Laurea in Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di infermiere)

Didattica erogata

Stampa guida
Stampa
Anno Codice Insegnamento Docenti Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Curriculum Sede CFU
1 MS0408 ADO I ANNO NN Tutti 1
1 MS0082 Inglese scientifico ROTATORI Alessandro L-LIN/12 Tutti ALBA, ALESSANDRIA, NOVARA 3
1 MS0411 Laboratori professionali 1 ZAVAGLIO Andreina, BORSARI Virna Fedora Goazia, ZAVATTARO Irene, MOSCATIELLO Mimma, CASTELLETTI Attilia, DI DIO Angelo, BERTA Maria Giuseppina, LEA Rosaria, FERRARI Manuela, TONELLA Simone MED/45 Tutti ALESSANDRIA, NOVARA, ALBA, BIELLA, VERBANIA 2
1 MS0025 Promozione della salute e della sicurezza GIROLDINI Luciano, LEIGHEB Fabrizio, TESIO Sergio, GIORCELLI Laura Maria, NEGRO Daniela Bruna, PASTORE Antonella, MONTINARO Maria Elisabetta MED/42, MED/45, MED/44 Tutti NOVARA, ALBA, ALESSANDRIA, BIELLA, VERBANIA 5
1 MS0133 Propedeutica clinica CHIOCCHETTI Annalisa, BORGOGNA Cinzia, CARINI Rita MED/04, MED/07 Tutti NOVARA 5
1 MS0021 Relazione di aiuto e adattamento FREGGIARO Enrica, INTRAVAIA Giuseppina, PEPOLI Antonio, ACQUADRO Loredana, OLGIATI Paolo, DE GIULI Clara, DESTRO Anna Maria, AGOSTO Rita, DE RUVO Assunta Gabriella, SUARDI Barbara, GIROLDINI Luciano M-PSI/01, M-DEA/01, MED/45 Tutti NOVARA, ALBA, ALESSANDRIA, BIELLA, VERBANIA 5
1 MS0134 Scienze biologiche BERTONI Alessandra, BOZZO Chiarella, CORRADO Lucia BIO/10, BIO/13, MED/03 Tutti 3
1 MS0139 Scienze fisiologiche MOLINARI Claudio Giuseppe Tutti 4
1 MS0141 Scienze infermieristiche SUARDI Barbara, VERNASSA Anna, CHILIN Giovanni, BARDONE Lorenzo, SCAPPARONE Paola, TIBALDI Antonietta, GRIGOLO Sabrina, MONTANI Doriana, CASALINO Monica, AGOSTO Rita, DEPAOLI Daniela, ILARI Federica, LEA Rosaria, LAUDANDO Franca MED/45 Tutti ALBA, ALESSANDRIA, BIELLA, NOVARA, VERBANIA 5
1 MS0043 Scienze morfologiche FOLLENZI Antonia, BOCCAFOSCHI Francesca BIO/16, BIO/17 Tutti 4
1 MS0117 Tirocinio I anno MED/45 Tutti 21
2 MS0409 ADO II ANNO NN Tutti 2
2 MS0268 Infermieristica basata sulle prove di efficacia DAL MOLIN Alberto, ABELLI Gianfranco, FAGGIANO Fabrizio, MASTINU Alessandro Etrusco, QUARTA Denis, SAGLIETTI Andrea INF/01, MED/42, MED/45, MED/01 Tutti 6
2 MS0196 Infermieristica clinica in area chirurgica PAVANI Moreno, OLDANI Alberto, TIBALDI Livio, PERINOTTI Roberto, RENA Ottavio, CARRIERO Alessandro, DEPAOLI Daniela, ZAVATTARO Irene, LONGO Roberto, MOSCATIELLO Mimma, QUAGLIA Marco, ALUFFI VALLETTI Paolo, VOLPE Alessandro MED/18, MED/36, MED/45, MED/14, MED/31, MED/24 Tutti ALBA 9
2 MS0273 Infermieristica clinica in area medica MOSCATIELLO Mimma, DE LUCA Giuseppe, GENTILE Luigi, AIMARETTI Gianluca, OLEANDRI Salvatore, MARZULLO Paolo, SAGLIETTI Giuseppe, COLANGELO Donato, COSTA Daniela, ZAVAGLIO Andreina, BERGUI Annamaria, CLARI Marco, AVANZI Gian Carlo MED/11, MED/13, BIO/14, MED/45, MED/09 Tutti 9
2 MS0274 Infermieristica clinica in area onco-ematologica ILARI Federica, BOLDORINI Renzo Luciano, DI RUSCIO Annalisa, PERTINO Antonella, AULETTA Gaetano, MANNA Gianluca, CAGGIANO Paola, GALETTO Alessandra Silvia, DEANTONIO Letizia MED/08, MED/15, MED/45, MED/06, MED/36 Tutti 6
2 MS0281 Infermieristica nella cronicità e disabilità QUARTAGNO Mariantonietta, ALESSIO Angioletta, BERGAMASCO Paola, BERGUI Annamaria, BERTOZZI Alessandra, GARBAGNOLI Paolo, RICUPERO Cristina Rosa, COMI Cristoforo, SANTOLLI Stefania, PRODAM Flavia, BRACCO Alberta, ZULBERTI Bibiana, BUSSI Isabella MED/45, MED/09, MED/34, MED/26, MED/49 Tutti 6
2 MS0412 Laboratori professionali 2 GALLIONE Chiara, FREGGIARO Enrica, ZAVATTARO Irene, BRUMANA Susanna MED/45 Tutti 1
2 MS0118 Tirocinio II anno MED/45 Tutti 19
2 MS0414 Ulteriori attività formative II anno COLANGELO Donato NN Tutti 1
3 MS0410 ADO III ANNO NN Tutti 3
3 MS0375 Infermieristica in emergenza/urgenza CAPUZZI Fabio, TESSARIN Iginio, BRUNO Emiliano, PAVANI Moreno, DI DIO Angelo, CIBIN Cristina, CASTELLO Luigi Mario, INGRAO Calogero, LEIGHEB Massimiliano, DE ROBERTO Salvatore, COLZANI Giulia, TITOLO Paolo, ARTIACO Stefano, DELLA CORTE Francesco MED/45, MED/09, MED/33, MED/41 Tutti 8
3 MS0376 Infermieristica materno-infantile GROSSI Luigina, MARELLO Edi Angela, TURCHETTI Alessandra, CASETTA Patrizia, BEGGIATO Emanuela, MASCOLO Maria Rosaria, FINALE Enrico, MAZZOLA Simona, BLANDA Andrea, ARDIZZOIA Mario, GALLINA Davide, PAULLI Eleonora, MOCCA Gabriella, DI MAIO Pasquale, FANTON Monica, GUARDIONE Roberta, LAUDANDO Franca, MAIURI Luigi MED/47, MED/40, MED/45, MED/38 Tutti 4
3 MS0377 Infermieristica nella salute mentale, famiglia e comunità AGOSTO Rita, GIORCELLI Laura Maria, DE MEDICI Marina, GRIGOLO Sabrina, BARDONE Lorenzo, BADAGLIACCA Rosa, QUARTAGNO Mariantonietta, COSTA Daniela, BERGAMASCO Paola, COMPAGNONE Michele, BERTAGGIA Massimo, BRUMANA Susanna, D'ADDURNO Antonietta, ZEPPEGNO Patrizia, DESTRO Anna Maria MED/45, M-PED/01, MED/25, SPS/07 Tutti NOVARA 6
3 MS0390 Organizzazione e gestione dei processi assistenziali MONTANI Doriana, NEBIOLO Patrizia, VAJO Francesca, CANE Franco, POGGIO Diego, FOCATI PISANI Maria Elisena, TRIMARCHI Antonino, DECLAME Valter, GAMBARINI Lorella, MASTRANTUONO Donato, SERVETTO Claudia, CROSO Antonella, GIORCELLI Laura Maria, MAGLITTO Liliana SECS-P/07, MED/45, MED/43 Tutti NOVARA 6
3 MS0144 PROVA FINALE PROFIN_S Tutti NOVARA 6
3 MS0119 Tirocinio III anno MED/45 Tutti NOVARA 25
3 MS0415 Ulteriori attività formative III anno NN Tutti 2
Stampa
InsegnamentoADO I ANNO
CodiceMS0408
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
CFU1
Ore di studio individuale16
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoD - A scelta dallo studente
Anno1
PeriodoAnnuale
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoInglese scientifico
CodiceMS0082
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiROTATORI Alessandro
CFU3
Ore di lezione20
Ore di studio individuale70
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)L-LIN/12 - LINGUA E TRADUZIONE - LINGUA INGLESE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoE - Prova finale e lingua straniera
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeALBA, ALESSANDRIA, NOVARA
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Sedi e/o partizioni
ALBA
ALESSANDRIA
NOVARA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoInglese scientifico
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoROTATORI Alessandro
DocentiROTATORI Alessandro
Anno1
SedeALBA
Lingua di insegnamentoInglese e italiano
ContenutiLa conoscenza della lingua inglese costituisce oramai un'abilità essenziale per i professionisti della salute che operano sia in ambito clinico, che nella docenza o nella ricerca. Purtroppo l’acquisizione dei termini minimi per leggere e comprendere i testi medico-scientifici o per esprimersi oralmente in modo comprensibile con colleghi o pazienti di madrelingua inglese o stranieri, avviene in maniera insufficiente nei corsi d'inglese proposti in Italia. Da qui l’idea di offrire un corso pratico che possa coniugare in sé gli aspetti dell'inglese medico-scientifico scritti e orali.
Testi di riferimento1) Rotatori, A. (2014). L'inglese medico-scientifico: pronuncia e comprensione all'ascolto. EdiSES 2) Rotatori, A. (2015). Health Care Professionals Speaking: Conversazioni in ambito sanitario per i professionisti della salute. EdiSES
Obiettivi formativiMiglioramento delle conoscenze di inglese scientifico dal punto di vista fonetico, sintattico e lessicale. • obiettivi - conoscenze e comprensione: In conformità con il Quadro di Riferimento Europeo al livello B1, adattato alle esigenze universitarie e al dominio culturale del curriculum specifico. • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: In conformità con il Quadro di Riferimento Europeo al livello B1, adattato alle esigenze universitarie e al dominio culturale del curriculum specifico. • obiettivi - espressione di giudizi: In conformità con il Quadro di Riferimento Europeo al livello B1, adattato alle esigenze universitarie e al dominio culturale del curriculum specifico. • obiettivi - abilità nella comunicazione: In conformità con il Quadro di Riferimento Europeo al livello B1, adattato alle esigenze universitarie e al dominio culturale del curriculum specifico. • obiettivi - capacità di studio: In conformità con il Quadro di Riferimento Europeo al livello B1, adattato alle esigenze universitarie e al dominio culturale del curriculum specifico.
PrerequisitiNessuno
Metodi didatticiLezioni frontali
Altre informazioniAi fini del completamento del corso, è essenziale che lo studente svolga almeno 20 ore di lezione più test iniziale e finale sulla piattaforma Rosetta Stone entro la data ultima per iscriversi all'esame. Per ottenere le credenziali, può scrivere direttamente a rosettastone@uniupo.it
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa verifica finale consisterà in 30 domande basate sugli insegnamenti forniti dalla piattaforma Rosetta Stone e sui due testi indicati in bibliografia. Raggiungimento livello linguistico B1.
Programma estesoa) Lezioni sulla piattaforma Rosetta Stone; b) Studio per intero del testo 1) indicato in bibliografia; c) Studio di pp. 1-90 del testo 2) indicato in bibliografia.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoInglese scientifico
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoROTATORI Alessandro
DocentiROTATORI Alessandro
Anno1
SedeALESSANDRIA
Lingua di insegnamentoInglese e italiano
ContenutiLa conoscenza della lingua inglese costituisce oramai un'abilità essenziale per i professionisti della salute che operano sia in ambito clinico, che nella docenza o nella ricerca. Purtroppo l’acquisizione dei termini minimi per leggere e comprendere i testi medico-scientifici o per esprimersi oralmente in modo comprensibile con colleghi o pazienti di madrelingua inglese o stranieri, avviene in maniera insufficiente nei corsi d'inglese proposti in Italia. Da qui l’idea di offrire un corso pratico che possa coniugare in sé gli aspetti dell'inglese medico-scientifico scritti e orali.
Testi di riferimento1) Rotatori, A. (2014). L'inglese medico-scientifico: pronuncia e comprensione all'ascolto. EdiSES 2) Rotatori, A. (2015). Health Care Professionals Speaking: Conversazioni in ambito sanitario per i professionisti della salute. EdiSES
Obiettivi formativiMiglioramento delle conoscenze di inglese scientifico dal punto di vista fonetico, sintattico e lessicale. • obiettivi - conoscenze e comprensione: In conformità con il Quadro di Riferimento Europeo al livello B1, adattato alle esigenze universitarie e al dominio culturale del curriculum specifico. • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: In conformità con il Quadro di Riferimento Europeo al livello B1, adattato alle esigenze universitarie e al dominio culturale del curriculum specifico. • obiettivi - espressione di giudizi: In conformità con il Quadro di Riferimento Europeo al livello B1, adattato alle esigenze universitarie e al dominio culturale del curriculum specifico. • obiettivi - abilità nella comunicazione: In conformità con il Quadro di Riferimento Europeo al livello B1, adattato alle esigenze universitarie e al dominio culturale del curriculum specifico. • obiettivi - capacità di studio: In conformità con il Quadro di Riferimento Europeo al livello B1, adattato alle esigenze universitarie e al dominio culturale del curriculum specifico.
PrerequisitiNessuno
Metodi didatticiLezioni frontali
Altre informazioniAi fini del completamento del corso, è essenziale che lo studente svolga almeno 20 ore di lezione più test iniziale e finale sulla piattaforma Rosetta Stone entro la data ultima per iscriversi all'esame. Per ottenere le credenziali, può scrivere direttamente a rosettastone@uniupo.it
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa verifica finale consisterà in 30 domande basate sugli insegnamenti forniti dalla piattaforma Rosetta Stone e sui due testi indicati in bibliografia. Raggiungimento livello linguistico B1.
Programma estesoa) Lezioni sulla piattaforma Rosetta Stone; b) Studio per intero del testo 1) indicato in bibliografia; c) Studio di pp. 1-90 del testo 2) indicato in bibliografia.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoInglese scientifico
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoROTATORI Alessandro
DocentiROTATORI Alessandro
Anno1
SedeNOVARA
Lingua di insegnamentoInglese e italiano
ContenutiLa conoscenza della lingua inglese costituisce oramai un'abilità essenziale per i professionisti della salute che operano sia in ambito clinico, che nella docenza o nella ricerca. Purtroppo l’acquisizione dei termini minimi per leggere e comprendere i testi medico-scientifici o per esprimersi oralmente in modo comprensibile con colleghi o pazienti di madrelingua inglese o stranieri, avviene in maniera insufficiente nei corsi d'inglese proposti in Italia. Da qui l’idea di offrire un corso pratico che possa coniugare in sé gli aspetti dell'inglese medico-scientifico scritti e orali.
Testi di riferimento1) Rotatori, A. (2014). L'inglese medico-scientifico: pronuncia e comprensione all'ascolto. EdiSES 2) Rotatori, A. (2015). Health Care Professionals Speaking: Conversazioni in ambito sanitario per i professionisti della salute. EdiSES
Obiettivi formativiMiglioramento delle conoscenze di inglese scientifico dal punto di vista fonetico, sintattico e lessicale. • obiettivi - conoscenze e comprensione: In conformità con il Quadro di Riferimento Europeo al livello B1, adattato alle esigenze universitarie e al dominio culturale del curriculum specifico. • obiettivi - capacità di applicare le conoscenze e la comprensione: In conformità con il Quadro di Riferimento Europeo al livello B1, adattato alle esigenze universitarie e al dominio culturale del curriculum specifico. • obiettivi - espressione di giudizi: In conformità con il Quadro di Riferimento Europeo al livello B1, adattato alle esigenze universitarie e al dominio culturale del curriculum specifico. • obiettivi - abilità nella comunicazione: In conformità con il Quadro di Riferimento Europeo al livello B1, adattato alle esigenze universitarie e al dominio culturale del curriculum specifico. • obiettivi - capacità di studio: In conformità con il Quadro di Riferimento Europeo al livello B1, adattato alle esigenze universitarie e al dominio culturale del curriculum specifico.
PrerequisitiNessuno
Metodi didatticiLezioni frontali
Altre informazioniAi fini del completamento del corso, è essenziale che lo studente svolga almeno 20 ore di lezione più test iniziale e finale sulla piattaforma Rosetta Stone entro la data ultima per iscriversi all'esame. Per ottenere le credenziali, può scrivere direttamente a rosettastone@uniupo.it
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa verifica finale consisterà in 30 domande basate sugli insegnamenti forniti dalla piattaforma Rosetta Stone e sui due testi indicati in bibliografia. Raggiungimento livello linguistico B1.
Programma estesoa) Lezioni sulla piattaforma Rosetta Stone; b) Studio per intero del testo 1) indicato in bibliografia; c) Studio di pp. 1-90 del testo 2) indicato in bibliografia.
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLaboratori professionali 1
CodiceMS0411
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoZAVAGLIO Andreina
DocentiBORSARI Virna Fedora Goazia, ZAVATTARO Irene, MOSCATIELLO Mimma, ZAVAGLIO Andreina, CASTELLETTI Attilia, DI DIO Angelo, BERTA Maria Giuseppina, LEA Rosaria, FERRARI Manuela, TONELLA Simone
CFU2
Ore di studio individuale32
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoF - Stage e altre attività formative
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
SedeALESSANDRIA, NOVARA, ALBA, BIELLA, VERBANIA
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Sedi e/o partizioni
ALESSANDRIA
NOVARA
ALBA
BIELLA
VERBANIA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLaboratori professionali 1
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiBORSARI Virna Fedora Goazia
Anno1
SedeALESSANDRIA
Lingua di insegnamentoITALIANO
Contenuti- Anamnesi: raccolta delle generalità, anamnesi personale fisiologica, anamnesi familiare, anamnesi patologica prossima, anamnesi patologica remota - Strumenti dell’esame obiettivo: Ispezione, Palpazione, Percussione, Auscultazione - Metodo per apparati/sistemi e per distretti corporei - Esame obiettivo generale - Esame per apparati e sistemi: --Sistema tegumentario --Capo e collo (occhi, orecchie, naso, cavità orale e gola) --Apparato respiratorio --Sistema cardiovascolare --Sistema ghiandolare e linfatico --Addome ed apparato gastrointestinale --Apparato genitourinario femminile e maschile --Sistema muscolo-scheletrico --Sistema nervoso ed organi di senso
Testi di riferimentoTesti consigliati : - Accertamento clinico. Guida metodologica illustrata per i professionisti della salute. CEA - Trattato di cure infermieristiche. (Saiani Luisa, Brugnolli Anna). Idelson-Gnocchi
Obiettivi formativiEseguire l’esame obiettivo clinico e l’esame obiettivo per apparati e sistemi.
PrerequisitiApplicare un modello di esame obiettivo, eseguendo la rilevazione della funzionalità dei sistemi ed apparati corporei
Metodi didatticiPresentazione in formato Power Point. Eventuale proiezione di filmati. Dimostrazione pratica su manichino.
Modalità di verifica dell'apprendimentoProva orale e/o pratica.
Programma estesoLezioni da 4 ore per 5 giorni e ultime 8 ore divisione degli studenti in gruppi di 6/7 studenti per esercitazione pratica
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLaboratori professionali 1
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiZAVAGLIO Andreina, CASTELLETTI Attilia, DI DIO Angelo, BERTA Maria Giuseppina, LEA Rosaria
Anno1
SedeNOVARA
Sedi e/o partizioni
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLaboratori professionali 1
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiZAVATTARO Irene
Anno1
SedeALBA
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiAnamnesi: raccolta delle generalità, anamnesi personale fisiologica, anamnesi familiare, anamnesi patologica prossima, anamnesi patologica remota - Strumenti dell’esame obiettivo: Ispezione, Palpazione, Percussione, Auscultazione - Metodo per apparati/sistemi e per distretti corporei - Esame obiettivo generale - Esame per apparati e sistemi: - Sistema tegumentario - Capo e collo (occhi, orecchie, naso, cavità orale e gola) - Apparato respiratorio - Sistema cardiovascolare - Sistema ghiandolare e linfatico - Addome ed apparato gastrointestinale - Apparato genitourinario femminile e maschile -Sistema muscolo-scheletrico - Sistema nervoso ed organi di senso
Testi di riferimentoTesti consigliati : - Accertamento clinico. Guida metodologica illustrata per i professionisti della salute. CEA - Trattato di cure infermieristiche. (Saiani Luisa, Brugnolli Anna). Idelson- Gnocchi
Obiettivi formativiEseguire l’accertamento clinico attraverso l’esame obiettivo per apparati/sistemi e per distretti corporei.
PrerequisitiConoscenze di anatomia e fisiologia
Metodi didatticiUtilizzo di metodologia didattica attiva di laboratorio attraverso simulazioni e filmati.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa verifica sarà orale attraverso la simulazione dell’accertamento di un apparato/sistema corporeo con l’utilizzo di un manichino.
Programma estesoIl laboratorio si articiola in 2 giornate da 7 ore e da 4 giornate da 4 ore
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLaboratori professionali 1
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiFERRARI Manuela, TONELLA Simone
Anno1
SedeBIELLA
Sedi e/o partizioni
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoLaboratori professionali 1
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiMOSCATIELLO Mimma
Anno1
SedeVERBANIA
Lingua di insegnamentoITALIANO
Contenuti- Anamnesi: raccolta delle generalità, anamnesi personale fisiologica, anamnesi familiare, anamnesi patologica prossima, anamnesi patologica remota - Strumenti dell’esame obiettivo: Ispezione, Palpazione, Percussione, Auscultazione - Metodo per apparati/sistemi e per distretti corporei - Esame obiettivo generale visus, parametri vitali, quinto parametro vitale (dolore) - Esame per apparati e sistemi: - Sistema tegumentario - Capo e collo (occhi, orecchie, naso, cavità orale e gola) - Apparato respiratorio - Sistema cardiovascolare - Sistema ghiandolare e linfatico - Addome ed apparato gastrointestinale - Apparato genitourinario femminile e maschile -Sistema muscolo-scheletrico - Sistema nervoso ed organi di senso
Testi di riferimentoTesti consigliati : - Accertamento clinico. Guida metodologica illustrata per i professionisti della salute. CEA - Trattato di cure infermieristiche. (Saiani Luisa, Brugnolli Anna). Idelson- Gnocchi
Obiettivi formativiEseguire l’esame obiettivo clinico e l’esame obiettivo per apparati/sistemi e distretti corporei.
PrerequisitiConoscenze di anatomia e fisiologia.
Metodi didatticiUtilizzo di metodologia didattica attiva di laboratorio attraverso simulazioni e filmati
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa verifica sarà orale attraverso la simulazione dell’accertamento di un apparato/sistema corporeo
Programma estesoIl laboratorio si articola in lezioni di 2 - 4 ore
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoPromozione della salute e della sicurezza
CodiceMS0025
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoGIROLDINI Luciano
DocentiLEIGHEB Fabrizio, TESIO Sergio, GIORCELLI Laura Maria, NEGRO Daniela Bruna, PASTORE Antonella, GIROLDINI Luciano, MONTINARO Maria Elisabetta
CFU5
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeNOVARA, ALBA, ALESSANDRIA, BIELLA, VERBANIA
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
MS0028 Igiene e sanità pubblica MED/42 - IGIENE GENERALE E APPLICATA LEIGHEB Fabrizio
MS0030 Infermieristica in sanita' pubblica e luoghi di lavoro MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE TESIO Sergio, GIORCELLI Laura Maria, NEGRO Daniela Bruna, PASTORE Antonella, GIROLDINI Luciano
MS0033 Sicurezza negli ambienti di lavoro MED/44 - MEDICINA DEL LAVORO MONTINARO Maria Elisabetta
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoIgiene e sanità pubblica
CodiceMS0028
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiLEIGHEB Fabrizio
CFU2
Ore di lezione30
Ore di studio individuale30
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/42 - IGIENE GENERALE E APPLICATA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiConoscenze e abilità attese: Conoscere i principi di epidemiologia, la catena contagionistica, i meccanismi di difesa dalle infezioni, le procedure di detersione, disinfezione, disinfestazione. Riconoscere il rischio infettivo nelle diverse realtà operative. Considerare la presenza di inquinanti ambientali quali rischi per la salute personale. Adottare comportamenti idonei a contrastare la diffusione delle infezioni e limitare le esposizioni a contaminanti ambientali. Conoscere l’impatto sulla salute delle condizioni morbose croniche e promuovere stili di vita sani e attivi al fine di garantire l’indipendenza e un’elevata qualità di vita personale.
Testi di riferimento* Eudes Lanciotti. Igiene per le professioni sanitarie. McGraw-Hill Education (2012).
Obiettivi formativiDefinire il ruolo della disciplina nella sua capacità di prevenzione e interdizione dell’evento morboso infettivo e non, attraverso la conoscenza epidemiologica e i ruoli dei differenti fattori di rischio causali indispensabili per garantire una migliore prevenzione delle patologie, soprattutto quelle infettive riconducibili agli interventi assistenziali sia in ambito di comunità che ospedaliero. Acquisire una conoscenza corretta delle differenti strategie preventive ambientali e personali per contenere il rischio infettivo nosocomiale e limitare i rischi ambientali sanitari, comportamenti professionali e stili di vita inappropriati.
PrerequisitiConoscenze di base di fisica e chimica. Possibili correlazioni con contenuti di altre discipline di base e cliniche (es. patologia generale e malattie infettive).
Metodi didatticiLezioni frontali e simultaneamente in teledidattica con collegamento a distanza con le sedi di insegnamento distaccate (presentazioni in MS Power Point; ricerca su siti internet istituzionali/didattici). Portale della Didattica in Rete (D.I.R.) dell’Università del Piemonte Orientale per la pubblicazione dei programmi e materiali delle lezioni e per discussioni sul forum dedicato. Sono previste esercitazioni interattive svolte in classe: lettura individuale di testi e documenti, con risposta a domande attinenti gli argomenti trattati e casi clinico-assistenziali simulati. Possibile partecipazione in aula di medici e/o infermieri esperti di progetti nei settori di igiene e sanità pubblica per illustrare le modalità di prevenzione e gestione di specifici aspetti sanitari. Supporti alla didattica: video proiettore, PC, microfono; documenti scientifici di riferimento internazionali e nazionali (linee guida, report epidemiologici e programmi clinico-organizzativi).
Altre informazioniPer informazioni e chiarimenti sul programma svolto il docente è contattabile all'indirizzo email: fabrizio.leigheb@med.uniupo.it oppure riceve gli studenti a piccoli gruppi previo appuntamento.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame consiste in una prova scritta (domande chiuse e casi simulati a risposta multipla) basata su argomenti del programma trattato e in riferimento ai testi adottati.
