Laurea magistrale in Lingue, culture, turismo

Didattica erogata

Stampa guida
Stampa
Anno Codice Insegnamento Docenti Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Curriculum Sede CFU
1 LE0317 APPROFONDIMENTI DELL’AMBITO LINGUISTICO E LETTERARIO NN Tutti VERCELLI 6
1 LE0317 APPROFONDIMENTI DELL’AMBITO LINGUISTICO E LETTERARIO NN Tutti VERCELLI 6
1 LE0158 CULTURA ANGLOAMERICANA IULI Maria Cristina L-LIN/11 Tutti VERCELLI 6
1 LE0157 CULTURA FRANCESE MASTROIANNI Michele L-LIN/03 Tutti VERCELLI 6
1 LE0155 CULTURA INGLESE POMARE' DETTO MONTIN Carla L-LIN/10 Tutti VERCELLI 6
1 LE0154 CULTURA SPAGNOLA MARTIN MORAN Jose' Manuel L-LIN/05 Tutti VERCELLI 6
1 LE0156 CULTURA TEDESCA L-LIN/13 Tutti VERCELLI 6
1 L0532 DIDATTICA DELLE LINGUE MODERNE SPECIALISTICHE A FERRARI Stefania L-LIN/02 Tutti VERCELLI 6
1 L0353 FILOLOGIA GERMANICA RAFFAGHELLO Cristina L-FIL-LET/15 Tutti VERCELLI 6
1 L0353 FILOLOGIA GERMANICA RAFFAGHELLO Cristina L-FIL-LET/15 Tutti VERCELLI 6
1 LE0151 LABORATORIO DI SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI PER IL TURISMO SPINELLI Gianfranco, CERUTTI Stefania M-GGR/02 Tutti 6
1 LE0151 LABORATORIO DI SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI PER IL TURISMO SPINELLI Gianfranco, CERUTTI Stefania M-GGR/02 Tutti 6
1 L0534 LETTERATURA FRANCESE SPECIALISTICA A MASTROIANNI Michele L-LIN/03 Tutti VERCELLI 6
1 L0521 LETTERATURA INGLESE A SPECIALISTICA GHOSH Ranjan L-LIN/10 Tutti VERCELLI 6
1 L1095 LETTERATURA NORDAMERICANA MAGISTRALE I IULI Maria Cristina L-LIN/11 Tutti VERCELLI 6
1 L0511 LETTERATURA TEDESCA SPECIALISTICA A L-LIN/13 Tutti VERCELLI 6
1 L1236 LETTERATURE COMPARATE MAGISTRALE SINI Stefania Irene L-FIL-LET/14 Tutti VERCELLI 6
1 L1236 LETTERATURE COMPARATE MAGISTRALE SINI Stefania Irene L-FIL-LET/14 Tutti VERCELLI 6
1 L1198 LINGUA FRANCESE II AUDEOUD Laurence, VITRONI Laurence, VIALATTE Elsa Huguette Marlene L-LIN/04 Tutti VERCELLI 12
1 LE0022 LINGUA FRANCESE MAGISTRALE I AUDEOUD Laurence, PERRIN Anne Francoise L-LIN/04 Tutti VERCELLI 12
1 LE0021 LINGUA INGLESE MAGISTRALE I FORMENTELLI Maicol, LERTOLA Jennifer, RIDINGER Gayle Mary, DELLA CHIARA Sandra L-LIN/12 Tutti VERCELLI 12
1 LE0023 LINGUA SPAGNOLA MAGISTRALE I BALDISSERA Andrea, CAMPOS CABRERO Sonia L-LIN/07 Tutti VERCELLI 12
1 L1204 LINGUA TEDESCA II RAVETTO Miriam, PEEMOLLER Tanja Margot, STUECKEL Eva, REINHARDT Michaela L-LIN/14 Tutti VERCELLI 12
1 LE0024 LINGUA TEDESCA MAGISTRALE I RAVETTO Miriam, REINHARDT Michaela, STUECKEL Eva L-LIN/14 Tutti VERCELLI 12
1 L1176 LINGUISTICA APPLICATA A MAGISTRALE CASTAGNETO Marina L-LIN/01 Tutti VERCELLI 6
1 L1176 LINGUISTICA APPLICATA A MAGISTRALE CASTAGNETO Marina L-LIN/01 Tutti VERCELLI 6
1 LE0152 MARKETING E COMUNICAZIONE DELLE IMPRESE TURISTICHE CAPRIELLO Antonella SECS-P/08 Tutti VERCELLI 8
1 L0130 SCUOLA DI SCRITTURA MACONI Ludovica, CANOBBIO Andrea Tullio L-FIL-LET/12 Tutti VERCELLI 6
1 L0384 STORIA DELLA MUSICA BALDISSERA Andrea L-ART/07 Tutti VERCELLI 2
1 LE0243 STORIA MODERNA E CONTEMPORANEA MAGISTRALE TORTAROLO Edoardo Elio Flaminio, FRANZINETTI Guido M-STO/02, M-STO/04 Tutti VERCELLI 12
1 L0170 ULTERIORI CONOSCENZE (Convegni e Seminari) NN Tutti VERCELLI 6
1 L0170 ULTERIORI CONOSCENZE (Convegni e Seminari) NN Tutti VERCELLI 6
2 LE0159 ARTE E TERRITORIO IN ETA' MEDIEVALE E MODERNA LOMARTIRE Saverio, ZAMBRANO Patrizia L-ART/02, L-ART/01 Tutti VERCELLI 12
2 LE0160 ARTE POLITICHE CULTURALI E TERRITORIO ZAMBRANO Patrizia, VANNUGLI Antonio L-ART/02, L-ART/03 Tutti VERCELLI 12
2 LE0163 CULTURE DEL CINEMA E DELLO SPETTACOLO POMARE' DETTO MONTIN Carla, ARIOTTI Sergio Enrico L-ART/05, L-ART/06 Tutti VERCELLI 12
2 L0698 LETTERATURA FRANCESE B SPECIALISTICA MASTROIANNI Michele L-LIN/03 Tutti 6
2 L0528 LETTERATURA INGLESE B SPECIALISTICA POMARE' DETTO MONTIN Carla L-LIN/10 Tutti 6
2 L1198 LINGUA FRANCESE II AUDEOUD Laurence, VITRONI Laurence, VIALATTE Elsa Huguette Marlene L-LIN/04 Tutti VERCELLI 12
2 LE0021 LINGUA INGLESE MAGISTRALE I FORMENTELLI Maicol, LERTOLA Jennifer, RIDINGER Gayle Mary, DELLA CHIARA Sandra L-LIN/12 Tutti VERCELLI 12
2 L0877 LINGUA SPAGNOLA ESERCITAZIONI SPECIALISTICA BALDISSERA Andrea, CAMPOS CABRERO Sonia L-LIN/07 Tutti VERCELLI 6
2 L0877 LINGUA SPAGNOLA ESERCITAZIONI SPECIALISTICA BALDISSERA Andrea, CAMPOS CABRERO Sonia L-LIN/07 Tutti VERCELLI 6
2 L1204 LINGUA TEDESCA II RAVETTO Miriam, PEEMOLLER Tanja Margot, STUECKEL Eva, REINHARDT Michaela L-LIN/14 Tutti VERCELLI 12
2 LE0026 LINGUISTICA FRANCESE SPECIALISTICA B AUDEOUD Laurence L-LIN/04 Tutti VERCELLI 6
2 LE0025 LINGUISTICA INGLESE SPECIALISTICA B LERTOLA Jennifer L-LIN/12 Tutti VERCELLI 6
2 LE0025 LINGUISTICA INGLESE SPECIALISTICA B LERTOLA Jennifer L-LIN/12 Tutti VERCELLI 6
2 LE0153 ORGANIZZAZIONE E VALUTAZIONE DEI PROGETTI TURISTICI EMANUEL Cesare, CERUTTI Stefania M-GGR/02 Tutti VERCELLI 8
2 LE0144 SOCIETÀ, COMUNICAZIONE, TERRITORIO BULSEI Gian Luigi SPS/08 Tutti VERCELLI 8
Stampa
InsegnamentoAPPROFONDIMENTI DELL’AMBITO LINGUISTICO E LETTERARIO
CodiceLE0317
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
CFU6
Ore di studio individuale90
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoF - Stage e altre attività formative
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoAPPROFONDIMENTI DELL’AMBITO LINGUISTICO E LETTERARIO
CodiceLE0317
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
CFU6
Ore di studio individuale90
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoF - Stage e altre attività formative
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoCULTURA ANGLOAMERICANA
CodiceLE0158
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoIULI Maria Cristina
DocentiIULI Maria Cristina
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/11 - LINGUE E LETTERATURE ANGLO-AMERICANE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoInglese
ContenutiQuesto corso muove dall'esplorazione dell'esperienza del viaggio in Italia di scrittori americani nel corso del 19° e 20° secolo per ipotizzare proposte di turismo letterario e settoriale in lingua inglese
Testi di riferimentoMark Twain, The Innocents Abroad (1869), chap. 17-31; John Cheever, The Stories of John Cheever, Vintage International, 2000. Henry James, Daisy Miller, (1879); Ernest Hemingway, A Farewell to Arms (1918) John Cheevers, The Journals of John Cheever, with an introduction by Geoff Dyer (Vintage Classics, 2011); [Selections will be uploaded on DIR] Secondary Readings: James Buzard, The Beaten Track: European Tourism, Literature, and the Ways to ‘Culture’ 1800-1918, Oxford, Clarendon Press, 2001 (selections); Tim Youngs, The Cambridge Introduction to Travel Writing, CUP, 2013 (selections); Jeffrey Melton, "Mark Twain,Travel Books, and Tourism. The Tide of a Great Popular Movement", U. of Alabama Press, 2002 (ch. 1 and 2); Klara Stephanie Szlezák, “A Marathon of 135 Chapters and an Epilogue: Reading Moby-dick as Public Performance and Literary Heritage Event” – RSA Journal 28/2017, pp. 73-83.
Obiettivi formativiConoscere gli elementi principali del discorso del turismo come pratica sociale negli Stati Uniti tra il XIX e il XX secolo, comprenderne l'evoluzione e trarne ispirazione per riflettere criticamente sulla pratica del turismo e per sviluppare una proposta di progetto turistico letterario e sostenibile.
PrerequisitiInglese almeno livello B1
Metodi didatticiLezioni frontali; esercitazioni seminariali; esercitazioni autonome online in blended learning attraverso la piattaforma DIR
Modalità di verifica dell'apprendimentoPer sostenere l'esame gli studenti possono scegliere una di queste due modalità: 1. redigere una relazione, della lunghezza di circa 20.000 caratteri spazi inclusi, che approfondisca aspetti specifici delle letture assegnate e degli argomenti trattati a lezione. L'argomento della relazione dovrà essere concordato con la docente e l'elaborato dovrà essere consegnato tramite e-mail, almeno una settimana prima della data fissata per l'appello. La relazione concorrerà per il 70% alla determinazione del voto finale e sarà valutata sulla base di: - livello di approfondimento del contenuto; - coerenza espositiva; - correttezza espressiva (ortografica, grammaticale e sintattica); - correttezza formale (uso delle fonti, note, bibliografia, layout). 2. Redigere una proposta di progetto e pacchetto turistico e la relativa brochure. La proposta di progetto, di circa 15.000 caratteri spazi inclusi, dovrà contenere una chiara introduzione al progetto, una descrizione dei destinatari individuati, una descrizione dettagliata e accurata del programma relativo alla proposta turistica, una sezione che dettagli la qualità, specificità e sostenibilità della proposta e la sua forza di attrazione. La brochure dovrà sintetizzare in modo efficace e funzionale l’effettiva proposta turistica. L'elaborato dovrà essere consegnato, in forma cartacea o tramite e-mail, almeno una settimana prima della data fissata per l'appello. La relazione concorrerà per il 70% alla determinazione del voto finale e sarà valutata sulla base di: - livello di approfondimento del contenuto; - coerenza espositiva; - correttezza espressiva (ortografica, grammaticale e sintattica); - correttezza espressiva (uso delle fonti, bibliografia, layout). In entrambi i casi, il restante 30% dell’esame sarà costituito dalla valutazione degli esercizi online assegnati durante il corso e dalla partecipazione attiva alla discussione in aula delle letture assegnate. Il voto complessivo sarà attribuito sulla base delle seguenti caratteristiche: eccellente: elaborato finale e esercizi svolti online dimostrano capacità di sintesi e di analisi; ottima padronanza espressiva; capacità di elaborazione personale e critica delle tematiche trattate. Buono: elaborato finale e esercizi svolti online dimostrano buone capacità di sintesi e di analisi; adeguata padronanza espressiva; sufficiente capacità di elaborazione personale e critica degli argomenti trattati. Discreta: elaborato finale e esercizi svolti online dimostrano una conoscenza mnemonica della materia e scarsa originalità di ragionamento e capacità critica; linguaggio corretto ma non sempre appropriato o preciso. Sufficiente: elaborato finale e esercizi svolti online dimostrano conoscenze misurate del programma d'esame; ridotta padronanza espressiva nell'esposizione; incapacità di formulare opinioni personali e di andare oltre il semplice riassunto delle trame nella trattazione delle opere letterarie o dell’elencazione delle attrattive turistiche e delle minime informazioni tecniche nella proposta turistica. Insufficiente: elaborato finale e esercizi svolti online mostrano conoscenza inadeguata della narrativa e del materiale critico oggetto d’esame, linguaggio inappropriato, incapacità di contestualizzazione e di elaborazione di un discorso logico, mancanza di orientamento all'interno del programma. Sarà valutata positivamente la partecipazione attiva alle lezioni.
Programma esteso• unità didattica 1: Differenze tra viaggiatori e turisti; l'inizio dell'industria turistica negli Stati Uniti; • unità didattica 2: L'evoluzione del Grand Tour e la nascita del turismo di Massa: Mark Twain • unità didattica 3: Mark Twain's "Innocents Abroad" • unità didattica 4: Turismo di massa e mobilità sociale: Henry James's Daisy Miller • unità didattica 5: Turismo e comunicazione turistica. Leggere Daisy Miller come una guida turistica. Il turismo letterario. • unità didattica 6: L'Italia di Ernest Hemingway, "A Farewell to Arms" • unità didattica 7: John Cheever in Italia: the Italian Short Stories. • Unità didattica 8: laboratorio sulla progettazione di una proposta turistica. Unità didattica 9: organizzare un saggio.
Risultati di apprendimento attesiAl fine di raggiungere le conoscenze e le competenze corrispondenti al livello minimo di sufficienza, allo studente si chiede di dimostrare: (CONOSCENZE) - conoscere l'emergere dell turismo come pratica socialmente determinata - conoscere le modalità con cui il discorso letterario nordamericano si rapporta al fenomeno del turismo nel XIX e XX secolo; conoscere il forme narrative, tropi, metafore, luoghi comuni, luoghi affettivi, linguaggi sedimentati nel racconto dell'esperienza del soggiorno in Italia di scrittori statunitensi nel XIX e XX secolo; conoscere le basi della formulazione di una proposta turistica o di un saggio breve a partire dalle letture assegnate e dalle esercitazioni svolte. (COMPETENZE) - saper analizzare e sintetizzare i testi in programma con particolare attenzione alla loro dimensione linguistica e al rapporto testo/contesto; saper formulare una proposta di turismo letterario o settoriale in lingua inglese utilizzando un adeguato registro lessicale e retorico. (ABILITÀ TRASVERSALI) - saper presentare in modo chiaro ed efficace conoscenze, informazioni ed opinioni relative alle tematiche trattate, utilizzando linguaggio e terminologia appropriati; saper impostare e redigere un breve saggio o un testo in lingua inglese che approfondisca alcuni aspetti degli argomenti trattati a lezione; saper condurre una ricerca bibliografica di base; comprendere le strutture retoriche, culturali e linguistiche che presiedono a un efficace racconto dell'esperienza turistica e sviluppare la capacità di utilizzarle in contesti multilinguistici e multiculturali; saper presentare in modo chiaro ed efficace una proposta turistica e saper impostare una comunicazione turistica sintetica e attraente (brochure); introdurre una pedagogia della letteratura angloamericana attraverso l'elaborazione materiali di carattere culturale, linguistico e letterario utili a sviluppare strategie e progetti didattici per le scuole secondarie.
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoCULTURA FRANCESE
CodiceLE0157
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoMASTROIANNI Michele
DocentiMASTROIANNI Michele
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/03 - LETTERATURA FRANCESE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoItaliano e francese
ContenutiIntroduzione alla cultura francese attraverso la letteratura di viaggio
Testi di riferimentoTesti: i testi per l'analisi saranno forniti di volta in volta dal docente. Bibliografia: E. Kanceff, Poliopticon italiano, Genève, Slatkine (CIRVI), 1993
Obiettivi formativiComprensione e conoscenza dei testi.
PrerequisitiConoscenza della lingua francese
Metodi didatticiLezioni frontali. Analisi testuali. Traduzione Interazione continua
Altre informazioniAltre informazioni saranno fornite durante il corso.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLe domande riguarderanno il commento e la traduzione di un passo significativo di una delle opere inquadrate e analizzate durante il corso.
Programma estesoIl programma comprende lo studio dei testi indicati, con riferimento particolare ai capitoli e alle questioni di cultura letteraria che saranno presentati e discussi durante il corso. Saranno oggetto di riflessione, approfondimento e discussione alcune sezioni dei testi di viaggio indicati in bibliografia.
Risultati di apprendimento attesiCapacità di comprendere e tradurre i testi analizzati
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoCULTURA INGLESE
CodiceLE0155
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoPOMARE' DETTO MONTIN Carla
DocentiPOMARE' DETTO MONTIN Carla
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/10 - LETTERATURA INGLESE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoInglese
ContenutiTOURING CULTURES: ENGLISH LITERATURE AND THE DISCOURSES OF TOURISM
Testi di riferimentoJames Buzard, The Beaten Track: European Tourism, Literature, and the Ways to ‘Culture’ 1800-1918, Oxford, Clarendon Press, 2001 ISBN 0-19-812276-4; Luigi Marfè, Oltre la ‘fine dei viaggi’. I resoconti dell’altrove nella letteratura contemporanea, Firenze, Olschki, 2009 ISBN 978-88-222-5924-0; Tim Youngs, The Cambridge Introduction to Travel Writing, CUP, 2013 ISBN 9780521697392; Paul Fussell, Abroad: British Literary Traveling Between the Wars, OUP USA, 1982, ISBN-10 0195030680, ISBN-13 978-0195030686.
Obiettivi formativiL'insegnamento si propone di approfondire la conoscenza sincronica e diacronica della cultura e della letteratura inglese attraverso la presentazione delle modalità con cui il discorso letterario si rapporta nel XIX e XX secolo all'emergenza e allo sviluppo del turismo come pratica socialmente determinata.
PrerequisitiConoscenza della lingua inglese almeno a livello B1.
Metodi didatticiLezioni frontali e attività seminariali di lettura di testi primari
Modalità di verifica dell'apprendimentoPer sostenere l'esame è richiesta la stesura di una relazione, della lunghezza di circa 20.000 caratteri spazi inclusi, che approfondisca aspetti specifici degli argomenti trattati a lezione. L'argomento della relazione dovrà essere concordato con la docente e l'elaborato dovrà essere consegnato, in forma cartacea o tramite e-mail, almeno una settimana prima della data fissata per l'appello. La relazione concorrerà per il 50% alla determinazione del voto finale e sarà valutata sulla base di: - livello di approfondimento del contenuto; - coerenza espositiva; - correttezza espressiva (ortografica, grammaticale e sintattica); - correttezza formale (uso delle fonti, note, bibliografia, layout). L'esame orale, della durata di circa 20 minuti, comprenderà la discussione della relazione e l'accertamento della conoscenza degli argomenti/testi/autori in programma. Gli elementi che concorreranno alla valutazione della parte orale sono: - la conoscenza dei testi primari; - la conoscenza dei contesti storico-culturali relativi ai testi trattati; - l'efficacia dell'esposizione orale in termini di organizzazione del discorso, accuratezza e pertinenza delle risposte rispetto alle domande. Sarà valutata come eccellente una prova orale che dimostri: una visione organica dei temi affrontati a lezione; articolate capacità di sintesi e di analisi; ottima padronanza espressiva; capacità di elaborazione personale e critica delle tematiche trattate. Sarà valutata come discreta una prova orale che dimostri: una conoscenza per lo più meccanica e/o mnemonica della materia; linguaggio corretto ma non sempre appropriato. Sarà valutata come sufficiente una prova orale che dimostri: conoscenze minimali del programma d'esame; scarsa padronanza espressiva nell'esposizione; incapacità di formulare opinioni personali e di andare oltre il semplice riassunto delle trame nella trattazione delle opere letterarie. Sarà valutata come insufficiente una prova orale che dimostri: Importanti lacune formative, linguaggio inappropriato, incapacità di contestualizzazione, mancanza di orientamento all'interno del programma. Sarà inoltre valutata positivamente la partecipazione attiva alle lezioni.
Programma estesoIl corso prenderà in esame alcuni aspetti dell’interazione fra il discorso letterario in ambito anglofono e lo sviluppo del turismo come pratica culturale storicamente determinata, soffermandosi in particolare su: • Il modello del Grand Tour e le sue modificazioni ottocentesche (Lord Byron, Childe Harold’s Pilgrimage; Charles Dickens, Pictures from Italy) • Il ruolo giocato dal turismo nel processo di (auto)rappresentazione e costruzione dell’identità culturale (E.M. Forster, Room with a View) • Le dicotomie viaggiatore-turista, turismo-antiturismo e la nozione di autenticità ad esse connessa (Bruce Chatwin, In Patagonia) • Le forme della narrazione—resoconti di viaggio, guide turistiche, diari, pubblicazioni periodiche • Il fenomeno del turismo letterario • unità didattica 1: Il modello del Grand Tour: origini, caratteristiche, rese letterarie • unità didattica 2: L'evoluzione del Grand Tour dopo le guerre napoleoniche • unità didattica 3: Lord Byron, Childe Harold's Pilgrimage • unità didattica 4: Turismo di massa e guide turistiche: Murray e Baedeker • unità didattica 5: Charles Dickens, Pictures from Italy • unità didattica 6: Turismo e antiturismo • unità didattica 7: E.M. Forster, Room with a View • unità didattica 8: Viaggiatori e turisti nel Novecento: la fine dei viaggi? • unità didattica 9: Bruce Chatwin, In Patagonia
Risultati di apprendimento attesiAl fine di raggiungere le conoscenze e le competenze corrispondenti al livello minimo di sufficienza, allo studente si chiede di dimostrare: (CONOSCENZE) - conoscere gli snodi principali nell'evoluzione del turismo come pratica socialmente determinata - conoscere le modalità con cui il discorso letterario inglese si rapporta al fenomeno del turismo nel XIX e XX secolo (COMPETENZE) - saper analizzare e sintetizzare i testi in programma con particolare attenzione alla loro dimensione linguistica e al rapporto testo/contesto (ABILITÀ TRASVERSALI) - saper presentare in modo chiaro ed efficace conoscenze, informazioni ed opinioni relative alle tematiche trattate, utilizzando linguaggio e terminologia appropriati - saper redigere un breve saggio che approfondisca aspetti specifici degli argomenti trattati a lezione - saper condurre una ricerca bibliografica di base Per il conseguimento di un livello avanzato, lo studente deve dimostrare: - una visione organica dei temi affrontati a lezione, unita ad articolate capacità di sintesi e di analisi; - la capacità di elaborazione personale e critica delle tematiche trattate, unita a un'ottima padronanza espressiva; - la capacità di approfondire autonomamente particolari argomenti, anche oltre le indicazioni fornite e lezione e nel programma d'esame
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoCULTURA SPAGNOLA
CodiceLE0154
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoMARTIN MORAN Jose' Manuel
DocentiMARTIN MORAN Jose' Manuel
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/05 - LETTERATURA SPAGNOLA
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiLA SPAGNA CONTEMPORANEA NEI TESTI E NELLE IMMAGINI
Testi di riferimentoBibliografia consigliata: • Abrantes, Ricardo; y Fernandez, Araceli, Arte español para extranjeros, Nerea, 2012. • Calvo Serraller, Francisco, La invención del arte español, Galaxia Gutenberg, 2013. • Quesada Marco, Sebastián, Curso de civilización española, Sgel. Sociedad General Española de Librería, s.a., 2008. • Altamira, Rafael, Historia de España y de la civilización española (2 vols.), Critica, 2001.
Obiettivi formativiConoscenze e comprensione Conoscenza dei momenti e delle circostanze salienti della storia dell’identità culturale spagnola Capacità di applicare le conoscenze Elaborazione di una base culturale atta alla migliore comprensione della realtà presente della Spagna Espresione di giudizi Sviluppo della capacità di discernimento delle specificità della cultura ispanica Abilità nella comunicazione Saper esporre e argomentare il proprio giudizio su basi storico-culturali precise Capacità di studio Costituzione di un’immagine propria della storia culturale spagnola
PrerequisitiNessuno
Metodi didatticiLezioni frontali su testi e immagini Proiezioni di diapositive con testi, diagrammi, schemi e immagini
Altre informazionino
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame orale della durata di una ventina di minuti, in italiano. Alla valutazione finale concorrerà in modo paritario la preparazione dello studente sui seguenti argomenti: • Storia dell’identità culturale spagnola • Base culturale della realtà presente della Spagna • Specificità della cultura ispanica
Programma estesoTesti e immagini dell’identità culturale spagnola e della sua evoluzione nella storia, con particolare riguardo alla Spagna contemporanea. Durante il corso si affronterà l’analisi dei seguenti testi e film: Testi: • Cercas, Javier, Anatomía de un instante, Madrid, Mondadori, 2009. (Anatomia di un istante, Milano, Guanda, 2012) • Llamazares, Julio, Luna de lobos, Madrid, Cátedra, 2009. (Luna da lupi, Firenze, Passigli, 2008). • García Lorca, Federico, Bodas de sangre, a cura di A. Josephs y J. Caballero, Madrid, Cátedra, 2005. (Nozze di sangue, Venezia, Marsilio, 2013). Film: • Almodóvar, Pedro, Mujeres al borde de un ataque de nervios (1988) • Velilla, Nacho G., Perdiendo el norte (2015) • García Berlanga, Luis, Bienvenido mister Marshall (1953) • Ortiz, Paula, La novia (2015)
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoCULTURA TEDESCA
CodiceLE0156
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/13 - LETTERATURA TEDESCA
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoDIDATTICA DELLE LINGUE MODERNE SPECIALISTICHE A
CodiceL0532
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoFERRARI Stefania
DocentiFERRARI Stefania
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/02 - DIDATTICA DELLE LINGUE MODERNE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoFILOLOGIA GERMANICA
CodiceL0353
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoRAFFAGHELLO Cristina
DocentiRAFFAGHELLO Cristina
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/15 - FILOLOGIA GERMANICA
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiDefinizione e storia della disciplina. La classificazione delle lingue germaniche e le vicende storiche di cui i Germani furono protagonisti. Il germanico ricostruito (parte linguistica). La produzione letteraria delle civiltà germaniche. Gli scriptoria medievali e gli scribi. Visita all'Archivio e Biblioteca Capitolare. Lezione di riepilogo.
Testi di riferimentoVittoria Dolcetti Corazza/Renato Gendre, Moduli di Filologia germanica. 1. Filologia germanica. Ed. Dell'Orso, 2000. Durante il corso saranno distribuiti handout a supporto dell'attività didattica svolta. Gli handout saranno anche messi a disposizione in rete.
Obiettivi formativiFornire agli studenti una buona preparazione inerente alla storia e alle lingue delle popolazioni germaniche nonché alle espressioni delle loro civiltà dai punti di vista letterario, religioso e giuridico. Inoltre verranno acquisite le conoscenze dell'origine e della formazione delle lingue germaniche antiche e i loro sviluppi nelle lingue moderne.
PrerequisitiNessuno.
Metodi didatticiLezioni frontali.
Altre informazioniLa frequenza non è obbligatoria; tuttavia si raccomanda di assistere alle lezioni relative all'origine e allo sviluppo delle lingue germaniche (il germanico ricostruito) per facilitare l'apprendimento.
Modalità di verifica dell'apprendimentoA seguito della parte linguistica, saranno effettuati test di apprendimento.
Programma esteso1. Definizione e storia della disciplina (i primi studiosi che si occuparono di civiltà germaniche e i loro successori). 2. L'origine e la storia delle popolazioni germaniche. 3. La classificazione delle lingue germaniche. 4. Il passaggio da indoeuropeo a germanico e la formazione delle lingue germaniche (cambiamento d'accento; consonantismo (I e II rotazione consonantica, legge di Verner; vocalismo, vocali semplici e dittonghi, metafonia e frattura, vocali in posizione finale). 5. La morfologia il passaggio da indoeuropeo a germanico riguardo a: sostantivi, aggettivi, verbi forti e deboli, atematici e preterito-presenti. 6.Il lessico del germanico (prestiti celtici e latini; i prestiti germanici in italiano). 7.Le modalità di lavoro negli scriptoria medievali. Preparazione dei codici. 8.Visita all'Archivio e Biblioteca Capitolare: il Vercelli book e il codice di leggi longobarde. 8.Riepilogo finale.
Risultati di apprendimento attesiBuona preparazine linguistica e storico culturale inerente al mondo germanico e alle espressioni della loro civiltà.
Insegnamento mutuato daLINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0353 FILOLOGIA GERMANICA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoFILOLOGIA GERMANICA
CodiceL0353
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoRAFFAGHELLO Cristina
DocentiRAFFAGHELLO Cristina
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/15 - FILOLOGIA GERMANICA
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiDefinizione e storia della disciplina. La classificazione delle lingue germaniche e le vicende storiche di cui i Germani furono protagonisti. Il germanico ricostruito (parte linguistica). La produzione letteraria delle civiltà germaniche. Gli scriptoria medievali e gli scribi. Visita all'Archivio e Biblioteca Capitolare. Lezione di riepilogo.
Testi di riferimentoVittoria Dolcetti Corazza/Renato Gendre, Moduli di Filologia germanica. 1. Filologia germanica. Ed. Dell'Orso, 2000. Durante il corso saranno distribuiti handout a supporto dell'attività didattica svolta. Gli handout saranno anche messi a disposizione in rete.
Obiettivi formativiFornire agli studenti una buona preparazione inerente alla storia e alle lingue delle popolazioni germaniche nonché alle espressioni delle loro civiltà dai punti di vista letterario, religioso e giuridico. Inoltre verranno acquisite le conoscenze dell'origine e della formazione delle lingue germaniche antiche e i loro sviluppi nelle lingue moderne.
PrerequisitiNessuno.
Metodi didatticiLezioni frontali.
Altre informazioniLa frequenza non è obbligatoria; tuttavia si raccomanda di assistere alle lezioni relative all'origine e allo sviluppo delle lingue germaniche (il germanico ricostruito) per facilitare l'apprendimento.
Modalità di verifica dell'apprendimentoA seguito della parte linguistica, saranno effettuati test di apprendimento.
Programma esteso1. Definizione e storia della disciplina (i primi studiosi che si occuparono di civiltà germaniche e i loro successori). 2. L'origine e la storia delle popolazioni germaniche. 3. La classificazione delle lingue germaniche. 4. Il passaggio da indoeuropeo a germanico e la formazione delle lingue germaniche (cambiamento d'accento; consonantismo (I e II rotazione consonantica, legge di Verner; vocalismo, vocali semplici e dittonghi, metafonia e frattura, vocali in posizione finale). 5. La morfologia il passaggio da indoeuropeo a germanico riguardo a: sostantivi, aggettivi, verbi forti e deboli, atematici e preterito-presenti. 6.Il lessico del germanico (prestiti celtici e latini; i prestiti germanici in italiano). 7.Le modalità di lavoro negli scriptoria medievali. Preparazione dei codici. 8.Visita all'Archivio e Biblioteca Capitolare: il Vercelli book e il codice di leggi longobarde. 8.Riepilogo finale.
Risultati di apprendimento attesiBuona preparazine linguistica e storico culturale inerente al mondo germanico e alle espressioni della loro civiltà.
Insegnamento mutuato daLINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0353 FILOLOGIA GERMANICA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLABORATORIO DI SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI PER IL TURISMO
CodiceLE0151
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoSPINELLI Gianfranco
DocentiCERUTTI Stefania
CFU6
Ore di lezione36
Ore di studio individuale114
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-GGR/02 - GEOGRAFIA ECONOMICO-POLITICA
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoF - Stage e altre attività formative
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiElementi di geografia e cartografia; analisi spaziale; digitalizzazione e georeferenziazione di dati; informazione e comunicazione turistica; sistemi informativi geografici (GIS).
Testi di riferimentoDurante lo svolgimento del corso verranno distribuite le dispense delle lezioni (che saranno disponibili su Moodle). Sempre durante il corso saranno comunicati i testi di riferimento nonché i link per l’accesso ai dati ed ai software necessari alla parte pratica del corso
Obiettivi formativiIl corso intende fornire le conoscenze di base necessarie all’acquisizione, alla gestione ed all’utilizzazione dei dati geolocalizzati, che, parallelamente al rapido sviluppo delle tecnologie informatiche, hanno registrato un forte incremento in termini di quantità, affidabilità e fruibilità, rivelandosi nel contempo un potente strumento di analisi a supporto degli operatori turistici e delle attività di destination management Al termine del corso lo studente: - sarà in grado di orientarsi nel sistema di offerta di dati spaziali; - conoscerà le principali tecniche e gli strumenti per l’acquisizione e l’analisi dei dati geolocalizzati; - sarà in grado, attraverso l’utilizzazione di software GIS open source, di effettuare procedure analitiche di base applicate alla comunicazione turistica e al destination management
PrerequisitiNessuno
Metodi didatticiLezioni frontali, esercitazioni basate sul problem solving, laboratorio di cartografia.
Altre informazioniUlteriori informazioni sono disponibili sulla pagina del corso all’indirizzo: https://eco.dir.unipmn.it/
Modalità di verifica dell'apprendimentoVerifica delle conoscenze per mezzo di un test e domande chiuse Verifica di competenze e abilità tramite l’elaborazione e discussione di un progetto sistema informativo geografico applicato al turismo.
Programma estesoCosa sono i dati spaziali. La georeferenziazione dei dati. Database relazionali e geodatabase. I sistemi informativi geografici (GIS). Le fonti di dati geolocalizzati: dati istituzionali, open data, crowdsourcing. Tecniche e strumenti per l’acquisizione dei dati. Gestione di dati per l’analisi dei flussi turistici. Segmentazione del mercato e personalizzazione di contenuti e media. Web GIS e social media per il turismo.
Risultati di apprendimento attesiCapacità di acquisizione, elaborazione e comunicazione di dati e informazioni turistiche.
Insegnamento mutuato daLINGUE, CULTURE, TURISMO (A002) - LE0151 LABORATORIO DI SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI PER IL TURISMO
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLABORATORIO DI SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI PER IL TURISMO
CodiceLE0151
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoSPINELLI Gianfranco
DocentiCERUTTI Stefania
CFU6
Ore di lezione36
Ore di studio individuale114
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-GGR/02 - GEOGRAFIA ECONOMICO-POLITICA
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoF - Stage e altre attività formative
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiElementi di geografia e cartografia; analisi spaziale; digitalizzazione e georeferenziazione di dati; informazione e comunicazione turistica; sistemi informativi geografici (GIS).
