cellulare da virus: virus oncogeni. Meccanismi patogenetici nelle infezioni virali. Cenni di immunoprofilassi e chemioterapia antivirale. Principi di diagnostica virologica. 5) MICETI e PROTOZOI. Generalità sui miceti e protozori di importanza medica. La risposta immune antimicrobica: cenni Infezioni microbiche ed apparati: cenni
Risultati di apprendimento attesiAPPRENDIMENTO, CONOSCENZA E COMPRENSIONE: Alla fine del corso, lo studente dovrebbe dimostrare di conoscere la struttura, substruttura e proprietà biologiche di batteri, virus e miceti e di aver compreso, nei tempi previsti dal corso, i principali meccanismi alla base dei processi infettivi causa di patologia umana. Dovrebbe inoltre dimostrare di conoscere le principali tecniche utilizzate in diagnostica batteriologica e virologica.
Insegnamento mutuato daTECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI RADIOLOGIA MEDICA) (1848) - MS0093 Microbiologia generale - NOVARA
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoMetodologie di Laboratorio biomedico
CodiceMS0131
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoALBANO Emanuele
DocentiALBANO Emanuele, ROSSATI Mariella, FORNARO Lucia, KRENGLI Marco
CFU5
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeNOVARA
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
MS0091 Metodologie di laboratorio MED/05 - PATOLOGIA CLINICA ALBANO Emanuele
MS0107 Sicurezza di laboratorio MED/46 - SCIENZE TECNICHE DI MEDICINA DI LABORATORIO ROSSATI Mariella
MS0113 Strumentazione di laboratorio FIS/07 - FISICA APPLICATA (A BENI CULTURALI, AMBIENTALI, BIOLOGIA E MEDICINA) FORNARO Lucia
MS0057 Elementi di radioprotezione MED/36 - DIAGNOSTICA PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA KRENGLI Marco
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoMetodologie di laboratorio
CodiceMS0091
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoALBANO Emanuele
DocentiALBANO Emanuele
CFU1
Ore di lezione10
Ore di studio individuale15
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/05 - PATOLOGIA CLINICA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiI contenuti del corso riguardano gli aspetti fondamenti delle procedure pre-analitiche ed analitiche e e dei fattori di variabilità nell’ambito delle analisi cliniche.
Obiettivi formativiIl modulo ha l'obiettivo di fornire allo studente le cognizioni di base relative ai fondamenti delle procedure pre-analitiche e del controllo della variabilità nell’ambito delle analisi cliniche.
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso delle indispensabili nozioni di Biologia, Anatomia, Fisica, Chimica, Genetica Medica, Istologia e Fisiologia e Patologia generale.
Metodi didatticiPresentazioni in formato MS-Power Point, dispense.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame verte su un colloquio orale. Lo studente dovrà dimostrare di aver assimilato le nozioni di base della impartite nel corso e di integrarle con quelle degli insegnamenti facenti parte dello stesso corso integrato.
Programma esteso• Definizione limiti e finalità della diagnostica di laboratorio. • Definizione tipologica degli esami di laboratorio. • Grandezze ed unità di misura. Caratteristiche dei test di laboratorio. Prelievo e manipolazione di materiali biologici. Variabilità preanalitica. Trattamento e conservazione dei materiali biologici. Variabilità analitica ed errori di misura. Fondamenti delle metodiche di controllo di qualità. Variabilità biologica e valori di riferimento. Valori predittivi e valori decisionali.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSicurezza di laboratorio
CodiceMS0107
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiROSSATI Mariella
CFU1
Ore di lezione10
Ore di studio individuale15
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/46 - SCIENZE TECNICHE DI MEDICINA DI LABORATORIO
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiIntroduzione al Modulo. Cenni normativi. Definizione di pericolo, rischio, sicurezza. Rischi da attività in laboratorio. Possibili cause di incidenti in laboratorio. Valutazione dei rischi. Rischio Fisico. Rischio Chimico. Sicurezza nell'utilizzo di gas compressi. Rischio Biologico. DPI e DPC. Norme comportamentali generali. Strumenti di comunicazione dei pericoli: segnaletica di sicurezza, etichette, schede di dati di sicurezza. Trasporto di sostanze infette. Trattamento Rifiuti. Disinfezione e Sterilizzazione. Infortunio. Visita didattica guidata in AOU Maggiore e Laboratori universitari UPO.
Testi di riferimentoManuale di Sicurezza nei Laboratori -AIRESPSA - ISPESL
Obiettivi formativiIl modulo ha l’obiettivo di permettere l’apprendimento dei principi che regolano la sicurezza personale del lavoratore e dell'ambiente attraverso la conoscenza dei rischi biologici e non esistenti in un laboratorio biomedico.
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso delle informazioni impartite durante il corso aziendale (A.O.U. Maggiore della Carità di Novara) “Tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro - 81/2008”
Metodi didatticiPresentazioni in Power-Point, filmati. visita didattica guidata.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame orale. Lo studente dovrà dimostrare di aver acquisito le nozioni relative ai comportamenti da adottare sul posto di lavoro al fine di salvaguardare la propria e l’altrui incolumità e l'ambiente che lo circonda.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoStrumentazione di laboratorio
CodiceMS0113
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiFORNARO Lucia
CFU2
Ore di lezione20
Ore di studio individuale30
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)FIS/07 - FISICA APPLICATA (A BENI CULTURALI, AMBIENTALI, BIOLOGIA E MEDICINA)
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiPanoramica strumenti ed equipaggiamento base Presupposti teorici dei metodi ottici (legge di Lambert Beer) presupposti teorici dei metodi immunometrici (reazione Ag/Ac) presupposti teorici dei metodi elettrochimici (elettrodi pH e gas sensibili) presupposti teorici dell’elettroforesi Ematologia • Emocromocitometrico+reticolociti • Ves • Coagulazione Biochimica Clinica • Autoanalizzatori di chimica clinica • Moduli ISE per elettroliti • Dosaggio proteine specifiche • Emoglobina Glicata • Emogasanalizzatori • Esame urine Immunometria • ELISA • RIA • Chemiluminescenza Proteine • Elettroforesi • Immunofissazione • Turbidimetria e nefelometria Microbiologia e sierologia • Terreni di coltura di arricchimento e selettivi • Identificazione batterica • Tests sierologici Citologia e Istologia Dal manuale all’automazione Metodi rapidi e POCT
Testi di riferimentoSchede e foglietti illustrativi metodiche di Laboratorio, Manuali strumentazione
Obiettivi formativiAcquisire le necessarie conoscenze della strumentazione di base e specialistica dei maggiori settori dei Laboratori di Patologia Clinica, Microbiologia e Sierologia e di Anatomia Patologica
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso delle indispensabili nozioni di Fisica, Chimica e Biochimica.
Metodi didatticiPresentazioni in formato MS-Power Point
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame comprende una prova orale condotta congiuntamente ai docenti dell’Insegnamento di “Metodologie di Laboratorio Biomedico”. Lo studente dovrà dimostrare di aver assimilato le nozioni di base necessarie a comprendere il funzionamento teorico e pratico della apparecchiature diagnostiche in vitro e delle apparecchiature di supporto in uso nei laboratori.
Risultati di apprendimento attesiGli studenti dovranno conoscere i principi teorici che governano le tecnologie analitiche di Laboratorio per applicarle in tirocinio con l'utilizzo della strumentazione
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoElementi di radioprotezione
CodiceMS0057
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiKRENGLI Marco
CFU1
Ore di lezione10
Ore di studio individuale15
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/36 - DIAGNOSTICA PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiSorgenti di radiazioni ionizzanti: Radioattività naturale. Decadimento radioattivo. Legge del decadimento radioattivo. Decadimento alfa, beta e gamma. Rischio da esposizione ambientale da Radon. Sorgenti artificiali: raggi X, radioisotopi per impiego diagnostico e terapeutico. Interazione radiazione-materia: descrizione dei meccanismi di interazione della radiazione ionizzante con la materia, nozioni di radiobiologia ed effetti sull’organismo (deterministici e stocastici) Impiego medico delle radiazioni ionizzanti: Applicazioni in radiodiagnostica: radiodiagnostica tradizionale e TAC. Applicazioni in radioterapia: radioterapia con fasci esterni, brachiterapia. Applicazioni in medicina nucleare: impiego di radioisotopi per l’imaging con SPET e PET, radioterapia metabolica. Elementi di dosimetria: Definizione delle grandezze dosimetriche: dose assorbita, equivalente di dose, dose efficace. Limiti di dose per lavoratori e popolazione. Radioprotezione: Quadro normativo di riferimento. Principi di giustificazione e di ottimizzazione nell’impiego delle radiazioni ionizzanti. Adempimenti del datore di lavoro e del lavoratore in materia di radioprotezione. Dispositivi di protezione dalle radiazioni ionizzanti. Strumenti e tecniche di misura della dose.
Testi di riferimentoTesti e siti Internet consigliati: 1) “Fondamenti fisici della radioprotezione” a cura di Maurizio Pelliccioni, Pitagora Editrice (Bologna) (per grandezze dosimetriche) 2) http://www.alliancemedical.it/esami-diagnostici (per notizie sugli esami di diagnostica: TC, RM)
Obiettivi formativiIl modulo ha l’obiettivo di dare le conoscenze di base riguardanti la fisica delle radiazioni ionizzanti e non ionizzanti. Durante il corso verranno esposte anche le principali norme di radioprotezione, in modo da consentire, ai futuri tecnici di laboratorio che maneggeranno materiali radioattivi, di agire con oculatezza e professionalità, senza incorrere in falsi allarmismi o, all’estremo opposto, sottostima delle problematiche. Verranno poi date alcune informazioni sull’impiego medico delle radiazioni ionizzanti e non ionizzanti, in modo da fornire una panoramica più completa di questo settore.
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso delle principali nozioni di fisica.
Metodi didatticiLezioni frontali Presentazioni in formato MS-PowerPoint, dispense e siti Internet didattici.
Altre informazioniNon sono previste esercitazioni per questa disciplina, ma può essere effettuata su richiesta la frequenza presso le strutture Radiologiche dell’Azienda Ospedaliera “Maggiore della Carità”.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame si compone di una prova scritta con alcune domande a scelta multipla e alcune domande che richiedono risposte più “estese”.
Programma estesoRichiami di fisica e radiobiologia. Principali effetti delle radiazioni ionizzanti su tessuti e organi. Fondo naturale di radiazioni e dose alla popolazione. Classificazione dei lavoratori e limiti di dose. Sorveglianza dei lavoratori. Gli incidenti che coinvolgono i pazienti e gli operatori e l’ambiente esterno in radiodiagnostica, radioterapia e medicina nucleare. La radioprotezione dei pazienti in radiodiagnostica, medicina nucleare e radioterapia: principi di giustificazione, ottimizzazione e limitazione della dose. Elementi di legislazione: campi di applicazione, protezione sanitaria dei lavoratori, della popolazione e dei pazienti.
Risultati di apprendimento attesiAcquisizione di conoscenze e competenze sulla radioprotezione con particolare riguardo alle misure da prendere in presenza di possibile esposizione alle radiazioni ionizzanti. Capacità di applicare tali conoscenze nelle situazioni di propria competenza professionale.
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoMorfologia e Funzioni del corpo umano
CodiceMS0132
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoMOLINARI Claudio Giuseppe
DocentiSABBATINI Maurizio, MOLINARI Claudio Giuseppe, BORSOTTI Chiara, FOLLENZI Antonia
CFU8
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
SedeNOVARA
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiSangue:Composizione e funzioni del sangue. Ematocrito. I globuli rossi. L’emoglobina. I gruppi sanguigni. Il fattore Rh. I globuli bianchi. Le piastrine. Le proteine plasmatiche. Le lipoproteine. L’emostasi. La coagulazione. Sistema cardiovascolare:Proprietà del miocardio. Ciclo cardiaco. Toni cardiaci. Gettata cardiaca. Fattori meccanici della pressione arteriosa. Lavoro del cuore. Elettrocardiogramma. Principi di emodinamica. Regolazione della funzionalità del sistema cardiovascolare. Circolazione capillare. Il ritorno venoso. Sistema respiratorio:Il sacco pleurico. Il sistema tracheobronchiale. La struttura dell'alveolo. Le leggi dei gas. Le grandezze respiratorie. La pressione intrapolmonare e intrapleurica. I muscoli respiratori. Trasporto dell’ossigeno nel sangue. Curva di dissociazione dell'emoglobina. Trasporto dell'anidride carbonica nel sangue. Scambio dei gas respiratori. Regolazione nervosa del respiro. Regolazione chimica del respiro. Fisiologia del rene:Filtrazione glomerulare. Meccanismi di riassorbimento e secrezione tubulare. Clearances renali. Riassorbimento tubulare di acqua e Sali. Meccanismi di concentrazione dell’urina. Ruolo del rene nel controllo dell’equilibrio acido-base. Circolazione renale. Apparato Urinario:Il nefrone. Il glomerulo renale. I processi tubulari che portano alla formazione dell'urina. Ultrafiltrazione glomerulare. Velocità di filtrazione glomerulare. Il riassorbimento dell'acqua. La clearance plasmatica renale. Il flusso plasmatico renale. Il flusso ematico renale. Il riassorbimento dell'acqua. Concentrazione dell'urina. Regolazione dell'equilibrio acido/base. Sistema Endocrino.Generalità sugli ormoni. Asse ipotalamo-ipofisario. Pancreas endocrino. Tiroide. Ghiandole surrenali. Ovaio. Testicolo. Sistema Nervoso.Il neurone. La fibra nervosa. Il potenziale d'azione. La sinapsi. I riflessi. Motilità. Sensibilità. Il muscolo scheletrico. L’occhio. Udito ed equilibrio. Apparato Digerente.Anatomia funzionale del tratto digerente. La motilità gastrointestinale. Le ghiandole accessorie: pancreas e fegato. Le ghiandole salivari. Digestione e assorbimento di glucidi, lipidi e protidi. Assorbimento dell’acqua. Le vitamine
Testi di riferimentoTesti consigliati: 1. Zocchi L., "Principi di Fisiologia", EdiSes. 2. Germann & Stanfield, Fisiologia II ed., EdiSes. 3. Silverthorn, “Fisiologia Umana”, Casa Ed. Ambrosiana.
Obiettivi formativiIl modulo ha l'obiettivo di permettere l'apprendimento dei principi che determinano e regolano l'attività funzionale dei vari sistemi ed apparati dell'organismo e di fornire una conoscenza sperimentale sulle modalità di studio degli stessi. Esso si propone inoltre, in via opzionale, di delucidare le basi fisiologiche delle procedure diagnostiche utilizzate nella pratica clinica e di approfondire la conoscenza degli aspetti teorici e pratici di alcune tecniche sperimentali utilizzate nella ricerca medica di base ed applicata.
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso di nozioni di base in Anatomia, Chimica e Biochimica.
Metodi didatticiPresentazioni in formato MS-Power Point.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame si compone di una prova scritta con domande a scelta multipla. Lo studente dovrà dimostrare di aver assimilato le nozioni di base della Fisiologia, apprese durante le lezioni, in maniera adeguata ad affrontare con efficacia i successivi corsi.
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
BT015 ANATOMIA UMANA BIO/16 - ANATOMIA UMANA SABBATINI Maurizio
MS0013 FISIOLOGIA UMANA BIO/09 - FISIOLOGIA MOLINARI Claudio Giuseppe
M0224 CITOLOGIA BIO/17 - ISTOLOGIA BORSOTTI Chiara
BM014 ISTOLOGIA BIO/17 - ISTOLOGIA FOLLENZI Antonia
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoANATOMIA UMANA
CodiceBT015
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiSABBATINI Maurizio
CFU3
Ore di lezione30
Ore di studio individuale45
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)BIO/16 - ANATOMIA UMANA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiIl modulo intende fornire agli studenti una conoscenza dell’Anatomia Umana microscopica e macroscopica con particolare riferimento ai distretti anatomici di maggior rilevanza per la professione di Igienista Dentale.
Testi di riferimentoTesto a scelta: ANATOMIA DELL’UOMO. I fondamenti AA.VV.; Edi-ermes ANATOMIA DEL GREY (i fondamenti) R.L. Drake et al.; edra
Obiettivi formativiAl termine del modulo lo studente dovrà essere in grado di conoscere l’organizzazione micro e macroscopica degli organi, apparati e sistemi del corpo umano. Inoltre, dovrà conoscere in maniera adeguata alcune particolari strutture micro e macroscopica correlate all’apparato orale, comprendere la relazione tra struttura e funzione delle stesse.
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso delle indispensabili nozioni di Istologia e di Biologia Generale
Metodi didatticiDidattica erogata come presentazione orale degli argomenti, con ausilio di proiezioni Power Point, e discussione in aula. Le proiezioni usate a lezione saranno rese disponibili agli studenti sulle relative pagine DIR.
Altre informazioni//
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame prevede una prova scritta che verrà sottoposto agli studenti iscritti all’esame per valutare l’acquisizione delle conoscenze argomento del corso. L’esame vuole verificare l’abilità dello studente di saper focalizzare le tematiche sviluppate dal corso mostrando capacità di padroneggiare le risposte con sufficiente esaustività culturale. L’esame scritto si compone di 30 domande a scelta multipla -5 opzioni, di cui una sola esatta- . Le domande saranno sviluppate per sondare la conoscenza degli studenti sulle diverse tematiche che compongono il programma del corso e verrà strutturato in 4 settori: 6 domande : apparato locomotore Ossa & Muscoli 6 domande : apparato cardiocircolatorio (2 per il cuore, 2 per le arterie, 2 per le vene o sistema linfatico) 12 domande : organi degli apparati viscerali 6 domande : Sistema Nervoso L’esito della prova scritta definirà il voto del modulo Anatomia Umana, e verrà portato in commissione con i voti dei docenti responsabili degli altri moduli (Fisiologia, Istologia, Citologia, ecc.) per definire secondo calcolo aritmetico e modalità previste dalla commissione il voto finale proposto per l’esame di Morfologia e Funzione del Corpo Umano.
Programma esteso- Apparato locomotore. Generalità, struttura degli elementi ossei; tipologia, struttura e significati funzionali delle articolazioni; struttura del muscolo striato e del muscolo liscio, anatomia descrittiva e funzionale dei complessi muscolari. Anatomia funzionale e clinica dell’articolazione temporo-mandibolare. Sviluppo e struttura del dente, struttura della gonfosi, formula dentaria - Apparato cardiovascolare. La circolazione polmonare e sistemica. Il cuore: struttura, posizione e rapporti; le valvole cardiache Vene e arterie, anatomia topografica delle vie arteriose e venose e territori di vascolarizzazione. Organizzazione del sistema linfatico, linfa e linfonodi. - Apparato respiratorio. Anatomia descrittiva e funzionale delle vie aeree superiori ed inferiori (Cavità Nasali, Laringe, Trachea e Bronchi, Parenchima Polmonare, Pleure). - Apparato digerente. Anatomia descrittiva e funzionale della: Cavità Buccale e delle ghiandole salivari, Faringe, Esofago, Stomaco, Intestino e delle ghiandole annesse all’apparto digerente (Fegato, Pancreas, Milza). - Apparato urinario. Anatomia descrittiva e funzionale di: Reni, Pelvi, Ureteri, Vescica, Uretra maschile e femminile. - Apparato genitale. MASCHILE - Anatomia descrittiva e funzionale di Testicoli, Prostata e Pene. FEMMINILE - Anatomia descrittiva e funzionale di Ovaia, Utero, Vagina. - Sistema endocrino. Anatomia descrittiva e funzionale di Ipofisi, Tiroide, Paratiroide, Pancreas Endocrino, Ghiandole Surrenali e Gonadi. - Sistema nervoso. SISTEMA NERVOSO CENTRALE – Anatomia descrittiva e funzionale di Midollo Spinale, Tronco encefalico, cervelletto, Diencefalo, Telencefalo e Nuclei della Base. SISTEMA NERVOSO PERIFERICO Correlazioni funzionali del sistema simpatico e parasimpatico, nomenclatura e significato dei Nervi Cranici
Risultati di apprendimento attesiCi si attende che lo studente abbia acquisito la conoscenza sommaria della topografia, e completa della morfologia macro e microarchitetturale e funzione dei diversi organi dell’anatomia umana. Ci si attende altresì che lo studente abbia maturato la capacità di correlare i diversi reciproci rapporti morfo-funzionali degli organi.