Programma estesoIntroduzione all’igiene generale e alla sanità pubblica (Capitolo 1 del Testo consigliato)*: Introduzione al corso; Principi di igiene e di sanità pubblica; Epidemiologia per la sanità pubblica. Programmazione e Gestione degli Interventi di Sanità Pubblica; Disuguaglianze di Salute; Storia naturale delle malattie; Transizione epidemiologica; Fattori di rischio e Fattori causali; Medicina degli stili di vita; Medicina predittiva. Igiene applicata alle malattie infettive e parassitarie (Capitolo 4)*: Malattie infettive e parassitarie: modelli di trasmissione e misure di prevenzione generale. Detersione, disinfezione, asepsi e sterilizzazione. Introduzione alle infezioni ospedaliere/associate all’assistenza (Capitolo 5)*; Infezioni trasmesse per via aerea: Malattie infettive: priorità di sanità pubblica; Malattie infettive: aspetti clinici; Infezioni opportuniste; Infezioni ospedaliere: epidemiologia, agenti eziologici. Infezioni specifiche trasmesse per via aerea: tbc, febbre reumatica, influenza, legionellosi, meningiti, malattie infettive tipiche dell’infanzia (morbillo, rosolia, varicella, scarlattina, parotite, pertosse). Infezioni trasmesse per altre vie: Infezioni trasmesse per via fecale-orale; Malattie infettive trasmesse per via sessuale e/o per inoculazione; Infezioni trasmesse per via cutanea o mucosa; Zoonosi; Parassitosi. Programmi di prevenzione vaccinale. Nuovi modelli organizzativi assistenziali: aspetti generali, aspetti specifici: le “rianimazioni aperte”, la “pet-therapy”. Gestione del rischio clinico e sicurezza dei pazienti e degli operatori sanitari (Capitolo 6)*: Risk Management in ospedale; Igiene ospedaliera: Ambiente ospedaliero; Prevenzione e controllo delle principali infezioni ospedaliere; Microrganismi multi-resistenti; Rifiuti ospedalieri. Malattie cronico-degenerative e dismetaboliche: principi di epidemiologia e prevenzione (Capitolo 8)*: Epidemiologia delle malattie non infettive: Eziologia delle malattie non infettive. Prevenzione delle malattie non infettive: Healthy ageing; Prevenzione primaria; Prevenzione secondaria; Prevenzione terziaria. Malattie cronico-degenerative e dismetaboliche: Malattie cardiovascolari; Cancro; Diabete mellito. Igiene degli alimenti (Capitolo 9)*: Igiene degli alimenti: Contaminazione degli alimenti; Deterioramento degli alimenti; Conservazione degli alimenti; Sicurezza alimentare, HACCP.
Insegnamento mutuante inINFERMIERISTICA PEDIATRICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE PEDIATRICO) (1844) - MS0028 Igiene e sanità pubblica
OSTETRICIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI OSTETRICA/O) (1845) - MS0028 Igiene e sanità pubblica - NOVARA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoInfermieristica in sanita' pubblica e luoghi di lavoro
CodiceMS0030
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiTESIO Sergio, GIORCELLI Laura Maria, NEGRO Daniela Bruna, PASTORE Antonella, GIROLDINI Luciano
CFU1
Ore di lezione14
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeALBA, ALESSANDRIA, BIELLA, NOVARA, VERBANIA
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Sedi e/o partizioni
ALBA
ALESSANDRIA
BIELLA
NOVARA
VERBANIA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoInfermieristica in sanita' pubblica e luoghi di lavoro
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiTESIO Sergio
Anno1
SedeALBA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoInfermieristica in sanita' pubblica e luoghi di lavoro
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiGIORCELLI Laura Maria
Anno1
SedeALESSANDRIA
Lingua di insegnamentoLingua italiana
Contenuti- Concetto di salute e di malattia. (OMS) - Riferimenti legislativi - Lo scenario socio sanitario territoriale - L’attività dell’infermiere nei diversi ambiti di sanità pubblica: multiprofessionalità. - Stili di vita e comportamenti a rischio - I determinanti della salute - La promozione della salute - Ruolo dell’Infermiere nella prevenzione primaria, secondaria e terziaria: applicazione in assistenza - Il processo educativo: rilevazione dei dati epidemiologici, rilevazione dei bisogni, progettazione degli interventi, attuazione, valutazione di processo e di risultato - Concetti di educazione sanitaria e di educazione alla salute
Testi di riferimento- Scalorbi Sandra, Infermieristica preventiva e di comunità, Ed. Mc Graw Hill, 2012: cap. 1 (escluso paragrafo 1.3.2), cap.2, cap 3 (paragrafi 3.1 e 3.3) - L. Saiani- A. Brugnolli, Trattato di Cure Infermieristiche Ed. Sorbona (ed. 2011 o 2013): cap. 4 (“Promozione della salute, malattia acuta e cronica”) e cap 8 (“educazione del paziente, dei famigliari e continuità assistenziale”)
Obiettivi formativiLo studente al termine del corso dovrà: - conoscere lo scenario della sanità pubblica; - comprendere il ruolo dell’infermiere nell’ambito della sanità pubblica; - comprendere i bisogni di salute espressi dalla comunità; - applicare i processi assistenziali nei contesti di sanità pubblica e centrati sui problemi di salute dell’individuo e della collettività; - progettare ed applicare interventi di promozione della salute nella comunità. Valutare l’efficacia degli interventi attuati; - applicare e promuovere stili di vita sani nei diversi contesti sociali; - sviluppare autonomia di giudizio rispetto all’applicazione degli interventi di promozione della salute e di educazione; - sviluppare abilità comunicative da applicare negli ambiti della sanità pubblica.
PrerequisitiConoscenza dei principi generali della professione infermieristica; conoscenza dei principi etici e deontologici che regolamentano la professione infermieristica.
Metodi didatticiVerranno utilizzate lezioni frontali per far acquisire conoscenze teoriche; simulazione e presentazione di casi e situazioni assistenziali al fine di pianificare interventi nell’ambito della promozione della salute nonché giochi di ruoli e proiezioni filmiche per applicare le competenze e le abilità apprese. Ricerca di siti Internet per verificare le conoscenze sullo scenario della Sanità pubblica. Possibile partecipazione in aula di Infermieri esperti di progetti nei settori della Sanità Pubblica per aspetti specifici.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa verifica dell’apprendimento sarà caratterizzata da una prova scritta a risposta multipla che prevede domande finalizzate alla verifica di nozioni teoriche oppure che portino lo studente ad adottare un ragionamento critico al fine di pianificare interventi specifici nel settore della sanità pubblica.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoInfermieristica in sanita' pubblica e luoghi di lavoro
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiNEGRO Daniela Bruna
Anno1
SedeBIELLA
Lingua di insegnamentoITALIANO
Contenuti Concetto di salute e di malattia. (OMS)  Riferimenti legislativi  Lo scenario socio sanitario territoriale  L’attività dell’infermiere nei diversi ambiti di sanità pubblica: multiprofessionalità.  Stili di vita e comportamenti a rischio  I determinanti della salute  La promozione della salute  Ruolo dell’Infermiere nella prevenzione primaria, secondaria e terziaria: applicazione in assistenza  Il processo educativo: rilevazione dei dati epidemiologici, rilevazione dei bisogni, progettazione degli interventi, attuazione, valutazione di processo e di risultato  Concetti di educazione sanitaria e di educazione alla salute .
Testi di riferimento- Scalorbi Sandra, Infermieristica preventiva e di comunità, Ed. Mc Graw Hill, 2012: cap. 1 (escluso paragrafo 1.3.2), cap.2, cap 3 (paragrafi 3.1 e 3.3) - L. Saiani- A. Brugnolli, Trattato di Cure Infermieristiche Ed. Sorbona (ed. 2011 o 2013): cap. 4 (“Promozione della salute, malattia acuta e cronica”) e cap 8 (“educazione del paziente, dei famigliari e continuità assistenziale”)
Obiettivi formativiLo studente al termine del corso dovrà: - conoscere lo scenario della sanità pubblica; - comprendere il ruolo dell’infermiere nell’ambito della sanità pubblica; - comprendere i bisogni di salute espressi dalla comunità; - applicare i processi assistenziali nei contesti di sanità pubblica e centrati sui problemi di salute dell’individuo e della collettività; - progettare ed applicare interventi di promozione della salute nella comunità. Valutare l’efficacia degli interventi attuati; - applicare e promuovere stili di vita sani nei diversi contesti sociali; - sviluppare autonomia di giudizio rispetto all’applicazione degli interventi di promozione della salute e di educazione; - sviluppare abilità comunicative da applicare negli ambiti della sanità pubblica.
PrerequisitiConoscenza dei principi generali della professione infermieristica; conoscenza dei principi etici e deontologici che regolamentano la professione infermieristica.
Metodi didatticiVerranno utilizzate lezioni frontali per far acquisire conoscenze teoriche; simulazione e presentazione di casi e situazioni assistenziali al fine di pianificare interventi nell’ambito della promozione della salute nonché giochi di ruoli e proiezioni filmiche per applicare le competenze e le abilità apprese. Ricerca di siti Internet per verificare le conoscenze sullo scenario della Sanità pubblica. Possibile partecipazione in aula di Infermieri esperti di progetti nei settori della Sanità Pubblica per aspetti specifici.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa verifica dell’apprendimento sarà caratterizzata da una prova scritta a risposta multipla che prevede domande finalizzate alla verifica di nozioni teoriche oppure che portino lo studente ad adottare un ragionamento critico al fine di pianificare interventi specifici nel settore della sanità pubblica
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoInfermieristica in sanita' pubblica e luoghi di lavoro
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiPASTORE Antonella
Anno1
SedeNOVARA
Lingua di insegnamentoItaliana
Contenuti Concetto di salute e di malattia. (OMS)  Riferimenti legislativi  Lo scenario socio sanitario territoriale  L’attività dell’infermiere nei diversi ambiti di sanità pubblica: multiprofessionalità.  Stili di vita e comportamenti a rischio  I determinanti della salute  La promozione della salute  Ruolo dell’Infermiere nella prevenzione primaria, secondaria e terziaria: applicazione in assistenza  Il processo educativo: rilevazione dei dati epidemiologici, rilevazione dei bisogni, progettazione degli interventi, attuazione, valutazione di processo e di risultato  Concetti di educazione sanitaria e di educazione alla salute
Testi di riferimento- Scalorbi Sandra, Infermieristica preventiva e di comunità, Ed. Mc Graw Hill, 2012: cap. 1 (escluso paragrafo 1.3.2), cap.2, cap 3 (paragrafi 3.1 e 3.3) - L. Saiani- A. Brugnolli, Trattato di Cure Infermieristiche Ed. Sorbona (ed. 2011 o 2013): cap. 4 (“Promozione della salute, malattia acuta e cronica”) e cap 8 (“educazione del paziente, dei famigliari e continuità assistenziale”)
Obiettivi formativiLo studente al termine del corso dovrà: - conoscere lo scenario della sanità pubblica; - comprendere il ruolo dell’infermiere nell’ambito della sanità pubblica; - comprendere i bisogni di salute espressi dalla comunità; - applicare i processi assistenziali nei contesti di sanità pubblica e centrati sui problemi di salute dell’individuo e della collettività; - progettare ed applicare interventi di promozione della salute nella comunità. Valutare l’efficacia degli interventi attuati; - applicare e promuovere stili di vita sani nei diversi contesti sociali; - sviluppare autonomia di giudizio rispetto all’applicazione degli interventi di promozione della salute e di educazione; - sviluppare abilità comunicative da applicare negli ambiti della sanità pubblica.
PrerequisitiConoscenza dei principi generali della professione infermieristica; conoscenza dei principi etici e deontologici che regolamentano la professione infermieristica.
Metodi didatticiVerranno utilizzate lezioni frontali per far acquisire conoscenze teoriche; simulazione e presentazione di casi e situazioni assistenziali al fine di pianificare interventi nell’ambito della promozione della salute nonché giochi di ruoli e proiezioni filmiche per applicare le competenze e le abilità apprese. Ricerca di siti Internet per verificare le conoscenze sullo scenario della Sanità pubblica. Possibile partecipazione in aula di Infermieri esperti di progetti nei settori della Sanità Pubblica per aspetti specifici.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa verifica dell’apprendimento sarà caratterizzata da una prova scritta a risposta multipla che prevede domande finalizzate alla verifica di nozioni teoriche oppure che portino lo studente ad adottare un ragionamento critico al fine di pianificare interventi specifici nel settore della sanità pubblica.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoInfermieristica in sanita' pubblica e luoghi di lavoro
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoGIROLDINI Luciano
DocentiGIROLDINI Luciano
Anno1
SedeVERBANIA
Lingua di insegnamentoITALIANO
Contenuti Concetto di salute e di malattia. (OMS)  Riferimenti legislativi  Lo scenario socio sanitario territoriale  L’attività dell’infermiere nei diversi ambiti di sanità pubblica: multiprofessionalità.  Stili di vita e comportamenti a rischio  I determinanti della salute  La promozione della salute  Ruolo dell’Infermiere nella prevenzione primaria, secondaria e terziaria: applicazione in assistenza  Il processo educativo: rilevazione dei dati epidemiologici, rilevazione dei bisogni, progettazione degli interventi, attuazione, valutazione di processo e di risultato  Concetti di educazione sanitaria e di educazione alla salute
Testi di riferimento- Scalorbi Sandra, Infermieristica preventiva e di comunità, Ed. Mc Graw Hill, 2012: cap. 1 (escluso paragrafo 1.3.2), cap.2, cap 3 (paragrafi 3.1 e 3.3) - L. Saiani- A. Brugnolli, Trattato di Cure Infermieristiche Ed. Sorbona (ed. 2011 o 2013): cap. 4 (“Promozione della salute, malattia acuta e cronica”) e cap 8 (“educazione del paziente, dei famigliari e continuità assistenziale”)
Obiettivi formativiLo studente al termine del corso dovrà: - conoscere lo scenario della sanità pubblica; - comprendere il ruolo dell’infermiere nell’ambito della sanità pubblica; - comprendere i bisogni di salute espressi dalla comunità; - applicare i processi assistenziali nei contesti di sanità pubblica e centrati sui problemi di salute dell’individuo e della collettività; - progettare ed applicare interventi di promozione della salute nella comunità. Valutare l’efficacia degli interventi attuati; - applicare e promuovere stili di vita sani nei diversi contesti sociali; - sviluppare autonomia di giudizio rispetto all’applicazione degli interventi di promozione della salute e di educazione; - sviluppare abilità comunicative da applicare negli ambiti della sanità pubblica.
PrerequisitiConoscenza dei principi generali della professione infermieristica; conoscenza dei principi etici e deontologici che regolamentano la professione infermieristica.
Metodi didatticiVerranno utilizzate lezioni frontali per far acquisire conoscenze teoriche; simulazione e presentazione di casi e situazioni assistenziali al fine di pianificare interventi nell’ambito della promozione della salute nonché giochi di ruoli e proiezioni filmiche per applicare le competenze e le abilità apprese. Ricerca di siti Internet per verificare le conoscenze sullo scenario della Sanità pubblica. Possibile partecipazione in aula di Infermieri esperti di progetti nei settori della Sanità Pubblica per aspetti specifici.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa verifica dell’apprendimento sarà caratterizzata da una prova scritta a risposta multipla che prevede domande finalizzate alla verifica di nozioni teoriche oppure che portino lo studente ad adottare un ragionamento critico al fine di pianificare interventi specifici nel settore della sanità pubblica.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSicurezza negli ambienti di lavoro
CodiceMS0033
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiMONTINARO Maria Elisabetta
CFU2
Ore di lezione24
Ore di studio individuale36
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/44 - MEDICINA DEL LAVORO
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoPropedeutica clinica
CodiceMS0133
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoCHIOCCHETTI Annalisa
DocentiCHIOCCHETTI Annalisa, BORGOGNA Cinzia, CARINI Rita
CFU5
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeNOVARA
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
MS0077 Immunologia MED/04 - PATOLOGIA GENERALE CHIOCCHETTI Annalisa
MS0094 Microbiologia generale e clinica MED/07 - MICROBIOLOGIA E MICROBIOLOGIA CLINICA BORGOGNA Cinzia
BT044 PATOLOGIA GENERALE MED/04 - PATOLOGIA GENERALE CARINI Rita
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoImmunologia
CodiceMS0077
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoCHIOCCHETTI Annalisa
DocentiCHIOCCHETTI Annalisa
CFU1
Ore di lezione14
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/04 - PATOLOGIA GENERALE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Insegnamento mutuante inOSTETRICIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI OSTETRICA/O) (1845) - MS0077 Immunologia - NOVARA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoMicrobiologia generale e clinica
CodiceMS0094
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiBORGOGNA Cinzia
CFU2
Ore di lezione26
Ore di studio individuale34
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/07 - MICROBIOLOGIA E MICROBIOLOGIA CLINICA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Insegnamento mutuante inOSTETRICIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI OSTETRICA/O) (1845) - MC038 MICROBIOLOGIA CLINICA - NOVARA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoPATOLOGIA GENERALE
CodiceBT044
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiCARINI Rita
CFU2
Ore di lezione30
Ore di studio individuale30
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/04 - PATOLOGIA GENERALE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoitaliano
Contenuti1) INTRODUZIONE ALLA PATOLOGIA GENERALE 2) LE BASI GENETICHE DI MALATTIA 3) AGENTI FISICI COME CAUSA DI MALATTIA 4) AGENTI CHIMICI COME CAUSA DI MALATTIA 5) AGENTI BIOLOGICI COME CAUSA DI MALATTIA 6) MODIFICAZIONI TESSUTALI IN RISPOSTA A STIMOLI PATOLOGICI CRONICI ED ACUTI 7) IL PROCESSO INFIAMMATORIO 8) IL PROCESSO DI RIPARAZIONE 9) LA CRESCITA NEOPLASTICA
Testi di riferimentoPatologia Generale per Corsi di Laurea in Professioni Sanitarie G.Pontieri (Ed. Piccin) Istituzioni di Patologia Generale. M.U. Dianzani (ed. UTET) La Professione del Medico vol.3, (ed UTET)
Obiettivi formativiIl modulo di PATOLOGIA GENERALE fa parte del Corso Integrato (Microbiologia, Patologia Generale ed Immunologia) di INFERMIERISTICA CLINICA GENERALE PEDIATRICA (per il Corso di Laurea di INFERMIERISTICA PEDIATRICA) ; DI PROPEDEUTICA CLINICA (per il Corso di Laurea di INFERMIERISTICA) e di BASI MOLECOLARI DELLE MALATTIE ( per i corsi di Laurea in per OSTETRICHE). Questo Corso è comune per tutte le Lauree Sanitarie della Area Infermieristica. L’ obiettivo specifico del corso di PATOLOGIA GENERALE è la comprensione delle cause (eziologia) e dei meccanismi (patogenesi) fondamentali, responsabili della alterazione dello stato di salute. A tal fine verranno esaminati gli effetti, a livello molecolare, cellulare e sovracellulare, di agenti patogeni endogeni (malattie genetiche e tumori) ed esogeni (cause fisiche, chimiche e biologiche di malattia). Verranno poi studiate, a livello cellulare e tessutale, le conseguenze lesive della stimolazione cronica ed acuta con agenti patogeni (degenerazioni, danno cellulare reversibile e irreversibile, morte cellulare per necrosi od apoptosi). Verrà quindi descritta la reazione locale e sistemica al danno tessutale tramite l’ esame approfondito del processo infiammatorio e della conseguente . Il corso di PATOLOGIA GENERALE svolto per le LAUREE BREVI DI AREA INFERMIERISTICA, all’interno del Programma Generale sotto riportato, privilegia l’approfondimento delle implicazioni cliniche delle diverse condizioni patologiche esaminate.
PrerequisitiIl Corso prevede la conoscenza di elementi fondamentali di Biochimica, Biologia, Genetica e Fisiologia acquisite in corsi precedenti o paralleli, che costituiranno la base necessaria per l’apprendimento degli effetti, a livello cellulare e tessutale, di agenti esogeni ed endogeni di malattia (danno cellulare e trasformazione neoplastica) e delle reazioni di difesa aspecifica (infiammazione) e specifica (sistema immunitario).
Metodi didatticiLezioni frontali basate su una continua interazione docente studente che consentirà la immediata verifica della comprensione degli argomenti trattati. Fortemente consigliata è la acquisizione di appunti di tutte le lezioni prese direttamente dallo studente che saranno impiegate per lo studio dell’esame. Disponibilità fino dalla prima lezione di tutte le diapositive del corso.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLo studente deve dimostrare l’apprendimento dei fondamentali meccanismi e cause di malattie descritte nel corso, oltre a dimostrare la conoscenza degli aspetti fondamentali dell’attivazione e sviluppo del processo infiammatorio e della produzione del danno cellulare. L'esame prevede una prova scritta con domande a risposta multipla su argomenti di MICROBIOLOGIA, PATOLOGIA GENERALE ED IMMUNOLOGIA. Nel caso specifico della PATOLOGIA GENERALE sono previste domande su tutti gli aspetti fondamentali delle singole parti del Programma sopra esposto. L’esame si intende superato solo se sono risposte esattamente almeno il 50% delle domande di ciascuna delle tre Discipline del Corso Integrato. Il numero delle domande è proporzionale al numero di ore (e quindi all’estensione del programma) di ciascuna disciplina del Corso Integrato. Il voto finale è unico.
Programma estesoINTRODUZIONE ALLA PATOLOGIA GENERALE; lo stato di salute, il concetto di eziologia, il concetto di patogenesi, lo stato di malattia. LE BASI GENETICHE DI MALATTIA Generalità sulle mutazioni genetiche e loro cause. Esempi di malattie genetiche: l’anemia falciforme e le alterazioni del trasporto o metabolismo di aminoacidi: malattia di Hartnup, fenilalaninemie, albinismo. AGENTI FISICI COME CAUSA DI MALATTIA: generalità sulle patologie da trasferimento di energia meccanica, termica, elettrica. Effetti delle radiazioni ionizzanti (a livello molecolare, cellulare e sovracellulare) ed effetti delle radiazioni eccitanti. AGENTI CHIMICI COME CAUSA DI MALATTIA: le vie di assorbimento e di eliminazione (le reazioni di biotrasformazione: di fase 1, dipendenti dal sistema del citocromo P450 e di fase 2; effetti lesivi di metaboliti reattivi prodotti durante al biotrasformazione), tossicità da agenti chimici. Il danno indotto dai radicali liberi: meccanismi di produzione, fattori protettivi e danno cellulare. AGENTI BIOLOGICI COME CAUSA DI MALATTIA: Generalità sui meccanismi di danno e di difesa dalle infezioni virali e batteriche. MODIFICAZIONI TESSUTALI IN RISPOSTA A STIMOLI PATOLOGICI CRONICI ED ACUTI: ipertrofia, iperplasia, ipotrofia, atrofia, metaplasia; danno cellulare reversibile. Il danno cellulare irreversibile: la morte cellulare per necrosi e per apoptosi. IL PROCESSO INFIAMMATORIO: cellule coinvolte nell’ infiammazione e loro funzioni (monociti, macrofagi, granulociti neutrofili, basofili, mastociti, cellule endoteliali, piastrine) i mediatori solubili dell’ infiammazione (istamina, serotonina, metaboliti acido arachidonico, proteasi plasmatiche, citochine: interleuchina 1,6 [IL-1 e IL-6], fattore di necrosi tumorale alfa [TNFalfa], fattore di crescita trasformante-beta [TGFbeta], metaboliti batterici); alterazione del tono e della permeabilità vascolare durante l’ infiammazione (formazione essudato); attività delle cellule fagocitarie nell’ infiammazione (adesione, diapedesi, chemiotassi, fagocitosi, meccanismi di uccisione dei batteri); istoflogosi; effetti sistemici dell’ infiammazione. IL PROCESSO DI RIPARAZIONE: la rigenerazione (potenzialità proliferative tessuto, fattori di crescita: fattore di crescita epidermico [EGF], trasformante [TGFbeta], simil-insulinico [IGF], di derivazione piastrinica [PDGF], dei fibroblasti [FGF], interazioni con matrice ed altre cellule) la sostituzione con tessuto connettivo e l’ angiogenesi. La riparazione delle ferite. LA CRESCITA NEOPLASTICA : caratteristiche generali delle neoplasie (cenni sull’ incidenza, mortalità e sopravvivenza; classificazione dei tumori e nomenclatura); concetti di iperplasia, neoplasia, anaplasia e displasia. Oncogeni virali e cellulari, geni oncosoppressori. Il fenotipo neoplastico: eterogeneità fenotipica e instabilità genomica. Iniziazione, promozione del processo neoplastico (cancerogenesi a tappe o cancerogenesi come processo continuo). La progressione del processo neoplastico (latenza neoplastica, invasività neoplastica, le metastasi.