Testi di riferimentoDurante lo svolgimento del corso verranno distribuite le dispense delle lezioni (che saranno disponibili su Moodle). Sempre durante il corso saranno comunicati i testi di riferimento nonché i link per l’accesso ai dati ed ai software necessari alla parte pratica del corso
Obiettivi formativiIl corso intende fornire le conoscenze di base necessarie all’acquisizione, alla gestione ed all’utilizzazione dei dati geolocalizzati, che, parallelamente al rapido sviluppo delle tecnologie informatiche, hanno registrato un forte incremento in termini di quantità, affidabilità e fruibilità, rivelandosi nel contempo un potente strumento di analisi a supporto degli operatori turistici e delle attività di destination management Al termine del corso lo studente: - sarà in grado di orientarsi nel sistema di offerta di dati spaziali; - conoscerà le principali tecniche e gli strumenti per l’acquisizione e l’analisi dei dati geolocalizzati; - sarà in grado, attraverso l’utilizzazione di software GIS open source, di effettuare procedure analitiche di base applicate alla comunicazione turistica e al destination management
PrerequisitiNessuno
Metodi didatticiLezioni frontali, esercitazioni basate sul problem solving, laboratorio di cartografia.
Altre informazioniUlteriori informazioni sono disponibili sulla pagina del corso all’indirizzo: https://eco.dir.unipmn.it/
Modalità di verifica dell'apprendimentoVerifica delle conoscenze per mezzo di un test e domande chiuse Verifica di competenze e abilità tramite l’elaborazione e discussione di un progetto sistema informativo geografico applicato al turismo.
Programma estesoCosa sono i dati spaziali. La georeferenziazione dei dati. Database relazionali e geodatabase. I sistemi informativi geografici (GIS). Le fonti di dati geolocalizzati: dati istituzionali, open data, crowdsourcing. Tecniche e strumenti per l’acquisizione dei dati. Gestione di dati per l’analisi dei flussi turistici. Segmentazione del mercato e personalizzazione di contenuti e media. Web GIS e social media per il turismo.
Risultati di apprendimento attesiCapacità di acquisizione, elaborazione e comunicazione di dati e informazioni turistiche.
Insegnamento mutuante inLINGUE, CULTURE, TURISMO (A002) - LE0151 LABORATORIO DI SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI PER IL TURISMO
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLETTERATURA FRANCESE SPECIALISTICA A
CodiceL0534
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoMASTROIANNI Michele
DocentiMASTROIANNI Michele
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/03 - LETTERATURA FRANCESE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoC - Affine o integrativo
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoFrancese.
ContenutiLa tragedia francese del Rinascimento: problemi critici.
Testi di riferimentoTesti: Calvy de La Fontaine, L'Antigone de Sophoclés, Alessandria, Edizioni dell'Orso, 2000; G. Bochetel, La tragedie d'Euripide nommee Hecuba, Alessandria, Edizioni dell'Orso, 2014; R. Garnier, Les Juifves, éd. de S. Lardon, Paris, Champion, 2004; R. Garnier, Hippolyte, éd. de J.-D. Beaudin, Paris, Classiques Garnier, 2009; Bibliografia: Ch. Mazouer, Le théâtre français de la Renaissance, Paris, Champion, 2013; M. Mastroianni, Le Antigoni sofoclee del Rinascimento francese, Firenze, Olschki, 2004; M. Mastroianni, Lungo i sentieri del tragico, Vercelli, Mercurio, 2009; La tragédie et son modèle à l'époque de la Renaissance entre France, Italie et Espagne, par M. Mastroianni, Torino, Rosenberg, 2015.
Obiettivi formativi- Comprensione e conoscenza dei testi. - Individuazione delle problematiche e discussione critica. - Rifessioni storico-filologiche; - Approfondimenti e ricerche bibliografiche individuali e guidate.
PrerequisitiBuona conoscenza della lingua francese.
Metodi didatticiLezioni frontali. Analisi testuali. Traduzione Interazione continua
Altre informazioniAltre informazioni saranno fornite durante il corso.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame orale. - Una domanda verterà sulla storia della tragedia nel Cinquecento- - Un domanda concernerà la discussione su aspetti di teoria letteraria. - Un'ultima domanda riguarderà il commento e la traduzione di un passo significativo di una delle opere inquadrate e analizzate durante il corso.
Programma estesoIl programma comprende lo studio dei testi critici di riferimento, necessari alla contestualizzazione storiografica e letteraria delle problematiche oggetto del corso. In particolare, si studieranno i problemi concernenti la poetica teatrale e le differenti tipologie di tragedia (tragedia mitologica, tragedia storica, tragédie sainte).
Risultati di apprendimento attesiCapacità di inquadramento dei testi nel contesto storico e lettura integrale di alcune tragedie
Insegnamento mutuante inFILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L0534 LETTERATURA FRANCESE SPECIALISTICA A
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L0534 LETTERATURA FRANCESE SPECIALISTICA A
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLETTERATURA INGLESE A SPECIALISTICA
CodiceL0521
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoGHOSH Ranjan
DocentiGHOSH Ranjan
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/10 - LETTERATURA INGLESE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoC - Affine o integrativo
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoEnglish
ContenutiLiterature in a Globalized World: Transcultural Readings of British Modernism
Testi di riferimentoR. Ghosh, Transcultural Poetics and the Concept of the Poet (London, New York: Routledge, 2017) R. Ghosh and J.Hillis Miller, Thinking Literature Across Continents (Durham, London: Duke University Press, 2016) T.S. Eliot, The Waste Land; “Tradition and the Individual Talent” V. Woolf, “Modern Fiction”
Obiettivi formativiKnowledge of the notion of transculturalism and of the critical debate about it. Knowledge of the main features of British Modernism. Critical understanding of the texts studied, with specific reference to their linguistic component. Ability to grasp and understand the connections between texts and contexts, using the critical and methodological tools appropriate to the analysis of critical texts. Ability to use the appropriate lexicon in English to communicate – clearly and effectively – knowledge, information and opinions related to the topics dealt with. Knowledge of the basic skills of bibliographical research. Ability to write a short essay developing specific aspects of the topics dealt with in class.
PrerequisitiEnglish B2
Metodi didatticiLectures and in-class readings of primary texts
Altre informazioniThe course will start on April 30.
Modalità di verifica dell'apprendimentoPrior to the oral exam, students are required to write a paper on a topic of their own choice. The topic must be agreed on with the teacher and the paper must be handed in at least one week before the oral exam. The oral exam (approx. 20 minutes, dates to be found on the Department website) will start with the discussion of the paper and will assess: - the knowledge of the texts/topics/authors covered in class; - the knowledge of the cultural contexts of the primary texts; - the ability to use the appropriate lexicon in English to communicate – clearly and effectively – knowledge, information and opinions; - the degree of coherence, accuracy and relevance of the student's answers.
Programma estesoUnit 1. More than Global: introduction to the notion of transculturalism (R. Ghosh, Thinking Literature across Continents) Unit 2. Trans-habit (R. Ghosh, Transcultural Poetics) Unit 3. Eliot, “Tradition and Individual Talent” Unit 4. Woolf, “Modern Fiction” Unit 5. A case study: Eliot, The Waste Land
Risultati di apprendimento attesi(KNOWLEDGE AND UNDERSTANDING) - Knowledge of the main features of British modernism and of the relevant critical debate. - Critical understanding of the texts studied, with specific reference to their linguistic component. (APPLYING KNOWLEDGE AND UNDERSTANDING) - Ability to grasp and understand the connections between texts and contexts (historical, geographical, political), using the appropriate critical and methodological tools; - Ability to use the appropriate lexicon in English to communicate - clearly and effectively - knowledge, information and opinions related to the topics dealt with; - ability to write a short essay devoted to specific aspects of the themes dealt with in class; - bibliographical skills.
Insegnamento mutuante inFILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L0521 LETTERATURA INGLESE A SPECIALISTICA - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L0521 LETTERATURA INGLESE A SPECIALISTICA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLETTERATURA NORDAMERICANA MAGISTRALE I
CodiceL1095
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoIULI Maria Cristina
DocentiIULI Maria Cristina
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/11 - LINGUE E LETTERATURE ANGLO-AMERICANE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoC - Affine o integrativo
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoInglese
ContenutiRazzismo e crisi nella letteratura americana del dopo Obama
Testi di riferimentoJesmyn Ward, Sing Unburied Sing, New York, Scribner, 2017. Colson Whitehead The Underground Railroad, New York, Anchor Books, 2016 Paul Beattie, The Sellout, New York, Farrar, Straux and Giroux, 2015 Moshed Hamin, Exit West, Moshin Amid, New York and London, Penguin Riverhead Books, 2017 Viet Than Ngu The Refugees, New York and London, Grove Atlantic, 2017 Ch. 15 of Iuli Loreto, La letteratura degli Stati Uniti dal Rinascimento Americano ai nostri giorni, Roma, Carocci 2018
Obiettivi formativiL'obiettivo del corso è fornire un'introduzione a un ampio spettro di temi e problemi trattati dal romanzo americano contemporaneo nel contesto della crisi politica, sociale (e economica) che investe la democrazia, l'identità e la rappresentazione dei conflitti razziali intensificati nell'epoca post-Obama
PrerequisitiInglese Livello B2
Metodi didatticiLezioni frontali e a carattere seminariale con partecipazione attiva degli studenti
Modalità di verifica dell'apprendimentoPer sostenere l'esame gli studenti devono redigere una relazione in lingua inglese, della lunghezza di circa 20.000 caratteri spazi inclusi, che approfondisca aspetti specifici delle letture assegnate e degli argomenti trattati a lezione. L'argomento della relazione dovrà essere concordato con la docente e l'elaborato dovrà essere consegnato tramite e-mail, almeno una settimana prima della data fissata per l'appello. La relazione concorrerà per il 70% alla determinazione del voto finale e sarà valutata sulla base di: - livello di approfondimento del contenuto; - coerenza espositiva; - correttezza espressiva (ortografica, grammaticale e sintattica); - correttezza formale (uso delle fonti, note, bibliografia, layout). Presentare, in classe, una lettura assegnata dalla docente e il proprio progetto di relazione finale secondo le indicazioni distribuite dalla docente all’inizio delle lezioni. Le presentazioni concorrono per il 30% all’attribuzione del voto finale. Il voto complessivo sarà attribuito sulla base delle seguenti caratteristiche: Eccellente: elaborato sicuro, preciso a accurata, che dimostra conoscenza dei testi e precisione nell’analisi letteraria; capacità di sintesi e di analisi; ottima padronanza espressiva; capacità di elaborazione personale e critica delle tematiche trattate. Buono-discreto: elaborato buono che dimostra buone capacità di sintesi e di analisi; conoscenza discreta del materiale assegnato; adeguata padronanza espressiva; sufficiente capacità critica. Sufficiente: elaborato approssimativo, poco analitico o vago; conoscenza o mnemonica della materia e scarsa analisi del testo; assenza di originalità di ragionamento e capacità critica; padronanza espressiva appena sufficiente. Insufficiente: elaborato che mostra insufficiente conoscenza del programma d’esame; assenza di analisi del testo (close reading), risposta vaga e/o mnemonica; linguaggio inappropriato, incapacità di contestualizzazione e di elaborazione di un discorso logico; incapacità di orientamento all’interno del materiale assegnato. Sarà considerata positivamente la partecipazione attiva alle lezioni.
Programma estesoWeek One: Introduction. American Literature in the Present Crisis; Week Two: Colson Whitehead The Underground Railroad, New York, Anchor Books, 2016 Week Three: Jesmyn Ward, Sing Unburied Sing Week Four-Five: Paul Beattie, The Sellout, New York, Farrar, Straux and Giroux, 2015 Week Six: Writing Academic Paper Lab Week Seven: Viet Than Ngu The Refugees Week Eight: Moshed Hamin, Exit West and Presentations Week Nine: Javier Zamora, "Unaccompanied", students' Presentations
Risultati di apprendimento attesiPer raggiungere gli obiettivi formativi necessari a superare l'esame gli studenti devono dimostrare di: (CONOSCENZE) - conoscere i problemi principali relativi al racconto della cristi di identità e cittadinanza nella letteratura americana contemporanea a partire dalle letture assegnate; conoscere termini fondamentali dell’analisi letteraria; conoscere i generi narrativi e le forme del romanzo americano contemporaneo, le caratteristiche stilistiche e gli elementi formali della narrazione: struttura, intreccio, caratterizzazione dei personaggi, punto di vista, voce, ecc.; (COMPETENZE) - saper analizzare e sintetizzare i testi in programma con particolare attenzione alla loro dimensione linguistica e al rapporto testo/contesto; saper comprendere e interpretare il testo; saper impostare e redigere un breve saggio in lingua inglese che approfondisca alcuni aspetti degli argomenti trattati a lezione; saper condurre una ricerca bibliografica di base. (ABILITÀ TRASVERSALI) - saper presentare in modo chiaro ed efficace conoscenze, informazioni ed opinioni relative alle tematiche trattate, utilizzando linguaggio e terminologia appropriati; saper analizzare e interpretare un racconto sulla base dell’evidenza testuale; comprendere le strutture retoriche, culturali e linguistiche della narrativa contemporanea degli Stati Uniti; introdurre una pedagogia della letteratura angloamericana attraverso l'analisi della crisi di identità e rappresentazione politica e cittadinanza, raccontata dalla narrativa contemporanea, in modo da focalizzare temi e spunti utili a sviluppare strategie e progetti didattici per le scuole secondarie.
Insegnamento mutuante inFILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L1095 LETTERATURA NORDAMERICANA MAGISTRALE I - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L1095 LETTERATURA NORDAMERICANA MAGISTRALE I - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLETTERATURA TEDESCA SPECIALISTICA A
CodiceL0511
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/13 - LETTERATURA TEDESCA
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoC - Affine o integrativo
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Insegnamento mutuante inFILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L0511 LETTERATURA TEDESCA SPECIALISTICA A - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L0511 LETTERATURA TEDESCA SPECIALISTICA A - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLETTERATURE COMPARATE MAGISTRALE
CodiceL1236
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoSINI Stefania Irene
DocentiSINI Stefania Irene
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/14 - CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiCOME E PERCHÉ LA LETTERATURA OGGI? ESPERIENZA, CORRELAZIONE, INSEGNAMENTO
Testi di riferimento1) Federico Bertoni, Letteratura. Teoria, metodi, strumenti, Roma, Carocci, 2018 2) Niccolò Scaffai, Letteratura e ecologia. Forme e modi di una relazione narrativa, Roma, Carocci, 2017 3) Un volume a scelta tra: - Stefano Calabrese, La fiction e la vita. Lettura, benessere, salute, Milano, Mimesis, 2017 Oppure - Alberto Casadei, Biologia della letteratura. Corpo, stile, storia, Milano, il Saggiatore, 2018 Oppure - Michele Cometa, Perché le storie ci aiutano a vivere. La letteratura necessaria, Milano, Cortina, 2017 Altri materiali verranno indicati durante il corso N.B. Per gli studenti frequentanti i materiali presentati sulla piattaforma DIR costituiscono parte obbligatoria da preparare per l'esame. INTEGRAZIONI PER STUDENTI NON FREQUENTANTI - un secondo saggio tra quelli a scelta nel punto 3
Obiettivi formativiobiettivi - conoscenze e comprensione: Conoscenza di alcune proposte di teoria e metodologia letteraria, con particolare attenzione alle riflessioni più recenti sul ruolo della letteratura oggi e del suo insegnamento. • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Acquisizione di alcune fondamentali nozioni di teoria ed estetica della letteratura, loro uso critico nell’analisi e nel commento di un testo e loro uso attivo e interattivo nell'insegnamento della letteratura. Acquisizione di strumenti metodologici di insegnamento di lettura, analisi e commento del testo letterario e delle forme e delle pratiche letterarie all’interno del contesto sociale e culturale contemporaneo. Acquisizione della capacità di confrontare e di insegnare a confrontare opere di letterature differenti contestualizzandole storicamente, geograficamente e culturalmente, e identificandone le diverse organizzazioni dell’intreccio, i sistemi dei personaggi, oltre che i principali connotati di genere e stile. • obiettivi - espressione di giudizi: Valutazione dell’opera in quanto oggetto estetico stratificato da considerarsi nel suo contesto d’origine, nei suoi principali elementi strutturali e compositivi, nei suoi legami con le opere di altre tradizioni letterarie e nella sua vitalità storica e interculturale. Valutazione critica delle differenti metodologie di teoria della letteratura e di didattica della letteratura con particolare attenzione alle proposte più recenti. • obiettivi - abilità nella comunicazione: Saper presentare con chiarezza ed efficacia argomentativa, avvalendosi della terminologia adeguata, i risultati delle letture svolte a un interlocutore singolo o pubblico. • obiettivi - capacità di studio: Saper leggere e analizzare un’opera letteraria, riconoscendone l’appartenenza storica, le strategie espressive e le tecniche caratterizzanti
PrerequisitiConoscenza acquisita nel triennio della storia della letteratura italiana, europea ed extra-europea; nozioni di base di critica e teoria della letteratura
Metodi didatticiLezioni frontali, lettura e analisi dei testi, discussioni. Gli studenti che lo desiderano possono, da soli o in gruppo, presentare alla classe un testo o una parte del programma. Si userà la piattaforma DIR (Didattica in Rete)
Altre informazioniSi richiede Pc e videoproiettore
Modalità di verifica dell'apprendimentoScritto o orale a scelta. L'esame sia in forma orale, sia in forma scritta, comprende 1) una o più domande di carattere teorico-metodologico, riguardante i testi sulla teoria della letteratura e gli strumenti metodologici, 2) analisi, interpretazione e commento di un brano tratto da un testo letterario esaminato nei saggi in programma o (per gli studenti frequentanti) analizzati in classe. Allo studente si chiede dunque di dimostrare: 1. CONOSCENZE Conoscenza di alcune proposte di teoria e metodologia letteraria, con particolare attenzione alle riflessioni più recenti sul ruolo della letteratura oggi e del suo insegnamento. 2. COMPETENZE Acquisizione di alcune fondamentali nozioni di teoria ed estetica della letteratura, loro uso critico nell’analisi e nel commento di un testo e loro uso attivo e interattivo nell'insegnamento della letteratura. Acquisizione di strumenti metodologici di insegnamento di lettura, analisi e commento del testo letterario e delle forme e delle pratiche letterarie all’interno del contesto sociale e culturale contemporaneo. 3. ABILITÀ TRASVERSALI Saper presentare con chiarezza ed efficacia argomentativa, avvalendosi della terminologia adeguata, i risultati delle letture svolte . In particolare verrà dato il seguente peso alla verifica del predetti raggiungimento degli obiettivi formativi: 1. 40%; 2. 40%; 3. 20%. N.B. La valutazione dell'esame scritto comprenderà la correttezza grammaticale (ortografia, morfologia, sintassi).
Risultati di apprendimento attesiAl fine di raggiungere le conoscenze e le competenze corrispondenti al livello minimo di sufficienza, allo studente si chiede di dimostrare: 1. CONOSCENZE Conoscenza di alcune proposte di teoria e metodologia letteraria, con particolare attenzione alle riflessioni più recenti sul ruolo della letteratura oggi e del suo insegnamento. 2. COMPETENZE Acquisizione di alcune fondamentali nozioni di teoria ed estetica della letteratura, loro uso critico nell’analisi e nel commento di un testo e loro uso attivo e interattivo nell'insegnamento della letteratura. Acquisizione di strumenti metodologici di insegnamento di lettura, analisi e commento del testo letterario e delle forme e delle pratiche letterarie all’interno del contesto sociale e culturale contemporaneo. 3. ABILITÀ TRASVERSALI Saper presentare con chiarezza ed efficacia argomentativa, avvalendosi della terminologia adeguata, i risultati delle letture svolte . Per il conseguimento di un livello avanzato, lo studente deve dimostrare: - una visione organica dei temi affrontati a lezione, unita ad articolate capacità di sintesi e di analisi; - la capacità di elaborazione personale e critica delle tematiche trattate, unita a un'ottima padronanza espressiva; - la capacità di approfondire autonomamente particolari argomenti, anche oltre le indicazioni fornite e lezione e nel programma d'esame.
Insegnamento mutuato daLINGUE, CULTURE, TURISMO (A002) - L1236 LETTERATURE COMPARATE MAGISTRALE - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLETTERATURE COMPARATE MAGISTRALE
CodiceL1236
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoSINI Stefania Irene
DocentiSINI Stefania Irene
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/14 - CRITICA LETTERARIA E LETTERATURE COMPARATE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiCOME E PERCHÉ LA LETTERATURA OGGI? ESPERIENZA, CORRELAZIONE, INSEGNAMENTO
Testi di riferimento1) Federico Bertoni, Letteratura. Teoria, metodi, strumenti, Roma, Carocci, 2018 2) Niccolò Scaffai, Letteratura e ecologia. Forme e modi di una relazione narrativa, Roma, Carocci, 2017 3) Un volume a scelta tra: - Stefano Calabrese, La fiction e la vita. Lettura, benessere, salute, Milano, Mimesis, 2017 Oppure - Alberto Casadei, Biologia della letteratura. Corpo, stile, storia, Milano, il Saggiatore, 2018 Oppure - Michele Cometa, Perché le storie ci aiutano a vivere. La letteratura necessaria, Milano, Cortina, 2017 Altri materiali verranno indicati durante il corso N.B. Per gli studenti frequentanti i materiali presentati sulla piattaforma DIR costituiscono parte obbligatoria da preparare per l'esame. INTEGRAZIONI PER STUDENTI NON FREQUENTANTI - un secondo saggio tra quelli a scelta nel punto 3
Obiettivi formativiobiettivi - conoscenze e comprensione: Conoscenza di alcune proposte di teoria e metodologia letteraria, con particolare attenzione alle riflessioni più recenti sul ruolo della letteratura oggi e del suo insegnamento. • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Acquisizione di alcune fondamentali nozioni di teoria ed estetica della letteratura, loro uso critico nell’analisi e nel commento di un testo e loro uso attivo e interattivo nell'insegnamento della letteratura. Acquisizione di strumenti metodologici di insegnamento di lettura, analisi e commento del testo letterario e delle forme e delle pratiche letterarie all’interno del contesto sociale e culturale contemporaneo. Acquisizione della capacità di confrontare e di insegnare a confrontare opere di letterature differenti contestualizzandole storicamente, geograficamente e culturalmente, e identificandone le diverse organizzazioni dell’intreccio, i sistemi dei personaggi, oltre che i principali connotati di genere e stile. • obiettivi - espressione di giudizi: Valutazione dell’opera in quanto oggetto estetico stratificato da considerarsi nel suo contesto d’origine, nei suoi principali elementi strutturali e compositivi, nei suoi legami con le opere di altre tradizioni letterarie e nella sua vitalità storica e interculturale. Valutazione critica delle differenti metodologie di teoria della letteratura e di didattica della letteratura con particolare attenzione alle proposte più recenti. • obiettivi - abilità nella comunicazione: Saper presentare con chiarezza ed efficacia argomentativa, avvalendosi della terminologia adeguata, i risultati delle letture svolte a un interlocutore singolo o pubblico. • obiettivi - capacità di studio: Saper leggere e analizzare un’opera letteraria, riconoscendone l’appartenenza storica, le strategie espressive e le tecniche caratterizzanti
PrerequisitiConoscenza acquisita nel triennio della storia della letteratura italiana, europea ed extra-europea; nozioni di base di critica e teoria della letteratura
Metodi didatticiLezioni frontali, lettura e analisi dei testi, discussioni. Gli studenti che lo desiderano possono, da soli o in gruppo, presentare alla classe un testo o una parte del programma. Si userà la piattaforma DIR (Didattica in Rete)
Altre informazioniSi richiede Pc e videoproiettore
Modalità di verifica dell'apprendimentoScritto o orale a scelta. L'esame sia in forma orale, sia in forma scritta, comprende 1) una o più domande di carattere teorico-metodologico, riguardante i testi sulla teoria della letteratura e gli strumenti metodologici, 2) analisi, interpretazione e commento di un brano tratto da un testo letterario esaminato nei saggi in programma o (per gli studenti frequentanti) analizzati in classe. Allo studente si chiede dunque di dimostrare: 1. CONOSCENZE Conoscenza di alcune proposte di teoria e metodologia letteraria, con particolare attenzione alle riflessioni più recenti sul ruolo della letteratura oggi e del suo insegnamento. 2. COMPETENZE Acquisizione di alcune fondamentali nozioni di teoria ed estetica della letteratura, loro uso critico nell’analisi e nel commento di un testo e loro uso attivo e interattivo nell'insegnamento della letteratura. Acquisizione di strumenti metodologici di insegnamento di lettura, analisi e commento del testo letterario e delle forme e delle pratiche letterarie all’interno del contesto sociale e culturale contemporaneo. 3. ABILITÀ TRASVERSALI Saper presentare con chiarezza ed efficacia argomentativa, avvalendosi della terminologia adeguata, i risultati delle letture svolte . In particolare verrà dato il seguente peso alla verifica del predetti raggiungimento degli obiettivi formativi: 1. 40%; 2. 40%; 3. 20%. N.B. La valutazione dell'esame scritto comprenderà la correttezza grammaticale (ortografia, morfologia, sintassi).
Risultati di apprendimento attesiAl fine di raggiungere le conoscenze e le competenze corrispondenti al livello minimo di sufficienza, allo studente si chiede di dimostrare: 1. CONOSCENZE Conoscenza di alcune proposte di teoria e metodologia letteraria, con particolare attenzione alle riflessioni più recenti sul ruolo della letteratura oggi e del suo insegnamento. 2. COMPETENZE Acquisizione di alcune fondamentali nozioni di teoria ed estetica della letteratura, loro uso critico nell’analisi e nel commento di un testo e loro uso attivo e interattivo nell'insegnamento della letteratura. Acquisizione di strumenti metodologici di insegnamento di lettura, analisi e commento del testo letterario e delle forme e delle pratiche letterarie all’interno del contesto sociale e culturale contemporaneo. 3. ABILITÀ TRASVERSALI Saper presentare con chiarezza ed efficacia argomentativa, avvalendosi della terminologia adeguata, i risultati delle letture svolte . Per il conseguimento di un livello avanzato, lo studente deve dimostrare: - una visione organica dei temi affrontati a lezione, unita ad articolate capacità di sintesi e di analisi; - la capacità di elaborazione personale e critica delle tematiche trattate, unita a un'ottima padronanza espressiva; - la capacità di approfondire autonomamente particolari argomenti, anche oltre le indicazioni fornite e lezione e nel programma d'esame.
Insegnamento mutuante inLINGUE, CULTURE, TURISMO (A002) - L1236 LETTERATURE COMPARATE MAGISTRALE - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - LE0116 LETTERATURA ITALIANA MAGISTRALE II - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - LE0116 LETTERATURA ITALIANA MAGISTRALE II - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - LE0117 LETTERATURA ITALIANA MAGISTRALE II - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - LE0117 LETTERATURA ITALIANA MAGISTRALE II - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLINGUA FRANCESE II
CodiceL1198
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoAUDEOUD Laurence
DocentiAUDEOUD Laurence, VITRONI Laurence, VIALATTE Elsa Huguette Marlene
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LE0043 LINGUISTICA FRANCESE A L-LIN/04 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA FRANCESE AUDEOUD Laurence
LE0039 LINGUA FRANCESE A ESERCITAZIONI II ANNO L-LIN/04 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA FRANCESE AUDEOUD Laurence, VITRONI Laurence, VIALATTE Elsa Huguette Marlene
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUISTICA FRANCESE A
CodiceLE0043
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoAUDEOUD Laurence
DocentiAUDEOUD Laurence
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/04 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA FRANCESE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Lingua di insegnamentoITALIANO, FRANCESE
ContenutiLE LEXIQUE FRANÇAIS: UNE APPROCHE DIACHRONIQUE ET MORPHOLOGIQUE
Testi di riferimentoPer gli studenti iscritti al corso di studio triennale in Lingue Straniere Moderne: Henriette Walter, "Le français dans tous les sens", Paris, Laffont, 1988 (da procurarsi). - Jean-Benoit Nadeau, Julie Barlow, "Le français, quelle histoire", SW Télémaque, 2011. - Hélène Huot, "La morphologie", Paris, A. Colin, 2005 - Per gli studenti non frequentanti iscritti nella Laurea triennale in LSM: A. Lehmann & F. Martin-Berthet, "Lexicologie, morphologie et lexicographie", Paris, Armand Colin Cursus, 2013. Per gli studenti iscritti al corso di studio magistrale in Lingue Culture Turismo (LM49) : Domitille Hatuel, "Tourisme en action", ELI- La Spiga, 2015 (da procurarsi).
Obiettivi formativiIl corso si propone di arricchire il bagaglio lessicale dello studente, permettere un utilizzo più duttile dell’espressione scritta in francese, generare una riflessione sui fenomeni fonologici, nonché consapevolezza dei meccanismi morfologici in atto nella creazione del lessico francese, in una prospettiva sia diacronica sia sincronica.
PrerequisitiSuperamento dell'esame di Lingua francese esercitazioni I anno per gli studenti iscritti in LSM o livello di competenza linguistica B1 del Cadre Européen de Référence per gli studenti iscritti in LCT.
Metodi didatticiLezioni frontali, con supporto di documenti audiovisivi.
Altre informazioniIl servizio DIR fornirà programma dettagliato, istruzioni per il lavoro obbligatorio, esempi di prove d'esame, schede di esercizi, correzioni, materiale didattico, registro delle lezioni.
Modalità di verifica dell'apprendimentoProva scritta e prova orale separate. La prova scritta verte su questioni di morfologia (test su 120 punti, voto su 30); la prova orale (voto su 30), verte, per gli studenti della laurea triennale in Lingue Straniere Moderne, sulla lettura critica dei capitoli 1 e 5 del saggio di H. Walter "Le français dans tous les sens" (v. bibliografia), e su questioni trattate durante il corso. Per gli studenti iscritti alla laurea magistrale in Lingue Culture Turismo (Laurea 49), verte invece sulla lettura critica del manuale di D. Hatuelle, "Tourisme en action" (v. bibliografia). Un lavoro obbligatorio verrà assegnato a tutti gli studenti all'inizio del corso. Il voto finale è costituito dalla media delle due prove. Saranno reperibili su DIR informazioni dettagliate riguardanti la modalità delle verifiche, materiale attinente alle attività svolte nel corso, nonché esempi di prove scritte.
Programma estesoIl modulo si propone, in una prima sequenza didattica, di osservare e spiegare i meccanismi morfologici in atto nella creazione del lessico francese, in una seconda sequenza, di riflettere su vari fenomeni fonologici e semantici. Dopo una presentazione di tipo diacronico del lessico francese, verranno presi in esame i punti seguenti: il fenomeno dei “doublets”, che testimonia la coesistenza di un processo di formazione popolare e dotto; l’antonomasia; la formazione della parola composta, sia di natura popolare che di origine greco-latina, ivi comprese le forme ibride;la derivazione (préfixation, suffixation, dérivés parasynthétiques, nominalisation à suffixe zéro, verbes factitifs et fréquentatifs). A questa parte di lessicologia farà seguito una riflessione sui fenomeni dell’omografia, omofonia, omonimia e paronomasia. Il corpus illustrativo sarà costituito da brani tratti dal musical "Notre Dame de Paris", ad opera di L. Plamodon e R. Cocciante, tratto dal romanzo omonimo di Victor Hugo, nonché sequenze di vari adattamenti cinematografici del romanzo.
Risultati di apprendimento attesi• conoscenze e comprensione: Conoscere le grandi tappe storiche della creazione e dell'evoluzione del lessico francese. Essere in grado di riflettere su vari fenomeni fonologici e semantici, distinguere i vari meccanismi morfologici in atto nella creazione del lessico francese. • capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Individuare e collocare nella giusta tipologia descrittiva, in un corpus orale o scritto, i fenomeni linguistici analizzati. Dare la definizione dei fenomeni linguistici trattati durante il corso e proporne esempi pertinenti • espressione di giudizi: Essere capace di formulare conclusioni personali riguardo alla creazione e all'evoluzione del lessico francese, anche in una prospettiva comparatista rispetto all'italiano. • abilità nella comunicazione: Essere in grado di presentare in modo sintetico le caratteristiche principali della costruzione e dell'evoluzione del lessico francese, utilizzando nel modo adeguato la terminologia acquisita. • capacità di studio: Leggere in modo autonomo e con senso critico il testo da procurarsi (ved. bibliografia). Usare DIR in modo autonomo e costante. Svolgere gli esercizi di applicazione assegnati durante il corso nonché il lavoro obbligatorio in vista della prova orale.
Insegnamento mutuato daLINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - LE0043 LINGUISTICA FRANCESE A - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUA FRANCESE A ESERCITAZIONI II ANNO
CodiceLE0039
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoAUDEOUD Laurence
DocentiAUDEOUD Laurence, VITRONI Laurence, VIALATTE Elsa Huguette Marlene
CFU6
Ore di studio individuale54
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/04 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA FRANCESE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoAnnuale
Sedi e/o partizioni
Gruppo A
Gruppo B
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUA FRANCESE A ESERCITAZIONI II ANNO
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoAUDEOUD Laurence
DocentiAUDEOUD Laurence, VITRONI Laurence
Tipo di insegnamentoGruppi
Anno1
PartizioneGruppo A
Lingua di insegnamentoFrancese
ContenutiLINGUA FRANCESE ESERCITAZIONI II
Testi di riferimentoProsecuzione del manuale adoperato per Lingua francese esercitazioni I: Françoise Bidaud, "La nouvelle grammaire du français pour italophones", Torino, Utet, 2008. Per gli studenti non frequentanti: V. Bazou, C. Brillant, R. Racine, J. Schenker, "Le Nouvel Edito B2", Livre + CD + DVD, Paris, Didier, 2010
Obiettivi formativiIn conformità con il Quadro di Riferimento Europeo al livello B2, adattato alle esigenze del corso universitario.
PrerequisitiPer gli studenti iscritti al secondo anno del Corso di Studio triennale in Lingue straniere Moderne: superamento dell'esame di Lingua francese esercitazioni I, livello B1 del Cadre Européen Commun de Référence. Per gli studenti iscritti nella laurea magistrale in Lingue Culture Turismo: livello A2 del Cadre Européen Commun de Référence (il livello di competenza linguistica degli studenti iscritti in LCT verrà valutato nel colloquio preliminare previsto)
Metodi didatticiLezioni frontali con supporto di strumenti audiovisivi. Attivazione area DIR.
Altre informazioniIl servizio DIR fornirà programma dettagliato, istruzioni per il lavoro obbligatorio, esempi di prove d'esame, schede di esercizi, correzioni, materiale didattico. La collocazione degli studenti nel corso A e B verrà effettuata ad inizio corso. Il corso B prevede un rafforzamento e un riallineamento, ed è prevalentemente dedicato agli studenti che devono colmare eventuali lacune riguardo alla piena acquisizione del livello di competenza B1 del Framework, da raggiungere alla fine del corso di esercitazioni francese I. Importante: Gli studenti iscritti al corso Magistrale in Lingue Culture Turismo (LM49) che hanno optato per il corso di lingua francese esercitazioni II del triennio vengono automaticamente inseriti nel corso B.