Insegnamento mutuato daIGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI IGIENISTA DENTALE) (1847) - BT015 ANATOMIA UMANA - NOVARA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoFISIOLOGIA UMANA
CodiceMS0013
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiMOLINARI Claudio Giuseppe
CFU3
Ore di lezione30
Ore di studio individuale45
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)BIO/09 - FISIOLOGIA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiSANGUE. APPARATO CARDIOVASCOLARE. APPARATO RESPIRATORIO. FLUIDI DEL CORPO E RENE. SISTEMA ENDOCRINO. SISTEMA NERVOSO. FISIOLOGIA GASTROINTESTINALE.
Testi di riferimento1. Zocchi L., "Principi di Fisiologia", EdiSes. 2. Germann & Stanfield, Fisiologia II ed., EdiSes. 3. Silverthorn, “Fisiologia Umana”, Casa Ed. Ambrosiana.
Obiettivi formativiIl modulo ha l'obiettivo di permettere l'apprendimento dei principi che determinano e regolano l'attività funzionale dei vari sistemi ed apparati dell'organismo e di fornire una conoscenza sperimentale che possa aiutare il loro studio. Esso si propone inoltre di chiarire le basi fisiologiche delle procedure diagnostiche utilizzate nella pratica clinica e di approfondire la conoscenza degli aspetti teorici e pratici di alcune tecniche sperimentali utilizzate nella ricerca medica di base ed applicata.
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso di nozioni di base in Anatomia, Chimica e Biochimica
Metodi didatticiPresentazioni in formato MS-Power Point. Agli studenti verrà consegnata una copia cartacea delle immagini proiettate.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame si compone di una prova scritta con domande a scelta multipla. Lo studente dovrà dimostrare di aver assimilato le nozioni di base della Fisiologia, apprese durante le lezioni, in maniera adeguata ad affrontare con efficacia i successivi corsi.
Programma estesoSANGUE: composizione e funzioni del sangue. Ematocrito. Globuli rossi. Emoglobina. Gruppi sanguigni. Il fattore Rh. Globuli bianchi. Le piastrine. Proteine plasmatiche. Lipoproteine. Emostasi. Coagulazione. APPARATO CARDIOVASCOLARE: proprietà intrinseche del miocardio. Ciclo cardiaco. Toni cardiaci Gittata cardiaca. Fattori meccanici che generano e regolano la pressione arteriosa. Lavoro del cuore. Elettrocardiogramma. Principi di emodinamica. Regolazione della funzionalità dell’apparato cardiovascolare. Circolazione capillare. Il ritorno venoso. Controllo nervoso dell’apparato cardiovascolare. APPARATO RESPIRATORIO: la parete toracica. La cavità pleurica. Il sistema tracheobronchiale. La struttura dell'alveolo. Le leggi dei gas. I volumi e le capacità polmonari. La pressione intrapolmonare e intrapleurica. Muscoli respiratori Trasporto dell’ossigeno nel sangue. Curva di dissociazione dell'emoglobina. Trasporto dell’anidride carbonica nel sangue. Diffusione dei gas attraverso la membrana respiratoria. Effetto del rapporto ventilazione-perfusione sulla concentrazione di gas alveolare. Scambio di gas respiratori. Regolazione nervosa del respiro. Regolazione chimica del respiro. FLUIDI DEL CORPO E RENE: il nefrone. Il glomerulo renale. I processi tubulari che portano alla formazione di urina. Filtrazione glomerulare. Meccanismi di riassorbimento e secrezione tubulare. Clearances renali. Riassorbimento tubulare di acqua e sali. Meccanismi di concentrazione dell’urina. Ruolo del rene nel controllo dell'equilibrio acido-base. Circolazione renale. RAS, sistema renina-angiotensina. SISTEMA ENDOCRINO: Generalità sugli ormoni. Asse ipotalamico-ipofisario. Ormoni ipotalamici-ipofisari glandotropi. Ormoni ipotalamici-ipofisari non glandotropi. Pancreas endocrino. Tiroide. Ghiandole surrenali. Ovaio. Testicolo. SISTEMA NERVOSO: il neurone. La fibra nervosa. Il potenziale di riposo. Il potenziale d'azione. La sinapsi. Riflessi. Motilità. Sensibilità. Muscolo scheletrico. I Sensi Speciali (visione, udito, gusto e olfatto). FISIOLOGIA GASTROINTESTINALE: anatomia funzionale del tubo digerente. Motilità gastrointestinale Le ghiandole accessorie: pancreas e fegato. Ghiandole salivari. Digestione e assorbimento di carboidrati, lipidi e protidi. Assorbimento dell'acqua. Vitamine.
Risultati di apprendimento attesiI risultati attesi consistono nell'acquisizione da parte degli studenti, dei meccanismi che sono alla base del funzionamento normale degli organi e dei sistemi del corpo umano. Questi concetti costituiranno la base per l'apprendimento delle patologie umane e delle relative terapie.
Insegnamento mutuato daTECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI RADIOLOGIA MEDICA) (1848) - MS0013 FISIOLOGIA UMANA - NOVARA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoCITOLOGIA
CodiceM0224
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiBORSOTTI Chiara
CFU1
Ore di lezione12
Ore di studio individuale13
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)BIO/17 - ISTOLOGIA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiLa cellula nei suoi diversi aspetti morfologici e funzionali. Tecniche di studio per la cellula e i suoi componenti.
Testi di riferimentoCitologia e Istologia Funzionale di Calligaro A ed altri autori, edi-ermes Materiale messo a disposizione dal docente.
Obiettivi formativiAl termine del corso lo studente deve conoscere la struttura e la funzione dei vari organelli cellulari, nonché i principi generali delle tecniche maggiormente utilizzate per studiare la cellula.
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso delle indispensabili nozioni di Biologia Cellulare, acquisite durante gli studi secondari.
Metodi didatticiVengono svolte lezioni frontali, avvalendosi di files in formato Presentation e di Video.
Modalità di verifica dell'apprendimentoProva scritta con 15 domande a scelta multipla su argomenti di Citologia.
Programma esteso- La cellula eucariota. - La membrana cellulare: struttura, funzione e specializzazioni. - Il trasporto attraverso le membrane: permeasi, canali e pompe. - I recettori di membrana. - L’adesione cellulare. - Il citoscheletro. - La compartimentazione all’interno della cellula: reticoli endoplasmatici, Golgi, lisosomi, perissosomi. - Il “sorting” all’interno della cellula: ruolo delle sequenze segnale nella compartimentazione e nel destino delle proteine. - Esocitosi ed endocitosi. - Il nucleo. - I mitocondri. - Apoptosi. - Tecniche per lo studio delle cellule e dei suoi componenti. - Osservazione al microscopio. Limite di risoluzione del microscopio ottico. Limite di risoluzione del microscopio elettronico. Microscopi elettronici a trasmissione e a scansione. - Frazionamento dei componenti cellulari. - Caratteristiche e proprietà della cellula staminale.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoISTOLOGIA
CodiceBM014
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiFOLLENZI Antonia
CFU1
Ore di lezione12
Ore di studio individuale13
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)BIO/17 - ISTOLOGIA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiEpiteli di rivestimento: classificazione, struttura e funzione. Epiteli di protezione ed epiteli assorbenti. Epiteli secernenti: le ghiandole. - Il sangue: struttura, funzione del plasma e delle cellule. L’emopoiesi. - Tessuti connettivi: cellule e matrice extracellulare. - Tessuti connettivi di sostegno: struttura e fuzione. - I tessuti muscolari: struttura, funzione. Le basi molecolari del movimento cellulare e del controllo della contrazione muscolare. - Il tessuto nervoso: i neuroni e la glia. Struttura e organizzazione - Proliferazione, differenziazione e rigenerazione tissutale. - Embriologia: Cenni sulle prime tappe dello sviluppo embrionale e destino dei tre foglietti.
Testi di riferimentoMateriale messo a disposizione dal docente. ISTOLOGIA per i corsi di laurea in professioni sanitarie Adamo, Comoglio, Molinaro, Siracusa, Stefanini, Ziparo EDITORE PICCIN Citologia e Istologia Funzionale Alberto Calligaro e altri autori Edi-ermes
Obiettivi formativiAl termine del corso lo studente deve conoscere le caratteristiche dei principali tessuti normali (componenti, principale localizzazione, funzione e derivazione embriologica).
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso delle indispensabili nozioni di Chimica, Biochimica e Biologia, acquisite precedentemente.
Metodi didatticiPresentazioni in formato MS-Power Point.
Altre informazioniAllo studente vengono fornite domande esempio del compito di esame che vengono eseguite in aula con il docente per capire lo svolgimento dell'esame che consta di domande a scelta multipla
Modalità di verifica dell'apprendimentoProva scritta con domande a scelta multipla su argomenti di Istologia. Fino al 25% del compito potrebbe contenere domande d’esame dove si mostra tessuto e si deve riconoscerlo tra le opzioni date nel foglio risposta
Programma estesoEpiteli di rivestimento: classificazione, struttura, funzione e fisiologia. Epiteli di protezione ed epiteli assorbenti. Epiteli secernenti: le ghiandole - Il sangue: struttura, funzione del plasma e delle cellule. L’emopoiesi. - Tessuti connettivi in genere: cellule e matrice extracellulare. - Tessuti connettivi di sostegno (osso, cartilagine) e specializzati (t.adiposo): struttura e funzione. - I tessuti muscolari: struttura e funzione. - Il tessuto nervoso: forma dei neuroni e della glia. - Embriologia: cellule e cicli delle gonadi, fecondazione, segmentazione, blastocisti, annidamento. Cenni sullo sviluppo dell’embrione bilaminare, trilaminare e destino dei tre foglietti.
Risultati di apprendimento attesiconoscenza della forma dei tessuti che vengono spiegati a lezione. conoscenza delle tecniche base dell'istologia per il riconoscimento dei tessuti
Insegnamento mutuante inFISIOTERAPIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI FISIOTERAPISTA) (1846) - BT012 ISTOLOGIA
IGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI IGIENISTA DENTALE) (1847) - BT012 ISTOLOGIA - NOVARA
TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI RADIOLOGIA MEDICA) (1848) - BT012 ISTOLOGIA - NOVARA
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoOBBLIGO FORMATIVO AGGIUNTIVO - BIOLOGIA
CodiceMS0828
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoRUSPA Marta
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoD - A scelta dallo studente
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeNOVARA
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoOBBLIGO FORMATIVO AGGIUNTIVO - CHIMICA
CodiceMS0829
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoRUSPA Marta
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoD - A scelta dallo studente
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeNOVARA
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoPropedeutica di laboratorio
CodiceMS0434
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoARNEODO Michele
DocentiFORNARO Lucia, ARNEODO Michele
CFU5
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeNOVARA
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiSi vedano i link dei singoli corsi
Testi di riferimentoSi vedano i link dei singoli corsi.
Obiettivi formativiFornire le nozioni di base di Chimica, Matematica, Strumentazione di laboratorio, Informatica ed Elettromagnetismo
PrerequisitiIl corso di fisica del I semestre
Metodi didatticiLezioni in aula
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsami scritto e orale
Programma estesoSi vedano i link dei singoli corsi
Risultati di apprendimento attesiSi vedano i link dei singoli corsi
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
MS0080 Informatica di laboratorio MED/46 - SCIENZE TECNICHE DI MEDICINA DI LABORATORIO FORNARO Lucia
MS0423 Misure Elettriche FIS/07 - FISICA APPLICATA (A BENI CULTURALI, AMBIENTALI, BIOLOGIA E MEDICINA) ARNEODO Michele
MS0435 Didattica di supporto
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoInformatica di laboratorio
CodiceMS0080
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiFORNARO Lucia
CFU1
Ore di lezione10
Ore di studio individuale15
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/46 - SCIENZE TECNICHE DI MEDICINA DI LABORATORIO
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoF - Stage e altre attività formative
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
Contenuti• Concetto di Informatica in Laboratorio • Tipologie di dati di Lab • Ciclo produttivo di Lab e informatizzazione fasi • Composizione e architettura di un LIS • Reti LAN/VLAN • Middlewares • Validazione tecnica/clinica dati analitici • Modalità comunicazione online strumenti/host • Concetto di firma e referto digitale • Trattamento dati:cenni normativa privacy e codice deontologico TSLB • Responsabilità dati analitici • E-Health,Telemedicina • Fascicolo Sanitario elettronico
Testi di riferimentoAPPUNTI DA LEZIONE FRONTALE, DOWNLOAD DA INTERNET
Obiettivi formativiACQUISIRE CONOSCENZE TEORICHE BASE E AVANZATE INERENTI LE TECNOLOGIE INFORMATICHE UTILIZZATE NEI PROCESSI PREANALITICI, ANALITICI E POSTANALITICI DI LABORATORIO
PrerequisitiPRINCIPI BASE DI ELETTRONICA E INFORMATICA. CONCETTI DI HARDWARE E SOFTWARE
Metodi didatticiLEZIONE FRONTALE
Modalità di verifica dell'apprendimentoCHECKLISTS DI AUTOAPPRENDIMENTO, QUESTIONARIO FINALE DI VALUTAZIONE
Risultati di apprendimento attesiGLI STUDENTI DOVRANNO RAGGIUNGERE LA COMPETENZA DI BASE PER COMPRENDERE L'UTILIZZO DELL'INFORMATICA IN LABORATORIO, DECLINATA NEL SAPER UTILIZZARE I MIDDLEWARES,I PROGRAMMI DI GESTIONE IN LABORATORIO E LA VALIDAZIONE DEI DATI ANALITICI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoMisure Elettriche
CodiceMS0423
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoARNEODO Michele
DocentiARNEODO Michele
CFU1
Ore di lezione10
Ore di studio individuale15
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)FIS/07 - FISICA APPLICATA (A BENI CULTURALI, AMBIENTALI, BIOLOGIA E MEDICINA)
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoF - Stage e altre attività formative
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiLe basi dell'elettromagnetismo.
Testi di riferimentoV. Monaco, R. Sacchi, A. Solano, "Elementi di Fisica", McGrawHill J. Kane, M. Sternheim, "Fisica Applicata", EMSI D. Scannicchio, "Fisica Biomedica", EdiSES
Obiettivi formativiFornire le basi dell’elettromagnetismo.
PrerequisitiIl contenuto del corso di fisica del I semestre.
Metodi didatticiLezioni in aula.
Altre informazioniSi veda http://www3.med.unipmn.it/arneodo/corso/corso_mis-el.html
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame scritto e orale sul programma, volto a verificare il grado di comprensione della materia. Per esempi delle prove scritte, si veda http://www3.med.unipmn.it/arneodo/
Programma estesoCarica elettrica. Legge di Coulomb. Carica elementare. Campo elettrico, linee di campo. Campo generato da una carica puntiforme, da due cariche uguali, da un dipolo. Momento di dipolo elettrico. Comportamento di un dipolo all'interno di un campo elettrico. Momento meccanico su un dipolo elettrico in un campo elettrico. Energia potenziale elettrostatica. Potenziale elettrico. Elettronvolt. Relazione tra campo e differenza di potenziale. Scarica elettrica. Conduttori e isolanti. Campo all'interno di un conduttore in un campo elettrico. Polarizzazione di un dielettrico. Capacita' elettrica; condensatori; effetto di un dielettrico; condensatore a facce piane e parallele; energia immagazzinata in un condensatore. Condensatori in serie e parallelo. Corrente elettrica, velocita' dei portatori di carica, resistenza, legge di Ohm. Conduttori ohmici e non; il diodo. Circuiti. Batterie ideali e reali. Resistivita'. Potenza dissipata in una resistenza, effetto Joule; Wh. Resistenze in serie e in parallelo. Circuiti in corrente continua e in corrente alternata. Tensione e corrente efficaci. Reti elettriche; impianti di terra. Effetti della corrente sul corpo umano. Campo magnetico. Legge di Lorentz. Forza su un filo percorso da corrente. Legge di Biot-Savart. Campo generato da un filo rettilineo. Calcolo del campo al centro di una spira circolare. Solenoide. Dipolo magnetico, momento di dipolo magnetico. Comportamento di dipolo magnetico in un campo magnetico. Materiali magnetici; calamite e bussole; ferromagnetismo. Flusso del campo magnetico. Legge di Faraday-Lenz. Generatori elettrici; trasformatori. Onde elettromagnetiche, fotoni. Antenne.
Risultati di apprendimento attesiComprensione delle basi dell'elettromagnetismo.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoDidattica di supporto
CodiceMS0435
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
CFU3
Ore di lezione30
Ore di studio individuale45
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoD - A scelta dallo studente
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoScienze Fisiche e Statistiche
CodiceMS0138
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoRUSPA Marta
DocentiRUSPA Marta, GUIDO Andrea, ABELLI Gianfranco
CFU6
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
SedeNOVARA
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
MS0063 FISICA FIS/07 - FISICA APPLICATA (A BENI CULTURALI, AMBIENTALI, BIOLOGIA E MEDICINA) RUSPA Marta
MC013 INFORMATICA INF/01 - INFORMATICA GUIDO Andrea
MC014 STATISTICA MEDICA MED/01 - STATISTICA MEDICA ABELLI Gianfranco
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoFISICA
CodiceMS0063
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoRUSPA Marta
DocentiRUSPA Marta
CFU2
Ore di lezione20
Ore di studio individuale30
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)FIS/07 - FISICA APPLICATA (A BENI CULTURALI, AMBIENTALI, BIOLOGIA E MEDICINA)
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
Testi di riferimentoV. Monaco, R. Sacchi, A. Solano, “Elementi di Fisica” Laurea Infermieristica, MC Graw Hill EditoreE. Ragozzino, “Elementi di Fisica per studenti di Scienze Biomediche”, EdiSESF. Borsa, G.L. Introzzi, S. Scannicchio, “Elementi di Fisica per Diplomi di indirizzo medico biologico”, Edizioni Unicopli
Obiettivi formativiIl corso si propone di trasmettere allo studente alcune nozioni fondamentali di Fisica Generale, quali grandezze fisiche e unità di misura, elementi di base di cinematica, dinamica, statica dei corpi, fluidodinamica, termologia, fenomeni diffusivi nei gas e soluzioni diluite, con applicazioni mediche degli argomenti proposti.
PrerequisitiNozioni di base di matematica: è sufficiente il biennio di una scuola superiore. Non sono richieste nozioni di calcolo infinitesimale.
Metodi didatticiLezione frontale in aula con proiezione di slide powerpoint. Utilizzo di lavagna luminosa per svolgimento di esercizi.
Altre informazioniIl corso è corredato di 10 ore di esercitazioni.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame scritto con domande a risposta multipla.