Insegnamento mutuante inINFERMIERISTICA PEDIATRICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE PEDIATRICO) (1844) - BT044 PATOLOGIA GENERALE
OSTETRICIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI OSTETRICA/O) (1845) - BT044 PATOLOGIA GENERALE - NOVARA
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoRelazione di aiuto e adattamento
CodiceMS0021
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoFREGGIARO Enrica
DocentiINTRAVAIA Giuseppina, PEPOLI Antonio, ACQUADRO Loredana, OLGIATI Paolo, DE GIULI Clara, DESTRO Anna Maria, AGOSTO Rita, FREGGIARO Enrica, DE RUVO Assunta Gabriella, SUARDI Barbara, GIROLDINI Luciano
CFU5
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeNOVARA, ALBA, ALESSANDRIA, BIELLA, VERBANIA
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
MS0023 Psicologia generale M-PSI/01 - PSICOLOGIA GENERALE INTRAVAIA Giuseppina, PEPOLI Antonio, ACQUADRO Loredana, OLGIATI Paolo, DE GIULI Clara
MS0022 Antropologia culturale e Multiculturalità M-DEA/01 - DISCIPLINE DEMOETNOANTROPOLOGICHE DESTRO Anna Maria
MS0024 Relazione assistenziale MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE AGOSTO Rita, FREGGIARO Enrica, DE RUVO Assunta Gabriella, SUARDI Barbara, GIROLDINI Luciano
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoPsicologia generale
CodiceMS0023
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiINTRAVAIA Giuseppina, PEPOLI Antonio, ACQUADRO Loredana, OLGIATI Paolo, DE GIULI Clara
CFU2
Ore di lezione24
Ore di studio individuale36
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-PSI/01 - PSICOLOGIA GENERALE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeALBA, ALESSANDRIA, BIELLA, NOVARA, VERBANIA
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Sedi e/o partizioni
ALBA
ALESSANDRIA
BIELLA
NOVARA
VERBANIA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoPsicologia generale
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiINTRAVAIA Giuseppina
Anno1
SedeALBA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoPsicologia generale
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiPEPOLI Antonio
Anno1
SedeALESSANDRIA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoPsicologia generale
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiACQUADRO Loredana
Anno1
SedeBIELLA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoPsicologia generale
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiOLGIATI Paolo
Anno1
SedeNOVARA
Lingua di insegnamentoItaliano
Contenuti- Descrizione delle funzioni psichiche e delle loro alterazioni - Comunicazione e linguaggio - Lo sviluppo della personalità e l'invecchiamento - Stress e psicosomatica - Nozioni di psicologia applicata alla gestione dei pazienti gravi (terminali; ospedalizzati; chirurgici) e relazione d'aiuto - Lavorare in equipe e gestione del burnout
Testi di riferimentoNicolino Rossi 1) PSICOLOGIA CLINICA PER LE PROFESSIONI SANITARIE Società editrice “il Mulino” - Bologna – 2004 2) Eugenio Torre LEZIONI DI PSICHIATRIA E PSICOLOGIA CLINICA Società editrice “Aracne” – 2010
Obiettivi formativi1) Conoscenza dei fondamenti della psicologia generale 2) Acquisizione di competenze psicologiche che siano utili nella gestione del rapporto con il paziente 3) Acquisizione di competenze inerenti le professioni d'aiuto 4) Acquisizione di competenze inerenti il lavoro in equipe e utili alla gestione dello stress nelle professioni sanitari
Prerequisiticonoscenza della lingua italiana
Metodi didatticididattica frontale utilizzo di slides
Altre informazioniNessuna
Modalità di verifica dell'apprendimentoQuiz a domande multiple Esame orale
Programma esteso1) psicologia generale, psicologia clinica, sperimentazione e psicometria 2) funzioni psichiche e loro alterazioni 3) apprendimento e intelligenza 4) linguaggio e comunicazione 5) teorie della personalità 6) invecchiamento 7) breve descrizione dei disturbi psichici 8) stress e psicosomatica 9) dolore acuto e cronico 10) effetto placebo e psicoterapie 11) psicologia e malattie organiche: - il paziente a prognosi infausta - il paziente ospedalizzato - il paziente chirurgico 12) la relazione d'aiuto 13) lavorare in gruppo 14) il fenomeno del burnout
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoPsicologia generale
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiDE GIULI Clara
Anno1
SedeVERBANIA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoAntropologia culturale e Multiculturalità
CodiceMS0022
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiDESTRO Anna Maria
CFU1
Ore di lezione14
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-DEA/01 - DISCIPLINE DEMOETNOANTROPOLOGICHE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoRelazione assistenziale
CodiceMS0024
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiAGOSTO Rita, FREGGIARO Enrica, DE RUVO Assunta Gabriella, SUARDI Barbara, GIROLDINI Luciano
CFU2
Ore di lezione24
Ore di studio individuale36
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoSecondo Semestre
SedeALBA, ALESSANDRIA, BIELLA, NOVARA, VERBANIA
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Sedi e/o partizioni
ALBA
ALESSANDRIA
BIELLA
NOVARA
VERBANIA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoRelazione assistenziale
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiAGOSTO Rita
Anno1
SedeALBA
Lingua di insegnamentoITALIANO
Contenuti- I principi generali della comunicazione. Il processo comunicativo e le forme della comunicazione. - La relazione infermiere –assistito: I principi della relazione d’aiuto e terapeutica . Gli stili e le tecniche che facilitano la relazione. L’abilità di porre domande, di ascoltare e formulare risposte per comprendere e sostenere l’assistito. Gli stili e gli atteggiamenti che non facilitano la comunicazione e la relazione d’aiuto. - Le caratteristiche, il significato e la funzione del linguaggio non verbale nella relazione assistenziale. Il comportamento visivo, spaziale, il contatto corporeo, la comunicazione paraverbale, l’uso del tempo, l’aspetto esteriore. Il linguaggio della tenerezza - L’influenza della cultura nella relazione con l’altro - Dal “curare al prendersi cura”: l’agenda della persona assistita - La riservatezza e la confidenzialità nella relazione di cura - La relazione - comunicazione con la persona ansiosa, aggressiva, depressa, non vedente, non udente, afasica - Comunicazione e relazione nel gruppo di lavoro: comunicazione efficace nel gruppo di lavoro, la leadership, i conflitti, la gestione dello stress
Testi di riferimentoLuisa Saiani - Anna Brugnolli. “Trattato di cure infermieristiche”, Edizioni Sorbona di Idelson Gnocchi, Seconda edizione 2013 – CAPITOLO 2 e 3 Orlando Bassetti “Lo specifico relazionale infermieristico”. Modelli concettuali ed applicativi”. Rosini Editrice, 2001 – CAPITOLI 1-2-3 Sandra Smith – Donna Duell – Martin “Infermieristica Clinica. “Abilità di base e avanzate”, Edizioni Sorbona di Idelson Gnocchi, 2008 – CAPITOLO 3 Marinella Sommaruga “Comunicare con il paziente” La consapevolezza della relazione nella professione infermieristica” Carocci Editore, 2005
Obiettivi formativiLo studente al termine del corso dovrà acquisire consapevolezza circa la natura relazionale della professione infermieristica e nello specifico: - sull’identità professionale quale condizione essenziale per il rispetto dell’ ”altro” - sull’importanza del “sé” nella relazione assistenziale - sulla centralità della persona assistita e della famiglia nel piano di cura, nel rispetto dei principi etici e deontologici della professione
PrerequisitiAl termine del corso lo studente dovrà conoscere ed applicare - i principi teorici alla base della comunicazione - i diversi canali della comunicazione : verbali, paraverbali e non verbali - i principi alla base della relazione d’aiuto e terapeutica - le modalità per condurre il colloquio con la persona assistita - i fattori che favoriscono – ostacolano la relazione d’aiuto - le modalità relazionali e comunicative idonee per i principali contesti in cui viene erogata l’assistenza infermieristica
Metodi didatticiPresentazione in formato MS- Power Point
Modalità di verifica dell'apprendimentoValutazione in forma scritta e orale
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoRelazione assistenziale
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoFREGGIARO Enrica
DocentiFREGGIARO Enrica
Anno1
SedeALESSANDRIA
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiI principi generali della comunicazione. Il processo comunicativo e le forme della comunicazione. La relazione infermiere –assistito: i principi della relazione d’aiuto e terapeutica. Gli stili e le tecniche che facilitano la relazione. L’abilità di porre domande, di ascoltare e formulare risposte per comprendere e sostenere l’assistito. Gli stili e gli atteggiamenti che non facilitano la comunicazione e la relazione d’aiuto. Le caratteristiche, il significato e la funzione del linguaggio non verbale nella relazione assistenziale. Il comportamento visivo, spaziale, il contatto corporeo, la comunicazione paraverbale, l’uso del tempo, l’aspetto esteriore. Il linguaggio della tenerezza L’influenza della cultura nella relazione con l’altro Dal “curare al prendersi cura”: l’agenda della persona assistita La riservatezza e la confidenzialità nella relazione di cura La relazione - comunicazione con la persona ansiosa, aggressiva, depressa, non vedente, non udente, afasica Comunicazione e relazione nel gruppo di lavoro: comunicazione efficace nel gruppo di lavoro, la leadership, i conflitti, la gestione dello stress
Testi di riferimento1-Trattato di cure infermieristiche di L.Saiani 2-Lo specifico relazionale inf. di O.Bassetti 3- Infermieristica clinica di S.Smith 4- Comunicare con il paziente di M.Sommaruga
Obiettivi formativiLo studente al termine del corso dovrà essere consapevole della natura relazionale della professione infermieristica e nello specifico del significato da attribuire: - Al sé nella relazione assistenziale - All’importanza dell’identità professionale per promuovere la cultura della relazione e i valori professionali che sottendono ogni atto assistenziale. Lo studente dovrà inoltre applicare i principi etici e deontologici della professione nel porre al centro la persona e la famiglia nel piano di cura Lo studente dovrà infine dimostrare di aver acquisito autonomia di giudizio e abilità comunicative rispetto alle situazioni cliniche presentate.
PrerequisitiConoscenza dei principi generali della professione infermieristica Conoscenza dei principi etici e deontologici della professione infermieristica
Metodi didatticiIl corso è caratterizzato da lezioni frontali per l'acquisizione di nozioni e da metodologie didattiche attive per l'applicazione delle stesse es. casi clinici,gioco dei ruoli, proiezioni filmiche etc.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa verifica dell’apprendimento sarà caratterizzata da una prova orale la quale prevede domande finalizzate alla verifica di nozioni teoriche e di contenuto e domande di ragionamento e di pianificazione basate su situazioni clinico assistenziali. Avrà una durata massima di 15 minuti.
Programma esteso1-I principi generali della comunicazione. Il processo comunicativo e le forme di comunicazione 2- La relazione d'aiuto infermiere-paziente. Stili e tecniche che facilitano la comunicazione 3- La comunicazione non verbale 4- Il linguiaggio della tenerezza 5- L'influenza della cultura nella relazione assistenziale 6- Il concetto del prendersi cura: l'agenda dell'assistito 7-La riservatezza nella relazione di cura 8- La relazione con la persona ansiosa, aggressiva, depressa, non vedente, non udente, afasica 9- Comunicazione relazione nel gruppo di lavoro : leadership, gestione dei conflitti e dello stress
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoRelazione assistenziale
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiDE RUVO Assunta Gabriella
Anno1
SedeBIELLA
Lingua di insegnamentoLingua italiana
ContenutiI principi generali della comunicazione. Il processo comunicativo e le forme della comunicazione. La relazione infermiere –assistito: i principi della relazione d’aiuto e terapeutica. Gli stili e le tecniche che facilitano la relazione. L’abilità di porre domande, di ascoltare e formulare risposte per comprendere e sostenere l’assistito. Gli stili e gli atteggiamenti che non facilitano la comunicazione e la relazione d’aiuto. Le caratteristiche, il significato e la funzione del linguaggio non verbale nella relazione assistenziale. Il comportamento visivo, spaziale, il contatto corporeo, la comunicazione paraverbale, l’uso del tempo, l’aspetto esteriore. Il linguaggio della tenerezza L’influenza della cultura nella relazione con l’altro Dal “curare al prendersi cura”: l’agenda della persona assistita La riservatezza e la confidenzialità nella relazione di cura La relazione - comunicazione con la persona ansiosa, aggressiva, depressa, non vedente, non udente, afasica Comunicazione e relazione nel gruppo di lavoro: comunicazione efficace nel gruppo di lavoro, la leadership, i conflitti, la gestione dello stress
Testi di riferimentoLuisa Saiani - Anna Brugnolli. “Trattato di cure infermieristiche”, Edizioni Sorbona di Idelson Gnocchi, Seconda edizione 2013 – CAPITOLO 2 e 3 Orlando Bassetti “Lo specifico relazionale infermieristico”. Modelli concettuali ed applicativi”. Rosini Editrice, 2001 – CAPITOLI 1-2-3 Sandra Smith – Donna Duell – Martin “Infermieristica Clinica. “Abilità di base e avanzate”, Edizioni Sorbona di Idelson Gnocchi, 2008 – CAPITOLO 3 Marinella Sommaruga “Comunicare con il paziente” La consapevolezza della relazione nella professione infermieristica” Carocci Editore, 2005
Obiettivi formativiLo studente al termine del corso dovrà essere consapevole della natura relazionale della professione infermieristica e nello specifico del significato da attribuire: - Al sé nella relazione assistenziale - All’importanza dell’identità professionale per promuovere la cultura della relazione e i valori professionali che sottendono ogni atto assistenziale. Lo studente dovrà inoltre applicare i principi etici e deontologici della professione nel porre al centro la persona e la famiglia nel piano di cura Lo studente dovrà infine dimostrare di aver acquisito autonomia di giudizio e abilità comunicative rispetto alle situazioni cliniche presentate.
PrerequisitiConoscenza dei principi generali della professione infermieristica Conoscenza dei principi etici e deontologici della professione infermieristica
Metodi didatticiVerranno utilizzate lezioni frontali per far acquisire conoscenze teoriche di base, discussioni di casi clinici e situazioni assistenziali al fine di pianificare interventi nell’ambito relazionale nonché giochi di ruoli e proiezioni filmiche per applicare le competenze comunicative relazionali apprese.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa verifica dell’apprendimento sarà caratterizzata da una prova orale la quale prevede domande finalizzate alla verifica di nozioni teoriche e di contenuto e domande di ragionamento e di pianificazione basate su situazioni clinico assistenziali. Avrà una durata massima di 15 minuti.
Programma esteso1- I principi generali della comunicazione. Il processo comunicativo e le forme della comunicazione. 2- La relazione infermiere –assistito: I principi della relazione d’aiuto e terapeutica . Gli stili e le tecniche che facilitano la relazione. L’abilità di porre domande, di ascoltare e formulare risposte per comprendere e sostenere l’assistito. Gli stili e gli atteggiamenti che non facilitano la comunicazione e la relazione d’aiuto. 3- Le caratteristiche, il significato e la funzione del linguaggio non verbale nella relazione assistenziale. Il comportamento visivo, spaziale, il contatto corporeo, la comunicazione paraverbale, l’uso del tempo, l’aspetto esteriore. Il linguaggio della tenerezza 4- L’influenza della cultura nella relazione con l’altro 5- Dal “curare al prendersi cura”: l’agenda della persona assistita 6- La riservatezza e la confidenzialità nella relazione di cura 7- La relazione - comunicazione con la persona ansiosa, aggressiva, depressa, non vedente, non udente, afasica 8- Comunicazione e relazione nel gruppo di lavoro: comunicazione efficace nel gruppo di lavoro, la leadership, i conflitti, la gestione dello stress
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoRelazione assistenziale
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiSUARDI Barbara
Anno1
SedeNOVARA
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiI principi generali della comunicazione. Il processo comunicativo e le forme della comunicazione. La relazione infermiere –assistito: I principi della relazione d’aiuto e terapeutica . Gli stili e le tecniche che facilitano la relazione. L’abilità di porre domande, di ascoltare e formulare risposte per comprendere e sostenere l’assistito. Gli stili e gli atteggiamenti che non facilitano la comunicazione e la relazione d’aiuto. Le caratteristiche, il significato e la funzione del linguaggio non verbale nella relazione assistenziale. Il comportamento visivo, spaziale, il contatto corporeo, la comunicazione paraverbale, l’uso del tempo, l’aspetto esteriore. Il linguaggio della tenerezza L’influenza della cultura nella relazione con l’altro Dal “curare al prendersi cura”: l’agenda della persona assistita La riservatezza e la confidenzialità nella relazione di cura La relazione - comunicazione con la persona ansiosa, aggressiva, depressa, non vedente, non udente, afasica Comunicazione e relazione nel gruppo di lavoro: comunicazione efficace nel gruppo di lavoro, la leadership, i conflitti, la gestione dello stress.
Testi di riferimentoLuisa Saiani - Anna Brugnolli. “Trattato di cure infermieristiche”, Edizioni Sorbona di Idelson Gnocchi, Seconda edizione 2013 – CAPITOLO 2 e 3. Orlando Bassetti “Lo specifico relazionale infermieristico”. Modelli concettuali ed applicativi”. Rosini Editrice, 2001 – CAPITOLI 1-2-3 Sandra Smith – Donna Duell – Martin “Infermieristica Clinica. “Abilità di base e avanzate”, Edizioni Sorbona di Idelson Gnocchi, 2008 – CAPITOLO 3 Marinella Sommaruga “Comunicare con il paziente” La consapevolezza della relazione nella professione infermieristica” Carocci Editore, 2005
Obiettivi formativiLo studente al termine del corso dovrà comprendere l’importanza della natura relazionale della professione infermieristica e nello specifico: - dell’identità professionale quale condizione essenziale per il rispetto dell’ ”altro”; - dell’importanza del sé nella relazione assistenziale Lo studente dovrà inoltre applicare i principi etici e deontologici della professione nel porre al centro la persona e la famiglia nel piano di cura.
PrerequisitiConoscenza dei principi generali della professione infermieristica Conoscenza dei principi etici e deontologici della professione infermieristica.
Metodi didatticiVerranno utilizzate lezioni frontali per far acquisire conoscenze teoriche di base, discussioni di casi clinici e situazioni assistenziali al fine di pianificare interventi nell’ambito relazionale nonché giochi di ruoli e proiezioni filmiche per applicare le competenze comunicative relazionali apprese.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa verifica dell’apprendimento sarà caratterizzata da una prova orale la quale prevede domande finalizzate alla verifica di nozioni teoriche e di contenuto e domande di ragionamento e di pianificazione basate su situazioni clinico assistenziali. Avrà una durata massima di 15 minuti.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoRelazione assistenziale
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiGIROLDINI Luciano
Anno1
SedeVERBANIA
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiI principi generali della comunicazione. Il processo comunicativo e le forme della comunicazione. La relazione infermiere –assistito: i principi della relazione d’aiuto e terapeutica. Gli stili e le tecniche che facilitano la relazione. L’abilità di porre domande, di ascoltare e formulare risposte per comprendere e sostenere l’assistito. Gli stili e gli atteggiamenti che non facilitano la comunicazione e la relazione d’aiuto. Le caratteristiche, il significato e la funzione del linguaggio non verbale nella relazione assistenziale. Il comportamento visivo, spaziale, il contatto corporeo, la comunicazione paraverbale, l’uso del tempo, l’aspetto esteriore. Il linguaggio della tenerezza. L’influenza della cultura nella relazione con l’altro. Dal “curare al prendersi cura”: l’agenda della persona assistita. La riservatezza e la confidenzialità nella relazione di cura. La relazione - comunicazione con la persona ansiosa, aggressiva, depressa, non vedente, non udente, afasica. Comunicazione e relazione nel gruppo di lavoro: comunicazione efficace nel gruppo di lavoro, la leadership, i conflitti, la gestione dello stress.
Testi di riferimentoLuisa Saiani - Anna Brugnolli. “Trattato di cure infermieristiche”, Edizioni Sorbona di Idelson Gnocchi, Seconda edizione 2013 – CAPITOLO 2 e 3; Orlando Bassetti “Lo specifico relazionale infermieristico”. Modelli concettuali ed applicativi”. Rosini Editrice, 2001 – CAPITOLI 1-2-3; Sandra Smith – Donna Duell – Martin “Infermieristica Clinica. “Abilità di base e avanzate”, Edizioni Sorbona di Idelson Gnocchi, 2008 – CAPITOLO 3; Marinella Sommaruga “Comunicare con il paziente” La consapevolezza della relazione nella professione infermieristica” Carocci Editore, 2005;
Obiettivi formativiLo studente al termine del corso dovrà essere consapevole della natura relazionale della professione infermieristica e nello specifico del significato da attribuire: - al sé nella relazione assistenziale - all’importanza dell’identità professionale per promuovere la cultura della relazione e i valori professionali che sottendono ogni atto assistenziale. Lo studente dovrà inoltre applicare i principi etici e deontologici della professione nel porre al centro la persona e la famiglia nel piano di cura. Lo studente dovrà infine dimostrare di aver acquisito autonomia di giudizio e abilità comunicative rispetto alle situazioni cliniche presentate.
PrerequisitiConoscenza dei principi generali della professione infermieristica. Conoscenza dei principi etici e deontologici della professione infermieristica.
Metodi didatticiVerranno utilizzate lezioni frontali per far acquisire conoscenze teoriche di base, discussioni di casi clinici e situazioni assistenziali al fine di pianificare interventi nell’ambito relazionale nonché giochi di ruoli e proiezioni filmiche per applicare le competenze comunicative relazionali apprese.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa verifica dell’apprendimento sarà caratterizzata da una prova orale la quale prevede domande finalizzate alla verifica di nozioni teoriche e di contenuto e domande di ragionamento e di pianificazione basate su situazioni clinico assistenziali. Avrà una durata massima di 15 minuti.
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoScienze biologiche
CodiceMS0134
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBERTONI Alessandra
DocentiBERTONI Alessandra, BOZZO Chiarella, CORRADO Lucia
CFU3
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
MS0034 BIOCHIMICA BIO/10 - BIOCHIMICA BERTONI Alessandra
MS0035 BIOLOGIA APPLICATA BIO/13 - BIOLOGIA APPLICATA BOZZO Chiarella
MS0071 GENETICA MED/03 - GENETICA MEDICA CORRADO Lucia
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoBIOCHIMICA
CodiceMS0034
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBERTONI Alessandra
DocentiBERTONI Alessandra
CFU1
Ore di lezione14
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)BIO/10 - BIOCHIMICA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiMETABOLISMO Definizione di Metabolismo, Catabolismo e Anabolismo e via metabolica NUTRIENTI: Struttura, digestione assorbimento Proteine Carboidrati Lipidi PRINCIPI DI BIOENERGETICA EMOGLOBINA-MIOGLOBINA FERRO BIOCHIMICA DELLO STATO NUTRITO GLICOLISI BETA-OSSIDAZIONE CATABOLISMO DEGLI AMMINOACIDI CICLO DI KREBS SINTESI DI ATP: Fosforilazione a livello del substrato, catena di trasporto degli elettroni accoppiata a fosforilazione ossidativa, Resa energetica dell'ossidazione di glucosio e acidi grassi CICLO DEI PENTOSI SINTESI DI GLICOGENO SINTESI DI ACIDI GRASSI E DI TRIGLICERIDI CICLO DELL'UREA DEGRADAZIONE DEI NUCLEOTIDI Relazione metabolica tra fegato, tessuto adiposo, muscolo e cervello nello stato nutrito BIOCHIMICA DEL DIGIUNO GLICOGENOLISI GLUCONEOGENESI LIPOLISI CATABOLISMO PROTEICO Relazione metabolica tra fegato, tessuto adiposo, muscolo e cervello nel digiuno Ciclo di Cori e alanina-glucosio Insulina, Glucagone, Adrenalina
Testi di riferimentoTitolo CHIMICA e BIOCHIMICA per le lauree triennali (Area Sanitaria) Autore SAMAJA-PARONI EDITORE PICCIN Titolo Elementi di CHIMICA E BIOCHIMICA Autore ROBERTI, ALUNNI BISTOCCHI EDITORE McGraw Hill Titolo LE BASI DELLA BIOCHIMICA Autore Ferrier EDITORE Zanichelli Autore Nelson e Cox Titolo INTRODUZIONE ALLA BIOCHIMICA DEL LEHNINGER EDITORE Zanichelli
Obiettivi formativiAl termine del corso lo studente deve essere in grado di: Descrivere la struttura dei nutrienti Descrivere le vie metaboliche, in particolare come venga ottenuta l'energia dai nutrienti, come questa energia venga conservata, come questa energia venga utilizzata nello stato nutrito e nel digiuno, come l'organismo elimini i prodotti privi di energia del catabolismo. Descrivere come l'emoglobina trasposta l'ossigeno alle cellule e quali sono i fattori che regolano questo
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso di nozioni di base in: Chimica Generale: legami chimici, reazioni all'equilibrio e a completamento; reazioni di ossidoriduzione; acidi, basi, tamponi ed equilibri i soluzione acquosa. Chimica Organica: gruppi funzionali, alcheni, alcooli, tioli, composti aromatici, aldeidi, chetoni, acidi carbossilici e loro derivati. Principali caratteristiche chimiche e fisiche dei suddetti composti. Stereochimica. Fisica: le leggi della Termodinamica, in particolare l'energia libera di Gibbs Biologia: struttura della cellula eucariote Anatomia: conoscenze di base sulla struttura del corpo umano
Metodi didatticilezioni frontali
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame sarà costituito da una prova scritta con domande a scelta multipla.
Insegnamento mutuante inINFERMIERISTICA PEDIATRICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE PEDIATRICO) (1844) - MS0034 BIOCHIMICA - NOVARA
OSTETRICIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI OSTETRICA/O) (1845) - MS0034 BIOCHIMICA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoBIOLOGIA APPLICATA
CodiceMS0035
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiBOZZO Chiarella
CFU1
Ore di lezione14
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)BIO/13 - BIOLOGIA APPLICATA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiOrganizzazione cellulare. Cellule procariotiche e cellule eucariotiche. Gli organelli cellulari, struttura e funzione. Struttura e funzione delle membrane biologiche. Il doppio strato lipidico. Le proteine della membrana. Il trasporto attraverso la membrana di piccole molecole, ioni e particelle. Endocitosi e esocitosi. Segnalazione cellulare. L’informazione genetica: dai geni alle proteine. Il DNA: struttura della doppia elica. Istoni e strutture cromosomiche. La duplicazione del DNA. Modello semiconservativo, DNA polimerasi, replicazione continua e discontinua. La trascrizione: sintesi degli RNA messaggeri, tranfer e ribosomiali. La traduzione (sintesi delle proteine): il codice genetico; struttura e funzione dei ribosomi. Differenze tra procarioti ed eucarioti. Regolazione genica: il controllo dell’espressione dei geni. Il citoscheletro e le interazioni tra le cellule. Microtubuli, filamenti di actina, filamenti intermedi. Giunzioni cellulari. Ciclo cellulare. Proliferazione e morte cellulare.
Testi di riferimentoElementi di Biologia, VI° edizione (2013), EP Solomon, LR Berg e DW Martin, ed. EdiSES Elementi di biologia e genetica, IV° edizione (2014), D Sadava, DM Hills, HG Heller, MR Berenbaum, ed. Zanichelli
Obiettivi formativiIl modulo ha l’obiettivo di fornire le nozioni essenziali di biologia cellulare e molecolare che forniranno allo studente gli strumenti necessari per arrivare a conoscere e descrivere in modo organico la struttura di cellule eucariotiche e le loro funzioni.
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso di nozioni elementari di chimica e biologia, quali quelle impartite nella scuola media superiore.
Metodi didatticiLezioni frontali
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame si compone di una prova scritta con domande a scelta multipla
Insegnamento mutuante inINFERMIERISTICA PEDIATRICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE PEDIATRICO) (1844) - MS0035 BIOLOGIA APPLICATA - NOVARA
OSTETRICIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI OSTETRICA/O) (1845) - MS0035 BIOLOGIA APPLICATA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoGENETICA
CodiceMS0071
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiCORRADO Lucia
CFU1
Ore di lezione14
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/03 - GENETICA MEDICA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiConcetto di carattere ereditario e il fenotipo. Caratteri monogenici, e multifattoriali. Cariotipo normale Metodi di analisi del cariotipo. Mitosi e meiosi Anomalie cromosomiche di numero e di struttura Sindromi da microdelezioni Caratteri monofattoriali, e tipo di mutazioni. Genetica dei gruppi sanguigni. Concetto di dominanza e recessività. Tipo di ereditarietà dei caratteri monogenici. Metodi di analisi delle mutazioni puntiformi Esempi di malattie monofattoriali. Caratteri multifattoriali Esempi di malattie multifattoriali.
Testi di riferimentoClementi " Elementi di Genetica Medica" EDISES
Obiettivi formativiIl modulo ha come obiettivo che gli studenti conoscano quali sono: le cause e i rischi di ricorrenza di anomalie cromosomiche le cause e i rischi di ricorrenza di malattie genetiche monofattoriali le cause e i rischi di ricorrenza di malattie genetiche multifattoriali le possibilità e i limiti dei test genetici
PrerequisitiConoscenza di base della genetica formale (leggi di Mendel) e molecolare (struttura del gene e del genoma umano e sintesi delle macromolecole)
Metodi didatticiLezioni frontali con Presentazioni mediante slides Power Point Esercizi in aula
Modalità di verifica dell'apprendimentoesame scritto con quiz a risposta multipla
Programma estesoConcetto di carattere ereditario, il fenotipo. Caratteri monogenici, e multifattoriali. Concetto di Genoma e di Gene. Genoma nucleare e mitocondriale. LA cromatina e i cromosomi. Ploidia. Cellule diploidi ed aploidi. Cariotipo normale Metodi di analisi del cariotipo. Mitosi e meiosi, gametogenesi nella donna e nell'uomo. Anomalie cromosomiche di numero e di struttura. Principali sindromi da anomalie cromosomiche di numero degli autosomi: Trisomia, 21,trisomia 13 e trisomia 18. Anomalie cromosomiche dei cromosomi sessuali associate ad un fenotipo patologico: sindrome di Turner e di Klinefelter. Sindromi da microdelezioni (es:Sindrome di Praderwilli/Angelman, sindrome di Williams). Analisi cromosomica pre e post natale, indicazioni. Tecniche di diagnosi prenatale Caratteri monofattoriali, e tipo di mutazioni puntiformi: missense, non sense e sinonime. Delezioni e inserzioni in frame e frameshift. Genetica dei gruppi sanguigni. Concetto di dominanza e recessività. Tipo di ereditarietà dei caratteri monogenici. Autosomica dominante, autosomica recessiva,X liked recessiva e dominante, Y linked. Metodi di analisi delle mutazioni puntiformi Esempi di malattie monofattoriali. Caratteri multifattoriali Esempi di malattie multifattoriali. Celiachia, labiopalatoschisi
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoScienze fisiologiche
CodiceMS0139
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoMOLINARI Claudio Giuseppe
CFU4
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiSangue:Composizione e funzioni del sangue. Ematocrito. I globuli rossi. L’emoglobina. I gruppi sanguigni. Il fattore Rh. I globuli bianchi. Le piastrine. Le proteine plasmatiche. Le lipoproteine. L’emostasi. La coagulazione. Sistema cardiovascolare:Proprietà del miocardio. Ciclo cardiaco. Toni cardiaci. Gettata cardiaca. Fattori meccanici della pressione arteriosa. Lavoro del cuore. Elettrocardiogramma. Principi di emodinamica. Regolazione della funzionalità del sistema cardiovascolare. Circolazione capillare. Il ritorno venoso. Sistema respiratorio:Il sacco pleurico. Il sistema tracheobronchiale. La struttura dell'alveolo. Le leggi dei gas. Le grandezze respiratorie. La pressione intrapolmonare e intrapleurica. I muscoli respiratori. Trasporto dell’ossigeno nel sangue. Curva di dissociazione dell'emoglobina. Trasporto dell'anidride carbonica nel sangue. Scambio dei gas respiratori. Regolazione nervosa del respiro. Regolazione chimica del respiro. Fisiologia del rene:Filtrazione glomerulare. Meccanismi di riassorbimento e secrezione tubulare. Clearances renali. Riassorbimento tubulare di acqua e Sali. Meccanismi di concentrazione dell’urina. Ruolo del rene nel controllo dell’equilibrio acido-base. Circolazione renale. Apparato Urinario:Il nefrone. Il glomerulo renale. I processi tubulari che portano alla formazione dell'urina. Ultrafiltrazione glomerulare. Velocità di filtrazione glomerulare. Il riassorbimento dell'acqua. La clearance plasmatica renale. Il flusso plasmatico renale. Il flusso ematico renale. Il riassorbimento dell'acqua. Concentrazione dell'urina. Regolazione dell'equilibrio acido/base. Sistema Endocrino.Generalità sugli ormoni. Asse ipotalamo-ipofisario. Pancreas endocrino. Tiroide. Ghiandole surrenali. Ovaio. Testicolo. Sistema Nervoso.Il neurone. La fibra nervosa. Il potenziale d'azione. La sinapsi. I riflessi. Motilità. Sensibilità. Il muscolo scheletrico. L’occhio. Udito ed equilibrio. Apparato Digerente.Anatomia funzionale del tratto digerente. La motilità gastrointestinale. Le ghiandole accessorie: pancreas e fegato. Le ghiandole salivari. Digestione e assorbimento di glucidi, lipidi e protidi. Assorbimento dell’acqua. Le vitamine
Testi di riferimentoTesti consigliati: 1. Zocchi L., "Principi di Fisiologia", EdiSes. 2. Germann & Stanfield, Fisiologia II ed., EdiSes. 3. Silverthorn, “Fisiologia Umana”, Casa Ed. Ambrosiana.