Modalità di verifica dell'apprendimentoProva scritta e prova orale separate. Prima prova scritta : test di grammatica (/30). E' necessario superare la prova di grammatica con un voto minimo di 18/30 per accedere alla seconda prova scritta (dettato / 10; comprensione-espressione / 20). Il voto globale della prova scritta corrisponde alla media delle due prove scritte ed è necessario ottenere almeno 18/30 per presentarsi alla prova orale. La prova orale consiste nella presentazione del lavoro obbligatorio monitorato durante l'anno accademico. I punti supplementari conferiti al termine della prova orale possono essere al massimo 3.
Programma esteso1. Studio della morfosintassi livello II 2. Espressione / comprensione scritta e orale livello II 3. Approfondimento della fonologia, preparazione alla prova del dettato livello II, studio di idiomatismi. Coordinamento della trascrizione di reportages audiovisivi, svolta dallo studente, attività obbligatoria per sostenere la prova orale.
Insegnamento mutuato daLINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - LE0039 LINGUA FRANCESE A ESERCITAZIONI II ANNO - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUA FRANCESE A ESERCITAZIONI II ANNO
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoAUDEOUD Laurence
DocentiAUDEOUD Laurence, VIALATTE Elsa Huguette Marlene
Tipo di insegnamentoGruppi
Anno1
PartizioneGruppo B
Lingua di insegnamentoFRANCESE
ContenutiVed. Lingua francese esercitazioni II gruppo A
Insegnamento mutuato daLINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - LE0039 LINGUA FRANCESE A ESERCITAZIONI II ANNO - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLINGUA FRANCESE MAGISTRALE I
CodiceLE0022
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoAUDEOUD Laurence
DocentiAUDEOUD Laurence, PERRIN Anne Francoise
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LE0049 LINGUA FRANCESE ESERCITAZIONI SPECIALISTICA L-LIN/04 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA FRANCESE AUDEOUD Laurence, PERRIN Anne Francoise
LE0050 LINGUISTICA FRANCESE SPECIALISTICA A L-LIN/04 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA FRANCESE AUDEOUD Laurence
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUA FRANCESE ESERCITAZIONI SPECIALISTICA
CodiceLE0049
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoAUDEOUD Laurence
DocentiAUDEOUD Laurence, PERRIN Anne Francoise
CFU6
Ore di studio individuale54
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/04 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA FRANCESE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
Lingua di insegnamentoFrancese
ContenutiLINGUA FRANCESE ESERCITAZIONI MAGISTRALE
Testi di riferimentoJean Profit, "Résumé de texte Note de synthèse - Mode d'emploi", édition revue et augmentée, Ed. Critique sociale, 2008, ISBN 978-2-85008-707-3, 11 euro.
PrerequisitiCompetenza linguistica di livello B2 - C1.1 del Framework
Metodi didatticiLezioni frontali
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame scritto (durata 4 ore) 1. Riassunto di un articolo / brano di saggio in lingua francese 2. Elaborato scritto, sulla base di un dossier tematico fornito in sede di esame, attinente ad uno degli argomenti trattati durante il corso. Esame orale (15 min.): presentazione di una ricerca attinente ad uno degli argomenti trattati durante il corso.
Programma esteso1. Preparazione alla tecnica del riassunto di un testo di saggistica in lingua francese nonché alla comprensione di dossiers di attualità. 2. Preparazione alla tecnica della dissertation (types de plans, enchainement des paragraphes, introduction, conclusion). 3. Perfezionamento della produzione scritta (uso consapevole dei connettori logici nonché dei vari registri espressivi); ripasso di alcuni punti grammaticali mirati. 4. Preparazione alla tecnica dell'esposizione orale (relazione di circa 15 minuti).
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUISTICA FRANCESE SPECIALISTICA A
CodiceLE0050
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoAUDEOUD Laurence
DocentiAUDEOUD Laurence
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/04 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA FRANCESE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoFRANCESE
ContenutiLa langue française dans les espaces francophones: variations diatopiques, expressions culturelles.
Testi di riferimentoAlain Rey, "L'amour du français", Paris, Denoel, 2007 (da procurarsi). Alain Rey, "Mille ans de Langue française", Paris, Perrin, 2007; Claude Hagège, "Combat pour le français", Paris, Odile Jacob, 2008.
Obiettivi formativi• obiettivi - conoscenze e comprensione : Conoscere la mappa della Francophonia e le radici storiche dell'uso del francese nelle zone francofone, nonché le politiche linguistiche legate ad esso. Capire il concetto di variazione diatopica, ed i fenomeni linguistici inerenti a questa variazione linguistica nei paesi francofoni. Riflettere sul concetto di stereotipo culturale e linguistico. - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Individuare e collocare nella giusta tipologia descrittiva i fenomeni linguistici analizzati, a livello fonologico, morfosintattico e lessicale. Dare la definizione dei fenomeni linguistici presentati e proporne esempi pertinenti. Analizzare un corpus orale o scritto con l’aiuto degli strumenti analitici acquisiti durante il corso. - espressione di giudizi: Esprimere giudizi e trarre conclusioni personali sulla variazione diatopica nei paesi francofoni e sugli stereotipi culturali e linguistici. - abilità nella comunicazione: Utilizzare con scioltezza la lingua francese e la terminologia adeguata per discutere, sia nella prova scritta sia nella prova orale, questioni inerenti agli argomenti trattati nel corso, nonché per procedere allo spoglio di un corpus. - capacità di studio: Leggere con profitto e senso critico i testi teorici assegnati e i documenti forniti. Usare DIR in modo autonomo e costante. Svolgere in modo autonomo gli esercizi di applicazione assegnati durante il corso nonché la relazione obbligatoria in vista della prova orale.
PrerequisitiLivello di competenza B2-C1 del Cadre Européen Commun de Référence.
Metodi didatticiLezioni frontali con l'ausilio di supporti audiovisi.
Altre informazioniIl servizio DIR fornirà programma dettagliato, modalità della prova scritta e della prova orale, istruzioni per il lavoro obbligatorio, esempi di prove d'esame, materiale didattico, registro delle lezioni.
Modalità di verifica dell'apprendimentoProva scritta e prova orale separate. Strutturazione della prova scritta: 10 punti per 10 domande a risposta aperta su argomenti attinenti al programma; 10 punti per l'analisi di un testo critico; 10 punti per una questione di argomentazione. E' necessario superare la prova scritta con un minimo di 18/30 per accedere alla prova orale (voto espresso in trentesimi).Modalità della prova orale: discussione dell'elaborato e presentazione della ricerca obbligatoria svolta dallo studente (10 pagine circa, formato word), corretta dal docente prima della prova orale (a scelta, una variazione diatopica nella Francia metropolitana). Il voto finale consiste nella media tra il voto della prova scritta e quello della prova orale.
Programma estesoIl modulo si propone, in una prima fase, di fare luce sul concetto di “francophonie”, tirando le somme dei primi quarant’anni di vita dell’Organisation Internationale de la Francophonie (nascita, fondatori, evoluzione, obiettivi, progetti), nonché di presentare, in una prospettiva diacronica, l'estensione della lingua francese oltre le frontiere della Francia, in una seconda fase, di presentare svariate manifestazioni linguistiche nello spazio francofono, in particolar modo a livello fonologico e lessicale, per delineare i contorni di una lingua francese ricca di neologismi semantici e morfologici nonché espressioni idiomatiche provenienti dall’Africa, dal Belgio e dal Québec, studiate in corpora di varia natura, a sottolineare l'ancoraggio socioculturale della variazione diatopica. I corpora analizzati saranno di varia natura (estratti di film, canzoni, sketch, brani di romanzi e poesie).
Risultati di apprendimento attesiApprofondimento della competenza linguistica (livello C1) con un'attenzione particolare alla comprensione orale in un contesto di variazione diatopica. Maggiore consapevolezza delle variazioni linguistiche e delle loro implicazioni sociali. Buona capacità critica nell'affrontare il tema della diversità e della eterogeneità della lingua francese nonché degli stereotipi culturali. Capacità di applicare le conoscenze acquisite nella progettazione di attività didattiche in un contesto FLE.
Insegnamento mutuante inLINGUE, CULTURE, TURISMO (A002) - LE0026 LINGUISTICA FRANCESE SPECIALISTICA B - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLINGUA INGLESE MAGISTRALE I
CodiceLE0021
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoFORMENTELLI Maicol
DocentiLERTOLA Jennifer, RIDINGER Gayle Mary, FORMENTELLI Maicol, DELLA CHIARA Sandra
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LE0051 LINGUISTICA INGLESE SPECIALISTICA A L-LIN/12 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA INGLESE LERTOLA Jennifer
LE0052 LINGUA INGLESE ESERCITAZIONI SPECIALISTICA L-LIN/12 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA INGLESE FORMENTELLI Maicol, RIDINGER Gayle Mary, DELLA CHIARA Sandra
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUISTICA INGLESE SPECIALISTICA A
CodiceLE0051
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoLERTOLA Jennifer
DocentiLERTOLA Jennifer
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/12 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA INGLESE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Lingua di insegnamentoInglese
ContenutiAnalysing audiovisual discourse: linguistic insights
Testi di riferimentoFreddi, M., & Pavesi, M. (2009). Analysing Audiovisual Dialogue. Linguistic and Translational Insights. Bologna: CLUEB. (CAPITOLI SELEZIONATI) Pavesi, M. (2005). La traduzione filmica. Tratti del parlato doppiato dall’inglese all’italiano. Roma: Carocci. (CAPITOLI SELEZIONATI) Pavesi, M., Formentelli M., & Ghia E. (Eds.) (2014) The Languages of Dubbing: Mainstream Audiovisual Translation in Italy. Bern: Peter Lang. (CAPITOLI SELEZIONATI) Perego, E. (2005). La traduzione audiovisiva. Roma: Carocci. (CAPITOLI SELEZIONATI) Ranzato, I., Zanotti, S. (Eds.). (2018). Linguistic and Cultural Representation in Audiovisual Translation. New York and London: Routledge. (CAPITOLI SELEZIONATI) Altre indicazioni bibliografiche verranno fornite a lezione e saranno disponibili su DIR.
Obiettivi formativiCapacità di utilizzare il lessico specifico, gli strumenti e le nozioni acquisite durante il corso nell’analisi di testi audiovisivi. Capacità di eseguire un’analisi contrastiva inglese-italiano.
Metodi didatticiLezioni frontali, analisi di testi audiovisivi, materiale audiovisivo e materiale su DIR.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame orale. L'esame prevede la risposta in inglese ad alcuni quesiti di natura teorica e lo svolgimento di alcuni esercizi di analisi contrastiva inglese-italiano.
Programma estesoIl corso prenderà in esame il parlato filmico, che presenta tratti linguistici specifici che non coincidono con quelli del parlato spontaneo. Si farà riferimento ad aspetti specifici del parlato filmico inglese doppiato in italiano, con particolare attenzione ad aspetti morfosintattici e lessicali. Prendendo in esame estratti di prodotti audiovisivi in lingua inglese si analizzeranno gli adattamenti in italiano per la versione sottotitolata e doppiata. Inoltre, si considererà l’efficacia della traduzione audiovisiva come metodologia didattica innovativa per l’apprendimento dell’inglese come lingua straniera con l’uso delle nuove tecnologie.
Risultati di apprendimento attesiConoscenza e comprensione: conoscere i principi teorici e i metodi per svolgere un’analisi del parlato filmico inglese Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: saper analizzare testi audiovisivi nelle loro componenti linguistiche Autonomia di giudizi: formulare giudizi di valutazione su aspetti linguistici a vari livelli Abilità comunicative: sapersi servire in modo coerente e appropriato della specifica terminologia scientifica Capacità di apprendimento: coniugare l’apprendimento di nozioni astratte con l’osservazione diretta di dati empirici
Insegnamento mutuante inLINGUE, CULTURE, TURISMO (A002) - LE0025 LINGUISTICA INGLESE SPECIALISTICA B - VERCELLI
LINGUE, CULTURE, TURISMO (A002) - LE0025 LINGUISTICA INGLESE SPECIALISTICA B - VERCELLI
LINGUE, CULTURE, TURISMO (A002) - LE0051 LINGUISTICA INGLESE SPECIALISTICA A - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUA INGLESE ESERCITAZIONI SPECIALISTICA
CodiceLE0052
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoFORMENTELLI Maicol
DocentiRIDINGER Gayle Mary, FORMENTELLI Maicol, DELLA CHIARA Sandra
CFU6
Ore di studio individuale54
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/12 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA INGLESE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoAnnuale
Sedi e/o partizioni
Gruppo A
Gruppo B
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUA INGLESE ESERCITAZIONI SPECIALISTICA
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoFORMENTELLI Maicol
DocentiRIDINGER Gayle Mary, FORMENTELLI Maicol
Tipo di insegnamentoGruppi
Anno1
PartizioneGruppo A
Lingua di insegnamentoInglese
ContenutiLINGUA INGLESE ESERCITAZIONI SPECIALISTICA (GENERAL ENGLISH)
Testi di riferimentoR. Spack, THE INTERNATIONAL STORY: an Anthology with Guidelines for Reading and Writing about Fiction, student’s book, Cambridge University Press. ISBN 978-0-52165797-6. C. Taylor, LANGUAGE TO LANGUAGE, A Practical and Theoretical Guide for Italian/English Translators, Cambridge University Press. ISBN-10: 0521597234 or more recently ISBN-13: 9780521597234. Ulteriore materiale su traduzione letteraria, traduzione giornalistica e stile, e altro saranno messi a disposizione degli studenti su DIR e costituiranno parte integrante del corso da portare all'esame.
Obiettivi formativiIn conformità con il Quadro di Riferimento Europeo al livello C2, adattato alle esigenze universitarie e al dominio culturale del curriculum specifico.
PrerequisitiConoscenza adeguata della lingua inglese (livello C1 del Quadro Europeo di Riferimento)
Metodi didatticiLezioni frontali, esercitazioni pratiche, studio individuale.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame finale è diviso in tre parti: 1- Traduzione (translation). Agli studenti sarà richiesta la traduzione italiano-inglese e inglese-italiano di testi letterari o giornalistici. Gli studenti dovranno inoltre analizzare un breve testo mettendo in risalto le problematiche relative al processo traduttivo, alle rese stilistiche, lessicali e grammaticali nel passaggio dalla lingua di partenza alla lingua d’arrivo. 2- Prova di scrittura (interpretative essay). La prova prevede la scrittura di un saggio critico/interpretativo di commento a un racconto letterario fornito agli studenti durante l’esame. 3- Prova orale (oral). Gli studenti dovranno essere in grado di discutere le principali problematiche relative alla traduzione partendo dai testi analizzati in classe. - Il voto finale è il risultato della media dei voti ottenuti nelle singole prove (in trentesimi). - Per superare l’esame finale ogni studente deve ottenere un voto sufficiente (18 o >18) in tutte le prove. - Le prove vanno sostenute nello stesso appello, pena annullamento delle prove stesse.
Programma estesoIl programma è diviso in due parti: 1- Aspetti legati alla teoria e pratica della traduzione letteraria e giornalistica; 2- Elementi di stilistica e struttura del testo per la composizione di saggi interpretativi.
Risultati di apprendimento attesiIn conformità con il Quadro di Riferimento Europeo al livello C2, adattato alle esigenze universitarie e al dominio culturale del curriculum specifico.
Insegnamento mutuante inLINGUE, CULTURE, TURISMO (A002) - LE0052 LINGUA INGLESE ESERCITAZIONI SPECIALISTICA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUA INGLESE ESERCITAZIONI SPECIALISTICA
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoFORMENTELLI Maicol
DocentiDELLA CHIARA Sandra, FORMENTELLI Maicol
Tipo di insegnamentoGruppi
Anno1
PartizioneGruppo B
Lingua di insegnamentoInglese
ContenutiLINGUA INGLESE ESERCITAZIONI SPECIALISTICA (BUSINESS ENGLISH)
Testi di riferimentoMirella Ravecca, New Travelmate - English for Tourism (Minerva Scuola) ISBN 978-88-298-3662-8. Ulteriore materiale verrà messo a disposizione degli studenti su DIR e costituirà parte integrante del corso da portare all'esame.
Obiettivi formativiIn conformità con il Quadro di Riferimento Europeo al livello C2, adattato alle esigenze universitarie e al dominio culturale del curriculum specifico.
PrerequisitiConoscenza adeguata della lingua inglese (livello C1 del Quadro Europeo di Riferimento)
Metodi didatticiLezioni frontali, esercitazioni pratiche, studio individuale.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame consiste in una prova scritta e una prova orale. Nella prova scritta lo studente dovrà fare una proposta di viaggio in una destinazione turistica in Italia a partire da una traccia scelta dal docente. La proposta dovrà includere una descrizione degli aspetti storico-artistici ed enogastronomici della città, i costi di viaggio e soggiorno, le visite a monumenti e luoghi d'interesse, ecc.. La parte orale consiste nella presentazione di una meta internazionale a scelta del candidato. Lo studente preparerà un folder dettagliato con materiali che verranno discussi col docente durante l'esame.
Programma estesoIl programma prevede l’approfondimento dello studio della lingua inglese con particolare attenzione al linguaggio specifico del marketing e delle interazioni commerciali nell’ambito del turismo. Verranno approfonditi aspetti legati al lessico, alla grammatica, allo stile, e all’organizzazione di varie tipologie testuali (brochure, testi promozionali, comunicazione commerciale, ecc.).
Risultati di apprendimento attesiIn conformità con il Quadro di Riferimento Europeo al livello C2, adattato alle esigenze universitarie e al dominio culturale del curriculum specifico.
Insegnamento mutuante inLINGUE, CULTURE, TURISMO (A002) - LE0052 LINGUA INGLESE ESERCITAZIONI SPECIALISTICA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLINGUA SPAGNOLA MAGISTRALE I
CodiceLE0023
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBALDISSERA Andrea
DocentiBALDISSERA Andrea, CAMPOS CABRERO Sonia
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LE0053 LINGUISTICA SPAGNOLA SPECIALISTICA A L-LIN/07 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA SPAGNOLA BALDISSERA Andrea
LE0054 LINGUA SPAGNOLA ESERCITAZIONI SPECIALISTICA L-LIN/07 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA SPAGNOLA BALDISSERA Andrea, CAMPOS CABRERO Sonia
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUISTICA SPAGNOLA SPECIALISTICA A
CodiceLE0053
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBALDISSERA Andrea
DocentiBALDISSERA Andrea
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/07 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA SPAGNOLA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Sedi e/o partizioni
Lingue e letterature
Sistemi turistici
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUISTICA SPAGNOLA SPECIALISTICA A
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBALDISSERA Andrea
DocentiBALDISSERA Andrea
Tipo di insegnamentoClasse LM 37 e Classe LM 49
Anno1
PartizioneLingue e letterature
Lingua di insegnamentoSpagnolo
ContenutiLa linguistica spagnola e la filologia
Testi di riferimentoMiguel Ángel Pérez Priego, La edición de textos, Madrid, Síntesis, 2011, seconda edizione; Alberto Blecua, Manual de crítica textual, Madrid, Castalia, 1983.
Obiettivi formativiL’insegnamento vuole approfondire -obiettivo primario- le competenze di linguistica spagnola, e affinare l’uso della lingua spagnola per scopi professionali e accademici, in particolare di ordine filologico. Intende altresì favorire - come secondo obiettivo- la coscienza della rilevanza del dato (e dello studio) linguistico nella ricostruzione del testo (critico)
PrerequisitiAdeguata conoscenza della lingua spagnola (livello superiore, post-triennio, C1) conoscenze di linguistica generale e linguistica spagnola
Metodi didatticiLezioni frontali, lezioni carattere seminariale con analisi di esempi; il corso prevede anche la predisposizione di materiali esemplificativi sulla DIR
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame scritto della durata di due ore. Si compone di tre domande: due quesiti a risposta aperta volti a valutare le capacità dello studente di collegare il dato linguistico e il metodo filologico (errori e varianti; tipologie di errori e loro trasmissione; trattamento dei dati nelle diverse metodologie filologiche; principi del metodo dell'errore comune); il terzo prevede l'applicazione dei criteri (filo)logici a partire dai fenomeni linguistici implicati. Sarà valutata come eccellente una prova che dimostri: una visione organica e approfondita dei temi di filologia e linguistica affrontati nel corso; sviluppate capacità di analisi e di sintesi; ottima padronanza del lessico specifico e dei concetti linguistici; capacità di elaborazione teorica attraverso l’uso ricco di esempi pertinenti. Sarà valutata come discreta una prova che dimostri: una conoscenza solo a volte meccanica della materia; un linguaggio appropriato e corretto; la capacità di analisi e sintesi; un buon uso dell’esemplificazione in relazione a un’esposizione teorica, che consideri i diversi aspetti della relazione filologia-linguistica. Sarà valutata come sufficiente una prova che dimostri: conoscenza basica del programma (nozioni e metodo), esposta spesso in forma mnemonica, ma con una coscienza della metodologia linguistica e filologica; uso basico e corretto della terminologia; presentazione di esempi adeguati nell’ambito della trattazione. Sarà valutata come insufficiente una prova che dimostri almeno uno di questi tratti: importanti lacune formative; erroneo apprendimento di nozioni/concetti o della metodologia; linguaggio inappropriato; la pura riproduzione/elencazione di nozioni o definizioni, priva dei collegamenti concettuali richiesti; la mancanza di orientamento all'interno del tema esaminato; scarsità, assenza o scorretto uso degli esempi.
Programma esteso1. I problemi della trasmissione dei testi, veri 'tessuti linguistici'; 2. Le varianti e gli errori: genesi e modalità di trasmissione (in generale e nelle specificità della lingua castigliana); 3. il problema della ricostruzione testuale a partire dai dati linguistico 4. i metodi prescientifici e il metodo dell'errore comune; 5. la genealogia della tradizione testuale; 6. l'edizione critica di testi iberici e l'asseto linguistico (apparato, studio linguistico, criteri di presentazione del testo critico).
Risultati di apprendimento attesiCONOSCENZE - Sviluppare le conoscenze teoriche della disciplina filologica, acquisendo familiarità con i fenomeni linguistici di ambito iberico COMPETENZE -Saper riconoscere e classificare nei documenti proposti e analizzati i fenomeni presentati teoricamente - Saper definire e illustrare tramite esemplificazione le nozioni discusse a lezione. - Sapere predisporre un'analisi linguistico-filologica (basica) in modo autonomo, su esempi nuovi, a partire dalle basi teoriche acquisite ABILITÀ TRASVERSALI - Sapere descrivere in maniera chiara e circostanziata i fenomeni principali, utilizzando la terminologia specifica in modo appropriato. - Sapere approfondire gli argomenti sulla manualistica specifica e sui saggi di approfondimento - Saper compiere ricerche bibliografiche in autonomia, a partire dai suggerimenti ricevuti a lezione
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUISTICA SPAGNOLA SPECIALISTICA A
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBALDISSERA Andrea
DocentiBALDISSERA Andrea
Tipo di insegnamentoClasse LM 37 e Classe LM 49
Anno1
PartizioneSistemi turistici
Lingua di insegnamentoSpagnolo
ContenutiEl Español del turismo
Testi di riferimentoLa lengua del turismo: Géneros discursivos y terminología. Maria Vittoria Calvi, Giovanna Mapelli (eds). Bern: Peter Lang, 2011. M.V. Calvi Léxico de especialidad y lengua del turismo, in Estudios sobre el léxico: puntos y contrapuntos, 2016, pp. 187-214; Eadem, Guía de viaje y turismo 2.0: Los borrosos confines de un género, Ibérica 31 (2016): pp. 15-38; Eadem, turismo: una propuesta de clasificación, Iberica, Ibérica 19 (2010), pp. 9-32
Obiettivi formativiAl termine del corso gli studenti dovrebbero essere in grado di applicare la terminologia specifica, gli strumenti analitici e le nozioni acquisite in classe per l'analisi di testi turistici appartenenti a generi diversi con particolare riferimento al linguaggio specialistico (lessico, morfologia e sintassi).
PrerequisitiAdeguata conoscenza della lingua spagnola (livello superiore, post-triennio, C1)
Metodi didatticiLezioni frontali, lezioni carattere seminariale con analisi di esempi; il corso prevede anche la predisposizione di materiali esemplificativi sulla DIR
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame scritto (durata:2h). La prova consisterà in: 1) due domande a risposta aperta, sui principali fenomeni trattati (caratteri dei linguaggi specialistici; descrizione linguistica di tratti principali dello spagnolo per il turismo; relazioni fra generi e specifici tratti linguistici nell'ambito turistico); 2) analisi di un breve testo appartenente ai generi esaminati in aula. Lo studente dovrà dimostrare di saper esporre in buono spagnolo e in forma organizzata i contenuti indicati; di saper riconoscere i dati linguistici presentati, analizzarli e inserirli nel contesto teorico di riferimento. Sarà valutata come eccellente una prova che dimostri: una visione organica e approfondita dei temi dei testi affrontati nel corso; sviluppate capacità di analisi e di sintesi; ottima padronanza del lessico specifico e dei concetti linguistici esposti; capacità di elaborazione teorica attraverso l’uso ricco di esempi pertinenti. Sarà valutata come discreta una prova che dimostri: una conoscenza solo a volte meccanica della materia; un linguaggio appropriato e corretto; una buona capacità di analisi e sintesi; un buon uso dell’esemplificazione in relazione a un’esposizione teorica, che consideri i diversi aspetti dell’uso specialistico della lingua spagnola. Sarà valutata come sufficiente una prova che dimostri: conoscenza basica del programma, esposta spesso in forma mnemonica, ma con una coscienza del metodo di analisi linguistica delle testualità proposte; uso basico e corretto della terminologia; presentazione di esempi adeguati nell’ambito della trattazione. Sarà valutata come insufficiente una prova che dimostri almeno uno di questi tratti: importanti lacune formative; erroneo apprendimento di nozioni/concetti o della metodologia; linguaggio inappropriato; la pura riproduzione/elencazione di nozioni o definizioni, priva dei collegamenti concettuali richiesti; la mancanza di orientamento all'interno del tema/testo esaminato; scarsità, assenza o scorretto uso degli esempi.
Programma estesoIl corso è concepito come introduzione allo Spagnolo per fini specifici (Turismo). La prima parte del corso si concentrerà sui linguaggi specialistici e sulle loro proprietà, e in particola modo allo spagnolo per il turismo e ai generi testuali (guía, folleto) che lo caratterizzano. La seconda parte del corso sarà dedicata all’analisi linguistica di diversi esempi e documenti pertinenti a tali generi.
Risultati di apprendimento attesiCONOSCENZE - Sviluppare la conoscenza dello spagnolo della comunicazione turistica, acquisendo familiarità con i fenomeni linguistici specifici. - Acquisire consapevolezza delle relazioni fra genere testuale ed espressione linguitsica in ambito turistico ABILITÂ - Saper riconoscere e classificare nei documenti o testi proposti e analizzati i fenomeni presentati teoricamente - Saper definire e illustrare tramite esemplificazione le nozioni discusse a lezione. - Sapere predisporre un'analisi linguistica in modo autonomo, a partire dalle basi teoriche acquisite - Sapere descrivere in maniera chiara e circostanziata i fenomeni principali, utilizzando la terminologia specifica in modo appropriato. CONOSCENZE TRASVERSALI -Sapere approfondire gli argomenti sulla manualistica specifica e sui saggi di approfondimento
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUA SPAGNOLA ESERCITAZIONI SPECIALISTICA
CodiceLE0054
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBALDISSERA Andrea
DocentiBALDISSERA Andrea, CAMPOS CABRERO Sonia
CFU6
Ore di studio individuale54
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/07 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA SPAGNOLA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoAnnuale
Lingua di insegnamentoSpagnolo
ContenutiLINGUA SPAGNOLA SPECIALISTICA ESERCITAZIONI I
Testi di riferimentoAna Blanco Canales, M.ª Carmen Fernández López, M.ª Jesús Torrens Álvarez, Nuevo Sueña 4, Libro de lalumno, Anaya (2017), ISBN:978-84-698-2796-3 + Nuevo Sueña 4, Cuaderno de ejercicios, Anaya 2017 - ISBN: 978-84-698-2797-0. Materiali utilizzati durante il corso: Fernando Fernán-Gómez, El viaje a ninguna parte, Ed. Cátedra (e visione del film). Per l'orale gli studenti leggeranno in lingua originale i seguenti volumi: 1) Jorge Luis Borges, Cuentos completos, Debolsillo, Barcelona, 2013 (i racconti delle raccolte: a) Historia Universal de la Infamia (1935); b) Ficciones (1944); c) El Aleph (1949). 2) Gabriel García Márquez, Cien años de soledad, DEBOLSILLO, Barcelona, 2014. Gli studenti dovranno portare con sé all’esame i volumi letti.
Obiettivi formativiIn conformità con il Quadro di Riferimento Europeo al livello C1.2, adattato alle esigenze universitarie.
PrerequisitiPossedere una competenza linguistica di livello superiore (C1).
Metodi didatticiEsercitazioni con lezione frontale, esercizi pratici, studio individuale. Materiali on-line attraverso il servizio DIR.
Modalità di verifica dell'apprendimentoProve d'esame. Parte scritta su due giorni: 1) componimento in lingua (3h) e 2) traduzione italiano-spagnolo (3h), per saggiare le competenze espressive di livello avanzato. Per superare la parte scritta lo studente dovrà ottenere almeno 18/30 in entrambe le parti – se così non fosse, dovrà ripresentarsi all'intero scritto in un appello successivo. La parte orale, (ad alcuni giorni di distanza): colloquio volto a valutare le abilità di comprensione / espressione in lingua, secondo il livello prestabilito, anche a partire da letture obbligatorie. - Per superare l'esame lo studente dovrà raggiungere la votazione minima di 18/30 sia nello scritto sia nell'orale. Il voto finale sarà dato dalla media fra le due parti (scritta ed orale).- Sarà considerata adeguata una prova scritta che presenti: ricchezza lessicale, varietà e precisione morfosintattica, correttezza grammaticale, secondo il livello indicato.- Sarà considerata adeguata una prova orale in cui il candidato dimostri di riuscire a condurre una conversazione ricca e fluente su temi diversi e approfonditi (anche a partire dalle letture/visioni), ed esibisca, oltre al dominio della grammatica, un controllo di vari aspetti espressivi della lingua (registri e varietà non standard, stile, aspetti pragmatici).- Controllo dell'apprendimento in itinere: verifiche in classe e a casa sui singoli argomenti trattati. Autoapprendimento presso il Centro Linguistico.
Programma estesoRipasso delle grammatica spagnola (sintassi) con approfondimenti critici. Perfezionamento stilistico dei vari registri della lingua (e delle varietà non standard), delle espressioni idiomatiche, e collocazioni, di modismos, e refranes; esercizi di composizione in spagnolo e di traduzione dall'italiano allo spagnolo (e all'inverso). Letture obbligatorie o visione di film in lingua originale anche in vista del colloquio orale
Risultati di apprendimento attesiCompetenze e conoscenze -Comprendere un'ampia gamma di testi complessi e lunghi e ne sa riconoscere il significato implicito. Abilità-Saper esprimersi con scioltezza e naturalezza. -Usare la lingua in modo flessibile ed efficace per scopi sociali, professionali e accademici. -Riuscire a produrre testi chiari, ben costruiti, dettagliati su argomenti complessi, mostrando un controllo sicuro della struttura testuale, dei connettori e degli elementi di coesione.
Insegnamento mutuante inLINGUE, CULTURE, TURISMO (A002) - L0877 LINGUA SPAGNOLA ESERCITAZIONI SPECIALISTICA - VERCELLI
LINGUE, CULTURE, TURISMO (A002) - L0877 LINGUA SPAGNOLA ESERCITAZIONI SPECIALISTICA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLINGUA TEDESCA II
CodiceL1204
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoRAVETTO Miriam
DocentiPEEMOLLER Tanja Margot, RAVETTO Miriam, STUECKEL Eva, REINHARDT Michaela
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LE0042 LINGUA TEDESCA A ESERCITAZIONE II ANNO L-LIN/14 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA TEDESCA RAVETTO Miriam, PEEMOLLER Tanja Margot, STUECKEL Eva, REINHARDT Michaela
LE0046 LINGUISTICA TEDESCA A L-LIN/14 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA TEDESCA RAVETTO Miriam
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUA TEDESCA A ESERCITAZIONE II ANNO
CodiceLE0042
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoRAVETTO Miriam
DocentiPEEMOLLER Tanja Margot, RAVETTO Miriam, STUECKEL Eva, REINHARDT Michaela
CFU6
Ore di studio individuale54
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/14 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA TEDESCA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoAnnuale
Sedi e/o partizioni
Gruppo B
Gruppo A
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUA TEDESCA A ESERCITAZIONE II ANNO
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoRAVETTO Miriam
DocentiPEEMOLLER Tanja Margot, RAVETTO Miriam, STUECKEL Eva
Tipo di insegnamentoGruppi
Anno1
PartizioneGruppo B
Insegnamento mutuato daLINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - LE0042 LINGUA TEDESCA A ESERCITAZIONE II ANNO - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUA TEDESCA A ESERCITAZIONE II ANNO
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoRAVETTO Miriam
DocentiREINHARDT Michaela, RAVETTO Miriam
Tipo di insegnamentoGruppi
Anno1
PartizioneGruppo A
Lingua di insegnamentoTedesco e Italiano
ContenutiCORSO DI TEDESCO GENERALE, LIVELLO B2
Testi di riferimentoDreyer-Schmitt, Lehr – und Übungsbuch der deutschen Grammatik,Hueber-Verlag - testi forniti dall’insegnanteAnne Buscha e Szilvia Zita (2008). Begegnungen Deutsch als Fremdsprache B1 Integriertes Kurs- und Arbeitsbuch. Anne, Buscha. B-Grammatik. Übungsgrammatik Deutsch als Fremdsprache, Sprachniveau B1/B2
Obiettivi formativiIl corso si pone i seguenti obiettivi:conoscenze e comprensione: ll corso si propone di fornire agli studenti le conoscenze della grammatica (livello B1.2/B2), della cultura e della civiltà tedesca.capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Il corso si propone di fornire gli strumenti conoscitivi e pratici in modo da poter comprendere e produrre testi scritti e orali abbastanza ampi e articolati e utilizzare correttamente ed adeguatamente le regole grammaticali trattate, così come le conoscenze relative a cultura e civiltà.espressione di giudizi: Il corso fornisce le competenze necessarie per valutare gli aspetti della cultura e della civiltà tedesca, confrontandoli con quelli della propria.abilità nella comunicazione: Il corso si propone di fornire le competenze necessarie per comunicare e scrivere in lingua tedesca testi abbastanza complessi relativi a svariati argomenti.capacità di apprendimento: Il corso propone modalità di studio specifiche fornendo esempi testuali di diversa natura e contenuto. Stimola, inoltre, lo studente all’autonoma osservazione e all’identificazione, all’interno di testi autentici, delle regole grammaticali apprese.