Programma esteso- Richiami di matematica Espressioni algebriche letterali. Potenze e loro proprietà, potenze di 10, notazione scientifica. Proporzioni. Percentuali. Equazioni di primo grado. Geometria elementare, angoli piani. - Introduzione alle grandezze fisiche ed alle unità di misura Definizione di grandezza fisica, grandezze fondamentali e derivate. Il sistema Internazionale di unità di misura, multipli e sottomultipli e uso delle potenze di 10. Equivalenze tra le unità di misura. Grandezze scalari e grandezze vettoriali; algebra vettoriale: somma, differenza, prodotto e scomposizione lungo direzioni assegnate. - Biomeccanica Massa e densità. Cenni di cinematica: spostamento, velocità ed accelerazione. Moto rettilineo uniforme ed uniformemente accelerato; caduta dei gravi. Moto circolare uniforme: periodo, frequenza e accelerazione centripeta; centrifuga di laboratorio. Principio di inerzia e legge di Newton. Forza peso, forza centripeta, forza di reazione vincolare, forza di attrito, forza elastica. Lavoro di una forza. Energia. Potenza. Condizione di equilibrio di un punto materiale e di un corpo esteso. Momento meccanico di una forza. Baricentro. Equilibrio su un piano orizzontale. Leve ed esempi di articolazioni umane. - Termologia Temperatura e scale termometriche. Equilibrio termico. Termometro clinico. Interpretazione microscopica della temperatura. Cambiamenti di stato. Il calore come forma di energia e la caloria. - Metabolismo Produzione di calore nell’organismo umano; potere calorico; termoregolazione; potenza metabolica e rendimento muscolare. - Meccanica dei fluidi Definizione di densità e di pressione. Principio di Pascal. Pressione idrostatica ed alcune sue applicazioni: misura della pressione atmosferica; effetti della forza di gravità sulla pressione nei vasi sanguigni; fleboclisi. Principio di Archimede e galleggiamento dei corpi. Moto di fluidi ideali: portata, equazione di continuità, teorema di Bernoulli. Moto di fluidi reali: perdita di carico, resistenza idrodinamica. Regimi di moto di un fluido reale e velocità critica. Trasporto in un fluido viscoso e sedimentazione. Circuito idrodinamico del sangue. Misurazione della pressione arteriosa con lo sfigmomanometro. - Soluzioni diluite e fenomeni diffusivi Mole. Equazione di stato di un gas perfetto. Miscela di gas e pressione parziale. Soluzioni diluite e concentrazione di una soluzione. Diffusione libera. Osmosi. Osmosi nei sistemi biologici. Diffusione di gas nei sistemi biologici.
Insegnamento mutuato daIGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI IGIENISTA DENTALE) (1847) - MS0063 FISICA - NOVARA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoINFORMATICA
CodiceMC013
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiGUIDO Andrea
CFU2
Ore di lezione20
Ore di studio individuale30
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)INF/01 - INFORMATICA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiConoscenze di base di informatica : rappresentazione dati, hardware, software, reti, sicurezza
Testi di riferimentoCurtin, Foley, Sen, Morin, Informatica di base, 6e. McGraw-Hill Education Albiero Roberto, Dispense ECDL CNR
Obiettivi formativiIl modulo ha l'obiettivo di trasmettere le nozioni di base della rappresentazione delle informazioni e la relativa elaborazione attraverso strumenti informatici. Vengono analizzati i principi di base della struttura e del funzionamento di un personal computer con le sue componenti hardware e software, completati dal tema della comunicazione attraverso le reti informatiche, al fine di far comprendere agli studenti quali sono i principi ed i meccanismi attraverso cui avviene l’elaborazione automatica dei dati avviene. Lo scopo è anche quello dell'acquisizione della terminologia, di comprendere le interazioni tra le componenti hardware e software senza tralasciare l’acquisizione di competenze che consentano di prendere decisioni corrette rispetto all’utilizzo dei tool ICT.
PrerequisitiIl corso è di base quindi non sono richieste conoscenze specifiche.
Metodi didatticiPresentazioni in formato MS-Power Point. Lezione pratica ed esercizi su piattaforma di e-learning
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame consiste in una prova scritta di 20 domande con scelta tra 5 risposte di cui solo una vera. Ogni risposta esatta vale 1,5 punti. Nessuna penalizzazione viene assegnata per le risposte non esatte. La lode potrà essere conseguita solo attraverso interrogazione vincolata ad un voto della prova scritta maggiore o uguale a 25/30. Il test è volto a verificare se conoscenze, competenze ed abilità esplicitate nei “Risultati di apprendimento attesi” sono acquisite.
Programma estesoIntroduzione ed elementi di base - Panoramica sulla materia - Cos’è l’informatica, funzioni svolte dagli elaboratori, informazioni e dati. - Codifica delle informazioni - Immagini - Codifica vettoriale - Codifica Bitmap: risoluzione e profondità - Compressione Immagini: formati JPEG, GIFF, PNG, TIFF. - Suono - Rappresentazione dei dati: analogica e digitale, bit e byte - Operatori Booleani e ricerca bibliografica Calcolatore e periferiche - Tipi di elaboratori. - Architettura degli elaboratori, modelli architetturali. - CPU, memorie, bus, memorie secondarie. - Interagire con il computer: le periferiche di input e di output. - Possibili tipologie di collegamenti Il software - cos'è il software - Il sistema operativo - Le interfacce utente - Le applicazioni - Cenni su applicazioni in ambito sanitario - Cenni di programmazione - Malware & C. - Privacy e sicurezza dei dati - Licenze d'uso dei software Informatica e comunicazione - Information & Comunication Tecnology - Le reti - Internet e posta elettronica
Risultati di apprendimento attesiConoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding) Gli studenti, al termine del corso sono in grado di: - conoscere e comprendere i meccanismi di rappresentazione dei dati attraverso la logica binaria - dimensionare lo spazio necessario per l’archiviazione di dati comprendendo i vantaggi e gli svantaggi relativi al maggiore/minore grado di accuratezza di rappresentazione - conoscere le componenti principali di un elaboratore ed i principi della comunicazione via rete - distinguere tra applicazioni e sistema operativo - conoscere gli aspetti di base di sicurezza del trattamento delle informazioni e privacy Questo conoscenze vengono verificate attraverso la prova scritta Capacità di applicare conoscenze e comprensione (applying knowledge and understanding) Gli studenti, al termine del corso, sono in grado di: - Applicare le conoscenze acquisite per scegliere la migliore modalità di interfacciamento tra periferica ed elaboratore - classificare e scegliere gli attributi e le entità necessari alla rappresentazione di una specifica realtà - applicare gli operatori base della logica booleana per formulare ricerche
Insegnamento mutuato daTECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI RADIOLOGIA MEDICA) (1848) - MC013 INFORMATICA - NOVARA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTATISTICA MEDICA
CodiceMC014
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiABELLI Gianfranco
CFU2
Ore di lezione20
Ore di studio individuale30
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/01 - STATISTICA MEDICA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiPresentazione dei concetti di base di popolazione e campione. Sintesi e presentazione in tabelle e grafici dei dati categorici. Sintesi e presentazione in tabelle e grafici dei dati numerici. Indici di tendenza centrale: media, mediana, moda. Indici di variabilità: deviazione standard, coefficiente di variazione, range e percentili. Campionamento (approccio pratico). Probabilità. Distribuzioni di probabilità binomiale e gaussiana. Proprietà della distribuzione della media campionaria. Intervallo di confidenza della media campionaria. Test dell’ipotesi. Test z e distribuzione normale standard. Distribuzione t. Confronto tra medie di due campioni indipendenti. Confronto tra medie di due campioni appaiati. Analisi dei dati in tabelle di contingenza: test chi quadrato. Trasformazione dei dati (logaritmica ed altre).
Testi di riferimentoFowler ed al - Statistica pratica per le professioni sanitarie. Edises Testo alternativo: Lantieri et al - Statistica Medica per le professioni sanitarie (2° ed) McGraw-Hill 2004 Testi utili per un approfondimento: • M. Pagano & K. Gauvreau. Biostatistica (II edizione italiana). ed. Idelson Gnocchi, Napoli 2003. • S.A. Glantz, Statistica per discipline biomediche, Mc Graw Hill, 2003.
Obiettivi formativiAcquisire abilità in merito alla descrizione di dati statistici: - comprendere la terminologia di base (popolazione, campione, variabile, etc); - calcolo e presentazione di distribuzioni di frequenza; - descrizione di dati con metodi grafici; - calcolo degli indici di tendenza centrale e variabilità; - analisi della relazione tra due variabili; - trasformazione dei dati. Fornire un’introduzione all’inferenza statistica: - valutazione di probabilità di un evento; - distribuzioni di probabilità binomiale e gaussiana; - proprietà della distribuzione della media campionaria; - intervallo di confidenza e Test dell’ipotesi. Test statistici: - test t di student per dati appaiati; - test t di student per dati in gruppi; - test chi-quadrato. In sintesi si intende fornire le basi necessarie per: la lettura di articoli scientifici; la presentazione e l’analisi statistica di semplici serie di dati; la prosecuzione degli studi.
PrerequisitiLo studente deve disporre di conoscenze matematiche corrispondenti al biennio delle scuole superiori.
Metodi didatticiPresentazioni in formato MS-WORD ed MS-Power Point. Durante l’attività didattica integrativa viene messo a disposizione un breve set di esercizi risolti, che vengono discussi in aula.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame scritto, comune alle tre materie del corso integrato (Statistica Medica, Fisica, Informatica). L’esame prevede una combinazione di domande a scelta multipla, domande aperte ed esercizi di calcolo.
Programma estesoPresentazione dei concetti di base di popolazione e campione. Sintesi e presentazione in tabelle e grafici dei dati categorici. Sintesi e presentazione in tabelle e grafici dei dati numerici. Indici di tendenza centrale: media, mediana, moda. Indici di variabilità: deviazione standard, coefficiente di variazione, range e percentili. Campionamento (approccio pratico). Probabilità. Distribuzioni di probabilità binomiale e gaussiana. Proprietà della distribuzione della media campionaria. Intervallo di confidenza della media campionaria. Test dell’ipotesi. Test z e distribuzione normale standard. Distribuzione t. Confronto tra medie di due campioni indipendenti. Confronto tra medie di due campioni appaiati. Analisi dei dati in tabelle di contingenza: test chi quadrato. Trasformazione dei dati (logaritmica ed altre).
Risultati di apprendimento attesiLo studente sarà in grado di comprendere le principali nozioni di base della statistica e di utilizzare alcuni test statistici di utilizzo corrente all'interno della propria professionalità
Insegnamento mutuante inFISIOTERAPIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI FISIOTERAPISTA) (1846) - MC014 STATISTICA MEDICA
IGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI IGIENISTA DENTALE) (1847) - MC014 STATISTICA MEDICA - NOVARA
TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI RADIOLOGIA MEDICA) (1848) - MC014 STATISTICA MEDICA - NOVARA
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoScienze biomediche
CodiceMS0136
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoD'ALFONSO Sandra
DocentiCOTELLA Diego, D'ALFONSO Sandra, BAGNATI Marco
CFU6
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
SedeNOVARA
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoitaliano
Contenuti- Il genoma umano - Struttura dei cromosomi, cariotipo umano normale - Mitosi e meiosi - Aberrazioni cromosomiche. Cariotipi umani patologici - Diagnosi prenatale - Genetica dei gruppi eritrocitari Rh e ABO - Eredità monofattoriale:autosomica dominante, recessiva, legata al cromosoma X dominante e recessiva - Mutazioni nel DNA - Genetica molecolare delle malattie monofattoriali - Caratteri multifattoriali - Inattivazione del cromosoma X - Caratteri mitocondriali
Testi di riferimentoTesti consigliati: Chieffi. Biologia e Genetica. EDISES Iolascon, Gasparini, Cocozza : Genetica Medica. Lineamenti. ed Idelson-Gnocchi,2005
Obiettivi formativiIl corso si propone di fornire allo studente gli strumenti per comprendere le basi molecolari e le modalità di trasmissione delle malattie genetiche nell’uomo.
Prerequisitinon previsti
Metodi didatticiVideoproiettore e computer in dotazione all'aula. Lavagna luminosa. Presentazioni in formato MS-Power Point. Copia su supporto informatico di tutte le diapositive proiettate.
Altre informazioniEsercitazioni Il corso non prevede esercitazioni. Tuttavia durante le lezioni frontali verranno proposti e risolti con gli studenti alcuni problemi o quesiti
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’apprendimento verrà verificato tramite esame scritto con domande prevalentemente a scelta multipla e una minoranza eventuale di domande aperte. Interrogazione orale solo nei casi incerti.
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
MS0035 BIOLOGIA APPLICATA BIO/13 - BIOLOGIA APPLICATA COTELLA Diego
MS0038 GENETICA MEDICA MED/03 - GENETICA MEDICA D'ALFONSO Sandra
BT028 PROPEDEUTICA BIOCHIMICA BIO/10 - BIOCHIMICA BAGNATI Marco
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoBIOLOGIA APPLICATA
CodiceMS0035
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiCOTELLA Diego
CFU2
Ore di lezione20
Ore di studio individuale30
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)BIO/13 - BIOLOGIA APPLICATA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoitaliano
ContenutiIntroduzione alla cellula. Acidi nucleici: componenti zucchero, fosfato, basi. Zuccheri: formula generale, pentosi, esosi, struttura lineare e ad anello. Disaccaridi, polisaccaridi. Acidi grassi: struttura, trigliceridi, fofolipidi. Aggregati lipidici, monostrati, micelle, doppio strato. Amino acidi: struttura di base, legame peptidico, famiglie degli aminoacidi (acidi, basici, apolare, non carichi polari). Strutture della proteina, foglietti beta, alfa elica. Struttura primaria, secondaria, terziaria e quaternaria. Il flusso dell’informazione genetica. • Il DNA: componenti essenziali, basi Adenina, guanina, citosina, timina. Struttura della doppia elica. Istoni e strutture cromosomiche. • La duplicazione del DNA. Modello semiconservativo, DNA polimerasi, replicazione continua e discontinua. Fedeltà della duplicazione e meccanismi di riparo. • Trascrizione e maturazione dell’RNA messaggero. • Il meccanismo della traduzione: caratteristiche del codice genetico; struttura e funzione dei ribosomi. Strutture delle membrane biologiche. • Il doppio strato lipidico, le proteine della membrana, i carboidrati della membrana. • Il trasporto attraverso la membrana: piccole molecole e particelle. Gli organelli cellulari, struttura e funzione. • La compartimentazione delle cellule superiori, il citosol. • Il nucleo. • I mitocondri. • Il reticolo endoplasmatico. • L’apparato del golgi. • I lisosomi. • L’indirizzamento dellle proteine nei vari compartimenti cellulari. Endocitosi ed esocitosi. Il citoscheletro e le interazioni tra le cellule. • Microtubuli, filamenti di actina, filamenti intermedi. Componenti e funzioni cellulari.
Testi di riferimentoTesti consigliati: - Biologia e Genetica. G. Chieffi - S. Dolfini - M. Malcovati - R. Pierantoni - M.L. Tenchini. Pagine: 491/4 Colori Edizione: II / 2000 - Elementi di Biologia, Solomon, Berg, Martin, terza edizione, Edises. - BIOLOGIA La chimica della vita e la cellula (capitoli 1 ÷ 12) Neil A. Campbell, Jane B. Reece Zanichelli
Obiettivi formativiIl corso propone un’integrazione delle più attuali nozioni di biologia cellulare, biochimica e Biologia molecolare che forniranno allo studente gli strumenti necessari per arrivare a conoscere e descrivere in modo organico la struttura di cellule eucariotiche e le loro funzioni.
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso delle indispensabili nozioni di chimica e biochimica.
Metodi didatticiVideoproiettore e computer con collegamento Internet in dotazione all'aula. Presentazioni in formato MS-Power Point, CD-ROM interattivi e siti internet didattici.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame si compone di una prova scritta con domande a scelta multipla e con domande a risposta aperta. Lo studente dovrà dimostrare di aver acquisito le nozioni di base della biologia cellulare e molecolare, apprese durante le lezioni, in maniera adeguata per affrontare con efficacia i successivi corsi (es. istologia).
Insegnamento mutuato daFISIOTERAPIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI FISIOTERAPISTA) (1846) - MS0035 BIOLOGIA APPLICATA - FOSSANO
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoGENETICA MEDICA
CodiceMS0038
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoD'ALFONSO Sandra
DocentiD'ALFONSO Sandra
CFU2
Ore di lezione20
Ore di studio individuale30
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/03 - GENETICA MEDICA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiIl corso si propone di fornire allo studente gli strumenti per comprendere le basi molecolari e le modalità di trasmissione delle malattie genetiche nell’uomo e per preparare gli studenti alla consulenza genetica di pazienti e famiglie
Testi di riferimentoChieffi. Biologia e Genetica. EDISES Iolascon, Gasparini, Cocozza : Genetica Medica. Lineamenti. ed Idelson-Gnocchi,2005
Obiettivi formativiIl corso si propone di fornire allo studente gli strumenti per comprendere le basi molecolari e le modalità di trasmissione delle malattie genetiche nell’uomo e per preparare gli studenti alla consulenza genetica di pazienti e famiglie
PrerequisitiGli studenti devono avere una conoscenza di base della biologia della cellula e del flusso delle informazioni genetiche
Metodi didatticiLezioni frontali
Altre informazioniControllo dell'apprendimento in itinere: esercizi svolti in classe riguardanti gli argomenti del corso
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame scritto. La prova prevede circa 25 domande a risposta multipla e su tutti gli argomenti del corso, piu' una domanda aperta sugli alberi familiari. La valutazione complessiva terrà conto dei punteggi parziali conseguiti nelle singole domande
Programma esteso- Il genoma umano - Struttura dei cromosomi, cariotipo umano normale - Mitosi e meiosi - Aberrazioni cromosomiche. Cariotipi umani patologici - Diagnosi prenatale - Genetica dei gruppi eritrocitari Rh e ABO - Mutazioni nel DNA - Genetica formale e molecolare delle malattie monogeniche con modalità di trasmissione autosomica dominante, recessiva, legata al cromosoma X dominante e recessiva - Inattivazione del cromosoma X -Caratteri mitocondriali - Caratteri multifattoriali e malattie complesse -test genetici e consulenza genetica
Risultati di apprendimento attesiCi si attende che gli studenti apprendano i fondamenti sulla struttura e l'organizzazione del materiale genetico umano e sulle leggi che ne regolano la trasmissione nelle famiglie. In particolare ci si attende che gli studenti siano in grado di fornire una consulenza genetica a famiglie con casi di malattie genetiche identificando il test genetico indicato e i rischi di trasmissione delle malattie Inoltre ci si attende che sappiano applicare queste conoscenze per impostare indagini sperimentali nelle diverse branche della genetica e discuterne criticamente i risultati. Ci si attende inoltre che acquisiscano corrette abilità comunicative nelle tematiche oggetto di studio
Insegnamento mutuante inFISIOTERAPIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI FISIOTERAPISTA) (1846) - MS0038 GENETICA MEDICA
IGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI IGIENISTA DENTALE) (1847) - MS0038 GENETICA MEDICA - NOVARA
TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI RADIOLOGIA MEDICA) (1848) - MS0038 GENETICA MEDICA - NOVARA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoPROPEDEUTICA BIOCHIMICA
CodiceBT028
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiBAGNATI Marco
CFU2
Ore di lezione20
Ore di studio individuale30
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)BIO/10 - BIOCHIMICA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoitaliano
ContenutiChimica generale ed inorganica. 1) La materia: Struttura e proprietà. Atomi, particelle subatomiche, isotopi e ioni, numero atomico e numero di massa, massa atomica, peso atomico relativo, mole, numero di Avogadro. Molecole: peso molecolare.Tavola periodica degli elementi. 2) Legame chimico: Legame ionico e legame covalente Regola dell’ ottetto. Composti ionici e composti covalenti: proprietà generali. Legame metallico. Interazioni idrofobiche. Molecole. 3) Interazioni deboli: Ruolo delle interazioni inter-molecolari nella definizione dello stato fisico. 4) Le proprietà dell’ acqua. Le soluzioni: solventi e soluti. Soluzioni di solidi, liquidi e gas in acqua. Misura della concentrazione di una soluzione (molarità, normalità, frazione molare e percentuali w:w, w:v, v:v). Ruolo della temperatura e della pressione nella solubilità dei soluti solidi o gassosi in acqua. Innalzamento ebullioscopico ed abbassamento crioscopico di una soluzione contenente soluti non volatili. Pressione osmotica. Osmolarità e tonicità delle soluzioni. Soluzione fisiologica. 5) L’equilibrio chimico: legge dell’azione di massa. Costante di equilibrio: metodo di calcolo e suo ruolo nella previsione della direzione di una reazione chimica reversibile. Condizioni che permettono lo spostamento di un equilibrio chimico: principio di azione e reazione (Le Chatelier). 6) Acidi e basi forti e deboli. Ka, Kb, pKa, pKb. pH di soluzioni di acidi e basi forti, di acidi e basi deboli, di ioni (sali) a carattere acido o basico. Indicatori acido-base. 7) Soluzioni tampone: composizione e proprietà Misura del pH di soluzioni tampone. 8) Gas ideali: leggi e teoria cinetica. Cinetica chimica: velocità di reazione: definizioni e metodo di misura. Legge di velocità ed ordine di una reazione. Catalisi chimica. 9) Processi di ossido-riduzione (red-ox). Numero di ossidazione di un atomo in una molecola. Bilanciamento di reazioni di ossidoriduzione. Chimica organica. 1) Peculiarità della chimica del carbonio. Gruppi funzionali caratteristici per le varie classi di composti del carbonio. Radicali: meccanismi di produzione di radicali liberi. Composti organici: definizione, formula generale, formula di struttura e nomenclatura in base alle regole IUPAC e “d’uso” di: idrocarburi (alcani, alcheni, alchini, ciclici, aromatici), alogenocomposti, alcoli, fenoli, eteri, analoghi solforati (tioalcoli, tioeteri, tiofenoli, disolfuri) aldeidi e chetoni, acidi carbossilici, derivati degli acidi (alogenuri, anidridi, esteri, tioesteri, ammidi), ammine, semplici composti bifunzionali. Nomenclatura dei radicali derivati da ciascuna classe di composti. Meccanismo di interazione con il solvente acquoso di ciascuna classe di composti del carbonio. 2) Isomeria. Isomeria di posizione. Isomeria cis-trans. Chiralità: atomi stereogenici. Classificazione D,L. Proprietà ottiche dei composti chirali. 3) Aromaticità: benzene: caratteristiche strutturali. Risonanza. 4) Struttura e nomenclatura dei monosaccaridi. 5) Composti bifunzionali: amminoacidi. Classificazione secondo la natura della catena laterale. Proprietà acido-base degli amminoacidi. Curva di tiolazione. Punto isoelettrico.