Obiettivi formativiIl modulo ha l'obiettivo di permettere l'apprendimento dei principi che determinano e regolano l'attività funzionale dei vari sistemi ed apparati dell'organismo e di fornire una conoscenza sperimentale sulle modalità di studio degli stessi. Esso si propone inoltre, in via opzionale, di delucidare le basi fisiologiche delle procedure diagnostiche utilizzate nella pratica clinica e di approfondire la conoscenza degli aspetti teorici e pratici di alcune tecniche sperimentali utilizzate nella ricerca medica di base ed applicata.
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso di nozioni di base in Anatomia, Chimica e Biochimica.
Metodi didatticiPresentazioni in formato MS-Power Point.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame si compone di una prova scritta con domande a scelta multipla. Lo studente dovrà dimostrare di aver assimilato le nozioni di base della Fisiologia, apprese durante le lezioni, in maniera adeguata ad affrontare con efficacia i successivi corsi.
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoScienze infermieristiche
CodiceMS0141
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoSUARDI Barbara
DocentiVERNASSA Anna, CHILIN Giovanni, BARDONE Lorenzo, SUARDI Barbara, SCAPPARONE Paola, TIBALDI Antonietta, GRIGOLO Sabrina, MONTANI Doriana, CASALINO Monica, AGOSTO Rita, DEPAOLI Daniela, ILARI Federica, LEA Rosaria, LAUDANDO Franca
CFU5
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
SedeALBA, ALESSANDRIA, BIELLA, NOVARA, VERBANIA
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
MS0079 Infermieristica Generale MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE VERNASSA Anna, CHILIN Giovanni, BARDONE Lorenzo, SUARDI Barbara, SCAPPARONE Paola
MS0140 Deontologia professionale infermieristica MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE TIBALDI Antonietta, CHILIN Giovanni, GRIGOLO Sabrina, MONTANI Doriana, CASALINO Monica
MS0089 Metodologia clinica infermieristica MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE AGOSTO Rita, DEPAOLI Daniela, ILARI Federica, LEA Rosaria, LAUDANDO Franca
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoInfermieristica Generale
CodiceMS0079
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiVERNASSA Anna, CHILIN Giovanni, BARDONE Lorenzo, SUARDI Barbara, SCAPPARONE Paola
CFU2
Ore di lezione30
Ore di studio individuale30
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
SedeALBA, ALESSANDRIA, BIELLA, NOVARA, VERBANIA
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Sedi e/o partizioni
ALBA
ALESSANDRIA
BIELLA
NOVARA
VERBANIA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoInfermieristica Generale
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiVERNASSA Anna
Anno1
SedeALBA
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiAspetti storici della professione infermieristica Il concetto di bisogno e di bisogno di assistenza infermieristica Le tappe evolutive della professione utilizzando lo schema di A. Meleis Il processo di professionalizzazione del XIX e XX secolo Contesto socio sanitario e sviluppo della professione infermieristica Florence Nightingale e suo significato per la professione Processo di sviluppo della formazione infermieristica in Europa ed in Italia: dalle prime scuole alla formazione universitaria Cenni alle scuole di pensiero dell’infermieristica (Scuola dei Bisogni, Scuola delle Interazioni e Scuola dei risultati) Aspetti normativi relativi all’esercizio e alla formazione professionale: - DM 739/1994 - L. 42/1999 - L. 251/2000 - L. 1/2002 - L. 43/2006
Testi di riferimentoTesti di riferimento: - P.C. Motta “Introduzione alle scienze infermieristiche” Carocci Faber , 2002 (11^ ristampa nel 2011) - Benci Luca, “Aspetti giuridici della professione infermieristica” 6/ed, Edizioni MC Graw Hill, Milano, 2011 Testi di approfondimento: - C. Sironi “L’infermiere in Italia: storia di una professione” Carocci Faber, 2012 - E. Manzoni, "Storia e filosofia dell’assistenza infermieristica", Masson-Elsevier, Milano, 2010 - J. M. Wilkinson “Processo infermieristico e pensiero critico” CEA, 2013 (3^ edizione) - Marco Cazzola, Chilin Giovanni, “L’infermiere e la legge”, Maggioli Editore, 2008
Obiettivi formativiLo studente al termine del modulo dovrà essere in grado di: 1. Assumere la responsabilità e rispondere del proprio operato nella pratica professionale in conformità al profilo e agli standard legali della professione: 2. Utilizzare un corpo di conoscenze teoriche derivanti dal nursing, in particolare: - Descrivere il rapporto tra professionalizzazione e sviluppo scientifico infermieristico - Descrivere i principi normativi generali che sono alla base della professione infermieristica - Descrivere il concetto di bisogno di assistenza infermieristica; - Distinguere il ruolo e le competenze infermieristiche da quelle di altri operatori e/o professionisti sanitari e/o sociali; - Conoscere il percorso storico dello sviluppo della professione infermieristica per capire l’attuale identità professionale; - Conoscere i contenuti delle principali normative di interesse sanitario e specificatamente di interesse infermieristico di interesse per la pratica clinica.
PrerequisitiNESSUNO
Metodi didatticiLezione frontale partecipata. Discussione delle tematiche salienti attraverso confronti e dibattiti docenti e studenti. Presentazione di schede riassuntive ed esplicative del percorso didattico e dei contenuti delle singole lezioni in formato power point.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame di profitto è proposto in unica sessione per tutto il corso integrato di SCIENZE INFERMIERISTICHE (discipline Metodologica clinica infermieristica, Infermieristica generale, Deontologia). La prova sarà costituita da un test a quiz (a risposta multipla, con una sola risposta esatta) e da una prova orale. L’ ammissione alla prova orale è subordinata al superamento della prova a quiz (60% delle risposte corrette in ciascuna disciplina).
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoInfermieristica Generale
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiCHILIN Giovanni
Anno1
SedeALESSANDRIA
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiAspetti storici della professione infermieristica Il concetto di bisogno e di bisogno di assistenza infermieristica Le tappe evolutive della professione utilizzando lo schema di A. Meleis Il processo di professionalizzazione del XIX e XX secolo Contesto socio sanitario e sviluppo della professione infermieristica Florence Nightingale e suo significato per la professione Processo di sviluppo della formazione infermieristica in Europa ed in Italia: dalle prime scuole alla formazione universitaria Cenni alle scuole di pensiero dell’infermieristica (Scuola dei Bisogni, Scuola delle Interazioni e Scuola dei risultati) Aspetti normati relativi all’esercizio e alla formazione professionale DM 739/1994 L. 42/1999 L. 251/2000 L. 1/2002 L. 43/2006
Testi di riferimentoDi riferimento: - P.C. Motta “Introduzione alle scienze infermieristiche” Carocci Faber , 2002 (11^ ristampa nel 2011) -Benci Luca, “Aspetti giuridici della professione infermieristica” 6/ed, Edizioni MC Graw Hill, Milano, 2011 Di approfondimento: - C. Sironi “L’infermiere in Italia: storia di una professione” Carocci Faber, 2012 - E. Manzoni, "Storia e filosofia dell’assistenza infermieristica", Masson-Elsevier, Milano, 2010 - J. M. Wilkinson “Processo infermieristico e pensiero critico” CEA, 2013 (3^ edizione) - Marco Cazzola, Chilin Giovanni, “L’infermiere e la legge”, Maggioli Editore, 2008
Obiettivi formativiLo studente al termine del modulo dovrà essere in grado di: Descrivere il rapporto tra professionalizzazione e sviluppo scientifico infermieristico Descrivere i principi normativi generali che sono alla base della professione infermieristica
PrerequisitiLo studente al termine del modulo dovrà essere in grado di: - descrivere il concetto di bisogno di assistenza infermieristica; - distinguere il ruolo e le competenze infermieristiche da quelle di altri operatori e/o professionisti sanitari e/o sociali; - conoscere il percorso storico dello sviluppo della professione infermieristica per capire l’attuale identità professionale; -conoscere i contenuti delle principali normative di interesse sanitario e specificatamente di interesse infermieristico di interesse per la pratica clinica.
Metodi didatticiPresentazione di schede riassuntive ed esplicative del percorso didattico e dei contenuti delle singole lezioni in formato power point.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame di profitto è proposto in unica sessione per tutto il corso integrato di SCIENZE INFERMIERISTICHE (discipline Metodologica clinica infermieristica, Infermieristica generale, Deontologia). La prova sarà costituita da un test a quiz (a risposta multipla, con una sola risposta esatta) e da una prova orale. L’ ammissione alla prova orale è subordinata al superamento della prova a quiz (60% delle risposte corrette in ciascuna disciplina).
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoInfermieristica Generale
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiBARDONE Lorenzo
Anno1
SedeBIELLA
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiAspetti storici della professione infermieristica Il concetto di bisogno e di bisogno di assistenza infermieristica Le tappe evolutive della professione utilizzando lo schema di A. Meleis Il processo di professionalizzazione del XIX e XX secolo Contesto socio sanitario e sviluppo della professione infermieristica Florence Nightingale e suo significato per la professione Processo di sviluppo della formazione infermieristica in Europa ed in Italia: dalle prime scuole alla formazione universitaria Cenni alle scuole di pensiero dell’infermieristica (Scuola dei Bisogni, Scuola delle Interazioni e Scuola dei risultati) Aspetti normati relativi all’esercizio e alla formazione professionale DM 739/1994 L. 42/1999 L. 251/2000 L. 1/2002 L. 43/2006
Testi di riferimentoDi riferimento: - P.C. Motta “Introduzione alle scienze infermieristiche” Carocci Faber , 2002 (11^ ristampa nel 2011) -Benci Luca, “Aspetti giuridici della professione infermieristica” 6/ed, Edizioni MC Graw Hill, Milano, 2011 Di approfondimento: - C. Sironi “L’infermiere in Italia: storia di una professione” Carocci Faber, 2012 - E. Manzoni, "Storia e filosofia dell’assistenza infermieristica", Masson-Elsevier, Milano, 2010 - J. M. Wilkinson “Processo infermieristico e pensiero critico” CEA, 2013 (3^ edizione) - Marco Cazzola, Chilin Giovanni, “L’infermiere e la legge”, Maggioli Editore, 2008
Obiettivi formativiLo studente al termine del modulo dovrà essere in grado di: Descrivere il rapporto tra professionalizzazione e sviluppo scientifico infermieristico Descrivere i principi normativi generali che sono alla base della professione infermieristica
PrerequisitiLo studente al termine del modulo dovrà essere in grado di: - descrivere il concetto di bisogno di assistenza infermieristica; - distinguere il ruolo e le competenze infermieristiche da quelle di altri operatori e/o professionisti sanitari e/o sociali; - conoscere il percorso storico dello sviluppo della professione infermieristica per capire l’attuale identità professionale; -conoscere i contenuti delle principali normative di interesse sanitario e specificatamente di interesse infermieristico di interesse per la pratica clinica.
Metodi didatticiPresentazione di schede riassuntive ed esplicative del percorso didattico e dei contenuti delle singole lezioni in formato power point.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame di profitto è proposto in unica sessione per tutto il corso integrato di SCIENZE INFERMIERISTICHE (discipline Metodologica clinica infermieristica, Infermieristica generale, Deontologia). La prova sarà costituita da un test a quiz (a risposta multipla, con una sola risposta esatta) e da una prova orale. L’ ammissione alla prova orale è subordinata al superamento della prova a quiz (60% delle risposte corrette in ciascuna disciplina).
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoInfermieristica Generale
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoSUARDI Barbara
DocentiSUARDI Barbara
Anno1
SedeNOVARA
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiAspetti storici della professione infermieristica Il concetto di bisogno e di bisogno di assistenza infermieristica Le tappe evolutive della professione utilizzando lo schema di A. Meleis Il processo di professionalizzazione del XIX e XX secolo Contesto socio sanitario e sviluppo della professione infermieristica Florence Nightingale e suo significato per la professione Processo di sviluppo della formazione infermieristica in Europa ed in Italia: dalle prime scuole alla formazione universitaria Cenni alle scuole di pensiero dell’infermieristica (Scuola dei Bisogni, Scuola delle Interazioni e Scuola dei risultati) Aspetti normati relativi all’esercizio e alla formazione professionale DM 739/1994 L. 42/1999 L. 251/2000 L. 1/2002 L. 43/2006
Testi di riferimentoDi riferimento: - P.C. Motta “Introduzione alle scienze infermieristiche” Carocci Faber , 2002 (11^ ristampa nel 2011) -Benci Luca, “Aspetti giuridici della professione infermieristica” 6/ed, Edizioni MC Graw Hill, Milano, 2011 Di approfondimento: - C. Sironi “L’infermiere in Italia: storia di una professione” Carocci Faber, 2012 - E. Manzoni, "Storia e filosofia dell’assistenza infermieristica", Masson-Elsevier, Milano, 2010 - J. M. Wilkinson “Processo infermieristico e pensiero critico” CEA, 2013 (3^ edizione) - Marco Cazzola, Chilin Giovanni, “L’infermiere e la legge”, Maggioli Editore, 2008
Obiettivi formativiLo studente al termine del modulo dovrà essere in grado di: 1. Assumere la responsabilità e rispondere del proprio operato nella pratica professionale in conformità al profilo e agli standard legali della professione: 2. Utilizzare un corpo di conoscenze teoriche derivanti dal nursing, in particolare: - Descrivere il rapporto tra professionalizzazione e sviluppo scientifico infermieristico - Descrivere i principi normativi generali che sono alla base della professione infermieristica - Descrivere il concetto di bisogno di assistenza infermieristica; - Distinguere il ruolo e le competenze infermieristiche da quelle di altri operatori e/o professionisti sanitari e/o sociali; - Conoscere il percorso storico dello sviluppo della professione infermieristica per capire l’attuale identità professionale; - Conoscere i contenuti delle principali normative di interesse sanitario e specificatamente di interesse infermieristico di interesse per la pratica clinica.
PrerequisitiNessuno.
Metodi didatticiLezione frontale partecipata. Discussione delle tematiche salienti attraverso confronti e dibattiti docenti e studenti. Presentazione di schede riassuntive ed esplicative del percorso didattico e dei contenuti delle singole lezioni in formato power point.
Altre informazioniNessuna.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame di profitto è proposto in unica sessione per tutto il corso integrato di SCIENZE INFERMIERISTICHE (discipline Metodologica clinica infermieristica, Infermieristica generale, Deontologia). La prova sarà costituita da un test a quiz (a risposta multipla, con una sola risposta esatta) e da una prova orale. L’ ammissione alla prova orale è subordinata al superamento della prova a quiz (60% delle risposte corrette in ciascuna disciplina).
Programma estesoAspetti storici della professione infermieristica Il concetto di bisogno e di bisogno di assistenza infermieristica Le tappe evolutive della professione utilizzando lo schema di A. Meleis Il processo di professionalizzazione del XIX e XX secolo Contesto socio sanitario e sviluppo della professione infermieristica Florence Nightingale e suo significato per la professione Processo di sviluppo della formazione infermieristica in Europa ed in Italia: dalle prime scuole alla formazione universitaria Cenni alle scuole di pensiero dell’infermieristica (Scuola dei Bisogni, Scuola delle Interazioni e Scuola dei risultati) Aspetti normati relativi all’esercizio e alla formazione professionale DM 739/1994 L. 42/1999 L. 251/2000 L. 1/2002 L. 43/2006
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoInfermieristica Generale
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiSCAPPARONE Paola
Anno1
SedeVERBANIA
Lingua di insegnamentoitaliano
ContenutiAspetti storici della professione infermieristica Il concetto di bisogno e di bisogno di assistenza infermieristica Le tappe evolutive della professione utilizzando lo schema di A. Meleis Il processo di professionalizzazione del XIX e XX secolo Contesto socio sanitario e sviluppo della professione infermieristica Florence Nightingale e suo significato per la professione Processo di sviluppo della formazione infermieristica in Europa ed in Italia: dalle prime scuole alla formazione universitaria Cenni alle scuole di pensiero dell’infermieristica (Scuola dei Bisogni, Scuola delle Interazioni e Scuola dei risultati) Aspetti normativi relativi all’esercizio e alla formazione professionale: - DM 739/1994 - L. 42/1999 - L. 251/2000 - L. 1/2002 - L. 43/2006
Testi di riferimentoTesti di riferimento: - P.C. Motta “Introduzione alle scienze infermieristiche” Carocci Faber , 2002 (11^ ristampa nel 2011) - Benci Luca, “Aspetti giuridici della professione infermieristica” 6/ed, Edizioni MC Graw Hill, Milano, 2011 Testi di approfondimento: - C. Sironi “L’infermiere in Italia: storia di una professione” Carocci Faber, 2012 - E. Manzoni, "Storia e filosofia dell’assistenza infermieristica", Masson-Elsevier, Milano, 2010 - J. M. Wilkinson “Processo infermieristico e pensiero critico” CEA, 2013 (3^ edizione) - Marco Cazzola, Chilin Giovanni, “L’infermiere e la legge”, Maggioli Editore, 2008
Obiettivi formativiLo studente al termine del modulo dovrà essere in grado di: 1. Assumere la responsabilità e rispondere del proprio operato nella pratica professionale in conformità al profilo e agli standard legali della professione: 2. Utilizzare un corpo di conoscenze teoriche derivanti dal nursing, in particolare: - Descrivere il rapporto tra professionalizzazione e sviluppo scientifico infermieristico - Descrivere i principi normativi generali che sono alla base della professione infermieristica - Descrivere il concetto di bisogno di assistenza infermieristica; - Distinguere il ruolo e le competenze infermieristiche da quelle di altri operatori e/o professionisti sanitari e/o sociali; - Conoscere il percorso storico dello sviluppo della professione infermieristica per capire l’attuale identità professionale; - Conoscere i contenuti delle principali normative di interesse sanitario e specificatamente di interesse infermieristico di interesse per la pratica clinica.
PrerequisitiNessuno
Metodi didatticiLezione frontale partecipata. Discussione delle tematiche salienti attraverso confronti e dibattiti docenti e studenti. Presentazione di schede riassuntive ed esplicative del percorso didattico e dei contenuti delle singole lezioni in formato power point.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame di profitto è proposto in unica sessione per tutto il corso integrato di SCIENZE INFERMIERISTICHE (discipline Metodologica clinica infermieristica, Infermieristica generale, Deontologia). La prova sarà costituita da un test a quiz (a risposta multipla, con una sola risposta esatta) e da una prova orale. L’ ammissione alla prova orale è subordinata al superamento della prova a quiz (60% delle risposte corrette in ciascuna disciplina).
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoDeontologia professionale infermieristica
CodiceMS0140
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiTIBALDI Antonietta, CHILIN Giovanni, GRIGOLO Sabrina, MONTANI Doriana, CASALINO Monica
CFU1
Ore di lezione14
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
SedeALBA, ALESSANDRIA, BIELLA, NOVARA, VERBANIA
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Sedi e/o partizioni
ALBA
ALESSANDRIA
BIELLA
NOVARA
VERBANIA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoDeontologia professionale infermieristica
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiTIBALDI Antonietta
Anno1
SedeALBA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoDeontologia professionale infermieristica
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiCHILIN Giovanni
Anno1
SedeALESSANDRIA
Lingua di insegnamentoItaliano
Contenutia) Significato di Deontologia, contenuti fondamentali del Codice Deontologico dell’Infermiere e principi guida b) Diritti fondamentali dell’Uomo c) Evoluzione del ruolo della persona assistita nei quattro Codici deontologici: autodeterminazione e consenso informato alle cure d) Segreto professionale/privacy del paziente/comunicazione attraverso i media e) Ruolo etico della formazione del professionista f) Obiezione di coscienza/clausola di coscienza g) Contenzione della persona h) Palliazione e fine vita i) La multiculturalità dell’assistito j) Ruolo e funzione del Collegio IPASVI
Testi di riferimento Federazione Nazionale Collegi IPASVI, “Commentario al Codice Deontologico dell’Infermiere 2009”, Ed. Mc Graw – Hill, Milano  “Raccomandazioni sul corretto utilizzo dei social media da parte degli infermieri” Marina Vanzetta, Ercole Vellone, Dal Molin Alberto, Emma Martellotti, Rosaria Alvaro http://www.ipasvi.it/ecm/rivista-linfermiere/rivista-linfermiere-page-17-articolo-207.htm Testi di Approfondimento:  Luca Benci, “Aspetti giuridici della professione infermieristica” 6/ed, ”, Ed. Mc Graw-Hill, Milano, 2011 (cap. 13 – 14 –
Obiettivi formativiLo studente al termine del modulo dovrà essere in grado di: - delineare la correlazione esistente tra identità professionale e deontologia professionale - illustrare il filo conduttore che unisce i quattro Codici deontologici della professione infermieristica, contemplando le relative differenze e conferendo particolare spazio all’ultima revisione - individuare i comportamenti in linea ed in contrasto con i valori professionali del Codice deontologico degli infermieri
Prerequisitinessuno
Metodi didattici- Lezione plenaria interattiva - Discussione di casi compresi nel “Commentario al codice Deontologico dell’infermiere”, finalizzata ad esprimere opinioni e sostenerle, analizzando le implicazioni deontologiche che ne scaturiscono
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa valutazione dell’apprendimento è integrata nel Corso “Scienze Infermieristiche”. La prova prevede una parte scritta, propedeutica ad un orale. La prova scritta è composta, per la parte di Deontologia, da cinque domande a risposta multipla chiusa, di cui solo una corretta tra quattro opzioni proposte. Il criterio di superamento della prova è il 60% di risposte corrette. La prova orale consiste nella discussione da parte dello studente, di situazioni assistenziali con contenuti etici e di concetti presenti all’interno del Codice. Vengono individuati i seguenti criteri per il superamento della prova: - completezza dei concetti - capacità di argomentare e sostenere opinioni dal punto di vista deontologico, operando collegamenti con i contenuti del Codice
Programma esteso Significato di Deontologia, i contenuti del Codice Deontologico dell’Infermiere e i principi guida  Diritti fondamentali dell’Uomo  Ruolo della persona assistita nell’evoluzione dei Codici deontologici  Contenzione della persona  Obiezione di coscienza/clausola di coscienza  Segreto professionale/privacy del paziente/comunicazione attraverso i media  Autodeterminazione della persona e consenso informato alle cure  Ruolo etico della formazione del professionista  Palliazione e fine vita  La multiculturalità dell’assistito  Ruolo e funzione del Collegio IPASVI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoDeontologia professionale infermieristica
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoGRIGOLO Sabrina
DocentiGRIGOLO Sabrina
Anno1
SedeBIELLA
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiLo studente comprenderà l’identità professionale ed i contenuti etici della professione infermieristica.
Testi di riferimentoFederazione Nazionale Collegi IPASVI, “Commentario al Codice Deontologico dell’Infermiere 2009”, Ed. Mc Graw – Hill, Milano “Raccomandazioni sul corretto utilizzo dei social media da parte degli infermieri” Marina Vanzetta, Ercole Vellone, Dal Molin Alberto, Emma Martellotti, Rosaria Alvaro http://www.ipasvi.it/ecm/rivista-linfermiere/rivista-linfermiere-page-17-articolo-207.htm Testi di Approfondimento: Luca Benci, “Aspetti giuridici della professione infermieristica” 6/ed, ”, Ed. Mc Graw-Hill, Milano, 2011 (cap. 13 – 14 – 17 – 18)
Obiettivi formativiLo studente al termine del modulo dovrà essere in grado di: -delineare la correlazione esistente tra identità professionale e deontologia professionale -illustrare il filo conduttore che unisce i quattro Codici deontologici della professione infermieristica, contemplando le relative differenze e conferendo particolare spazio all’ultima revisione -individuare i comportamenti in linea ed in contrasto con i valori professionali del Codice deontologico degli infermieri Lo studente, al termine del Corso conoscerà e sarà in grado di argomentare in merito a: a)Significato di Deontologia, contenuti fondamentali del Codice Deontologico dell’Infermiere e principi guida b)Diritti fondamentali dell’Uomo c)Evoluzione del ruolo della persona assistita nei quattro Codici deontologici: autodeterminazione e consenso informato alle cure d)Segreto professionale/privacy del paziente/comunicazione attraverso i media e)Ruolo etico della formazione del professionista f)Obiezione di coscienza/clausola di coscienza g)Contenzione della persona h)Palliazione e fine vita i)La multiculturalità dell’assistito j)Ruolo e funzione del Collegio IPASVI
Prerequisitinessuno
Metodi didattici- Lezione plenaria interattiva - Discussione di casi compresi nel “Commentario al codice Deontologico dell’infermiere”, finalizzata ad esprimere opinioni e sostenerle, analizzando le implicazioni deontologiche che ne scaturiscono
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa valutazione dell’apprendimento è integrata nel Corso “Scienze Infermieristiche”. La prova prevede una parte scritta, propedeutica ad un orale. La prova scritta è composta, per la parte di Deontologia, da cinque domande a risposta multipla chiusa, di cui solo una corretta tra quattro opzioni proposte. Il criterio di superamento della prova è il 60% di risposte corrette. La prova orale consiste nella discussione da parte dello studente, di situazioni assistenziali con contenuti etici e di concetti presenti all’interno del Codice. Vengono individuati i seguenti criteri per il superamento della prova: - completezza dei concetti - capacità di argomentare e sostenere opinioni dal punto di vista deontologico, operando collegamenti con i contenuti del Codice
Programma estesoSignificato di Deontologia, i contenuti del Codice Deontologico dell’Infermiere e i principi guida Diritti fondamentali dell’Uomo Ruolo della persona assistita nell’evoluzione dei Codici deontologici Contenzione della persona Obiezione di coscienza/clausola di coscienza Segreto professionale/privacy del paziente/comunicazione attraverso i media  Autodeterminazione della persona e consenso informato alle cure Ruolo etico della formazione del professionista Palliazione e fine vita La multiculturalità dell’assistito Ruolo e funzione del Collegio IPASVI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoDeontologia professionale infermieristica
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiMONTANI Doriana
Anno1
SedeNOVARA
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiLo studente comprenderà l’identità professionale ed i contenuti etici della professione infermieristica.