PrerequisitiIl prerequisito fondamentale per poter accedere al corso e prendere parte all’esame è il superamento dell’esame di Lingua tedesca esercitazioni I anno.
Metodi didatticiLezioni frontali. Introduzione e spiegazione teorica degli argomenti, a seguire applicazione degli argomenti grammaticali attraverso esercizi. Lezioni di lettura e discussione di testi.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame scritto e orale separati. Prova scritta che consta di due parti: grammatica e comprensione del testo. La parte di grammatica è costituita da 10-15 esercizi distinti che mirano a verificare la corretta comprensione e capacità di applicazione degli argomenti grammaticali affrontati durante il corso. La parte di comprensione del testo prevede la lettura di un testo di diversa tipologia (saggio, articolo di giornale ecc.) su diversi temi e una serie di domande finalizzate a verificare la comprensione del testo. A seguire, lo studente deve produrre uno scritto (freier Ausdruck), nel quale viene richiesto di esprimere il proprio parere personale o di descrivere la propria esperienza riguardo agli argomenti trattati nel testo di lettura. La prova scritta ha una durata complessiva di 4 ore. L’esame avrà esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18/30 in ciascuna delle parti di esame. La lode verrà assegnata sulla base di una valutazione dell'accuratezza, approfondimento e capacità di elaborazione della risposta. Prova orale con lettura e commento orale di un testo; a seguire domande orali di carattere generale (hobby, interessi, programmi future, esperienze passate). L’esame avrà esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18/30. La capacità di usare ed applicare le regole grammaticali acquisite durante il corso (cfr. obiettivi 1/2) viene verificata, in modo particolare, attraverso la prova scritta di grammatica, nella quale lo studente deve svolgere gli esercizi, applicando diverse regole grammaticali apprese. La capacità di usare ed applicare le regole grammaticali acquisite durante il corso (cfr. obiettivi 1/2) viene verificata, in modo particolare, attraverso la prova scritta di grammatica, nella quale lo studente deve svolgere gli esercizi, applicando diverse regole grammaticali apprese. La capacità di comprensione e produzione di testi scritti e orali (obiettivi 1/2/4) viene verificata attraverso la prova scritta di lettura e comprensione del testo e la prova orale. La capacità di espressione di giudizi personali (obiettivo 3) viene valutata sulla base dei risultati ottenuti dallo studente nella prova di analisi e comprensione del testo, in modo particolare nella produzione del testo libero (freier Ausdruck), in cui viene richiesto di esprimersi in modo sufficientemente articolato e approfondito su aspetti della cultura tedesca, confrontandoli con la propria. La capacità di studio (obiettivo 5) viene verificata sia nella prova di grammatica, dal quale emerge il grado di approfondimento dei temi grammaticali affrontati durante il corso.
Programma estesoIl corso mira all’approfondimento degli argomenti grammaticali, la cui conoscenza è necessaria per il raggiungimento del livello di competenza linguistica B1.2/B2. La trattazione di temi grammaticali è seguita da una serie di esercizi che gli studenti sono tenuti a svolgere, in modo da verificare già durante le lezioni il grado di conoscenza della grammatica. Accanto a lezioni destinate all’approfondimento grammaticale sono offerte anche lezioni frontali di lettura e comprensione del testo scritto e parlato, nelle quali viene richiesta l’applicazione delle nozioni grammaticali acquisite e l’uso di una terminologia ampia e di strutture sintattiche complesse.
Risultati di apprendimento attesiConoscenza e comprensione:conoscere gli argomenti grammaticali (livello B1.2/B2) conoscere strutture sintattiche complesse (livello B1.2/B2)conoscere e comprendere una terminologia ampia comprendere un testo scritto e messaggi orali articolati Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione:saper produrre testi scritti e orali saper usare correttamente le regole grammaticali e la terminologia adeguata Autonomia di giudizi: formulare giudizi di valutazione in tedesco su svariati argomentiformulare giudizi sulla civiltà e cultura tedesca, operando un confronto con la propria Abilità comunicative:sapersi servire in modo coerente della terminologia e delle regole grammaticali in modo da comunicare appropriatamente in lingua tedesca Capacità di apprendimento: coniugare l’apprendimento di regole grammaticali astratte con l’uso concreto in produzioni scritte e orali apprendere e approfondire i diversi argomenti in modo autonomo
Insegnamento mutuato daLINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - LE0042 LINGUA TEDESCA A ESERCITAZIONE II ANNO - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUISTICA TEDESCA A
CodiceLE0046
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoRAVETTO Miriam
DocentiRAVETTO Miriam
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/14 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA TEDESCA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoTedesco e Italiano
ContenutiINTRODUZIONE ALLA LINGUISTICA DEL TEDESCO TRA DIACRONIA E SINCRONIA
Testi di riferimentoDi Meola, Claudio (2009). Introduzione alla linguistica tedesca, Roma, Bulzoni Dipper, Stefanie (2018). Linguistik: eine Einführung (nicht nur) für Germanisten, Romanisten und Anglisten, Berlin: Springer. Dahmen, Silvia (2018). Phonetik, Phonologie und Schrift, Paderborn: Schöningh.Jäger, Agnes (2018). Vergleichskonstruktionen im Deutschen: diachroner Wandel und synchrone Variation, Berlin: de Gruyter.
Obiettivi formativiIl corso ha i seguenti obiettivi:(1) conoscenze e comprensione: Il corso fornisce solide conoscenze di base per l'analisi linguistica del tedesco dal punto di vista sia sincronico che diacronico. (2) capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Il corso fornisce le competenze utili a identificare ed esaminare le principali caratteristiche fonetiche, morfo-lessicali, sintattiche della lingua tedesca.(3) espressione di giudizi: Il corso permette di acquisire le capacità di esaminare e valutare i tratti caratteristici della lingua tedesca in prospettiva sincronica, con uno sguardo alle manifestazioni linguistiche del tedesco contemporaneo, e in prospettiva diacronica, in modo da identificare i mutamenti della lingua attraverso il tempo che hanno condotto agli usi linguistici odierni. (4) abilità nella comunicazione: Attraverso l'analisi delle strutture morfo-sintattiche, lessicali e per mezzo di un approccio pragmatico, il corso mira a rafforzare le capacità comunicative degli studenti nell'ambito della produzione sia orale che scritta. Il corso fornisce anche la terminologia specifica per poter descrivere in modo adeguato i diversi fenomeni linguistici. (5) capacità di approfondimento: Il corso mira a potenziare le capacità di studio e riflessione autonoma degli studenti riguardo a temi di linguistica tedesca.
PrerequisitiConoscenze di base di lingua tedesca (livello B1)
Metodi didatticiLezioni frontali. Introduzione e spiegazione teorica degli argomenti, a seguire applicazione attraverso esercizi.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame scritto. La prova scritta è costituita da due parti. La prima parte consta di una serie di domande (6-8 quesiti) a risposta aperta sugli argomenti proposti durante il corso e da approfondire attraverso la bibliografia segnalata. La seconda parte è costituita da uno o due esercizi pratici, che verificano l’applicazione delle nozioni teoriche. La durata dell’esame è di 2 ore. L’esame ha esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18/30, ottenuta sommando il punteggio previsto per ciascun quesito. La lode viene assegnata sulla base di una valutazione dell'accuratezza, approfondimento e capacità di elaborazione della risposta. Le capacità di identificare e descrivere le principali caratteristiche fonetiche, morfo-lessicali e sintattiche della lingua tedesca (obiettivi 1/2) vengono verificate attraverso le domande aperte, nelle quali allo studente viene chiesto di descrivere e trattare fenomeni e tratti linguistici del tedesco e anche attraverso gli esercizi pratici, attraverso i quali lo studente deve saper identificare specifici fenomeni. La capacità di espressione di giudizi e di comunicazione (obiettivi 3/4) viene verificata per mezzo delle domande a risposta aperta, in cui allo studente verrà chiesto di esprimersi attraverso la terminologia appropriata, descrivendo, comparando e commentando fenomeni del tedesco in prospettiva sia sincronica che diacronica. La capacità di approfondimento (obiettivo 5) viene verificata in modo particolare con le domande a risposta aperta, con le quali si può valutare se e come lo studente è capace a creare collegamenti tra gli argomenti trattati e il grado di approfondimento nello studio individuale.
Programma estesoLa prima parte del corso offre un'introduzione alla linguistica sincronica della lingua tedesca, concentrandosi in modo particolare sulla fonetica e fonologia, morfologia e sintassi del tedesco contemporaneo. La seconda parte propone una descrizione diacronica del tedesco, con particolare attenzione ai momenti storico-linguistici più significativi.
Risultati di apprendimento attesiConoscenza e comprensione:conoscere i tratti linguistici del tedesco contemporaneoconoscere le principali teorie linguistiche per la descrizione dei fenomeni conoscere i momenti storico-linguistici del tedesco Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione:saper identificare e descrivere diversi fenomeni e strutture del tedesco Autonomia di giudizi: formulare giudizi di valutazione sull’uso e la frequenza dei fenomeni caratteristici della lingua tedesca Abilità comunicative:sapersi servire in modo coerente della terminologia scientifica in modo da descrivere accuratamente e adeguatamente la lingua tedesca da diverse prospettive di analisi Capacità di apprendimento: coniugare l’apprendimento delle teorie con l’applicazione concreta nella descrizione di manifestazioni autentiche (in diversi esempi testuali) apprendere e approfondire i diversi argomenti in modo autonomo
Insegnamento mutuato daLINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - LE0046 LINGUISTICA TEDESCA A - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLINGUA TEDESCA MAGISTRALE I
CodiceLE0024
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoRAVETTO Miriam
DocentiRAVETTO Miriam, REINHARDT Michaela, STUECKEL Eva
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LE0055 LINGUISTICA TEDESCA SPECIALISTICA A L-LIN/14 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA TEDESCA RAVETTO Miriam
LE0056 LINGUA TEDESCA ESERCITAZIONI SPECIALISTICA L-LIN/14 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA TEDESCA RAVETTO Miriam, REINHARDT Michaela, STUECKEL Eva
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUISTICA TEDESCA SPECIALISTICA A
CodiceLE0055
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoRAVETTO Miriam
DocentiRAVETTO Miriam
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/14 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA TEDESCA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Sedi e/o partizioni
Lingue e letterature
Sistemi turistici
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUISTICA TEDESCA SPECIALISTICA A
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoRAVETTO Miriam
DocentiRAVETTO Miriam
Tipo di insegnamentoClasse LM 37 e Classe LM 49
Anno1
PartizioneLingue e letterature
Lingua di insegnamentoTedesco
ContenutiTEORIE E PRATICHE DELLA TRADUZIONE TEDESCO-ITALIANO/ITALIANO-TEDESCO
Testi di riferimentoDahmen, Wolfgang (a cura di) (2017). Sprachvergleich und Übersetzung: die romanischen Sprachen im Kontrast zum Deutschen, Tübingen: Narr. Radegundis, Stolze (2016). Übersetzungstheorien. Thüringen: Narr. Kranich, Svenja (2016). Contrastive pragmatics and translation: evaluation, epistemic modality and communicative styles in English and German, Amsterdam et al.: John Benjamins. Pym, Anthony (2016). Translation solutions for many languages: histories of a flawed dream, London et al: Bloomsbury Academic.
Obiettivi formativiIl corso si pone i seguenti obiettiviconoscenze e comprensione: Il corso si propone di fornire agli studenti le conoscenze relative alla metodologie traduttive per la coppia di lingue tedesco-italiano, anche attraverso l'analisi di esempi autentici di testi originali di diversa tipologia con relativa traduzione.capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Il corso fornisce gli strumenti conoscitivi e pratici per saper osservare criticamente e in modo approfondito la traduzione italiana di testi tedeschi e viceversa, individuando eventuali problematiche e le possibili cause della loro origine. Inoltre, il corso fornisce competenze e nozioni utili allo studente in future attività e pratiche traduttive.espressione di giudizi: Il corso offre le competenze necessarie per valutare le problematiche insite nel lavoro traduttivo e le diverse strategie traduttive. Si forniscono, inoltre, le competenze utili a confrontare diverse tipologie di traduzione.abilità nella comunicazione: Il corso si propone di fornire le competenze necessarie per interagire con esperti dell’ambito di studio trattato.capacità di apprendimento: Il corso propone modalità di studio e di approfondimento specifiche sulla base di esempi particolari e di analisi di problematiche significative nel settore linguistico affrontato.
PrerequisitiIl prerequisito fondamentale per poter accedere al corso e prendere parte all’esame è il superamento dell’esame integrato di Lingua tedesca III o comunque il raggiungimento del livello di competenza linguistica, per il tedesco, pari o superiore a B2.
Metodi didatticiLezioni frontali. Introduzione e spiegazione teorica degli argomenti, a seguire applicazione degli argomenti grammaticali attraverso esercizi di osservazioni di testi originali e relative traduzioni.
Altre informazioniIl modulo è rivolto agli studenti del corso di laurea magistrale LM 37
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame scritto. L’esame scritto consta di due parti principali. La prima parte è costituita da una serie di domande a risposta aperta (generalmente 5-7 quesiti), in cui agli studenti viene richiesta la descrizione e trattazione degli argomenti teorici approfonditi durante il corso. Segue un esercizio di analisi di una traduzione (con testo originale a fronte), nel quale lo studente deve commentare la proposta traduttiva, individuando eventuali problematiche e strategie specifiche messe in atto. L’esame scritto ha una durata complessiva di 2 ore. L’esame ha esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18/30, ottenuta sommando il punteggio previsto per ciascun quesito. La lode è assegnata sulla base di una valutazione dell'accuratezza, approfondimento e capacità di elaborazione della risposta. Le capacità di applicare le conoscenze relative alla metodologie traduttive (obiettivi 1/2) è verificata attraverso l'analisi del testo tradotto (seconda parte dell’esame scritto). La capacità di esprimere giudizi (obiettivo 3) è verificata attraverso l'analisi della traduzione e le domande aperte, nelle quali allo studente viene richiesto di osservare, descrivere ed eventualmente confrontare diverse proposte traduttive o traduzioni di diversi generi testuali. Le abilità nella comunicazione (obiettivo 4) sono verificate attraverso il commento al testo tradotto proposto e alle risposte alle domande aperte, nelle quali lo studente deve dimostrare di sapere utilizzare la terminologia scientifica adeguata. La capacità di apprendimento (obiettivo 5) viene verificata attraverso la risposta alle domande aperte e l'analisi della traduzione. Lo studente deve dimostrare di sapere usare in modo adeguato gli studi bibliografici proposti e consigliati e di avere approfondito i temi affrontati a lezione.
Programma estesoIl modulo è articolato in due parti che prevedono un approccio sia teorico che pratico ai problemi e alle metodologie traduttive per la coppia di lingue tedesco-italiano. Nella prima parte del corso si propongono concetti, riflessioni e teorie storiche e moderne sulla traduzione (traducibilità, equivalenza; teorie linguistiche, funzionali, polisistemiche, culturali). In seguito, si affronta l’analisi di vari tipi di traduzione, dalla traduzione letteraria a quella specialistica (con particolare attenzione ai testi turistici) e si considerano svariati esempi di traduzioni, soffermandosi su vari aspetti concernenti il lavoro traduttivo, come ad esempio casi di interferenza linguistica nella traduzione dal tedesco all'italiano o problematiche derivante dalla resa dei culturemi (ted. Kulturspezifika, v. ad esempio i molteplici termini coniati dalla ex DDR).
Risultati di apprendimento attesiConoscenza e comprensione:conoscere le diverse e recenti teorie e tecniche traduttive conoscere e comprendere la terminologia scientifica atta a descrivere i fenomeni legati al lavoro di traduzione conoscere le diverse tipologie traduttive Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione:saper identificare e descrivere le tecniche e strategie nella resa traduttiva di testi diversiAutonomia di giudizi: formulare giudizi di valutazione sulle scelte e modalità traduttive adottate Abilità comunicative:sapersi servire in modo coerente della terminologia scientifica in modo da descrivere accuratamente e adeguatamente diverse proposte traduttive Capacità di apprendimento: coniugare l’apprendimento di teorie sulla traduzione con l’applicazione concreta nella resa di testi dal tedesco all’italiano e viceversa apprendere e approfondire i diversi argomenti in modo autonomo
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUISTICA TEDESCA SPECIALISTICA A
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoRAVETTO Miriam
DocentiRAVETTO Miriam
Tipo di insegnamentoClasse LM 37 e Classe LM 49
Anno1
PartizioneSistemi turistici
Lingua di insegnamentoTedesco
ContenutiDAS GESPROCHENE DEUTSCH: IL TEDESCO NELLE PRATICHE COMUNICATIVE. CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALLA COMUNICAZIONE TURISTICA
Testi di riferimentoFoschi, Marina / Costa, Marcella (a cura di) (2017). Grammatica del tedesco parlato, Pisa: Pisa University Press. Birkner, Karin et al. (a cura di) (2018). Handbuch Text und Gespräch. Berlin: de Gruyter. Tissot, Fabienne (2015). Gemeinsamkeit schaffen in der Interaktion: Diskursmarker und Lautelemente in zürichdeutschen Erzählsequenzen, Bern et al: Peter Lang. Pick, Ina (2017). Beraten in Interaktion: eine gesprächslinguistische Typologie des Beratens, Bern et al.: Peter Lang.
Obiettivi formativiIl corso si pone i seguenti obiettivi:conoscenze e comprensione: ll corso si propone di fornire agli studenti le competenze utili a conoscere e identificare i fenomeni del tedesco parlato da diverse prospettive e a leggere e comprendere trascrizioni di parlato.capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Il corso si propone di fornire gli strumenti conoscitivi e pratici in modo da poter individuare e descrivere e usare svariati fenomeni della produzione orale in tedesco, con particolare attenzione alle pratiche comunicative della comunicazione turistica. espressione di giudizi: Il corso fornisce le competenze necessarie per valutare diversi generi testuali della comunicazione turistica orale (ad es. visite guidate).abilità nella comunicazione: Il corso si propone di fornire le competenze necessarie e la terminologia scientifica adeguata a descrivere i fenomeni tipici del tedesco parlato.capacità di apprendimento: Il corso propone modalità di studio specifiche fornendo esempi testuali di tedesco parlato di diversa natura e contenuto, con particolare attenzione alle forme di produzione orale in ambito turistico.
PrerequisitiIl prerequisito fondamentale per poter accedere al corso e prendere parte all’esame è il superamento dell’esame integrato di Lingua tedesca III o comunque il raggiungimento del livello di competenza linguistica del tedesco pari o superiore a B2.
Metodi didatticiLezioni frontali. Introduzione e spiegazione teorica degli argomenti, a seguire applicazione attraverso l’analisi di testi autentici.
Altre informazioniIl modulo è rivolto agli studenti del corso di laurea magistrale LM 49
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame scritto. Prova scritta che consta di due parti. La prima parte costituita da una serie di domande teoriche a risposta aperta (generalmente 6/7), attraverso le quali viene verificata la conoscenza e la comprensione degli argomenti teorici previsti. La seconda parte include generalmente un esercizio, nel quale lo studente deve dimostrare di sapere individuare e descrivere, all'interno di testi di parlato autentico, i fenomeni specifici trattati a lezione. L’esame scritto ha una durata complessiva di 2 ore. L’esame avrà esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18/30, ottenuta sommando il punteggio previsto per ciascun quesito. La lode verrà assegnata sulla base di una valutazione dell'accuratezza, approfondimento e capacità di elaborazione della risposta. La capacità di identificare, descrivere i fenomeni del parlato e leggere le trascrizioni (cfr. obiettivi 1/2/3) viene verificata, in modo particolare, attraverso gli esercizi, nei quali lo studente deve analizzare porzioni di testi autentici, tra i quali anche testi orali prodotti in ambito turistico. La capacità di esaminare diversi generi testuali della comunicazione turistica (obiettivo 3) viene verificata attraverso l’esercizio di analisi di un testo autentico. La capacità di usare la terminologia adeguata nella descrizione dei concetti e la capacità di approfondimento degli argomenti trattati (obiettivi 4/5) vengono valutate sulla base della precisione e dell’accuratezza delle risposte alle domande aperte.
Programma estesoIl corso si pone l’obiettivo di esaminare le caratteristiche del tedesco parlato. Nelle fasi iniziali del modulo si propone una definizione di gesprochene Sprache (tedesco parlato / oralità), facendo riferimento alle più recenti teorie in questo ambito. Inoltre, sempre in questa prima parte del modulo, viene offerta una trattazione dettagliata di Kunstkommunikation e di comunicazione turistica. In una seconda fase, si identificano e si trattano le manifestazioni linguistiche del tedesco parlato da diverse prospettive e in svariati generi comunicativi dell’oralità. Particolare attenzione viene rivolta ai generi e alle pratiche comunicative dell'ambito turistico (ad es. visite guidate), facendo riferimento anche a tipologie testuali al confine tra scritto e parlato, com le audio-guide.
Risultati di apprendimento attesiConoscenza e comprensione:conoscere i fenomeni tipici del tedesco parlato con un’attenzione particolare alle strategie comunicative della comunicazione turistica conoscere e comprendere la terminologia scientifica atta a descrivere i fenomenileggere e comprendere la trascrizione di testi orali Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione:saper identificare e descrivere i fenomeni in testi di parlato autentico di carattere turistico Autonomia di giudizi: formulare giudizi di valutazione sull’uso e la frequenza dei fenomeni tipici del parlato Abilità comunicative:sapersi servire in modo coerente della terminologia scientifica in modo da descrivere accuratamente e adeguatamente produzioni di parlato Capacità di apprendimento: coniugare l’apprendimento di teorie sul parlato con l’applicazione concreta nella descrizione di interazioni autentiche apprendere e approfondire i diversi argomenti in modo autonomo
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUA TEDESCA ESERCITAZIONI SPECIALISTICA
CodiceLE0056
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoRAVETTO Miriam
DocentiREINHARDT Michaela, RAVETTO Miriam, STUECKEL Eva
CFU6
Ore di studio individuale54
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/14 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA TEDESCA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoAnnuale
Lingua di insegnamentoTedesco
ContenutiCORSO DI TEDESCO, LIVELLO C1-C2
Testi di riferimentoAnne, Buscha. C-Grammatik: Übungsgrammatik Deutsch als Fremdsprache, Sprachniveau C1/C2 Testi di attualità (articoli di giornali, pagine internet) - testi forniti dall'insegnante
Obiettivi formativiIl corso ha gli obiettivi che seguono: (1) conoscenze e comprensione: Il corso si propone di approfondire le conoscenze della grammatica, della cultura e della civiltà tedesca e di potenziare la capacità di comprensione e di produzione di articolati testi scritti e orali. (2) capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Il corso fornisce gli strumenti conoscitivi e pratici in modo da poter comprendere e produrre complessi testi scritti e orali di varia natura e utilizzare correttamente ed adeguatamente le regole grammaticali trattate così come le conoscenze relative a cultura e civiltà. (3) espressione di giudizi: Il corso mira a fornire le competenze necessarie per valutare gli aspetti principali della cultura e della civiltà tedesca, confrontandoli con quelli della propria. Il corso offre, inoltre, gli strumenti necessari a valutare le difficoltà insite nella produzione orale e scritta in lingua straniera, individuando e attivando metodologie atte a superarle. (3) abilità nella comunicazione: Il corso si propone di fornire le competenze necessarie per comunicare e scrivere adeguatamente in lingua tedesca, sfruttando diverse sfumature stilistiche e pratiche comunicative a seconda della situazione. (4) capacità di approfondimento: Il corso porta all’applicazione di modalità di studio specifiche fornendo svariati esempi testuali e osservando l’applicazione di regole grammaticali.
PrerequisitiIl prerequisito fondamentale per poter accedere al corso e prendere parte all’esame è il superamento dell’esame di Lingua tedesca esercitazioni III anno e/o il raggiungimento del livello di competenza linguistica pari o superiore a B2.
Metodi didatticiLezioni frontali. Introduzione e spiegazione teorica degli argomenti, a seguire applicazione degli argomenti grammaticali attraverso esercizi. Lezioni ed esercizi di lettura e discussione di testi. Lezioni ed esercizi di traduzione dall’italiano al tedesco.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame scritto e orale separati. Prova scritta che consta di due parti: grammatica e comprensione del testo. La parte di grammatica è costituita da 10-15 esercizi distinti che mirano a verificare la corretta comprensione e capacità di applicazione degli argomenti grammaticali affrontati durante il corso. La parte di comprensione del testo prevede la lettura di un testo di diversa tipologia (saggio, articolo di giornale ecc.) su diversi temi e una serie di domande finalizzate a verificare la comprensione del testo. A seguire, lo studente deve produrre uno scritto (freier Ausdruck), nel quale viene richiesto di esprimere il proprio parere personale o di descrivere la propria esperienza riguardo agli argomenti trattati nel testo di lettura. La prova scritta di grammatica ha una durata complessiva di 4 ore. Analogamente, la parte di comprensione del testo dura 4 ore. L’esame avrà esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18/30 in ogni parte prevista. La lode verrà assegnata sulla base di una valutazione dell'accuratezza, approfondimento e capacità di elaborazione della risposta. Prova orale con lettura e commento orale di un testo; a seguire domande orali di carattere generale. L’esame avrà esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18/30. La capacità di usare ed applicare le regole grammaticali acquisite durante il corso (cfr. obiettivi 1/2) viene verificata, in modo particolare, attraverso la prova scritta di grammatica, nella quale lo studente deve svolgere gli esercizi proposti, applicando diverse regole grammaticali apprese. La capacità di comprensione e produzione di testi scritti e orali (obiettivi 1/2/4) viene verificata attraverso la prova scritta di lettura e comprensione del testo e la prova orale. La capacità di espressione di giudizi personali (obiettivo 3) viene valutata sulla base dei risultati ottenuti dallo studente nella prova di analisi e comprensione del testo, in modo particolare nella produzione del testo libero (freier Ausdruck), in cui viene richiesto di esprimersi in modo strutturati, articolato e approfondito su aspetti della cultura tedesca, confrontandoli con la propria. La capacità di studio (obiettivo 5) viene verificata nella prova di grammatica e di comprensione del testo, dal quale emerge il grado di approfondimento dei temi grammaticali e del lessico affrontati durante il corso.
Programma estesoIl corso mira all’approfondimento degli argomenti grammaticali, la cui conoscenza è necessaria per il raggiungimento del livello di competenza linguistica C1/C2. La trattazione di temi grammaticali è seguita da una serie di esercizi che gli studenti sono tenuti a svolgere, in modo da verificare già durante le lezioni il grado di conoscenza della grammatica. Accanto a lezioni destinate all’approfondimento grammaticale sono offerte anche lezioni frontali di lettura e comprensione del testo scritto e parlato, in cui viene richiesta l’applicazione delle nozioni grammaticali acquisite e l’uso di una terminologia ampia e di strutture sintattiche complesse.
Risultati di apprendimento attesiConoscenza e comprensione:conoscere gli argomenti grammaticali (livello C1/C2) conoscere strutture sintattiche complesse (livello C1/C2)conoscere e comprendere una terminologia ampia conoscere diverse sfumature stilistiche da usare a seconda della tipologia di testocomprendere un testo scritto e messaggi orali articolati Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione:saper produrre testi scritti e orali saper usare correttamente le regole grammaticali e la terminologia adeguata Autonomia di giudizi: formulare ampi giudizi di valutazione in tedesco su svariati argomentiformulare ampi giudizi sulla civiltà e cultura tedesca, operando un confronto con la propria Abilità comunicative:sapersi servire in modo coerente di un’ampia terminologia e delle regole grammaticali in modo da comunicare appropriatamente in lingua tedesca Capacità di apprendimento: coniugare l’apprendimento di regole grammaticali astratte con l’uso concreto in produzioni scritte e orali apprendere e approfondire i diversi argomenti in modo autonomo
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLINGUISTICA APPLICATA A MAGISTRALE
CodiceL1176
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoCASTAGNETO Marina
DocentiCASTAGNETO Marina
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/01 - GLOTTOLOGIA E LINGUISTICA
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiLa scrittura e le scritture. Storia dei sistemi scrittori, tipologizzazione delle scritture antiche e moderne. Aspetti sociolinguistici ed antropolinguistici della scrittura
Testi di riferimento1. VALERI, V. La scrittura: 2. 2. CARDONA, G.R. Storia universale della scrittura: a. Parte I cap. 2 (pp. 29-49), cap. 3 (pp.50-55); b. Parte II capp. 1-2-3-4 (pp. 59-75); c. Parte III capp. 1-2-3 (pp. 117-154), cap. 4 (solo par.1, 4, 5, 6, 7), cap. 5 (solo par.1, 2 pp.183-192); cap. 6 (solo par. 1, 2, 3, pp. 200-213), cap. 10 (pp. 228-240). 3. CARDONA, G.R. Antropologia della scrittura: a. cap. 1 (pp. 17-60) b. cap. 2 (tutto tranne par. 2.2.4 e 2.2.7) c. cap. 3 e cap. 4 (pp. 89-154), d. cap. 5 (pp. 154-193). 4. CARDONA, G.R. I linguaggi del sapere: Parte II a. cap. 1 (pp. 115-120) b. cap. 2 (pp. 122-148) c. cap. 3 (pp. 149-169) d. cap. 4 (pp. 170-181).
Obiettivi formativiFornire allo studente gli strumenti minimi della analisi dei sistemi linguistici della scrittura. Un secondo obiettivo, più avanzato, è quello di porre lo studente nella condizione di applicare le nozioni e le metodologie apprese al ragionamento su dati empirici. Un terzo obiettivo è preparare gli studenti alla didattica della disciplina.
PrerequisitiAvere già sostenuto "Linguistica Generale A" o "Fondamenti di Linguistica". In assenza di questo prerequisito si prega di contattare il docente per concordare alcune letture integrative.
Metodi didatticiLezioni frontali, studio individuale. Nel corso delle lezioni è previsto anche: (i) il coinvolgimento attivo degli studenti attraverso il commento di dati linguistici; (ii) la somministrazione di esercizi, finalizzati all’analisi di diversi tipi di scrittura.
Altre informazioniPer gli studenti iscritti al corso di laurea in "Filologia moderna, classica e comparata", questo corso è parte dei moduli integrati "Linguistica storica e appicata" (Glottologia + Linguistica Applicata A Magistrale), "Apprendimento Linguistico" (Linguistica applicata + Linguistica cognitiva"), "Metodologie linguistiche" ("Linguistica Applicata" + "Filologia Romanza magistrale"), "Linguistica Storica e Applicata" ("Linguistica Applicata" + "Glottologia Avanzata").
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame orale della durata di circa 20 minuti. Sarà posta una domanda su ciascuno dei testi di riferimento indicati. La formulazione del voto complessivo si baserà sui seguenti elementi: uso della terminologia scientifica appropriata = 20% della valutazione; risposte alle domande su ciascuno dei quattro testi indicati: 20% della valutazione per ogni domanda. La lode verrà assegnata sulla base di una valutazione dell'accuratezza, approfondimento e capacità di elaborazione della risposta.
Programma estesoIl programma di questo modulo verterà sulla scrittura, dal momento della sua nascita, dalle prime pietre e rocce figurate che già esprimono forme di concettualizzazione nel paleolitico inferiore, agli attuali sistemi grafici. Vedremo il ruolo giocato dalle pittografie, non legate al valore fonico e quindi decisamente iconiche, “moderne”, perché individuano referenti ben riconoscibili di immediata interpretazione: non troviamo infatti pittografie solo agli albori della scrittura, ad esempio all’origine delle scritture mesopotamica, egiziana e cinese o in popoli lontani dall’Occidente come i Paleosiberiani dell’est (Nivx, Koriak, o Jukagir, le cui ragazze usano un sistema pittografico stabile e ricco per intagliare su scorza di betulla le lettere d’amore), ma anche, ad esempio, nei nostri aeroporti, quando vediamo segni come un uomo su una linea a zigzag per rappresentare le scale mobili. Altri tipi di scrittura, come i più recenti sistemi sillabografici ed alfabetici, sono meno iconici e meno facili da disambiguare dei sistemi pittografici, ma rivelano minore dipendenza dal contesto, requisito indispensabile in una società di tipo industriale. Verranno analizzate le prime attestazioni della scrittura, come le tavolette mesopotamiche di Uruk IV, e la nascita delle scritture cuneiformi, il geroglifico egiziano e luvio, i glifi aztechi, l’evoluzione di una scrittura originariamente pittografica in quella ideogrammatica del cinese, la scrittura di tipologia mista del giapponese, oltre, naturalmente, alla nascita ed alla formazione del sistema linguistico fonografico di tipo alfabetico che usiamo quotidianamente. Dopo esserci occupati della concezione linguistica della scrittura, guarderemo alla diversità ed alle analogie tra circolazione scrittoria e circolazione linguistica, il che ci introdurrà all’aspetto sociolinguistico ed antropologico della scrittura. Vedremo come l’evento scrittorio (nei termini della etnografia del parlato) si caratterizzi per il particolare dominio in cui si iscrive (dominio magico-sacrale, dominio delle transazioni economiche, dominio dell’istruzione formale, dominio del potere politico e delle leggi). In particolar modo sarà mostrato il legame presente nelle diverse culture tra scrittura e magia, scrittura e sacralità, nella preparazione delle tavole di esecrazione e nella costruzione di sortes, amuleti, talismani, pentacoli, coppe magiche, fino all’uso terapeutico della pratica nota come grafofagia. • unità didattica 1: Linguistica ed etnografia della scrittura; • unità didattica 2: Tipologie dei sistemi di scrittura; • unità didattica 3: Sistemi peri-scrittori: sistemi mnemonici, quipu, scrittura per oggetti di proverbi in Africa occidentale; • unità didattica 4: I precursori della scrittura: le pittografie; • unità didattica 5: Le tavolette di Uruk IV; • unità didattica 6: Le scritture mesopotamiche; • unità didattica 7: La scrittura egiziana; • unità didattica 8: I geroglifici in luvio; • unità didattica 9: Le scritture dell'Egeo; • unità didattica 10: La scrittura meso-americana; • unità didattica 11: la scrittura ideografica cinese; • unità didattica 12: il sistema di scrittura misto del giapponese ; • unità didattica 13: l'emergere delle scritture alfabetiche; • unità didattica 14:Aspetti magici, rituali e divinatori della scrittura; • unità didattica 15: Apprendimento e insegnamento della teoria della scrittura.
Risultati di apprendimento attesi• CONOSCENZA E COMPRENSIONE: Comprendere le basi della teoria della scrittura e conoscere la specificità delle diverse tipologia di scrittura • CAPACITA' DI APPLICARE LE CONOSCENZE E LA COMPRENSIONE: Gli studenti dovranno sapere riconoscere e descrivere le differenti tipologie di scrittura.Dovranno inoltre sapere progettare attività didattiche finalizzate all’insegnamento della disciplina. • AUTONOMIA DI GIUDIZIO: Sapere affrontare un'analisi linguistica su un testo scritto in una tipologia di scrittura non alfabetica in modo autonomo • ABILITA' COMUNICATIVE: Sapere esprimere la propria conoscenza della disciplina usando la terminologia linguistica appropriata. • CAPACITA' DI APPRENDIMENTO: Sapere approfondire lo studio dei sistemi di scrittura.