Obiettivi formativiFornire allo studente la conoscenza dei fondamenti delle scienze chimiche, ovvero della struttura e delle leggi che governano la materia.
PrerequisitiLa conoscenza dei principi che regolano il comportamento chimico e chimico fisico della Materia, la capacità di eseguire semplici calcoli che illustrano gli aspetti quantitativi di modelli dei principali fenomeni biologici.
Metodi didatticiSupporti alla didattica in uso alla docenza Lavagna e pennarelli
Altre informazioniEsercitazioni Calcolo della concentrazione delle soluzioni acquose. Calcolo del pH in soluzioni acide, basiche, saline ed in soluzioni tampone.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame orale
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoTirocinio I anno
CodiceMS0117
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoROSSATI Mariella
CFU13
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/46 - SCIENZE TECNICHE DI MEDICINA DI LABORATORIO
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeNOVARA
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneVoto finale
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
Insegnamento.Igiene e Medicina del lavoro
CodiceMS0428
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBARONE ADESI Francesco
DocentiBARONE ADESI Francesco, GROSSI Roberta, ZANOLI Vittorio
CFU5
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
SedeNOVARA
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
MS0191 Igiene dell'ambiente e dei luoghi di lavoro MED/42 - IGIENE GENERALE E APPLICATA BARONE ADESI Francesco
MC093 MEDICINA DEL LAVORO MED/44 - MEDICINA DEL LAVORO GROSSI Roberta
MS0251 Tecniche di analisi ambientale MED/46 - SCIENZE TECNICHE DI MEDICINA DI LABORATORIO ZANOLI Vittorio
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoIgiene dell'ambiente e dei luoghi di lavoro
CodiceMS0191
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBARONE ADESI Francesco
DocentiBARONE ADESI Francesco
CFU1
Ore di lezione10
Ore di studio individuale15
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/42 - IGIENE GENERALE E APPLICATA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiLa sanità pubblica per la salute di popolazione. Ambiente e sviluppo. I principi dell’igiene ambientale. La dinamica ambientale. Politiche di protezione della qualità ambientale. Il modello ambiente-salute DPSIR: determinanti, pressioni, risposte, impatti, stato. Iter per la determinazione di uno standard umano e/o ambientale. Il modello di Ulm come approccio valutativo del rischio chimico nella comunità in riferimento specifico e mirato ai quattro step di interventi (identificazione, stima, valutazione e gestione). Procedure di calcolo per stimare livelli espositivi quali NOEL e ADI, alimenti e acque potabili.
Testi di riferimentoMateriale educativo consigliato dall'insegnate: - “Igiene e medicina preventiva” (2 Vol.). Barbuti S., Belelli E., Fara G.M., Giammanco G., Monduzzi Editore; -“Igiene” Barbuti S., Belelli E., Fara G.M., Giammanco G., Monduzzi Editore -“Igiene” Checcacci L.,Meloni C., Pelissero G.,Casa Editrice Ambrosiana - “Professione Igienista – Manuale dell’igiene ambientale e territoriale” Casa Editrice Ambrosiana (i libri consigliati sono nella biblioteca del Dipartimento)
Obiettivi formativiFornire gli elementi base per la conoscenza e la comprensione dei rapporti ambiente/salute per prevenire esposizioni a rischi ambientali di tipo chimico. Fornire le conoscenze al fine di ottenere la capacità di organizzare in ambito di comunità gli iter procedurali di identificazione, di stima, di valutazione e di gestione del rischio. Essere in grado di differenziare sulla base di conoscenze oggettive il grado di rischio ambientale e a quali requisiti si deve rispondere per definire il rischio ambientale sanitario.
PrerequisitiNozioni di chimica inorganica ed organica, di fisica e tossicologia nonché di epidemiologia
Metodi didatticiLezione frontale interattiva. Presentazioni in formato MS-Power Point
Altre informazioniEsercitazione: illustrazione del modello DPSIR con relativa esercitazione pratica al fine di specificare i determinanti, le pressioni, le risposte, gli impatti e lo stato con cui la società risponde ai problemi ambientali.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame scritto con test a risposta multipla.
Programma estesoLa sanità pubblica per la salute di popolazione. Ambiente e sviluppo. I principi dell’igiene ambientale. La dinamica ambientale. Politiche di protezione della qualità ambientale. Il modello ambiente-salute DPSIR: determinanti, pressioni, risposte, impatti, stato. Iter per la determinazione di uno standard umano e/o ambientale. Il modello di Ulm come approccio valutativo del rischio chimico nella comunità in riferimento specifico e mirato ai quattro step di interventi (identificazione, stima, valutazione e gestione). Procedure di calcolo per stimare livelli espositivi quali NOEL e ADI, alimenti e acque potabili.
Risultati di apprendimento attesiAl fine di raggiungere le conoscenze e le competenze corrispondenti al livello di sufficienza, allo studente si chiede di dimostrare: Coscenza e comprensione: acquisire conoscenze relative ai concetti di igiene generale. Conoscere i determinanti della salute ed i principali fattori di rischio. Comprendere i sistemi di sorveglianza sanitaria. Conoscere elementi d’igiene ambientale ed industriale; conoscere l’epidemiologia e le basi del management della salute. Acquisire le competenze che portano all’apprendimento delle strategie di medicina preventiva e di prevenzione della salute. Capacità di applicare conoscenza e comprensione: capacità di applicare le conoscenze acquisite durante il corso e di comprendere i concetti di determinanti di salute e di fattori di rischio nell’ottica di una interazione tra l’uomo ed il suo ambiente fisico-sociale. Autonomia di giudizio: capacità di comprendere ed interpretare i risultati statistici di studi epidemiologici, utilizzando un approccio metodologico scientifico. Abilità comunicative: capacità di esporre i concetti con chiarezza, in forma sia orale sia scritta, utilizzando un linguaggio scientifico appropriato. Capacità di apprendimento: Acquisire la capacità di aggiornarsi in maniera autonoma, tramite la lettura di testi e di articoli scientifici, anche in lingua inglese. Capacità di utilizzare le conoscenze acquisite per partecipare a seminari e/o corsi di approfondimento della materia.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoMEDICINA DEL LAVORO
CodiceMC093
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiGROSSI Roberta
CFU2
Ore di lezione20
Ore di studio individuale30
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/44 - MEDICINA DEL LAVORO
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoC - Affine o integrativo
Anno2
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiStudio dei rapporti tra lavoro e salute: malattie professionali, malattie correlate al lavoro e infortuni. Malattia professionale: modelli di malattia e fattori di rischio nel loro determinismo. Strategie nella prevenzione nelle malattie professionale: cenni di normativa, strumenti e figure della prevenzione, organi di vigilanza. Monitoraggio dell’esposizione dei lavoratori: monitoraggio ambientale e biologico. Fattori di rischio relativi alla mansione di tecnico di laboratorio: valutazione del rischio e cenni di prevenzione: rischio chimico e cancerogeno, cenni di tossicologia relativamente alle principali sostanze chimiche rischio biologico movimentazione manuale dei carichi uso di attrezzature dotate di videoterminale rischi legati all’organizzazione del lavoro: mobbing, burn-out e lavoro su turni. Patologie derivate dall’esposizione a rumore. Dispositivi di protezione collettiva e individuale
Testi di riferimentoTesti consigliati per un approfondimento della materia: G. Scansetti, P.G. Polatto, G. Perelli - Medicina del Lavoro - ed Minerva Medica
Obiettivi formativiIl modulo ha l’obiettivo di permettere l’apprendimento dei principi generali della medicina del lavoro relativi ai principali fattori di rischio nell’insorgenza delle malattie professionali, ivi comprese le misure di prevenzione e protezione. Inoltre vengono approfonditi i fattori di rischio specifici relativi alla mansione di tecnico di laboratorio con le relative misure di prevenzione e protezione.
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso delle indispensabili nozioni di Anatomia, Fisiologia, microbiologia, Fisica e Chimica.
Metodi didatticiPresentazioni in formato MS-Power Point esercitazione sull'uso della scheda dati di sicurezza e valutazione del rischio chimico
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame si compone di una prova scritta con domande a scelta multipla o con domande aperte sul programma trattato, con possibilità di prova orale al fine di migliorare la votazione ottenuta. Lo studente dovrà dimostrare di aver assimilato i concetti di base della medicina del lavoro, i rischi per la salute relativi alla mansione di tecnico di laboratorio e le relative misure di prevenzione e protezione.
Programma estesoStudio dei rapporti tra lavoro e salute-malattie professionali, malattie correlate al lavoro e infortuni. Malattia professionale: modelli di malattia e fattori di rischio nel loro determinismo Strategie nella prevenzione nelle malattie professionale- cenni di normativa, strumenti e figure della prevenzione, organi di vigilanza Monitoraggio dell’esposizione dei lavoratori- monitoraggio ambientale e biologico Fattori di rischio relativi alla mansione di tecnico di laboratorio-valutazione del rischio e cenni di prevenzione: rischio chimico e cancerogeno con cenni di tossicologia relativamente alle principali sostanze chimiche, rischio biologico, movimentazione manuale dei carichi, uso di attrezzature dotate di videoterminale, rischi legati all’organizzazione del lavoro: mobbing, burn-out e lavoro su turni Patologie derivate dall’esposizione a rumore Dispositivi di protezione collettiva e individuale
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoTecniche di analisi ambientale
CodiceMS0251
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiZANOLI Vittorio
CFU2
Ore di lezione20
Ore di studio individuale30
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/46 - SCIENZE TECNICHE DI MEDICINA DI LABORATORIO
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiIntroduzione. Motivazioni delle indagini ambientali in ambiente di lavoro. Riferimenti legislativi. Vie di penetrazione degli inquinanti ed organi bersaglio. Gas e polveri. Microrganismi. Rumore e vibrazioni. Microclima e ventilazione. Illuminazione. Definizione di esposti e gruppo omogeneo di esposizione. Rappresentatività del campione. Standard di riferimento degli inquinanti chimici, fisici e biologici. Analisi statistica dei dati: Norma UNI 689 OTL-TEST
Testi di riferimentoGiornale degli Igienisti Industriali
Obiettivi formativiIl modulo ha l’obiettivo di permettere l’apprendimento dei principi generali della igiene industriale,e della norme legislative che la governano. Vengono inoltre analizzate le condizioni di rappresentatività del campionamento ambientale ed analizzati nelle loro caratteristiche chimico fisiche e tossicologiche i principali gruppi di inquinanti dell’ambiente lavorativo.
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso delle indispensabili nozioni di Matematica Geometria Fisica e Chimica, oltre a fondamenti di Anatomia, Fisiologia, Microbiologia, Medicina del Lavoro.
Metodi didatticiPresentazioni in formato MS-Power Point.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame si compone di una prova scritta e orale con domande a scelta multipla e esercizi. Lo studente dovrà dimostrare di aver assimilato i concetti di base dell’igiene industriale.
Programma estesoAgenti Chimici :polveri,aerosol, gas,vapori e fibre Classificazione determinazione limite di rilevabilita' ,concentrazione in ambientee buona pratica operativa Agenti fisici: rumore,vibrazioni nozione di base,sorgenti,effetti sull'uomo, strumenti di misura, relazione dose-risposta. Agenti biologici Classificazione degli agenti biologici, ricognizione dei rischi presenti in una attivita' produttiva, esposizione potenziale e utilizzo deliberato. Indoor air quality
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoDiagnostica di laboratorio
CodiceMS0262
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiPAVANELLI Maria Cristina, VIDALI Matteo, BARDONE Maria Beatrice, MENGOZZI Andrea
CFU9
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
SedeNOVARA
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
MS0168 Biochimica Clinica BIO/12 - BIOCHIMICA CLINICA E BIOLOGIA MOLECOLARE CLINICA PAVANELLI Maria Cristina
MC039 PATOLOGIA CLINICA MED/05 - PATOLOGIA CLINICA VIDALI Matteo
MS0252 Tecniche di analisi di laboratorio MED/46 - SCIENZE TECNICHE DI MEDICINA DI LABORATORIO BARDONE Maria Beatrice
MS0171 Controllo di qualità e Certificazione dei processi diagnostici ING-INF/05 - SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI MENGOZZI Andrea
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoBiochimica Clinica
CodiceMS0168
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiPAVANELLI Maria Cristina
CFU3
Ore di lezione30
Ore di studio individuale45
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)BIO/12 - BIOCHIMICA CLINICA E BIOLOGIA MOLECOLARE CLINICA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Programma estesoLEZIONE 1 Di cosa si occupa la biochimica clinica Ruolo del laboratorio La richiesta di un esame Preparazione del paziente Modalità di prelievo/raccolta dei principali liquidi biologici (urine, liquor, liquidi peritoneale-pleurico- pericardico, liquido amniotico, liquido sinoviale, succo gastrico, liquido seminale, sangue venoso- arterioso- capillare) Anticoagulanti, attivatori e conservanti, trasporto e conservazione dei campioni, fattori interferenti le analisi biochimiche Variabilità pre-analitica LEZIONE 2 Variabilità pre-analitica: trasporto, accettazione, centrifugazione, conservazione dei campioni biologici Variabilità analitica: precisione, accuratezza, sensibilità analitica, specificità analitica. Controllo di qualità: controllo intra-laboratorio, VEQ, carte di controllo. Valori di riferimento. Sensibilità diagnostica e specificità diagnostica. Curve ROC. Metodi spettrofotometrici. LEZIONE 3 Principali metodi analitici Colorimetri, fotometri e spettrofotometri. Legge di Lambert-Beer. Curve di taratura. Metodiche spettrofotometriche end-point, cinetiche , cinetiche fixed-time. Elettroforesi in fase solida ed elettroforesi capillare, immunofissazione. Sistema immunitario e metodiche immunologiche: senza marcatura (precipitazione, agglutinazione diretta ed indiretta), con marcatura (RIA, EIA, ELISA). LEZIONE 4 Esame emocromocitometrico Esame completo delle urine: esame fisico, chimico, del sedimento urinario al microscopio ottico Metabolismo glucidico. Caratteristiche biochimiche dei carboidrati. Il ruolo epatico Omeostasi glicemica: Insulina, glucagone, GH, somatostatina, adrenalina, cortisolo. LEZIONE 5 Metabolismo glucidico: il diabete T1D, T2D, IGT, diabete gravidico, endocrinopatie causa di iperglicemia. Criteri per fare diagnosi di diabete. Esami di base, di approfondimento e monotoraggio terapia: glicemia, OGTT, profilo glicemico, insulinemia, ricerca Ab anti insula pancreatica, Ab anti insulina, HbA1c, Fruttosamina. Metabolismo proteico: aminoacidi, proteine. Funzione delle proteine. Principali proteine di interesse diagnostico identificabili mediante analisi elettroforetica: pre-albumina, albumina, alfa1-antitripsina, alfafetoproteina, alfa2-aptoglobina, alfa2-macroglobulina, transferrina, immunoglobuline. Componenti monoclonali: MGUS e MM. Analisi di tracciati elettroforetici normali e patologici. Dosaggio PT (metodo Biureto), dosaggio Albumina (metodo Bromocresolo). LEZIONE 6 Funzionalità epatica: cenni di anatomia e fisiologia. Produzione, ruolo e dosaggio della bilirubina totale, diretta o coniugata e indiretta o non coniugata. Classificazione degli itteri. Principali enzimi di produzione epatica. Gli enzimi in generale: classificazione (EC), teoria di Michaelis-Menten, sito attivo, cofattori e inibitori, dosaggio (cinetica enzimatica). Gli isoenzimi. Principali enzimi di interesse diagnostico: LDH e suoi isosenzimi, ALP e suoi isoenzimi, GOT, GPT, GGT, CK e suoi isoenzimi, Amilasi totale ed isoenzima pancreatico, Lipasi, Colinesterasi, N. di dibucaina. LEZIONE 7 Metabolismo del ferro: assorbimento intestinale, omeostasi del ferro. Caratteristiche generali di ferritina, emosiderina, transferrina, lattoferrina. Anemia sideropenica. Malattia da accumulo di ferro. Quadro marziale: dosaggio della sideremia, della transferrina, della ferritina, TIBC. Marcatori tumorali: genesi tumorale, classificazione dei markers tumorali, metodi di dosaggio. Sensibilità e specificità diagnostica, VPP, VPN. Utilizzo clinico dei marcatori tumorali: quando dosarli (screening, follow-up). Linee guida per la richiesta dei marcatori tumorali. Criteri di specificità tissutale. PSA, Ca15.3, MCA, TPA, Cyfra 21.2, NSE LEZIONE 8 Marcatori tumorali: CEA, Tg, Calcitonina, CA125, CA19.9, AFP, altri indicatori di progressione neoplastica (B-HCG, idrossiprolina urinaria, ferritina, beta-2- microglobulina). Alterazioni del metabolismo lipidico. I lipidi: acidi grassi, trigliceridi, fosfolipidi, steroli (colesterolo, colecalciferolo, ormoni steroidei). Le lipotroteine: chilomicroni, IDL, VLDL, LDL, HDL. Metodi di determinazione dei complessi lipoproteici (ultracentrifugazione, elettroforesi). Via esogena ed endogena del metabolismo lipidico. Endocitosi delle LDL mediata da recettori. I recettori Scavenger: patogenesi dell'aterosclerosi. HDL: il trasporto inverso del colesterolo. Le apoliproteine. Linee guida per la refertazione dei livelli plasmatici di lipidi e lipoproteine. Dislipidemie. LEZIONE 9 Marcatori di danno miocardico. Diagnosi differenziale dei dolori toracici severi o prolungati, definizione di cardiopatia ischemica, fattori di rischio coronarico, patogenesi dell'aterosclerosi, IMA, angina instabile. Concetto di golden hour e di ritardo evitabile. Il marcatore biochimico ideale. CPK totale, CK-MB attività catalitica e di massa, Mioglobina, Troponine I e T, hs-Troponina. Scompenso cardiaco: peptidi natriuretici. ANP, BNP, CNP, DNP, Urodilatina. Sintesi di BNP (pre-proBNP, proBNP, NT-proBNP). Dosaggio e scelta. Funzionalità renale: il nefrone. Produzione delle urine. Filtrazione, riassorbimento, secrezione. Insufficienza renale acuta e cronica. Il laboratorio nella valutazione dell'insufficienza renale: urea (BUN) e azoto ureico, creatinina, acido urico. Concetto di velocità di filtrazione glomerulare e clearance. LEZIONE 10 Adattamento dei mammiferi alla vita terrestre: meccanismi di mantenimento dell'omeostasi idrica ed equilibrio acido-base. Regolazione dell'equilibrio acido-base: il ruolo dell'ormone adiuretico (ADH) . Gli elettroliti. Il sodio: ruolo, regolazione, metodi analitici. Aldosterone. Il potassio: ruolo, regolazione, metodi analitici. Il cloro. La citometria a flusso: breve storia. I fluorocromi. Gli anticorpi monoclonali. Campi di applicazione della citometria a flusso. Materiali analizzabili. Criteri per un'ottimale analisi citometrica. Metodi di marcatura di antigeni di superficie e di antigeni intracitoplasmatici e nucleari. Analisi collegiale di referti di laboratorio.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoPATOLOGIA CLINICA
CodiceMC039
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoVIDALI Matteo
DocentiVIDALI Matteo
CFU3
Ore di lezione30
Ore di studio individuale45
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/05 - PATOLOGIA CLINICA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiIl corso di Patologia Clinica è costituito da due parti: nella prima vengono presentati gli elementi di organizzazione del Laboratorio di Biochimica Clinica, di qualità analitica ed errore in Medicina di Laboratorio e le principali tecniche statistiche utilizzate nei differenti ambiti del Laboratorio; nella seconda sono introdotti i principali parametri di laboratorio, ed il loro utilizzo ragionato, nel percorso diagnostico delle malattie.