Testi di riferimentoFederazione Nazionale Collegi IPASVI, “Commentario al Codice Deontologico dell’Infermiere 2009”, Ed. Mc Graw – Hill, Milano “Raccomandazioni sul corretto utilizzo dei social media da parte degli infermieri” Marina Vanzetta, Ercole Vellone, Dal Molin Alberto, Emma Martellotti, Rosaria Alvaro http://www.ipasvi.it/ecm/rivista-linfermiere/rivista-linfermiere-page-17-articolo-207.htm Testi di Approfondimento: Luca Benci, “Aspetti giuridici della professione infermieristica” 6/ed, ”, Ed. Mc Graw-Hill, Milano, 2011 (cap. 13 – 14 – 17 – 18)
Obiettivi formativiLo studente al termine del modulo dovrà essere in grado di: - delineare la correlazione esistente tra identità professionale e deontologia professionale - illustrare il filo conduttore che unisce i quattro Codici deontologici della professione infermieristica, contemplando le relative differenze e conferendo particolare spazio all’ ultima revisione - individuare i comportamenti in linea ed in contrasto con i valori professionali del Codice deontologico degli infermieri
Prerequisitinessuno
Metodi didattici- Lezione plenaria interattiva - Discussione di casi compresi nel “Commentario al codice Deontologico dell’infermiere”, finalizzata ad esprimere opinioni e sostenerle, analizzando le implicazioni deontologiche che ne scaturiscono
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa valutazione dell’apprendimento è integrata nel Corso “Scienze Infermieristiche”. La prova prevede una parte scritta, propedeutica ad un orale. La prova scritta è composta, per la parte di Deontologia, da cinque domande a risposta multipla chiusa, di cui solo una corretta tra quattro opzioni proposte. Il criterio di superamento della prova è il 60% di risposte corrette. La prova orale consiste nella discussione da parte dello studente, di situazioni assistenziali con contenuti etici e di concetti presenti all’ interno del Codice. Vengono individuati i seguenti criteri per il superamento della prova: - completezza dei concetti - capacità di argomentare e sostenere opinioni dal punto di vista deontologico, operando collegamenti con i contenuti del Codice
Programma esteso- Significato di Deontologia, i contenuti del Codice Deontologico dell’Infermiere e i principi guida - Diritti fondamentali dell’Uomo - Ruolo della persona assistita nell’ evoluzione dei Codici deontologici - Contenzione della persona - Obiezione di coscienza/clausola di coscienza - Segreto professionale/privacy del paziente/comunicazione attraverso i media - Autodeterminazione della persona e consenso informato alle cure - Ruolo etico della formazione del professionista - Palliazione e fine vita -La multiculturalità dell’assistito -Ruolo e funzione del Collegio IPASVI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoDeontologia professionale infermieristica
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiCASALINO Monica
Anno1
SedeVERBANIA
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiLo studente comprenderà l’identità professionale ed i contenuti etici della professione infermieristica.
Testi di riferimentoBibliografia di riferimento: - Federazione Nazionale Collegi IPASVI, “Commentario al Codice Deontologico dell’Infermiere 2009”, Ed. Mc Graw – Hill, Milano - “Raccomandazioni sul corretto utilizzo dei social media da parte degli infermieri” Marina Vanzetta, Ercole Vellone, Dal Molin Alberto, Emma Martellotti, Rosaria Alvaro http://www.ipasvi.it/ecm/rivista-linfermiere/rivista-linfermiere-page-17-articolo-207.htm Testi di Approfondimento: - Luca Benci, “Aspetti giuridici della professione infermieristica” 6/ed, ”, Ed. Mc Graw-Hill, Milano, 2011 (cap. 13 – 14 – 17 – 18)
Obiettivi formativiLo studente al termine del modulo dovrà essere in grado di: - delineare la correlazione esistente tra identità professionale e deontologia professionale - illustrare il filo conduttore che unisce i quattro Codici deontologici della professione infermieristica, contemplando le relative differenze e conferendo particolare spazio all’ultima revisione - individuare i comportamenti in linea ed in contrasto con i valori professionali del Codice deontologico degli infermieri
PrerequisitiNessuno
Metodi didattici- Lezione plenaria interattiva - Discussione di casi compresi nel “Commentario al codice Deontologico dell’infermiere”, finalizzata ad esprimere opinioni e sostenerle, analizzando le implicazioni deontologiche che ne scaturiscono
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa valutazione dell’apprendimento è integrata nel Corso “Scienze Infermieristiche”. La prova prevede una parte scritta, propedeutica ad un orale. La prova scritta è composta, per la parte di Deontologia, da cinque domande a risposta multipla chiusa, di cui solo una corretta tra quattro opzioni proposte. Il criterio di superamento della prova è il 60% di risposte corrette. La prova orale consiste nella discussione da parte dello studente, di situazioni assistenziali con contenuti etici e di concetti presenti all’interno del Codice. Vengono individuati i seguenti criteri per il superamento della prova: - completezza dei concetti - capacità di argomentare e sostenere opinioni dal punto di vista deontologico, operando collegamenti con i contenuti del Codice
Programma estesoSignificato di Deontologia, i contenuti del Codice Deontologico dell’Infermiere e i principi guida  Diritti fondamentali dell’Uomo  Ruolo della persona assistita nell’evoluzione dei Codici deontologici  Contenzione della persona  Obiezione di coscienza/clausola di coscienza  Segreto professionale/privacy del paziente/comunicazione attraverso i media  Autodeterminazione della persona e consenso informato alle cure  Ruolo etico della formazione del professionista  Palliazione e fine vita  La multiculturalità dell’assistito  Ruolo e funzione del Collegio IPASVI
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoMetodologia clinica infermieristica
CodiceMS0089
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiAGOSTO Rita, DEPAOLI Daniela, ILARI Federica, LEA Rosaria, LAUDANDO Franca
CFU2
Ore di lezione24
Ore di studio individuale36
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
SedeALBA, ALESSANDRIA, BIELLA, NOVARA, VERBANIA
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Sedi e/o partizioni
ALBA
ALESSANDRIA
BIELLA
NOVARA
VERBANIA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoMetodologia clinica infermieristica
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiAGOSTO Rita
Anno1
SedeALBA
Lingua di insegnamentoITALIANO
Contenuti- Problem solving: percezione e osservazione del problema, descrizione di un fenomeno o problema, formulazione di un obiettivo. Strategie per il problem solving. - Il processo di nursing: concetti teorici generali - L’intervista nell’accertamento infermieristico - Dal dato alla pianificazione dei problemi assistenziali della persona adulta: - Definizione e caratteristiche definenti dei problemi di mobilità ed esercizio fisico, cura e igiene del corpo, immobilità ( in particolare: deficit della cura di sé, intolleranza all’attività fisica, compromissione della mobilità, sindrome da immobilizzazione, compromissione della deambulazione, compromissione dell’integrità cutanea/tissutale) - Interventi infermieristici relativi ai problemi di mobilità ed esercizio fisico, cura e igiene del corpo, immobilità - Definizione e caratteristiche definenti dei problemi di sonno e riposo (in particolare: insonnia, disturbi del ritmo circadiano, apnea notturna) - Interventi infermieristici relativi ai problemi di sonno e riposo - Definizione e caratteristiche definenti dei problemi di nutrizione (in paticolare nutrizione inferiore o superiore al fabbisogno, compromissione della deglutizione) - Interventi infermieristici relativi ai problemi di nutrizione - Definizione e caratteristiche definenti dei problemi di eliminazione urinaria e intestinale (in particolare alterazione dell’eliminazione urinaria, compresa la ritenzione urinaria, stipsi, diarrea e incontinenza urinaria e/o fecale) - Interventi infermieristici relativi ai problemi di eliminazione urinaria e intestinale - Definizione e caratteristiche definenti dei problemi di alterazione della percezione sensoriale e cognitiva (ovvero rischio di lesione, nello specifico: Rischio di caduta, rischio di trauma, rischio di aspirazione, rischio di lesione da compromissione delle funzioni cognitive e della mobilità)
Testi di riferimentoDi riferimento: - L. Saiani - A. Brugnolli. Trattato di cure infermieristiche. Editore Edizioni Sorbona di Idelson Gnocchi, 2010 -M. Gordon, “Diagnosi infermieristiche. Processo e applicazioni”, CEA, 2009, Capitoli 5-6-7, appendici H e I. Di approfondimento: - J. M. Wilkinson “Processo infermieristico e pensiero critico” CEA, 2013 (3^ edizione) - R. Craven “Principi fondamentali dell’assistenza infermieristica” CEA , 2013 (5^ edizione) - A. Santullo “Le Scale di Valutazione in Sanità” McGraw-Hill, 2008
Obiettivi formativiLo studente al termine del modulo - conoscerà e comprenderà la metodologia alla base del processo di assistenza; - applicherà la metodologia infermieristica per rispondere progressivamente ai diversi gradi di complessità assistenziale presentati dalla Persona Assistita, dalla Famiglia e dalla Collettività.
PrerequisitiLo studente al termine del modulo dovrà essere in grado di: - illustrare i principali presupposti teorici del Problem Solving Scientifico e del processo di nursing in ogni sua fase - effettuare l’intervista della persona adulta durante l’accertamento infermieristico; - identificare e descrivere le caratteristiche definenti ed i principali interventi assistenziali di natura tecnica ed intellettuale relativamente ai problemi infermieristici delle aree attività ed esercizio fisico, nutrizionale, eliminazione, sonno riposo e cognitiva della Persona; - indicare i criteri di valutazione delle attività assistenziali infermieristiche in relazione alla risposta della persona.
Metodi didatticiPresentazioni in formato MS-Power Point
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame di profitto è proposto in unica sessione per tutto il corso integrato di SCIENZE INFERMIERISTICHE (discipline Metodologica clinica infermieristica, Infermieristica generale, Deontologia). La prova sarà costituita da un test a quiz (a risposta multipla, con una sola risposta esatta) e da una prova orale. L’ammissione alla prova orale è subordinata al superamento della prova a quiz (60% delle risposte corrette in ciascuna disciplina).
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoMetodologia clinica infermieristica
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiDEPAOLI Daniela
Anno1
SedeALESSANDRIA
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiProblem solving: percezione e osservazione del problema, descrizione di un fenomeno o problema, formulazione di un obiettivo. Strategie per il problem solving. - Il processo di nursing: concetti teorici generali - L’intervista nell’accertamento infermieristico - Dal dato alla pianificazione dei problemi assistenziali della persona adulta: - Definizione e caratteristiche definenti dei problemi di mobilità ed esercizio fisico, cura e igiene del corpo, immobilità ( in particolare: deficit della cura di sé, intolleranza all’attività fisica, compromissione della mobilità, sindrome da immobilizzazione, compromissione della deambulazione, compromissione dell’integrità cutanea/tissutale) - Interventi infermieristici relativi ai problemi di mobilità ed esercizio fisico, cura e igiene del corpo, immobilità - Definizione e caratteristiche definenti dei problemi di sonno e riposo (in particolare: insonnia, disturbi del ritmo circadiano, apnea notturna) - Interventi infermieristici relativi ai problemi di sonno e riposo - Definizione e caratteristiche definenti dei problemi di nutrizione (in paticolare nutrizione inferiore o superiore al fabbisogno, compromissione della deglutizione) - Interventi infermieristici relativi ai problemi di nutrizione - Definizione e caratteristiche definenti dei problemi di eliminazione urinaria e intestinale (in particolare alterazione dell’eliminazione urinaria, compresa la ritenzione urinaria, stipsi, diarrea e incontinenza urinaria e/o fecale) - Interventi infermieristici relativi ai problemi di eliminazione urinaria e intestinale - Definizione e caratteristiche definenti dei problemi di alterazione della percezione sensoriale e cognitiva (ovvero rischio di lesione, nello specifico: Rischio di caduta, rischio di trauma, rischio di aspirazione, rischio di lesione da compromissione delle funzioni cognitive e della mobilità) - Interventi infermieristici relativi ai problemi di alterazione della percezione sensoriale e cognitiva - Le scale di valutazione nella pratica infermieristica (intensità del dolore dell’adulto, del bambino e dell’adulto con disabilità, IADL, ADL, Barthel Index, Braden e Norton, NPUAP, Conley).
Testi di riferimentoDi riferimento: - L. Saiani - A. Brugnolli. Trattato di cure infermieristiche. Editore Edizioni Sorbona di Idelson Gnocchi, 2010 -M. Gordon, “Diagnosi infermieristiche. Processo e applicazioni”, CEA, 2009, Capitoli 5-6-7, appendici H e I. Di approfondimento: - J. M. Wilkinson “Processo infermieristico e pensiero critico” CEA, 2013 (3^ edizione) - R. Craven “Principi fondamentali dell’assistenza infermieristica” CEA , 2013 (5^ edizione) - A. Santullo “Le Scale di Valutazione in Sanità” McGraw-Hill, 2008
Obiettivi formativiLo studente al termine del modulo sarà in grado di: - conoscere e comprendere la metodologia alla base del processo di assistenza; - illustrare i principali presupposti del problem solving scientifico e del processo di nursing in ogni sua fase; - applicare la metodologia infermieristica per rispondere progressivamente ai diversi gradi di complessità assistenziale presentati dalla persona assistita, dalla famiglia e dalla collettività; - condurre l'accertamento infermieristico della persona assistita; - identificare e descrivere le caratteristiche definenti ed i principali interventi assistenziali, di natura tecnica ed intellettuale, relativamente ai problemi infermieristici delle aree attività ed esercizio fisico, nutrizionale, eliminazione, sonno/riposo e cognitiva della persona; - stabilire le priorità assistenziali da attribuire e gli interventi più appropriati, sulla base delle diverse condizioni della persona assistita; - indicare i criteri di valutazione delle attività assistenziali infermieristiche in relazione alla risposta della persona.
PrerequisitiNon richiesti
Metodi didatticiPresentazioni in formato MS-Power Point Lezioni partecipate Applicazione della metodologia del Problem Solving attraverso l'analisi e la discussione di casi clinici
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame di profitto è proposto in unica sessione per tutto il corso integrato di SCIENZE INFERMIERISTICHE (discipline Metodologica clinica infermieristica, Infermieristica generale, Deontologia). La prova sarà costituita da un test a quiz (a risposta multipla, con una sola risposta esatta) e da una prova orale. L’ammissione alla prova orale è subordinata al superamento della prova a quiz (60% delle risposte corrette in ciascuna disciplina). Nella prova orale lo studente applicherà la metodologia infermieristica acquisita attraverso la discussione di un breve caso clinico.
Programma estesoVedi contenuti
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoMetodologia clinica infermieristica
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiILARI Federica
Anno1
SedeBIELLA
Lingua di insegnamentoITALIANO
Contenuti- Problem solving: percezione e osservazione del problema, descrizione di un fenomeno o problema, formulazione di un obiettivo. Strategie per il problem solving. - Il processo di nursing: concetti teorici generali - L’intervista nell’accertamento infermieristico - Dal dato alla pianificazione dei problemi assistenziali della persona adulta: - Definizione e caratteristiche definenti dei problemi di mobilità ed esercizio fisico, cura e igiene del corpo, immobilità ( in particolare: deficit della cura di sé, intolleranza all’attività fisica, compromissione della mobilità, sindrome da immobilizzazione, compromissione della deambulazione, compromissione dell’integrità cutanea/tissutale) - Interventi infermieristici relativi ai problemi di mobilità ed esercizio fisico, cura e igiene del corpo, immobilità - Definizione e caratteristiche definenti dei problemi di sonno e riposo (in particolare: insonnia, disturbi del ritmo circadiano, apnea notturna) - Interventi infermieristici relativi ai problemi di sonno e riposo - Definizione e caratteristiche definenti dei problemi di nutrizione (in paticolare nutrizione inferiore o superiore al fabbisogno, compromissione della deglutizione) - Interventi infermieristici relativi ai problemi di nutrizione - Definizione e caratteristiche definenti dei problemi di eliminazione urinaria e intestinale (in particolare alterazione dell’eliminazione urinaria, compresa la ritenzione urinaria, stipsi, diarrea e incontinenza urinaria e/o fecale) - Interventi infermieristici relativi ai problemi di eliminazione urinaria e intestinale - Definizione e caratteristiche definenti dei problemi di alterazione della percezione sensoriale e cognitiva (ovvero rischio di lesione, nello specifico: Rischio di caduta, rischio di trauma, rischio di aspirazione, rischio di lesione da compromissione delle funzioni cognitive e della mobilità) - Interventi infermieristici relativi ai problemi di alterazione della percezione sensoriale e cognitiva - Le scale di valutazione nella pratica infermieristica (intensità del dolore dell’adulto, del bambino e dell’adulto con disabilità, IADL, ADL, Barthel Index, Braden e Norton, NPUAP, Conley).
Testi di riferimentoDi riferimento: - L. Saiani - A. Brugnolli. Trattato di cure infermieristiche. Editore Edizioni Sorbona di Idelson Gnocchi, 2010 -M. Gordon, “Diagnosi infermieristiche. Processo e applicazioni”, CEA, 2009, Capitoli 5-6-7, appendici H e I. Di approfondimento: - J. M. Wilkinson “Processo infermieristico e pensiero critico” CEA, 2013 (3^ edizione) - R. Craven “Principi fondamentali dell’assistenza infermieristica” CEA , 2013 (5^ edizione) - A. Santullo “Le Scale di Valutazione in Sanità” McGraw-Hill, 2008
Obiettivi formativiLo studente al termine del modulo dovrà essere in grado di - illustrare i principali presupposti teorici del problem solving scientifico e del processo di nursing in ogni sua fase -effettuare l'intervista alla Persona adulta durante l'accertamento infermieristico; -identificare e descrivere le caratteristiche definenti e i principali interventi assistenziali di natura tecnica e intellettuale relativamente ai problemi infermieristici delle aree di attività ed esercizio fisico, nutrizionale, eliminazione, sonno e riposo e cognitiva della Persona -indicare i criteri di valutazione delle attività assistenziali infermieristiche in relazione alla risposta della Persona
PrerequisitiLo studente al termine del modulo dovrà essere in grado di: - conoscerà e comprenderà la metodologia alla base del processo di assistenza -applicherà la metodologia infermieristica per rispondere progressivamente ai diversi gradi di complessità assistenziali presentati dalla Persona assistita, dalla Famiglia e dalla Collettività ng in ogni sua fase - effettuare l’intervista della persona adulta durante l’accertamento infermieristico; - identificare e descrivere le caratteristiche definenti ed i principali interventi assistenziali di natura tecnica ed intellettuale relativamente ai problemi infermieristici delle aree attività ed esercizio fisico, nutrizionale, eliminazione, sonno riposo e cognitiva della Persona; - indicare i criteri di valutazione delle attività assistenziali infermieristiche in relazione alla risposta della persona
Metodi didatticiPresentazioni in formato MS-Power Point Lezioni partecipate Applicazione della metodologia del problem solving attraverso l'analisi e la discussione di casi clinici
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame di profitto è proposto in unica sessione per tutto il corso integrato di SCIENZE INFERMIERISTICHE (discipline Metodologica clinica infermieristica, Infermieristica generale, Deontologia). La prova sarà costituita da un test a quiz (a risposta multipla, con una sola risposta esatta) e da una prova orale. L’ammissione alla prova orale è subordinata al superamento della prova a quiz (60% delle risposte corrette in ciascuna disciplina). Nella prova orale lo studente applicherà la metodologia infermieristica acquisita attraverso la discussione di un breve caso clinico
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoMetodologia clinica infermieristica
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoLEA Rosaria
DocentiLEA Rosaria
Anno1
SedeNOVARA
Lingua di insegnamentoITALIANO
Contenuti- Problem solving: percezione e osservazione del problema, descrizione di un fenomeno o problema, formulazione di un obiettivo. Strategie per il problem solving. - Il processo di nursing: concetti teorici generali - L’intervista nell’accertamento infermieristico - Dal dato alla pianificazione dei problemi assistenziali della persona adulta: - Definizione e caratteristiche definenti dei problemi di mobilità ed esercizio fisico, cura e igiene del corpo, immobilità ( in particolare: deficit della cura di sé, intolleranza all’attività fisica, compromissione della mobilità, sindrome da immobilizzazione, compromissione della deambulazione, compromissione dell’integrità cutanea/tissutale) - Interventi infermieristici relativi ai problemi di mobilità ed esercizio fisico, cura e igiene del corpo, immobilità - Definizione e caratteristiche definenti dei problemi di sonno e riposo (in particolare: insonnia, disturbi del ritmo circadiano, apnea notturna) - Interventi infermieristici relativi ai problemi di sonno e riposo - Definizione e caratteristiche definenti dei problemi di nutrizione (in paticolare nutrizione inferiore o superiore al fabbisogno, compromissione della deglutizione) - Interventi infermieristici relativi ai problemi di nutrizione - Definizione e caratteristiche definenti dei problemi di eliminazione urinaria e intestinale (in particolare alterazione dell’eliminazione urinaria, compresa la ritenzione urinaria, stipsi, diarrea e incontinenza urinaria e/o fecale) - Interventi infermieristici relativi ai problemi di eliminazione urinaria e intestinale - Definizione e caratteristiche definenti dei problemi di alterazione della percezione sensoriale e cognitiva (ovvero rischio di lesione, nello specifico: Rischio di caduta, rischio di trauma, rischio di aspirazione, rischio di lesione da compromissione delle funzioni cognitive e della mobilità) - Interventi infermieristici relativi ai problemi di alterazione della percezione sensoriale e cognitiva - Le scale di valutazione nella pratica infermieristica (intensità del dolore dell’adulto, del bambino e dell’adulto con disabilità, IADL, ADL, Barthel Index, Braden e Norton, NPUAP, Conley).
Testi di riferimentoDi riferimento: - L. Saiani - A. Brugnolli. Trattato di cure infermieristiche. Editore Edizioni Sorbona di Idelson Gnocchi, 2010 -M. Gordon, “Diagnosi infermieristiche. Processo e applicazioni”, CEA, 2009, Capitoli 5-6-7, appendici H e I. Di approfondimento: - J. M. Wilkinson “Processo infermieristico e pensiero critico” CEA, 2013 (3^ edizione) - R. Craven “Principi fondamentali dell’assistenza infermieristica” CEA , 2013 (5^ edizione) - A. Santullo “Le Scale di Valutazione in Sanità” McGraw-Hill, 2008
Obiettivi formativiLo studente al termine del modulo sarà in grado di: - conoscere e comprendere la metodologia alla base del processo di assistenza; - illustrare i principali presupposti del problem solving scientifico e del processo di nursing in ogni sua fase; - applicare la metodologia infermieristica per rispondere progressivamente ai diversi gradi di complessità assistenziale presentati dalla persona assistita, dalla famiglia e dalla collettività; - condurre l'accertamento infermieristico della persona assistita; - identificare e descrivere le caratteristiche definenti ed i principali interventi assistenziali, di natura tecnica ed intellettuale, relativamente ai problemi infermieristici delle aree attività ed esercizio fisico, nutrizionale, eliminazione, sonno/riposo e cognitiva della persona; - stabilire le priorità assistenziali da attribuire e gli interventi più appropriati, sulla base delle diverse condizioni della persona assistita; - indicare i criteri di valutazione delle attività assistenziali infermieristiche in relazione alla risposta della persona.
PrerequisitiNon richiesti
Metodi didatticiPresentazioni in formato MS-Power Point Lezioni partecipate Applicazione della metodologia del Problem Solving attraverso l'analisi e la discussione di casi clinici
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame di profitto è proposto in unica sessione per tutto il corso integrato di SCIENZE INFERMIERISTICHE (discipline Metodologica clinica infermieristica, Infermieristica generale, Deontologia). La prova sarà costituita da un test a quiz (a risposta multipla, con una sola risposta esatta) e da una prova orale. L’ammissione alla prova orale è subordinata al superamento della prova a quiz (60% delle risposte corrette in ciascuna disciplina). Nella prova orale lo studente applicherà la metodologia infermieristica acquisita attraverso la discussione di un breve caso clinico.
Programma estesoVedi contenuti
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoMetodologia clinica infermieristica
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiLAUDANDO Franca
Anno1
SedeVERBANIA
Lingua di insegnamentoITALIANO
Contenuti- Problem solving: percezione e osservazione del problema, descrizione di un fenomeno o problema, formulazione di un obiettivo. Strategie per il problem solving. - Il processo di nursing: concetti teorici generali - L’intervista nell’accertamento infermieristico - Dal dato alla pianificazione dei problemi assistenziali della persona adulta: - Definizione e caratteristiche definenti dei problemi di mobilità ed esercizio fisico, cura e igiene del corpo, immobilità ( in particolare: deficit della cura di sé, intolleranza all’attività fisica, compromissione della mobilità, sindrome da immobilizzazione, compromissione della deambulazione, compromissione dell’integrità cutanea/tissutale) - Interventi infermieristici relativi ai problemi di mobilità ed esercizio fisico, cura e igiene del corpo, immobilità - Definizione e caratteristiche definenti dei problemi di sonno e riposo (in particolare: insonnia, disturbi del ritmo circadiano, apnea notturna) - Interventi infermieristici relativi ai problemi di sonno e riposo - Definizione e caratteristiche definenti dei problemi di nutrizione (in paticolare nutrizione inferiore o superiore al fabbisogno, compromissione della deglutizione) - Interventi infermieristici relativi ai problemi di nutrizione - Definizione e caratteristiche definenti dei problemi di eliminazione urinaria e intestinale (in particolare alterazione dell’eliminazione urinaria, compresa la ritenzione urinaria, stipsi, diarrea e incontinenza urinaria e/o fecale) - Interventi infermieristici relativi ai problemi di eliminazione urinaria e intestinale - Definizione e caratteristiche definenti dei problemi di alterazione della percezione sensoriale e cognitiva (ovvero rischio di lesione, nello specifico: Rischio di caduta, rischio di trauma, rischio di aspirazione, rischio di lesione da compromissione delle funzioni cognitive e della mobilità) - Interventi infermieristici relativi ai problemi di alterazione della percezione sensoriale e cognitiva - Le scale di valutazione nella pratica infermieristica (intensità del dolore dell’adulto, del bambino e dell’adulto con disabilità, IADL, ADL, Barthel Index, Braden e Norton, NPUAP, Conley).
Testi di riferimentoDi riferimento: - L. Saiani - A. Brugnolli. Trattato di cure infermieristiche. Editore Edizioni Sorbona di Idelson Gnocchi, 2010 -M. Gordon, “Diagnosi infermieristiche. Processo e applicazioni”, CEA, 2009, Capitoli 5-6-7, appendici H e I. Di approfondimento: - J. M. Wilkinson “Processo infermieristico e pensiero critico” CEA, 2013 (3^ edizione) - R. Craven “Principi fondamentali dell’assistenza infermieristica” CEA , 2013 (5^ edizione) - A. Santullo “Le Scale di Valutazione in Sanità” McGraw-Hill, 2008
Obiettivi formativiLo studente al termine del modulo sarà in grado di: - conoscere e comprendere la metodologia alla base del processo di assistenza; - applicare la metodologia infermieristica per rispondere progressivamente ai diversi gradi di complessità assistenziale presentati dalla Persona Assistita, dalla Famiglia e dalla Collettività; - deciderà le priorità assistenziali da attribuire e gli interventi più appropriati, sulla base delle diverse condizioni della persona assistita
PrerequisitiLo studente al termine del modulo dovrà essere in grado di: - illustrare i principali presupposti del problem solving scientifico e del processo di nursing in ogni sua fase; - effettuare l'intervista della persona adulta durante l'accertamento infermieristico; - identificare e descrivere le caratteristiche definenti e i principali interventi assistenziali di natura tecnica ed intellettuale relativamente ai problemi infermieristici delle aree attività ed essercizio fisico, nutrizione, eliminazione, sonno e riposo e cognitiva della Persona; - indicare i criteri di valutazione delle attività assistenziali infermieristiche n relazione alla risposta della persona
Metodi didatticiPresentazioni in formato MS-Power Point Lezioni partecipate Applicazione della metodologia del Problem Solving attraverso l'analisi e la discussione di casi clinici
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame di profitto è proposto in unica sessione per tutto il corso integrato di SCIENZE INFERMIERISTICHE (discipline Metodologica clinica infermieristica, Infermieristica generale, Deontologia). La prova sarà costituita da un test a quiz (a risposta multipla, con una sola risposta esatta) e da una prova orale. L’ammissione alla prova orale è subordinata al superamento della prova a quiz (60% delle risposte corrette in ciascuna disciplina). Nella prova orale lo studente applicherà la metodologia infermieristica acquisita attraverso la discussione di un breve caso clinico.