Insegnamento mutuato daLINGUE, CULTURE, TURISMO (A002) - L1176 LINGUISTICA APPLICATA A MAGISTRALE - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLINGUISTICA APPLICATA A MAGISTRALE
CodiceL1176
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoCASTAGNETO Marina
DocentiCASTAGNETO Marina
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/01 - GLOTTOLOGIA E LINGUISTICA
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiLa scrittura e le scritture. Storia dei sistemi scrittori, tipologizzazione delle scritture antiche e moderne. Aspetti sociolinguistici ed antropolinguistici della scrittura
Testi di riferimento1. VALERI, V. La scrittura: 2. 2. CARDONA, G.R. Storia universale della scrittura: a. Parte I cap. 2 (pp. 29-49), cap. 3 (pp.50-55); b. Parte II capp. 1-2-3-4 (pp. 59-75); c. Parte III capp. 1-2-3 (pp. 117-154), cap. 4 (solo par.1, 4, 5, 6, 7), cap. 5 (solo par.1, 2 pp.183-192); cap. 6 (solo par. 1, 2, 3, pp. 200-213), cap. 10 (pp. 228-240). 3. CARDONA, G.R. Antropologia della scrittura: a. cap. 1 (pp. 17-60) b. cap. 2 (tutto tranne par. 2.2.4 e 2.2.7) c. cap. 3 e cap. 4 (pp. 89-154), d. cap. 5 (pp. 154-193). 4. CARDONA, G.R. I linguaggi del sapere: Parte II a. cap. 1 (pp. 115-120) b. cap. 2 (pp. 122-148) c. cap. 3 (pp. 149-169) d. cap. 4 (pp. 170-181).
Obiettivi formativiFornire allo studente gli strumenti minimi della analisi dei sistemi linguistici della scrittura. Un secondo obiettivo, più avanzato, è quello di porre lo studente nella condizione di applicare le nozioni e le metodologie apprese al ragionamento su dati empirici. Un terzo obiettivo è preparare gli studenti alla didattica della disciplina.
PrerequisitiAvere già sostenuto "Linguistica Generale A" o "Fondamenti di Linguistica". In assenza di questo prerequisito si prega di contattare il docente per concordare alcune letture integrative.
Metodi didatticiLezioni frontali, studio individuale. Nel corso delle lezioni è previsto anche: (i) il coinvolgimento attivo degli studenti attraverso il commento di dati linguistici; (ii) la somministrazione di esercizi, finalizzati all’analisi di diversi tipi di scrittura.
Altre informazioniPer gli studenti iscritti al corso di laurea in "Filologia moderna, classica e comparata", questo corso è parte dei moduli integrati "Linguistica storica e appicata" (Glottologia + Linguistica Applicata A Magistrale), "Apprendimento Linguistico" (Linguistica applicata + Linguistica cognitiva"), "Metodologie linguistiche" ("Linguistica Applicata" + "Filologia Romanza magistrale"), "Linguistica Storica e Applicata" ("Linguistica Applicata" + "Glottologia Avanzata").
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame orale della durata di circa 20 minuti. Sarà posta una domanda su ciascuno dei testi di riferimento indicati. La formulazione del voto complessivo si baserà sui seguenti elementi: uso della terminologia scientifica appropriata = 20% della valutazione; risposte alle domande su ciascuno dei quattro testi indicati: 20% della valutazione per ogni domanda. La lode verrà assegnata sulla base di una valutazione dell'accuratezza, approfondimento e capacità di elaborazione della risposta.
Programma estesoIl programma di questo modulo verterà sulla scrittura, dal momento della sua nascita, dalle prime pietre e rocce figurate che già esprimono forme di concettualizzazione nel paleolitico inferiore, agli attuali sistemi grafici. Vedremo il ruolo giocato dalle pittografie, non legate al valore fonico e quindi decisamente iconiche, “moderne”, perché individuano referenti ben riconoscibili di immediata interpretazione: non troviamo infatti pittografie solo agli albori della scrittura, ad esempio all’origine delle scritture mesopotamica, egiziana e cinese o in popoli lontani dall’Occidente come i Paleosiberiani dell’est (Nivx, Koriak, o Jukagir, le cui ragazze usano un sistema pittografico stabile e ricco per intagliare su scorza di betulla le lettere d’amore), ma anche, ad esempio, nei nostri aeroporti, quando vediamo segni come un uomo su una linea a zigzag per rappresentare le scale mobili. Altri tipi di scrittura, come i più recenti sistemi sillabografici ed alfabetici, sono meno iconici e meno facili da disambiguare dei sistemi pittografici, ma rivelano minore dipendenza dal contesto, requisito indispensabile in una società di tipo industriale. Verranno analizzate le prime attestazioni della scrittura, come le tavolette mesopotamiche di Uruk IV, e la nascita delle scritture cuneiformi, il geroglifico egiziano e luvio, i glifi aztechi, l’evoluzione di una scrittura originariamente pittografica in quella ideogrammatica del cinese, la scrittura di tipologia mista del giapponese, oltre, naturalmente, alla nascita ed alla formazione del sistema linguistico fonografico di tipo alfabetico che usiamo quotidianamente. Dopo esserci occupati della concezione linguistica della scrittura, guarderemo alla diversità ed alle analogie tra circolazione scrittoria e circolazione linguistica, il che ci introdurrà all’aspetto sociolinguistico ed antropologico della scrittura. Vedremo come l’evento scrittorio (nei termini della etnografia del parlato) si caratterizzi per il particolare dominio in cui si iscrive (dominio magico-sacrale, dominio delle transazioni economiche, dominio dell’istruzione formale, dominio del potere politico e delle leggi). In particolar modo sarà mostrato il legame presente nelle diverse culture tra scrittura e magia, scrittura e sacralità, nella preparazione delle tavole di esecrazione e nella costruzione di sortes, amuleti, talismani, pentacoli, coppe magiche, fino all’uso terapeutico della pratica nota come grafofagia. • unità didattica 1: Linguistica ed etnografia della scrittura; • unità didattica 2: Tipologie dei sistemi di scrittura; • unità didattica 3: Sistemi peri-scrittori: sistemi mnemonici, quipu, scrittura per oggetti di proverbi in Africa occidentale; • unità didattica 4: I precursori della scrittura: le pittografie; • unità didattica 5: Le tavolette di Uruk IV; • unità didattica 6: Le scritture mesopotamiche; • unità didattica 7: La scrittura egiziana; • unità didattica 8: I geroglifici in luvio; • unità didattica 9: Le scritture dell'Egeo; • unità didattica 10: La scrittura meso-americana; • unità didattica 11: la scrittura ideografica cinese; • unità didattica 12: il sistema di scrittura misto del giapponese ; • unità didattica 13: l'emergere delle scritture alfabetiche; • unità didattica 14:Aspetti magici, rituali e divinatori della scrittura; • unità didattica 15: Apprendimento e insegnamento della teoria della scrittura.
Risultati di apprendimento attesi• CONOSCENZA E COMPRENSIONE: Comprendere le basi della teoria della scrittura e conoscere la specificità delle diverse tipologia di scrittura • CAPACITA' DI APPLICARE LE CONOSCENZE E LA COMPRENSIONE: Gli studenti dovranno sapere riconoscere e descrivere le differenti tipologie di scrittura.Dovranno inoltre sapere progettare attività didattiche finalizzate all’insegnamento della disciplina. • AUTONOMIA DI GIUDIZIO: Sapere affrontare un'analisi linguistica su un testo scritto in una tipologia di scrittura non alfabetica in modo autonomo • ABILITA' COMUNICATIVE: Sapere esprimere la propria conoscenza della disciplina usando la terminologia linguistica appropriata. • CAPACITA' DI APPRENDIMENTO: Sapere approfondire lo studio dei sistemi di scrittura.
Insegnamento mutuante inLINGUE, CULTURE, TURISMO (A002) - L1176 LINGUISTICA APPLICATA A MAGISTRALE - VERCELLI
FILOSOFIA (1777) - L1176 LINGUISTICA APPLICATA A MAGISTRALE - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - LE0298 LINGUISTICA APPLICATA A MAGISTRALE - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - LE0298 LINGUISTICA APPLICATA A MAGISTRALE - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - LP033 LINGUISTICA APPLICATA A MAGISTRALE - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - LP033 LINGUISTICA APPLICATA A MAGISTRALE - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - LP035 LINGUISTICA APPLICATA A MAGISTRALE - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - LP035 LINGUISTICA APPLICATA A MAGISTRALE - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L1176 LINGUISTICA APPLICATA A MAGISTRALE - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L1176 LINGUISTICA APPLICATA A MAGISTRALE - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoMARKETING E COMUNICAZIONE DELLE IMPRESE TURISTICHE
CodiceLE0152
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoCAPRIELLO Antonella
DocentiCAPRIELLO Antonella
CFU8
Ore di lezione40
Ore di studio individuale160
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)SECS-P/08 - ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoC - Affine o integrativo
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Insegnamento mutuante inLINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L1297 ANALISI E STRATEGIE DEL MARKETING - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L1297 ANALISI E STRATEGIE DEL MARKETING - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L1297 ANALISI E STRATEGIE DEL MARKETING - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L1297 ANALISI E STRATEGIE DEL MARKETING - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoSCUOLA DI SCRITTURA
CodiceL0130
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoMACONI Ludovica
DocentiCANOBBIO Andrea Tullio
CFU6
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-FIL-LET/12 - LINGUISTICA ITALIANA
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoF - Stage e altre attività formative
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Insegnamento mutuato daLINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0130 SCUOLA DI SCRITTURA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoSTORIA DELLA MUSICA
CodiceL0384
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBALDISSERA Andrea
DocentiBALDISSERA Andrea
CFU2
Ore di studio individuale38
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-ART/07 - MUSICOLOGIA E STORIA DELLA MUSICA
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoF - Stage e altre attività formative
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiForme e generi della musica classica occidentale
Testi di riferimentoPaul Griffiths, Breve Storia della Musica, Torino, Einaudi, 2007.
Obiettivi formativiIl corso di prefigge di fornire gli strumenti di base per poter analizzare alcune forme e alcuni generi fondamentali della musica colta occidentale, anche nella loro dimensione evolutiva; verranno presentati - in relazione alle forme analizzate- i principali compositori dei secoli d’oro della musica tonale (XVII-XIX)
PrerequisitiBenché non indispensabile, è utile una conoscenza delle prime basi del linguaggio musicale.
Metodi didatticiLezione con ascolto (e visione, quando necessario) di brani/spezzoni rappresentativi delle forme e dei generi trattati. Ciò permetterà di compiere semplici analisi di campioni musicali significativi. Si forniranno materiali on-line attraverso il servizio DIR.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame orale, della durata di 10-15 minuti Lo studente dovrà dimostrare di sapere orientarsi a grandi linee nel quadro storico della musica tonale (XVII-XIX) e saper ravvisare in un breve ascolto musicale proposto (fra gli esempi trattati a lezione, o uno perfettamente sovrapponibile) le caratteristiche del genere o della forma implicata. Sarà valutata come idonea la prova di chi dimostri di saper riconoscere i generi e le forme illustrati a lezione, e sappia inquadrare -in tale contesto- la produzione di alcune delle più importanti personalità della musica occidentale (secoli XVIII-XIX).
Programma esteso1. Le basi della musica tonale (melodia e armonia, accordi e tonalità; temi e sintassi musicale); 2. Il Concerto (dalle origini barocche al primo Novecento); 3. La Sinfonia nella sua evoluzione formale; 4. Esempi di musica sacra (la messa, e le sue relazioni con la musica profana); 5. Il melodramma, da Monteverdi a Verdi (per campioni significativi).
Risultati di apprendimento attesiCONOSCENZE: Conoscere le forme, i generi (e i compositori) fondamentali della musica colta occidentale, anche nella loro evoluzione COMPETENZE: Saper riconoscere le forme musicali trattate e individuarle nella loro diacronia - Saper riconoscere i dati elementari necessari alla descrizione/definizione di generi e forme musicali ABILITÀ TRASVERSALI - Saper utilizzare una terminologia e un linguaggio basici, ma appropriati,nella presentazione di generi, brani e autori - Saper analizzare, in forma elementare, opere appartenenti alla tradizione classica occidentale.
Insegnamento mutuante inLINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0384 STORIA DELLA MUSICA - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L0384 STORIA DELLA MUSICA - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0384 STORIA DELLA MUSICA - VERCELLI
FILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0384 STORIA DELLA MUSICA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoSTORIA MODERNA E CONTEMPORANEA MAGISTRALE
CodiceLE0243
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoTORTAROLO Edoardo Elio Flaminio
DocentiTORTAROLO Edoardo Elio Flaminio, FRANZINETTI Guido
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LE0244 STORIA MODERNA MAGISTRALE M-STO/02 - STORIA MODERNA TORTAROLO Edoardo Elio Flaminio
LE0245 SOCIAL AND ECONOMIC HISTORY OF EUROPE M-STO/04 - STORIA CONTEMPORANEA FRANZINETTI Guido
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA MODERNA MAGISTRALE
CodiceLE0244
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoTORTAROLO Edoardo Elio Flaminio
DocentiTORTAROLO Edoardo Elio Flaminio
CFU6
Ore di lezione36
Ore di studio individuale114
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-STO/02 - STORIA MODERNA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoitaliano
ContenutiRivoluzioni nel mondo moderno 1776-1989
Testi di riferimentoAlan Taylor, Rivoluzioni americane: una storia continentale 1750-1804, Einaudi 2017; Simon Schama, Cittadini. Cronaca della rivoluzione francese, Mondadori 2017; Michael Rapport, 1848: l'anno della rivoluzione, Laterza 2011; Andrea Graziosi, L'Unione Sovietica, 1914-1991, il Mulino 2011; Maurice Meisner, Mao e la rivoluzione cinese, Einaudi 2010; Tony Judt, Postwar: la nostra storia 1945-2005, Laterza 2017.
Obiettivi formativi• conoscenze e comprensione: conoscenza critica del tema • capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: analisi contestualizzata delle fonti • espressione di giudizi attraverso la scrittura di un paper originale da discutere in sede di esame • abilità nella comunicazione: presentazione efficace dei risultati della ricerca • capacità di studio: essere in grado di analizzare il tema del corso criticamente e sulla base delle fonti messe a disposizione durante le lezioni
Prerequisitiaver sostenuto l'esame di storia moderna A (6CFU) o storia moderna triennale (12CFU) o storia d'Europa (6CFU) o un esame di storia contemporanea.
Metodi didatticilezioni seminariali
Altre informazioniIl corso è seminariale e presuppone avere superato un esame di storia moderna o storia d'Europa o contemporanea. E' riservato agli studenti iscritti a un corso di studio magistrale che si impegnano a frequentare con costanza le lezioni e partecipare attivamente. Chi ha dubbi su come interpretare queste indicazioni è pregato di contattare il docente prima dell'inizio delle lezioni. Discussione dei metodi adatti all'insegnamento nelle scuole.
Modalità di verifica dell'apprendimentoA conclusione delle lezioni gli studenti che avranno seguito constantemente le discussioni presenteranno una relazione su un tema specifico concordato con il docente tra quelli trattati durante il corso. La verifica dell'apprendimento avverrà sulla base della discussione durante il corso (40%) e della presentazione della relazione (60%). Nella relazione presentata dagli studenti saranno valutate le capacità di esporre chiaramente e con senso critico e analitico le problematiche storiche affrontate con adeguata capacità di individuare i processi storici di lungo periodo e la capacità di studiare una scelta di fonti significative, come indicato alla voce Risultati di apprendimento attesi.
Programma esteso1. Interpretare le rivoluzioni mondiali come manifestazioni della modernità 2. Rivoluzione americana 1776-1787 3. Rivoluzione francese 1789-1799 4. Rivoluzione haitiana 1794 5. Rivoluzione del 1848 6. Rivoluzione russa 1917-1924 7. Rivoluzione cinese 1935-1949 8. Rivoluzione iraniana 1979 9. Rivoluzione del 1989
Risultati di apprendimento attesiFornire una preparazione avanzata e specifica basata sul pensiero critico e analitico attraverso un'analisi prolungata delle fonti e mettere in condizione di dare giudizi informati sul passato come base per un giudizio sul presente. Fornire strumenti conoscitivi sui grandi processi di trasformazione transculturale culminati nelle rivoluzioni.
Insegnamento mutuato daFILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L1009 STORIA MODERNA MAGISTRALE - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSOCIAL AND ECONOMIC HISTORY OF EUROPE
CodiceLE0245
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoFRANZINETTI Guido
DocentiFRANZINETTI Guido
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-STO/04 - STORIA CONTEMPORANEA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoINGLESE
ContenutiStoria sociale ed economica d'Europa, 1870-2007
Testi di riferimentoHarol JAMES, Europe reborn : a history, 1914-2000 (Harlow: Longman, 2003)
Obiettivi formativiFornire una comprensione dei temi chiave dei temi sociali ed economici nella storia europea, 1870-2007
PrerequisitiConosscenze di base di storia dell'Europa moderna, sino al 1870
Metodi didatticiLezioni e materiali forniti per via eletronica
Modalità di verifica dell'apprendimentoProva scritta con domande aperte; relazione scritta su temi concordati, discussa anche oralmente; prova orale conclusiva. La prova scritta è elemento decisivo di valutazione e di verifica delle effettive conoscenze. La relazione è un elemento essenziale di conferma della prova precedente; la prova orale finale è un momento per rimediare alle eventuali carenze delle prove e delle relazioni. La prova scritta e la relazione hanno pari peso.
Programma esteso2019 SEHE sillabo 1. Mappatura dell’Europa alla fine del XIX secolo (i) Paesi e regioni centrali (Europea Nord-occidentale ed Europa centrale) (ii) Semiperiferie (Europa Sud-occidentale, Europa Nord-orientale) (iii) Periferie (Europa orientale, Balcani) 2. Dalla “Grande Depressione” all’avvento della politica di massa (i) Il liberalism Classico (ii) La ‘Grande Depressione’ (1873-1896/97) (iii) Migrazioni (interne ed esterne) (iv) Imperi coloniali (v) Espansione del suffragio e avvento della politica di massa (1870-1914) 3. Le conseguenze economiche della Prima Guerra mondiale (1914-1923) (i) Implicazioni economiche e sociali della guerra (ii) Conseguenze sociali della guerra 4. Le conseguenze economiche e sociali della pace (1923-1929) (i) Conseguenze economiche e sociali del nuovo quadro europeo (ii) Quadro politico dell’Europa del dopoguerra (iii) Centro, semiperiferie e periferie (1919-1929) 5. Implicazioni politiche e sociali dell’esperimento comunista (i) La prima fase rivoluzionaria (1917-1921) (ii) Il compromesso della NEP (iii) La svolta del 1929: collettivizzazione e l’industrializzazione (iv) Il Grande Terrore (1934-1938) 6. Le conseguenze economiche e sociali della Grande Crisi (1929-1938) (i) La Grande Crisi del 1929: le conseguenze economiche in Europa (ii) La Grande Crisi del 1929: le conseguenze economiche in Europa 7. La Seconda Guerra Mondiale (1938-1945) (i) Implicazioni economiche e sociali della Guerra (ii) La prima parte della Seconda Guerra Mondiale (1939-1942): conseguenze politiche e sociali (iii) La seconda parte della Seconda Guerra Mondiale (1942-1945): conseguenze politiche e sociali 8. Le conseguenze sociali ed economiche dell’ordinamento post-bellico (i) La Guerra Fredda come sistema politico, sociale ed economico (ii) La Guerra Fredda nel blocco sovietico (iii) La Guerra Fredda nel blocco occidentale 9. La trasformazione economica e sociale dell’Europa (1948-1955) (i) La ricostruzione dell’Europa occidentale (ii) La sovietizzazione dell’Europa orientale 10. Le conseguenze sociali ed econoimiche delal decolonizzazione (i) La decolonizzazione Britannica (ii) La decolonizzazione francese (iii) La decolonizzazione olandese e belga 11. Le trasformazioni sociali ed economiche dell’Europa comunista (1956-1968) (i) Le prime crisi dei sistemi comunisti esteuropei (ii) Il consolidamento dei sistemi comunisti esteuropei 12. La trasformazione delle economie e delle società europee, 1971-1979 (i) La crisi del dollaro americano e le sue conseguenze economiche e sociali (1971) (ii) Le crisi petrolifere (1973 e 1978) (iii) Crisi e rinnovamento in Europa occidentale, 1971-79 (iv) Cisi e stagnazione in Europa orientale 13. 12. La trasformazione delle economie e delle società europee, 1979-1986 (i) Le conseguenze economiche e sociali della Seconda Guerra Fredda (ii) L’ascesa del ‘neoliberismo’ (iii) L’Atto Unico Europeo (1986) 14. Le conseguenze economiche e sociali della fine della Guerra Fredda (i) Lo smantellamento del sistema in Europa orientale (1989) (ii) Lo smantellamento dell’Unione sovietica (1991) 15. Quadro complessivo (i) Maastrich e oltre: la UE dal 1992 in poi (ii) Le transizioni dell’Europa centro-orientale (iii) La UE e l’allargamento della NATO
Risultati di apprendimento attesiLa capacità di contestualizzare i temi sociali ed economici della storia europea, 1870-2007. In particolare: (i) Conoscenza dei punti chiave (politici, economici e sociali) della storia europea, 1870-2004; (ii) Capacità di capire e di focalizzarsi sui temi chiave del periodo; (iii) Capacità di esprimersi in modo chiaro e focalizzato; (iv) Capacità di scrivere e discutere una relazione su di un tema concordato.
Insegnamento mutuante inFILOSOFIA (1777) - L1011 STORIA CONTEMPORANEA C MAGISTRALE - VERCELLI
FILOSOFIA (1777) - L1011 STORIA CONTEMPORANEA C MAGISTRALE - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - LE0246 SOCIAL AND ECONOMIC HISTORY OF EUROPE - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L1011 STORIA CONTEMPORANEA C MAGISTRALE - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L1011 STORIA CONTEMPORANEA C MAGISTRALE - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoULTERIORI CONOSCENZE (Convegni e Seminari)
CodiceL0170
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
CFU6
Ore di studio individuale90
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoF - Stage e altre attività formative
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoULTERIORI CONOSCENZE (Convegni e Seminari)
CodiceL0170
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2018/2019
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
CFU6
Ore di studio individuale90
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoF - Stage e altre attività formative
Anno1
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoARTE E TERRITORIO IN ETA' MEDIEVALE E MODERNA
CodiceLE0159
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoLOMARTIRE Saverio
DocentiZAMBRANO Patrizia, LOMARTIRE Saverio
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno2
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoItaliano
Contenuti1. ARCHITETTURA E ARTI NELL'ITALIA NORD-OCCIDENTALE TRA IX E XI SECOLO: IL RUOLO DELLA COMMITTENZA VESCOVILE 2.ARTE E TERRITORIO TRA CENTRO E PERIFERIA NELL'ITALIA MODERNA.
Testi di riferimentoPARTE 1. Testo di riferimento (facoltativo) con estratti antologici: G. Binding, Der früh- und hochmittelalterliche Bauherr als sapiens architectes, Darmstadt, Wissenschaftliche Buchgesellschaft, 1998. Ansperto da Biassono, a cura di Martina Basile Weatherill, Manuela Beretta e Miriam Rita Tessera, Milano, Scalpendi Editore, 2018 (pubblicazione prevista per l'autunno 2018); L’Altare d’Oro di Sant’Ambrogio, a cura di C. Capponi, Cinisello Balsamo 1996; A. Peroni, Il ruolo della committenza vescovile alle soglie del Mille: il caso di Warmondo di Ivrea, in Committenti e produzione artistico-letteraria nell’alto medioevo occidentale, XXXIX Settimana di studio del Centro Italiano di Studi sull’Alto Medioevo (Spoleto, 4-10 aprile 1991), Spoleto 1992, pp. 243-271; C. Maritano, Warmondo d’Ivrea vescovo e committente, “Bollettino storico-bibliografico subalpino”, XCVIII (2000) 1, pp. 77-104; C. Maritano, I miniatori del vescovo Warmondo d’Ivrea, “Atti della Accademia delle Scienze di Torino”, 137 (2003), pp. 43 – 73; P. A. Margaux, Warmond d’Ivrée et ses images. Politique et création iconographique autour de l’an mil, Bern, 2002; G. Gandino, Orizzonti politici ed esperienze culturali dei vescovi di Vercelli tra i secoli IX e XI, in Ead., Contemplare l’ordine: intellettuali e potenti dell’alto medioevo, Napoli 2004, pp. 65-81: 74-81; C. Bertelli, Sant’Ambrogio da Angilberto II a Gotofredo, in Il millennio ambrosiano. La città del vescovo dai Carolinigi al Barbarossa, a cura di C. Bertelli, Milano 1988, p. 72-75; C. Tosco, Architetti e committenti nel Romanico lombardo, Roma 1992; C. Tosco, la committente vescovile nell'ix secolo nel romanico lombardo, in Bischöfliches Bauen im 11. Jahrhunderts, a cura di J. Jarnut et al., Paderborn, Fink, 2009, pp. 25-54; C. Tosco, Architettura e scultura landolfiana, in Il rifugio del Vescovo. Testona e Moncalieri nella diocesi medievale di Torino, a cura di G. Casiraghi, Torino 1997, pp. 161-205; B. Brenk, La committenza di Ariberto d’Intimiano, in Il millennio ambrosiano. La città del vescovo dai Carolinigi al Barbarossa, a cura di C. Bertelli, Milano 1988, pp. 124-155; E. Lampugnani, Ariberto, custos a Galliano e arcivescovo a Milano. La personalità storica di un committente artistico attraverso i suoi “ritratti”, “Archivio storico lombardo”, 129 (2003), pp. 11-48; C. Maritano, Warmondo d’Ivrea vescovo e committente, “Bollettino storico-bibliografico subalpino”, 98/1 (2000), pp. 77-104; Ariberto da Intimiano, fede potere e cultura a Milano nel secolo XI, a cura di E. Bianchi, Cinisello Balsamo, Silvana Editoriale, 2007 (in part. S. Lomartire, "Ut aula Domini resplendeat. Ariberto di intimano arcivescovo e committente", ivi, pp. 41-69); Il Crocifisso di Ariberto. Un mistero millenario intorno al simbolo della cristianità, catalogo della mostra a cura di E. Brivio, Ed. Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo, Milano 1997; L'Evangeliario di Ariberto. Un capolavoro dell'oreficeria medievale lombarda, a cura di Alessandro Tomei, Ed. Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo-Milano 1999. PARTE 2. - CASTELNUOVO, ENRICO e GINZBURG, CARLO, “Centro e periferia”, in Storia dell’arte italiana. Questioni e metodi, a cura di Giovanni Previtali, parte prima Materiali e problemi, vol. I, Questioni e metodi, Giulio Einaudi Editore, Torino 1979, pp. 283-352 (Biblioteca DSU); - ROSSO, CLAUDIO, “Gli incerti confini del Piemonte orientale”, in “Letteratura di frontiera: il Piemonte orientale”, a cura di Roberto Carnero, Mercurio, Vercelli 2004, pp. 383-400 (Biblioteca DSU); - “Arte e storia a Vercelli nel Cinquecento”, a cura di P. Zambrano in “Storia di Vercelli in età moderna e contemporanea”, 2 voll., a cura di Edoardo Tortarolo, UTET, Torino 2011, vol. 1, pp. 409-454; (Biblioteca DSU). Ulteriori letture verranno indicate nel corso delle lezioni, pubblicate, ove possibile, su D.I.R. o raccolte in un fascicolo di documentazione messo a disposizione degli Studenti.
Obiettivi formativiPARTE 1. • obiettivi - conoscenze e comprensione: Avere una buona conoscenza dei principali complessi architettonici e artistici del periodo preso in considerazione e delle fonti relative alla committenza. • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Saper ricondurre le caratteristiche dei manufatti e dei monumenti esaminati a specifiche esigenze della committenza. • obiettivi - espressione di giudizi: Saper valutare la corrispondenza di quanto trasmesso dalle fonti riguardo alla comittenza con gli elementi formali caratterizzanti dei complessi edilizi e dei manufatti di pittura, scultura, miniatura e oreficeria. • obiettivi - abilità nella comunicazione: Saper illustrare le dinamiche della committenza vescovile nel periodo esaminato in rapporto alla produzione architettonica e artistica. • obiettivi - capacità di studio: Saper mettere in relazione i dati forniti dalle fonti e quelli forniti dalla letteratura specialistica. PARTE2. • obiettivi - conoscenze e comprensione: Conoscenza di base di fatti storici e dinamiche che regolano i rapporti tra centri di produzione artistica, cultura e pubblico in età moderna, nell’area geografica italiana. • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Sapere riconoscere e definire il contesto culturale, artistico e geografico in cui un'opera è nata e le dinamiche in cui essa si è inserita. • obiettivi - espressione di giudizi: Sapere esprimere compiutamente il rilievo storico di un'opera d'arte entro un contesto complesso di rapporti territoriali, geografici e culturali. • obiettivi - abilità nella comunicazione: Sapere illustrare ad un gruppo di adulti interessati e non specialisti i caratteri ed i contenuti della produzione artistica di un luogo, in rapporto al contesto culturale e geografico in cui essa sussiste. • obiettivi - capacità di studio: Sapere affrontare la lettura di testi scritti e figurativi che illustrino la produzione culturale dei centri artistici italiani dell’età moderna.
PrerequisitiPARTI 1. e 2. Adeguata conoscenza dei fondamenti della Storia dell'Arte Medievale e Moderna. Conoscenza almeno manualistica di Storia Medievale e Moderna e di Letteratura italiana. In particolare: A coloro che non hanno sostenuto un esame di Storia dell'Arte medievale nel corso della Laura triennale è consigliato che la preparazione sia accompagnata dalla lettura di un manuale - a scelta - di Storia dell'Arte medievale (fare riferimento al programma di Storia dell'Arte medievale A del triennio). PARTE 2 Per chi non lo avesse fatto negli anni del triennio, è consigliato che la preparazione si accompagni allo studio di un manuale di Storia dell’Arte Moderna (manuale consigliato: P.L. De Vecchi − E. Cerchiari, “I tempi dell’Arte”, Bompiani, Milano 1999 ed edizioni successive, volume 2, tomo I. Studenti non frequentanti concorderanno il programma con la docente.
Metodi didatticiLezioni frontali, visite a siti, musei, monumenti, mostre. Il corso prevede una serie di visite a siti e monumenti, musei, edifici di culto e mostre che sono da considerarsi parte integrante del corso stesso. Date ed orari delle visite verranno concordati a lezione o tramite forum D.I.R.
Altre informazioniGli studenti interessati a ricevere informazioni e aggiornamenti sono caldamente invitati ad iscriversi al corso su D.I.R. ed a partecipare al forum. Si consiglia di fare riferimento alle pagine su D.I.R: relative rispettivamente ai corsi di Storia dell'Arte medievale I M (prof. S. Lomartire) e Arte e territorio (prof. P. Zambrano).
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa verifica dell’apprendimento avviene mediante un esame orale della durata di circa trenta minuti. L’esame consiste in un colloquio, si articola in 4-5 domande e verte sui temi trattati in classe e sulla bibliografia assegnata*. Le visite svolte durante il corso sono parte integrante del programma e sono argomento di esame. Nel corso dell’esame è consigliabile avere con sé le immagini del corso. La valutazione della prova d’esame, espressa in trentesimi, avviene sulla base dei seguenti parametri: 1) conoscenza delle nozioni fondamentali presentate a lezione e nei testi indicati nella bibliografia* (18 punti su 30); 2) capacità di ragionamento critico e di operare associazioni e collegamenti (6 punti su 30); 3) capacità di organizzare in modo discorsivo la conoscenza e di esprimerla, in maniera efficace e lineare, impiegando il lessico specialistico, ove utile (6 punti su 30). *(Per gli Studenti non frequentanti, solo sulla bibliografia assegnata).
Programma estesoPARTE 1. Verrà esaminata una serie di architetture e opere riconducibile a committenze ecclesiastiche, e in particolare vescovili, databili tra IX e XI secolo nell'Italia nordoccidentale. Dopo una parte propedeutica, lo studio procederà in ordine cronologico e ripercorrerà inizialmente le vicende biografiche di alcuni dei maggiori committenti del periodo nell'area geografica indicata. Successivamente verranno esaminate approfonditamente le maggiori opere attribuibili ai quei committenti, sulla base delle ricerche più aggiornate. Unità didattica 1: Il concetto moderno di committenti e differenze con il concetto medievale. Il committente come "primus auctor" e come "sapiens architectus". Testimonianze di vescovi committenti dalla tarda antichità al primo medioevo in ambito europeo sulla base delle fonti: 8 ore. Unità didattica 2: la situazione politico-religiosa nell'Italia settentrionale dall'età carolingia fino all'XI secolo e il ruolo dei vescovi: 4 ore. Unità 3: Milano: Angilberto II, Ansperto, Gotofredo, Arderico, Arnolfo, Ariberto di Intimiano: 6 ore Unità 3: il Piemonte medievale: Brunimmo di Asti, Pietro III di Novara, Warmondo di Ivrea, Leone di Vercelli: 4 ore. Unità 4: Esame delle opere, con riferimento alle fonti e alla letteratura aggiornata. Visita ad alcuni contesti (Vercelli, Milano, Galliano, Novara): 14 ore. PARTE 2. Il corso prenderà la mosse da una definizione storica del concetto di centro artistico nel più ampio contesto della geografia artistica. Ne percorrerà la storia e fornirà una serie di esempi e casi di studio prevalentemente incentrati sull'area piemontese, specie nelle dinamiche tra questa area geografica e quelle adiacenti.
Risultati di apprendimento attesiAcquisizione di contenuti, metodi e lessico relativi alla conoscenza della presenza di contesti storicio artistici territoriali. Capacità di applicare le conoscenze acquisite dimostrando di potersi orientare nello spazio e nel tempo, relativamente a contesti storico artistici territoriali di età medievale e moderna. Utilizzazione delle conoscenze acquisite al fine di sviluppare competenze utili nella trasmissione e divulgazione dei contesti storico artistici territoriali.
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
L1237 ARTE E TERRITORIO M L-ART/02 - STORIA DELL'ARTE MODERNA ZAMBRANO Patrizia
L1046 STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE I M L-ART/01 - STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE LOMARTIRE Saverio
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoARTE E TERRITORIO M
CodiceL1237
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoZAMBRANO Patrizia
DocentiZAMBRANO Patrizia
CFU6
Ore di lezione36
Ore di studio individuale114
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-ART/02 - STORIA DELL'ARTE MODERNA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiARTE E TERRITORIO TRA CENTRO E PERIFERIA NELL'ITALIA MODERNA.