Testi di riferimentoM. Ciaccio, G. Lippi. Biochimica Clinica e Medicina di Laboratorio. Ed. EdiSES
Obiettivi formativi-Fornire le conoscenze per comprendere l'impatto delle principali variabili preanalitiche, analitiche e postanalitiche sul dato di Laboratorio. -Fornire le conoscenze teoriche e pratiche per l'utilizzo delle principali tecniche statistiche nei differenti ambiti del Laboratorio. -Fornire le conoscenze per capire come i fenomeni patologici che intervengono durante le malattie si riflettono in alterazioni dei parametri di laboratorio nei diversi campioni biologici.
PrerequisitiConoscenza di base di Anatomia umana, Biochimica, Fisiologia, Fisiopatologia e Patologia generale.
Metodi didatticiLezioni frontali con proiezione di diapositive in formato PowerPoint. Articoli scientifici su argomenti di Medicina di Laboratorio. Agli studenti sarà fornita copia delle diapositive e degli articoli scientifici presentati.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame orale basato sulla conoscenza di quanto presentato e trattato durante il corso
Programma esteso-Appropriatezza nella prescrizione degli esami di Laboratorio, profili e percorsi diagnostici. Emergenza e urgenza nella diagnostica di laboratorio. -La qualità del risultato e l’errore in Medicina di Laboratorio. Fase pre-analitica, analitica e post-analitica. Fonti di variabilità. Prestazioni analitiche. -Elementi di Statistica applicata alla Medicina di Laboratorio (intervalli di riferimento, parametri di validazione di un test analitico, comparazione di due metodi analitici). -Principali determinazioni enzimatiche e loro impiego clinico. -Diagnostica proteica. -Dislipidemie. -Diagnostica ematologica. -Emostasi. -Diagnostica di laboratorio delle malattie renali. -Biomarcatori cardiaci. -Esame chimico-fisico e morfologico delle urine. -Liquidi cavitari. -Marcatori tumorali. -Marcatori biochimici di rimodellamento osseo. -Indagini di laboratorio nella diagnostica endocrinologica -Ruolo del laboratorio nella valutazione diagnostica del diabete mellito. -Emogasanalisi. -Cenni di diagnostica di laboratorio delle malattie autoimmuni e allergiche. -Cenni di tossicologia e monitoraggio terapeutico dei farmaci.
Risultati di apprendimento attesiAl termine del percorso formativo lo studente dovrà: -aver acquisito e compreso le basi teoriche della patologia clinica (conoscenze biologiche); -essere in grado di decidere autonomamente sull’affidabilità dei risultati ottenuti e interpretare correttamente il dato analitico (competenze analitiche); -relazionarsi alle diverse professionalità sanitarie operanti nel Laboratorio per comunicare correttamente il dato di laboratorio (capacità comunicative).
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoTecniche di analisi di laboratorio
CodiceMS0252
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiBARDONE Maria Beatrice
CFU1
Ore di lezione10
Ore di studio individuale15
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/46 - SCIENZE TECNICHE DI MEDICINA DI LABORATORIO
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiProcessi di automazione dalla preanalitica alla post-analitica Vari tipi di dosaggio. L’articolazione del processo diagnostico di laboratorio: pre-analitica, analitica, post-analitica. Il ruolo dell’automazione nella fase pre-analitica: sorting e distribuzione. Il ruolo dell’automazione nella fase analitica: dalla Work-cell alla Total Lab Automation. Il ruolo dell’automazione lnella fase post-analitica: i sistemi esperti.
Obiettivi formativiIl modulo ha l’obiettivo di permettere l’apprendimento delle varie metodiche di analisi, di interpretare le curve di calibrazione strumentali, e l’articolazione del processo diagnostico di laboratorio dalla pre alla post-analitica. valutazione dei controllo di qualità su piattaforme altamente automatizzate.
PrerequisitiLo studente deve essere a conoscenza dei meccanismi e il ruolo dell’automazione nella fase analitica dalla work-cell alla Total lab Automation
Metodi didatticiStampati di curve di calibrazione di vari strumenti automatici.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame si compone di una prova orale sugli argomenti trattati a lezione e l’interpretazione di una curva strumentale
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoControllo di qualità e Certificazione dei processi diagnostici
CodiceMS0171
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiMENGOZZI Andrea
CFU2
Ore di lezione20
Ore di studio individuale30
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)ING-INF/05 - SISTEMI DI ELABORAZIONE DELLE INFORMAZIONI
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoDiagnostica microbiologica
CodiceMS0263
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoRAVANINI Paolo
DocentiGOBBATO Elisa, RAVANINI Paolo, GARAVELLI Pietro Luigi
CFU7
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
SedeNOVARA
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiProgramma dei moduli di Analisi virologiche, Analisi batteriologiche e Parassitologia medica
Testi di riferimentoTesti consigliati dai singoli moduli
Obiettivi formativiIl corso ha l’obiettivo di approfondire la conoscenza e comprensione delle caratteristiche dei microrganismi più frequentemente implicati nelle infezioni e responsabili di patologie umane, in modo che lo studente possa essere in grado di applicare la conoscenze e la comprensione per affrontare in maniera autonoma l’iter diagnostico più corretto per giungere all’identificazione delpatogeno responsabile di infezione. Obiettivi sono anche il formare nello studente un'autonomia di giudizio, sviluppare le abilità comunicative e la capacità di apprendimento.
PrerequisitiVedi i singoli moduli
Metodi didatticiVedi i singoli moduli
Modalità di verifica dell'apprendimentoAl termine del corso, gli studenti dovranno sostenere una prova d'esame sugli argomenti trattati durante le lezioni. La verifica di apprendimento avviene contemporaneamente per i tre moduli del corso integrato
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
MS0147 Analisi batteriologiche MED/07 - MICROBIOLOGIA E MICROBIOLOGIA CLINICA GOBBATO Elisa
MS0149 Analisi virologiche MED/07 - MICROBIOLOGIA E MICROBIOLOGIA CLINICA RAVANINI Paolo
MS0222 Parassitologia medica GARAVELLI Pietro Luigi
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoAnalisi batteriologiche
CodiceMS0147
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiGOBBATO Elisa
CFU3
Ore di lezione30
Ore di studio individuale45
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/07 - MICROBIOLOGIA E MICROBIOLOGIA CLINICA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiI principali argomenti previsti dall'insegnamento di Analisi batteriologiche sono: -Batteriologia Generale: Struttura della cellula batterica, nutrizione e coltivazione dei microrganismi, riproduzione batterica, metabolismo microbico, meccanismi di patogenesi dell'infezione batterica, le malattie infettive e loro trasmissione. Tecniche di diagnostica batteriologica. -Batteriologia Speciale: Stafilococchi, Streptococchi, Bacilli Gram positivi sporigeni, Bacilli Gram positivi non sporigeni; Micobatteri; Enterobatteriaceae, Vibrioni, Neisseria, Non fermentanti, Emofili; Micoplasmi e Ureaplasmi; Clamidie; Rickettsiae; Lieviti. Caratteristiche microbiologiche, manifestazioni cliniche e diagnosi di laboratorio.
Testi di riferimentoIl materiale didattico presentato a lezione è fornito agli studenti al termine di ogni lezione. E' consigliato l'utilizzo del seguente materiale per approfondimenti e integrazioni: -La Placa, Principi di Microbiologia Medica, Società Editrice Esculapio. -Carroll et al. Microbiologia Medica, Piccin.
Obiettivi formativiL'insegnamento di Analisi Batteriologiche si propone di far acquisire agli studenti conoscenze sui batteri e miceti responsabili di infezioni nell'uomo. In particolare verranno approfondite: - le caratteristiche strutturali, metaboliche, colturali, i fattori di virulenza di ciascun microrganismo - le tecniche diagnostiche microbiologiche; - le modalità di trasmissione, l'epidemiologia delle infezioni ad eziologia microbica.
PrerequisitiPer affrontare i contenuti previsti dall’insegnamento di Analisi batteriologiche, si consiglia di aver già acquisito nozioni di base di biologia.
Metodi didatticiL'insegnamento di Analisi batteriologiche consiste in 30 ore di didattica frontale. La frequenza alle lezioni è obbligatoria.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame dell'insegnamento di Analisi batteriologiche accerta l'acquisizione delle conoscenze tramite lo svolgimento di una prova scritta che consiste in domande a risposta multipla sui contenuti svolti a lezione al fine di accertare che lo studente abbia acquisito le conoscenze sulle principali nozioni relative ai microrganismi responsabili di infezioni nell'uomo, con particolare riferimento alle loro caratteristiche morfologiche, colturali, relativi quadri clinici e tecniche diagnostiche.
Programma estesoI principali argomenti previsti dall'insegnamento di Analisi batteriologiche sono: -Batteriologia Generale: Struttura della cellula batterica, nutrizione e coltivazione dei microrganismi, riproduzione batterica, metabolismo microbico, meccanismi di patogenesi dell'infezione batterica, le malattie infettive e loro trasmissione. Tecniche di diagnostica batteriologica. -Batteriologia Speciale: Stafilococchi, Streptococchi, Bacilli Gram positivi sporigeni, Bacilli Gram positivi non sporigeni; Micobatteri; Enterobatteriaceae, Vibrioni, Neisseria, Non fermentanti, Emofili; Micoplasmi e Ureaplasmi; Clamidie; Rickettsiae; Lieviti. Caratteristiche microbiologiche, manifestazioni cliniche e diagnosi di laboratorio.
Risultati di apprendimento attesiAl termine dell'insegnamento di Analisi batteriologiche, lo studente sarà in grado di conoscere le caratteristiche morfologiche, metaboliche e di virulenza di batteri e miceti responsabili di infezioni umane e di comprendere le modalità di trasmissione, epidemiologia e controllo delle infezioni ad eziologia microbica.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoAnalisi virologiche
CodiceMS0149
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoRAVANINI Paolo
DocentiRAVANINI Paolo
CFU3
Ore di lezione30
Ore di studio individuale45
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/07 - MICROBIOLOGIA E MICROBIOLOGIA CLINICA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiVirologia generale: Struttura dei virus; Classificazione dei virus; Infezione virale della cellula; Meccanismi di replicazione virale; Patogenesi delle infezioni virali; Patologie causate da virus; Persistenza e oncogenicità virale; Immunità anti-virale; Vaccinazioni anti-virali. Virologia speciale: Herpesvirus e diagnostica delle infezioni virali erpetiche (HSV, VZV, EBV, CMV, HHV6); Papillomavirus e diagnostica delle infezioni virali da HPV; Altri virus a DNA (Poxvirus, Adenovirus, Polyomavirus, Parvovirus); Enterovirus e diagnostica delle infezioni da virus Polio, Coxsackie, Echo; Togavirus e diagnostica delle infezioni da virus della Rosolia; Paramyxovirus e diagnostica delle infezioni da virus del Morbillo, Parotite, RSV; Orthomyxovirus e diagnostica delle infezioni da virus influenzali; Rotavirus e diagnostica delle gastroenteriti virali; Retrovirus e diagnostica delle infezioni da virus HIV e HTLV; Arbovirus e arbovirosi; Altri virus a RNA (Calicivirus, Reovirus, Flavivirus, Rhabdovirus, Bunyavirus, Arenavirus, Filovirus, Astrovirus, Coronavirus); Virus delle epatiti (HAV, HBV, HCV, epatite delta, HEV) e diagnostica delle epatiti virali; cenni su viroidi e prioni. Diagnostica virologica: Manipolazione dei campioni; Diagnostiche indirette; Ricerca anticorpi anti-virali; Diagnostica sierologica delle infezioni virali; Metodi diagnostici diretti; Ricerca antigeni virali; Isolamento virale e colture cellulari; Microscopia elettronica; Diagnostica rapida delle infezioni virali; Metodi molecolari per la ricerca e quantificazione del genoma virale; Determinazione delle caratteristiche genotipiche dei virus; Determinazione delle resistenze ai farmaci antivirali. Diagnostica virale nel paziente trapiantato, nella donna in gravidanza, nel paziente con patologie neurologiche, nelle patologie respiratorie, nelle patologie gastroenteriche, nel paziente con epatite, nelle patologie a trasmissione materno-fetale, nelle malattie a trasmissione sessuale, nelle malattie esantematiche.
Testi di riferimentoTesti consigliati: - Virology (4th ed.) – Fields B. et al. – Lippincott Williams & Wilkins - Manuale di virologia medica (2a edizione) – Dianzani F. et al. – Mc Graw Hill Companies - Diagnostica e Tecniche di Laboratorio – Pasquinelli F. – Rosini Editrice – Firenze
Obiettivi formativiIl modulo ha l’obiettivo di approfondire la conoscenza e comprensione delle caratteristiche dei virus più frequentemente implicati nelle infezioni e responsabili di patologie umane, in modo che lo studente possa essere in grado di applicare la conoscenze e la comprensione per affrontare in maniera autonoma l’iter diagnostico più corretto per giungere all’identificazione di un virus responsabile di infezione. Obiettivi sono anche il formare nello studente un'autonomia di giudizio, sviluppare le abilità comunicative e la capacità di apprendimento.
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso delle conoscenze di base della virologia generale.
Metodi didatticiPresentazione in formato MS-Power Point
Modalità di verifica dell'apprendimentoAl termine del corso, gli studenti dovranno sostenere una prova scritta e una prova orale sugli argomenti trattati durante le lezioni. La verifica di apprendimento avviene contemporaneamente con gli altri docenti del corso integrato
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoParassitologia medica
CodiceMS0222
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiGARAVELLI Pietro Luigi
CFU1
Ore di lezione10
Ore di studio individuale15
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoF - Stage e altre attività formative
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiIl modulo ha l’obiettivo di approfondire la conoscenza delle caratteristiche dei virus più frequentemente implicati nelle infezioni e responsabili di patologie umane, in modo che lo studente possa essere in grado di affrontare in maniera autonoma l’iter diagnostico più corretto per giungere all’identificazione di un virus responsabile di infezione.
Testi di riferimentoPresentazione in formato MS-Power Point
Obiettivi formativiIl modulo ha l’obiettivo di approfondire la conoscenza delle caratteristiche dei virus più frequentemente implicati nelle infezioni e responsabili di patologie umane, in modo che lo studente possa essere in grado di affrontare in maniera autonoma l’iter diagnostico più corretto per giungere all’identificazione di un virus responsabile di infezione.
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso delle conoscenze di base della virologia generale.
Metodi didatticiPresentazione in formato MS-Power Point
Modalità di verifica dell'apprendimentoAl termine del corso, gli studenti dovranno sostenere una prova scritta e una prova orale sugli argomenti trattati durante le lezioni. La verifica di apprendimento avviene contemporaneamente con gli altri docenti del corso integrato
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoFondamenti di Diagnostica di laboratorio
CodiceMS0265
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoMARZULLO Paolo
DocentiGAIDANO Gianluca, MARZULLO Paolo, ASPESI Anna
CFU7
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
SedeNOVARA
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
MC059 EMATOLOGIA MED/15 - MALATTIE DEL SANGUE GAIDANO Gianluca
MS0186 Fisiopatologia endocrina MED/13 - ENDOCRINOLOGIA MARZULLO Paolo
MS0059 Fisiopatologia generale MED/04 - PATOLOGIA GENERALE ASPESI Anna
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoEMATOLOGIA
CodiceMC059
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiGAIDANO Gianluca
CFU2
Ore di lezione20
Ore di studio individuale30
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/15 - MALATTIE DEL SANGUE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoIl corso è in Italiano
ContenutiIl corso tratterà le principali malattie del sangue e del sistema emolinfopoietico. Verranno inoltre fornite le basi per una critica interpretazione dell’esame emocromocitometrico e dei principali reperti coagulativi rilevanti per la professione di Tecnico di Laboratorio Biomedico.
Testi di riferimentoCorradini – Foà. Manuale di Ematologia. Torino: Edizioni Minerva Medica, 2008
Obiettivi formativiL'obiettivo del corso e' di rendere lo studente capace di conoscere, interpretare ed analizzare le principali tematiche ematologiche inerenti al corso e rilevanti per un Tecnico di laboratorio biomedico, in maniera critica, come richiesto dal descrittore di Dublino 3.
PrerequisitiRispetto delle propedeuticità previste dal più recente regolamento del corso
Metodi didatticiLezioni frontali con presentazioni di diapositive
Altre informazioniNulla da segnalare
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame si svolge nell'ambito dell'esame del Corso Integrato di cui il corso di Ematologia fa' parte. L'esame di Ematologia consta di 10 domande a scelta multipla (4 risposte possibili, di cui una sola corretta) sugli argomenti svolti a lezione
Programma estesoA. Parte generale: Nozioni di emopoiesi; Strategie generali di diagnostica ematologica (morfologia-fenotipo-genotipo) B. Malattie del globulo rosso: Le anemie: definizione, classificazione e fisiopatologia generale; Anemie iporigenerative: aplasia midollare, mieloftisi; Anemie carenziali: anemia sideropenica, anemia da carenza di folati, anemia da carenza di vitamina B12; Emoglobinopatie: talassemie, drepanocitosi; Anemie emolitiche: anemie emolitiche da causa intrinseca (eritropatie enzimatiche, difetti di membrana del globulo rosso) e da causa estrinseca (anemie immunoemolitiche, anemie macrongiopatiche) C. Oncoematologia: concetti generali di fisiopatologia e diagnostica; Leucemia acute mieloblastiche e linfoblastiche; Neoplasie mieloproliferative; Mielodisplasie; Leucemia linfatica cronica; Linfomi; Gammopatie monoclonali D. Malattie della emostasi: classificazione e diagnostica; Piastrinopenie; Difetti congeniti della coagulazione: emofilie, malattia di von Willebrand; Difetti acquisiti della coagulazione (CID, inibitori della coagulazione); Microangiopatie trombotiche: porpora trombotica trombocitopenica, sindrome emolitico-uremica; Trombofilie ereditarie
Risultati di apprendimento attesiAl termine del corso, lo studente sarà in grado di: i) riconoscere e interpretare i piu' comuni e importanti reperti laboratoristici delle principali condizioni ematologiche; ii) porre in contesto tali reperti nell'ambito delle principali malattie del sangue
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoFisiopatologia endocrina
CodiceMS0186
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoMARZULLO Paolo
DocentiMARZULLO Paolo
CFU2
Ore di lezione20
Ore di studio individuale30
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/13 - ENDOCRINOLOGIA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiInsegnamento della fisiopatologia del sistema endocrino e delle principali patologie endocrino-metaboliche, finalizzando il contenuto al target di medicina di laboratorio. Il contenuto delle lezioni privilegia la relazione esistente fra fisiologia di secrezione ormonale e metodiche laboratoristiche atte a rivelare le patologie endocrine vs condizioni pseudo-patologiche. I contenuti del corso sono suddivisi come segue: - Fisiopatologia generale del sistema endocrino - Tumori neuroendocrini ivi incluse le patologie ipotalamo-ipofisarie - Patologie benigne e maligne tiroidee e paratiroidee, osteoporosi - Patologie surrenaliche - Patologie gonadiche su base genetica e organica - Obesità e diabete mellito.