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoScienze morfologiche
CodiceMS0043
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoFOLLENZI Antonia
DocentiBOCCAFOSCHI Francesca, FOLLENZI Antonia
CFU4
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
BT015 ANATOMIA UMANA BIO/16 - ANATOMIA UMANA BOCCAFOSCHI Francesca
BT012 ISTOLOGIA BIO/17 - ISTOLOGIA FOLLENZI Antonia
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoANATOMIA UMANA
CodiceBT015
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoBOCCAFOSCHI Francesca
DocentiBOCCAFOSCHI Francesca
CFU3
Ore di lezione45
Ore di studio individuale45
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)BIO/16 - ANATOMIA UMANA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiGeneralità. Terminologia anatomica, posizione anatomica, definizione di posizione e movimento, organi, apparati e sistemi. Apparato locomotore. Generalità, struttura degli elementi ossei; tipologia, struttura e significati funzionali delle articolazioni; struttura del muscolo striato e del muscolo liscio, anatomia descrittiva e funzionale dei complessi muscolari. Apparato cardiovascolare. Il cuore: posizione e rapporti. Vene e arterie, anatomia topografica delle vie arteriose e venose e territori di vascolarizzazione. Apparato respiratorio. Anatomia descrittiva e funzionale delle vie aeree superiori ed inferiori (Cavità Nasali, Laringe, Trachea e Bronchi, Parenchima Polmonare, Pleure). Apparato digerente. Anatomia descrittiva e funzionale della : Cavità Buccale, Faringe, Esofago, Stomaco, Intestino e delle ghiandole annesse all’apparato digerente (Fegato, Pancreas, Milza). Apparato urinario. Anatomia descrittiva e funzionale di : Reni, Pelvi, Ureteri, Vescica, Uretra maschile e femminile. Apparato genitale. MASCHILE - Anatomia descrittiva e funzionale di Testicoli, Prostata e Pene. FEMMINILE - Anatomia descrittiva e funzionale di Ovaia, Utero, Vagina. Sistema endocrino. Anatomia descrittiva e funzionale di : Ipofisi, Tiroide, Paratiroide, Pancreas Endocrino, Ghiandole Surrenali e Gonadi. Sistema nervoso. SISTEMA NERVOSO CENTRALE – Anatomia descrittiva e funzionale di Midollo Spinale, Tronco encefalico, Cervelletto, Diencefalo, Telencefalo e Nuclei della Base. SISTEMA NERVOSO PERIFERICO - Correlazioni funzionali del sistema simpatico e parasimpatico, nomenclatura e significato dei Nervi Cranici. ORGANI DI SENSO - Occhio ed Orecchio.
Testi di riferimentoAnatomia Umana – Saladin Casa Editrice Piccin Principi di Anatomia e Fisiologia – Tortora et al. Casa Editrice Ambrosiana
Obiettivi formativiIl modulo intende fornire agli studenti una conoscenza teorica dell’Anatomia Umana microscopica e macroscopica con particolare riferimento ai distretti anatomici di maggior rilevanza per la pratica clinica e per la patologia umana.
PrerequisitiAl termine del modulo lo studente dovrà essere in grado di conoscere l’organizzazione micro e macroscopica degli organi, apparati e sistemi del corpo umano, comprendere la relazione tra struttura e funzione degli stessi, avere una buona conoscenza dei problemi clinici che queste strutture possono presentare e comunicare le proprie conoscenze utilizzando una corretta terminologia scientifica ed anatomica.
Metodi didatticiPresentazioni in formato MS-Power Point, CD-ROM interattivi e siti internet didattici.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL'esame si compone di una prova scritta con domande a scelta multipla su argomenti come da programma, eventualmente integrato da una o più domande orali. Lo studente dovrà dimostrare di aver assimilato le nozioni di base presentate dal corso e di esprimersi utilizzando la terminologia adeguata.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoISTOLOGIA
CodiceBT012
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoFOLLENZI Antonia
DocentiFOLLENZI Antonia
CFU1
Ore di lezione15
Ore di studio individuale15
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)BIO/17 - ISTOLOGIA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Categoria insegnamentoA - Base
Anno1
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Insegnamento mutuante inINFERMIERISTICA PEDIATRICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE PEDIATRICO) (1844) - BT012 ISTOLOGIA - NOVARA
OSTETRICIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI OSTETRICA/O) (1845) - BT012 ISTOLOGIA - NOVARA
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoTirocinio I anno
CodiceMS0117
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2016/2017
Corso di studio1843 - INFERMIERISTICA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI INFERMIERE)
CurriculumCORSO GENERICO
CFU21
Ore di studio individuale42
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno1
PeriodoAnnuale
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiIl programma di tirocinio si articola in 2/3 stages valutativi presso strutture di base mediche e chirurgiche, strutture specialistiche mediche e chirurgiche, strutture territoriali.
Testi di riferimentoTesti di riferimento. Bibliografia obbligatoria - L. Saiani - A. Brugnolli. Trattato di cure infermieristiche. Editore Edizioni Sorbona di Idelson Gnocchi, II edizione - 2013. - AA. VV. Accertamento Clinico. Guida metodologica illustrata per i professionisti della salute. CEA Editore, 2012. - L. J. Carpenito-Moyet: Diagnosi Infermieristiche. Applicazione alla pratica clinica, , CEA, V^ edizione, - A. Santullo; Le Scale di Valutazione in Sanità; McGraw-Hill; Milano 2008. 2010. Oltre ai testi indicati sono di riferimento anche quelli adottati nella bibliografia degli insegnamenti di Metodologia clinica e gli insegnamenti di Infermieristica del primo anno. Bibliografia di approfondimento: - S. Smith – D. Duell – Martin. Infermieristica Clinica. Abilità di base e avanzate, Editore Edizioni Sorbona di IdelsonGnocchi, 2008.
Obiettivi formativiLo studente a conclusione del I anno di corso deve essere in grado di: - effettuare l'esame obiettivo per apparati e l’accertamento alla persona in relazione alle attività e conoscenze teoriche previste nelle discipline del primo anno di corso; - rilevare, raccogliere ed organizzare i dati infermieristici utilizzando la cartella didattica unica; - identificare, compatibilmente alle competenze acquisite nel primo anno di corso, i problemi di salute della persona assistita e della collettività; - codificare i problemi infermieristici con la tassonomia specifico-professionale; - formulare i relativi obiettivi assistenziali; - pianificare, in relazione alle diagnosi infermieristiche prioritarie individuate ed agli obiettivi assistenziali formulati, gli interventi assistenziali appropriati; - conoscere ed applicare i principali riferimenti normativi e deontologici della professione infermieristica; - orientare o potenziare la competenza relazionale nell’ambito dell’assistenza infermieristica; - conoscere ed utilizzare i principali supporti informatici in uso nelle strutture sedi di tirocinio; - accettare, accogliere e dimettere la persona assistita secondo i diversi regimi di ricovero nelle strutture sedi di tirocinio.
PrerequisitiLo studente dovrà esplicitare i contenuti applicativi delle seguenti norme: - D.M. 739/94; - Legge 42/1999; - Legge 251/2000; - Legge 43/2006; - Il Codice Deontologico approvato dalla Federazione IPASVI nel 2009. Lo studente dovrà dimostrare di possedere le seguenti competenze relativamente alla prevenzione delle infezioni correlate all’assistenza: - lavaggio delle mani sociale, antisettico e chirurgico; - smaltimento dei rifiuti ospedalieri; - sanificazione dell’unità paziente; - gestione igienico-sanitaria dell'ambiente; - trattamento del materiale sanitario da sottoporre/sottoposto a sterilizzazione (decontaminazione, lavaggio, disinfezione, confezionamento e stoccaggio); - preparazione e mantenimento di un campo sterile; - principi generali nell’esecuzione di una medicazione; - utilizzo dei DPI; - procedure da attuare in caso di contatto con liquidi biologici (legge 81/2008); - precauzioni standard e procedure di isolamento. Lo studente dovrà dimostrare di possedere le seguenti competenze relativamente all’attività di vita quotidiana: - igiene completa della persona (igiene occhi, naso, orecchie, capelli; taglio della barba, igiene perineale e perianale maschile e femminile, cure igieniche dei genitali, cura delle estremità e delle unghie, cura del cavo orale); - mantenimento dell’integrità della cute/mucose: valutazione e prevenzione del rischio di lesione da pressione; - classificazione delle lesioni da pressione e relativi trattamenti preventivi; - misure antropometriche ( peso, altezza e BMI); - assistenza al pasto nella persona a bassa complessità assistenziale; - rifacimento letto vuoto/ occupato con tipologia di paziente semplice/complesso; - le tecniche/ i presidi di aiuto alla persona nella mobilizzazione/deambulazione; - la mobilizzazione attiva/passiva ed il posizionamento del paziente a letto, in carrozzina, in barella; - posture specifiche in relazione alle necessità assistenziali della persona; - assistenza durante il trasporto della persona; - le scale di valutazione del dolore, dell’attività di vita quotidiana, del rischio di caduta. Lo studente dovrà dimostrare di possedere le seguenti competenze relativamente all’eliminazione: - utilizzo degli ausili all’incontinenza urinaria e fecale; - valutazione delle caratteristiche organolettiche dei prodotti dell’eliminazione; - misurazione e valutazione della diuresi, dell’eliminazione intestinale, della sudorazione, dell’espettorato e del vomito. Lo studente dovrà dimostrare di possedere le seguenti competenze relativamente al sostegno delle funzioni vitali: - misurazione e valutazione dei parametri cardiocircolatori e respiratori di base (pressione arteriosa, frequenza respiratoria, frequenza cardiaca, temperatura corporea e pulsossimetria); Lo studente dovrà dimostrare di possedere le seguenti competenze relativamente ai percorsi diagnostici di base: - prelievo di sangue venoso e capillare; - raccolta (con esclusione di urine da cateterismo estemporaneo), conservazione e modalità di trasporto di materiale biologico al fine di esecuzione di esame chimico/fisico, colturale e cito/istologico; - esecuzione e valutazione dell'esame delle urine con striscia reattiva; - determinazione della glicemia con glucometro su prelievo di sangue capillare; - esecuzione elettrocardiogramma a 12 derivazioni. Lo studente sarà in grado di applicare conoscenze ed abilità relazionali con la persona assistita, famiglia /collettività, membri dell’equipe sanitaria. Lo studente dovrà dimostrare di possedere le seguenti competenze relativamente al percorso di fine vita: - assistenza alla persona morente ed ai famigliari con attenzione alle loro credenze, valori e pratiche culturali; - preparazione della salma.
Metodi didatticiLibretto curriculare, cartella didattica unica, scheda di valutazione del tirocinio, modulistica certificativa delle presenze dello studente
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa prova finale sarà strutturata in due momenti: - una prova scritta a quiz; - una prova orale e/o pratica. Per accedere alla prova scritta la media delle valutazioni delle esperienze di tirocinio deve essere uguale o superario a 18/30. Solo se la prova scritta è sufficiente lo Studente può accedere alla prova orale/pratica. Il voto finale è il risultato della media tra: - media dei voti di tirocinio; - prova scritta - prova orale/pratica. Tutte le prove devono avere un giudizio positivo. Per la sede di Biella il voto dell’esame di tirocinio sarà determinato da: - 60% valutazioni formative di tirocinio (nuova scheda di valutazione) - 40% prova finale. Per la sede di Alessandria la prova finale sarà strutturata in 2 momenti: - un colloquio (che verterà sugli obiettivi di apprendimento pianificati e i livelli di performance raggiunti durante i due stages svolti) - una prova pratica/simulativa Tutti gli studenti che hanno frequentato il monte orario di tirocinio previsto dal piano didattico potranno accedere alla prova finale. Il voto finale è il risultato della media tra il colloquio e la prova pratica.
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoADO II ANNO
CodiceMS0409
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
CFU2
Ore di studio individuale32
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoD - A scelta dallo studente
Anno2
PeriodoAnnuale
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoInfermieristica basata sulle prove di efficacia
CodiceMS0268
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoDAL MOLIN Alberto
DocentiABELLI Gianfranco, FAGGIANO Fabrizio, DAL MOLIN Alberto, MASTINU Alessandro Etrusco, QUARTA Denis, SAGLIETTI Andrea
CFU6
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
MC013 INFORMATICA INF/01 - INFORMATICA ABELLI Gianfranco
MS0175 Epidemiologia ed EBP MED/42 - IGIENE GENERALE E APPLICATA FAGGIANO Fabrizio
MS0208 Metodologia della ricerca infermieristica ed EBN MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE DAL MOLIN Alberto
MS0250 Statistica sanitaria MED/01 - STATISTICA MEDICA MASTINU Alessandro Etrusco, QUARTA Denis, SAGLIETTI Andrea, ABELLI Gianfranco
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoINFORMATICA
CodiceMC013
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiABELLI Gianfranco
CFU2
Ore di lezione24
Ore di studio individuale36
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)INF/01 - INFORMATICA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiConcetti di base Informatica/ dati e informazioni Definizione di informatica e computer. La codifica dei dati: il codice binario. Definizione di hardware e software. Definizione di file e programma. Le architetture Hardware / Software Hardware e software. Tipi di computer Classi di computer: mainframe computer, minicomputer, personal computer, laptop computer. Componenti di base di un personal computer Unità centrale di elaborazione (CPU), hard disk, i più comuni dispositivi di input/output, i tipi di memoria, i supporti rimovibili come dischetti, CD-ROM . Hardware Unità centrale di elaborazione L'unità centrale di elaborazione (CPU) e le sue funzioni: calcolo, controllo logico, gestione della memoria. Dispositivi di input Dispositivi usati per inserire dati: mouse, tastiera, trackball, scanner, touchpad, joystick ... Dispositivi di output Dispositivi utilizzati per mostrare i risultati delle elaborazioni del computer: monitor, stampanti, plotter. Dispositivi di memoria Memoria di massa I tipi di memoria di massa. Memoria centrale Le tipologie di memoria centrale, RAM (Random-Access Memory), ROM (Read-Only Memory). Capacità della memoria Unità di misura della memoria (bit, byte, KB, MB, GB, TB). Il software Tipi di software Software di sistema e software applicativo. Il sistema operativo Le funzioni principali del sistema operativo. Il sistema operativo Descrizione e utilizzo del sistema operativo Windows. I software applicativi Fondamenti di MS-Word. Fondamenti di MS-Power Point. Fondamenti di MS-Excel. Tutela della salute L’ergonomia nel lavoro al computer.
Testi di riferimento- “Informatica di base” di N. Renzoni, A. Guidi; Apogeo, 2004 - “Informatica di base” di D. P. Curtin, K. Foley; McGraw-Hill, 2008 - Sitografia consigliata a lezione
Obiettivi formativiGli obiettivi di questo corso sono l’insegnamento dell’informatica di base per quanto riguarda i vari tipi di computer, il funzionamento del PC, le componenti hardware, le periferiche di input-output, il sistema operativo e le componenti software maggiormente utili nell’ambito professionale sanitario. Per quanto consentito dagli argomenti trattati, l’insegnamento sarà impostato in modo da stimolare il ragionamento e la capacità di deduzione dello studente.
PrerequisitiAl termine del corso gli studenti dovranno conoscere gli argomenti principali dell’informatica di base e sapere utilizzare il PC soprattutto per quanto riguarda il sistema operativo e le applicazioni più comuni
Metodi didatticiPresentazioni di diapositive su schermo in formato Power Point.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame prevede una prova scritta con domande a scelta multipla riguardanti tutti gli argomenti del corso.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoEpidemiologia ed EBP
CodiceMS0175
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiFAGGIANO Fabrizio
CFU1
Ore di lezione14
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/42 - IGIENE GENERALE E APPLICATA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoA - Base
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
Insegnamento mutuante inOstetricia (abilitante alla professione sanitaria di Ostetrica/o) (1845) - MS0175 Epidemiologia ed EBP - NOVARA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoMetodologia della ricerca infermieristica ed EBN
CodiceMS0208
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoDAL MOLIN Alberto
DocentiDAL MOLIN Alberto
CFU2
Ore di lezione24
Ore di studio individuale36
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiConcetti sulla pratica infermieristica basata sulle prove di efficacia
Testi di riferimentoDenise F. Polit, Cheryl Tatano Beck – Fondamenti di Ricerca Infermieristica. Ed. Mc Graw Hill, Milano 2014. Edizione Italiana a cura di Alvisa Palese
Obiettivi formativiAl termine del corso lo studente sarà in grado di riconoscere i principali disegni di ricerca e praticare l'evidence based practice
PrerequisitiInglese ed elementi di statistica
Metodi didatticiPresentazione di materiale in Power Point
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame finale: prova scritta con domande a risposta multipla
Programma estesoIntroduzione alla ricerca infermieristica Fondamenti della pratica infermieristica basata sulle prove di efficacia Ritrovare e revisionare le evidenze di ricerca in letteratura Concetti e fasi essenziali nella ricerca qualitativa e quantitativa Leggere e recensire gli articoli di ricerca Rigore e interpretazione nella ricerca quantitativa Principi etici nella ricerca Problemi, quesiti e ipotesi di ricerca I disegni di ricerca quantitativi Il campionamento e la raccolta dei dati Principi di misurazione - Cenni sull’affidabilità e validità La ricerca fenomenologica - Caratteristica della ricerca fenomenologica
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoStatistica sanitaria
CodiceMS0250
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiMASTINU Alessandro Etrusco, QUARTA Denis, SAGLIETTI Andrea, ABELLI Gianfranco
CFU1
Ore di lezione14
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/01 - STATISTICA MEDICA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoA - Base
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Sedi e/o partizioni
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoInfermieristica clinica in area chirurgica
CodiceMS0196
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoPAVANI Moreno
DocentiOLDANI Alberto, TIBALDI Livio, PERINOTTI Roberto, RENA Ottavio, CARRIERO Alessandro, DEPAOLI Daniela, PAVANI Moreno, ZAVATTARO Irene, LONGO Roberto, MOSCATIELLO Mimma, QUAGLIA Marco, ALUFFI VALLETTI Paolo, VOLPE Alessandro
CFU9
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
SedeALBA
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
MC099 CHIRURGIA GENERALE MED/18 - CHIRURGIA GENERALE OLDANI Alberto, TIBALDI Livio, PERINOTTI Roberto, RENA Ottavio
MS0172 Diagnostica per immagini MED/36 - DIAGNOSTICA PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA CARRIERO Alessandro
MS0194 Infermieristica clinica chirurgica MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE DEPAOLI Daniela, PAVANI Moreno, ZAVATTARO Irene, LONGO Roberto, MOSCATIELLO Mimma
MS0210 Nefrologia e dialisi MED/14 - NEFROLOGIA QUAGLIA Marco
MS0221 Otorinolaringoiatria MED/31 - OTORINOLARINGOIATRIA ALUFFI VALLETTI Paolo
MC101 UROLOGIA MED/24 - UROLOGIA VOLPE Alessandro
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoCHIRURGIA GENERALE
CodiceMC099
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiOLDANI Alberto, TIBALDI Livio, PERINOTTI Roberto, RENA Ottavio
CFU2
Ore di lezione28
Ore di studio individuale32
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/18 - CHIRURGIA GENERALE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoA - Base
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
SedeALBA
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Sedi e/o partizioni
ALBA
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoCHIRURGIA GENERALE
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiTIBALDI Livio
Anno2
SedeALBA
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiIl processo di guarigione delle ferite. L’assistenza post-operatoria:il bilancio idro-elettrolitico, la nutrizione post-operatoria, le principali complicanze, la gestione del drenaggio chirurgico, la gestione della stomia. Principi di fisiopatologia chirurgica e terapia di: Tiroide, paratiroide, surrene, mammella Esofago e diaframma (patologia benigna, funzionale e maligna) Stomaco, intestino tenue e colon/retto (patologia benigna e maligna) Fegato vie biliari, pancreas, milza (patologia benigna e maligna, trauma) Principi di proctologia Addome acuto e sindrome compartimentale addominale Parete addominale ed ernie Cenni alle principali patologie chirurgiche del torace e del sistema vascolare Cenni sui principali approcci chirurgici di chirurgia bariatrica
Testi di riferimentoChirurgia per le professioni sanitarie Mario Lise (Piccin)
Obiettivi formativiIl modulo ha l’obiettivo di introdurre lo studente ai principi basilari della assistenza al paziente chirurgico
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso delle indispensabili nozioni di Anatomia, Fisiologia e Biochimica
Metodi didatticiPresentazione in formato powerpoint, cd-rom interattivi e siti internet didattici
Modalità di verifica dell'apprendimentoQuiz a risposta multipla
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoDiagnostica per immagini
CodiceMS0172
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiCARRIERO Alessandro
CFU1
Ore di lezione14
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/36 - DIAGNOSTICA PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoInfermieristica clinica chirurgica
CodiceMS0194
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiDEPAOLI Daniela, PAVANI Moreno, ZAVATTARO Irene, LONGO Roberto, MOSCATIELLO Mimma
CFU3
Ore di lezione36
Ore di studio individuale54
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Sedi e/o partizioni
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoNefrologia e dialisi
CodiceMS0210
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiQUAGLIA Marco
CFU1
Ore di lezione16
Ore di studio individuale14
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/14 - NEFROLOGIA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoOtorinolaringoiatria
CodiceMS0221
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiALUFFI VALLETTI Paolo
CFU1
Ore di lezione16
Ore di studio individuale14
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/31 - OTORINOLARINGOIATRIA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoUROLOGIA
CodiceMC101
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiVOLPE Alessandro
CFU1
Ore di lezione16
Ore di studio individuale14
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/24 - UROLOGIA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoInfermieristica clinica in area medica
CodiceMS0273
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoMOSCATIELLO Mimma
DocentiDE LUCA Giuseppe, GENTILE Luigi, AIMARETTI Gianluca, OLEANDRI Salvatore, MARZULLO Paolo, SAGLIETTI Giuseppe, COLANGELO Donato, COSTA Daniela, ZAVAGLIO Andreina, BERGUI Annamaria, CLARI Marco, MOSCATIELLO Mimma, AVANZI Gian Carlo
CFU9
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
MC046 CARDIOLOGIA MED/11 - MALATTIE DELL'APPARATO CARDIOVASCOLARE DE LUCA Giuseppe
MC060 ENDOCRINOLOGIA MED/13 - ENDOCRINOLOGIA GENTILE Luigi, AIMARETTI Gianluca, OLEANDRI Salvatore, MARZULLO Paolo, SAGLIETTI Giuseppe
MS0178 Farmacologia clinica BIO/14 - FARMACOLOGIA COLANGELO Donato
MS0198 Infermieristica clinica medica MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE COSTA Daniela, ZAVAGLIO Andreina, BERGUI Annamaria, CLARI Marco, MOSCATIELLO Mimma
MC103 MEDICINA INTERNA MED/09 - MEDICINA INTERNA AVANZI Gian Carlo
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoCARDIOLOGIA
CodiceMC046
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiDE LUCA Giuseppe
CFU1
Ore di lezione16
Ore di studio individuale14
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/11 - MALATTIE DELL'APPARATO CARDIOVASCOLARE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoENDOCRINOLOGIA
CodiceMC060
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiGENTILE Luigi, AIMARETTI Gianluca, OLEANDRI Salvatore, MARZULLO Paolo, SAGLIETTI Giuseppe
CFU1
Ore di lezione14
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/13 - ENDOCRINOLOGIA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Sedi e/o partizioni
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoFarmacologia clinica
CodiceMS0178
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoCOLANGELO Donato
DocentiCOLANGELO Donato
CFU2
Ore di lezione28
Ore di studio individuale32
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)BIO/14 - FARMACOLOGIA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiLo studio delle principali classi di farmaci sarà condotto per apparato e per patologia evidenziando le caratteristiche peculiari e le modalità di utilizzo clinico di ogni classe.
Testi di riferimento- Farmacologia generale e speciale per lauree sanitarie (Cella, Di Giulio, Gorio, Scaglione), Piccin, 2010. - Fondamenti di Farmacologia per Infermieri (Clayton, Stock; a cura di Preziosi). EdiSes, 2007. - Compendio di farmacologia generale e speciale (M. Amico-Roxas, AP. Caputi, M. Del Tacca), UTET, 2005. - Farmacologia: principi di base e applicazioni terapeutiche, a cura di F. Rossi, V. Cuomo, C. Riccardi, Edizioni Minerva Medica
Obiettivi formativiObiettivo principale quello di consentire l’apprendimento dei principali gruppi di farmaci, con particolare riferimento alle modalità della loro somministrazione nelle patologie più comuni. Lo studente dovrà acquisire una adeguata conoscenza dei meccanismi di azione e della cinetica dei principali gruppi di farmaci, nonché del rapporto tra effetti desiderati ed indesiderati e dovrà essere in grado di riconoscere gli eventuali Il modulo di Farmacologia Clinica, inserito nel Corso Integrato di Infermieristica Clinica in area medica, ha effetti nocivi (acuti e cronici) di farmaci. Lo studente dovrà inoltre acquisire la convinzione che una corretta terapia farmacologica è soggetta a costante revisione critica, sia per l’introduzione in terapia di nuovi farmaci che per l’evidenziarsi di eventuali nuovi effetti indesiderati.
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso delle indispensabili nozioni di Anatomia, Fisiologia, Biochimica, Patologia Generale e Fisiopatologia.
Metodi didatticiPresentazioni in formato Power Point a cura del docente, CD-ROM interattivi, siti Internet didattici. Le presentazioni sono a disposizione degli studenti sul sito a partire dall’inizio del Corso.
Altre informazioniIl docente riceve solitamente il martedì dalle 14 alle 18. E' gradito appuntamento via mail.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa verifica sarà fatta attraverso un esame scritto a risposta multipla in cui verrà valutata la capacità di decisione, di ragionamento diagnostico e di valutazione delle competenze acquisite durante l’intero corso integrato di inf.ca clinica medica. I quesiti vengono costruiti partendo da una vignetta clinico-assistenziale. L'esame include le conoscenze acquisite con la UAF di Farmacologia
Programma estesoI farmaci di ogni singola classe saranno valutati comparativamente, con particolare attenzione alle caratteristiche farmacocinetiche di ognuno. • Principi di Farmacocinetica: vie di somministrazione, assorbimento, distribuzione, metabolismo, eliminazione dei farmaci. Parametri di farmacocinetica; interazione tra farmaci. • Meccanismi di azione dei farmaci: agonisti, antagonisti, agonisti/parziali. Agonisti ed antagonisti adrenergici e colinergici e altri farmaci che interferiscono con la neurotrasmissione adrenergica e colinergica. • Farmaci del SNC: ansiolitici, ipnotici, antipsicotici, antiepilettici, antidepressivi, farmaci per il trattamento del morbo di Parkinson. • Farmaci del sistema respiratorio: broncodilatatori, antitosse, terapia dell’asma bronchiale
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoInfermieristica clinica medica
CodiceMS0198
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiCOSTA Daniela, ZAVAGLIO Andreina, BERGUI Annamaria, CLARI Marco, MOSCATIELLO Mimma
CFU3
Ore di lezione36
Ore di studio individuale54
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Sedi e/o partizioni
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoMEDICINA INTERNA
CodiceMC103
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiAVANZI Gian Carlo
CFU2
Ore di lezione28
Ore di studio individuale32
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/09 - MEDICINA INTERNA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiGli strumenti del medico: Anamnesi ed esame obiettivo, esami di laboratorio e strumentali, la cartella clinica. Il metodo per fare diagnosi: semeiotica e metodologia clinica. La relazione tra medico-infermiere-paziente. Si parte dal sintomo, per arrivare alla diagnosi. I sintomi e segni più comuni e loro fisiopatologia e le malattie più comuni correlate: - dispnea e cianosi: la BPCO, lo scompenso cardiaco, ipertensione arteriosa - il dolore, il dolore toracico: embolia polmonare - petecchie, ecchimosi ed ematomi, emorragie, trombosi: TVP-embolia, fibrillazione atriale, uso dei farmaci anticoagulanti e loro monitoraggio - febbre: tubercolosi, epatite virale, infezione da HIV, infezione delle vie urinarie, polmonite, - vomito, diarrea, stipsi: IBD, gastroenteriti acute, occlusione e sub-occlusione intestinale - ematemesi-melena, rettorragia ed ematochezia: l’ulcera peptica, la diverticolosi, le emorroidi - ittero, edemi, ascite: la cirrosi epatica, la pancreatite - pallore: anemia in medicina interna - dolore articolare: osteoartrosi, l’artrite reumatoide, le cadute dell’anziano
Testi di riferimentoMedicina Interna 4/ed. [Massini – McGraw-Hill] di Massini Renato, Izzi Donatello, Marchetti Patrizia, Passaretti Francesca, Recine Umberto ean: 9788838636660 | MCGRAW-HILL | 2009 - Medicina interna per scienze infermieristiche [Antonelli Incalzi - Piccin Editore] di Antonelli Incalzi Raffaele ean: 9788829921140 | PICCIN EDITORE | 2012 Accessmedicine.com: Pathophysiology of Disease, Lange.