Testi di riferimento- CASTELNUOVO, ENRICO e GINZBURG, CARLO, “Centro e periferia”, in Storia dell’arte italiana. Questioni e metodi, a cura di Giovanni Previtali, parte prima Materiali e problemi, vol. I, Questioni e metodi, Giulio Einaudi Editore, Torino 1979, pp. 283-352 (Biblioteca DSU); - ROSSO, CLAUDIO, “Gli incerti confini del Piemonte orientale”, in “Letteratura di frontiera: il Piemonte orientale”, a cura di Roberto Carnero, Mercurio, Vercelli 2004, pp. 383-400 (Biblioteca DSU); - “Arte e storia a Vercelli nel Cinquecento”, a cura di P. Zambrano in “Storia di Vercelli in età moderna e contemporanea”, 2 voll., a cura di Edoardo Tortarolo, UTET, Torino 2011, vol. 1, pp. 409-454; (Biblioteca DSU). Ulteriori letture verranno indicate nel corso delle lezioni, pubblicate, ove possibile, su D.I.R. o raccolte in un fascicolo di documentazione messo a disposizione degli Studenti. Per chi non lo avesse fatto negli anni del triennio, è consigliato che la preparazione si accompagni allo studio di un manuale di Storia dell’Arte Moderna (manuale consigliato: P.L. De Vecchi − E. Cerchiari, “I tempi dell’Arte”, Bompiani, Milano 1999 ed edizioni successive, volume 2, tomo I. Studenti non frequentanti concorderanno il programma con la docente.
Obiettivi formativi• obiettivi - conoscenze e comprensione: Conoscenza di base di fatti storici e dinamiche che regolano i rapporti tra centri di produzione artistica, cultura e pubblico in età moderna, nell’area geografica italiana. • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Sapere riconoscere e definire il contesto culturale, artistico e geografico in cui un'opera è nata e le dinamiche in cui essa si è inserita. • obiettivi - espressione di giudizi: Sapere esprimere compiutamente il rilievo storico di un'opera d'arte entro un contesto complesso di rapporti territoriali, geografici e culturali. • obiettivi - abilità nella comunicazione: Sapere illustrare ad un gruppo di adulti interessati e non specialisti i caratteri ed i contenuti della produzione artistica di un luogo, in rapporto al contesto culturale e geografico in cui essa sussiste. • obiettivi - capacità di studio: Sapere affrontare la lettura di testi scritti e figurativi che illustrino la produzione culturale dei centri artistici italiani dell’età moderna.
PrerequisitiAdeguata conoscenza dei fondamenti della Storia dell'Arte Moderna. Conoscenza almeno manualistica di Storia Moderna e di Letteratura italiana.
Metodi didatticiLezioni frontali, visite a siti, musei, monumenti, mostre. Il corso prevede una serie di visite a siti e monumenti, musei, edifici di culto e mostre che sono da considerarsi parte integrante del corso stesso. Date ed orari delle visite verranno concordati a lezione o tramite forum D.I.R.
Altre informazioniL'indirizzo di posta elettronica di Patrizia Zambrano è: patrizia.zambrano@uniupo.it. Lo studio di Patrizia Zambrano si trova presso il Dipartimento di Studi Umanistici, San Giuseppe, Piazza Sant'Eusebio 5, III piano, studio 19. Tutti gli Studenti interessati a ricevere informazioni e aggiornamenti sono invitati ad iscriversi al corso su D.I.R. ed a partecipare al forum.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa verifica dell’apprendimento avviene mediante un esame orale della durata di circa trenta minuti. L’esame consiste in un colloquio, si articola in 4-5 domande e verte sui temi trattati in classe e sulla bibliografia assegnata*. Le visite svolte durante il corso sono parte integrante del programma e sono argomento di esame. Nel corso dell’esame è consigliabile avere con sé le immagini del corso. La valutazione della prova d’esame, espressa in trentesimi, avviene sulla base dei seguenti parametri: 1) conoscenza delle nozioni fondamentali presentate a lezione e nei testi indicati nella bibliografia* (18 punti su 30); 2) capacità di ragionamento critico e di operare associazioni e collegamenti (6 punti su 30); 3) capacità di organizzare in modo discorsivo la conoscenza e di esprimerla, in maniera efficace e lineare, impiegando il lessico specialistico, ove utile (6 punti su 30). *(Per gli Studenti non frequentanti, solo sulla bibliografia assegnata).
Programma estesoIl corso prenderà la mosse da una definizione storica del concetto di centro artistico nel più ampio contesto della geografia artistica. Ne percorrerà la storia e fornirà una serie di esempi e casi di studio prevalentemente incentrati sull'area piemontese, specie nelle dinamiche tra questa area geografica e quelle adiacenti.
Risultati di apprendimento attesiAcquisizione di contenuti, metodi e lessico relativi alla conoscenza della presenza di contesti storicio artistici territoriali. Capacità di applicare le conoscenze acquisite dimostrando di potersi orientare nello spazio e nel tempo, relativamente a contesti storico artistici territoriali di età moderna. Utilizzazione delle conoscenze acquisite al fine di sviluppare competenze utili nella trasmissione e divulgazione dei contesti storico artistici territoriali.
Insegnamento mutuato daFILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L1052 ARTE E TERRITORIO M - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA DELL'ARTE MEDIEVALE I M
CodiceL1046
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoLOMARTIRE Saverio
DocentiLOMARTIRE Saverio
CFU6
Ore di lezione36
Ore di studio individuale114
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-ART/01 - STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiArchitettura e arti nell'Italia nord-occidentale tra IX e XI secolo: il ruolo della committenza vescovile.
Testi di riferimentoBibliografia completa (in vista dell'esame saranno indicati i testi obbligatori e quelli tra i quali scegliere): Testo di riferimento (facoltativo) con estratti antologici: G. Binding, Der früh- und hochmittelalterliche Bauherr als sapiens architectes, Darmstadt, Wissenschaftliche Buchgesellschaft, 1998. Ansperto da Biassono, a cura Martina Basile Weatherill, Manuela Beretta e Miriam Rita Tessera, Milano, Scalpendi Editore, 2018 (pubblicazione prevista per l'autunno 2018); L’Altare d’Oro di Sant’Ambrogio, a cura di C. Capponi, Cinisello Balsamo 1996; A. Peroni, Il ruolo della committenza vescovile alle soglie del Mille: il caso di Warmondo di Ivrea, in Committenti e produzione artistico-letteraria nell’alto medioevo occidentale, XXXIX Settimana di studio del Centro Italiano di Studi sull’Alto Medioevo (Spoleto, 4-10 aprile 1991), Spoleto 1992, pp. 243-271; C. Maritano, Warmondo d’Ivrea vescovo e committente, “Bollettino storico-bibliografico subalpino”, XCVIII (2000) 1, pp. 77-104; C. Maritano, I miniatori del vescovo Warmondo d’Ivrea, “Atti della Accademia delle Scienze di Torino”, 137 (2003), pp. 43 – 73; P. A. Margaux, Warmond d’Ivrée et ses images. Politique et création iconographique autour de l’an mil, Bern, 2002; G. Gandino, Orizzonti politici ed esperienze culturali dei vescovi di Vercelli tra i secoli IX e XI, in Ead., Contemplare l’ordine: intellettuali e potenti dell’alto medioevo, Napoli 2004, pp. 65-81: 74-81; C. Bertelli, Sant’Ambrogio da Angilberto II a Gotofredo, in Il millennio ambrosiano. La città del vescovo dai Carolinigi al Barbarossa, a cura di C. Bertelli, Milano 1988, p. 72-75; C. Tosco, Architetti e committenti nel Romanico lombardo, Roma 1992; C. Tosco, la committente vescovile nell'ix secolo nel romanico lombardo, in Bischöfliches Bauen im 11. Jahrhunderts, a cura di J. Jarnut et al., Paderborn, Fink, 2009, pp. 25-54; C. Tosco, Architettura e scultura landolfiana, in Il rifugio del Vescovo. Testona e Moncalieri nella diocesi medievale di Torino, a cura di G. Casiraghi, Torino 1997, pp. 161-205; B. Brenk, La committenza di Ariberto d’Intimiano, in Il millennio ambrosiano. La città del vescovo dai Carolinigi al Barbarossa, a cura di C. Bertelli, Milano 1988, pp. 124-155; E. Lampugnani, Ariberto, custos a Galliano e arcivescovo a Milano. La personalità storica di un committente artistico attraverso i suoi “ritratti”, “Archivio storico lombardo”, 129 (2003), pp. 11-48; C. Maritano, Warmondo d’Ivrea vescovo e committente, “Bollettino storico-bibliografico subalpino”, 98/1 (2000), pp. 77-104; Ariberto da Intimiano, fede potere e cultura a Milano nel secolo XI, a cura di E. Bianchi, Cinisello Balsamo, Silvana Editoriale, 2007 (in part. S. Lomartire, "Ut aula Domini resplendeat. Ariberto di intimano arcivescovo e committente", ivi, pp. 41-69); Il Crocifisso di Ariberto. Un mistero millenario intorno al simbolo della cristianità, catalogo della mostra a cura di E. Brivio, Ed. Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo, Milano 1997; L'Evangeliario di Ariberto. Un capolavoro dell'oreficeria medievale lombarda, a cura di Alessandro Tomei, Ed. Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo-Milano 1999.
Obiettivi formativi• obiettivi - conoscenze e comprensione: Avere una buona conoscenza dei principali complessi architettonici e artistici del periodo preso in considerazione e delle fonti relative alla committenza. • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Saper ricondurre le caratteristiche dei manufatti e dei monumenti esaminati a specifiche esigenze della committenza. • obiettivi - espressione di giudizi: Saper valutare la corrispondenza di quanto trasmesso dalle fonti riguardo alla comittenza con gli elementi formali caratterizzanti dei complessi edilizi e dei manufatti di pittura, scultura, miniatura e oreficeria. • obiettivi - abilità nella comunicazione: Saper illustrare le dinamiche della committenza vescovile nel periodo esaminato in rapporto alla produzione architettonica e artistica. • obiettivi - capacità di studio: Saper mettere in relazione i dati forniti dalle fonti e quelli forniti dalla letteratura specialistica.
PrerequisitiAver seguito il corso di Storia dell'Arte Medievale A.
Metodi didatticiLezioni, seminari ed esercitazioni, visite di studio a musei e a contesti monumentali e artistici.
Altre informazioniOltre alla visita di studio programmata potranno essere concordate visite ad altri contesti monumentali (Milano, Galliano, Ivrea) sulla base del numero delle adesioni.
Modalità di verifica dell'apprendimentoAl termine del corso è prevista una prova di valutazione sotto forma di esame orale, della durata minima di venti minuti, tendente a verificare il raggiungimento degli obiettivi formativi tramite: 1. conoscenza del ruolo del committente nella formazione dell'opera d'arte medievale e delle fonti relative a tale ruolo; 2. capacità di collegare le opere a momenti significativi dell'attività dei singoli committenti; 3. capacità di mettere in relazione le opere con i contesti culturali / artistici / architettonici del periodo di riferimento; 4. possesso della terminologia specifica della disciplina. In particolare verrà dato il seguente peso alla verifica del raggiungimento dei predetti obiettivi formativi: 1. 30%; 2. 30%; 3. 20%; 4. 20%.
Programma estesoVerrà esaminata una serie di architetture e opere riconducibile a committenze ecclesiastiche, e in particolare vescovili, databili tra IX e XI secolo nell'Italia nordoccidentale. Dopo una parte propedeutica, lo studio procederà in ordine cronologico e ripercorrerà inizialmente le vicende biografiche di alcuni dei maggiori committenti del periodo nell'area geografica indicata. Successivamente verranno esaminate approfonditamente le maggiori opere attribuibili ai quei committenti, sulla base delle ricerche più aggiornate. Unità didattica 1: Il concetto moderno di committenti e differenze con il concetto medievale. Il committente come "primus auctor" e come "sapiens architectus". Testimonianze di vescovi committenti dalla tarda antichità al primo medioevo in ambito europeo sulla base delle fonti: 8 ore. Unità didattica 2: la situazione politico-religiosa nell'Italia settentrionale dall'età carolingia fino all'XI secolo e il ruolo dei vescovi: 4 ore. Unità 3: Milano: Angilberto II, Ansperto, Gotofredo, Arderico, Arnolfo, Ariberto di Intimiano: 6 ore Unità 3: il Piemonte medievale: Brunimmo di Asti, Pietro III di Novara, Warmondo di Ivrea, Leone di Vercelli: 4 ore. Unità 4: Esame delle opere, con riferimento alle fonti e alla letteratura aggiornata. Visita ad alcuni contesti (Vercelli, Milano, Galliano, Novara): 14 ore.
Risultati di apprendimento attesi1. Conoscenza delle dinamiche della committenza artistica nel Medioevo e delle fonti relative alla committente vescovile, con particolare riferimento ai personaggi e alle opere trattate nel corso (50% della valutazione). 2. Capacità di descrivere le opere, collocandole nella corretta sequenza cronologica, assoluta e relativa, e nel rapporto con altre opere di architettura e arte del periodo preso in esame (50% della valutazione).
Insegnamento mutuato daLETTERE (1722) - LE0175 STORIA DELL'ARTE MEDIEVALE B - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoARTE POLITICHE CULTURALI E TERRITORIO
CodiceLE0160
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoZAMBRANO Patrizia
DocentiZAMBRANO Patrizia, VANNUGLI Antonio
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno2
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LE0161 ARTE E TERRITORIO M L-ART/02 - STORIA DELL'ARTE MODERNA ZAMBRANO Patrizia
LE0162 ARTE E POLITICHE CULTURALI L-ART/03 - STORIA DELL'ARTE CONTEMPORANEA VANNUGLI Antonio
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoARTE E TERRITORIO M
CodiceLE0161
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoZAMBRANO Patrizia
DocentiZAMBRANO Patrizia
CFU6
Ore di lezione36
Ore di studio individuale114
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-ART/02 - STORIA DELL'ARTE MODERNA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiARTE E TERRITORIO TRA CENTRO E PERIFERIA NELL'ITALIA MODERNA.
Testi di riferimento- CASTELNUOVO, ENRICO e GINZBURG, CARLO, “Centro e periferia”, in Storia dell’arte italiana. Questioni e metodi, a cura di Giovanni Previtali, parte prima Materiali e problemi, vol. I, Questioni e metodi, Giulio Einaudi Editore, Torino 1979, pp. 283-352 (Biblioteca DSU); - ROSSO, CLAUDIO, “Gli incerti confini del Piemonte orientale”, in “Letteratura di frontiera: il Piemonte orientale”, a cura di Roberto Carnero, Mercurio, Vercelli 2004, pp. 383-400 (Biblioteca DSU); - “Arte e storia a Vercelli nel Cinquecento”, a cura di P. Zambrano in “Storia di Vercelli in età moderna e contemporanea”, 2 voll., a cura di Edoardo Tortarolo, UTET, Torino 2011, vol. 1, pp. 409-454; (Biblioteca DSU). Ulteriori letture verranno indicate nel corso delle lezioni, pubblicate, ove possibile, su D.I.R. o raccolte in un fascicolo di documentazione messo a disposizione degli Studenti. Per chi non lo avesse fatto negli anni del triennio, è consigliato che la preparazione si accompagni allo studio di un manuale di Storia dell’Arte Moderna (manuale consigliato: P.L. De Vecchi − E. Cerchiari, “I tempi dell’Arte”, Bompiani, Milano 1999 ed edizioni successive, volume 2, tomo I. Studenti non frequentanti concorderanno il programma con la docente.
Obiettivi formativi• obiettivi - conoscenze e comprensione: Conoscenza di base di fatti storici e dinamiche che regolano i rapporti tra centri di produzione artistica, cultura e pubblico in età moderna, nell’area geografica italiana. • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Sapere riconoscere e definire il contesto culturale, artistico e geografico in cui un'opera è nata e le dinamiche in cui essa si è inserita. • obiettivi - espressione di giudizi: Sapere esprimere compiutamente il rilievo storico di un'opera d'arte entro un contesto complesso di rapporti territoriali, geografici e culturali. • obiettivi - abilità nella comunicazione: Sapere illustrare ad un gruppo di adulti interessati e non specialisti i caratteri ed i contenuti della produzione artistica di un luogo, in rapporto al contesto culturale e geografico in cui essa sussiste. • obiettivi - capacità di studio: Sapere affrontare la lettura di testi scritti e figurativi che illustrino la produzione culturale dei centri artistici italiani dell’età moderna.
PrerequisitiAdeguata conoscenza dei fondamenti della Storia dell'Arte Moderna. Conoscenza almeno manualistica di Storia Moderna e di Letteratura italiana.
Metodi didatticiLezioni frontali, visite a siti, musei, monumenti, mostre. Il corso prevede una serie di visite a siti e monumenti, musei, edifici di culto e mostre che sono da considerarsi parte integrante del corso stesso. Date ed orari delle visite verranno concordati a lezione o tramite forum D.I.R.
Altre informazioniL'indirizzo di posta elettronica di Patrizia Zambrano è: patrizia.zambrano@uniupo.it. Lo studio di Patrizia Zambrano si trova presso il Dipartimento di Studi Umanistici, San Giuseppe, Piazza Sant'Eusebio 5, III piano, studio 19. Tutti gli Studenti interessati a ricevere informazioni e aggiornamenti sono invitati ad iscriversi al corso su D.I.R. ed a partecipare al forum.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa verifica dell’apprendimento avviene mediante un esame orale della durata di circa trenta minuti. L’esame consiste in un colloquio, si articola in 4-5 domande e verte sui temi trattati in classe e sulla bibliografia assegnata*. Le visite svolte durante il corso sono parte integrante del programma e sono argomento di esame. Nel corso dell’esame è consigliabile avere con sé le immagini del corso. La valutazione della prova d’esame, espressa in trentesimi, avviene sulla base dei seguenti parametri: 1) conoscenza delle nozioni fondamentali presentate a lezione e nei testi indicati nella bibliografia* (18 punti su 30); 2) capacità di ragionamento critico e di operare associazioni e collegamenti (6 punti su 30); 3) capacità di organizzare in modo discorsivo la conoscenza e di esprimerla, in maniera efficace e lineare, impiegando il lessico specialistico, ove utile (6 punti su 30). *(Per gli Studenti non frequentanti, solo sulla bibliografia assegnata).
Programma estesoIl corso prenderà la mosse da una definizione storica del concetto di centro artistico nel più ampio contesto della geografia artistica. Ne percorrerà la storia e fornirà una serie di esempi e casi di studio prevalentemente incentrati sull'area piemontese, specie nelle dinamiche tra questa area geografica e quelle adiacenti.
Risultati di apprendimento attesiAcquisizione di contenuti, metodi e lessico relativi alla conoscenza della presenza di contesti storicio artistici territoriali. Capacità di applicare le conoscenze acquisite dimostrando di potersi orientare nello spazio e nel tempo, relativamente a contesti storico artistici territoriali di età moderna. Utilizzazione delle conoscenze acquisite al fine di sviluppare competenze utili nella trasmissione e divulgazione dei contesti storico artistici territoriali.
Insegnamento mutuato daFILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L1052 ARTE E TERRITORIO M - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoARTE E POLITICHE CULTURALI
CodiceLE0162
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoVANNUGLI Antonio
DocentiVANNUGLI Antonio
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-ART/03 - STORIA DELL'ARTE CONTEMPORANEA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiL’IMMAGINE DELL’ITALIA NELL’EUROPA DI ANTICO REGIME E L’ESPERIENZA DEL GRAND TOUR
Testi di riferimentoF. Zeri, La percezione visiva dell’Italia e degli Italiani, Einaudi, Torino 1976 e 1989; A. Brilli, Il viaggio in Italia. Storia di una grande tradizione culturale, Pizzi, Cinisello Balsamo 1987, Silvana, Cinisello Balsamo 1989, e Il Mulino, Bologna 2006; A. Brilli, Quando viaggiare era un’arte. Il romanzo del Grand Tour, Il Mulino, Bologna 1995; A. Brilli, Un paese di romantici briganti. Gli Italiani nell’immaginario del Grand Tour, Il Mulino, Bologna 2003; A. Brilli, Il grande racconto del viaggio in Italia. Itinerari di ieri per viaggiatori di oggi, Il Mulino, Bologna 2014; J. Black, Italy and the Grand Tour, Yale U.P., New Haven 2003; C. De Seta, L’Italia del Grand Tour. Da Montaigne a Goethe, Electa, Napoli 1992 e 2001; C. De Seta, L’Italia nello specchio del Grand Tour, Rizzoli, Milano 2014; Grand Tour. Il fascino dell’Italia nel XVIII secolo, catalogo della mostra di Roma a cura di A. Wilton e I. Bergamini, Skira, Milano 1997; Grand Tour. Viaggi narrati e dipinti, a cura di C. De Seta, Electa, Napoli 2001; Viaggio in Italia. Un corteo magico dal Cinquecento al Novecento, catalogo della mostra di Genova a cura di G. Marcenaro e P. Boragina, Electa, Milano 2001. Inoltre, un’antologia di brani dai diari di viaggio di Montaigne, Symonds, Brosses, Lalande, Sade, Cochin, Montesquieu, Goethe, Chateaubriand, Stendhal e altri.
Obiettivi formativi• Conoscenze e comprensione: conoscere quale fu l'immagine dell’Italia e degli Italiani nella cultura delle altre nazioni europee, nonché i luoghi prediletti e le principali aspettative dei viaggiatori stranieri in Italia. Delinearne quindi l’evoluzione nel tempo, valutare il grado di obiettività dei giudizi e l’instaurarsi di distorsioni e luoghi comuni. • Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: acquisire il possesso degli strumenti basilari per leggere e interpretare criticamente diari e resoconti di viaggio in Italia, così come immagini delle realtà urbane e del paesaggio italiano realizzate da artisti stranieri o destinate a un pubblico straniero. • Espressione di giudizi: saper valutare le trasformazioni dell’immagine dell’Italia agli occhi dei viaggiatori stranieri tra il tardo Rinascimento e l’Ottocento, nonché la distanza tra la realtà e le loro aspettative e i loro pregiudizi. • Abilità nella comunicazione: saper parafrasare, riassumere e commentare con proprietà ed efficacia i contenuti e i punti di vista della letteratura di viaggio europea dedicata all’Italia, così come a descrivere le caratteristiche costitutive della veduta e del paesaggio italiano nell’immaginazione degli artisti d’oltralpe attraverso le loro opere. • Capacità di studio: possedere gli strumenti per leggere e interpretare ulteriori fonti periegetiche o memoriali di viaggio, nonché per misurare, nel patrimonio di immagini dell’Italia e degli Italiani realizzate tra la fine del XVI e il XIX secolo, i mutevoli gradi di equilibrio tra riproduzione della realtà e rappresentazioni dell’immaginazione.
PrerequisitiUna buona conoscenza della storia política e culturale europea tra il Cinquecento e l’età napoleonica (1527-1815).
Metodi didatticiLezioni frontali, con osservazione e commento di immagini digitali e lettura di testi critici.
Altre informazioniGli studenti impossibilitati a frequentare sono invitati a contattare il docente almeno un mese prima dell’esame per concordare i testi di studio e per ricevere eventuali materiali su supporto elettronico. In caso di mancata iscrizione agli appelli d’esame per via telematica, saranno ammessi a sostenere la prova SOLO coloro che avranno, con almeno tre giorni di anticipo, contattato il docente di persona oppure inviato un sms al telefono cellulare 349/8395631 oppure inviato un messaggio al suo indirizzo di posta elettronica. Non saranno ammesse eccezioni.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame orale, di durata compresa tra i venti e i trenta minuti e costituito da quattro domande, almeno una delle quali sarà di carattere generale sul tema del corso e almeno due riguarderanno l’analisi e il commento di una fonte letteraria e di alcune opere d’arte attraverso l’osservazione di immagini sul computer. Si valuteranno in particolare: 1. La conoscenza della percezione che i viaggiatori delle principali nazioni europee avevano del territorio italiano e degli Italiani tra il XVI e il XIX secolo (a tale punto verrà attribuito il 30% della valutazione complessiva); 2. La conoscenza delle circostanze, motivazioni, modalità, percorsi, tempi e difficoltà del “viaggio in Italia” durante l’epoca del Grand Tour (30% della valutazione complessiva); 3. La capacità di riconoscere e situare nel tempo e nello spazio una o due immagini di pittura, tra paesaggi e vedute, risalenti ai secoli XVI-XIX e in cui si trova rappresentanto un ambito del territorio italiano o una determinata località (20% della valutazione complessiva); 4. La lettura e la comprensione critica di una fonte letteraria costituita da un diario, resoconto o corrispondenza di viaggio in Italia, che lo studente avrà preventivamente concordato con il docente (20% della valutazione complessiva).
Programma estesoCosa cercavano in Italia i visitatori stranieri, fossero essi artisti, scrittori, filosofi o aristocratici? Quali erano le loro aspettative, e in quale misura la realtà vi corrispondeva al di là dell’eredità classica e moderna, del paesaggio e dei luoghi comuni del quotidiano? • unità didattica 1: l’immagine dell’Italia e degli Italiani durante la prima età Moderna • unità didattica 2: l'immagine dell'Italia e degli Italiani nel Settecento e nell'Ottocento fino all'alba del Novecento • unità didattica 3: la preistoria del Grand Tour. Viaggi di artisti stranieri in Italia tra Cinque e Seicento • unità didattica 4: tra libertini, monsù e milordi: l’Italia e il Grand Tour tra Sei e Settecento • unità didattica 5: l’influsso del Romanticismo nel Grand Tour.
Risultati di apprendimento attesiAcquisire una buona conoscenza delle costanti e degli slittamenti della visione dell’Italia e dei suoi abitanti agli occhi del mondo occidentale tra i secoli XVI e XIX; essere in grado di analizzare dal punto di vista geo-topografico ed emotivo immagini di paesaggio, veduta o scene di figura di artisti non italiani dei secoli presi in considerazione, nonché di commentare brevi brani di letteratura periegetica parimenti di autori stranieri; saper scindere nel giudizio le sincere aspirazioni a una visione obbiettiva da pregiudizi e luoghi comuni, nella loro evoluzione attraverso il tempo e nella diversità dei Paesi di provenienza degli osservatori; esporre con empatia intellettuale ed umana aspettative, entusiasmi, illusioni e delusioni di almeno un viaggiatore in Italia durante l’età moderna; poter affrontare con sufficienti coordinate, grazie alle conoscenze e agli strumenti acquisiti attraverso lo studio, l'osservazione di ulteriori immmagini e la lettura critica di ulteriori testi della letteratura di viaggio.
Insegnamento mutuato daFILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - LE0118 ARTE E POLITICHE CULTURALI - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoCULTURE DEL CINEMA E DELLO SPETTACOLO
CodiceLE0163
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoPOMARE' DETTO MONTIN Carla
DocentiPOMARE' DETTO MONTIN Carla, ARIOTTI Sergio Enrico
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoItaliano e inglese
ContenutiIl teatro romantico inglese; la produzione di Jean-Luc Godard negli anni 1960-1969
Testi di riferimentoSi vedano le indicazioni bibliografiche dei moduli LE0164 e LE0165
Obiettivi formativiConoscenza della produzione drammatica in lingua inglese del periodo romantico e del relativo dibattito critico. Capacità di analisi e sintesi critica dei testi proposti con particolare attenzione alla loro dimensione linguistica e al rapporto testo/contesto. Conoscenza generale della storia della critica cinematografica. Conoscenze di base dell'analisi filmica. Capacità di orientarsi nella storia del cinema e, in particolare, attraverso la lunga carriera di Godard, negli ultimi cinquanta-sessant'anni. Capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace conoscenze, informazioni e opinioni relative alle tematiche trattate, utilizzando linguaggio e terminologia appropriati. Familiarità con i metodi della ricerca bibliografica. Saper redigere un breve saggio che approfondisca aspetti specifici degli argomenti trattati a lezione.
PrerequisitiV. le indicazioni dei singoli moduli
Metodi didatticiLezioni frontali, letture seminariali dei testi primari, proiezioni filmiche.
Altre informazioniV. le indicazioni dei singoli moduli
Modalità di verifica dell'apprendimentoProve scritte e orali per i singoli moduli (v. dettagli e criteri di valutazione nei relativi syllabi)
Programma estesoV. le indicazioni dei singoli moduli
Risultati di apprendimento attesiAl fine di raggiungere le conoscenze e le competenze corrispondenti al livello minimo di sufficienza, allo studente si chiede di dimostrare: (CONOSCENZE) - conoscenza approfondita del quadro storico-culturale di riferimento; - conoscenza delle articolazioni del fenomeno teatrale in età romantica e del relativo dibattito critico - conoscenza delle nozioni di base della storia del cinema - conoscenza approfondita del cinema degli anni 60 e della produzione di Godard del periodo considerato - comprensione critica dei testi studiati, con specifica attenzione per la loro dimensione linguistica. (COMPETENZE) - abilità analitiche relative al testo drammatico: riconoscimento delle caratteristiche formali e del rapporto testo/rappresentazione/contesto. - capacità di analisi di un film (ABILITÀ TRASVERSALI) - saper presentare in modo chiaro ed efficace conoscenze, informazioni ed opinioni relative alle tematiche trattate, utilizzando linguaggio e terminologia appropriati
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LE0164 LETTERATURA E SPETTACOLO TEATRALE L-ART/05 - DISCIPLINE DELLO SPETTACOLO POMARE' DETTO MONTIN Carla
LE0165 STORIA E CRITICA DEL CINEMA A L-ART/06 - CINEMA, FOTOGRAFIA E TELEVISIONE ARIOTTI Sergio Enrico
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLETTERATURA E SPETTACOLO TEATRALE
CodiceLE0164
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoPOMARE' DETTO MONTIN Carla
DocentiPOMARE' DETTO MONTIN Carla
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-ART/05 - DISCIPLINE DELLO SPETTACOLO
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoinglese
ContenutiIl teatro romantico inglese
Testi di riferimentoThe Broadview Anthology of Romantic Drama, J. N. Cox (ed.), Broadview Press, 2003 T. A. Hoagwood e Daniel P. Watkins (a c. di), British Romantic Drama: Historical and Critical Essays, Associated University Presses, London 1998; F. Burwick, Romantic Drama. Acting and Reacting, Cambridge U. P., 2009 L.M. Crisafulli, The Romantic Stage: A Many-Sided Mirror, Rodopi, 2014
Obiettivi formativiConoscenza della produzione drammatica in lingua inglese del periodo romantico e del relativo dibattito critico. Capacità di analisi e sintesi critica dei testi proposti con particolare attenzione alla loro dimensione linguistica e al rapporto testo/contesto. Capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace conoscenze, informazioni e opinioni relative alle tematiche trattate, utilizzando linguaggio e terminologia appropriati. Familiarità con i metodi della ricerca bibliografica. Saper redigere un breve saggio che approfondisca aspetti specifici degli argomenti trattati a lezione.
PrerequisitiConoscenza della lingua inglese almeno a livello B1
Metodi didatticiLezioni frontali e letture seminariali dei testi primari
Modalità di verifica dell'apprendimentoPer sostenere l'esame è richiesta la stesura di una relazione, della lunghezza di circa 20.000 caratteri spazi inclusi, che approfondisca aspetti specifici degli argomenti trattati a lezione. L'argomento della relazione dovrà essere concordato con la docente e l'elaborato dovrà essere consegnato, in forma cartacea o tramite e-mail, almeno una settimana prima della data fissata per l'appello. La relazione concorrerà per il 50% alla determinazione del voto finale e sarà valutata sulla base di: - livello di approfondimento del contenuto; - coerenza espositiva; - correttezza espressiva (ortografica, grammaticale e sintattica); - correttezza formale (uso delle fonti, note, bibliografia, layout). L'esame orale, della durata di circa 20 minuti, comprenderà la discussione della relazione e l'accertamento della conoscenza degli argomenti/testi/autori in programma. Gli elementi che concorreranno alla valutazione della parte orale sono: - la conoscenza dei testi primari; - la conoscenza dei contesti storico-culturali relativi ai testi trattati; - l'efficacia dell'esposizione orale in termini di organizzazione del discorso, accuratezza e pertinenza delle risposte rispetto alle domande. Sarà valutata come eccellente una prova orale che dimostri: una visione organica dei temi affrontati a lezione; articolate capacità di sintesi e di analisi; ottima padronanza espressiva; capacità di elaborazione personale e critica delle tematiche trattate. Sarà valutata come discreta una prova orale che dimostri: una conoscenza per lo più meccanica e/o mnemonica della materia; linguaggio corretto ma non sempre appropriato. Sarà valutata come sufficiente una prova orale che dimostri: conoscenze minimali del programma d'esame; scarsa padronanza espressiva nell'esposizione; incapacità di formulare opinioni personali e di andare oltre il semplice riassunto delle trame nella trattazione delle opere letterarie. Sarà valutata come insufficiente una prova orale che dimostri: importanti lacune formative, linguaggio inappropriato, incapacità di contestualizzazione, mancanza di orientamento all'interno del programma. Sarà inoltre valutata positivamente la partecipazione attiva alle lezioni.
Programma estesounità 1: Il teatro nell’età romantica: gli spazi, gli autori, l’evoluzione del gusto, il pubblico. unità 2: Generi del teatro romantico. Il closet drama. I drammi storici. Il gotico in scena. Shakespeare romantico unità 3: Il teatro di Byron (Marino Faliero, Sardanapalus) unità 4: Il teatro di Shelley (The Cenci)
Risultati di apprendimento attesiAl fine di raggiungere le conoscenze e le competenze corrispondenti al livello minimo di sufficienza, allo studente si chiede di dimostrare: (CONOSCENZE) - conoscenza approfondita del quadro storico-letterario di riferimento; - conoscenza delle articolazioni del fenomeno teatrale in età romantica e del relativo dibattito critico - comprensione critica dei testi studiati, con specifica attenzione per la loro dimensione linguistica. (COMPETENZE) - abilità analitiche relative al testo drammatico: riconoscimento delle caratteristiche formali e del rapporto testo/rappresentazione/contesto. (ABILITÀ TRASVERSALI) - saper presentare in modo chiaro ed efficace conoscenze, informazioni ed opinioni relative alle tematiche trattate, utilizzando linguaggio e terminologia appropriati - saper redigere un breve saggio che approfondisca aspetti specifici degli argomenti trattati a lezione - saper condurre una ricerca bibliografica di base. Per il conseguimento di un livello avanzato, lo studente deve dimostrare: - una visione organica dei temi affrontati a lezione, unita ad articolate capacità di sintesi e di analisi; - la capacità di elaborazione personale e critica delle tematiche trattate, unita a un'ottima padronanza espressiva; - la capacità di approfondire autonomamente particolari argomenti, anche oltre le indicazioni fornite e lezione e nel programma d'esame
Insegnamento mutuato daLINGUE, CULTURE, TURISMO (A002) - L0528 LETTERATURA INGLESE B SPECIALISTICA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSTORIA E CRITICA DEL CINEMA A
CodiceLE0165
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoARIOTTI Sergio Enrico
DocentiARIOTTI Sergio Enrico
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-ART/06 - CINEMA, FOTOGRAFIA E TELEVISIONE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiAnalisi di un periodo significativo della storia di Godard, che coincide con gli anni che vanno dal 1960 al 1969, cioè con quelli della cosiddetta “rivoluzione sessantottina”. Nella storia del cinema è un periodo di radicali trasformazioni formali e di contestazione al cinema classico americano.