Testi di riferimentoCamanni - Ghigo. Malattie del sistema endocrino e del metabolismo. Edi Ermes, IV Edizione Diapositive d'insegnamento della disciplina
Obiettivi formativiL'insegnamento mira a: - offrire le nozioni di base sul ruolo degli ormoni e delle malattie endocrino-metaboliche secretive e non secretive, nell'ambito della medicina di laboratorio - incoraggiare il ragionamento critico e costruttivo su condizioni pertinenti il dosaggio ormonale e le situazioni pre-, intra- e post-analitiche che possono alterarne i risultati - individuare il legame fra condizioni apparentemente separate - riflettere sulle problematiche della disciplina.
PrerequisitiPer seguire l’insegnamento con profitto, lo studente deve essere in possesso delle indispensabili nozioni di anatomia, chimica, biochimica e fisiologia.
Metodi didatticiGli obiettivi dell'insegnamento sono perseguiti attraverso: - lezioni frontali - discussione plenaria di casi clinici congrui con l'insegnamento per agevolare il ragionamento, il confronto, e la condivisione della problematica analizzata - verifiche parziali e globali dell'apprendimento. - articoli della letteratura scientifica attinente la materia d'insegnamento.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame scritto, il superamento del quale si fonda su: - conoscenze teorico-pratiche acquisite - abilità alla risoluzione di problemi congrui con l'attività formativa e la futura figura professionale - utilizzo di linguaggio consono, pensiero critico, verifica del grado di attenzione e dell'apprendimento conseguito a lezione.
Programma esteso• Nozioni generali sull’organizzazione del sistema endocrino o Organizzazione e funzione del sistema endocrino o Concetto di ormone e recettore o Regolazione della sintesi e secrezione ormonale o Patologia generale del sistema endocrino • Il sistema ipotalamo-ipofisi o Concetto e funzione di adenoipofisi e neuroipofisi (anatomia, concetto di asse e feedback, innervazione, secrezione) o Patologie tumorali e non tumorali ipotalamo-ipofisarie secretive e non-secretive (micro- e macroadenomi, forme psicogene e iatrogene, sindromi da eccesso o deficit ormonale ipofisario) o Tumori neuroendocrini e neoplasie endocrine multiple. • Tiroide e Paratiroidi o Cenni di anatomia e fisiologia tiroidea (processo di sintesi ormonale, azione degli ormoni tiroidei) o Ipertiroidismo e ipotiroidismo: eziopatogenesi, clinica e indagini diagnostiche o Tumori tiroidei o Metabolismo fosfo-calcico o Ipoparatiroidismo e iperparatiroidismo • Surreni o Iper- e ipocorticosurrenalismo o Feocromocitoma e ipertensioni endocrine • Gonadi o Fisiopatologia della differenziazione sessuale e della pubertà (differenziazione sessuale normale e patologica, disordini della biosintesi e della sensibilità ormonale, pubertà precoce e ritardata) o Eziopatogenesi, clinica e diagnosi di ipogonadismi e amenorree su base genetica e organica o Cause ovariche ed extraovariche di irsutismo • Diabete mellito e alterazioni del pancreas endocrino o Inquadramento clinico, diagnostico e terapeutico (classificazione, patogenesi, fisiopatologia, quadro clinico, diagnosi e terapia) o Complicanze diabetiche acute e croniche (chetoacidosi, coma, micro- e macroangiopatia, neuropatia). o Sindromi ipoglicemiche • Obesità e magrezze o Fisiopatologia del tessuto adiposo (depositi adiposi sottocutanei e viscerali, concetto di metabolismo e dispendio energetico, adipocitochine) o Obesità e sindrome metabolica o Anoressia e magrezze.
Risultati di apprendimento attesi- Dimostrare la conoscenza delle principali patologie endocrine e/o metaboliche. - Definirne l'implicazione nell'ambito della medicina di laboratorio. - Utilizzare l'apprendimento per l'analisi e discussione in contesti clinici simulati.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoFisiopatologia generale
CodiceMS0059
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiASPESI Anna
CFU3
Ore di lezione30
Ore di studio individuale45
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/04 - PATOLOGIA GENERALE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiStudio delle alterazioni dei sistemi omeostatici dell'organismo e dei meccanismi patologici alla base delle principali malattie.
Testi di riferimentoPresentazioni in Power Point Pontieri. Elementi di fisiopatologia generale. Piccin
Obiettivi formativiConoscenza dei meccanismi fisiopatologici alla base delle principali patologie. Comprensione dei concetti di: equilibrio fisiologico, alterazione dell’equilibrio fisiologico, meccanismi di compenso e situazioni di scompenso. Applicazione di questi concetti ai vari sistemi dell’organismo umano. Utilizzo dei termini scientifici adatti.
PrerequisitiConoscenze di base di anatomia umana, biochimica, fisiologia e patologia.
Metodi didatticiPresentazioni in Power Point. Verifica della comprensione degli argomenti tramite discussione ed esercizi
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame scritto basato sulla conoscenza di quanto presentato e trattato durante il corso e sulla capacità di esemplificare i meccanismi alla base delle malattie discusse. L’esame includerà 8 domande; ogni risposta esatta verrà valutata 3-4 punti, fino a un totale di 30 punti. Anche le risposte parzialmente esatte verranno valutate. Nelle domande potrà essere richiesto di definire/ descrivere/ comparare uno o più processi / meccanismi fisiopatologici e le loro conseguenze sull’organismo.
Programma estesoL’emostasi. L’infiammazione. Fisiopatologia della termoregolazione. Fisiopatologia del bilancio idroelettrolitico. Fisiopatologia dell’equilibrio acido-base. Fisiopatologia del sistema cardiocircolatorio. L’aterosclerosi. Fisiopatologia del fegato. Fisiopatologia del rene.
Risultati di apprendimento attesiConoscenza dei meccanismi fisiopatologici alla base delle principali patologie. Comprensione dei concetti di: equilibrio fisiologico, alterazione dell’equilibrio fisiologico, meccanismi di compenso e situazioni di scompenso. Applicazione di questi concetti ai vari sistemi dell’organismo umano. Utilizzo dei termini scientifici adatti.
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoImmunologia e Immunoematologia
CodiceMS0269
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoCHIOCCHETTI Annalisa
DocentiCHIOCCHETTI Annalisa, MASCARO Gennaro
CFU5
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
SedeNOVARA
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
MS0193 Immunologia applicata MED/04 - PATOLOGIA GENERALE CHIOCCHETTI Annalisa
MS0192 Immunoematologia e Tecniche di tipizzazione immunoematologica MED/46 - SCIENZE TECNICHE DI MEDICINA DI LABORATORIO MASCARO Gennaro
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoImmunologia applicata
CodiceMS0193
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoCHIOCCHETTI Annalisa
DocentiCHIOCCHETTI Annalisa
CFU2
Ore di lezione20
Ore di studio individuale30
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/04 - PATOLOGIA GENERALE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoImmunoematologia e Tecniche di tipizzazione immunoematologica
CodiceMS0192
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiMASCARO Gennaro
CFU3
Ore di lezione30
Ore di studio individuale45
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/46 - SCIENZE TECNICHE DI MEDICINA DI LABORATORIO
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiIl corso vuole trasmettere gli elementi teorici dei vari aspetti della Medicina Trasfusionale , trattandoli in maniera semplice e lineare, abbinandoli a indicazioni pratiche e accompagnandoli a istruzioni operative che costituiscono, oggi, una guida imprescindibile per le figure professionali che si impegnano nel Servizio Trasfusionale.
Testi di riferimentoTechnical Manual - AABB - 15ma Edizione
Obiettivi formativiraggiungere un livello di conoscenze teoriche e pratiche sufficiente a far comprendere le problematiche connesse alla Medicina Trasfusionale
Prerequisitiè necessario avere delle basi di immunologia e di ematologia.
Metodi didatticiLezioni frontali e almeno una lezione dimostrativa presso il SIMT
Modalità di verifica dell'apprendimentoprova di esame: test di 60 domande con risposte multiple
Programma estesoIl programma è il medesimo dell'anno aa 2017/18
Risultati di apprendimento attesiConoscenze di sistematica dei gruppi sanguigni, delle tecniche diagnostiche immunoematologiche e le applicazioni in Medicina Trasfusionale.
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoTirocinio II anno
CodiceMS0118
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoROSSATI Mariella
CFU26
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/46 - SCIENZE TECNICHE DI MEDICINA DI LABORATORIO
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoAnnuale
SedeNOVARA
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneVoto finale
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoADO
CodiceMC117
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
CFU3
Ore di studio individuale45
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoD - A scelta dallo studente
Anno3
PeriodoAnnuale
SedeNOVARA
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoDIAGNOSTICA ISTOPATOLOGICA
CodiceMS0092
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBOLDORINI Renzo Luciano
DocentiBOLDORINI Renzo Luciano, TOSONI Antonella, BOZZOLA Cristina, ERRA Stefania, NICOSIA Gabriella
CFU11
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno3
PeriodoPrimo Semestre
SedeNOVARA
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiDiagnostica Isto-citopatologica, ultrastrutturale. Principi di trattamento del materiale cito-istologico, tecniche istologiche, istochimiche ed immunoistochimiche. Tecniche ultrastrutturali. Metodiche molecolari e loro applicazione nella pratica clinica
Testi di riferimentoKumar, Abbas, Fausto, Robbins and Cotran. Basic Patholgy 9th edition
Obiettivi formativiLo studente deve essere in grado di gestire autonomamente il materiale cito-istologico per fini diagnostici, integrando le principali tecniche istologiche con quelle istochimiche, immunoistochimiche, ultrastrutturali e di biologia molecolare
PrerequisitiConoscenze di biologia di base, chimica, istologia ed anatomia
Metodi didatticiPresentazioni in formato power-point, CD-ROM interattivi e siti internet didattici.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame scritto e orale
Risultati di apprendimento attesiConoscenza delle principali problematiche tecniche e diagnostiche in campo anatomo-patologico. Capacità di effettuare personalmente le principali attività tecniche.
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
MS0311 Diagnostica istopatologica MED/08 - ANATOMIA PATOLOGICA BOLDORINI Renzo Luciano
MS0313 Diagnostica ultrastrutturale TOSONI Antonella
BT017 PREPARAZIONI ISTOPATOLOGICHE MED/08 - ANATOMIA PATOLOGICA BOZZOLA Cristina
MS0362 Tecniche delle autopsie BOZZOLA Cristina
MS0364 Tecniche di Citopatologia MED/46 - SCIENZE TECNICHE DI MEDICINA DI LABORATORIO ERRA Stefania
MS0366 Tecniche di istochimica ed immunoistochimica MED/46 - SCIENZE TECNICHE DI MEDICINA DI LABORATORIO NICOSIA Gabriella
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoDiagnostica istopatologica
CodiceMS0311
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBOLDORINI Renzo Luciano
DocentiBOLDORINI Renzo Luciano
CFU3
Ore di lezione30
Ore di studio individuale45
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/08 - ANATOMIA PATOLOGICA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno3
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiSpecifiche modalità di trattamento dei materiali biologici, cito ed istologici significato dell’esame intraoperatorio. Principi e tecniche di estrazione degli acidi nucleici, metodiche di amplificazione genica, tecniche e principi di analisi di sequenza genica. Diagnostica, fattori prognostici e predittivi di interesse anatomo patologico delle principali patologie neoplastiche umane: carcinoma del polmone, mammella, colon-retto, vie escretrici urinarie, genitale maschile e femminile, SNC. Diagnostica di patologie infiammatorie croniche dell’apparato gastroenterico: Crohn, RCU, malattia di Hirschsprung, gastriti criniche, malattia celiaca.
Testi di riferimentoTesti consigliati: Kumar, Abbas, Fausto. Robbins and Cotran Pathologic Basis of Disease. VII ed Elsevier, 2005-09-07 (anche ed italiana) Kumar et al Basic Pathology Elsevier Gallo, D'Amati: anatomia Patologica UTET
Obiettivi formativiLo studente dovrà essere in grado di comprendere l’importanza delle varie metodiche anatomopatologiche (citologia, istologia istoenzimatica e biologia molecolare) quali strumenti di significato diagnostico, prognostico e predittivo nelle principali patologie tumorali e infiammatorie croniche. In particolare dovrà comprendere la ricaduta delle attività tecniche di laboratorio sulla qualità diagnostica isto-citopatologica.
PrerequisitiNozioni di anatomia umana normale e istologia normale, nozioni di base della biologia molecolare; principi di trattamento dei materiali biologici
Metodi didatticiPresentazioni in formato power-point, CD-ROM interattivi e siti internet didattici.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame scritto e colloquio orale consistente in un argomento scelto dallo studente e in successive domande da parte del docente su argomenti svolti in aula
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoDiagnostica ultrastrutturale
CodiceMS0313
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiTOSONI Antonella
CFU1
Ore di lezione10
Ore di studio individuale15
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoF - Stage e altre attività formative
Anno3
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiINTRODUZIONE: Microscopio elettronico a trasmissione (TEM) e a scansione (SEM). PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO TEM e SEM. PREPARAZIONE DEL MATERIALE CITO-ISTOLOGICO: tipi di resine e loro impiego; principi di fissazione e post-fissazione; inclusione e polimerizzazione; taglio con ultramicrotomo sezioni fini ed ultrafini; metodi di colorazione delle sezioni. PREPARAZIONE E GESTIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DIAGNOSTICA DIGITALE. PRINCIPI DI IMMUNO-ELETTRON-MICROSCOPIA. ULTRASTRUTTURA CELLULARE NORMALE. PATOLOGIA ULTRASTRUTTURALE: 1) Patologi renale non neoplastica 2) Amiloidosi 3) Malattie congenite 4) Neoplasie 5) Applicazioni in microbiologia medica
Obiettivi formativiIl modulo ha l'obiettivo di permettere l'apprendimento dei principi di funzionamento del microscopio elettronico, a trasmissione e a scansione, e delle tecniche di allestimento dei preparati per l’esame ultrastrutturale con particolare riguardo alle procedure di taglio, colorazione ed immunocolorazione dei campioni. Si propone infine di fornire informazioni circa i campi di applicazione della microscopia elettronica, sia in ambito di caratterizzazione delle neoplasie, sia in ambito di patologie funzionali e di malattie infettive.
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso delle principali nozioni di Anatomia, Fisica, Chimica e Biochimica
Metodi didatticiPresentazione in formato PowerPoint
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame prevede una prova scritta sugli argomenti svolti durante il Corso
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoPREPARAZIONI ISTOPATOLOGICHE
CodiceBT017
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiBOZZOLA Cristina
CFU2
Ore di lezione20
Ore di studio individuale30
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/08 - ANATOMIA PATOLOGICA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno3
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoTecniche delle autopsie
CodiceMS0362
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiBOZZOLA Cristina
CFU1
Ore di lezione10
Ore di studio individuale15
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoF - Stage e altre attività formative
Anno3
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoTecniche di Citopatologia
CodiceMS0364
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiERRA Stefania
CFU2
Ore di lezione20
Ore di studio individuale30
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/46 - SCIENZE TECNICHE DI MEDICINA DI LABORATORIO
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno3
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiIntroduzione alla citologia. Classificazione della citopatologia in base alle modalità di prelievo e alle tecniche di allestimento. Citopatologia esfoliativa cervico-vaginale ed urinaria: tecniche di allestimento e colorazione; interpretazione diagnostica e classificazioni in uso. Citopatologia agoaspirativa: tecniche di prelievo ed allestimento; citoassistenza; interpretazione e classificazione di lesioni mammarie, tiroidee e delle ghiandole salivari. Citologia dei versamenti. Cenni di citologia pleuro-polmonare. Il concetto di qualità in citologia.
Obiettivi formativiAcquisizione conoscenze e competenze per l'allestimento e l'interpretazione di preparati citologici.
Metodi didatticiLezioni frontali con l'ausilio di relazioni in power point. Visione pratica di preparati citologici al microscopio relativi a casistica selezionata
Modalità di verifica dell'apprendimentotest a risposta multipla
Risultati di apprendimento attesiottimi in più dei 3/4 degli studenti frequentanti
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoTecniche di istochimica ed immunoistochimica
CodiceMS0366
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiNICOSIA Gabriella
CFU2
Ore di lezione20
Ore di studio individuale30
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/46 - SCIENZE TECNICHE DI MEDICINA DI LABORATORIO
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno3
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoDiagnostica Molecolare
CodiceMS0042
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoROLLA Roberta
DocentiCORRADO Lucia, CRUDELINI Marika, ROLLA Roberta, GIORDANO Mara
CFU7
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno3
PeriodoPrimo Semestre
SedeNOVARA
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
MS0305 Citogenetica MED/46 - SCIENZE TECNICHE DI MEDICINA DI LABORATORIO CORRADO Lucia
MS0308 Colture cellulari MED/46 - SCIENZE TECNICHE DI MEDICINA DI LABORATORIO CRUDELINI Marika
MS0312 Diagnostica molecolare in patologia clinica MED/05 - PATOLOGIA CLINICA ROLLA Roberta
MS0363 Tecniche di analisi genetica MED/03 - GENETICA MEDICA GIORDANO Mara
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoCitogenetica
CodiceMS0305
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiCORRADO Lucia
CFU2
Ore di lezione20
Ore di studio individuale30
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/46 - SCIENZE TECNICHE DI MEDICINA DI LABORATORIO
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno3
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiBreve storia della citogenetica. Tecniche citogenetiche e loro applicazioni. Il bandeggio dei cromosomi ed il cariotipo. Cariotipo normale e patologico Citogenetica costituzionale postatale, prenatale e dei tumori. Citogenetica molecolare: la FISH e il cariotipo molecolare.
Testi di riferimentoIn coda alle dispense fornite agli allievi
Obiettivi formativiLo studente deve acquisire nozioni teoriche e pratiche sulle principali tecniche di citogenetica. Dovrà conoscere quali sono le e loro applicazioni applicazioni , quali vantaggi e limiti
PrerequisitiLo studente dovrà sapere i concetti di base di genetica e di biologia molecolare
Metodi didatticiLezioni frontaliEsercitazioni interattive Esercitazioni pratiche in laboratorio
Modalità di verifica dell'apprendimentoScritto che include sia quiz a risposta multipla che domande aperte
Programma estesoStoria della citogenetica. Uso della colchicina ed era ipotonicaCenni di mitosi e meiosiTecniche di bandeggio e loro risoluzione Analisi del cariotipo, limiti e vantaggiCariotipo normale e patologicoAberrazioni cromosomiche di numero e di struttura Indicazioni per analisi del cariotipo in epoca prentale e post nataleCiotgenetica molecolare: Ibridazione in situ fluorescente , vantaggi e limitiScelta della sonda e sistemi di marcatura della stessaColorazione dei cromosomi e dei nuclei interfasiciApplicazioni, limiti e vantaggi delle diverse sonde disponibilicariotipo molecolare: principi, vantaggi e limitiVariazioni del numero di copie nel genoma (CNV) normali e patologicheI database delle varianti geneticheLinee guida analisi citogenetica, la refertazione, l’attrezzatura del laboratorio
Risultati di apprendimento attesiGli studenti dovrebbero essere in grado di conoscere i limiti e i vantaggi di ogni tecnica citogenetica e le loro principali applicazioni
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoColture cellulari
CodiceMS0308
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiCRUDELINI Marika
CFU1
Ore di lezione10
Ore di studio individuale15
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/46 - SCIENZE TECNICHE DI MEDICINA DI LABORATORIO
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoF - Stage e altre attività formative
Anno3
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
Contenuti- Il laboratorio di colture cellulari: caratteristiche e particolarità - Tecniche di sterilità: materiale e strumentazioni. - L’osservazione delle cellule al microscopio invertito - Principi generali sulla coltivazione delle cellule in vitro: terreni, sieri, antibiotici - Coltivazione di linee cellulari stabilizzate in adesione e in sospensione - Congelamento cellule per conservazione in azoto liquido e scongelamento - Precauzioni per prevenire l’inquinamento delle colture ed eventuali decontaminazioni. - Banche cellulari
Testi di riferimentowww.farm.unisi.it/saggi e dosaggi-colture cellulari pdf. www.Gginofarm.altervista org. www.online scuola zanichelli.it
Obiettivi formativiLo studente deve acquisire le principali nozioni teoriche e pratiche sulle colture di cellule eucariote.