Obiettivi formativiApprendere l’epidemiologia ed i principi di prevenzione delle condizioni morbose legate alla patologia internistica; apprendere la classificazione e descrizione sistematica delle malattie internisti che più impostanti, dalla loro
PrerequisitiConoscenza dei meccanismi di adattamento alla malattia e comprensione dei sintomi e dei segni clinici più importanti e comuni in relazione al processo fisiopatologico che li genera. Abilità nella raccolta di elementi di valutazione clinica del paziente quali l'anamnesi e l'esame obiettivo. capacità di conoscere le più comuni malattie di interesse internistico, inoltre verranno presi in esame alcuni segni e sintomi principali
Metodi didatticiLezioni Frontali
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame finale a quiz con risposta multipla
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoInfermieristica clinica in area onco-ematologica
CodiceMS0274
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoILARI Federica
DocentiBOLDORINI Renzo Luciano, DI RUSCIO Annalisa, PERTINO Antonella, AULETTA Gaetano, MANNA Gianluca, ILARI Federica, CAGGIANO Paola, GALETTO Alessandra Silvia, DEANTONIO Letizia
CFU6
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
BM002 ANATOMIA PATOLOGICA MED/08 - ANATOMIA PATOLOGICA BOLDORINI Renzo Luciano
MC059 EMATOLOGIA MED/15 - MALATTIE DEL SANGUE DI RUSCIO Annalisa
MS0199 Infermieristica clinica onco-ematologica MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE PERTINO Antonella, AULETTA Gaetano, MANNA Gianluca, ILARI Federica, CAGGIANO Paola
MC076 ONCOLOGIA MEDICA MED/06 - ONCOLOGIA MEDICA GALETTO Alessandra Silvia
MS0235 Radioterapia e Radioprotezione MED/36 - DIAGNOSTICA PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA DEANTONIO Letizia
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoANATOMIA PATOLOGICA
CodiceBM002
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiBOLDORINI Renzo Luciano
CFU1
Ore di lezione14
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/08 - ANATOMIA PATOLOGICA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiApproccio anatomo-patologico alle patologie tumorali ed infiammatorie croniche, corretto invio dei materiali biologici, esame intraoperatorio, esame autoptico.
Testi di riferimentoKumar, Abbas, Fausto, Robbins and Cotran. Pathologic Basis of Disease. VII Ed. Elsevier, 2005-09-07
Obiettivi formativiFornire allo studente le principali nozioni anatomo-patologiche nel campo delle patologie neoplastiche ed infiammatorie croniche più frequenti ed in particolare si richiede allo studente di comprendere il significato di alcune procedure diagnostiche quali l’esame intraoperatorio, il riscontro autoptico e i principi di conservazione dei tessuto (fissazione con mezzi chimici, fisici).
PrerequisitiNozioni di anatomia umana normale.
Metodi didatticiPresentazioni in formato power-point, CD-ROM interattivi e siti internet didattici.
Modalità di verifica dell'apprendimentoDomande a risposta multipla.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoEMATOLOGIA
CodiceMC059
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiDI RUSCIO Annalisa
CFU1
Ore di lezione14
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/15 - MALATTIE DEL SANGUE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiA. Parte generale • Fisiopatologia della emolinfopoiesi • Il trapianto di midollo osseo ed il trapianto di cellule staminali emopoietiche • Fisiopatologia della insufficienza midollare B. Malattie del globulo rosso • Definizione, fisiopatologia e classificazione delle anemie • Anemie da alterata sintesi di emoglobina (anemia sideropenica, anemia da malattia cronica, talassemie) • Emoglobinopatie • Anemie da alterata sintesi del DNA (anemie da carenza di folati e vitamina B12) • Anemie emolitiche da causa intra- ed extra-eritrocitaria C. Oncoematologia • La classificazione WHO delle emopatie maligne • Leucemie acute mieloidi e linfoidi • Sindromi mieloproliferative croniche • Sindromi mielodisplastiche • Neoplasie delle cellule linfoidi mature (linfoma di Hodgkin, linfomi non-Hodgkin, gammopatie monoclonali, leucemia linfatica cronica, hairy cell leukemia) D. Disordini dell'emostasi e della coagulazione • Fisiopatologia della emostasi • Coagulopatie ereditarie (emofilie e malattia di vonWillebrand) • CID e microangiopatie trombotiche • Il monitoraggio del paziente in corso di terapia anticoagulante • Trombofilie ereditarie ed acquisite • Piastrinopenie immunologiche e non immunologiche E. Medicina trasfusionale • La raccolta del sangue • Test pretrasfusionali • Prodotti ematici • Complicanze • Emaferesi terapeutica
Testi di riferimentoG. Castoldi, V. Liso. core curriculum Ematologia. Seconda edizione. Mc Graw Hill Education, (Italy), S.r.l. 2014
Obiettivi formativiSono obiettivi del modulo: 1. Conoscere la eziologia, la fisiopatologia, la diagnostica delle principali malattie del sangue e del sistema emolinfopoietico 2. Conoscere le principali manifestazioni cliniche, la prognosi ed alcuni cenni terapeutici delle principali malattie del sangue e del sistema emolinfopoietico
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso delle indispensabili nozioni di Anatomia, Biochimica, Immunologia, Patologia Generale, e Semeiotica.
Metodi didatticiPresentazioni in formato MS-Power Point, siti internet didattici
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa verifica dell’apprendimento avverrà tramite prova scritta con quiz a scelta multipla. Lo studente dovrà dimostrare di aver assimilato le nozioni di base della Ematologia, apprese durante le lezioni, in maniera adeguata ad affrontare con efficacia i successivi corsi e le principali problematiche ematologiche della più comune pratica infermieristica.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoInfermieristica clinica onco-ematologica
CodiceMS0199
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiPERTINO Antonella, AULETTA Gaetano, MANNA Gianluca, ILARI Federica, CAGGIANO Paola
CFU2
Ore di lezione28
Ore di studio individuale32
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Sedi e/o partizioni
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoONCOLOGIA MEDICA
CodiceMC076
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiGALETTO Alessandra Silvia
CFU1
Ore di lezione14
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/06 - ONCOLOGIA MEDICA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiFondamenti di epidemiologia ed eziopatogenesi dei tumori; le mutazioni, gli agenti cancerogeni, l’ambiente. La stadiazione dei tumori. Le principali primitività tumorali. Trattamenti antineoplastici ed effetti collaterali ad essi correlati. La gestione del malato oncologico in fase avanzata di malattia, la terapia di supporto. Il dolore da cancro. La terapia palliativa.
Testi di riferimentoIl programma d’esame è interamente presentato nel corso delle lezioni e dettagliatamente proposto mediante le presentazioni in Power Point Testo consigliato per l'approfondimento: Campanelli I., Canepa M., Bettini B., Viale M. Oncologia e Cure Palliative. Associazione infermieri di Oncologia, Mc Graw-Hill
Obiettivi formativiConoscenza di: • Tumori più frequenti e relativi fattori di rischio; • Relazione tra tumori e stili di vita, dieta, ambiente ed eventuale esposizione lavorativa; • Storia naturale dei tumori più frequenti (relativa alle neoplasie comprese nel programma delle lezioni); • Principi generali per la diagnosi e la stadiazione in ambito oncologico; • Fattori prognostici e principi di trattamento antitumorale; • Concetti generali per la valutazione del performance status del paziente oncologico; • Tossicità dei trattamenti antineoplastici; • Principi generali di cure palliative.
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso delle indispensabili nozioni di ordine biologico e patologico che consentano l’inquadramento clinico della materia
Metodi didatticiLezioni frontali/teledidattica. Presentazione in formato MS-Power Point.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame si compone di una prova scritta e di una orale. La valutazione effettuata con prova scritta si prefigge lo scopo di verificare il livello di conoscenza e di comprensione dei contenuti delle discipline trattate e si articola di 56 domande a risposta multipla riguardanti le discipline mediche, il superamento di tale prova (60% per disciplina) dà l’accesso all’esame orale di Infermieristica clinica onco-ematologica. La valutazione effettuata attraverso la prova orale, che si svolge dopo qualche giorno dall’effettuazione e superamento dello scritto, ha lo scopo di valutare l’autonomia di giudizio, la capacità di apprendimento, l’abilità comunicativa nell’esporre gli argomenti e nel fare le connessioni tra gli argomenti. Lo student deve essere in grado di utilizzare in modo autonomo il ragionamento diagnostico, utilizzando le conoscenze apprese e dimostrando di averle comprese affrontando una discussion approfondita su aspetti assistenziali peculiari al paziente oncologico.
Programma esteso- Epidemiologia, eziologia - Principi di biologia tumorale - Prevenzione primaria e secondaria - Diagnosi e Prognosi dei Tumori più frequenti (stadiazione, fattori prognostici, marcatori tumorali) - Storia naturale, sopravvivenza e risposta alla terapia dei tumori più frequenti  - Principi di terapia: approccio terapeutico integrato farmaci antitumorali tossicità e meccanismi di resistenza - Neoplasie della mammella - Neoplasie colo-rettali - Neoplasie del polmone - Metastasi cerebrali - Metastasi ossee e fratture patologiche  - Versamenti neoplastici - Aspetti peculiari di nursing oncologico: ipercalcemia, alterazioni idroelettrolitiche  - Principi di terapia antalgica e di cure palliative
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoRadioterapia e Radioprotezione
CodiceMS0235
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiDEANTONIO Letizia
CFU1
Ore di lezione14
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/36 - DIAGNOSTICA PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiCenni di storia della radioterapia. Principi di Radiobiologia: Fase fisica, fase chimica e fase biologica delle interazioni fra radiazioni e tessuti. Effetti diretto e indiretto delle radiazioni ionizzanti. Danno al DNA e meccanismi di riparazione. Unità di misura. Trasferimento lineare di energia ed efficacia biologica relativa. Danno cellulare e meccanismi di morte cellulare. Radiosensibilità. Curve di sopravvivenza cellulare. Frazionamento della dose in radioterapia. Principi di Radioprotezione: Fonti naturali e artificiali di esposizione. Irradiazione corporea totale. Effetti graduati delle radiazioni ionizzanti: precoci e tardivi. Effetti non-graduati delle radiazioni ionizzanti: oncogenesi, effetti ereditari. Effetti sul feto. Detrimento da radiazioni. Coefficiente nominale di rischio. Tecniche di radioterapia: Principali tecniche di radioterapia a fasci esterni con acceleratore lineare. Radioterapia stereotassica. Brachiterapia a basso, alto rateo di dose e rateo di dose pulsato. Radioterapia intraoperatoria. Simulazione, pianificazione dei trattamenti ed erogazione. Radioterapia clinica: Indicazioni alla radioterapia (esclusiva, preoperatoria, adiuvante, palliativa, urgenze) e relativi risultati. Storia naturale, stadiazione e trattamento dei tumori della mammella, dell’utero, del polmone, del retto e del canale anale, della prostata e del distretto cervico-cefalico con particolare riferimento alla radioterapia. Effetti avversi della radioterapia: tossicità precoce e tardiva, prevenzione e trattamento con particolare riguardo al ruolo dell’infermiere professionale.
Testi di riferimentoMEDICINA ONCOLOGICA. Gianni Bonadonna, Gioacchnino Robustelli. Ed. Masson, PRINCIPLES AND PRACTICE OF RADIATION ONCOLOGY. Carlos A. Perez, Luther W. Brady, Edward C. Halperin, Rupert K Schmidt-Ullrich. Ed. Lippincott Williams & Wilkins, Sixth Edition
Obiettivi formativiIl modulo ha l’obiettivo generale di fornire le nozioni essenziali sull’impiego delle radiazioni ionizzanti a scopo terapeutico nella cura dei tumori. In particolare viene curato l’apprendimento degli effetti delle radiazioni ionizzanti sugli organi e tessuti sani e sui tessuti tumorali. Vengono quindi fornite informazioni circa le indicazioni all’uso della radioterapia nonché delle principali tecniche di irradiazione e dei loro risultati. Particolare attenzione viene posta agli effetti collaterali del trattamento radiante e al ruolo della figura professionale di infermiere nella loro prevenzione e trattamento.
PrerequisitiLo studente deve conoscere le principali nozioni di fisica, biologia, fisiologia e patologia generale.
Metodi didatticiPresentazioni in formato MS-Power Point.
Altre informazioniricevimento studenti previo appuntamento via mail
Modalità di verifica dell'apprendimentoProva a quiz nell’ambito dell’esame del corso integrato di Metodologia Infermieristica applicata alla Medicina Specialistica 2. Le domande vertono sugli argomenti svolti nel corso. Gli studenti dovranno dimostrare di aver assimilato le nozioni fondamentali di radiobiologia, radioprotezione, tecniche di radioterapia, indicazioni della radioterapia, effetti collaterali e loro prevenzione e trattamento.
Programma estesoIl corso ha l’obiettivo generale di fornire le nozioni essenziali sull’impiego delle radiazioni ionizzanti a scopo terapeutico nella cura dei tumori. In particolare: Cenni di storia della radioterapia. Principi di Radiobiologia: Fase fisica, fase chimica e fase biologica delle interazioni fra radiazioni e tessuti. Effetti diretto e indiretto delle radiazioni ionizzanti. Danno al DNA e meccanismi di riparazione. Unità di misura. Trasferimento lineare di energia ed efficacia biologica relativa. Danno cellulare e meccanismi di morte cellulare. Radiosensibilità. Curve di sopravvivenza cellulare. Frazionamento della dose in radioterapia. Principi di Radioprotezione: Fonti naturali e artificiali di esposizione. Irradiazione corporea totale. Effetti graduati delle radiazioni ionizzanti: precoci e tardivi. Effetti non-graduati delle radiazioni ionizzanti: oncogenesi, effetti ereditari. Effetti sul feto. Detrimento da radiazioni. Coefficiente nominale di rischio. Tecniche di radioterapia: Principali tecniche di radioterapia a fasci esterni con acceleratore lineare (radioterapia conformazionale e stereo tassi). Brachiterapia a basso, alto rateo di dose e rateo di dose pulsato. Radioterapia intraoperatoria. Simulazione, pianificazione dei trattamenti ed erogazione. Indicazioni alla radioterapia (esclusiva, preoperatoria, adiuvante, palliativa, urgenze) e relativi risultati. Radioterapia clinica: Storia naturale, stadiazione e trattamento dei tumori della mammella, dell’utero, del polmone, del retto e del canale anale, della prostata e del distretto cervico-cefalico con particolare riferimento alla radioterapia. Effetti avversi della radioterapia: tossicità precoce e tardiva, prevenzione e trattamento con particolare riguardo al ruolo dell’infermiere professionale. Particolare attenzione viene posta alla figura dell'infermiere professionale dedicato alla radioterapia.
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoInfermieristica nella cronicità e disabilità
CodiceMS0281
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoQUARTAGNO Mariantonietta
DocentiALESSIO Angioletta, BERGAMASCO Paola, BERGUI Annamaria, BERTOZZI Alessandra, QUARTAGNO Mariantonietta, GARBAGNOLI Paolo, RICUPERO Cristina Rosa, COMI Cristoforo, SANTOLLI Stefania, PRODAM Flavia, BRACCO Alberta, ZULBERTI Bibiana, BUSSI Isabella
CFU6
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
MS0195 Infermieristica clinica della cronicità, disabilità e cure fine vita MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE ALESSIO Angioletta, BERGAMASCO Paola, BERGUI Annamaria, BERTOZZI Alessandra, QUARTAGNO Mariantonietta
MS0189 Geriatria MED/09 - MEDICINA INTERNA GARBAGNOLI Paolo
MC071 MEDICINA FISICA E RIABILITATIVA MED/34 - MEDICINA FISICA E RIABILITATIVA RICUPERO Cristina Rosa
MC073 NEUROLOGIA MED/26 - NEUROLOGIA COMI Cristoforo
MS0245 Scienze dietetiche MED/49 - SCIENZE TECNICHE DIETETICHE APPLICATE SANTOLLI Stefania, PRODAM Flavia, BRACCO Alberta, ZULBERTI Bibiana, BUSSI Isabella
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoInfermieristica clinica della cronicità, disabilità e cure fine vita
CodiceMS0195
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiALESSIO Angioletta, BERGAMASCO Paola, BERGUI Annamaria, BERTOZZI Alessandra, QUARTAGNO Mariantonietta
CFU2
Ore di lezione28
Ore di studio individuale32
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Sedi e/o partizioni
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoGeriatria
CodiceMS0189
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiGARBAGNOLI Paolo
CFU1
Ore di lezione14
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/09 - MEDICINA INTERNA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
Contenuti° Definizione e ambiti della disciplina. Approccio ai problemi geriatrici. Statistica e demografia. Problematiche dell'invecchiamento. Teorie patogenetiche. Biologia dell'invecchiamento. Omeostasi e omeostenosi. Perdita delle risposte adattive. Approccio al Paziente geriatrico. Anamnesi. Obiettività. Sintomatologia tipica e non. Valutazione MultiDimensionale. Strumenti utilizzati (ADL; IADL; MMSE; GDS; TINETTI; altro). Invecchiamento psichico e qualità della vita. 2° Nutrizione e invecchiamento. Stipsi. Incontinenza sfinterica (vescicale). Sindrome climaterica e menopausa (sintomi a breve, medio, lungo termine; rischio di osteoporosi; cenni di terapia). Attività fisica e invecchiamento. 3° Lesioni da pressione. Cause. Classificazione in stadi. Valutazione del rischio (scala di Norton; scala di Braden). Prevenzione e trattamento cute e annessi nell'anziano. Cadute e fratture. Cause, tipologia e fattori di rischio. Prevenzione e trattamento. Contenzione fisica. 4° Osteoporosi. Classificazione, cause e conseguenze. Artropatie infiammatorie e non. Osteoartrosi. Artrite reumatoide. Invecchiamento cerebrale. Morbo di Parkinson. 5° Patologia cerebrovascolare acuta e cronica. Demenze. Fattori di rischio e quadro clinico. Forme vascolari. Morbo di Alzheimer. Diagnosi differenziali. La depressione senile. Invecchiamento e longevità. Farmacoterapia nell'anziano. Eventi avversi da farmaci. 6° Gestione del dolore. Indici bioumorali e invecchiamento. Invecchiamento e tumori. Il cavo orale nell'anziano. Patologia visiva dell'anziano. Presbiopia. Cataratta. Glaucoma. Retinopatia. Degenerazione maculare. Anomalie dell'udito. Invecchiamento del sistema emopoietico. Sindromi mielodisplastiche. Leucemia linfatica cronica. Gammopatia monoclonale di incerto significato. Morbo di Waldenström. Aterosclerosi. Invecchiamento cardiovascolare. Ipertensione e ipotensione arteriosa. Fibrillazione atriale. 7° Scompenso cardiaco. Arteriopatia obliterante periferica. Invecchiamento dell'apparato gastroenterico. Invecchiamento del sistema endocrino. Ipotiroidismo. Diabete mellito. Invecchiamento dell'apparato respiratorio. Polmoniti. Invecchiamento muscolare. Invecchiamento renale. Ipertrofia prostatica. Infezioni urinarie. Strategie di riabilitazione. Nursing geriatrico. Progressione delle cure e continuità assistenziale.
Testi di riferimento• Geriatria. Fabrizio Fabris. Casa editrice Scientifica Internazionale, 2003. • Paziente Anziano Paziente Geriatrico - Medicina della Complessità Fondamenti di Gerontologia e Geriatria Senin - Cherubini - Mecocci Edizione: III / 2010 • Manuale di Gerontologia e Geriatria di Bosello Ottavio; Zamboni Mauro PICCIN EDITORE 2011 • Argomenti di geriatria - Manuale per le professioni sanitarie infermieristiche di Marci Massimo CESI 2011 • Manuale Merck di Geriatria on line: http://msd-italia.it/altre/geriatria/index_gen.html • L'assistenza all'anziano - Ospedale, territorio, domicilio di Mongardi Maria MCGRAW-HILL 2010 • Il nursing alla persona anziana - Demenze e malattia di parkinson: procedure, protocolli, linee guida di Prandelli C. CAROCCI 2004
Metodi didatticiPresentazioni in formato MS-Power Point, a cura del docente, con collegamento internet in dotazione in aula
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame consiste in un test a risposte multiple
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoMEDICINA FISICA E RIABILITATIVA
CodiceMC071
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiRICUPERO Cristina Rosa
CFU1
Ore di lezione14
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/34 - MEDICINA FISICA E RIABILITATIVA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiCenni di fisiopatologia e clinica delle malattie neurologiche e delle protesizzazioni degli arti inferiori. Riabilitazione.
Testi di riferimentoBasaglia N., Trattato di Medicina Riabilitativa. Medicina Fisica e Riabilitazione. Principi e Pratica, Idelson-Gnocchi, 2009.
Obiettivi formativiIl modulo ha l’obiettivo di permettere l’apprendimento dei principi base della Medicina Fisica e Riabilitativa e di fornire una conoscenza sulle modalità organizzative e di erogazione dei relativi servizi e sul lavoro in team interprofessionale. Esso si propone inoltre di delucidare le procedure valutative e terapeutiche di alcune patologie più frequentemente causa di disabilità e oggetto di intervento riabilitativo
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso delle indispensabili nozioni di anatomia, fisica, fisiologia, fisiopatologia e semeiotica clinica.
Metodi didatticiPresentazioni in formato MS-Power Point
Altre informazioniN/A
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame si compone di una prova scritta con domande a scelta multipla su argomenti di Medicina Fisica e Riabilitativa. Lo studente dovrà dimostrare di aver assimilato le nozioni di base della Medicina Fisica e Riabilitativa apprese durante le lezioni in maniera adeguata ad affrontare con efficacia ed efficienza la futura attività lavorativa
Programma estesoConcetto di menomazione, disabilità, handicap. Classificazioni OMS: ICIDH-1, ICIDH2 o ICF. Misura della menomazione: dolore, trofismo muscolare, forza muscolare, dinamometria, goniometria. Misura della disabilità: Barthel Index, test di mobilità globale, IADL ed EADL, FIM. Misura dell'handicap: PDQ-39. Definizione di riabilitazione, diagnosi riabilitativa, progetto e programma riabilitativo individuale, fasi dell'intervento riabilitativo. Stabilità clinica, screening riabilitativo, individuazione del setting riabilitativo più appropriato. Team professionale riabilitativo. Artrosi primaria e secondaria di anca. Protesizzazione elettiva con protesi totale di anca. Interventi di protesizzazione e di osteosintesi dopo fratture mediali e laterali dell'estremo prossimale del femore. Complicanze dell'intervento che possono condizionare il percorso riabilitativo. Progetto e programma riabilitativo individuale. Prevenzione della lussazione della protesi d'anca. Addestramento alla deambulazione e alla salita e discesa delle scale. Artrosi del ginocchio e protesi totale di ginocchio. Complicanze dopo l'intervento. Progetto e programma riabilitativo dopo protesizzazione di ginocchio. Recupero articolare passivo e attivo. Generalità sulle terapie fisiche. Termoterapia, modalità di trasferimento del calore e suoi effetti fisiologici. Livelli di evidenza scientifica di efficacia delle terapie fisiche. Ultrasuonoterapia. Laserterapia. Elettroterapia di stimolazione neuromuscolare ed antalgica. Amputazioni di arto inferiore. Tipi e cause di amputazione. Fase postoperatoria. Fase riabilitativa. Addestramento al cammino. Spasticità. Cause. Manifestazioni agli arti superiori e inferiori. Complicanze della spasticità. Cenni di terapia. Malattia di Parkinson. Cenni di fisiopatologia. Stadiazione di Hoehn-Yahr e implicazioni nella stesura del progetto riabilitativo. Disturbi dell'equilibrio e del cammino. Freezing. Cadute. Cueing. Cenni di riabilitazione del cammino. Consigli da dare al paziente per il cammino. Lesioni midollari. Epidemiologia e cause. Tipi di lesione spinale e meccanismi di instaurazione. Stabilità della colonna vertebrale. Classificazione neurologica della lesione spinale secondo l'American Spinal Injury Association (ASIA). Definizione di livello neurologico. Differenza tra deficit neurologico completo e incompleto. Cenni sulla classificazione di Frankel. Tetraplegia e paraplegia: prognosi. Complicanze delle lesioni spinali. Riabilitazione in fase acuta e riabilitazione intensiva in fase di stato. Gravi Cerebrolesioni Acquisite (GCA). Definizione di coscienza: vigilanza e consapevolezza. Coma e sue cause. Stato vegetativo. Morte cerebrale. Glasgow Coma Scale e gravità del coma. Indicatori di gravità della disabilità e fattori prognostici nelle GCA. Principali aree di intervento e obiettivi riabilitativi in fase postacuta. Indicazioni di comportamento con il paziente con disturbi della coscienza. Distrofia muscolare di Duchenne. Cenni di genetica. Distrofina. Diagnosi. Manovra di Gowers e disturbi della postura e del cammino. Segno di Trendelemburg. Approccio riabilitativo. Ictus cerebri. Cenni di epidemiologia, eziologia, fisiopatologia e conseguenze a livello della classificazione ICF. Spasticità. Linee guida italiane SPREAD. Valutazioni da fare in fase acuta. Neglect o eminattenzione. Scala MRC della misura della forza e Indice di Motricità. Scala di Rankin modificata. FIM. Indice delle attività di Frenchay. Alterazioni della postura: sinergia estensoria all'arto inferiore e flessoria all'arto superiore. Spalla dolorosa. Paresi e cammino. Test di mobilità globale. Rischio di caduta. Cenni di riabilitazione. Treadmill e robot nella riabilitazione del cammino. Sindrome di Guillain-Barré. Cenni di epidemiologia, eziologia, fisiopatologia, sintomi e segni. Aree funzionali coinvolte e progetto riabilitativo individuale riguardante l'area funzionale motoria. Attività di prevenzione dei danni secondari. Ausili per la comunicazione. Fisioterapia respiratoria. Fisioterapia in fase acuta. Preparazione alla stazione eretta. Addestramento al cammino. Sclerosi multipla. Sottotipi clinici. Principali sintomi e segni. Expanded Disability Status Scale (EDSS). Disabilità locomotoria. Esercizio terapeutico. Sclerosi Laterale Amiotrofica. Definizione. Clinica. Riabilitazione nelle varie fasi della malattia.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoNEUROLOGIA
CodiceMC073
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiCOMI Cristoforo
CFU1
Ore di lezione14
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/26 - NEUROLOGIA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiRichiami di anatomia e fisiologia del sistema nervoso centrale: lobi, nuclei, vie nervose, midollo spinale. Semeiotica: valutazione delle funzioni motorie e sensitive. Semeiotica: valutazione dei nervi cranici e della coordinazione. Semeiotica: valutazione del linguaggio e altre funzioni superiori. Esami strumentali in Neurologia (TC, RMN, angiografia cerebrale, EEG, EMG, potenziali evocati, ecodoppler vasi del collo). La rachicentesi. Vasculopatie cerebrali: epidemiologia, classificazione, sintomi. Vasculopatie cerebrali: eziopatogenesi, fattori di rischio. Vasculopatie cerebrali: prevenzione, terapia. Le epilessie: epidemiologia, classificazione, eziologia. Le epilessie: sintomi Le epilessie: assistenza, terapia. Il coma. La morte cerebrale. Le malattie degenerative del SNC: malattie extrapiramidali, demenze. La sclerosi multipla. Le malattie del sistema nervoso periferico e dei muscoli, la sindrome di Guillain-Barré. La gestione del paziente neurologico ambulatoriale: la cefalea.