Testi di riferimentoAppunti sul Dir a cura del docente Bertetto P (a cura di), Introduzione alla storia del cinema, Utet, Torino, 2003. S.Liandrat-Guigues – J.-L.Leutrat, Godard, Alla ricerca dell'arte perduta (edizione italiana a cura di Sergio Arecco), Le Mani, Genova, 1998 oppure: Alberto Farassino, Jean-Luc Godard, Il Castoro, Milano, 2002
Obiettivi formativiFornire strumenti per orientarsi nella storia del cinema e, in particolare, attraverso la lunga carriera di Godard, negli ultimi cinquanta-sessant'anni. Il corso non mancherà di dare qualche indicazione di storia della critica cinematografica e di analisi filmica.
PrerequisitiUna curiosità non casuale per il cinema e una discreta conoscenza della storia del '900.
Metodi didatticiLezioni frontali con l'ausilio costante di proiezioni.
Altre informazioniPrincipali film di Godard cui si farà riferimento: 1- Fino all'ultimo respiro (À bout de souffle), 1960 2- Le petit soldat, 1960 3- Questa è la mia vita (Vivre sa vie), 1962 4- Il disprezzo (Le Mépris), 1963 5- Bande à part, 1964 6- Una storia americana (Made in Usa), 1966 7- Un film comme les autres, 1968 8- Vento dell'est (Le Vent d'est), 1969 9- Je vous salue, Marie, 1985
Modalità di verifica dell'apprendimentoDiscussioni durante il corso. Verifiche orali all’esame.
Programma estesoAl recente Festival di Cannes Jean-Luc Godard, caposcuola della Nouvelle Vague e oggi ottantottenne, ha presentato un collage di immagini, di voci, di suoni, di film, di video dal titolo Le livre d'image. Una sorta di testamento artistico che prefigura, con la solita irriverenza, scenari futuri della settima arte, persino la sua trasformazione in altro da sé. Non è un caso che Le livre d'image sia richiesto da musei d'arte come Beaubourg e Reina Sofia per creare installazioni. Godard è sempre stato considerato, d'altra parte, il cineasta più affine all'arte contemporanea. A più di sessant'anni dall'inizio della sua carriera di regista e a cinquanta dalla contestazione del 1968 il corso intende riflettere (di nuovo) sul valore rivoluzionario o trasgressivo o fortemente sperimentale del suo cinema. Soprattutto a partire dal decennio 1959-1969, da A bout de souffle a Vent d'est. Non mancherà qualche riferimento alla parte restante della lunga carriera di Godard e alla sua cangiante poetica.
Risultati di apprendimento attesiCapacità di analisi di un film. Visione complessiva di un periodo interessante della storia del cinema e della cultura. Nozioni di storia del cinema.
Insegnamento mutuato daFILOSOFIA E COMUNICAZIONE (1724) - L0142 STORIA E CRITICA DEL CINEMA A - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLETTERATURA FRANCESE B SPECIALISTICA
CodiceL0698
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoMASTROIANNI Michele
DocentiMASTROIANNI Michele
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/03 - LETTERATURA FRANCESE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoC - Affine o integrativo
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoFrancese
ContenutiHenry Bauchau: l'interpretazione del mito classico
Testi di riferimentoTesti: H. Bauchau, Oedipe sur la route, Le Méjan, Actes Sud, 1990; H. Bauchau, Antigone, Le Méjan, Actes Sud, 1999; H. Bauchau, Jour après jour. Journal d'Oedipe sur la route (1983-1989), Le Méjan, Actes Sud, 2003; H. Bauchau, Journal d'Antigone, Méjan, Actes Sud, 1999. Bibliografia: H. Bauchau, L'Écriture à l'écoute, Le Méjan, Actes Sud, 2000; R. Lefort, L'originel dans l'oeuvre d'Henry Bauchau, Paris, Champion, 2007; M. Watthee-Delmotte, Parcours d'Henry Bauchau, Paris, L'Harmattan, 2001; M- Watthee-Delmotte, Henry Bauchau. Sous l'éclat de la Sibylle, Le Méjan, Actes Sud, 2013; M. Mastroianni, Henry Bauchau teorico: riflessioni metaletterarie tra scrittura, poetica, sogno e psicanalisi, in De l'ordre er de l'aventure, Paris, Hermann, 2014, pp. 441-457; M. Mastroianni, Un écrit inédit d’Henry Bauchau: la ‘traduction’ d’une idée préliminaire pour Œdipe sur la route, «Revue Internationale Henry Bauchau. L’écriture à l’écoute», 4 (2011-2012), pp. 130-146; M.Mastroianni, D’une poétique paradoxale autour d’un insaisissable Protée? Henry Bauchau, écrivain dans le monde, in AA.VV., Henry Bauchau, écrire pour habiter le monde, «Colloque international de l’Université Cergy-Pontoise (8-10 mars 2007)», sous la direction de M. Watthee-Delmotte et C. Mayaux, Saint-Denis, Presses Universitaires de Vincennes, 2009, pp. 325-346.
Obiettivi formativi- Comprensione e conoscenza dei testi. - Individuazione delle problematiche teorico-testuali e discussione critica. - Rifessioni testuali; - Approfondimenti e ricerche bibliografiche individuali e guidate.
PrerequisitiBuona conoscenza della lingua francese.
Metodi didatticiLezioni frontali. Analisi testuali. Traduzione.
Altre informazioniAltre informazioni saranno fornite durante il corso.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame orale. - Una domanda verterà sull'inquadramento culturale (storico-letterario) dell'epoca di Henry Bauchau. - Una domanda concernerà la discussione critica su aspetti di teoria letteraria. - Un'ultima domanda riguarderà il commento e la traduzione di un passo significativo di una delle opere inquadrate e analizzate durante il corso.
Programma estesoIl programma comprende lo studio dei testi critici di riferimento, necessari alla contestualizzazione letteraria delle problematiche oggetto del corso. In particolare, si studieranno i problemi concernenti l'elaborazione poetica dell'autore.
Risultati di apprendimento attesiCapacità di inquadramento dei testi nel contesto culturale e lettura integrale dei testi in programma.
Insegnamento mutuante inFILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L0698 LETTERATURA FRANCESE B SPECIALISTICA
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L0698 LETTERATURA FRANCESE B SPECIALISTICA
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLETTERATURA INGLESE B SPECIALISTICA
CodiceL0528
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoPOMARE' DETTO MONTIN Carla
DocentiPOMARE' DETTO MONTIN Carla
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/10 - LETTERATURA INGLESE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoC - Affine o integrativo
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoinglese
ContenutiIl teatro romantico inglese
Testi di riferimentoThe Broadview Anthology of Romantic Drama, J. N. Cox (ed.), Broadview Press, 2003 T. A. Hoagwood e Daniel P. Watkins (a c. di), British Romantic Drama: Historical and Critical Essays, Associated University Presses, London 1998; F. Burwick, Romantic Drama. Acting and Reacting, Cambridge U. P., 2009 L.M. Crisafulli, The Romantic Stage: A Many-Sided Mirror, Rodopi, 2014
Obiettivi formativiConoscenza della produzione drammatica in lingua inglese del periodo romantico e del relativo dibattito critico. Capacità di analisi e sintesi critica dei testi proposti con particolare attenzione alla loro dimensione linguistica e al rapporto testo/contesto. Capacità di comunicare in modo chiaro ed efficace conoscenze, informazioni e opinioni relative alle tematiche trattate, utilizzando linguaggio e terminologia appropriati. Familiarità con i metodi della ricerca bibliografica. Saper redigere un breve saggio che approfondisca aspetti specifici degli argomenti trattati a lezione.
PrerequisitiConoscenza della lingua inglese almeno a livello B1
Metodi didatticiLezioni frontali e letture seminariali dei testi primari
Modalità di verifica dell'apprendimentoPer sostenere l'esame è richiesta la stesura di una relazione, della lunghezza di circa 20.000 caratteri spazi inclusi, che approfondisca aspetti specifici degli argomenti trattati a lezione. L'argomento della relazione dovrà essere concordato con la docente e l'elaborato dovrà essere consegnato, in forma cartacea o tramite e-mail, almeno una settimana prima della data fissata per l'appello. La relazione concorrerà per il 50% alla determinazione del voto finale e sarà valutata sulla base di: - livello di approfondimento del contenuto; - coerenza espositiva; - correttezza espressiva (ortografica, grammaticale e sintattica); - correttezza formale (uso delle fonti, note, bibliografia, layout). L'esame orale, della durata di circa 20 minuti, comprenderà la discussione della relazione e l'accertamento della conoscenza degli argomenti/testi/autori in programma. Gli elementi che concorreranno alla valutazione della parte orale sono: - la conoscenza dei testi primari; - la conoscenza dei contesti storico-culturali relativi ai testi trattati; - l'efficacia dell'esposizione orale in termini di organizzazione del discorso, accuratezza e pertinenza delle risposte rispetto alle domande. Sarà valutata come eccellente una prova orale che dimostri: una visione organica dei temi affrontati a lezione; articolate capacità di sintesi e di analisi; ottima padronanza espressiva; capacità di elaborazione personale e critica delle tematiche trattate. Sarà valutata come discreta una prova orale che dimostri: una conoscenza per lo più meccanica e/o mnemonica della materia; linguaggio corretto ma non sempre appropriato. Sarà valutata come sufficiente una prova orale che dimostri: conoscenze minimali del programma d'esame; scarsa padronanza espressiva nell'esposizione; incapacità di formulare opinioni personali e di andare oltre il semplice riassunto delle trame nella trattazione delle opere letterarie. Sarà valutata come insufficiente una prova orale che dimostri: importanti lacune formative, linguaggio inappropriato, incapacità di contestualizzazione, mancanza di orientamento all'interno del programma. Sarà inoltre valutata positivamente la partecipazione attiva alle lezioni.
Programma estesounità 1: Il teatro nell’età romantica: gli spazi, gli autori, l’evoluzione del gusto, il pubblico. unità 2: Generi del teatro romantico. Il closet drama. I drammi storici. Il gotico in scena. Shakespeare romantico unità 3: Il teatro di Byron (Marino Faliero, Sardanapalus) unità 4: Il teatro di Shelley (The Cenci)
Risultati di apprendimento attesiAl fine di raggiungere le conoscenze e le competenze corrispondenti al livello minimo di sufficienza, allo studente si chiede di dimostrare: (CONOSCENZE) - conoscenza approfondita del quadro storico-letterario di riferimento; - conoscenza delle articolazioni del fenomeno teatrale in età romantica e del relativo dibattito critico - comprensione critica dei testi studiati, con specifica attenzione per la loro dimensione linguistica. (COMPETENZE) - abilità analitiche relative al testo drammatico: riconoscimento delle caratteristiche formali e del rapporto testo/rappresentazione/contesto. (ABILITÀ TRASVERSALI) - saper presentare in modo chiaro ed efficace conoscenze, informazioni ed opinioni relative alle tematiche trattate, utilizzando linguaggio e terminologia appropriati - saper redigere un breve saggio che approfondisca aspetti specifici degli argomenti trattati a lezione - saper condurre una ricerca bibliografica di base. Per il conseguimento di un livello avanzato, lo studente deve dimostrare: - una visione organica dei temi affrontati a lezione, unita ad articolate capacità di sintesi e di analisi; - la capacità di elaborazione personale e critica delle tematiche trattate, unita a un'ottima padronanza espressiva; - la capacità di approfondire autonomamente particolari argomenti, anche oltre le indicazioni fornite e lezione e nel programma d'esame
Insegnamento mutuante inLINGUE, CULTURE, TURISMO (A002) - LE0164 LETTERATURA E SPETTACOLO TEATRALE - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L1275 LETTERATURA E SPETTACOLO TEATRALE - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L1275 LETTERATURA E SPETTACOLO TEATRALE - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L1275 LETTERATURA E SPETTACOLO TEATRALE - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L1275 LETTERATURA E SPETTACOLO TEATRALE - VERCELLI
LINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - L1275 LETTERATURA E SPETTACOLO TEATRALE - VERCELLI
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L0528 LETTERATURA INGLESE B SPECIALISTICA
FILOLOGIA MODERNA, CLASSICA E COMPARATA (1779) - L0528 LETTERATURA INGLESE B SPECIALISTICA
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLINGUA FRANCESE II
CodiceL1198
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoAUDEOUD Laurence
DocentiAUDEOUD Laurence, VITRONI Laurence, VIALATTE Elsa Huguette Marlene
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno2
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LE0043 LINGUISTICA FRANCESE A L-LIN/04 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA FRANCESE AUDEOUD Laurence
LE0039 LINGUA FRANCESE A ESERCITAZIONI II ANNO L-LIN/04 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA FRANCESE AUDEOUD Laurence, VITRONI Laurence, VIALATTE Elsa Huguette Marlene
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUISTICA FRANCESE A
CodiceLE0043
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoAUDEOUD Laurence
DocentiAUDEOUD Laurence
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/04 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA FRANCESE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
Lingua di insegnamentoITALIANO, FRANCESE
ContenutiLE LEXIQUE FRANÇAIS: UNE APPROCHE DIACHRONIQUE ET MORPHOLOGIQUE
Testi di riferimentoPer gli studenti iscritti al corso di studio triennale in Lingue Straniere Moderne: Henriette Walter, "Le français dans tous les sens", Paris, Laffont, 1988 (da procurarsi). - Jean-Benoit Nadeau, Julie Barlow, "Le français, quelle histoire", SW Télémaque, 2011. - Hélène Huot, "La morphologie", Paris, A. Colin, 2005 - Per gli studenti non frequentanti iscritti nella Laurea triennale in LSM: A. Lehmann & F. Martin-Berthet, "Lexicologie, morphologie et lexicographie", Paris, Armand Colin Cursus, 2013. Per gli studenti iscritti al corso di studio magistrale in Lingue Culture Turismo (LM49) : Domitille Hatuel, "Tourisme en action", ELI- La Spiga, 2015 (da procurarsi).
Obiettivi formativiIl corso si propone di arricchire il bagaglio lessicale dello studente, permettere un utilizzo più duttile dell’espressione scritta in francese, generare una riflessione sui fenomeni fonologici, nonché consapevolezza dei meccanismi morfologici in atto nella creazione del lessico francese, in una prospettiva sia diacronica sia sincronica.
PrerequisitiSuperamento dell'esame di Lingua francese esercitazioni I anno per gli studenti iscritti in LSM o livello di competenza linguistica B1 del Cadre Européen de Référence per gli studenti iscritti in LCT.
Metodi didatticiLezioni frontali, con supporto di documenti audiovisivi.
Altre informazioniIl servizio DIR fornirà programma dettagliato, istruzioni per il lavoro obbligatorio, esempi di prove d'esame, schede di esercizi, correzioni, materiale didattico, registro delle lezioni.
Modalità di verifica dell'apprendimentoProva scritta e prova orale separate. La prova scritta verte su questioni di morfologia (test su 120 punti, voto su 30); la prova orale (voto su 30), verte, per gli studenti della laurea triennale in Lingue Straniere Moderne, sulla lettura critica dei capitoli 1 e 5 del saggio di H. Walter "Le français dans tous les sens" (v. bibliografia), e su questioni trattate durante il corso. Per gli studenti iscritti alla laurea magistrale in Lingue Culture Turismo (Laurea 49), verte invece sulla lettura critica del manuale di D. Hatuelle, "Tourisme en action" (v. bibliografia). Un lavoro obbligatorio verrà assegnato a tutti gli studenti all'inizio del corso. Il voto finale è costituito dalla media delle due prove. Saranno reperibili su DIR informazioni dettagliate riguardanti la modalità delle verifiche, materiale attinente alle attività svolte nel corso, nonché esempi di prove scritte.
Programma estesoIl modulo si propone, in una prima sequenza didattica, di osservare e spiegare i meccanismi morfologici in atto nella creazione del lessico francese, in una seconda sequenza, di riflettere su vari fenomeni fonologici e semantici. Dopo una presentazione di tipo diacronico del lessico francese, verranno presi in esame i punti seguenti: il fenomeno dei “doublets”, che testimonia la coesistenza di un processo di formazione popolare e dotto; l’antonomasia; la formazione della parola composta, sia di natura popolare che di origine greco-latina, ivi comprese le forme ibride;la derivazione (préfixation, suffixation, dérivés parasynthétiques, nominalisation à suffixe zéro, verbes factitifs et fréquentatifs). A questa parte di lessicologia farà seguito una riflessione sui fenomeni dell’omografia, omofonia, omonimia e paronomasia. Il corpus illustrativo sarà costituito da brani tratti dal musical "Notre Dame de Paris", ad opera di L. Plamodon e R. Cocciante, tratto dal romanzo omonimo di Victor Hugo, nonché sequenze di vari adattamenti cinematografici del romanzo.
Risultati di apprendimento attesi• conoscenze e comprensione: Conoscere le grandi tappe storiche della creazione e dell'evoluzione del lessico francese. Essere in grado di riflettere su vari fenomeni fonologici e semantici, distinguere i vari meccanismi morfologici in atto nella creazione del lessico francese. • capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Individuare e collocare nella giusta tipologia descrittiva, in un corpus orale o scritto, i fenomeni linguistici analizzati. Dare la definizione dei fenomeni linguistici trattati durante il corso e proporne esempi pertinenti • espressione di giudizi: Essere capace di formulare conclusioni personali riguardo alla creazione e all'evoluzione del lessico francese, anche in una prospettiva comparatista rispetto all'italiano. • abilità nella comunicazione: Essere in grado di presentare in modo sintetico le caratteristiche principali della costruzione e dell'evoluzione del lessico francese, utilizzando nel modo adeguato la terminologia acquisita. • capacità di studio: Leggere in modo autonomo e con senso critico il testo da procurarsi (ved. bibliografia). Usare DIR in modo autonomo e costante. Svolgere gli esercizi di applicazione assegnati durante il corso nonché il lavoro obbligatorio in vista della prova orale.
Insegnamento mutuato daLINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - LE0043 LINGUISTICA FRANCESE A - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUA FRANCESE A ESERCITAZIONI II ANNO
CodiceLE0039
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoAUDEOUD Laurence
DocentiAUDEOUD Laurence, VITRONI Laurence, VIALATTE Elsa Huguette Marlene
CFU6
Ore di studio individuale54
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/04 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA FRANCESE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoAnnuale
Sedi e/o partizioni
Gruppo A
Gruppo B
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUA FRANCESE A ESERCITAZIONI II ANNO
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoAUDEOUD Laurence
DocentiAUDEOUD Laurence, VITRONI Laurence
Tipo di insegnamentoGruppi
Anno2
PartizioneGruppo A
Lingua di insegnamentoFrancese
ContenutiLINGUA FRANCESE ESERCITAZIONI II
Testi di riferimentoProsecuzione del manuale adoperato per Lingua francese esercitazioni I: Françoise Bidaud, "La nouvelle grammaire du français pour italophones", Torino, Utet, 2008. Per gli studenti non frequentanti: V. Bazou, C. Brillant, R. Racine, J. Schenker, "Le Nouvel Edito B2", Livre + CD + DVD, Paris, Didier, 2010
Obiettivi formativiIn conformità con il Quadro di Riferimento Europeo al livello B2, adattato alle esigenze del corso universitario.
PrerequisitiPer gli studenti iscritti al secondo anno del Corso di Studio triennale in Lingue straniere Moderne: superamento dell'esame di Lingua francese esercitazioni I, livello B1 del Cadre Européen Commun de Référence. Per gli studenti iscritti nella laurea magistrale in Lingue Culture Turismo: livello A2 del Cadre Européen Commun de Référence (il livello di competenza linguistica degli studenti iscritti in LCT verrà valutato nel colloquio preliminare previsto)
Metodi didatticiLezioni frontali con supporto di strumenti audiovisivi. Attivazione area DIR.
Altre informazioniIl servizio DIR fornirà programma dettagliato, istruzioni per il lavoro obbligatorio, esempi di prove d'esame, schede di esercizi, correzioni, materiale didattico. La collocazione degli studenti nel corso A e B verrà effettuata ad inizio corso. Il corso B prevede un rafforzamento e un riallineamento, ed è prevalentemente dedicato agli studenti che devono colmare eventuali lacune riguardo alla piena acquisizione del livello di competenza B1 del Framework, da raggiungere alla fine del corso di esercitazioni francese I. Importante: Gli studenti iscritti al corso Magistrale in Lingue Culture Turismo (LM49) che hanno optato per il corso di lingua francese esercitazioni II del triennio vengono automaticamente inseriti nel corso B.
Modalità di verifica dell'apprendimentoProva scritta e prova orale separate. Prima prova scritta : test di grammatica (/30). E' necessario superare la prova di grammatica con un voto minimo di 18/30 per accedere alla seconda prova scritta (dettato / 10; comprensione-espressione / 20). Il voto globale della prova scritta corrisponde alla media delle due prove scritte ed è necessario ottenere almeno 18/30 per presentarsi alla prova orale. La prova orale consiste nella presentazione del lavoro obbligatorio monitorato durante l'anno accademico. I punti supplementari conferiti al termine della prova orale possono essere al massimo 3.
Programma esteso1. Studio della morfosintassi livello II 2. Espressione / comprensione scritta e orale livello II 3. Approfondimento della fonologia, preparazione alla prova del dettato livello II, studio di idiomatismi. Coordinamento della trascrizione di reportages audiovisivi, svolta dallo studente, attività obbligatoria per sostenere la prova orale.
Insegnamento mutuato daLINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - LE0039 LINGUA FRANCESE A ESERCITAZIONI II ANNO - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUA FRANCESE A ESERCITAZIONI II ANNO
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoAUDEOUD Laurence
DocentiAUDEOUD Laurence, VIALATTE Elsa Huguette Marlene
Tipo di insegnamentoGruppi
Anno2
PartizioneGruppo B
Lingua di insegnamentoFRANCESE
ContenutiVed. Lingua francese esercitazioni II gruppo A
Insegnamento mutuato daLINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - LE0039 LINGUA FRANCESE A ESERCITAZIONI II ANNO - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLINGUA INGLESE MAGISTRALE I
CodiceLE0021
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoFORMENTELLI Maicol
DocentiLERTOLA Jennifer, RIDINGER Gayle Mary, FORMENTELLI Maicol, DELLA CHIARA Sandra
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno2
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LE0051 LINGUISTICA INGLESE SPECIALISTICA A L-LIN/12 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA INGLESE LERTOLA Jennifer
LE0052 LINGUA INGLESE ESERCITAZIONI SPECIALISTICA L-LIN/12 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA INGLESE FORMENTELLI Maicol, RIDINGER Gayle Mary, DELLA CHIARA Sandra
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUISTICA INGLESE SPECIALISTICA A
CodiceLE0051
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoLERTOLA Jennifer
DocentiLERTOLA Jennifer
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/12 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA INGLESE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
Lingua di insegnamentoInglese
ContenutiAnalysing audiovisual discourse: linguistic insights
Testi di riferimentoFreddi, M., & Pavesi, M. (2009). Analysing Audiovisual Dialogue. Linguistic and Translational Insights. Bologna: CLUEB. (CAPITOLI SELEZIONATI) Pavesi, M. (2005). La traduzione filmica. Tratti del parlato doppiato dall’inglese all’italiano. Roma: Carocci. (CAPITOLI SELEZIONATI) Pavesi, M., Formentelli M., & Ghia E. (Eds.) (2014) The Languages of Dubbing: Mainstream Audiovisual Translation in Italy. Bern: Peter Lang. (CAPITOLI SELEZIONATI) Perego, E. (2005). La traduzione audiovisiva. Roma: Carocci. (CAPITOLI SELEZIONATI) Ranzato, I., Zanotti, S. (Eds.). (2018). Linguistic and Cultural Representation in Audiovisual Translation. New York and London: Routledge. (CAPITOLI SELEZIONATI) Altre indicazioni bibliografiche verranno fornite a lezione e saranno disponibili su DIR.
Obiettivi formativiCapacità di utilizzare il lessico specifico, gli strumenti e le nozioni acquisite durante il corso nell’analisi di testi audiovisivi. Capacità di eseguire un’analisi contrastiva inglese-italiano.
Metodi didatticiLezioni frontali, analisi di testi audiovisivi, materiale audiovisivo e materiale su DIR.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame orale. L'esame prevede la risposta in inglese ad alcuni quesiti di natura teorica e lo svolgimento di alcuni esercizi di analisi contrastiva inglese-italiano.
Programma estesoIl corso prenderà in esame il parlato filmico, che presenta tratti linguistici specifici che non coincidono con quelli del parlato spontaneo. Si farà riferimento ad aspetti specifici del parlato filmico inglese doppiato in italiano, con particolare attenzione ad aspetti morfosintattici e lessicali. Prendendo in esame estratti di prodotti audiovisivi in lingua inglese si analizzeranno gli adattamenti in italiano per la versione sottotitolata e doppiata. Inoltre, si considererà l’efficacia della traduzione audiovisiva come metodologia didattica innovativa per l’apprendimento dell’inglese come lingua straniera con l’uso delle nuove tecnologie.
Risultati di apprendimento attesiConoscenza e comprensione: conoscere i principi teorici e i metodi per svolgere un’analisi del parlato filmico inglese Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: saper analizzare testi audiovisivi nelle loro componenti linguistiche Autonomia di giudizi: formulare giudizi di valutazione su aspetti linguistici a vari livelli Abilità comunicative: sapersi servire in modo coerente e appropriato della specifica terminologia scientifica Capacità di apprendimento: coniugare l’apprendimento di nozioni astratte con l’osservazione diretta di dati empirici
Insegnamento mutuato daLINGUE, CULTURE, TURISMO (A002) - LE0051 LINGUISTICA INGLESE SPECIALISTICA A - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUA INGLESE ESERCITAZIONI SPECIALISTICA
CodiceLE0052
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoFORMENTELLI Maicol
DocentiRIDINGER Gayle Mary, FORMENTELLI Maicol, DELLA CHIARA Sandra
CFU6
Ore di studio individuale54
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/12 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA INGLESE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoAnnuale
Sedi e/o partizioni
Gruppo A
Gruppo B
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUA INGLESE ESERCITAZIONI SPECIALISTICA
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoFORMENTELLI Maicol
DocentiRIDINGER Gayle Mary, FORMENTELLI Maicol
Tipo di insegnamentoGruppi
Anno2
PartizioneGruppo A
Lingua di insegnamentoInglese
ContenutiLINGUA INGLESE ESERCITAZIONI SPECIALISTICA (GENERAL ENGLISH)
Testi di riferimentoR. Spack, THE INTERNATIONAL STORY: an Anthology with Guidelines for Reading and Writing about Fiction, student’s book, Cambridge University Press. ISBN 978-0-52165797-6. C. Taylor, LANGUAGE TO LANGUAGE, A Practical and Theoretical Guide for Italian/English Translators, Cambridge University Press. ISBN-10: 0521597234 or more recently ISBN-13: 9780521597234. Ulteriore materiale su traduzione letteraria, traduzione giornalistica e stile, e altro saranno messi a disposizione degli studenti su DIR e costituiranno parte integrante del corso da portare all'esame.
Obiettivi formativiIn conformità con il Quadro di Riferimento Europeo al livello C2, adattato alle esigenze universitarie e al dominio culturale del curriculum specifico.
PrerequisitiConoscenza adeguata della lingua inglese (livello C1 del Quadro Europeo di Riferimento)
Metodi didatticiLezioni frontali, esercitazioni pratiche, studio individuale.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame finale è diviso in tre parti: 1- Traduzione (translation). Agli studenti sarà richiesta la traduzione italiano-inglese e inglese-italiano di testi letterari o giornalistici. Gli studenti dovranno inoltre analizzare un breve testo mettendo in risalto le problematiche relative al processo traduttivo, alle rese stilistiche, lessicali e grammaticali nel passaggio dalla lingua di partenza alla lingua d’arrivo. 2- Prova di scrittura (interpretative essay). La prova prevede la scrittura di un saggio critico/interpretativo di commento a un racconto letterario fornito agli studenti durante l’esame. 3- Prova orale (oral). Gli studenti dovranno essere in grado di discutere le principali problematiche relative alla traduzione partendo dai testi analizzati in classe. - Il voto finale è il risultato della media dei voti ottenuti nelle singole prove (in trentesimi). - Per superare l’esame finale ogni studente deve ottenere un voto sufficiente (18 o >18) in tutte le prove. - Le prove vanno sostenute nello stesso appello, pena annullamento delle prove stesse.
Programma estesoIl programma è diviso in due parti: 1- Aspetti legati alla teoria e pratica della traduzione letteraria e giornalistica; 2- Elementi di stilistica e struttura del testo per la composizione di saggi interpretativi.
Risultati di apprendimento attesiIn conformità con il Quadro di Riferimento Europeo al livello C2, adattato alle esigenze universitarie e al dominio culturale del curriculum specifico.
Insegnamento mutuato daLINGUE, CULTURE, TURISMO (A002) - LE0052 LINGUA INGLESE ESERCITAZIONI SPECIALISTICA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUA INGLESE ESERCITAZIONI SPECIALISTICA
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoFORMENTELLI Maicol
DocentiDELLA CHIARA Sandra, FORMENTELLI Maicol
Tipo di insegnamentoGruppi
Anno2
PartizioneGruppo B
Lingua di insegnamentoInglese
ContenutiLINGUA INGLESE ESERCITAZIONI SPECIALISTICA (BUSINESS ENGLISH)
Testi di riferimentoMirella Ravecca, New Travelmate - English for Tourism (Minerva Scuola) ISBN 978-88-298-3662-8. Ulteriore materiale verrà messo a disposizione degli studenti su DIR e costituirà parte integrante del corso da portare all'esame.
Obiettivi formativiIn conformità con il Quadro di Riferimento Europeo al livello C2, adattato alle esigenze universitarie e al dominio culturale del curriculum specifico.
PrerequisitiConoscenza adeguata della lingua inglese (livello C1 del Quadro Europeo di Riferimento)
Metodi didatticiLezioni frontali, esercitazioni pratiche, studio individuale.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame consiste in una prova scritta e una prova orale. Nella prova scritta lo studente dovrà fare una proposta di viaggio in una destinazione turistica in Italia a partire da una traccia scelta dal docente. La proposta dovrà includere una descrizione degli aspetti storico-artistici ed enogastronomici della città, i costi di viaggio e soggiorno, le visite a monumenti e luoghi d'interesse, ecc.. La parte orale consiste nella presentazione di una meta internazionale a scelta del candidato. Lo studente preparerà un folder dettagliato con materiali che verranno discussi col docente durante l'esame.
Programma estesoIl programma prevede l’approfondimento dello studio della lingua inglese con particolare attenzione al linguaggio specifico del marketing e delle interazioni commerciali nell’ambito del turismo. Verranno approfonditi aspetti legati al lessico, alla grammatica, allo stile, e all’organizzazione di varie tipologie testuali (brochure, testi promozionali, comunicazione commerciale, ecc.).
Risultati di apprendimento attesiIn conformità con il Quadro di Riferimento Europeo al livello C2, adattato alle esigenze universitarie e al dominio culturale del curriculum specifico.
Insegnamento mutuato daLINGUE, CULTURE, TURISMO (A002) - LE0052 LINGUA INGLESE ESERCITAZIONI SPECIALISTICA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLINGUA SPAGNOLA ESERCITAZIONI SPECIALISTICA
CodiceL0877
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBALDISSERA Andrea
DocentiBALDISSERA Andrea, CAMPOS CABRERO Sonia
CFU6
Ore di studio individuale54
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/07 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA SPAGNOLA
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoC - Affine o integrativo
Anno2
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoSpagnolo
ContenutiLINGUA SPAGNOLA SPECIALISTICA ESERCITAZIONI I
Testi di riferimentoAna Blanco Canales, M.ª Carmen Fernández López, M.ª Jesús Torrens Álvarez, Nuevo Sueña 4, Libro de lalumno, Anaya (2017), ISBN:978-84-698-2796-3 + Nuevo Sueña 4, Cuaderno de ejercicios, Anaya 2017 - ISBN: 978-84-698-2797-0. Materiali utilizzati durante il corso: Fernando Fernán-Gómez, El viaje a ninguna parte, Ed. Cátedra (e visione del film). Per l'orale gli studenti leggeranno in lingua originale i seguenti volumi: 1) Jorge Luis Borges, Cuentos completos, Debolsillo, Barcelona, 2013 (i racconti delle raccolte: a) Historia Universal de la Infamia (1935); b) Ficciones (1944); c) El Aleph (1949). 2) Gabriel García Márquez, Cien años de soledad, DEBOLSILLO, Barcelona, 2014. Gli studenti dovranno portare con sé all’esame i volumi letti.
Obiettivi formativiIn conformità con il Quadro di Riferimento Europeo al livello C1.2, adattato alle esigenze universitarie.
PrerequisitiPossedere una competenza linguistica di livello superiore (C1).
Metodi didatticiEsercitazioni con lezione frontale, esercizi pratici, studio individuale. Materiali on-line attraverso il servizio DIR.
Modalità di verifica dell'apprendimentoProve d'esame. Parte scritta su due giorni: 1) componimento in lingua (3h) e 2) traduzione italiano-spagnolo (3h), per saggiare le competenze espressive di livello avanzato. Per superare la parte scritta lo studente dovrà ottenere almeno 18/30 in entrambe le parti – se così non fosse, dovrà ripresentarsi all'intero scritto in un appello successivo. La parte orale, (ad alcuni giorni di distanza): colloquio volto a valutare le abilità di comprensione / espressione in lingua, secondo il livello prestabilito, anche a partire da letture obbligatorie. - Per superare l'esame lo studente dovrà raggiungere la votazione minima di 18/30 sia nello scritto sia nell'orale. Il voto finale sarà dato dalla media fra le due parti (scritta ed orale).- Sarà considerata adeguata una prova scritta che presenti: ricchezza lessicale, varietà e precisione morfosintattica, correttezza grammaticale, secondo il livello indicato.- Sarà considerata adeguata una prova orale in cui il candidato dimostri di riuscire a condurre una conversazione ricca e fluente su temi diversi e approfonditi (anche a partire dalle letture/visioni), ed esibisca, oltre al dominio della grammatica, un controllo di vari aspetti espressivi della lingua (registri e varietà non standard, stile, aspetti pragmatici).- Controllo dell'apprendimento in itinere: verifiche in classe e a casa sui singoli argomenti trattati. Autoapprendimento presso il Centro Linguistico.
Programma estesoRipasso delle grammatica spagnola (sintassi) con approfondimenti critici. Perfezionamento stilistico dei vari registri della lingua (e delle varietà non standard), delle espressioni idiomatiche, e collocazioni, di modismos, e refranes; esercizi di composizione in spagnolo e di traduzione dall'italiano allo spagnolo (e all'inverso). Letture obbligatorie o visione di film in lingua originale anche in vista del colloquio orale
Risultati di apprendimento attesiCompetenze e conoscenze -Comprendere un'ampia gamma di testi complessi e lunghi e ne sa riconoscere il significato implicito. Abilità-Saper esprimersi con scioltezza e naturalezza. -Usare la lingua in modo flessibile ed efficace per scopi sociali, professionali e accademici. -Riuscire a produrre testi chiari, ben costruiti, dettagliati su argomenti complessi, mostrando un controllo sicuro della struttura testuale, dei connettori e degli elementi di coesione.