PrerequisitiDeve conoscere le attività di base per la messa in coltura, crescita, ampliamento di colture di cellule partendo da cellule, tessuti ed organi Deve conoscere tutte le manovre tecniche per lavorare in sterilità, riconoscere gli eventuali inquinamenti, e saperli eliminare. Deve conoscere le differenza tra colture primarie e linee cellulari
Metodi didatticinon previsti
Modalità di verifica dell'apprendimentoProva scritta a risposta multipla
Programma esteso-Il laboratorio di cilture cellulari:caratteristi che e particolarità. -Tecniche di sterilità:materiale e strumentazioni. -l'osservazione delle cellule al m.o invertito. -Principi generali sulla coltivazione delle cellule in vitro:terreni,sieri,antibiotici. -Coltivazione di linee cellulari stabilizzate in adesione e in sospensione. -Congelamento cellulari per conservazione e scongelamento. Precauzioni per prevenire l'inquinamento delle colture ed eventuali decontaminazioni. -Banche cellulari.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoDiagnostica molecolare in patologia clinica
CodiceMS0312
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoROLLA Roberta
DocentiROLLA Roberta
CFU2
Ore di lezione20
Ore di studio individuale30
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/05 - PATOLOGIA CLINICA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno3
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiApprofondimento dei metodi molecolari applicati alle patologie genetiche e all’individuazione di fattori di rischio nell’ambito della Diagnostica Clinica. Farmacogenetica.
Testi di riferimentoMateriale didattico fornito dal Docente sulla piattaforma DIR (Didattica in rete). Dispense del docente.
Obiettivi formativiFornire una specifica conoscenza dei metodi molecolari applicati alle patologie genetiche e all’individuazione di fattori di rischio nell’ambito della Diagnostica Clinica. Fornire una conoscenza di base di Farmacogenetica.
PrerequisitiConoscenza di base di Chimica e Biochimica; conoscenza approfondita di Biologia molecolare e Genetica
Metodi didatticiPresentazioni in PowerPoint. Didattica in rete sulla piattaforma DIR. Lezioni Frontali. Esercitazioni in laboratorio.
Modalità di verifica dell'apprendimentoProva scritta. Domande a risposta multipla.
Programma esteso1)Approfondimento dei test genetici maggiormente utilizzati in Patologia Clinica per le seguenti finalità: diagnosi; monitoraggio; suscettibilita’; variabilita’ individuale; farmacogenetica. Vantaggi e svantaggi di ognuno. In particolare vengono approfondite le seguenti tecniche di Biologia Molecolare:  Real Time PCR con sonde FRET  Ibridazione con ASO (Allele-Specific Oligonucleotide)  Pirosequenziamento  Microarray a DNA  La spettrometria di massa per l’analisi degli acidi nucleici Viene quindi valutato il significato del test genetico come ausilio per risalire, o contribuire a risalire, alla causa della malattia e, quando possibile, al suo trattamento  Diagnosi di malattia  Conferma, in una persona affetta, di un sospetto clinico  Identificazione di portatori sani (famiglie a rischio, screening di popolazione)  test preclinici e/o presintomatici eseguibili nel corso della vita o in epoca prenatale 2) Applicazioni pratiche dell’uso della diagnostica molecolare nel campo di alcune patologie selezionate, quali: Emocromatosi e Talassemie (alfa e beta). In particolare vengono descritte le basi fisiopatologiche e biochimico-molecolari di tali patologie in cui il ricorso alle tecniche di analisi molecolare può favorire o migliorare l’inquadramento diagnostico. 3) Applicazioni pratiche dell’uso della diagnostica molecolare nell’ambito dell’individuazione di fattori di rischio: fattori genetici di rischio trombotico. In particolare vengono descritte le basi fisiopatologiche e biochimico-molecolari delle trombofilie in cui il ricorso alle tecniche di analisi molecolare può favorire o migliorare l’inquadramento diagnostico. 4) Nozioni di Farmacogenetica e sue applicazioni cliniche.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoTecniche di analisi genetica
CodiceMS0363
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiGIORDANO Mara
CFU2
Ore di lezione20
Ore di studio individuale30
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/03 - GENETICA MEDICA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno3
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiMetodi di genetica molecolare per l’identificazione di mutazioni in geni causativi di malattie. Analisi di I, II e III livello.
Testi di riferimentonessun testo, solo dispense e protocolli distriubuite dal docente in laboratorio
Obiettivi formativiApplicare le metodiche di base della genetica molecolare come PCR elettroforesi e sequenziameto mediante teoria e attività pratiche in laboratorio
PrerequisitiNozioni fondamentali di genetica di base. Tecniche di indagine del DNA
Metodi didatticiLezioni frontali e attività pratica di laboratorio volta a condurre analisi genetiche
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’apprendimento verrà verificato tramite esame scritto con domande aperte e/o a scelta multipla.
Programma estesoMetodi di indagine del DNA. Polymerase Chain Reaction (PCR); Analisi di polimorfismi VNTR, STR e fingerprint; Sequenziamento del DNA; Metodi per l’identificazione di variazioni nucleotidiche. -Analisi genomica mediante sequenziamento
Risultati di apprendimento attesiApplicare le conoscenze acquisite alla diagnostica genetica e all’interpretazione dei risultati
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoFarmacotossicologia e Galenica farmaceutica
CodiceMS0374
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoFRESU Luigia Grazia
DocentiBAGNATI Marco, PISTERNA Alessia, FRESU Luigia Grazia, BONI Massimo
CFU8
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno3
PeriodoSecondo Semestre
SedeNOVARA
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiPrincipi di Farmacologia-Tossicologia generale: • Farmaco-tossicocinetica • Farmaco-tossicodinamica • Effetti tossici e bersagli molecolari di tossicita’ • Meccanismi di tossicita’ • Antidotismo e terapia farmacologica Ematotossicita’: monossido di carbonio e metaemoglobina Avvelenamento da funghi Tossicita’ del sistema nervoso: Sostanze d’abuso: meccanismi molecolari della tolleranza, della dipendenza e della gratificazione I prioni e malattie da prioni Doping e sostanze dopanti La metodologia per allestire le forme farmaceutiche, suddivise in base alla via di somministrazione. La scelta degli eccipienti nella preparazione delle diverse forme farmaceutiche in base alle loro caratteristiche. Concetti di biofarmaceutica e biodisponibilità delle forme farmaceutiche. Le Norme di Buona Preparazione e la qualità nella preparazione dei medicinali. La prevenzione del rischio clinico. • Le Norme di Buona Preparazione (NBP) - Allegato 1 F.U. XII Ed. • Tecnica infusionale: NBP nell’allestimento di soluzioni infusionali • La sicurezza nel Centro Compounding • Il Centro Compounding: profilassi antibiotica perioperatoria, terapia antalgica, nutrizione artificiale, chemioterapia antiblastici Descrizione delle principali sostanze di abuso e dei principali farmaci inseriti nei programmi di monitoraggio terapeutico. Tecniche di cromatografia liquida e di cromatografia gassosa. Rivelatori abbinati a strumentazione HPLC e a gascromatografica Rivelatore a spettrometria di massa Tecniche di trattamento del campione su matrici urinaria, ematica e cheratinica Tecniche di analisi Interpretazione del dato.
Testi di riferimentoTesti consigliati: • Farmacologia generale e molecolare. Clementi & Fumagalli, IV Ed, UTET • Elementi di tossicologia, Lu Frank C. - Kacew Sam, Ed EMSI Farmacopea Ufficiale XII edizione. Medicamenta. R. Needle e T. Sizer, Il Manuale CIVAS, Principi Generali, Ed. Italiana, 2001 Beaney, Controllo di Qualità nei servizi di preparazione asettica, Ed. Italiana, 2003 Le Norme di Buona Preparazione dei Medicinali in Farmacia , Farmacopea Ufficiale XII ed., 2008 ASHP Guidelines on Compounding Sterile Preparations, American Society of Health-System Pharmacists, 2013
Obiettivi formativiObiettivo del corso è l’acquisizione da parte dello studente le basi della farmacologia e della tossicologia, per conoscere gli effetti tosicologici degli agenti terapeutici e ambientali sugli organismi viventi. Obiettivo del corso è di fornire allo studente la conoscenza delle modalità di preparazione e gli eccipienti delle forme farmaceutiche e di comprendere come produrre un prodotto qualitativamente valido. A tal fine è indispensabile conoscere le principali operazioni di tecnica Prendendo spunto dalle Norme di Buona Preparazione dei Medicinali in Farmacia della F.U. XII ed., vengono descritte le caratteristiche, i vantaggi e le opportunità di un Centro Compounding in Farmacia. In particolare, vengono presentati i principi di base e le applicazioni della preparazione centralizzata della terapia antalgica per il dolore acuto e cronico, della profilassi antibiotica perioperatoria, delle terapie oncologiche, della nutrizione parenterale, nonché gli aspetti collegati alla sicurezza degli operatori ed alla qualità delle preparazioni. Il ruolo della galenica clinica viene inquadrato nel contesto della farmacia clinica, delle politiche del farmaco, dell’evoluzione professionale del farmacista. Acquisire le conoscenze relative alle tecniche di analisi cromatografia e di spettrometria di massa nell’ambito della farmaco-tossicologia clinica e forense
PrerequisitiPer farmacologia lo studente deve essere in possesso delle nozioni di chimica, biochimica, anatomia, fisiologia e patologia. Per Preparazioni farmaceutiche lo studente deve essere in possesso delle nozioni di base di Chimica, Biochimica e Farmacologia Generale. Per Farmacia clinica lo studente deve essere in possesso delle nozioni di Farmacologia. Per Analisi tossicologiche: cconoscenze di chimica inorganica ed organica e di strumentazione di base di laboratorio
Metodi didatticiLezioni frontali con presentazione Power Point Preparazioni farmaceutiche: Verranno descritti gli eccipienti utilizzati nelle preparazioni farmaceutiche, le loro caratteristiche chimico fisiche, le operazioni farmaceutiche, gli strumenti di laboratorio e la tecnica di preparazione. Verranno presentate alcune formule e verrà insegnato come integrare tra loro i singoli componenti, a seconda delle loro caratteristiche, per produrre un prodotto finito che sia qualitativamente valido. Verrà effettuata una visita guidata della durata di 5 ore ad uno stabilimento farmaceutico per prendere visione dei metodi di preparazione industriale delle compresse e per comprendere il concetto di qualità nella produzione di medicinali. Per Analisi tossicologiche: PC con proiettore, lavagna e pennarelli
Altre informazioniAllo studente è richiesto un buon livello di conoscenza della lingua inglese, soprattutto nella lettura
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame di farmacologia consiste in una prova orale Per Preparazioni farmaceutiche gli studenti dovranno sostenere una prova orale su argomenti che riguardano le preparazioni farmaceutiche. Dovranno dimostrare di avere assimilato le nozioni di base della Tecnica Farmaceutica e come allestire un preparato qualitativamente valido. A tal fine verrà sottoposta una formula e lo studente dovrà commentarla, dimostrando di conoscere gli eccipienti, le loro principali caratteristiche chimico fisiche e incompatibilità e dovrà descrivere quali operazioni farmaceutiche applicare per produrre un prodotto galenico finito, in possesso dei requisiti qualitativi necessari e correttamente confezionato ed etichettato.
Programma estesoFarmacologia: Principi di Farmacologia-Tossicologia generale: • Farmaco-tossicocinetica: assorbimento, metabolismo, distribuzione ed escrezione di xenobiotici; vie di somministrazione; parametri farmacocinetici: emivita, biodisponibilita’, clearance renale, volume di distribuzione. • Farmaco-tossicodinamica: concetto di agonista ed antagonista, modelli recettoriali, curva dose-risposta • Effetti tossici e bersagli molecolari di tossicita’ • Meccanismi di tossicita’ • Antidotismo e terapia farmacologica Ematotossicita’: monossido di carbonio e metaemoglobina Tossicita’ del sistema nervoso: sistema glutammatergico e GABAergico, sistema colinergico, tossine che agiscono sul rilascio di neurotrasmettitori Sostanze d’abuso: meccanismi molecolari della tolleranza, della dipendenza e della gratificazione • Oppiacei • Barbiturici e benzodiazepine • Cocaina e amfetamine • Allucinogeni • Etanolo e alcolismo I prioni e malattie da prioni Doping e sostanze dopanti Preparazioni farmaceutiche: Operazioni farmaceutiche. Macinazione, miscelazione, solubilizzazione, tecnica asettica, sterilizzazione, filtrazione. Etichettatura e confezionamento. Norme di Buona Preparazione e la qualità nella produzione di medicinali. Classificazione delle forme farmaceutiche in base alla via di somministrazione. Via orale. Sciroppi, emulsioni, sospensioni, compresse, capsule, polveri e granulati, bustine. Biodisponibilità delle forme orali. Via rettale. Supposte. Penetrazione del principio attivo attraverso la mucosa, eccipienti, preparazione. Via dermica. Pomate. Penetrazione del principio attivo attraverso la pelle, eccipienti, preparazione. Via oculare. Colliri. Requisiti richiesti per una formulazione per via oculare, preparazione. Via parenterale. Proprietà delle preparazioni iniettabili, formulazioni, preparazione, confezionamento asettico, ambienti sterili, cappe a flusso laminare verticale ed orizzontale. Allestimento di sacche per nutrizione parenterale totale, di farmaci antitumorali.
Risultati di apprendimento attesiFarmacologia: E' atteso che lo studente conosca i principi di base della farmacologia e tossicologia. Inoltre lo studente deve conoscere le caratteristiche farmaco-tossicologie di alcune classi di farmaci e tossici di maggior uso. Preparazioni farmaceutiche. Lo studente è in grado di allestire un medicinale galenico applicando la corretta tecnica, utilizzando la strumentazione adeguata, scegliendo gli eccipienti più appropriati, e compilando completamente l'etichetta.
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
MS0295 Analisi tossicologiche MED/05 - PATOLOGIA CLINICA BAGNATI Marco
MS0323 Farmacia clinica PISTERNA Alessia
MS0324 Farmacologia e Tossicologia clinica BIO/14 - FARMACOLOGIA FRESU Luigia Grazia
MS0348 Preparazioni farmaceutiche MED/46 - SCIENZE TECNICHE DI MEDICINA DI LABORATORIO BONI Massimo
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoAnalisi tossicologiche
CodiceMS0295
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiBAGNATI Marco
CFU2
Ore di lezione20
Ore di studio individuale30
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/05 - PATOLOGIA CLINICA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno3
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiDescrizione delle principali sostanze di abuso e dei principali farmaci inseriti nei programmi di monitoraggio terapeutico. Tecniche di cromatografia liquida e di cromatografia gassosa. Rivelatori abbinati a strumentazione HPLC e a gascromatografica Rivelatore a spettrometria di massa Tecniche di trattamento del campione su matrici urinaria, ematica e cheratinica Tecniche di analisi Interpretazione del dato.
Obiettivi formativiAcquisire le conoscenze relative alle tecniche di analisi cromatografia e di spettrometria di massa nell’ambito della farmaco-tossicologia clinica e forense
PrerequisitiConoscenze di chimica inorganica ed organica e di strumentazione di base di laboratorio
Metodi didatticiPC con proiettore, lavagna e pennarelli
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame orale
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoFarmacia clinica
CodiceMS0323
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiPISTERNA Alessia
CFU1
Ore di lezione10
Ore di studio individuale15
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoF - Stage e altre attività formative
Anno3
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
Contenuti• Le Norme di Buona Preparazione (NBP) - Allegato 1 F.U. XII Ed. • Tecnica infusionale: NBP nell’allestimento di soluzioni infusionali • La sicurezza nel Centro Compounding • Il Centro Compounding: profilassi antibiotica perioperatoria, terapia antalgica, nutrizione artificiale, chemioterapici antiblastici
Testi di riferimentoR. Needle e T. Sizer, Il Manuale CIVAS, Principi Generali, Ed. Italiana, 2001 Beaney, Controllo di Qualità nei servizi di preparazione asettica, Ed. Italiana, 2003 Le Norme di Buona Preparazione dei Medicinali in Farmacia , Farmacopea Ufficiale XII ed., 2008 ASHP Guidelines on Compounding Sterile Preparations, American Society of Health-System Pharmacists, 2013
Obiettivi formativiPrendendo spunto dalle Norme di Buona Preparazione dei Medicinali in Farmacia della F.U. XII ed., vengono descritte le caratteristiche, i vantaggi e le opportunità di un Centro Compounding in Farmacia. In particolare, vengono presentati i principi di base e le applicazioni della preparazione centralizzata della terapia antalgica per il dolore acuto e cronico, della profilassi antibiotica perioperatoria, delle terapie oncologiche, della nutrizione parenterale, nonché gli aspetti collegati alla sicurezza degli operatori ed alla qualità delle preparazioni. Il ruolo della galenica clinica viene inquadrato nel contesto della farmacia clinica, delle politiche del farmaco, dell’evoluzione professionale del farmacista.
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso delle nozioni di Farmacologia.
Metodi didatticiPresentazioni in Power-Point e su CD-ROM
Altre informazioniNessuna
Modalità di verifica dell'apprendimentoPrevio appuntamento telefonico (0321-3733458), presso la sede della S.C. Farmacia Ospedaliera, AOU Maggiore della Carità di Novara, Corso Mazzini, 18 - NOVARA
Programma estesoFarmacopea Ufficiale XII edizione e Norme di Buona Preparazione. Allestimento delle terapie con tecnica asettica. Aspetti collegati alla sicurezza del Laboratorio di Farmacia Ospedaliera e Dispositivi di Protezione Individuale. Classificazione Nazionale Dispositivi Medici. Allestimento terapie sterili: profilassi antibiotica, terapia antalgica,nutrizione artificiale, chemioterapia antitumorale.
Risultati di apprendimento attesiAcquisizione delle conoscenze collegate alle attività del Tecnico Sanitario di Laboratorio Biomedico presso i laboratori della Farmacia Ospedaliera.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoFarmacologia e Tossicologia clinica
CodiceMS0324
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoFRESU Luigia Grazia
DocentiFRESU Luigia Grazia
CFU3
Ore di lezione30
Ore di studio individuale45
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)BIO/14 - FARMACOLOGIA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoA - Base
Anno3
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiPrincipi di Farmacologia-Tossicologia generale: • Farmaco-tossicocinetica • Farmaco-tossicodinamica • Effetti tossici e bersagli molecolari di tossicita’ • Meccanismi di tossicita’ • Antidotismo e terapia farmacologica Ematotossicita’: monossido di carbonio e metaemoglobina Avvelenamento da funghi Tossicita’ del sistema nervoso: Sostanze d’abuso: meccanismi molecolari della tolleranza, della dipendenza e della gratificazione I prioni e malattie da prioni Doping e sostanze dopanti
Testi di riferimentoTesti consigliati: • Farmacologia generale e molecolare. Clementi & Fumagalli, IV Ed, UTET • Elementi di tossicologia, Lu Frank C. - Kacew Sam, Ed EMSI
Obiettivi formativiObiettivo del corso è l’acquisizione da parte dello studente le basi della farmacologia e della tossicologia, per conoscere gli effetti tosicologici degli agenti terapeutici e ambientali sugli organismi viventi.