Testi di riferimentoAppunti delle lezioni del docente. Libro: “NEUROLOGIA PER I CORSI DI LAUREA IN PROFESSIONI SANITARIE”. P. BERTORA. 2015. PICCIN.
Obiettivi formativiIl modulo ha l'obiettivo di permettere l'apprendimento delle principali patologie del sistema nervoso centrale e periferico. In particolare lo studente dovrà essere in grado di riconoscere e valutare i principali segni e sintomi neurologici e la disabilità da essi causata. Tale obiettivo sarà raggiunto a partire dai richiami anatomo-fisiologici, attraverso lo studio della semeiotica clinica e strumentale, e dei processi patologici causa delle principali patologie del sistema nervoso.
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso delle indispensabili nozioni di Anatomia e Fisiologia del Sistema Nervoso.
Metodi didatticiPresentazioni in formato MS-Power Point e siti internet didattici. Agli studenti viene consegnata copia digitale delle lezioni proiettate.
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame si compone di una prova scritta con domande a scelta multipla su argomenti di Neurologia.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoScienze dietetiche
CodiceMS0245
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiSANTOLLI Stefania, PRODAM Flavia, BRACCO Alberta, ZULBERTI Bibiana, BUSSI Isabella
CFU1
Ore di lezione14
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/49 - SCIENZE TECNICHE DIETETICHE APPLICATE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Sedi e/o partizioni
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoLaboratori professionali 2
CodiceMS0412
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoGALLIONE Chiara
DocentiFREGGIARO Enrica, ZAVATTARO Irene, BRUMANA Susanna
CFU1
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoF - Stage e altre attività formative
Anno2
PeriodoAnnuale
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Sedi e/o partizioni
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoTirocinio II anno
CodiceMS0118
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
CFU19
Ore di studio individuale38
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno2
PeriodoAnnuale
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoitaliano
ContenutiIl programma di tirocinio si articola in 2/3 stages presso strutture di degenza e territoriali.
Testi di riferimentoTesti di riferimento : Bibliografia obbligatoria - L. Saiani - A. Brugnolli. Trattato di cure infermieristiche. Editore Edizioni Sorbona di Idelson Gnocchi, 2010. - L. J. Carpenito-Moyet: Diagnosi Infermieristiche. Applicazione alla pratica clinica, V^ edizione, CEA Milano 2010, - CDC; linee guida per la prevenzione delle infezioni da catetere intravascolari, 2011; traduzione a cura del GAVeCeLT; scaricabile dal sito: www.gavecelt.info - Bibliografia di riferimento indicata negli insegnamenti di infermieristica dei corsi integrati II anno. Bibliografia di approfondimento: - Brunner Suddarth: Infermieristica medico-chirurgica. I e II volume, IV^ edizione, CEA Milano, 2010 - G.Leddone, S. Tolomeo; Calcoli e dosaggi farmacologici: la responsabilità degli infermieri. CEA Milano 2009.
Obiettivi formativiLo studente a conclusione del II anno di corso deve essere in grado di: - identificare i bisogni di salute e di assistenza infermieristica della persona, della famiglia e della collettività, formulare ed attuare i relativi piani assistenziali negli ambiti internistico, oncologico, chirurgico generale, chirurgico specialistico, geriatrico-riabilitativo e palliativo utilizzando la cartella infermieristica didattica unica. Obiettivi specifici: - implementare la fase di accertamento mirato; - identificare i problemi infermieristici e collaborativi della persona assistita; - pianificare i principali interventi mirati effettuati in autonomia e in collaborazione con altre figure professionali; - applicare conoscenze e competenze al fine di assistere la persona in specifici percorsi diagnostico terapeutici sulla base di evidenze scientifiche; - valutare, sulla base degli indicatori di risultato formulati, l’efficacia dell'assistenza infermieristica erogata alla persona assistita, ovvero riformulare il piano assistenziale; - compiere in collaborazione /autonomia percorsi di ricerca al fine di indirizzare l’assistenza erogata secondo il modello di best practice; - potenziare la competenza relazionale nell’ambito dell’assistenza infermieristica.
PrerequisitiLo studente sarà in grado di applicare conoscenze e competenze al fine di individuare, elencare, definire ed applicare i principali riferimenti normativi, etici/deontologici della professione infermieristica. Lo studente sarà in grado di applicare conoscenze e competenze al fine di gestire: - le lesioni da pressione, diabetiche, vascolari; - le medicazioni chirurgiche semplici, complesse, compressive e bendaggi; - le diverse tipologie di drenaggio; - l’assistenza della persona nel pre-operatorio, intra-operatorio e post-operatorio; - le posture e le tecniche di posizionamento della persona assistita in relazione al quadro clinico; - il monitoraggio idroelettrolitico; - il cateterismo vescicale; - le stomie urinarie ed intestinali; - la tracheostomia; - il sondino naso-gastrico (SNG); - la gastrostomia endoscopica percutanea (PEG) e digiuno-stomie; - l’alimentazione enterale; - le pompe nutrizionali; - le indicazioni dietetiche relative ai principali ambiti clinici; - l’ossigeno terapia; - la farmacoterapia; - i farmaci stupefacenti; - i cateteri venosi; - le pompe infusionali; - gli elastomeri; - l’assistenza a persone affette da patologie neurologiche; - l’assistenza a persone affette da patologie orto/traumatologiche; - l’assistenza alla persona sottoposta a chemioterapia e radioterapia; - l’assistenza alla persona sottoposta a trasfusione di emoderivati; - l’assistenza della persona sottoposta ad indagini diagnostiche (radiologiche, ecografiche, endoscopiche, scintigrafiche, bioptiche); - l’assistenza alla persona sottoposta a paracentesi, rachicentesi, toracentesi, prelievo midollare, biopsia epatica e renale. Lo studente sarà in grado di applicare conoscenze e competenze al fine attuare: - il cateterismo vescicale; - il clistere evacuativo; - clistere con sonda rettale; - estrazione manuale di fecalomi nell'adulto; - l’elettrocardiogramma a 12 derivazioni con riconoscimento delle principali anomalie; - l’applicazione delle calze a scopo antitrombotico; - le tecniche di prevenzione della stasi polmonare; - le aspirazioni di secrezioni oro/naso/faringee e tracheali; - l’emocoltura. Lo studente sarà in grado di applicare conoscenze e competenze al fine di gestire e valutare: - la persona con dolore. Lo studente sarà in grado di conoscere ed interpretare: - i principali esami diagnostici. Lo studente sarà in grado di correlare: - i risultati degli esami strumentali e di laboratorio ai diversi quadri clinici.
Metodi didatticiComputer, aule simulazione, biblioteca
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa prova finale sarà strutturata in due momenti: - una prova scritta a quiz; - una prova orale e/o pratica. Per accedere alla prova scritta la media delle valutazioni delle esperienze di tirocinio deve essere uguale o superario a 18/30. Solo se la prova scritta è sufficiente lo Studente può accedere alla prova orale/pratica. Il voto finale è il risultato della media tra: - media dei voti di tirocinio; - prova scritta - prova orale/pratica. Tutte le prove devono avere un giudizio positivo. Per la sede di Biella il voto dell’esame di tirocinio sarà determinato da: - 60% valutazioni formative di tirocinio (nuova scheda di valutazione) - 40% prova finale. Per la sede di Alessandria la prova finale sarà strutturata in 2 momenti: - un colloquio (che verterà sugli obiettivi di apprendimento pianificati e i livelli di performance raggiunti durante i due stages svolti) - una prova pratica/simulativa Tutti gli studenti che hanno frequentato il monte orario di tirocinio previsto dal piano didattico potranno accedere alla prova finale. Il voto finale è il risultato della media tra il colloquio e la prova pratica.
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoUlteriori attività formative II anno
CodiceMS0414
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2015/2016
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoCOLANGELO Donato
DocentiCOLANGELO Donato
CFU1
Ore di studio individuale16
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoF - Stage e altre attività formative
Anno2
PeriodoAnnuale
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoItaliano
ContenutiLo studio delle principali classi di farmaci sarà condotto per apparato e per patologia evidenziando le caratteristiche peculiari e le modalità di utilizzo clinico di ogni classe.
Testi di riferimento- Farmacologia generale e speciale per lauree sanitarie (Cella, Di Giulio, Gorio, Scaglione), Piccin, 2010. - Fondamenti di Farmacologia per Infermieri (Clayton, Stock; a cura di Preziosi). EdiSes, 2007. - Compendio di farmacologia generale e speciale (M. Amico-Roxas, AP. Caputi, M. Del Tacca), UTET, 2005. - Farmacologia: principi di base e applicazioni terapeutiche, a cura di F. Rossi, V. Cuomo, C. Riccardi, Edizioni Minerva Medica
Obiettivi formativiIl modulo di Farmacologia Clinica, inserito nel relativo Corso Integrato, ha come obiettivo principale quello di consentire l’apprendimento dei principali gruppi di farmaci, del rapporto tra effetti desiderati ed indesiderati e gli eventuali effetti nocivi (acuti e cronici). Lo studente dovrà inoltre acquisire la convinzione che una corretta terapia farmacologica è soggetta a costante revisione critica, sia per l’introduzione in terapia di nuovi farmaci che per l’evidenziarsi di eventuali nuovi effetti indesiderati.
PrerequisitiLo studente deve essere in possesso delle indispensabili nozioni di Anatomia, Fisiologia, Biochimica, Patologia Generale e Fisiopatologia.
Metodi didatticiPresentazioni in formato Power Point a cura del docente, CD-ROM interattivi, siti Internet didattici. Le presentazioni sono a disposizione degli studenti sul sito a partire dall’inizio del Corso.
Altre informazioniIl docente riceve solitamente il martedì dalle 14 alle 18. E' gradito appuntamento via mail.
Modalità di verifica dell'apprendimentoLa verifica delle conoscenze acquisite con questa UAF è fatta insieme all'esame finale del corso di Farmacologia. Quindi, la verifica sarà fatta attraverso un esame scritto a risposta multipla in cui verrà valutata la capacità di decisione, di ragionamento diagnostico e di valutazione delle competenze acquisite durante l’intero corso integrato di inf.ca clinica medica. I quesiti vengono costruiti partendo da una vignetta clinico-assistenziale.
Programma estesoI farmaci di una singola classe saranno valutati comparativamente, con particolare attenzione alle caratteristiche farmacocinetiche di ognuno. • Farmaci anti-infiammatori (cortisonici, FANS, inibitori selettivi delle COX-2), antiallergici e farmaci per le malattie autoimmuni. • Farmaci oppioidi e principi di terapia del dolore • Farmaci anestetici locale e generali • Principali gruppi di chemioterapici antibatterici.
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoADO III ANNO
CodiceMS0410
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2014/2015
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
CFU3
Ore di studio individuale54
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoD - A scelta dallo studente
Anno3
PeriodoAnnuale
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneVoto finale
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoInfermieristica in emergenza/urgenza
CodiceMS0375
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2014/2015
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoCAPUZZI Fabio
DocentiTESSARIN Iginio, CAPUZZI Fabio, BRUNO Emiliano, PAVANI Moreno, DI DIO Angelo, CIBIN Cristina, CASTELLO Luigi Mario, INGRAO Calogero, LEIGHEB Massimiliano, DE ROBERTO Salvatore, COLZANI Giulia, TITOLO Paolo, ARTIACO Stefano, DELLA CORTE Francesco
CFU8
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno3
PeriodoPrimo Semestre
Tipo di valutazioneVoto finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
MS0330 Infermieristica in emergenza-urgenza e terapia intensiva MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE TESSARIN Iginio, CAPUZZI Fabio, BRUNO Emiliano, PAVANI Moreno, DI DIO Angelo, CIBIN Cristina
MS0337 Medicina d’Urgenza MED/09 - MEDICINA INTERNA CASTELLO Luigi Mario
MC056 ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA MED/33 - MALATTIE APPARATO LOCOMOTORE INGRAO Calogero, LEIGHEB Massimiliano, DE ROBERTO Salvatore, COLZANI Giulia, TITOLO Paolo, ARTIACO Stefano
MS0355 Rianimazione MED/41 - ANESTESIOLOGIA DELLA CORTE Francesco
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoInfermieristica in emergenza-urgenza e terapia intensiva
CodiceMS0330
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2014/2015
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiTESSARIN Iginio, CAPUZZI Fabio, BRUNO Emiliano, PAVANI Moreno, DI DIO Angelo, CIBIN Cristina
CFU3
Ore di lezione36
Ore di studio individuale54
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno3
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Sedi e/o partizioni
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoMedicina d’Urgenza
CodiceMS0337
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2014/2015
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiCASTELLO Luigi Mario
CFU2
Ore di lezione24
Ore di studio individuale36
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/09 - MEDICINA INTERNA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno3
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA
CodiceMC056
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2014/2015
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiINGRAO Calogero, LEIGHEB Massimiliano, DE ROBERTO Salvatore, COLZANI Giulia, TITOLO Paolo, ARTIACO Stefano
CFU1
Ore di lezione16
Ore di studio individuale14
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/33 - MALATTIE APPARATO LOCOMOTORE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoC - Affine o integrativo
Anno3
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Sedi e/o partizioni
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoRianimazione
CodiceMS0355
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2014/2015
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiDELLA CORTE Francesco
CFU2
Ore di lezione24
Ore di studio individuale36
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/41 - ANESTESIOLOGIA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoA - Base
Anno3
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoInfermieristica materno-infantile
CodiceMS0376
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2014/2015
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoGROSSI Luigina
DocentiMARELLO Edi Angela, TURCHETTI Alessandra, CASETTA Patrizia, BEGGIATO Emanuela, MASCOLO Maria Rosaria, FINALE Enrico, MAZZOLA Simona, BLANDA Andrea, ARDIZZOIA Mario, GALLINA Davide, PAULLI Eleonora, MOCCA Gabriella, GROSSI Luigina, DI MAIO Pasquale, FANTON Monica, GUARDIONE Roberta, LAUDANDO Franca, MAIURI Luigi
CFU4
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno3
PeriodoPrimo Semestre
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
MS0297 Assistenza ostetrica MED/47 - SCIENZE INFERMIERISTICHE OSTETRICO-GINECOLOGICHE MARELLO Edi Angela, TURCHETTI Alessandra, CASETTA Patrizia, BEGGIATO Emanuela, MASCOLO Maria Rosaria, FINALE Enrico
MS0074 Ginecologia e ostetricia MED/40 - GINECOLOGIA E OSTETRICIA MAZZOLA Simona, BLANDA Andrea, ARDIZZOIA Mario, GALLINA Davide, PAULLI Eleonora
MS0332 Infermieristica pediatrica MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE MOCCA Gabriella, GROSSI Luigina, DI MAIO Pasquale, FANTON Monica, GUARDIONE Roberta, LAUDANDO Franca
MC107 PEDIATRIA MED/38 - PEDIATRIA GENERALE E SPECIALISTICA MAIURI Luigi
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoAssistenza ostetrica
CodiceMS0297
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2014/2015
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiMARELLO Edi Angela, TURCHETTI Alessandra, CASETTA Patrizia, BEGGIATO Emanuela, MASCOLO Maria Rosaria, FINALE Enrico
CFU1
Ore di lezione14
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/47 - SCIENZE INFERMIERISTICHE OSTETRICO-GINECOLOGICHE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno3
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Sedi e/o partizioni
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoGinecologia e ostetricia
CodiceMS0074
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2014/2015
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiMAZZOLA Simona, BLANDA Andrea, ARDIZZOIA Mario, GALLINA Davide, PAULLI Eleonora
CFU1
Ore di lezione14
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/40 - GINECOLOGIA E OSTETRICIA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoA - Base
Anno3
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Sedi e/o partizioni
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoInfermieristica pediatrica
CodiceMS0332
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2014/2015
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiMOCCA Gabriella, GROSSI Luigina, DI MAIO Pasquale, FANTON Monica, GUARDIONE Roberta, LAUDANDO Franca
CFU1
Ore di lezione12
Ore di studio individuale18
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno3
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Sedi e/o partizioni
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoPEDIATRIA
CodiceMC107
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2014/2015
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiMAIURI Luigi
CFU1
Ore di lezione14
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/38 - PEDIATRIA GENERALE E SPECIALISTICA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoA - Base
Anno3
PeriodoPrimo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoInfermieristica nella salute mentale, famiglia e comunità
CodiceMS0377
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2014/2015
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoAGOSTO Rita
DocentiGIORCELLI Laura Maria, DE MEDICI Marina, GRIGOLO Sabrina, BARDONE Lorenzo, BADAGLIACCA Rosa, QUARTAGNO Mariantonietta, COSTA Daniela, BERGAMASCO Paola, AGOSTO Rita, COMPAGNONE Michele, BERTAGGIA Massimo, BRUMANA Susanna, D'ADDURNO Antonietta, ZEPPEGNO Patrizia, DESTRO Anna Maria
CFU6
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno3
PeriodoSecondo Semestre
SedeNOVARA
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
MS0280 Infermieristica di comunità ed educazione terapeutica MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE GIORCELLI Laura Maria, DE MEDICI Marina, GRIGOLO Sabrina, BARDONE Lorenzo, BADAGLIACCA Rosa, QUARTAGNO Mariantonietta
MS0331 Infermieristica in salute mentale e psichiatrica MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE COSTA Daniela, BERGAMASCO Paola, AGOSTO Rita, COMPAGNONE Michele, BERTAGGIA Massimo, BRUMANA Susanna
MS0098 Pedagogia generale M-PED/01 - PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE D'ADDURNO Antonietta
MS0097 Psichiatria MED/25 - PSCHIATRIA ZEPPEGNO Patrizia
MS0361 Sociologia generale SPS/07 - SOCIOLOGIA GENERALE DESTRO Anna Maria
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoInfermieristica di comunità ed educazione terapeutica
CodiceMS0280
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2014/2015
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiGIORCELLI Laura Maria, DE MEDICI Marina, GRIGOLO Sabrina, BARDONE Lorenzo, BADAGLIACCA Rosa, QUARTAGNO Mariantonietta
CFU2
Ore di lezione24
Ore di studio individuale36
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno3
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Sedi e/o partizioni
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoInfermieristica in salute mentale e psichiatrica
CodiceMS0331
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2014/2015
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiCOSTA Daniela, BERGAMASCO Paola, AGOSTO Rita, COMPAGNONE Michele, BERTAGGIA Massimo, BRUMANA Susanna
CFU1
Ore di lezione14
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno3
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Sedi e/o partizioni
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoPedagogia generale
CodiceMS0098
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2014/2015
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiD'ADDURNO Antonietta
CFU1
Ore di lezione14
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)M-PED/01 - PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno3
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiVerranno discussi: Elementi di pedagogia di base e principali approcci teorici contemporanei Approcci e metodi di apprendimento in età adulta Elementi di base e agenti terapeutici che caratterizzano la relazione d’aiuto e terapeutica Modelli psicopedagogici e approcci metodologici applicati all’educazione terapeutica e alla psicoeducazione Approcci teorici e strategie di progettazione in ambito educativo Metodi e strumenti utili alla costruzione e alla valutazione di progetti educativi riferiti a contesti diversi
Testi di riferimentoGiorgio Chiosso. I SIGNIFICATI DELL’EDUCAZIONE. Teorie pedagogiche e della formazione contemporanee (capitolo 2). Edizione Mondadori, 2009. Piergiorgio Reggio. L’ESPERIENZA CHE EDUCA. Strategie d'intervento con gli adulti nel sociale (cap. 2 -3 - 5). Edizioni Unicopli, 2003. J.- F. D’ Ivernois et R. Gagnayre. EDUQUER LE PATIENT. Approche pedagogique (cap. 2 - 3). Edition Maloine, 2013. G.B. Cassano, P. Pancheri. Trattato italiano di psichiatria "TRATTAMENTI PSICOSOCIALI FAMILIARI" (CAP. 115). Masson 2002.
Obiettivi formativiConoscenza degli elementi di base della pedagogia e principali approcci teorici contemporanei Conoscenza di modelli, metodi e tecniche pedagogiche centrate sull’apprendimento in età adulta Conoscenza degli elementi di base e degli agenti terapeutici che caratterizzano la relazione di aiuto e terapeutica Conoscenza di modelli, metodi e tecniche psicopedagogiche applicati all’educazione terapeutica e alla psicoeducazione Conoscenza di strumenti concettuali e logico-operativi per progettare e valutare interventi educativi in base alla specificità del contesto.
PrerequisitiNON PREVISTI L’insegnamento contribuisce a fare conseguire agli studenti i seguenti risultati (secondo i descrittori di Dublino) Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding) Possedere la conoscenze degli elementi di base della pedagogia e comprendere il razionale dei principali approcci teorici riferiti in particolare all’apprendimento in ètà adulta Conoscere e comprendere gli elementi di base e gli agenti terapeutici che caratterizzano la relazione d’aiuto e terapeutica Conoscere e comprendere i principali modelli psicopedagogici applicati all’educazione terapeutica e alla psicoeducazione Identificare gli strumenti concettuali e logico-operativi utili a progettare e valutare interventi educativi in base alla specificità del contesto Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding) La capacità di generalizzare e applicare le conoscenze acquisite in base alla specificità del contesto Autonomia di giudizio (making judgements) La capacità di formulare un problema educativo e di proporre idee e soluzioni Abilità comunicative (communication skills) Utilizzare modalità di comunicazione utili a costruire una relazione di aiuto/terapeutica nei confronti di utenti e familiari Veicolare in modo chiaro e compiuto interventi educativi rivolti a singoli utenti e a le loro famiglie Capacità di apprendimento (learning skills) Acquisire un metodo di studio, la capacità di approfondire le proprie conoscenze, di lavorare in gruppo e operare con definiti gradi di autonomia
Metodi didatticiL'acquisizione delle capacità di applicazione delle conoscenze apprese avviene tramite la partecipazione attiva alle lezioni frontali, la discussione e l’utilizzo di strumenti: slide, testi e capitoli di libri proposti per le specifiche aree tematiche, narrazioni e attività in piccolo gruppo
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame si basa su prova scritta con domande a risposta multipla su argomenti del programma trattato.
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoPsichiatria
CodiceMS0097
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2014/2015
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiZEPPEGNO Patrizia
CFU1
Ore di lezione14
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/25 - PSCHIATRIA
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno3
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoSociologia generale
CodiceMS0361
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2014/2015
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiDESTRO Anna Maria
CFU1
Ore di lezione14
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)SPS/07 - SOCIOLOGIA GENERALE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno3
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoOrganizzazione e gestione dei processi assistenziali
CodiceMS0390
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2014/2015
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoMONTANI Doriana
DocentiNEBIOLO Patrizia, VAJO Francesca, CANE Franco, POGGIO Diego, FOCATI PISANI Maria Elisena, TRIMARCHI Antonino, MONTANI Doriana, DECLAME Valter, GAMBARINI Lorella, MASTRANTUONO Donato, SERVETTO Claudia, CROSO Antonella, GIORCELLI Laura Maria, MAGLITTO Liliana
CFU6
Tipo di insegnamentoAttività formativa integrata
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Anno3
PeriodoSecondo Semestre
SedeNOVARA
Tipo di valutazioneVoto finale
Moduli
Codice Insegnamento Settore Scientifico Disciplinare (SSD) Docenti
MS0316 Economia ed Organizzazione aziendale in ambito sanitario SECS-P/07 - ECONOMIA AZIENDALE NEBIOLO Patrizia, VAJO Francesca, CANE Franco, POGGIO Diego, FOCATI PISANI Maria Elisena, TRIMARCHI Antonino
MS0318 Etica e Bioetica MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE MONTANI Doriana
MC094 MEDICINA LEGALE MED/43 - MEDICINA LEGALE DECLAME Valter
MS0354 Regolamento e legislazione delle Professioni Sanitarie MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE GAMBARINI Lorella, MASTRANTUONO Donato, SERVETTO Claudia, CROSO Antonella, GIORCELLI Laura Maria, MAGLITTO Liliana
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoEconomia ed Organizzazione aziendale in ambito sanitario
CodiceMS0316
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2014/2015
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiNEBIOLO Patrizia, VAJO Francesca, CANE Franco, POGGIO Diego, FOCATI PISANI Maria Elisena, TRIMARCHI Antonino
CFU1
Ore di lezione14
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)SECS-P/07 - ECONOMIA AZIENDALE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno3
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Sedi e/o partizioni
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoEtica e Bioetica
CodiceMS0318
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2014/2015
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
Responsabile didatticoMONTANI Doriana
DocentiMONTANI Doriana
CFU2
Ore di lezione24
Ore di studio individuale36
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno3
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Lingua di insegnamentoITALIANO
ContenutiLo studente amplierà le conoscenze in merito all'etica e alla bioetica. Si confronterà con temi e situazioni con risvolto etico, che possono interessare lo sviluppo professionale del futuro infermiere
Testi di riferimentoRoberta Sala“Etica e bioetica per l’infermiere” Carocci e Faber 2003 IPASVI, “Commentario del Codice Deontologico 2009”
Obiettivi formativiIl modulo ha l’obiettivo di far apprendere i presupposti teorici per una riflessione etica, argomentare le scelte etiche sui temi di inizio e fine vita, etica della cura.
PrerequisitiLo studente deve conoscere il Codice Deontologico dell'Infermiere Anno 2009.
Metodi didatticiPresentazione in Power Point Presentazione di casi e situazioni con implicazioni etiche Visione di filmati
Modalità di verifica dell'apprendimentoL’esame consisterà in una prova scritta con 24 domande a scelta multipla sugli argomenti oggetto del programma
Programma esteso1. Principi di etica e bioetica; 2. Problematiche bioetiche di inizio vita: test predittivi, legge 40, obiezione, nati pre-termine 3. Le cellule staminali; 4. La sperimentazione umana e animale; 5. Il consenso informato 6. La contenzione 7. Fine vita: accanimento terapeutico, testamento biologico, eutanasia; 8. I comitati etici
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoMEDICINA LEGALE
CodiceMC094
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2014/2015
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiDECLAME Valter
CFU2
Ore di lezione24
Ore di studio individuale36
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/43 - MEDICINA LEGALE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno3
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Chiudi scheda insegnamento
Mostra scheda insegnamento padre
Stampa
InsegnamentoRegolamento e legislazione delle Professioni Sanitarie
CodiceMS0354
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2014/2015
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
DocentiGAMBARINI Lorella, MASTRANTUONO Donato, SERVETTO Claudia, CROSO Antonella, GIORCELLI Laura Maria, MAGLITTO Liliana
CFU1
Ore di lezione14
Ore di studio individuale16
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE
Tipo di insegnamentoModulo di sola Frequenza
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno3
PeriodoSecondo Semestre
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Sedi e/o partizioni
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoPROVA FINALE
CodiceMS0144
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2014/2015
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
CFU6
Ore di studio individuale180
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoE - Prova finale e lingua straniera
Anno3
PeriodoAnnuale
SedeNOVARA
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneVoto finale
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoTirocinio III anno
CodiceMS0119
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2014/2015
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
CFU25
Ore di studio individuale50
Settore Scientifico Disciplinare (SSD)MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoB - Caratterizzante
Anno3
PeriodoAnnuale
SedeNOVARA
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneVoto finale
Chiudi scheda insegnamento
Stampa
InsegnamentoUlteriori attività formative III anno
CodiceMS0415
Anno Accademico2016/2017
Anno regolamento2014/2015
Corso di studio1843 - Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)
CurriculumCORSO GENERICO
CFU2
Ore di lezione28
Ore di studio individuale32
Tipo di insegnamentoAttività formativa monodisciplinare
Fruizione insegnamentoInsegnamento obbligatorio
Categoria insegnamentoF - Stage e altre attività formative
Anno3
PeriodoAnnuale
Frequenza obbligatoriaSi
Tipo di valutazioneGiudizio finale
Chiudi scheda insegnamento
Dati aggiornati al: 19/12/2017, 19:08