Insegnamento mutuato daLINGUE, CULTURE, TURISMO (A002) - LE0054 LINGUA SPAGNOLA ESERCITAZIONI SPECIALISTICA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLINGUA SPAGNOLA ESERCITAZIONI SPECIALISTICA
CodiceL0877
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBALDISSERA Andrea
DocentiBALDISSERA Andrea, CAMPOS CABRERO Sonia
CFU6
Ore di studio individuale54
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/07 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA SPAGNOLA
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoC - Affine o integrativo
Anno2
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoSpagnolo
ContenutiLINGUA SPAGNOLA SPECIALISTICA ESERCITAZIONI I
Testi di riferimentoAna Blanco Canales, M.ª Carmen Fernández López, M.ª Jesús Torrens Álvarez, Nuevo Sueña 4, Libro de lalumno, Anaya (2017), ISBN:978-84-698-2796-3 + Nuevo Sueña 4, Cuaderno de ejercicios, Anaya 2017 - ISBN: 978-84-698-2797-0. Materiali utilizzati durante il corso: Fernando Fernán-Gómez, El viaje a ninguna parte, Ed. Cátedra (e visione del film). Per l'orale gli studenti leggeranno in lingua originale i seguenti volumi: 1) Jorge Luis Borges, Cuentos completos, Debolsillo, Barcelona, 2013 (i racconti delle raccolte: a) Historia Universal de la Infamia (1935); b) Ficciones (1944); c) El Aleph (1949). 2) Gabriel García Márquez, Cien años de soledad, DEBOLSILLO, Barcelona, 2014. Gli studenti dovranno portare con sé all’esame i volumi letti.
Obiettivi formativiIn conformità con il Quadro di Riferimento Europeo al livello C1.2, adattato alle esigenze universitarie.
PrerequisitiPossedere una competenza linguistica di livello superiore (C1).
Metodi didatticiEsercitazioni con lezione frontale, esercizi pratici, studio individuale. Materiali on-line attraverso il servizio DIR.
Modalità di verifica dell'apprendimentoProve d'esame. Parte scritta su due giorni: 1) componimento in lingua (3h) e 2) traduzione italiano-spagnolo (3h), per saggiare le competenze espressive di livello avanzato. Per superare la parte scritta lo studente dovrà ottenere almeno 18/30 in entrambe le parti – se così non fosse, dovrà ripresentarsi all'intero scritto in un appello successivo. La parte orale, (ad alcuni giorni di distanza): colloquio volto a valutare le abilità di comprensione / espressione in lingua, secondo il livello prestabilito, anche a partire da letture obbligatorie. - Per superare l'esame lo studente dovrà raggiungere la votazione minima di 18/30 sia nello scritto sia nell'orale. Il voto finale sarà dato dalla media fra le due parti (scritta ed orale).- Sarà considerata adeguata una prova scritta che presenti: ricchezza lessicale, varietà e precisione morfosintattica, correttezza grammaticale, secondo il livello indicato.- Sarà considerata adeguata una prova orale in cui il candidato dimostri di riuscire a condurre una conversazione ricca e fluente su temi diversi e approfonditi (anche a partire dalle letture/visioni), ed esibisca, oltre al dominio della grammatica, un controllo di vari aspetti espressivi della lingua (registri e varietà non standard, stile, aspetti pragmatici).- Controllo dell'apprendimento in itinere: verifiche in classe e a casa sui singoli argomenti trattati. Autoapprendimento presso il Centro Linguistico.
Programma estesoRipasso delle grammatica spagnola (sintassi) con approfondimenti critici. Perfezionamento stilistico dei vari registri della lingua (e delle varietà non standard), delle espressioni idiomatiche, e collocazioni, di modismos, e refranes; esercizi di composizione in spagnolo e di traduzione dall'italiano allo spagnolo (e all'inverso). Letture obbligatorie o visione di film in lingua originale anche in vista del colloquio orale
Risultati di apprendimento attesiCompetenze e conoscenze -Comprendere un'ampia gamma di testi complessi e lunghi e ne sa riconoscere il significato implicito. Abilità-Saper esprimersi con scioltezza e naturalezza. -Usare la lingua in modo flessibile ed efficace per scopi sociali, professionali e accademici. -Riuscire a produrre testi chiari, ben costruiti, dettagliati su argomenti complessi, mostrando un controllo sicuro della struttura testuale, dei connettori e degli elementi di coesione.
Insegnamento mutuato daLINGUE, CULTURE, TURISMO (A002) - LE0054 LINGUA SPAGNOLA ESERCITAZIONI SPECIALISTICA - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLINGUA TEDESCA II
CodiceL1204
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoRAVETTO Miriam
DocentiPEEMOLLER Tanja Margot, RAVETTO Miriam, STUECKEL Eva, REINHARDT Michaela
CFU12
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Anno2
PeriodoAnnuale
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
LE0042 LINGUA TEDESCA A ESERCITAZIONE II ANNO L-LIN/14 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA TEDESCA RAVETTO Miriam, PEEMOLLER Tanja Margot, STUECKEL Eva, REINHARDT Michaela
LE0046 LINGUISTICA TEDESCA A L-LIN/14 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA TEDESCA RAVETTO Miriam
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUA TEDESCA A ESERCITAZIONE II ANNO
CodiceLE0042
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoRAVETTO Miriam
DocentiPEEMOLLER Tanja Margot, RAVETTO Miriam, STUECKEL Eva, REINHARDT Michaela
CFU6
Ore di studio individuale54
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/14 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA TEDESCA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoAnnuale
Sedi e/o partizioni
Gruppo B
Gruppo A
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUA TEDESCA A ESERCITAZIONE II ANNO
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoRAVETTO Miriam
DocentiPEEMOLLER Tanja Margot, RAVETTO Miriam, STUECKEL Eva
Tipo di insegnamentoGruppi
Anno2
PartizioneGruppo B
Insegnamento mutuato daLINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - LE0042 LINGUA TEDESCA A ESERCITAZIONE II ANNO - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUA TEDESCA A ESERCITAZIONE II ANNO
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoRAVETTO Miriam
DocentiREINHARDT Michaela, RAVETTO Miriam
Tipo di insegnamentoGruppi
Anno2
PartizioneGruppo A
Lingua di insegnamentoTedesco e Italiano
ContenutiCORSO DI TEDESCO GENERALE, LIVELLO B2
Testi di riferimentoDreyer-Schmitt, Lehr – und Übungsbuch der deutschen Grammatik,Hueber-Verlag - testi forniti dall’insegnanteAnne Buscha e Szilvia Zita (2008). Begegnungen Deutsch als Fremdsprache B1 Integriertes Kurs- und Arbeitsbuch. Anne, Buscha. B-Grammatik. Übungsgrammatik Deutsch als Fremdsprache, Sprachniveau B1/B2
Obiettivi formativiIl corso si pone i seguenti obiettivi:conoscenze e comprensione: ll corso si propone di fornire agli studenti le conoscenze della grammatica (livello B1.2/B2), della cultura e della civiltà tedesca.capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Il corso si propone di fornire gli strumenti conoscitivi e pratici in modo da poter comprendere e produrre testi scritti e orali abbastanza ampi e articolati e utilizzare correttamente ed adeguatamente le regole grammaticali trattate, così come le conoscenze relative a cultura e civiltà.espressione di giudizi: Il corso fornisce le competenze necessarie per valutare gli aspetti della cultura e della civiltà tedesca, confrontandoli con quelli della propria.abilità nella comunicazione: Il corso si propone di fornire le competenze necessarie per comunicare e scrivere in lingua tedesca testi abbastanza complessi relativi a svariati argomenti.capacità di apprendimento: Il corso propone modalità di studio specifiche fornendo esempi testuali di diversa natura e contenuto. Stimola, inoltre, lo studente all’autonoma osservazione e all’identificazione, all’interno di testi autentici, delle regole grammaticali apprese.
PrerequisitiIl prerequisito fondamentale per poter accedere al corso e prendere parte all’esame è il superamento dell’esame di Lingua tedesca esercitazioni I anno.
Metodi didatticiLezioni frontali. Introduzione e spiegazione teorica degli argomenti, a seguire applicazione degli argomenti grammaticali attraverso esercizi. Lezioni di lettura e discussione di testi.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame scritto e orale separati. Prova scritta che consta di due parti: grammatica e comprensione del testo. La parte di grammatica è costituita da 10-15 esercizi distinti che mirano a verificare la corretta comprensione e capacità di applicazione degli argomenti grammaticali affrontati durante il corso. La parte di comprensione del testo prevede la lettura di un testo di diversa tipologia (saggio, articolo di giornale ecc.) su diversi temi e una serie di domande finalizzate a verificare la comprensione del testo. A seguire, lo studente deve produrre uno scritto (freier Ausdruck), nel quale viene richiesto di esprimere il proprio parere personale o di descrivere la propria esperienza riguardo agli argomenti trattati nel testo di lettura. La prova scritta ha una durata complessiva di 4 ore. L’esame avrà esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18/30 in ciascuna delle parti di esame. La lode verrà assegnata sulla base di una valutazione dell'accuratezza, approfondimento e capacità di elaborazione della risposta. Prova orale con lettura e commento orale di un testo; a seguire domande orali di carattere generale (hobby, interessi, programmi future, esperienze passate). L’esame avrà esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18/30. La capacità di usare ed applicare le regole grammaticali acquisite durante il corso (cfr. obiettivi 1/2) viene verificata, in modo particolare, attraverso la prova scritta di grammatica, nella quale lo studente deve svolgere gli esercizi, applicando diverse regole grammaticali apprese. La capacità di usare ed applicare le regole grammaticali acquisite durante il corso (cfr. obiettivi 1/2) viene verificata, in modo particolare, attraverso la prova scritta di grammatica, nella quale lo studente deve svolgere gli esercizi, applicando diverse regole grammaticali apprese. La capacità di comprensione e produzione di testi scritti e orali (obiettivi 1/2/4) viene verificata attraverso la prova scritta di lettura e comprensione del testo e la prova orale. La capacità di espressione di giudizi personali (obiettivo 3) viene valutata sulla base dei risultati ottenuti dallo studente nella prova di analisi e comprensione del testo, in modo particolare nella produzione del testo libero (freier Ausdruck), in cui viene richiesto di esprimersi in modo sufficientemente articolato e approfondito su aspetti della cultura tedesca, confrontandoli con la propria. La capacità di studio (obiettivo 5) viene verificata sia nella prova di grammatica, dal quale emerge il grado di approfondimento dei temi grammaticali affrontati durante il corso.
Programma estesoIl corso mira all’approfondimento degli argomenti grammaticali, la cui conoscenza è necessaria per il raggiungimento del livello di competenza linguistica B1.2/B2. La trattazione di temi grammaticali è seguita da una serie di esercizi che gli studenti sono tenuti a svolgere, in modo da verificare già durante le lezioni il grado di conoscenza della grammatica. Accanto a lezioni destinate all’approfondimento grammaticale sono offerte anche lezioni frontali di lettura e comprensione del testo scritto e parlato, nelle quali viene richiesta l’applicazione delle nozioni grammaticali acquisite e l’uso di una terminologia ampia e di strutture sintattiche complesse.
Risultati di apprendimento attesiConoscenza e comprensione:conoscere gli argomenti grammaticali (livello B1.2/B2) conoscere strutture sintattiche complesse (livello B1.2/B2)conoscere e comprendere una terminologia ampia comprendere un testo scritto e messaggi orali articolati Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione:saper produrre testi scritti e orali saper usare correttamente le regole grammaticali e la terminologia adeguata Autonomia di giudizi: formulare giudizi di valutazione in tedesco su svariati argomentiformulare giudizi sulla civiltà e cultura tedesca, operando un confronto con la propria Abilità comunicative:sapersi servire in modo coerente della terminologia e delle regole grammaticali in modo da comunicare appropriatamente in lingua tedesca Capacità di apprendimento: coniugare l’apprendimento di regole grammaticali astratte con l’uso concreto in produzioni scritte e orali apprendere e approfondire i diversi argomenti in modo autonomo
Insegnamento mutuato daLINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - LE0042 LINGUA TEDESCA A ESERCITAZIONE II ANNO - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLINGUISTICA TEDESCA A
CodiceLE0046
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoRAVETTO Miriam
DocentiRAVETTO Miriam
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/14 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA TEDESCA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Lingua di insegnamentoTedesco e Italiano
ContenutiINTRODUZIONE ALLA LINGUISTICA DEL TEDESCO TRA DIACRONIA E SINCRONIA
Testi di riferimentoDi Meola, Claudio (2009). Introduzione alla linguistica tedesca, Roma, Bulzoni Dipper, Stefanie (2018). Linguistik: eine Einführung (nicht nur) für Germanisten, Romanisten und Anglisten, Berlin: Springer. Dahmen, Silvia (2018). Phonetik, Phonologie und Schrift, Paderborn: Schöningh.Jäger, Agnes (2018). Vergleichskonstruktionen im Deutschen: diachroner Wandel und synchrone Variation, Berlin: de Gruyter.
Obiettivi formativiIl corso ha i seguenti obiettivi:(1) conoscenze e comprensione: Il corso fornisce solide conoscenze di base per l'analisi linguistica del tedesco dal punto di vista sia sincronico che diacronico. (2) capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Il corso fornisce le competenze utili a identificare ed esaminare le principali caratteristiche fonetiche, morfo-lessicali, sintattiche della lingua tedesca.(3) espressione di giudizi: Il corso permette di acquisire le capacità di esaminare e valutare i tratti caratteristici della lingua tedesca in prospettiva sincronica, con uno sguardo alle manifestazioni linguistiche del tedesco contemporaneo, e in prospettiva diacronica, in modo da identificare i mutamenti della lingua attraverso il tempo che hanno condotto agli usi linguistici odierni. (4) abilità nella comunicazione: Attraverso l'analisi delle strutture morfo-sintattiche, lessicali e per mezzo di un approccio pragmatico, il corso mira a rafforzare le capacità comunicative degli studenti nell'ambito della produzione sia orale che scritta. Il corso fornisce anche la terminologia specifica per poter descrivere in modo adeguato i diversi fenomeni linguistici. (5) capacità di approfondimento: Il corso mira a potenziare le capacità di studio e riflessione autonoma degli studenti riguardo a temi di linguistica tedesca.
PrerequisitiConoscenze di base di lingua tedesca (livello B1)
Metodi didatticiLezioni frontali. Introduzione e spiegazione teorica degli argomenti, a seguire applicazione attraverso esercizi.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame scritto. La prova scritta è costituita da due parti. La prima parte consta di una serie di domande (6-8 quesiti) a risposta aperta sugli argomenti proposti durante il corso e da approfondire attraverso la bibliografia segnalata. La seconda parte è costituita da uno o due esercizi pratici, che verificano l’applicazione delle nozioni teoriche. La durata dell’esame è di 2 ore. L’esame ha esito positivo se si raggiunge o si supera la somma di 18/30, ottenuta sommando il punteggio previsto per ciascun quesito. La lode viene assegnata sulla base di una valutazione dell'accuratezza, approfondimento e capacità di elaborazione della risposta. Le capacità di identificare e descrivere le principali caratteristiche fonetiche, morfo-lessicali e sintattiche della lingua tedesca (obiettivi 1/2) vengono verificate attraverso le domande aperte, nelle quali allo studente viene chiesto di descrivere e trattare fenomeni e tratti linguistici del tedesco e anche attraverso gli esercizi pratici, attraverso i quali lo studente deve saper identificare specifici fenomeni. La capacità di espressione di giudizi e di comunicazione (obiettivi 3/4) viene verificata per mezzo delle domande a risposta aperta, in cui allo studente verrà chiesto di esprimersi attraverso la terminologia appropriata, descrivendo, comparando e commentando fenomeni del tedesco in prospettiva sia sincronica che diacronica. La capacità di approfondimento (obiettivo 5) viene verificata in modo particolare con le domande a risposta aperta, con le quali si può valutare se e come lo studente è capace a creare collegamenti tra gli argomenti trattati e il grado di approfondimento nello studio individuale.
Programma estesoLa prima parte del corso offre un'introduzione alla linguistica sincronica della lingua tedesca, concentrandosi in modo particolare sulla fonetica e fonologia, morfologia e sintassi del tedesco contemporaneo. La seconda parte propone una descrizione diacronica del tedesco, con particolare attenzione ai momenti storico-linguistici più significativi.
Risultati di apprendimento attesiConoscenza e comprensione:conoscere i tratti linguistici del tedesco contemporaneoconoscere le principali teorie linguistiche per la descrizione dei fenomeni conoscere i momenti storico-linguistici del tedesco Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione:saper identificare e descrivere diversi fenomeni e strutture del tedesco Autonomia di giudizi: formulare giudizi di valutazione sull’uso e la frequenza dei fenomeni caratteristici della lingua tedesca Abilità comunicative:sapersi servire in modo coerente della terminologia scientifica in modo da descrivere accuratamente e adeguatamente la lingua tedesca da diverse prospettive di analisi Capacità di apprendimento: coniugare l’apprendimento delle teorie con l’applicazione concreta nella descrizione di manifestazioni autentiche (in diversi esempi testuali) apprendere e approfondire i diversi argomenti in modo autonomo
Insegnamento mutuato daLINGUE STRANIERE MODERNE (1723) - LE0046 LINGUISTICA TEDESCA A - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLINGUISTICA FRANCESE SPECIALISTICA B
CodiceLE0026
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoAUDEOUD Laurence
DocentiAUDEOUD Laurence
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/04 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA FRANCESE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoC - Affine o integrativo
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoFRANCESE
ContenutiLa langue française dans les espaces francophones: variations diatopiques, expressions culturelles.
Testi di riferimentoAlain Rey, "L'amour du français", Paris, Denoel, 2007 (da procurarsi). Alain Rey, "Mille ans de Langue française", Paris, Perrin, 2007; Claude Hagège, "Combat pour le français", Paris, Odile Jacob, 2008.
Obiettivi formativi• obiettivi - conoscenze e comprensione : Conoscere la mappa della Francophonia e le radici storiche dell'uso del francese nelle zone francofone, nonché le politiche linguistiche legate ad esso. Capire il concetto di variazione diatopica, ed i fenomeni linguistici inerenti a questa variazione linguistica nei paesi francofoni. Riflettere sul concetto di stereotipo culturale e linguistico. - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: Individuare e collocare nella giusta tipologia descrittiva i fenomeni linguistici analizzati, a livello fonologico, morfosintattico e lessicale. Dare la definizione dei fenomeni linguistici presentati e proporne esempi pertinenti. Analizzare un corpus orale o scritto con l’aiuto degli strumenti analitici acquisiti durante il corso. - espressione di giudizi: Esprimere giudizi e trarre conclusioni personali sulla variazione diatopica nei paesi francofoni e sugli stereotipi culturali e linguistici. - abilità nella comunicazione: Utilizzare con scioltezza la lingua francese e la terminologia adeguata per discutere, sia nella prova scritta sia nella prova orale, questioni inerenti agli argomenti trattati nel corso, nonché per procedere allo spoglio di un corpus. - capacità di studio: Leggere con profitto e senso critico i testi teorici assegnati e i documenti forniti. Usare DIR in modo autonomo e costante. Svolgere in modo autonomo gli esercizi di applicazione assegnati durante il corso nonché la relazione obbligatoria in vista della prova orale.
PrerequisitiLivello di competenza B2-C1 del Cadre Européen Commun de Référence.
Metodi didatticiLezioni frontali con l'ausilio di supporti audiovisi.
Altre informazioniIl servizio DIR fornirà programma dettagliato, modalità della prova scritta e della prova orale, istruzioni per il lavoro obbligatorio, esempi di prove d'esame, materiale didattico, registro delle lezioni.
Modalità di verifica dell'apprendimentoProva scritta e prova orale separate. Strutturazione della prova scritta: 10 punti per 10 domande a risposta aperta su argomenti attinenti al programma; 10 punti per l'analisi di un testo critico; 10 punti per una questione di argomentazione. E' necessario superare la prova scritta con un minimo di 18/30 per accedere alla prova orale (voto espresso in trentesimi).Modalità della prova orale: discussione dell'elaborato e presentazione della ricerca obbligatoria svolta dallo studente (10 pagine circa, formato word), corretta dal docente prima della prova orale (a scelta, una variazione diatopica nella Francia metropolitana). Il voto finale consiste nella media tra il voto della prova scritta e quello della prova orale.
Programma estesoIl modulo si propone, in una prima fase, di fare luce sul concetto di “francophonie”, tirando le somme dei primi quarant’anni di vita dell’Organisation Internationale de la Francophonie (nascita, fondatori, evoluzione, obiettivi, progetti), nonché di presentare, in una prospettiva diacronica, l'estensione della lingua francese oltre le frontiere della Francia, in una seconda fase, di presentare svariate manifestazioni linguistiche nello spazio francofono, in particolar modo a livello fonologico e lessicale, per delineare i contorni di una lingua francese ricca di neologismi semantici e morfologici nonché espressioni idiomatiche provenienti dall’Africa, dal Belgio e dal Québec, studiate in corpora di varia natura, a sottolineare l'ancoraggio socioculturale della variazione diatopica. I corpora analizzati saranno di varia natura (estratti di film, canzoni, sketch, brani di romanzi e poesie).
Risultati di apprendimento attesiApprofondimento della competenza linguistica (livello C1) con un'attenzione particolare alla comprensione orale in un contesto di variazione diatopica. Maggiore consapevolezza delle variazioni linguistiche e delle loro implicazioni sociali. Buona capacità critica nell'affrontare il tema della diversità e della eterogeneità della lingua francese nonché degli stereotipi culturali. Capacità di applicare le conoscenze acquisite nella progettazione di attività didattiche in un contesto FLE.
Insegnamento mutuato daLINGUE, CULTURE, TURISMO (A002) - LE0050 LINGUISTICA FRANCESE SPECIALISTICA A - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLINGUISTICA INGLESE SPECIALISTICA B
CodiceLE0025
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2016/2017
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoLERTOLA Jennifer
DocentiLERTOLA Jennifer
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/12 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA INGLESE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoC - Affine o integrativo
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoInglese
ContenutiAnalysing audiovisual discourse: linguistic insights
Testi di riferimentoFreddi, M., & Pavesi, M. (2009). Analysing Audiovisual Dialogue. Linguistic and Translational Insights. Bologna: CLUEB. (CAPITOLI SELEZIONATI) Pavesi, M. (2005). La traduzione filmica. Tratti del parlato doppiato dall’inglese all’italiano. Roma: Carocci. (CAPITOLI SELEZIONATI) Pavesi, M., Formentelli M., & Ghia E. (Eds.) (2014) The Languages of Dubbing: Mainstream Audiovisual Translation in Italy. Bern: Peter Lang. (CAPITOLI SELEZIONATI) Perego, E. (2005). La traduzione audiovisiva. Roma: Carocci. (CAPITOLI SELEZIONATI) Ranzato, I., Zanotti, S. (Eds.). (2018). Linguistic and Cultural Representation in Audiovisual Translation. New York and London: Routledge. (CAPITOLI SELEZIONATI) Altre indicazioni bibliografiche verranno fornite a lezione e saranno disponibili su DIR.
Obiettivi formativiCapacità di utilizzare il lessico specifico, gli strumenti e le nozioni acquisite durante il corso nell’analisi di testi audiovisivi. Capacità di eseguire un’analisi contrastiva inglese-italiano.
Metodi didatticiLezioni frontali, analisi di testi audiovisivi, materiale audiovisivo e materiale su DIR.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame orale. L'esame prevede la risposta in inglese ad alcuni quesiti di natura teorica e lo svolgimento di alcuni esercizi di analisi contrastiva inglese-italiano.
Programma estesoIl corso prenderà in esame il parlato filmico, che presenta tratti linguistici specifici che non coincidono con quelli del parlato spontaneo. Si farà riferimento ad aspetti specifici del parlato filmico inglese doppiato in italiano, con particolare attenzione ad aspetti morfosintattici e lessicali. Prendendo in esame estratti di prodotti audiovisivi in lingua inglese si analizzeranno gli adattamenti in italiano per la versione sottotitolata e doppiata. Inoltre, si considererà l’efficacia della traduzione audiovisiva come metodologia didattica innovativa per l’apprendimento dell’inglese come lingua straniera con l’uso delle nuove tecnologie.
Risultati di apprendimento attesiConoscenza e comprensione: conoscere i principi teorici e i metodi per svolgere un’analisi del parlato filmico inglese Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: saper analizzare testi audiovisivi nelle loro componenti linguistiche Autonomia di giudizi: formulare giudizi di valutazione su aspetti linguistici a vari livelli Abilità comunicative: sapersi servire in modo coerente e appropriato della specifica terminologia scientifica Capacità di apprendimento: coniugare l’apprendimento di nozioni astratte con l’osservazione diretta di dati empirici
Insegnamento mutuato daLINGUE, CULTURE, TURISMO (A002) - LE0051 LINGUISTICA INGLESE SPECIALISTICA A - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLINGUISTICA INGLESE SPECIALISTICA B
CodiceLE0025
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoLERTOLA Jennifer
DocentiLERTOLA Jennifer
CFU6
Ore di lezione30
Ore di studio individuale120
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/12 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA INGLESE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoC - Affine o integrativo
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoInglese
ContenutiAnalysing audiovisual discourse: linguistic insights
Testi di riferimentoFreddi, M., & Pavesi, M. (2009). Analysing Audiovisual Dialogue. Linguistic and Translational Insights. Bologna: CLUEB. (CAPITOLI SELEZIONATI) Pavesi, M. (2005). La traduzione filmica. Tratti del parlato doppiato dall’inglese all’italiano. Roma: Carocci. (CAPITOLI SELEZIONATI) Pavesi, M., Formentelli M., & Ghia E. (Eds.) (2014) The Languages of Dubbing: Mainstream Audiovisual Translation in Italy. Bern: Peter Lang. (CAPITOLI SELEZIONATI) Perego, E. (2005). La traduzione audiovisiva. Roma: Carocci. (CAPITOLI SELEZIONATI) Ranzato, I., Zanotti, S. (Eds.). (2018). Linguistic and Cultural Representation in Audiovisual Translation. New York and London: Routledge. (CAPITOLI SELEZIONATI) Altre indicazioni bibliografiche verranno fornite a lezione e saranno disponibili su DIR.
Obiettivi formativiCapacità di utilizzare il lessico specifico, gli strumenti e le nozioni acquisite durante il corso nell’analisi di testi audiovisivi. Capacità di eseguire un’analisi contrastiva inglese-italiano.
Metodi didatticiLezioni frontali, analisi di testi audiovisivi, materiale audiovisivo e materiale su DIR.
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame orale. L'esame prevede la risposta in inglese ad alcuni quesiti di natura teorica e lo svolgimento di alcuni esercizi di analisi contrastiva inglese-italiano.
Programma estesoIl corso prenderà in esame il parlato filmico, che presenta tratti linguistici specifici che non coincidono con quelli del parlato spontaneo. Si farà riferimento ad aspetti specifici del parlato filmico inglese doppiato in italiano, con particolare attenzione ad aspetti morfosintattici e lessicali. Prendendo in esame estratti di prodotti audiovisivi in lingua inglese si analizzeranno gli adattamenti in italiano per la versione sottotitolata e doppiata. Inoltre, si considererà l’efficacia della traduzione audiovisiva come metodologia didattica innovativa per l’apprendimento dell’inglese come lingua straniera con l’uso delle nuove tecnologie.
Risultati di apprendimento attesiConoscenza e comprensione: conoscere i principi teorici e i metodi per svolgere un’analisi del parlato filmico inglese Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: saper analizzare testi audiovisivi nelle loro componenti linguistiche Autonomia di giudizi: formulare giudizi di valutazione su aspetti linguistici a vari livelli Abilità comunicative: sapersi servire in modo coerente e appropriato della specifica terminologia scientifica Capacità di apprendimento: coniugare l’apprendimento di nozioni astratte con l’osservazione diretta di dati empirici
Insegnamento mutuato daLINGUE, CULTURE, TURISMO (A002) - LE0051 LINGUISTICA INGLESE SPECIALISTICA A - VERCELLI
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoORGANIZZAZIONE E VALUTAZIONE DEI PROGETTI TURISTICI
CodiceLE0153
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoEMANUEL Cesare
DocentiEMANUEL Cesare, CERUTTI Stefania
CFU8
Ore di lezione48
Ore di studio individuale152
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-GGR/02 - GEOGRAFIA ECONOMICO-POLITICA
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoC - Affine o integrativo
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiArgomenti inerenti la geografia del turismo, il marketing territoriale, la programmazione, la progettazione
Testi di riferimentoRossi A, Goetz M (2011) Creare offerte turistiche vincenti con Tourist Experience Design, Milano: Hoepli Cerutti S, Cottini A (2014) Territori di montagna e sviluppo locale: progettare con i fondi europei, Domodossola: Ars.Uni.Vco e-book scaricabile online al link: http://www.univco.it/uploads/public/extra/E_book_ediz_ARSUNIVCO_II_2014.pdf Altro materiale di approfondimento sarà indicato nel corso delle lezioni.
Obiettivi formativiIl corso è destinato a fornire gli strumenti e le metodologie per la progettazione, la gestione, la promozione dei prodotti e dei progetti turistici. In particolare focalizza le iniziative e le azioni capaci di generare l’innovazione dell’offerta, l’interesse sui mercati di sbocco e le modalità di acquisizione delle risorse (professionali, territoriali, tecnologiche e finanziarie) indispensabili.
PrerequisitiNessuno.
Metodi didatticiLezioni frontali, testimonianze di esperti e discussioni di gruppo.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame prevede due opzioni: presentazione e discussione di una relazione finale associata a specifici contenuti del corso oppure, a scelta dello studente, prova scritta sui contenuti dei testi di riferimento sopra indicati.
Programma estesoIl corso è strutturato in due parti: I PARTE (Emanuel) • Il prodotto turistico e le tipologie di riferimento • Le componenti strutturali del prodotto turistico • L’immaginario, le rappresentazioni, il concept e gli attori del prodotto turistico • La segmentazione della domanda turistica • Il prodotto come proposta di valore esperienziale • La progettazione del prodotto turistico e le strategie di intervento • Gli strumenti per l’innovazione e la gestione del prodotto II PARTE (Cerutti) • La politica regionale europea 2014-2020 • Il turismo nella programmazione europea • I fondi a gestione diretta, indiretta e i programmi transfrontalieri della programmazione UE 2014-2020: i progetti e i prodotti turistici ammissibili • La cooperazione territoriale europea • Gli strumenti di promozione e marketing territoriale • Il Destination Management
Risultati di apprendimento attesiAcquisizione di: - competenze in materia di pianificazione territoriale in ambito turistico - capacità progettuale di livello locale e sovralocale in ambito turistico: dall’allestimento dei prodotti alla promozione delle destinazioni
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoSOCIETÀ, COMUNICAZIONE, TERRITORIO
CodiceLE0144
Anno Accademico2018/2019
Anno regolamento2017/2018
Corso di studioA002 - LINGUE, CULTURE, TURISMO
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBULSEI Gian Luigi
DocentiBULSEI Gian Luigi
CFU8
Ore di lezione40
Ore di studio individuale160
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)SPS/08 - SOCIOLOGIA DEI PROCESSI CULTURALI E COMUNICATIVI
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Categoria insegnamentoC - Affine o integrativo
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
SedeVERCELLI
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiDopo aver illustrato i concetti di comunicazione (sociale, organizzativa, pubblica, mediatica) e partecipazione (interazione, cooperazione, decisione), verrà approfondito il tema del rapporto tra identità locale e organizzazione del territorio
Testi di riferimentoBATTINO S., LAMPREU S. (2017), Strategie di valorizzazione e promozione in chiave turistica del patrimonio culturale nelle aree interne. Un caso in Sardegna (disponibile sulla DIR); BULSEI G.L. (2017), Comunicazione e partecipazione di fronte ai rischi ambientali e sociali (disponibile sulla DIR); BULSEI G.L., PODESTÀ N. (2014), L'ascolto del territorio. Esperienze di democrazia partecipativa, Aracne, Roma; MAZZOLI L. (2017), Il patchwork mediale. Comunicazione e informazione fra media tradizionali e media digitali, Franco Angeli, Milano. CHI NON FREQUENTA IL CORSO PREPARERA’ ANCHE BULSEI G.L. (2012), La società diffusa. Organizzazioni e politiche locali, Carocci, Roma.
Obiettivi formativiL'obiettivo principale del corso è fornire gli strumenti essenziali per comprendere e analizzare a livello territoriale i processi sociali e comunicativi e, attraverso la discussione di casi reali tratti dalla ricerca empirica e dall'esperienza quotidiana, condurre lo studente verso un atteggiamento critico e riflessivo sulle questioni affrontate
Prerequisiti= =
Metodi didatticilezioni e attività seminariali
Altre informazioniScrivere a gianluigi.bulsei@uniupo.it (il docente riceve su appuntamento)
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame orale, che consisterà in un colloquio di 30 minuti circa a partire da un argomento a scelta dello studente e con alcune domande sull’intero programma, per valutare comprensione (60%) e applicazione (40%) delle conoscenze apprese, verificando il grado di conoscenza degli argomenti trattati e la capacità di elaborare le risposte utilizzando correttamente concetti e termini scientifici
Programma esteso1. Introduzione al corso 2. Interazione sociale e comunicazione 3. Comunicazione e informazione 4. Comunicazione interpersonale, organizzativa, mediatica 5. Società 4.0? I media digitali 6. I sistemi simbolici: culture, religioni, comunicazione 7. Faber e gli altri: sono solo canzonette? 8. La scienza utile: expertise e partecipazione 9. La comunicazione in “condizioni avverse” 10. Ambiente e società: scenari globali e reti locali 11. Formazioni sociali e territori amministrati 12. Luoghi e persone; 13. Partecipare alle scelte pubbliche 14. Mobilità sostenibile: il progetto Trailblazer 15.Politiche urbane: un esperimento a Novara 16. P.I.U.M.A: protezione dell'ambiente e comunità rurali 17. Il caso Eternit: dramma collettivo, mobilitazione sociale, azione istituzionale 18. Quando trema la terra 19. Valorizzazione e promozione delle aree interne 20. Società, comunicazione, territorio: dai casi ai modelli (lezione-discussione conclusiva)
Risultati di apprendimento attesiConoscenza e comprensione: Apprendere concetti e metodi per l'analisi dei processi sociali e comunicativi, con particolare attenzione al rapporto tra informazione e partecipazione nei sistemi locali Capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: sviluppare capacità di riflessione critica per approfondire lo studio interdisciplinare di temi di rilevanza sociale. Autonomia di giudizi: essere in grado di utilizzare criticamente le conoscenze apprese per riflettere su problemi e prospettive delle società locali Abilità comunicative: Concettualizzare ed esporre in modo chiaro ed appropriato le proprie opinioni Capacità di apprendimento: coniugare l’apprendimento di modelli teorici con l’analisi sociale territoriale
Chiudi scheda insegnamento
Dati aggiornati al: 12/12/2018, 07:34