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso delle nozioni di chimica, biochimica, anatomia, fisiologia e patologia.
Metodi didatticiLezioni frontali con presentazione Power Point
Altre informazioniAllo studente è richiesto un buon livello di conoscenza della lingua inglese, soprattutto nella lettura
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame consiste in una prova orale
Programma estesoPrincipi di Farmacologia-Tossicologia generale: • Farmaco-tossicocinetica: assorbimento, metabolismo, distribuzione ed escrezione di xenobiotici; vie di somministrazione; parametri farmacocinetici: emivita, biodisponibilita’, clearance renale, volume di distribuzione. • Farmaco-tossicodinamica: concetto di agonista ed antagonista, modelli recettoriali, curva dose-risposta • Effetti tossici e bersagli molecolari di tossicita’ • Meccanismi di tossicita’ • Antidotismo e terapia farmacologica Ematotossicita’: monossido di carbonio e metaemoglobina Tossicita’ del sistema nervoso: sistema glutammatergico e GABAergico, sistema colinergico, tossine che agiscono sul rilascio di neurotrasmettitori Sostanze d’abuso: meccanismi molecolari della tolleranza, della dipendenza e della gratificazione • Oppiacei • Barbiturici e benzodiazepine • Cocaina e amfetamine • Allucinogeni • Etanolo e alcolismo I prioni e malattie da prioni Doping e sostanze dopanti
Risultati di apprendimento attesiE' atteso che lo studente conosca i principi di base della farmacologia e tossicologia. Inoltre lo studente deve conoscere le caratteristiche farmaco-tossicologie di alcune classi di farmaci e tossici di maggior uso.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoPreparazioni farmaceutiche
CodiceMS0348
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiBONI Massimo
CFU2
Ore di lezione20
Ore di studio individuale30
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/46 - SCIENZE TECNICHE DI MEDICINA DI LABORATORIO
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno3
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiLa metodologia per allestire le forme farmaceutiche, suddivise in base alla via di somministrazione. La scelta degli eccipienti nella preparazione delle diverse forme farmaceutiche in base alle loro caratteristiche. Concetti di biofarmaceutica e biodisponibilità delle forme farmaceutiche. Le Norme di Buona Preparazione e la qualità nella preparazione dei medicinali. La prevenzione del rischio clinico.
Testi di riferimentoFarmacopea Ufficiale XII edizione. Medicamenta.
Obiettivi formativiObiettivo del corso è di fornire allo studente la conoscenza delle modalità di preparazione e gli eccipienti delle forme farmaceutiche e di comprendere come produrre un prodotto qualitativamente valido. A tal fine è indispensabile conoscere le principali operazioni di tecnica farmaceutica, le Norme di Buona Preparazione, le vie di somministrazione e comprendere i concetti di principio attivo, eccipiente, biodisponibilità, incompatibilità, stabilità, controllo di qualità, calcoli farmaceutici, compilazione dell'etichetta, apparecchiature di laboratorio, ambienti di lavoro, materiali di confezionamento, aspetti legislativi, e cosa si intende per errore di terapia e come potrebbe verificarsi durante la fase di preparazione. In seguito alla lettura di una formula lo studente dovrà essere in grado di allestire una forma farmaceutica manipolando gli ingredienti contenuti nella formula, applicando correttamente le operazioni farmaceutiche, scegliendo i corretti strumenti di laboratorio da utilizzare per poi infine confezionare ed etichettare correttamente il prodotto finito.
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso delle nozioni di base di Chimica, Biochimica e Farmacologia Generale.
Metodi didatticiVerranno descritti gli eccipienti utilizzati nelle preparazioni farmaceutiche, le loro caratteristiche chimico fisiche, le operazioni farmaceutiche, gli strumenti di laboratorio e la tecnica di preparazione. Verranno presentate alcune formule e verrà insegnato come integrare tra loro i singoli componenti, a seconda delle loro caratteristiche, per produrre un prodotto finito che sia qualitativamente valido. Verrà effettuata una visita guidata della durata di 5 ore ad uno stabilimento farmaceutico per prendere visione dei metodi di preparazione industriale delle compresse e per comprendere il concetto di qualità nella produzione di medicinali.
Altre informazioniInformazioni più dettagliate possono essere ottenute chiedendo un appuntamento con il docente.
Modalità di verifica dell'apprendimentoGli studenti dovranno sostenere una prova orale su argomenti che riguardano le preparazioni farmaceutiche. Dovranno dimostrare di avere assimilato le nozioni di base della Tecnica Farmaceutica e come allestire un preparato qualitativamente valido. A tal fine verrà sottoposta una formula e lo studente dovrà commentarla, dimostrando di conoscere gli eccipienti, le loro principali caratteristiche chimico fisiche e incompatibilità e dovrà descrivere quali operazioni farmaceutiche applicare per produrre un prodotto galenico finito, in possesso dei requisiti qualitativi necessari e correttamente confezionato ed etichettato.
Programma estesoOperazioni farmaceutiche. Macinazione, miscelazione, solubilizzazione, tecnica asettica, sterilizzazione, filtrazione. Etichettatura e confezionamento. Norme di Buona Preparazione e la qualità nella produzione di medicinali. Classificazione delle forme farmaceutiche in base alla via di somministrazione. Via orale. Sciroppi, emulsioni, sospensioni, compresse, capsule, polveri e granulati, bustine. Biodisponibilità delle forme orali. Via rettale. Supposte. Penetrazione del principio attivo attraverso la mucosa, eccipienti, preparazione. Via dermica. Pomate. Penetrazione del principio attivo attraverso la pelle, eccipienti, preparazione. Via oculare. Colliri. Requisiti richiesti per una formulazione per via oculare, preparazione. Via parenterale. Proprietà delle preparazioni iniettabili, formulazioni, preparazione, confezionamento asettico, ambienti sterili, cappe a flusso laminare verticale ed orizzontale. Allestimento di sacche per nutrizione parenterale totale, di farmaci antitumorali.
Risultati di apprendimento attesiLo studente è in grado di allestire un medicinale galenico applicando la corretta tecnica, utilizzando la strumentazione adeguata, scegliendo gli eccipienti più appropriati, e compilando completamente l'etichetta.
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoOrganizzazione di laboratorio biomedico
CodiceMS0389
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoPORTA Patrizia
DocentiPORTA Patrizia, FRANCO Maria Vittoria, MELE Liliana, LO NIGRO Cristiana
CFU7
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno3
PeriodoSecondo Semestre
SedeNOVARA
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
MS0319 Etica e Deontologia M-FIL/03 - FILOSOFIA MORALE PORTA Patrizia
MS0327 Gestione di laboratorio SECS-P/07 - ECONOMIA AZIENDALE PORTA Patrizia
MC094 MEDICINA LEGALE MED/43 - MEDICINA LEGALE FRANCO Maria Vittoria
MS0053 Organizzazione sanitaria SECS-P/10 - ORGANIZZAZIONE AZIENDALE MELE Liliana
MS0209 Metodologia della ricerca MED/46 - SCIENZE TECNICHE DI MEDICINA DI LABORATORIO LO NIGRO Cristiana
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoEtica e Deontologia
CodiceMS0319
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoPORTA Patrizia
DocentiPORTA Patrizia
CFU2
Ore di lezione20
Ore di studio individuale30
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-FIL/03 - FILOSOFIA MORALE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno3
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
Contenuti-Evoluzione del Laboratorio Analisi - Profilo professionale -Etica della medicina di laboratorio (aspetti generali e specifici) -L'etica nel labortorio clinico -Principi fondamentali etici : linee guida - Il segreto professionale -Responsabilità professionale Codice Deontologico - Bioetica ed uso dei campioni biologici
Testi di riferimentoNon previti
Obiettivi formativiFar conoscere allo studente l'evoluzione della professione in ambito laboratoristico, il codice deontologico , la responsabilità civile e penale. Le linee guida dei principi fondamentali dell'Etica. L'etica applicata all'agire in medicina di laboratorio
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso di una sufficiente conoscenza del profilo professionale e di alcuni principi fondamentali del codice deontologico e dell'applicazione di un agire etco in laboratorio
Metodi didatticipresentazione con slide
Modalità di verifica dell'apprendimentola verifica si articola in una prova orale . Lo studente dovrà dimostrare di aver ben compreso le nozioni date durante le lezioni e di aver conseguito consapevolezza del proprio profilo professionale , del codice deontologico e delle regole etiche da applicare in alboratorio
Risultati di apprendimento attesiLo studente dovrà essere pienamente consapevole del del codice deontologico che regola il proprio profilo professionale,delle responsabilità civili e penale, e dei principi etici che sono applicabili all'operatività in laboratorio
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoGestione di laboratorio
CodiceMS0327
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiPORTA Patrizia
CFU1
Ore di lezione10
Ore di studio individuale15
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)SECS-P/07 - ECONOMIA AZIENDALE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno3
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
Contenuti- Rischio Clinico. - La misura dei processi nell’attività di laboratorio - HTA (health technology assessment) e laboratorio biomedico - Pianificazione e gestione di attività professionale nella didattica e nell’attività di tutor studenti - La gestione e la progettazione dell’attività professionale - Responsabilità professionale nella Gestione di Laboratorio - Gestione e sviluppo delle competenze degli operatori in un laboratorio - Procedure della Qualità (certificazione ed accreditamento) - Requisiti di professionalità nel processo decisionale
Testi di riferimentoNon prevista
Obiettivi formativiFar conoscere le competenze della professione del T.L.B. in ambito organizzativo e gestionale. Competenze in ambito di formazione(come formatore e come discente). Concetto di professionalità. Comportamento Professionale dettato da un agire deontologicamente corretto in ambito organizzative e gestionale. Ruolo del T.L.B. nei vari processi per la Qualità e nella didattica.
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso di una sufficiente conoscenza delle competenze della propria figura professionale anche in ambito organizzativo e gestionale (responsabilità, obiettivi, finalità, funzioni).
Metodi didatticiPresentazione con slide
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa verifica si compone di una prova orale. Lo studente dovrà dimostrare di aver assimilato le nozioni date durante le lezioni e aver conseguito una consapevolezza della propria figura professionale in ambito gestionale ed organizzativo
Risultati di apprendimento attesilo studente deve aver appreso la conoscenza delle competenze della professione del TLB in ambito organizzativo e gestionale.formativo (discente e docente) e dettato da un agire deontologicamente corretto in ambito getionale e organizzativo
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoMEDICINA LEGALE
CodiceMC094
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiFRANCO Maria Vittoria
CFU1
Ore di lezione10
Ore di studio individuale15
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/43 - MEDICINA LEGALE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno3
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
Contenuti1) Introduzione: • La medicina legale come disciplina medica: origini e funzioni della medicina legale. La medicina giuridica e la medicina forense. • La metodologia medico-legale, la valutazione dei dati e la diagnosi in medicina legale, l’analisi del rapporto di causalità, il giudizio medico-legale e la sua rilevanza. 2) La medicina legale nella applicazione del codice penale: • La medicina legale nei delitti contro la vita e l’incolumità individuale: (aspetti applicativi); • La medicina legale nei delitti contro la persona; • La medicina legale nei delitti colposi; la colpa degli operatori sanitari e la loro responsabilità; • La medicina legale e la tutela nella scena del delitto: il sopralluogo, la identificazione, il laboratorio medi-legale. 3) La medicina legale nell’applicazione del codice civile: • La valutazione medico-legale del danno alla persona in responsabilità civile; • La valutazione della responsabilità degli operatori sanitari in responsabilità civile. 4) Medicina legale generale: • Referto, denuncia di reato e certificazioni; • Nozioni di necroscopia medico-legale; • Nozioni di patologia medico-legale.
Obiettivi formativiIl modulo ha l’obiettivo di permettere l’apprendimento dei principi costituzionali, deontologici e medico-legali che determinano e regolano l’attività professionale. Esso si propone, inoltre, di dare le basi informative delle principali leggi che regolano l’attività sanitaria del Servizio Sanitario Nazionale approfondendone la conoscenza sia degli aspetti teorici che pratici. Il corso sarà svolto con lezioni teoriche riguardanti gli aspetti generali di inquadramento di ciascuna sezione del programma. I singoli temi saranno affrontati con lezioni fondamentali e con esposizione di casi concerti, discussioni collegialmente.
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso delle nozioni di base di etica e deontologia e di un minimo bagaglio di esperienza professionale conseguito nei tirocini
Metodi didatticiPresentazioni in formato MS-Power Point e video VHS
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame si compone di una prova scritta inerente agli argomenti delle lezioni svolte
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoOrganizzazione sanitaria
CodiceMS0053
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiMELE Liliana
CFU2
Ore di lezione20
Ore di studio individuale30
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)SECS-P/10 - ORGANIZZAZIONE AZIENDALE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno3
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
Contenuti- principi generali di diritto e principali organi e soggetti dello stato italiano - evoluzione della legislazione e dell’organizzazione sanitaria in Italia - il Ministero della Salute e i principali organi dell’organizzazione sanitaria - il sistema sanitario nazionale - le aziende sanitarie (asl/aso) - l’organizzazione dipartimentale - l’atto aziendale - il personale del ssn - le prestazione del ssn – i livelli essenziali di assistenza - elementi di organizzazione aziendale - il controllo di gestione e la contabilità per centri di costo - l’attività contrattuale delle p.a. – le forniture di laboratorio “in service” - le forme differenziate di assistenza sanitaria – l’outsorcing - la qualità dell’assistenza sanitaria e le norme ISO - i diritti dei cittadini e la carta dei servizi sanitari - la privacy
Obiettivi formativiIl modulo intende integrare le competenze proprie della futura professione di Tecnico di Laboratorio Biomedico con conoscenze specifiche in tema di organizzazione del Servizio Sanitario Nazionale e i principali meccanismi che lo governano, fornendo l’acquisizione e l’approfondimento di una professionalità polifunzionale
PrerequisitiLo studente deve acquisire una visione generale sull’attuale assetto organizzativo dei servizi sanitari, introducendo nozioni di base sull’organizzazione aziendale e sulla gestione per processi secondo il tqm.
Metodi didatticiPresentazione in formato Power Point e sussidio cartaceo
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa verifica dell’apprendimento avviene mediante compilazione di un test di 40 domande a risposta chiusa. La valutazione è espressa mediante punteggio secondo le modalità definite nella stessa scheda di valutazione.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoMetodologia della ricerca
CodiceMS0209
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiLO NIGRO Cristiana
CFU1
Ore di studio individuale15
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/46 - SCIENZE TECNICHE DI MEDICINA DI LABORATORIO
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoF - Stage e altre attività formative
Anno3
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
Contenutidescrizione generale della rete Internet (elementi, protocolli) con particolare riferimento al World Wide Web -pagine web, ipertesti e collegamenti, cenni al linguaggio html -utilizzo dei browsers (basi di navigazione) -Equipaggiamento software per l’attività di ricerca in internet -modalità per ricercare in internet (navigazione diretta con l’indirizzo del sito, navigare alla ricerca di ., esplorare una subject directory, deep Web, mailing list o un newsgroup, motori di ricerca) -motori di ricerca e metamotori: definizioni, componenti, identificazione degli elementi da ricercare, operatori booleani e di prossimità -strategia per una più efficiente navigazione con i motori di ricerca, come scegliere tra i vari servizi di ricerca (subject dir vs motori vs deep web) -database scientifici (con particolare riferimento a Pubmed): ricerca e consultazione, ricerche bibliografiche, ricerca di strutture, proteine, geni, malattie ereditarie, utilizzo del bookshelf. Come salvare una ricerca bibliografica in Medline -attendibilità a priori e valutazione delle fonti: elementi (scopo, fonte, stile, contenuti, links) con cui valutare una ricerca effettuata -copyright: Berne convention, come scrivere e leggere un copyright, durata di un copyright, software copyright, internet e copyright, links (surface, deep e framing), disclaimer, fair use, come riportare dati di articoli scientifici -citazioni: come citare una fonte bibliografica; significati della bibliografia nella tesi e nelle riviste scientifiche
Testi di riferimentomateriale fornito a lezione (siti web, slides, articoli) Randolph E. Hock. The Extreme Searcher’s Internet Handbook: A Guide for the Serious Searcher, 2nd Edition. Published by CyberAge Books
Obiettivi formativiIl modulo di Metodologia della Ricerca ha l’obiettivo di insegnare agli studenti le principali modalità di ricerca in Internet finalizzate al recupero di materiale scientifico utile per la preparazione della tesi di laurea. Inoltre lo studente imparerà come valutare le fonti identificate, come citare il materiale utilizzato e come riportare le informazioni o gli eventuali contenuti senza violare il copyright.
PrerequisitiConoscenza base sull’utilizzo di un browser internet e di un software per leggere file PDF
Metodi didatticiPresentazioni in formato MS-PowerPoint e simulazioni in siti Web
Altre informazioniL’intero corso viene svolto in aula informatica. In questo modo lo studente potrà sperimentare immediatamente le nozioni impartite.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame si compone di una prova scritta con due tipologie di domande a scelta multipla: 1) domande relative alle nozioni teoriche impartite a lezione; 2) domande relative a contenuti da ricercare in Internet (prevalentemente di carattere scientifico). Per l’intero esame lo studente può avvalersi del computer collegato alla rete web.
Programma esteso-descrizione generale della rete Internet (elementi, protocolli) con particolare riferimento al World Wide Web -pagine web, ipertesti e collegamenti, cenni al linguaggio html -utilizzo dei browsers (basi di navigazione) -Equipaggiamento software per l’attività di ricerca in internet -modalità per ricercare in internet (navigazione diretta con l’indirizzo del sito, navigare alla ricerca di ., esplorare una subject directory, deep Web, mailing list o un newsgroup, motori di ricerca) -motori di ricerca e metamotori: definizioni, componenti, identificazione degli elementi da ricercare, operatori booleani e di prossimità -strategia per una più efficiente navigazione con i motori di ricerca, come scegliere tra i vari servizi di ricerca (subject dir vs motori vs deep web) -database scientifici (con particolare riferimento a Pubmed): ricerca e consultazione, ricerche bibliografiche, ricerca di strutture, proteine, geni, malattie ereditarie, utilizzo del bookshelf. Come salvare una ricerca bibliografica in Medline -attendibilità a priori e valutazione delle fonti: elementi (scopo, fonte, stile, contenuti, links) con cui valutare una ricerca effettuata -copyright: Berne convention, come scrivere e leggere un copyright, durata di un copyright, software copyright, internet e copyright, links (surface, deep e framing), disclaimer, fair use, come riportare dati di articoli scientifici -citazioni: come citare una fonte bibliografica; significati della bibliografia nella tesi e nelle riviste scientifiche
Risultati di apprendimento attesiIl modulo di Metodologia della Ricerca ha l’obiettivo di insegnare agli studenti le principali modalità di ricerca in Internet finalizzate al recupero di materiale scientifico utile per la preparazione della tesi di laurea. Inoltre lo studente imparerà come valutare le fonti identificate, come citare il materiale utilizzato e come riportare le informazioni o gli eventuali contenuti senza violare il copyright.
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoPROVA FINALE
CodiceMS0144
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
CFU6
Ore di studio individuale150
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoE - Prova finale e lingua straniera
Anno3
PeriodoAnnuale
SedeNOVARA
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneVoto finale
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoTirocinio III anno
CodiceMS0119
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoROSSATI Mariella
CFU21
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/46 - SCIENZE TECNICHE DI MEDICINA DI LABORATORIO
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno3
PeriodoAnnuale
SedeNOVARA
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneVoto finale
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoUlteriori attività formative
CodiceMS0120
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1849 - TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO)
CurriculumCORSO GENERICO
CFU1
Ore di studio individuale15
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoF - Stage e altre attività formative
Anno3
PeriodoAnnuale
SedeNOVARA
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Chiudi scheda insegnamento
Dati aggiornati al: 25/06/2019, 07:17